Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Archiviato

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.

AllenIverson

[VIDEO] Primavera TimCup, Finale di Andata: Juventus - Inter 0-1. Bianconeri belli e sfortunati. Due legni e due goal annullati a ‎Vadalá‬

Post in rilievo

Coppa Italia Primavera 2015/2016 - Finale di Andata

 

JUVENTUS - INTER 0-1

 

 

Juventus Stadium - Torino

Giovedì 7 Aprile 2016, ore 20.45

DIRETTA TV SPORTITALIA

 

JUVENTUS : Audero; Blanco Moreno, Severin, Lirola, Zappa (86' Coccolo); Bove (74' Toure), Cassata, Macek; Kastanos; Vadalá (67' Di Massimo), Favilli

A disp.: Vitali, Del Favero, Beruatto, Didiba, Morselli, Vogliacco, Parodi, Pozzebon, Kean

All. Fabio Grosso

 

INTER : Radu; Gravillon, Della Giovanna, Gyamfi, Miangue; Gnoukouri, Zonta, Bonetto; Delgado (58' Kouame), Manaj (84' Appiah), Baldini (90' Popa)

A disp.: Pissardo, Di Gregorio, Carraro, De Micheli, Sobacchi, Lombardoni, Rapaic, Mattioli, Bollini

All. Stefano Vecchi

 

Marcatori: 27' Bonetto (I)

Ammoniti: 19' Bove (J), 51' Della Giovanna (I)

 

Note: due gol annullati a Vadalá (J) per fuorigioco; traversa colpita da Vadalá (J) al 41'; incrocio dei pali colpito da Vadalá (J) al 50'

 

FOTO-GALLERY

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

07.04.2016 22:40 - in: Youth Teams

Primavera Tim Cup: allo Stadium passa l’Inter

I nerazzurri si aggiudicano per 1-0 la finale di andata di Tim Cup: fra una settimana si decide tutto a San Siro

 

CfeAHn0XEAAhVT0.jpg

 

Non bastano una prova volenterosa e sprazzi di bel gioco alla Primavera di Fabio Grosso, che nella finale di andata di Tim Cup viene superata in casa dall’Inter. È una cornice di pubblico bellissima quella che accoglie i ventidue protagonisti della sfida: lo Stadium presenta un bel colpo d’occhio, il tifo si fa sentire e, forse, per qualche minuto, i ragazzi sentono un po’ di pressione nel giocare per la prima volta in un teatro del genere.

Nella prima metà del tempo, infatti, accade molto poco: l’Inter è attendista, la Juve fatica a costruire gioco, la tensione si nota in particolare nei fraseggi sullo stretto e anche quando tenta di distendersi la squadra di Grosso non riesce a essere incisiva. Così accade che l’Inter passi alla prima vera occasione, al 26’: Bonetto gioca un pallone recuperato da un disimpegno difensivo bianconero, si presenta davanti ad Audero e lo trafigge con un rasoterra preciso nell’angolino destro. Il gol interista ha l’effetto di scuotere i bianconeri, che da quel momento accelerano, migliorano il controllo di palla e soprattutto alzano il loro tasso di aggressività. Kastanos, Favilli e soprattutto Vadalà si rendono più di una volta pericolosi: l’argentino, in particolare, colpisce una traversa clamorosa sottomisura e segna due volte, entrambe in fuorigioco. Funziona anche la fascia, soprattutto la destra: Macek imbecca un paio di volte Favilli, che non riesce a ribadire in rete.

Nella ripresa si ricomincia da dove ci si era interrotti: bianconeri in pressione, Inter in copertura, occasioni che arrivano dalla fascia. E ancora Vadalà si conferma molto attivo, sia in fase di assist che come tiratore (suo un clamoroso incrocio dei pali dopo 5 minuti del secondo tempo). Con l’andare dei minuti, però, la stanchezza comincia a prendere il sopravvento: le iniziative pericolose si fanno sempre più rare, e bisogna aspettare il 38’ della ripresa per avere un sussulto: conclusione da fuori area di Severin a incrociare da sinistra, su azione da calcio d’angolo. Fuori di pochissimo. E’ in sostanza questa l’ultima emozione di un match in cui forse i bianconeri avrebbero meritato di più: l’uno a zero, comunque, lascia tutti i discorsi aperti fra sei giorni a San Siro.

 

Fonte: juventus.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

07.04.2016 16:08 - in: Youth Teams

Marotta: «Giovanili, patrimonio importante»

A poche ore dalla finale di andata della Coppa Italia Primavera l'amministratore delegato sottolinea ai microfoni di Jtv l'attenzione della società per il Settore Giovanile

 

CfcifdGUIAEw7Nq.jpg

 

La Viareggio Cup appena messa in bacheca per la nona volta, il primo posto in campionato nel Gruppo A e ora una finale di Coppa Italia da giocare. La Primavera bianconera sta vivendo una stagione da incorniciare e a poche ore dalla gara di andata contro l'Inter in programma allo Stadium, l'amministratore delegato Giuseppe Marotta ribadisce ai microfoni di Jtv quanto sia alta l'attenzione della società per lo sviluppo delle Giovanili: «La Juventus rappresenta da sempre nel calcio italiano un punto di riferimento, sia per la valorizzazione dei propri giocatori che per i risultati ottenuti. Questo grazie alla forza del club a una struttura di primo livello come lo Juventus Center messo a disposizione dei ragazzi e dei tecnici. Intendiamo continuare su questa strada perché riteniamo che il Settore Giovanile rappresenta una parte importante del patrimonio tecnico della società».

 

La stessa attenzione viene rivolta anche ai ragazzi in prestito: «Quest'anno ne abbiamo più di 70 tra Italia e estero -sottolinea Marotta - C'è una struttura ad hoc, coordinata da Federico Cherubini che sta lavorando in modo egregio e che tiene i rapporti con i club e i giocatori e la nostra speranza è che alcuni di loro in futuro possano indossare la maglia bianconera. Un obiettivo che cerchiamo di perseguire nonostante la mancanza di una Seconda Squadra, che potrebbe invece garantire continuità anche per quanto riguarda la metodologia di allenamento».

«La Seconda Squadra garantirebbe ai nostri giovani la possibilità di fare esperienza in un contesto un po' più importante rispetto alla Primavera, ma meno pressante rispetto alla Prima Squadra – conclude l'amministratore delegato - Ritengo che, sulla scorta delle esperienze fatte in altre nazioni, che sia uno strumento indispensabile e auspico che le componenti federali recepiscano quanto prima questo messaggio».

 

Fonte: juventus.com

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

05.04.2016 11:07 - in: Primavera

Emil Audero: «Non è una partita come le altre»

Alla vigilia dell’andata della Finale di Tim Cup Primavera, parla il portiere bianconero

 

CfXi4U0WwAE1Glf.jpg

 

È una stagione importante, quella che sta vivendo Emil Audero. Portiere titolare della Primavera, ma ormai spesso nel giro della prima squadra, Audero si appresta a vivere un finale di annata emozionante e coinvolgente, che vuole coronare – come del resto i suoi compagni – in un solo modo: vincendo.

«Quella di giovedì non è una partita non come le altre - spiega ai microfoni di Sportitalia – Ci giochiamo una Finale, e inoltre la sfida è su due partite. Quindi dovremo essere bravi a mantenere la concentrazione comunque vada allo Stadium, senza abbatterci o esaltarci troppo a seconda del risultato».

Davanti ci sarà un avversario di alto livello: «L’Inter è una squadra temibile, hanno ottimi giocatori come il mio collega fra i pali e in attacco Manaj, che in questa stagione si è fatto spesso vedere in prima squadra, ha esperienza e carisma».

Come arrivano i bianconeri all’evento? «Siamo carichi ed emozionati, è una finale che mancava da un po’. Mister Grosso ci sta trasmettendo come sempre i suoi insegnamenti, i suoi valori e soprattutto il suo entusiasmo».

Infine, una parola sull’esperienza di Audero con “i grandi”: «Imparo tanto, vivo sensazioni bellissime. Quello che mi ha maggiormente impressionato è il valore umano dei giocatori, che sono ragazzi semplici e tranquilli. A livello tecnico, è molto formativo per me lavorare con il nostro reparto difensivo e soprattutto con Buffon. All’inizio allenarsi con Gigi è stata un’emozione indescrivibile, qualcosa di enorme. Non puoi fare altro che goderti il momento, e poi metterci tutta la passione e l’entusiasmo che si può provare allenandoti e imparando tantissime cose dal tuo idolo».

 

Fonte: juventus.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come siamo a pubblico? su Sportitalia parlavano di 12 mila per ora

 

E' gia ottimo per la primavera. Speriamo nei 20.000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come siamo a pubblico? su Sportitalia parlavano di 12 mila per ora

Adesso hanno detto che i biglietti staccati sono quasi 17 mila

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ultime notizie danno Romagna influenzato...assenza pesante se confermata

Assenza confermata, almeno secondo tuttojuve. Questo l'elenco dei convocati che hanno riportato loro:

Sono 26 i bianconeri convocati da Mister Grosso per il match di stasera allo Juventus Stadium, la Finale Primavera di Tim Cup contro l'Inter. Assente capitan Romagna.

Eccoli:

Emil Audero

Pietro Beruatto

Carlos Blanco Moreno

Gabriele Bove

Francesco Cassata

Luca Coccolo

Patrick Consol

Mattia Del Favero

Alessio Di Massimo

Alessandro Eleuteri

Andrea Favilli

Grigoris Kastanos

Bioty Moise Kean

Pol Lirola Kosok

Roman Macek

Fabio Morselli

Joss Didiba

Giulio Parodi

Stefano Pellini

Nicolo’ Pozzebon

Yoan Severin

Oumar Toure

Guido Vadalà

Leonardo Vitali

Alessandro Vogliacco

Claudio Zappa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il primo anello dovrebbe essere pieno.

Ho fatto il biglietto un ora fa e rimaneva solo qualche posto nella sud e nelle prime file della nord. Il secondo anello rimarrà chiuso

 

Cmq è un peccato perché si sarebbe potuto fare il tutto esaurito se si fossero organizzati meglio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Potevano far pagare una cifra simbolica di 1 euro e avere un servizio di vendita più efficiente. Penso che le persone avrebbero preferito pagare il prezzo di un caffè e non fare 2 ore di coda

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci sarà sicuramente al ritorno..fondamentale tenere aperta la finale

Anche se la chiudono già stasera io non mi offendo :d

Ma é chiaramente una battuta perché sappiamo tutti che si giocano quattro tempi e quelli di stasera sono solo i primi due : vedi la lazie, esattamente contro i nostri avversari di stasera, che in semifinale quasi quasi la sfangano ad appiano dopo averla persa in casa (tra l'altro con un'altra gazzarra generata dai Vecchi-boys e Manaj in modo particolare - fuoriquota provocatore peggiore in campo ma autore dei due gol decisivi, roba che a momenti i laziesi gli mettevano le mani addosso ... )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quindi gioca Severin al posto del capitano?

Letto dove? Comunque meglio lui di un Parodi (nel caso), almeno questo é veloce. Poi ha anche una fisicità da peso medio che si adatterebbe a fare a cazzotti (si fa per dire, ehh??) con manaj (che intanto romperà los cocones come d'abitudine, poi se capita proverà anche a giocare).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Letto dove? Comunque meglio lui di un Parodi (nel caso), almeno questo é veloce. Poi ha anche una fisicità da peso medio che si adatterebbe a fare a cazzotti (si fa per dire, ehh??) con manaj (che intanto romperà los cocones come d'abitudine, poi se capita proverà anche a giocare).

Non si sa se giocherà, e non mi piace fare commenti negativi su dei ragazzi, a maggior ragione se sono i nostri, ma come già dicevo in altre occasioni, Severin è veramente una sciagura li dietro, non da un minimo di sicurezza all'intero reparto, in alcune occasioni infatti recentemente (era il Viareggio ma non ricordo contro chi) si è visto bene come DelFavero si 'comporti' diversamente a seconda che la palla sia nella zona di Severin o in quella di Blanco. Sia tecnicamente che tatticamente gli ho visto fare errori (anche la semplice postura del corpo in contenimento, o il farsi attrarre dal pallone perdendo la sua posizione) veramente banali e grossolani per un ragazzo che il prossimo anno deve confrontarsi con il professionismo. Complice l'infortunio grave quando arrivò da noi, ma a distanza di un anno non lo trovo affatto migliorato! Già è un vero peccato affacciarsi alla finale d'andata senza Romagna... boh, forse si aspettavano di più da Parodi?!

 

Ad ogni modo, spero proprio mi faccia ricredere sta sera, e un in bocca al lupo a tutti i ragazzi! Già sarà emozionante per noi vederli allo Stadium, immagino loro! .ok.juve

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.