Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Search the Community

Showing results for tags 'juventus'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2019-2020
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendars

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Found 641 results

  1. Juventus (4-4-2): Perin; Caceres, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Cancelo, Bentancur, Matuidi, Bernardeschi; Cristiano Ronaldo, Mandzukic.
  2. Dev’essere l’aver sentito parlare di bond (come James), che ieri si sono svegliati anche a Londra, nel quartier generale del Chelsea: avendo fiutato la ricerca di liquidità dei bianconeri - altro modo di dire «rifinanziamento del debito» - i Blues vorrebbero lo sconto per il riscatto di Gonzalo Higuain (foto). Che, secondo gli accordi, potrebbe bissare il prestito pure il prossimo anno (a 18 milioni) o essere riscattato (a 36). Sempre in base a quei parametri di risultati, personali e di squadra, pattuiti tra le società. Sempre che ci riesca, ora il Chelsea punta ai saldi, come sempre si fa nelle trattative. Detto brutalmente, il ragionamento degli inglesi è più o meno questo: vi diamo sui 30 milioni per Higuain, oppure ve lo riprendete. Cosa che, la Juve, non vuole fare. Per ragioni finanziarie ancor prima che sportive. L’obiettivo, in questi mesi, è quello di far quadrare il piano economico del club, anche in vista del prossimo shopping. Anche se il Chief financial officer bianconero, Marco Re, aveva lasciato poco spazio al fantacalcio: niente operazioni di mercato - aveva spiegato, riferendosi all’emissione del bond - l’operazione serve solo a rifinanziare e ristrutturare il debito esistente. Il bond da 175 milioni emesso ieri andrà quindi a impattare solo sul debito del club. «L’obiettivo è quello di dotare la società di nuove risorse finanziare - aveva aggiunto Re - ottimizzando la struttura e la scadenza del debito a un costo conveniente, visto il momento del mercato». Che ha risposto con una racconta da 250 milioni, nonostante le critiche dell’agenzia economica Bloomberg: «Ronaldo non riesce ad attrarre gli investitori obbligazionari alla Juve» Fonte: Corriere di Torino
  3. Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
  4. Seguiamo qui il LIVE del match di andata di Coppa Italia, tra il Tavagnacco e la Juventus Women in diretta su Udinews TV • Formazione ufficiale Juventus Women:
  5. Ciao a tutte!!!! Benvenuta tra noi tifosa appassionata di calcio!!! Questo è il topic per presentarti se sei nuova di queste parti. Scrivi al meno 5-6 righe su di te è il gioco è fatto. Poi sarai aggiunta alla nostra lista nel topic: Le Donne di VecchiaSignora.com . L'universo donna cresce! Vi leggiamo presto! Juvewoman / *29allori* P. S.: Come la sezione Juventus Girls è nuova, vi chiedo a tutte le donne che già sono presenti nella lista di "partecipare con un messaggio di presentazione".
  6. Le serate giuste sono quelle in cui l’istinto viaggia a una velocità superiore rispetto a quella del pallone. Paulo Dybala l’ha capito quando ha visto Cristiano Ronaldo accarezzargli un pallone dopo una manciata di minuti, e ha calciato con la leggerezza di chi sa già come andrà a finire. Ha tirato quasi da fermo, un sinistro all’incrocio che è stato l’antipasto di una partita griffata Dybaldo. Paulo ha segnato e festeggiato con la Siuu Mask, la nuova esultanza lanciata da CR7 contro il Sassuolo: ha fatto il saltello del Siuu ronaldiano mentre la mano destra mimava la Dybala Mask, il suo marchio di fabbrica. I due avevano deciso di scambiarsi le esultanze, Cristiano lo aveva fatto subito al Mapei Stadium, Paulo ha dovuto aspettare una settimana in più. Poi il diez si è goduto il sorbetto al tramonto di una prestazione deliziosa, ovvero il 3-0 di Ronaldo suggellato dalla Siuu Mask del portoghese e dall’abbraccio affettuoso tra i due. PRIMA VOLTA IN COPPIA Cristiano ha segnato la rete numero 21 con la Juventus (la diciannovesima in campionato) con un destro prepotente. Ha voluto giocare e ci teneva a segnare, così subito dopo Allegri gli ha regalato il lungo applauso dello Stadium, risparmiandogli la mezzoretta finale. Un assist e un gol anche in una serata senza abito di gala, ecco perché del bionico non si può fare a meno. Non era mai successo prima che il Dybaldo si esibisse in coppia: il Frosinone è la prima squadra cui hanno fatto centro entrambi. A pochgiorni dalla sfida del Wanda Metropolitano, primo round degli ottavi di Champions League contro il burbero Atletico del Cholo Simeone, sembra un segno del destino. Dybala era a digiuno da oltre due mesi (più di tre in campionato), l’ultima rete l’aveva segnata in Champions, competizione in cui è il miglior realizzatore (5 gol). Cristiano invece in Europa è stranamente fermoauno ma negli ottavi ha una tradizione decisamente favorevole. Paulo ha aggiunto al cammeo dell’1-0 una prestazione di classe e di sostanza. L’avversario non era irresistibile, però Cristiano, Mandzukic, Dybala e Khedira hanno convissuto senza difficoltà. Probabilmente Allegri adesso avrà qualche dubbio in più nello scegliere gli undici di Madrid. UNO SI SBLOCCA, L’ALTRO S’ABBUFFA «Dybala è un nostro patrimonio - aveva detto il vice presidente bianconero Pavel Nedved -. Col Sassuolo non era titolare ma quando è entrato ha fatto veramente bene». Paulo spera di poter dare il suo contributo anche mercoledì. Segnare gli serviva per sbloccarsi, poi ha giocato a tutto campo e con la testa sgombra. «Ha fatto un gran gol - l’ha lodato Allegri - sono contento perché ne aveva bisogno». Ronaldo non ha il problema dell’astinenza, è capocannoniere del campionato, però insegue il gol in ogni partita come se fosse un’ossessione. Dopo mesi di rodaggio, il Dybaldo ha dimostrato di poter essere una coppia vincente. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  7. MANCANO DUE AMMONIZIONI CANCELO RISCHIA, MA È GIALLO A metà del primo tempo Emre Can non tira indietro la mano: tocco ingenuo, inevitabile il giallo. Giusta anche l’ammonizione di Salomon, che fa l’errore capitale di metterla sul fisico con Mandzukic: il croato riesce a scappargli via e la strattonata si traduce in sanzione. Mandzu riceve parecchi falli sparsi: durante un contrasto aereo, Goldaniga allarga il braccio e meriterebbe l’ammonizione. Stesso metro di giudizio sul braccio di Chiellini troppo vicino Ciano: in entrambi i casi Giua sbaglia a non intervenire. Nel secondo tempo Capuano è ammonito perché «stecca» da dietro Mandzu. Lo stesso croato, invece, sfiora il cartellino quando scivola un po’ troppo su Viviani: protesta molto, ma il contatto c’è. Neanche il tempo di entrare e Pjanic subisce una sbracciata sulla testa di Cassata: altro giallo ok. Chi rischia qualcosa di più è, invece, un ingenuo Cancelo: si vendica di un gomito sospetto di Paganini, colpendolo in corsa subito dopo. Niente rosso: Giua estrae solo il giallo. La Gazzetta dello Sport
  8. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Caceres, Spinazzola; Khedira, Emre Can, Bentancur; Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
  9. Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Caceres, Rugani, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
  10. IACOPONI-CACERES: NON È RIGORE, OK VAR Al 21’ il Parma chiede un rigore, ma sbaglia: contrasto aereo tra Gagliolo e Mandzukic, il croato devia il pallone di testa, non con il braccio. Il silent check del Var (Chiffi) conferma la scelta di Giacomelli. Al 28’, giallo esagerato a Scozzarella che respinge il tiro di Spinazzola con il braccio. Al 45’ Giacomelli assegna un rigore alla Juve per una trattenuta di Iacoponi su Caceres che non c’è: Chiffi gli suggerisce di andare al monitor,e umilmente l’arbitro torna sui suoi passi. Nella ripresa, al 14’ ancora Iacoponi protagonista: intercetta il tocco di Bernardeschi con il petto, non con il braccio. Qui Giacomelli sceglie subito bene La Gazzetta dello Sport Riuscire a sbagliare quello che c’è da sbagliare è un’arte. A Giacomelli, fra l’altro, riesce benissimo. Regala un rigore alla Juve (si vedeva live che era stato Caceres a tirare l’avversario), gliene nega uno abbastanza clamoroso (tutta colpa del... palo), dà sempre l’impressione di fischiare dove spira il vento. RIGORI SÌ E NO Cross in area del Parma, Caceres trattiene Iacoponi per il braccio sinistro, poi va a terra. Senza VAR sarebbe stato un errore clamoroso (e Giacomelli sostiene pure la sua tesi con protervia con i difensori del Parma). Lo salva Chiffi al VAR, review che dura un secondo. Non interviene invece sul calcio di Gagliolo su Khedira, netto: il bianconero colpisce il palo e questo fa sì che il pallone possa tornare nella sua disponibilità senza quell’intervento. Mai penalty il tocco di petto (braccia al corpo) di Icoponi. DISCIPLINARE Va bene a Barillà: l’intervento su Khedira è brutto, piede a martello, per fortuna (di tutti) basso. Inventato il giallo a Scozzarella: pallone sul fianco, non era neanche punizione. Il Corriere dello Sport
  11. Juventus (4-3-3): Perin; Cancelo, Rugani, Caceres, Spinazzola; Khedira, Pjanic, Bernardeschi; Douglas Costa, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
  12. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Chiellini, Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Dybala, Cristiano Ronaldo.
  13. DUBBI SUL MANI DI WALLACE RIGORE OK: LULIC TRATTIENE ● Al 36’ controllo scomposto nella sua area di Wallace, che in scivolata intercetta il pallone prima con la gamba e poi con il braccio molto largo. Un gesto che in gergo si definisce «negligente». Guida valuta la chiara involontarietà ma non l’eventuale colposità: resta più di qualche dubbio (del resto per episodi simili in più di un’occasione si è ricorso alla review). Nella ripresa, al 4’ scintille per una manata di Lucas Leiva a Matuidi, che reagisce: Guida fa bene ad ammonire entrambi. Al 30’ pareggio della Juventus: azione sulla sinistra di Bernardeschi che mette la palla in area per il tiro di Dybala respinto da Strakosha proprio sui piedi di Cancelo. Nell’occasione qualche dubbio su una posizione di fuorigioco di Ronaldo, che comunque non interferisce. Al 42’ non sfugge a Guida la trattenuta di Lulic su Cancelo prima ancora che arrivi in area il tiro cross di Bernardeschi (in posizione regolare). Giusto assegnare il rigore, poteva starci anche l’ammonizione di Lulic. La Gazzetta dello Sport CdS: Trattenuta più contatto sulla gamba: è rigore Partita più che buona per Guida, aiutato dall’assistente Carbone (perché se pensiamo ad un suggerimento VAR fuori protocollo nell’attesa fra il fallo e il fischio....) nell’episodio che ha deciso la partita. RIGORE Partiamo dalla fine, allora: prima ancora che Bernardeschi tiri (o suggerisca dentro), Lulic aggancia il braccio destro di Cancelo e lo trattiene. C’è, anche un contatto basso, con la gamba sinistra del giocatore della Lazio che tocca il destro dell’avversario, che finisce per autosgambettarsi. Guida non fischia subito, passano dieci lunghissimi secondi, poi l’arbitro indica il dischetto e non va a rivedere le immagini, il che induce a pensare che sia stato l’assistente numero uno, Carbone, a segnalarglielo. NO RIGORE Doppio episodio nel primo tempo: piccole proteste per un sospetto tocco di braccio destro di Bastos (ma sembra controlli prima colpetto, comunque fuori area) e subito dopo di Wallace (ma in scivolata sta allontanando il pallone e si calcia sul braccio che è a terra dopo la caduta). DISCIPLINARE Equilibrato da un punto di vista disciplinare: 7 gialli, 4 doppi, buon vantaggio su quello a Milinkovic. Il Corriere dello Sport
  14. Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Can, Matuidi; Douglas Costa, Dybala, Cristiano Ronaldo.
  15. JUVENTUS (4-3-3): Perin; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Khedira, Emre Can, Matuidi; Bernardeschi, Dybala, Cristiano Ronaldo
  16. CR7 REGOLARE CAN SU CONTI: UN’ENTRATA MOLTO DUBBIA, PERCHÉ BANTI NON LA RIVEDE? Al 33’ del primo tempo, frettoloso (e dubbio) lo sbandieramento su Cutrone lanciato in porta sulla sinistra, Alex Sandro al centro del campo sembra tenerlo in linea: il primo assistente Preti avrebbe dovuto aspettare la fine dell’azione per avere l’opzione Var. Al 44’, brutto intervento di Pjanic a gambe unite su Calhanoglu, solo giallo. Stessa cosa per Castillejo nel recupero, vittima Matuidi. Nella ripresa, al 9’ Ronaldo invoca un calcio di rigore per un fallo di mani di Zapata che smorza un suo cross, ma il braccio è quasi aderente al corpo. Al 16’, è buono il gol del vantaggio di Ronaldo, in linea con Rodriguez. Al 23’ invece viene (giustamente) annullato per fuorigioco il raddoppio di Dybala. Espulso al 27’ Kessie per un pestone a Emre Can: giallo trasformato in rosso da Guida alla Var. Pochi secondi prima, Banti non estrae il giallo per un intervento duro di Matuidi su Calabria. Al 41’, l’entrata in scivolata di Emre Can su Conti in area bianconera è molto sospetta: il tedesco sembra non toccare la palla e Banti lascia correre. Sarebbe stato opportuno almeno andare al monitor. La Gazzetta dello Sport Avrebbe meritato un congedo diverso, alla... Banti. Perché l’errore più grave (a parte Emre Can-Conti, decisivo sul risultato) è stato quello di non essere stato Luca Banti, il nostro arbitro più inglese: 28 falli (di solito ne fischia una quindicina), 7 ammoniti (un’enormità per lui, anche rapportati alla partita) e un espulso (al VAR). Chissà cosa dirà Rizzoli, visto in versione Lawrence d’Arabia con tanto di turbante (?) stile vacanza saudita. RIGORE Ci stava il rigore quasi allo scadere per un’entrata (precedente alla leggera tirata di maglia a parti invertite) di Emre Can su Conti: il giocatore bianconero è molto imprudente, non tocca mai il pallone, braccio destro sulle spalle dell’avversario. La colpa, Banti, la divida pure con il VAR Guida: il fatto che sia una valutazione dell’arbitro centrale, non lo esime dall’intervenire. Fra l’altro, poteva invitarlo a rivedere le immagini. Anche per una questione di... furbizia. NO RIGORE Tocco di Ronaldo, pallone sul braccio sinistro di Zapata: non è rigore (lo si faccia vedere per fissare i punti fermi), il braccio è parallelo al tronco, è in posizione congrua con l’azione. Corretto il rosso a Kessie: l’intervento è col piede a martello (anche se non affonda), pallone già molto lontano, qui Banti avrebbe dovuto vederlo da solo. Per fortuna che c’è il VAR. Corriere dello Sport
  17. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Dybala, Cristiano Ronaldo.
  18. Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani, Spinazzola; Can, Bentancur, Matuidi; Dybala, Kean, Cristiano Ronaldo.
  19. Anastasi65

    La Juventus è l'anti-Napoli

    "La Juventus è l’anti-Napoli". L' articolo di Mimmo Carratelli ( Corriere dello Sport del 28.09.2018), titolava appunto così, provocatorio, ma non troppo se visto dal punto di vista dei tifosi napoletani. Questà incredibile rivalità sportiva tra Juventus e Napoli è fomentata dai giornali, testate web e dalle radio napoletane negli ultimi anni. Chiariello, Alvino, Auriemma, Del Genio sono i paladini di questa crociata, insieme a Pistocchi e un manipolo di altri prodi. Io sinceramente non la sento per nulla. Cosa ha a che spartire la Juventus col Napoli una società che vince mediamente: 1 Scudetto ogni 45 anni 1 Coppa italia ogni 18 anni 1 Trofeo europeo (Coppa Uefa) ogni 90 anni e 2 Supercoppe Italiane omaggio con i buoni pasto, di cui una vinta di c...o ai rigori con noi. Non abbiamo mai lottato punto a punto con loro per lo Scudetto: non sono mai arrivati a distanza di sorpasso all'ultima giornata, non hanno mai vinto uno scudetto dove noi eravamo i principali antagonisti. Voglio dire, capisco la rivalità con la Fiorentina, la Roma , il Torino, il Milan, l' Inter...ma anche il Parma ... però il Napoli cosa diavolo c'entra? Per me nulla, sportivamente hanno una storia mediocre, la Pro Vercelli ha 7 scudetti tanto per dire, infrastrutture societarie e stadio da terzo ma anche da quarto o quinto mondo pure sesto và non economizziamo. Come simpatia tra tifosi e presidente credo siano tra i meno sopportati in Italia...anche la Juve non è amata potrrebbero replicare, ma la Juve non è amata perchè VINCE signori miei perchè VINCE dal 1905, in modo continuativo. Veniamo ai cori. Chi di voi è stato mai ad assistere ad un Napoli Juventus al S.Paolo? Io sì e ho sentito benissimo i cori su tragedie accadute e sperate. Però nessuno si scandalizza, sembra tutto normale, come normale è l'assalto al nostro pullman, come normale è il comportamento dei loro ultras fuori da S.Siro, mi sarebbe piaciuto che la morte di un uomo fuori dallo stadio fosse stata condannata dalla Federazione quanto i Buu, sicuramente da condannare, ma se permettete una vita umana ha infinitamente più valore. Io non li sento rivali, li sento solo come un fastidio, tipo zanzara, tanto alla fine la schiacci ma nel mentre rompe le scatole. Non so voi che ne pensate.
  20. Anche quest'anno, il nono, il Pallone d'Oro Bianconero per l'anno 2018 lo daremo virtualmente noi di vecchiasignora.com Ecco i giocatori in lizza, che hanno raggiunto un minimo di presenze/minutaggio nell'anno solare 2018: Alex Sandro Barzagli Benatia Bentancur Bernardeschi Bonucci Buffon Cancelo Chiellini Cuadrado De Sciglio Douglas Costa Dybala Emre Can Higuain Khedira Lichtsteiner Mandzukic Matuidi Pjanic C. Ronaldo Rugani Szczesny
  21. Allora, direi che siamo tutti d'accordo sul fatto che i numeri della Juventus fino a questo punto della stagione sono a dir poco impressionanti 17 vittorie, 2 pari e 0 sconfitte in campionato, 4 vittorie e 2 sconfitte in champions per un totale di 21 vittorie, 2 pari e 2 perse, con 45 gol fatti e 15 gol subiti A me piace un sacco spulciare le varie statistiche riguardo a partite, tiri, punteggi, andamenti, gol ecc. ecc. e c'era un dato che mi è saltato all'occhio in questa stagione: Praticamente, in 5 partite su 25, quindi un discreto 20%, la Juventus è riuscita ad andare in vantaggio entro 3 minuti di gioco, questo denota partenze spesso e volentieri aggressive volte a indirizzare subito la partita in un certo modo Ma la cosa da notare è che in tutte e 5 le occasioni l'avversaria di turno è poi giunta al pareggio entro la fine del primo tempo, poi le partite sono state vinte in 4 occasioni e pareggiata in una, le partite sono le seguenti: Chievo-Juventus, in vantaggio con Khedira al 3 minuto, poi pareggiato al 38, partita vinta 3-2 Parma-Juventus, in vantaggio con Mandzukic al 2 minuto, poi pareggiato al 33, partita vinta 2-1 Juventus-Cagliari, in vantaggio con Dybala al 1 minuto, poi pareggiato al 36, partita vinta 3-1 Atalanta-Juventus, in vantaggio con autogol al 2 minuto, poi pareggiato al 24, partita pareggiata 2-2 Juventus-Sampdoria, in vantaggio con Ronaldo al 2 minuto, poi pareggiato al 33, partita vinta 2-1 In media passano circa 30-31 minuti tra il vantaggio e il successivo pareggio La mia teoria è che un vantaggio così prematuro porti inconsciamente i ragazzi ad allentare la tensione, con la convinzione che la partita sia ormai chiusa Voi cosa ne pensate? so benissimo che può voler dire assolutamente niente, ma è un dato che mi è saltato all'occhio e avevo voglia di discuterne con voi, dite la vostra
  22. Scegliamo il miglior giocatore, il gol più bello e la miglior partita di DICEMBRE 2018 --- Per rivedere i gol e gli highlights: Fiorentina-Juventus 0-3 (Serie A): https://www.vecchiasignora.com/topic/332442-highlights-fiorentina-juventus-0-3-20182019/ Juventus-inter 1-0 (Serie A): https://www.vecchiasignora.com/topic/332587-highlights-juventus-inter-1-0-20182019/ Young Boys-Juventus 2-1 (Champions League): https://www.vecchiasignora.com/topic/332696-highlights-young-boys-juventus-2-1-champions-20182019/ Torino-Juventus 0-1 (Serie A): https://www.youtube.com/watch?v=eDZEZiKZvZc Juventus-Roma 1-0 (Serie A): https://www.vecchiasignora.com/topic/332945-highlights-juventus-roma-1-0-20182019/ Atalanta-Juventus 2-2 (Serie A): https://www.vecchiasignora.com/topic/333019-highlights-atalanta-juventus-2-2-20182019/ Juventus-Sampdoria 2-1 (Serie A): https://www.vecchiasignora.com/topic/333102-highlights-juventus-sampdoria-2-1-20182019/ -------------------------------------- >>>GLI OSCAR DEI MESI PRECEDENTI -------------------------------------- >>>GLI OSCAR DELLE STAGIONI PRECEDENTI
  23. La notizia arriva nel pomeriggio di ieri: «In data odierna, ­ scrive la Juventus in un comunicato, ­Juan Cuadrado è stato sottoposto a trattamento per via artroscopica al ginocchio sinistro per la lesione del menisco esterno e la frattura cartilaginea riportate nel trauma subito durante la partita di Champions League giocata a Berna. L’intervento, effettuato a Barcellona dal dottor Cugat, assistito dal responsabile sanitario della Juventus dottor Claudio Rigo, è perfettamente riuscito. Il calciatore inizierà nei prossimi giorni la rieducazione». Cuadrado si era fatto male al 18’ di Young Boys-Juventus dello scorso 12 dicembre. La Juventus ha provato con la terapia conservativa, ma il giocatore continuava ad accusare fastidi. Si è deciso così di procedere con l’artroscopia, che in questi casi è il sistema migliore per valutare l’entità del danno. Nel caso di Cuadrado, ciò che allunga i tempi di recupero dai 40 giorni di un normale menisco esterno ai 90 che serviranno per rivedere il colombiano in campo, è il problema alla cartilagine, emerso durante l’operazione. «Grazie a Dio, ­ ha commentato Juan su Instagram, l’operazione è andata bene, ora al lavoro per recuperare e tornare più forte». Cuadrado dovrebbe tornare disponibile a fine marzo. Salterà quindi la sfida degli ottavi di Champions con l’Atletico Madrid, rientrando per l’andata degli eventuali quarti il 9-­10 aprile. Un assenza importante nelle rotazioni di Allegri: Cuadrado quest’anno viene impiegato da terzino destro, esterno alto e persino mezzala. A questo punto si allontana il prestito di Leonardo Spinazzola, che Allegri potrebbe lanciare già contro la Sampdoria. Fonte: La Gazzetta dello Sport Operato Cuadrado,starà fuori tre mesi Stagione a rischio per il colombiano. Fermo Cancelo, cambia il destino di Spinazzola Lo stop di Cuadrado, fuori uso per circa tre mesi, «ferma» anche Spinazzola. Il ko del colombiano, per ora, blocca il prestito dell’ex cursore dell’Atalanta, pronto all’esordio in campionato. Niente terapia conservativa per Cuadrado, ieri è finito sotto i ferri per curare la lesione del menisco esterno con frattura cartilaginea del ginocchio sinistro accusata in Champions in casa dello Young Boys. Cuadrado ai primi di gennaio inizierà un percorso di rieducazione. Ma per il recupero pieno del suo preziosissimo jolly, Allegri dovrà aspettare la fine di marzo. Un brutto colpo, vista anche l’indisponibilità di Cancelo, sottoposto il 14 dicembre a un «intervento di meniscectomia selettiva mediale al ginocchio destro». Come dire: altra pioggia sul bagnato, visto che anche Barzagli, centrale adattabile sulla destra, è fuori uso fino alla fine di gennaio. La prima mossa dettata dall’emergenza sulle corsie è bloccare l’uscita di Spinazzola, finito nel mirino del Bologna. «Leonardo andrà via in prestito a gennaio? La sua situazione dipende da Cuadrado…», aveva detto Allegri alla vigilia di Juve-Roma. L’attesa sembra finalmente finita. Dopo l’intervento del 16 maggio al menisco mediale e soprattutto al legamento crociato anteriore del ginocchio destro e dopo i test svolti con la Primavera di Baldini, il cursore scuola Juve «vede» il debutto stagionale. Oggi contro la Samp è infatti candidato a dare il cambio in corsa ad Alex Sandro, 286 giorni dopo l’ultima partita giocata il 18 marzo con la maglia dell’Atalanta. «Leonardo partirà dall’inizio o giocherà uno spezzone», così ieri Allegri. Calvario finito, rientro imminente. Fonte: Corriere di Torino
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.