Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Search the Community

Showing results for tags 'juventus'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendars

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Found 670 results

  1. salve ragazzi, chi mi sa dire quanto costa ? Vivo in Svizzera....e vorrei accquistare abbonamento x tutto l`anno x vedere le partite. Sono già Juventus member premium International.... grazie...
  2. Electronic Arts, azienda produttrice del videogioco FIFA, sente eccome il contraccolpo della perdita della Juventus. L'azienda ha visto crollare il suo valore in borsa di ben 660 milioni di sterline, pari a 732 milioni di euro nelle ore successive all'annuncio della partnership esclusiva tra i bianconeri e Konami. Secondo CNBC, ieri le sue azioni sono calate del 3,28%, costando appunto oltre 700 milioni di euro, con il valore sceso a 71.42 sterline ad azione, con il complessivo di EA passato da 22,76 miliardi di sterline (15 luglio) a 22,1 miliardi di sterline il 16 luglio Fonte: Tuttojuve
  3. Imagine for a second that the Premier League’s top scorer is also his club’s best defender. Impossible, surely. Not for William John Charles, CBE, the Swansea boyo who was adopted by Yorkshire and who went on to become Il Gigante Buono of Juventus. Elland Road’s John Charles Stand is more than just a tribute. The old West Stand was burned down in 1957 and Charles was sold for a British record £65,000 to help pay for it. Treated like meat, perhaps, but Charles was never destined to travel cattle class. In fact, Jack Charlton once revealed that Charles was the first footballer he knew who had a car. Here is a man who first played for Wales at the age of 18, making him the youngest international until a certain Ryan Giggs came along. Charles helped Leeds into the top flight in 1956 and a year later finished as the First Division’s top scorer on 38 goals. He often finished matches in defence, protecting what he had provided earlier. The story goes that Billy Wright, England captain and Wolves legend, was once asked to name the best forward he had ever played against and nominated Charles. Lion of Vienna Nat Lofthouse came up with the same reply when requested to pick the best defender he had ever faced. Certainly Charles was widely recognised to have totally snuffed out the Lofthouse threat when the pair faced each other in 1955 with Wales recording a famous 2-1 win over England in Cardiff. So Charles was special, no doubt about it. Such was the impact he made in Turin, he was voted Serie A’s greatest foreign player in 1997, four decades on. Not bad against the likes of Michel Platini either. Back to Leeds, where it all started. Charles signed as a youth player in 1948 having been on the ground staff at Swansea. The following year Charles was a regular in the side, as a defender, with the club trying to get out of the old Second Division. Gradually he was asked to play centre forward for Leeds while continuing in defence for Wales. In the 1953-54 season, Charles scored a record 43 goals in 39 games. Two years later he contributed 29 as Leeds were finally promoted to the top flight and he was club captain. Charles only played one season of First Division football for Leeds but finished with a record 38 goals in 40 matches. After that, fire destroyed the West Stand and Leeds wanted to cash in without selling the player to a domestic rival. This was what Charles said: ‘The manager called me in and said, “Juventus want you.” I said, “Who are Juventus?” and he looked at me and said, “They’re one of the best teams in Italy.” I’d never heard of them but it was different then. You didn’t have the television and press coverage you get now.’ The £65,000 move went ahead and Charles scored three goals in his first three games to become an instant hero to Il Tifosi. Things went from good to better as the Welshman netted 28 times and helped the Old Lady of Turin to their tenth Serie A title. He was also voted footballer of the year in Italy. Charles enjoyed five trophy-laden years at Juve. Three Scudetti and a couple of Italian Cups were just reward for the glut of goals which he provided. There was also the 1958 World Cup. Wales had qualified – for the only time in their history – but they did not disgrace themselves, drawing against Hungary, Mexico and Sweden. Wales went on to beat Hungary in a play-off and earned a quarter-final tie against Brazil, who had a promising youngster called Pele in the squad. Charles, who went on to play 38 times and score 15 goals for his country, missed the match through injury. In 1962 Charles left Juventus and returned to Leeds, who themselves had returned to the second tier of domestic football. It was not a success despite the record £53,000 outlay and the player quickly headed to Roma in a £70,000 deal. Three seasons at Cardiff City and a non-League swansong at Hereford United followed before Charles finally called it a day. He was awarded the CBE in 2001 and since then has been included in the Azzurri Hall of Fame, the Football League’s 100 legends, and named the most outstanding player of the past 50 years by the Football Association of Wales. As well as the John Charles Stand, there is a John Charles Way and there is a bust of him inside Elland Road, too. Anyone who has ever tried to navigate round the complicated ring road system of Leeds will also confirm that all signs point to the John Charles Centre for Sport. It would be fair to say his name lives on. -Dailymail- Oggi la Juventus torna a parlare "gallese"; credo non possa esserci modo migliore di proiettarsi verso un futuro radioso, se non rievocando un glorioso passato, un giocatore eccezionale, come John Charles. Spero l'inglese non crei troppi disagi, tuttavia l'articolo era così ben realizzato che mi sarebbe parso offensivo tradurlo.
  4. Matthijs De Ligt ha spiegato come mai ha scelto di firmare con la Juventus: "Amo il modo in cui difendono gli italiani". Matthijs De Ligt ha spiegato ad 'Ajax TV' le ragioni che lo hanno spinto a scegliere la Juventus. De Ligt ha spiegato ad Ajax TV che molti dei modelli a cui si ispira sono leggende del calcio italiano e che ama il modo di difendere dei difensori azzurri. Il 19enne centrale ha anche voluto salutare l'Ajax, il club in cui ha passato la sua intera carriera fino al trasferrimento in bianconero da calciatore professionista e in cui è cresciuto, giocando per 10 anni nelle giovanili. Fonte: Goal Italia.com Ricordiamoci anche che lui stima molto Bonucci, Chiellini e Barzagli
  5. Il capitano ha risposto alle domande dei tifosi a Dimaro: “Speriamo di vincere lo scudetto”. Mertens: “Il secondo posto è comunque un trofeo” DIMARO (Trento) - "Sono giovane, mi trovo bene a Napoli e spero di rimanere qui a vita". Così Lorenzo Insigne rispondendo alle domande del pubblico in piazza a Dimaro, sede del ritiro del Napoli. L'attaccante azzurro, quindi, sulla corsa alla scudetto, ha aggiunto: “È il mio sogno. Speriamo di raggiungere il traguardo in questa stagione". Infine, alla domanda su Sarri allenatore della Juventus, ha ribadito: "L'ho già detto, per noi napoletani è un tradimento. Ma adesso pensiamo a batterlo". Mertens: “Fieri del secondo posto” "Io darei tutto per vincere lo scudetto con il Napoli - ha detto Mertens - e pur sapendo che per i tifosi il secondo posto non basta, per noi è comunque un trofeo, perché abbiamo fatto tutto il possibile e dobbiamo esserne fieri". Manolas: “Napoli scelta migliore” Il neoarrivato Manolas ha spiegato: "Non so se io e Koulibaly siamo i più forti centrali del campionato. Questo lo dirà il campo, noi daremo il massimo. Qui nel Napoli ho trovato un clima molto familiare, vedo una squadra molto organizzato e unita. Perché sono andato via dalla Roma? Non ve lo dirò, è una cosa mia personale. Ho parlato col direttore e col mister e mi hanno fatto sentire sicuro per la mia scelta. Non ho mai avuto dubbi, ho sempre voluto Napoli e sono sicuro che sarà la miglior decisione". Fonte: Tuttosport
  6. Salve, volevo aprire un piccolo topic riguardo una statistica, e cioè i gol segnati dai giocatori della Juventus dal 2000 ad oggi in tutte le competizioni Stavo navigando nel canale della Bundesliga quando mi è capitato un video sui migliori marcatori del Bayern dal 2000 ad oggi, così mi son chiesto se esisteva qualcosa di simile sulla Juventus Purtroppo non ho trovato nulla, ma mi son preso 2 orette e con l'aiuto di Wikipedia e Excel ho stilato questa classifica Vi mostro uno screenshot dove potete osservare le prime 27-28 posizioni Cosa ne pensate? Personalmente mi stupiscono i 199 gol di Del Piero, così a memoria ricordavo ne avesse fatti molti di più dal 1993 al 2000 Ottimo il podio di Dybala dietro al duo intoccabile, podio rimasto per diversi anni nelle mani di Nedved con i suoi 65 gol Incredibili i numeri di Vidal, davvero un mostro al suo apice da noi Menzione speciale per Chiellini, a pochi passi dalla top 10
  7. Calciomercato Juventus 2019/2020: acquisti e cessioni ACQUISTI ACQUISTI: ALTRE OPERAZIONI Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Valutazione Gonzalo Higuain A 10/12/1987 Chelsea Fine Prestito - Stefano Sturaro C 09/03/1993 Genoa Fine Prestito - Cristian Romero D 27/04/1998 Genoa Definitivo 26M Emil Audero P 18/01/1997 Sampdoria Fine Prestito - Alberto Cerri A 16/04/1996 Cagliari Fine Prestito - Rogerio D 13/01/1998 Sassuolo Fine Prestito - Luca Marrone C 28/03/1990 Verona Fine Prestito - Leonardo Mancuso C 26/05/1992 Pescara Fine Prestito - Marko Pjaca A 06/05/1995 Fiorentina Fine Prestito - Andrea Favilli A 17/05/1997 Genoa Fine Prestito - Daouda Peeters C 26/01/1999 Sampdoria Fine Prestito - Riccardo Orsolini A 24/01/1997 Bologna Fine Prestito - Luca Barlocco D 20/02/1995 Piacenza Fine prestito - CESSIONI Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Valutazione Leonardo Spinazzola D 25/03/1993 Roma Definitivo 29,50M Cristian Romero D 27/04/1998 Genoa Prestito - Emil Audero P 18/01/1997 Sampdoria Riscatto 20M Stefano Sturaro C 09/03/1993 Genoa Definitivo 16,50M Riccardo Orsolini A 24/01/1997 Bologna Riscatto 15M Alberto Cerri A 16/04/1996 Cagliari Cessione Definitiva 9M Andrea Favilli A 17/05/1997 Genoa Cessione Definitiva 7M Luca Marrone C 28/03/1990 Verona Cessione Definitiva 1M Luca Barlocco D 20/02/1995 L.R. Vicenza Gratuito - Rogerio D 13/01/1998 Sassuolo Prestito - Andrea Barzagli D 08/05/1981 - Ritiro - Martin Caceres D 07/04/1987 Lazio Fine Prestito -
  8. Occhio al colore, perché può diventare un indizio. Nella pazza estate del 2016, quando divenne mister 105 milioni, Paul Pogba seminava sui social foto piene di rosso, il colore del Manchester United: che fossero scarpe, berretti e canottiere, durante le vacanze negli States l’allora centrocampista bianconero si divertì a lanciare messaggi a tifosi vecchi(in lacrime) e nuovi(in fibrillazione). Pochi giorni dopo ci fu l’annuncio ufficiale: ritorno all’antico (Pogba allo United aveva cominciato la carriera) che lasciò alla Juventus un vuoto in mezzo al campo ma anche una plusvalenza di 73 milioni. Il nuovo club lanciò l’hashtag #Pogback, che ora potrebbe tornare d’attualità con una piccola modifica: #Pogbis, viaggio di sola andata dall’Inghilterra a Torino, dove il Polpo ha lasciato amici e un pezzo di cuore. CdS La carta Douglas. L’indizio racconta di sicuro l’amore del campione del Mondo per l’ex squadra. E su questo puntano Fabio Paratici e Pavel Nedved per riprendersi l’amatissimo figliol prodigo. L’operazione non è semplice e i costi sono elevati,ma la Juventus ci proverà fino alla fine, perché Pogba è quel tipo di giocatore di cui è difficile trovare un clone. Paul è stato a Torino per la festa dell’ottavo scudetto della Juventus e l’addio di Andrea Barzagli, e agli amici ha confidato che tornerebbe volentieri. Paratici nei suoi blitz londinesi per risolvere con il Chelsea la questione Maurizio Sarri ha incontrato la dirigenza dello United, per sondare il terreno. E Nedved a Montecarlo ha visto Mino Raiola, super procuratore del francese, alleato dei bianconeri. Lo United vorrebbe trattenere il giocatore (secondo il «Daily Mail» sarebbe pronto a proporgli un maxi rinnovo a 30 milioni annui), che però pare deciso a chiudere il capitolo inglese. Il club non si schioda dal prezzo fissato (140 milionidi euro) equesto è giàun grosso ostacolo. Perciò la Juventus sta pensando di inserire nella trattativa un giocatore: il nome giusto può essere Douglas Costa, sulle cui tracce c’è pure il Paris Saint Germain. Ostacolo Real Il nemico si chiama Real Madrid: Zinedine Zidane farebbe carte false per avere Pogba (e agli spagnoli i soldi non mancano), però Florentino Perez non ha ancora detto sì. Se il presidente deciderà di non accontentare il suo tecnico, allora Madama proverà ad approfittarne, contando anche sul Decreto Crescita, che renderebbe più sopportabile il mega stipendio del Polpo (14milioni di euro a stagione più bonus). La Gazzetta dello Sport S e davvero conta la volontà del giocatore, e nella trattative un po’ conta, Paul Pogba alla Juve è meno irreale di un mese fa, quando il francese vedeva e voleva solo il Real Madrid. Poi, come già successo in passato, il padrone della Casa blanca, Florentino Perez, non s’è troppo trovato con Mino Raiola, l’agente del centrocampista: del resto, da sempre, i due non si prendono. Così, è tornato in pista il club bianconero che, lo scorso week-end, ha mandato avanti Pavel Nedved, vicepresidente e, soprattutto, vecchia conoscenza di Mino, di cui è stato giocatore ed è amico. Quel che è certo, ci si muove su cifre piuttosto alte, a partire dall’ingaggio: quello attuale con lo United (sui 12 milioni di euro netti), che punta al rinnovo;equello chiesto al Real (15 milioni). Per non parlare del prezzo del cartellino, che il Manchester fissa sui 150 milioni, ma che nella realtà pare essere sceso. Vista la volontà di Pogba di andarsene, appunto. Da un po’, infatti, il francese campione del mondo è in modalità Mino. Come s’è visto un paio di giorni fa, durante un evento a Tokyo: «Sono con i Red Devils da tre anni e circolano tante voci. Dopo quanto accaduto in questa annata, nonostante sia stata la mia stagione migliore — ha detto — penso sia giunto il momento di una nuova sfida, un’avventura in qualche altro club». Funziona sempre così: quando sei lontano dal campo base (del club), e senza gli addetti stampa, la butti lì. E, in caso di guai, puoi sempre dire che i giornalisti locali hanno capito male: insomma, un grande classico. Nel frattempo, il messaggio è passato. Ieri, per dire, Pogba ne ha spedito nel web un altro, sempre dal Giappone. Banalmente, in occasione di un appuntamento commerciale, ha postato sui social la foto di un tifoso con due maglie: la prima, bianca, era quella del Manchester United, con tanto di nome del giocatore e numero 6; la seconda invece, era quella della Juve, con nome e numero 10, quello dell’ultima stagione a Torino. Proprio in città, qualche amico di Pogba conta sul suo ritorno, a partire dallo stilista Alessandro Martorana: «Ci ho parlato, e direi che ci sono il 50 per cento delle possibilità». Lo stesso racconta qualche suo conoscente francese: «A Paul piacerebbe tornare alla Juve». E dire che, fino a un mese fa, il suo futuro lo vedeva solo al Real, rapito com’era dalle parole di Zidane, uno dei suoi idoli, che gli fa la corte dai tempi bianconeri. Dopodiché, al di là delle affinità tecniche con l’allenatore, ci sono gli affari e qui è subentrato Florentino, con un messaggio allo United: non andremo oltre i 120 milioni. Poi s’è fermato. E lì sta provando a inserirsi la Juve, che conta di inserire nell’affare almeno un giocatore, tra Cancelo, Douglas Costa e, meno probabile, Dybala. Perché senza contropartita tecnica, al momento, si profila come una missione quasi impossibile. Fonte: Corriere di Torino
  9. In vista del 34° anniversario della tragedia dell'Heysel, bellissimo gesto da parte dell'Associazione della Memoria Storica Granata (Museo del Grande Torino e della leggenda granata) in onore dei 39 angeli volati in cielo il 29 maggio del 1985. L'associazione, non nuova ad azioni in difesa della memoria (ricordiamo la mostra "Heysel e Superga tragedie sorelle" in collaborazione con saladellamemoriaheysel.it), ha esposto uno striscione con la scritta "+39 Rispetto" su sfondo granata, durante Torino Lazio! Per questo e per il prossimo weekend lo stesso striscione sarà esposto anche fuori dal Museo. "Considerato il recente Daspo della Juventus FC allo sconsiderato che ha mimato l’aeroplano durante l’ultimo derby, siamo certi di essere sulla strada giusta.
 Sfottiamoci a volontà, insultiamoci pure se vogliamo, ma lasciamo stare i morti, loro non possono difendersi.
 Difenderli spetta a noi". Questo il testo che si legge sul loro sito. Dopo lo striscione in onore del Grande Torino comparso nella Curva Sud dello Stadium e la presenza della Juventus a Superga (attraverso una delegazione dello Juventus Museum) in occasione del 70° anniversario della tragedia granata, un altro passo verso quei rapporti di civiltà che due squadre come Juve e Toro, le rispettive tifoserie, e una città come Torino (culla del calcio italiano), meritano senza se e senza ma. Chi conosce il valore della Storia, chi comprende il significato della Memoria, deve gettare i semi per far crescere il Futuro. Insieme possiamo. Grazie di cuore, ragazzi! 70 angeli in un unico cielo!
  10. Juventus (4-4-2): Pinsoglio; Caceres, Bonucci, Rugani, De Sciglio; Cuadrado, Can, Bentancur, Pereira; Kean, Dybala. Alla prossima stagione Grazie a mercimichel per le splendide immagini che crea per il topic
  11. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Barzagli, Alex Sandro; Can, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Mandzukic, Cristiano Ronaldo.
  12. Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Barzagli, Chiellini, Spinazzola; Can, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Cristiano Ronaldo, Dybala.
  13. Sara Gama, 30 anni, difensore, capitana della Juve e della nazionale con cui giocherà il Mondiale in Francia. Quest’anno ha vinto scudetto e Coppa Italia SARA GAMA ALLA JUVE DAL 2017 84 PARTITE CON L’ITALIA Sogno il giorno in cui diremo solo calcio senza declinare il genere. Oggi noi siamo ancora alla fase startup La miglior risposta al razzismo negli stadi è l’indifferenza Ma serve un sistema che escluda chi offende e provoca SARA GAMA Dopo i successi con la Juve è pronta per i Mondiali “Siamo aria fresca, attiriamo sponsor. Il movimento crescerà “Io capitana azzurra Sono il volto dell’Italia già globale” INTERVISTA GIULIA ZONCA TORINO Capitana della nazionale, due scudetti e una Coppa Italia con la Juve e un Mondiale davanti. Sara Gama sa che il calcio femminile ha bisogno di facce note per crescere ed è felice di metterci la sua. La partita giocata allo Stadium tra Juve e Fiorentina che cosa ha spostato? «Se fossi in un altro club e realizzassi che la Juve con questa scelta ha riportato famiglie negli stadi, ha dato un messaggio, imiterei». Imiteranno? «È già successo. La Fiorentina è stato il primo club a pensare alle donne ma la Juve ha un altro impatto mediatico e ha sollevato un’onda. Ora l’Europa ci guarda. Non esistevamo e adesso la nazionale va ai Mondiali: facciamo sul serio». Lei ha giocato per il Psg, in un campionato considerato. L’Italia a che punto è? «Sulla via giusta. Oggi ci alleniamo da professioniste». Senza esserlo. «Esiste una delibera in federazione che ci permetterebbe di esserlo, per applicarla bisogna preparare il terreno. Siamo come una start-up, servono sgravi fiscali per non soffocare le società. Ci sono ancora dilettanti come il Tavagnacco. Comunque non è una questione femminile, i rugbisti, per dire, non sono professionisti». Ai Mondiali i premi sono aumentati ma su un altro pianeta rispetto agli uomini. «Erano 15 milioni e diventano 30, raddoppiare non è male. Se poi li metti vicino agli oltre 400 dei maschi capisci che la differenza è gigantesca e va ridotta. Succederà, gli sponsor si interessano, hanno capito che siamo aria fresca». L’allenatrice dell’Italia, Bertolini, ha detto «le donne sal-veranno il calcio». «Me lo auguro. Non abbiamo i superpoteri, ma la differenza porta crescita. Un giorno parleremo di calcio e basta, senza declinare il genere. Fino ad allora gli uomini però saranno un sostegno». Il calcio ha bisogno di essere salvato? «Ha bisogno di correnti nuove che lo contaminino». Tre cose da rubare agli uomini e tre da lasciare a loro. «Prenderei la conoscenza, l’esperienza e il professionismo. Lascerei i presunti tifosi che fanno danni». Il calcio femminile espandendosi è destinato a importare anche le tossine? «Riusciamo a schermare. Resta il fatto che se la nostra società è intollerante e istiga all’odio questo atteggiamento si riversa anche negli stadi». Bloccare le partite con cori razzisti servirebbe? «Sì, però rischi di essere ostaggio. Farlo una volta può essere una scelta di rottura non la soluzione al problema. Viviamo con cellulari, telecamere e droni, possiamo individuare gli agitatori. E dovremmo far-lo sempre». Come avrebbe reagito ai buu al posto di Kean? «La miglior risposta è sempre l’indifferenza, ma lui è tanto giovane. Non è semplice». Si è mai trovata in quella situazione? «No. Si concentravano più a corrermi dietro. Esiste una meritocrazia tra i bambini e i genitori, allora non si permettevano commenti». Avere una capitana multietnica della nazionale aiuta? «Sì, perché mostri la faccia di una società globalizzata. Siamo mescolati e gli incroci ci migliorano, più lo vedi e più ti ci abitui». Con il calcio è stato amore a prima vista? «Nella mia famiglia non giocava nessuno, io lo faccio da quando cammino. Mio nonno e mia mamma mi accompagnavano agli allenamenti da bambina». E suo padre? «È arrivato in Italia, a Trieste, dal Congo come studente di ingegneria. Ha preferito tornare indietro. Qui siamo convinti che tutti vogliano venire in Italia e occupare il nostro spazio ma non è vero». Suo padre è in Congo? «Sì, preferisce la vita lì». Lei ci è mai stata? «No, ma sono felice dei mondi che mi attraversano. La mia famiglia è metà istriana, ho sangue misto: croato, congolese e il risultato è che sono italianissima». Sta in consiglio federale. Battaglie vinte? «È importante che ci vedano. Fino a 7 anni fa non eravamo rappresentate. Il contratto con le tv, prima Rai e ora Sky è sta-to un successo». Il calcio è maschilista? «Lo è: era un feudo, è normale. Abbiamo le quota rosa e nessuno le ama, io neppure, ma per iniziare devi dare delle opportunità. Anche se non è solo l’innesto di donne che può rendere l’ambiente meno maschilista». Pensa a un cambio di mentalità? «Certo. Oggi alla Juve ci alleniamo fianco a fianco con gli under 23, loro si abituano, crescono con noi e ci danno per scontate». L’Italia ai Mondiali può passare il girone? «Si può fare, la squadra ha tanta qualità, è cresciuta a livello fisico. Il bello è che ora spesso riusciamo a imporre il nostro gioco. Non si va a fare le comparse». Ha una barbie a sua immagine, fiera o destabilizzata? «Non mi pareva di avere affinità con le bambole, poi ho capito. C’era una volta la donna barbie e se trasformi lo stereotipo il concetto è forte. La bambola dice tu puoi fare quello che vuoi». Ha 30 anni, pensa al dopo calcio? «Vorrei fare politica sportiva, la dirigente: manca leadership al femminile». Il calendario azzurro 23 maggio Italia-Svizzera a Ferrara, ultima amichevole 9 giugno Esordio Mondiale con l’Australia a Valenciennes 14 giugno A Reims con la Giamaica 18 giugno A Valenciennes con il Brasile La Stampa.
  14. Juventus (4-4-2): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, De Sciglio; Cuadrado, Pjanic, Matuidi, Bernardeschi; Cristiano Ronaldo, Kean.
  15. Juventus (3-5-2): Szczesny; Can, Bonucci, Chiellini; Cancelo, Cuadrado, Pjanic, Matuidi, Alex Sandro; Bernardeschi, Cristiano Ronaldo.
  16. Come da titolo, dal 2014 al 2017: 2014-2015: 13 gare, 7 vinte, 3 pari, 3 perse, 17 gol fatti e 10 gol subiti 2015-2016: 8 gare, 3 vinte, 3 pari e 2 perse, 10 gol fatti e 9 gol subiti 2016-2017: 13 gare, 9 vinte, 3 pari e 1 persa, 22 gol fatti e 7 gol subiti Totale: 34 gare, 19 vittorie (56%), 9 pareggi (26%), 6 perse (18%) 49 gol fatti (1,44 a partita) e 26 gol subiti (0,76 a partita) Dal 2017 al 2019: 2017-2018: 10 gare, 5 vinte, 3 pari, 2 perse, 14 gol fatti, e 12 gol subiti 2018-2019: 10 gare, 5 vinte, 1 pari, 4 perse, 14 gol fatti e 9 gol subiti Totale: 20 gare, 10 vinte (50%), 4 pareggi (20%), 6 perse (30%), 28 gol fatti (1,4 a partita) e 21 gol subiti (1,05 a partita) Insomma, che ne pensate? Personalmente salta all'occhio l'aumento in percentuale dei gol subiti, mentre i gol fatti mantengono più o meno una media molto simile, esclusi i "ben" 22 gol segnati nel 2016-2017 Altro dato "preoccupante" è che nelle ultime 2 campagne di Champions abbiamo rimediato le stesse sconfitte delle precedenti 3 messe insieme, quest'anno addirittura 4 a Confronto, ecco i dati delle 2 stagioni di Capello in Europa 2004-2005: 12 gare, 7 vinte, 3 pari e 2 perse, 15 gol fatti e 7 subiti 2005-2006: 10 gare, 6 vinte, 1 pari e 3 perse, 16 gol fatti e 11 subiti questi invece i numeri di Conte 2012-2013: 10 gare, 5 vinte, 3 pari e 2 perse, 17 gol fatti e 8 subiti 2013-2014: 6 + 8 gare, 1 + 5 vinte, 3 + 2 pari, 2 + 1 perse, 9 + 10 gol fatti e 9 + 4 gol subiti l'annata di Ranieri: 2008-2009: 10 gare, 4 vinte, 5 pari, 1 persa, 14 gol fatti e 7 subiti
  17. Presente all'evento de Il Foglio a San Siro, Beppe Marotta ha parlato del suo passato alla Juventus: "Italo Allodi? Il grande precursore. Lui dall'Inter andò alla Juve e fece un percorso inverso al mio. Era lungimirante, è stato il manager che ha organizzato i corsi da direttore sportivo a Coverciano. Il primo? C'eravamo io, Pierpaolo Marino, Moggi. Tutta la vecchia guardia. Il mio passaggio dalla Juve all’Inter? L’uscita di Pavel Nedved, che veniva dalla Lazio, è stata legata alla sua spontaneità e abbiamo avuto modo di chiarire. Non si può pretendere che il procuratore abbia una fede, io tifo Varese, sono un professionista". L'ex amminsitratore delegato bianconero ha parlato anche del caso Icardi: "La squadra è una comunità e bisogna mettere delle regole". STORIA FALSA - Marotta, infine, smentisce le voci riguardanti il presunto litigio con Agnelli: "Non volevo Ronaldo? È falsa la storia. Agnelli, con grande intelligenza, ci disse che si poteva fare l'operazione: era tutto standardizzato, ma fu un atto di coraggio per gli azionisti e io non potevo decidere. Io potevo valutare con Paratici e Nedved, non mi sono opposto. Ho avuto modo di conoscerlo, lui è un grande campione che dà l'esempio che poi diventa emulazione per gli altri". La chiosa è col sorriso: "Alla Juve, sì, avrei voluto terminare l'esperienza in un altro modo". Fonte: Il Bianconero.com
  18. Pavel Christ Superstar

    La Top 11 delle Juventus Legend

    Ho spesso letto topic in cui si trattava di migliori giocatori di tutti i tempi, ho voluto inserire una discussione che trattasse solo giocatori bianconeri! Ecco qui le mie due top 11 3232. Zoff(Combi) Cannavaro Scirea Vierchowod Tardelli Davids Boniek Zidane Orsi(Nedved) Charles Sivori 343. Buffon Thuram Salvadore Gentile Zambrotta Monti Jugovic Cabrini Boniperti Platinì Del Piero
  19. E per il l'ottavo anno consecutivo VECCHIASIGNORA.COM DICE GRAZIE A TUTTA LA JUVENTUS F.C. PER LA VITTORIA DEL CAMPIONATO ITALIANO 2018/19 GRAZIE AI GIOCATORI, AL MISTER, ALLO STAFF TECNICO E MEDICO. GRAZIE AL PRESIDENTE, AL CHIEF FOOTBALL OFFICER E A TUTTE LE COMPONENTI SPORTIVE E MANAGERIALI DELLA SOCIETA’ JUVENTUS
  20. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Can, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Cristiano Ronaldo, Bernardeschi.
  21. Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Dybala, Ronaldo
  22. Juventus (3-5-2): Perin; De Sciglio, Barzagli, Gozzi; Cancelo, Cuadrado, Bentancur, Khedira e Spinazzola; Dybala, Kean.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.