Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'riforma'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 3 risultati

  1. Era l’estate 2016 quando il Real si riprese Alvaro Morata la punta spagnola sborsando 30 milioni rispetto ai 20 incassati nel 2014 e con la Juventus consapevole del fatto che al termine di quella stagione i blancos avrebbero esercitato il diritto di recompra. Oggi, al tramonto di una sessione di mercato fra le più povere di denaro, le idee le ha messe in campo il club bianconero, forte di rapporti consolidati con determinate società e di un appeal incomparabile a livello nazionale. E siccome il diritto di riacquisto non è contemplato nella normativa che regola i trasferimenti in Italia (però in futuro magari si potrà) le società “riparano” approfondendo i rapporti, cementando le amicizie e cedendo calciatori sui quali si mantengono in corsia di sorpasso in prospettiva. E controllandoli da una postazione privilegiata, senza l’uso di droni o altri artifizi. E’ cosi che la Juventus ha messo su un gruzzolo da oltre 20 milioni nelle operazioni chiuse a gennaio. Nessuna new entry in prima squadra, più uscite legate ad elementi comunque “pedinati” dai bianconeri perché sul loro cartellino pende una sorta di gentlemen’s agreement, diversamente esplicabile con una formuletta da due parole: effetto Morata. Nessuna carta scritta, dunque, giacché non ci si può accordare su un’eventuale recompra di un giocatore già venduto. Piuttosto una sorta di corsia preferenziale per il futuro (di durata biennale/triennale) in virtù della quale un determinato elemento potrebbe rincasare a Torino in caso di nuova intesa fra le parti. Fonte: Tuttosport Secondo le norme che regola- Buoni rapporti con il Perugia. E all’estero occhio all’Olanda no i trasferimenti tra club italiani, un’operazione come quella che portò Alvaro Morata alla Juventus nell’estate 2014 e poi ricondusse lo spagnolo a Madrid nel 2016 non è possibile. Ma non è detto che la regola non possa essere cambiata. In un mercato di casa nostra in cui da anni sono sparite le comproprietà (e chi vuole posticipare un investimento consistente si rifugia nel prestito con obbligo di riscatto anziché acquistare un calciatore a titolo definitivo) la novità potrebbe non essere così lontana nel tempo. E sarà Beppe Marotta, amministratore delegato del club più titolato d’Italia, ad avanzare la proposta a Roma in Federcalcio. Sarebbe una garanzia in più per i giovani nonché un invito a investire sui calciatori italiani. Peraltro la Juventus, da anni, s’è fatta promotrice del progetto seconde squadre e il fatto che i talenti bianconeri debbano spesso e volentieri crescere altrove, in luoghi lontani dal proprio habitat, non può andare a genio. «Le seconde squadre rappresentano una necessità - ha spiegato Marotta più volte - perché sono propedeutiche all’ingresso in prima squadra. Penso ai modelli come la Spagna, dove le seconde squadre ci sono. Fonte: Tuttosport
  2. Approvata la riforma dei Campionati Giovanili Roma 07/07/2015 La riforma dei campionati giovanili nazionali decorrerà a partire dalla stagione 2016/2017, così come proposto dal Settore Giovanile e Scolastico. Le modifiche regolamentari (vedi Allegato B) sono ispirate ad un aumento della motivazione e della competitività degli stessi campionati e prevedono l’inserimento del Campionato Under 16 riservato alle squadre di Serie A e Serie B a completamento della filiera dei campionati giovanili. Fonte: figc.com Settore Giovanile e Scolastico: Campionati Nazionali Under17 e Under15 2015/2016 Il Consiglio Federale nella seduta del 7 luglio u.s. ha approvato per la stagione sportiva 2015/16, su indicazione del Settore Giovanile e Scolastico, le modifiche relative alle denominazioni dei Campionati, alla procedura delle sostituzioni, che sarà oggetto di apposita circolare e, a partire dalla stagione sportiva 2016/17, al format dei Campionati stessi. Pertanto, per la stagione sportiva 2015/2016, il Settore Giovanile e Scolastico organizza: il Campionato Nazionale Under 17 Serie A e B, riservato alle Società della Lega Nazionale Professionisti Serie A e della Lega Nazionale Professionisti Serie B. Data di inizio 06 Settembre 2015. il Campionato Nazionale Under 17 Divisione Unica Lega Pro, riservato alle Società della Lega Italiana Calcio Professionistico, al quale potranno partecipare le Società della Lega Nazionale Professionisti Serie A e della Lega Nazionale Professionisti Serie B, che abbiano allestito una squadra di categoria Under 17 Fascia B (calciatori che abbiano compiuto il 14° anno di età, ma che al 1° gennaio dell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva non abbiano compiuto il 15° anno di età con facoltà di utilizzare, senza limiti di impiego e ruolo, fino a due calciatori “fuori quota”, nati nell’anno 1999). Tali squadre parteciperanno con diritto di classifica ma non prenderanno parte alle fasi finali per l’assegnazione del titolo di “Campione d’Italia Under 17 Divisione Unica Lega Pro”. Data di inizio 13 Settembre 2015. il Campionato Nazionale Under 15, riservato alle Società della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Nazionale Professionisti Serie B e della Lega Italiana Calcio Professionistico. Data di inizio 13 settembre 2015. Per i Campionati Nazionali Under 17 Serie A e B, Divisione Unica Lega Pro, il calendario prevederà lo svolgimento delle gare la domenica alle ore 15.00. Per il Campionato Nazionale Under 15 il calendario prevederàlo svolgimento delle gare la domenica alle ore 11.00. PUBBLICATO IN ROMA IL 10 LUGLIO 2015. Fonte: COMUNICATO UFFICIALE N° 01 / Campionati Giovanili del 10/07/2015
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.