Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'milinkovic'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 10 risultati

  1. Un centrocampista o un terzino sinistro, con un occhio alle liste per serie A e Champions. E' su questo binario che si snoderà il resto del mercato estivo della Juventus a cinque giorni dalla chiusura. I due elenchi sono preziosi e la situazione attuale è la seguente: data per sicura la cessione a titolo temporaneo di Sturaro, per il campionato c'è ancora un posto vacante, mentre per la Champions la lista è esaurita e sarebbe Spinazzola l'escluso provvisorio, se va via un altro esubero è meglio, perchè l'ultimo eventuale colpo verrebbe utilizzato poi in tutte le competizioni. Restano vive le piste legate a un nuovo terzino sinistro e ad un centrocampista, che si tratti di nomi altisonanti o di un intricante low cost. Marcelo rimane un pezzo pregiatissimo particolarmente coccolato dal suo grande amico Cristiano Ronaldo. Dai 400 milioni trattabili della clausola rescissoria ai 10 o poco più necessari per strappare Bernat al Bayern Monaco, il passo è brevissimo per il club bianconero che impiegherebbe meno di un istante per contattare gli uomini del mercato tedeschi. Purchè esca Alex Sandro il cui rinnovo con la Juventus è unpzione sempre valida. E ad un prolungamento di contratto è ancorata la pista di lusso tuttora viva in casa bianconera per l'ultimo colpo a centrocampo: già, Miralem Pjanic ha un'intesa triennale e può prolungare a vita con un ingaggio adeguato di oltre 6 milioni netti a stagione, ma nell'attesa che qualcosa si muova,sulle tracce del bosniaco, il nome di Milinkovic Savic non smette di vorticare nell'orbita bianconera. Il serbo guadagna 1,5 e dall'estero non solo il Real Madrid (con la Juventus al seguito) potrebbero garantire al giocatore un trattamento economico mai visto prima: anche 4 volte lo stipendio corrente. Claudio Lotito non vuol sentire ragioni: Milinkovic, per il presidente della Lazio, costa ben più della cifra pagata dai bianconeri per Cristiano Ronaldo e nessuna contropartita tecnica sarebbe gradita. Almeno a parole, perchè alla finestra c'è un club che medita il colpaccio provando a ridurre l'esborso cash: il Milan.Sotto traccia Leonardo sta lavorando da settimane sul centrocampista serbo,ed è passato dal definire Milinkovic "un sogno" al "difficile". Fonte: Tuttosport
  2. La suggestione è fortissima, l’operazione non impossibile e la logica assolutamente chiara: Paul Pogba potrebbe tornare alla Juventus il campione francese vuole giocare con Cristiano Ronaldo. E chi non lo vorrebbe? Inoltre, Pogba vorrebbe non giocare più con Mourinho, il loro è un rapporto conflittuale, il portoghese non va pazzo per il talento smisurato ma diseguale del “polpo”, che pure in Russia – dove ha incidentalmente vinto una Coppa del mondo – è sembrato molto più compatto e completo, meno crestato e con meno fronzoli. È stato una delle anime dinamiche della nazionale di Deschamps, un altro allenatore che con Pogba ha usato il bastone e la carota, e per lungo tempo più il bastone. Insomma, ora Pogba è quel giocatore che tutti, da Allegri in poi, si aspettavano prima o poi. L’architettura per riportare Pogba a Torino è ovviamente complessa, e non può prescindere dalla volontà del Manchester United: se Mou potrebbe rinunciare al francese senza troppa sofferenza, è difficile che i Reds perdano Pogba una seconda volta, dopo esserlo fatto portare via dalla Juve quand’era ragazzino e dopo averci speso 105 milioni di euro per riaverlo nel 2016. L’elastico tra Torino e Manchester non può durare all’infinito. Dall’altra parte, però, c’è la volontà del giocatore e soprattutto del suo procuratore Mino Raiola, uno che ama più gli spostamenti della stanzialità, anche perché sono gli spostamenti a portare soldi a tutti. Fonte: La Repubblica Rabiot è già stato trattato in più occasioni da Paratici, il Psg solitamente non si fa condizionare da un contratto in scadenza. Ma ogni tanto molla gli ormeggi, sapendo che perdere un patrimonio a zero non è mai bello. E che la Juve - pur conoscendo la concorrenza del Barça - sarebbe pronta a bloccarlo per il futuro quando il vincolo contrattuale non avrà motivo di esistere. In una mini-lista tutta bianconera ogni tanto fa capolino Pogba. Non fosse altro perché lo United è stata una scelta molto convinta, ma non è andata benissimo con Mourinho, un rapporto di alti, bassi e incomprensioni. Ora Paul è campione del Mondo, ha tutti ai suoi piedi, la nostalgia fa capolino, ci sarebbe una clausola, ma serve l’avallo del suo attuale club. E un sì comporterebbe la scelta di un sostituto, magari con le caratteristiche di Milinkovic-Savic, se non proprio lui. Ecco perché crediamo che prima la Juve conterà i soldi in cassa dopo le cessioni, poi si esprimerà definitivamente. Non c’è fretta, soprattutto quando hai messo su il 70-80 per cento dell’impalcatura e ti prepari per una stagione che deve darti soltanto enormi soddisfazioni. La differenza tra la Juve e le altre, oggi, è chiara. Le altre sono al palo, oppure - in qualche caso - devono vendere per acquistare. La Juve è sintonizzata diversamente: mettendo su un bel tesoretto, rischierebbe (un bel rischio) di diventare ancora più forte. Fonte: Il Corriere dello Sport
  3. Il serbo è l'uomo per la Champions, che riporterebbe il centrocampo al massimo splendore raggiunto con Pogba. Per questo Marotta lavora sotto traccia e con pazienza per fare il colpaccio. Il recente acquisto di Emre Can, che con i suoi 80 kg distribuiti su 1,82 cm aggiunge fisicità a una mediana che nelle ultime tre stagioni ha perso due giocatori pesanti com Pogba e Vidal. Milinkovic con i suoi 1,91cm sarebbe la ciliegina su una torta già di altissima qualità. Il gigante serbo è alto come il francese e da quando è andato via lui la Juventus non ha più avuto al suo servizio a centrocampo un corazziere che superasse il metro e novanta. Il motivo per cui la Juve, nonostante la cifra folle sparata da Lotito (da una prima richiesta di 90 milioni più bonus sarebbe salito a 110 più il cartellino di Bentancur, di cui i bianconeri non intentono privarsi) e la difficoltà a trattare con il presidente della Lazio, -basti ricordare come è finita l'anno scorso con Keita- non ha rinunciato al favorito di Allegri è legato alla specialità del giocatore che porterebbe in dote i gol di Vidal e la classe di Pogba. E' il periodo della mediana stratosferica che la Juventus ha vissuto il suo momento d'oro quando aveva Vidal, Pogba, Pirlo e Marchisio. In particolare quando Allegri aveva trovato la formula giusta per far giocare insieme i magnifici quattro. La Juve oggi ha cambiato faccia e gioca con tre uomini in mezzo: Pjanic fa il regista, e Can, Khedira e Matuidi si contenderanno gli altri due posti da titolari. Già così è un centrocampo all'altezza migliore, con Milinkovic diventerebbe stratosferico. Per portarlo a Torino ci vorrà un'operazione lunga e complessa. Ma la Juve non si scoraggia. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  4. Michele Criscitiello ha commentato il mercato bianconero in diretta su Sportitalia. Ecco quanto evidenziato da Tuttojuve.com: "La Juventus sta preparando un piattino clamoroso: Rugani via a 40 milioni al Chelsea è un grande affare, sarebbe clamoroso. Se piazzi anche Pjanic, si parla di 75-80 milioni. Ha preso Cancelo, ha già preso Caldara che è già il vice di Rugani. Ha preso Emre Can. Se va via Higuain, con quei soldi prendi un altro attaccante. Se in quel centrocampo ci metti dentro anche un Milinkovic-Savic, è un qualcosa di clamoroso".
  5. Milinkovic, era uno dei più attesi in Russia... «Tutti i giornali parlavano di me, ma io sono venuto qua come un giovane con poca esperienza: in nazionale ho giocato pochissimo...». «Penserò al mio futuro dopo il torneo», diceva. Ora ci siamo. «Torno a casa, alla Lazio, dove ho un contratto. Poi vedremo se resto o vado via, dipende dal presidente e da Igli Tare. Parlerò con loro». La quotazione di 150 milioni è un peso? «No, è una motivazione a fare meglio. Ogni giorno vedo spuntare una squadra diversa che mi vorrebbe, è uno stimolo». In Italia ce n’è soprattutto una, la Juve. Che cosa ci dice? «La Juve è una grande squadra, al top in Italia: lo si vede dagli scudetti e dalle coppe Italia in bacheca. In più c’è anche mio fratello a Torino, anche se devo vedere cosa fa lui. Vorrebbe giocare un po’ di più, ma Sirigu è un grande portiere». Quindi il futuro di Sergej dipende da quello di Vanja? «Non è che io seguirò mio fratello (ride, n.d.r.), ma la famiglia per me è importante». Insomma, cosa diciamo ai tifosi della Lazio? «Che ho passato tre anni bellissimi e che comunque mi resteranno nel cuore. Ora rientro e vedrò se restare o se andare.Dipende dalla società». Nel caso, meglio Italia o estero? «Ci penso fra qualche giorno» Fonte: La Gazzetta dello Sport
  6. La prima pagina di Tuttosport è dedicata al centrocampista della Juventus Miralem Pjanic e alla corte del Barcellona con un titolo che evidenzia la valutazione che ne fa il club bianconero: “80.000.00” (80 milioni NdR). “Il Barça su Pjanic: la Juve fissa il prezzo – si legge ancora sul quotidiano – Vertice Marotta-Allegri: i catalani fanno sul serio per il bosniaco che però andrà via solo di fronte a una maxi offerta. Con quei soldi partirebbe l'assalto finale dei bianconeri a Milinkovic-Savic”.
  7. Assalto a Milinkovic-Savic! Il centrocampista serbo della Lazio ha incantato anche ieri all’esordio Mondiale e Lotito si sfrega le mani, pronto a incassare una cifra record. Sergej è il grande sogno della Juventus a centrocampo e secondo Tuttosport i bianconeri lavorano al grande colpo. L’affare non è semplice e ci sono poche possibilità di riuscita ma la Juve vuole provarci, senza avere rimpianti. La strategia di Beppe Marotta e dei bianconeri prevede tre importanti mosse: disgelo con la Lazio, contropartite e volontà del giocatore. I rapporti e gli affari con la Lazio sono sempre stati agitati per la Juventus. I bianconeri, lo scorso anno, provarono a prendere Keita, prima del passaggio al Monaco ma l’affare non si concretizzò. Marotta ha già avviato le prove di disgelo con il presidente Lotito e spera di convincerlo a inserire delle contropartite tecniche nell’affare. Marko Pjaca e Daniele Rugani potrebbero essere delle importanti pedine di scambio da sacrificare per arrivare a Sergej Milinkovic-Savic. Ieri il papà del centrocampista, Nikola, ha spezzato una lancia in favore dei bianconeri. Conta la volontà del giocatore e il calciatore guarda con forte interesse alla Juve ma attenzione a Barcellona e Real Madrid. calcionews24.com
  8. I primi della lista delle preferenze della Juventus in termini di big da inserire a centrocampo, continuano ad essere Milinkovic Savic e Paul Pogba. E’ per loro che la Juventus - verosimilmente, innanzitutto a fronte di una cessione eccellente - è disposta a fare follie da 60-70 (per il francese) financo 100 (per il serbo) milioni di euro. E sono confermatissime le indiscrezioni legate alla spasmodica voglia di Allegri di tenersi ben stretto Pjanic e Sami Khedira anche per la prossima stagione; e peraltro proprio ieri l’amministratore delegato bianconero ha sottolineato che «non ci sono offerte per Miralem». Però non devono assolutamente stupire le indiscrezioni - controllate, verificate, confermate - giunte dall’Inghilterra in merito a Mousa Sidi Yaya Dembélé: belga di origini maliane in forza al Tottenham, centrocampista abilissimo davanti alla difesa che - sia pure con caratteristiche diverse - potrebbe disimpegnarsi senza alcun problema laddove ora agisce Pjanic, nello scacchiere bianconero. E potrebbe disimpegnarsi ancor meglio insieme con Emre Can in quel 4-2-3-1 con cui Allegri ha disegnato la Juventus due stagioni fa. Il giocatore piace ed è sempre piaciuto, inoltre intriga parecchio il fatto che il suo contratto sia in scadenza a giugno nel 2019 e dunque la sua quotazione sia ritoccata al ribasso. Insieme con Rabiot (ci sono anche Arsenal e Chelsea), è nella lista dei “piani B riparatori” in caso di sviluppi inattesi sul fronte uscite. Dembélé è nel mirino dell’Inter e del Napoli. Fonte: Tuttosport
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.