Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com - Uno stile senza tempo - Juventus forum

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi. La registrazione è assolutamente gratuita e vi consente di:
  • Aprire nuove discussioni e rispondere alle discussioni degli altri utenti
  • Partecipare ai nostri concorsi a premi, come il Fantacalcio che ogni anno mette in palio la maglia da gara ufficiale della Juventus e tanti altri premi e altri concorsi come Caccia al goal e Pronostici con altri premi in palio.
  • Visualizzare le sezioni video riservate ai soli iscritti, piene di filmati storici e recenti sulla nostra Juventus

 Foto

quandovuoi

Iscritto dal 20 May 2013
Non connesso Ultima visita 20 Sep 2017 15:36
*----

Messaggi che ho scritto

Nella discussione: VIDEO Conferenza Allegri pre Fiorentina: "Gioca Szczesny, l'...

20 September 2017 - 15:37

Visualizza messaggioVerba volant, 20 September 2017 - 13:14, ha scritto:

Beh oddio, Cuadrado non è che può giocare come Robben sefz

Cuadrado mi piace, ma accostarlo al mio amoruccio è un "sacrileeeeeeegiooooooo" (cit.) .diablo

Nella discussione: VIDEO Conferenza Allegri pre Fiorentina: "Gioca Szczesny, l'...

19 September 2017 - 22:20

sturaro terzino....vorrei strapparmi gli occhi....ma cosa si è fumato marotta quando decise di prenderlo a 11 .doh ?

Nella discussione: Repubblica: "Metamorfosi Juve: segna e rischia di più. Ha concesso 10 tiri più dell’anno scorso, sta diventando zemaniana. Allegri non gradisce"

19 September 2017 - 22:18

io non mi preoccuperei. Semplicemente occorre del tempo per trovare dei nuovi assetti in assenza di bonucci e con la presenza di più attaccanti. Comunque almeno nelle partite più impegnative anzichè un 4-2-3-1 sarebbe più saggio adottare un 4-3-3, a patto che non diventi 6-3-1 alle prime difficoltà e che i giocatori non inizino a camminare in campo dopo neppure 30 minuti dal calcio di inizio.

Nella discussione: Crosetti: "La distanza tra testa e coda più ampia di quella tra campionato e Champions. Si alimentano illusioni quando mettiamo il naso fuori"

18 September 2017 - 14:27

Un tempo c'erano le sette sorelle, quelle che davvero avevano le armi per lottare quasi ad armi pari per davvero per lo scudetto ( non è un caso che lazio e roma ci siano pure riuscite a vincere lo scudo ).
Ed oltre le 7 sorelle, in periodi diversi, c'erano il vicenza di Otero e guidolin che è stato capace di dare spettacolo in coppa delle coppe, l'atalanta che arrivava in finale di coppa italia e lanciava inzaghi, l'udinese che apriva il suo leggendario ciclo tra bierhoff ed amoroso, ed il bari di fascetti con i suoi cassano zambrotta ecc.... Per non parlare del bologna di baggio e signori, del piacenza di wierchowood, del chievo di del neri e del brescia di baggio guardiola pirlo e Mazzoni ( e chi si scorda il gol di baggio su lancio di pirlo proprio contro di noi?). Insomma lo scudetto te lo dovevi sudare ogni domenica, le prime in classifica a fine campionato col cazz.o indorato e fritto che arrivavano a 90-100 punti ( vi ricordate lo scudetto del 96-97 vinto con manco 70 punti? ) ed ogni partita non era MAI banale e scontata, forse solo quella delle ultime 2-3 giornate quando i primi verdetti matematici erano già stati emanati.

Allargando il pappone che sto facendo, la legge Bosman era stata appena approvata per cui in quegli anni non risentivamo certo ancora degli effetti nefasti che ci hanno invece condotto allo sfacelo dei giorni nostri. Le Pay Tv erano ancora agli albori del predominio totale di oggi. Gli sceicchi, i russi ed i cinesi se ne stavano buoni buoni a casa loro a contare cammelli, barili di petrolio e schiavetti vari, Barca e Real non avevano ancora le banche a drogargli i conti in banca ( solo il Real poteva spendere e spandere quanto voleva perchè semplicemente ha sempre avuto tutto lo stato e la monarchia alle spalle ). I tedeschi non avevano ancora iniziato a ricostruire ed il massimo che si potevano permettere era Ballack. Solo il Manchester era veramente temibile in Inghilterra, laddove il Chelsea non esisteva ancora dato che Abramovich, il primo dei ricchi scemi del nuovo corso, stava ancora finendo di imparare a dire "buongiorno" in inglese. In nazionale noi facevamo polemica perchè Del Piero giocava al posto di Baggio o Totti o viceversa e Maldini e soci venivano bollati come difensivisti da tutta Italia perchè con quel popò di attaccanti che avevamo si e no se arrivavamo a giocare con 2 punte vere pure contro l'Austria ai mondiali. Oggi invece stiamo ancora col fiato sospeso su Balotelli ( qui seguono 30-40 minuti di silenzio ).


Passati i 30-40 minuti riprendiamo:

Insomma noi non dovevamo fare altro che scendere in campo e dettar legge. Addirittura la serie A era più entusiasmante della champions league stessa, un po' come lo è la PL oggi.

Varcate le soglie del 2000, è iniziata la recessione calcistica totale in Italia. All'improvviso abbiamo fatto le scoperte dell'acqua calda varie: tipo che gli stadi italiani erano fatiscenti e non di proprietà; i soldi spesi negli ingaggi monstre eccedevano di 3 volte il fatturato in alcuni casi; i vivai erano un lontano ricordo; che era meglio se un tizio si chiamasse pellegrinho anzichè pellegri; che le giornate di campionato giocate dal giovedì al lunedì un po' "stonano"; che con le SNAI BETCLIC CLICEBALLACLE forse abbiamo un po' esagerato; che i procuratori avevano invaso come le zanzare oggi le nostre lande; che Raiola sta al calcio come Kim jong-un alla politica internazionale; che 400 squadre tra serie A e serie B fossero un "tantinello" troppe - anche e soprattutto per lo spettacolo indecente offerto -; che i nostri calciatori passavano 9/10 del loro tempo di allenamento in sala pesi e solo 1/10 in campo col pallone tra i piedi cosicchè i nostri avversari europei correvano per 80 minuti come disperati e noi camminassimo per 80 minuti come bizzoche decrepite che a stento riescono a scendere da casa loro per fare la spesa; che i nostri ragazzini avevano abbandonato gli oratori per iniziare a drogarsi di playstation smartphone whatsapp facebook ecc...; e che quei pochi che si avvicinavano al dorato mondo del pallone anzichè essere spronati a coltivare il loro talento podologico dovevano sorbirsi dei trattati di tattica da parte dei loro allenatori di categoria che manco Sacchi in preda alle sue crisi mistiche; e che quei pochi che avevano la fortuna di uscire dal mondo fatato e iperuranistico delle giovanili ( dove ormai si insegna un calcio del tutto fuori luogo rispetto al resto del pianeta e del tutto disorganico rispetto alla prima squadra ) venivano poi spediti a "farsi le ossa" in 300000000 di squadre e squadrette di serie b c d e f ec...prima di essere poi bollati inevitabilmente come "promesse non mantenute" o come "flop" solo perchè magari al provino un mentecatto avesse fatto osservare come uno di quei ragazzini avesse "la testa troppo grossa"....

Possiamo dire altro? sicuro c'è dell'altro, ma penso che arrivati a questo punto sia mera pedanteria, e soprattutto ritengo che questa merd.a possa anche bastare per oggi. Forse ho perso un po' di vista il topic ma credo che quello che voi stavate giustamente notando non sia altro che la lapalissiana logica matematica conseguenza di un processo iniziato a fine anni '90-inizio 2000 di cui ogni tanto, secondo me, fa bene ricordarne le varie tappe, ed a costo di dire cose scontate trite e ritrite, ma che nonostante lo siano, tali ancora corrispondono alla realtà dei fatti di un periodo della durata di ormai ben 20 anni in cui non abbiamo praticamente mosso un dito.

Ecco perchè leggendo topic come questi mi vien da dire alla fine di questo pappone un bel "'sti cazz.i".

Nella discussione: Se si potessero avere solo tre giocatori stranieri, quali terreste in rosa?

17 September 2017 - 10:31

Questo è un bel topic.

Dybala
Pjanic
Sandro

OT: lo so che tanti mi prenderanno per pazzo, ma potessimo tornare alla vecchia regola all'inizio ne risentiremmo, almeno in Europa. Ma alla lunga, vedremmo dei risultati mooooolto interessanti: io resto dell'idea che il libero mercato estremizzato abbia tagliato le palle al movimento italiano.