Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

giorgiop

Difesa a zona con le sue applicazioni tattiche oppure marcatura a uomo moderna con il controllo visivo attivo?

Recommended Posts

Giorgiop, spesso sono d´accordo con te. Ma su una cosa concordo un pó meno. Su Bonucci. Per te, almeno cosí ho capito, Bonucci era un pó il problema della difesa della Juve. Ma ora senza di lui prendiamo addirittura molti piú gol rispetto a prima. Come ce lo spieghi questo? Secondo me avevi un pó sottovalutato Bonucci che per me era l´anima della nostra squadra, con il suo grandissimo carisma e carattere. Poi é vero che aveva il difetto di girarsi spesso sui tiri avversari, ma anche gli altri suoi colleghi lo fanno. Benatia mi sembra tutt´altro che piú forte di Bonucci. E Chiellini senza il grandissimo leader Bonucci accanto fa molta fatica.

 

Per me l´unico problema é Allegri (mi sembra che lo hai detto pure tu che é lui il principale responsabile). Mica Bonucci. É la responsabilitá di Allegri se continuiamo a subire gol evitabili sempre e comunque...

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che Allegri gioca con la marcatura a zona anziché a uomo.

Khedira ha ancora il problema che tende a girarsi sui tiri dalla distanza, l'ho notato ieri sera.

 

Bonucci fa ancora gli stessi errori che faceva alla Juventus, non capisco se sia un problema suo, o se gli è stato inculcato da Allegri.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorgiop, spesso sono d´accordo con te. Ma su una cosa concordo un pó meno. Su Bonucci. Per te, almeno cosí ho capito, Bonucci era un pó il problema della difesa della Juve. Ma ora senza di lui prendiamo addirittura molti piú gol rispetto a prima. Come ce lo spieghi questo? Secondo me avevi un pó sottovalutato Bonucci che per me era l´anima della nostra squadra, con il suo grandissimo carisma e carattere. Poi é vero che aveva il difetto di girarsi spesso sui tiri avversari, ma anche gli altri suoi colleghi lo fanno. Benatia mi sembra tutt´altro che piú forte di Bonucci. E Chiellini senza il grandissimo leader Bonucci accanto fa molta fatica.

 

Per me l´unico problema é Allegri (mi sembra che lo hai detto pure tu che é lui il principale responsabile). Mica Bonucci. É la responsabilitá di Allegri se continuiamo a subire gol evitabili sempre e comunque...

 

 

Concordo su tutto, pienamente su Allegri che non credevo così indietro a proposito di come gestire la fase difensiva specialmente in area ritenendolo più preparato, meno incerto e sprovveduto sotto questo aspetto; ovvero pensavo che, via Bonucci, il problema gol evitabili si fosse risolto con la sua partenza mentre in realtà le cose sono rimaste tali e quali anzi forse peggio, con i giocatori rimasti che sanno giocare, come vuole Allegri, solo e malamente con utilizzo della zona e sue rischiose applicazioni tattiche; senza Bonucci direi a questo punto che la difesa della Juventus ha lasciato a desiderare prendendo ancor più gol evitabili a causa della zona, che i suoi interpreti di adesso dimostrano di non saper applicare bene; abbiamo ragione ancora una volta, le colpe di queste sconfitte da Cardiff a Roma ricadono solo ed esclusivamente sul conduttore della squadra, Allegri; la soluzione a tale problema sta nel passare alla marcatura a uomo moderna, elastica, con il controllo visivo attivo.

 

Il problema è che Allegri gioca con la marcatura a zona anziché a uomo.

Khedira ha ancora il problema che tende a girarsi sui tiri dalla distanza, l'ho notato ieri sera.

 

Bonucci fa ancora gli stessi errori che faceva alla Juventus, non capisco se sia un problema suo, o se gli è stato inculcato da Allegri.

 

Bravo hai notato bene tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Com'era la storia??senza Bonucci non si prendeva più i goal evitabili??ho visto si....

 

La verità è che la fase difensiva si fa da squadra non con i singoli...anche se ieri gli errori di Benatia e de sciglio sono da matita rossa...soprattutto quello di de sciglio...

 

 

La Juventus gioca a zona, una pessima zona, anche quando c'era Bonucci che vi partecipava quasi da estraneo, nel senso che non prendeva mai tanti palloni o parte al gioco d'area; via Bonucci la zona è rimasta tale e quale con i suoi interpreti di adesso che dimostrano incapacità, insufficienza per realizzarla nel migliore dei modi, essendo di difficile attuazione con i suoi meccanismi sincronizzati, automatici; colpa di Allegri che vuole la zona; ripeto, la zona ha fatto il suo tempo occorre cambiarla, eliminarla, sostituirla con la mia proposta di marcatura a uomo moderna.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riflessione su Allegri

 

 

Dopo la partenza di Bonucci pensavo che la difesa della Juventus avesse migliorato il suo potenziale tattico mettendola in sicurezza; non è andata in questo modo perché ho constatato che, anche senza di lui, la Juventus continua a subire ancora gol evitabili/evitabilissimi, come quello di Murgia, applicando solo ed esclusivamente la zona con le sue rischiose componenti tattiche; è la prova che Allegri non sa cosa sia la marcatura a uomo moderna, elastica, supportata, integrata dal controllo visivo attivo, oltre alla zona non sa fare altro in difesa e per giunta praticandola in maniera per niente redditizia, controproducente, con i difensori spesso allo sbando nell'attuarla, trattasi di un grosso limite, incredibile.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una domanda: ma esiste una squdra al mondo, che sappia applicare alla perfezione la marcatura a zona?

 

 

Rispondo volentieri anche a te come già fatto ad altri che mi hanno posto la tua stessa domanda; a tal proposito la situazione nel calcio moderno è questa che, stante la presenza perdurante della zona da quando è entrata in vigore, in uso ormai da quasi 30 anni, con le sue note componenti tattiche a discapito dell'uomo, del diretto avversario TRASCURATO, NON MARCATO, il gioco a zona in difesa, in area è comune a tutte le squadre, a tutti gli allenatori che la adottano copiandosi l'uno l'altro, incapaci di cambiare di cambiare sistema difensivo innovandosi, aggiornandosi; pertanto assodato questo va precisato che i gol evitabili ci sono e continuano la loro marcia irrefrenabile a carico anche di quelle squadre come l'Atletico Madrid che mostrano, in aggiunta, una particolare aggressività, pressione nella propria campo, in area nell'uno contro uno spesso al limite del fallo come avrai notato, una parvenza di marcatura a uomo non sistematica ma di contrasto fisico occasionale e basato soprattutto sulla spigolosità dei suoi giocatori; pertanto nessuna squadra per adesso ma le cose sono mature per cambiare secondo la mia proposta datata nel tempo, giocano con marcatura a uomo moderna, elastica, integrata ed innovata dal controllo visivo attivo; che, TIENI BEN PRESENTE, è di facile comprensione, insegnamento, attuazione anche in tempi brevi, rappresentando non solo la soluzione al problema dei gol evitabili, causa questi la Juventus ha perso in pochi mesi la finale di CL a Cardiff e la Supercoppa a Roma ma anche una svolta positiva nel calcio giocato con meno tatticismo, giro palla, minuti di gioco effetti persi e soprattutto con la ripresa, il ritorno dei difensori a uomo veri e propri che adesso sono stati sostituiti da difensori che fanno le belle statuine;

 

Questa mia prima parte della risposta è riferita alla tua domanda se avresti scritto ..ma esiste una squadra al mondo, che sappia applicare alla perfezione la marcatura a uomo (e non a zona come hai scritto)?

 

Se invece ti volevi riferire proprio alla squadra che gioca alla perfezione a zona o con marcatura a zona (dizione non appropriata) direi che, anche in questo caso, nessuna squadra può attribuirsi questo merito o primato per il semplice fatto che i gol evitabili non fanno distinzione tra quelle brave o meno brave applicando la zona, si vedono sempre e comunque a causa dei rischiosi dettami tattici che la contrassegnano; se poi vogliamo parlare della zona mista allora ti preciso subito che all’inizio si era pensato anche a questa forma alternativa alla zona pura ma di fatto è stato un flop prima ancora di essere avviata, praticata perché o si marca l’uomo o si sta a guardarlo applicando i dettami della zona.

 

Spero di essere stato chiaro, in una parola, restando a casa nostra, se Allegri vuole continuare a vincere con la Juventus e non mettere in forse la sua panchina deve dire BASTA ALLA ZONA e passare a giocare in difesa, in area adottando la mia proposta di marcatura a uomo moderna; ne è capace? Questo è un altro discorso ma ritengo di sì, se ha bisogno di un collaboratore sono a sua completa disposizione.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

https://youtu.be/0TXmzFJ9a00

 

 

Juventus vs Lazio 2 3 Supercoppa: classificazione con analisi dei gol

 

Gol di Immobile imparabile/inevitabile, calcio di rigore però il fallo di Buffon è stato giocoforza causato dalla libertà concessa all’attaccante che nel suo inserimento nessuno lo ha marcato venendosi a trovare a tu per tu con il portiere;

 

Gol di Immobile super evitabilissimo, causato da mancanza di marcatura a uomo moderna, elastica, con il controllo visivo attivo, per effetto della zona applicata in area con le sue rischiose, speculative componenti tattiche, l’attaccante viene lasciato libero, completamente trascurato da Benatia che lo sta a guardare, per lui buttarla dentro di testa sotto misura a due passi dalla porta è come sbrigare una semplice formalità di rito, incredibile;

 

Gol di Dybala imparabile/inevitabile punizione ad aggirare la barriera battuta da manuale;

 

Gol di Dybala imparabile/inevitabile, calcio di rigore;

 

Gol di Murgia super evitabilissimo, causato da mancanza di marcatura a uomo moderna, elastica, applicando il controllo visivo attivo, con una difesa abituata a giocare e a muoversi a zona tenendo a distanza anzi trascurando l’attaccante, senza stringere preventivamente lo spazio per stare incollato a manifesto all’attaccante posizionato tra lui e la porta, errore clamoroso di Pjanic; così Murgia viene a trovarsi tutto solo davanti alla porta, riceve l’assist dal compagno al centro e di piede la butta dentro nel più facile dei modi, chiudendo gli occhi e la partita, incredibile.

 

Esattamente quello che ho pensato anche io. Gol inevitabile solo perchè Immobile invece di appoggiarla il porta ha deciso di saltare Buffon procurandosi il rigore. Avesse segnato subito, anche al netto dell'errore di un pessimo Cuadrado, per quanto mi rigurda questo gol finiva sicuramente nella categoria "evitabili". Dallo stadio si è visto benissimo che nessuno ha prestato la minima attenzione all'attaccante laziale che ha potuto infilarsi indisturbato nella nostra linea difensiva. Brutto atteggiamento dei nostri che si è ripetuto anche nelle altre due occasioni che ci sono costate la sconfitta.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esattamente quello che ho pensato anche io. Gol inevitabile solo perchè Immobile invece di appoggiarla il porta ha deciso di saltare Buffon procurandosi il rigore. Avesse segnato subito, anche al netto dell'errore di un pessimo Cuadrado, per quanto mi rigurda questo gol finiva sicuramente nella categoria "evitabili". Dallo stadio si è visto benissimo che nessuno ha prestato la minima attenzione all'attaccante laziale che ha potuto infilarsi indisturbato nella nostra linea difensiva. Brutto atteggiamento dei nostri che si è ripetuto anche nelle altre due occasioni che ci sono costate la sconfitta.

 

 

Bravo continua così, credo che in due o meglio in più di due analizzando i gol evitabili come facciamo, specialmente quelli subiti dalla Juventus, riusciremo ad ottenere dei risultati sul piano del miglioramento e sicurezza del sistema difensivo, convincendo Allegri a cambiarlo nel modo che sappiamo e auspichiamo ovvero con uno stop definitivo alla zona e con il passaggio alla marcatura a uomo moderna, elastica come da me proposta; non ci credevo ma dopo la partenza di Bonucci mi sono reso conto che Allegri dimostra di sapere difendersi solo a zona in difesa, correndo rischi enormi, cosa che mi ha sorpreso e anche preoccupato stante gli uomini messi in area a presidio della porta che quanto a marcatura contro la Lazio e contro il Tottenham hanno fallito completamente il loro compito; Murgia non può segnare facile in quel modo lasciato completamente solo e libero a centro area, nel ricevere il passaggio a rimorchio con i difensori in netta superiorità numerica, fermi e attratti dalla palla compreso Pjanic che era l'unico posizionato meglio per annullare la pericolosità dell'attaccante stringendo la marcatura su di lui previo controllo visivo attivo, incredibile.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma posso chiedere una cosa?

Ma sono l'unico che non ha ancora capito cosa sia ESATTAMENTE il controllo visivo attivo?

E che differenza c'è tra marcatura a uoo antica e moderna?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Napoli vs Nizza 2 0 : classificazione con analisi dei gol

 

 

Gol di Mertens evitabilissimo, causato da mancanza di marcatura a uomo moderna, elastica, previo controllo visivo attivo, tenuto a distanza non di sicurezza dal difensore in linea che lo lascia andare nel suo movimento in verticale verso la palla appoggiatagli in avanti, per l’attaccante riceverla con i due difensori fermi a fare le belle statuine e buttarla dentro indisturbato a tu per tu con il portiere saltandolo in uscita, è cosa da ragazzi;

 

Gol di Jorginho imparabile/inevitabile, calcio di rigore.

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma posso chiedere una cosa?

Ma sono l'unico che non ha ancora capito cosa sia ESATTAMENTE il controllo visivo attivo?

E che differenza c'è tra marcatura a uoo antica e moderna?

 

Tranquillo che ben volentieri lo spiego anche a te rassicurandoti che non sei rimasto l'unico o l'ultimo a non sapere ancora cosa sia il controllo visivo attivo; prima di trascriverla ricavandola dal mio libro "Dizionario glossario del gioco del calcio" vorrei presentarlo, il CVA in sigla, come l'elemento innovativo formante parte integrante e sostanziale della marcatura moderna, elastica da me studiata ed elaborata per sostitirla alla zona, aggiornando e migliorando la marcatura a uomo del passato; il CVA non è usato dai giocatori nel calcio giocato e può essere utilizzato in entrambe la fasi di gioco soprattutto in quella difensiva, consiste nel tenere d'occhio, con movimenti laterali della testa, la situazione di gioco in atto, guardando alternativamente il diretto avversario e la palla, il suo portatore per venire a trovarsi sempre al posto giusto nel momento giusto; è la chiave di lettura del gioco a 360° che sviluppa e implementa il concetto di visione periferica; il CVA rende moderna ed intelligente la marcatura a uomo per i motivi anzidetti da me proposti e si distingue da quella vecchia maniera del passato da cui, a parte l'attenzione verso l'uomo, il diretto avversario, non ha ereditato il seguire l'avversario fin dentro lo spogliatoio, il fargli sentire il fiato sul collo o il mordergli le calcagna, cose vecchie da me non riprese in quanto non pertinenti con questa mia proposta;

Ecco la defnizione di controllo visivo attivo:

 

 

Atteggiamento tattico in fase difensiva da cui dipende la scelta della presa di posizione corretta, nella marcatura a uomo moderna, da parte del difensore sull’attaccante di riferimento, consistente nel tenere d’occhio contemporaneamente, inquadrati nello stesso campo visivo, il battitore o il portatore di palla che conduce l’azione contro e, se rimane fermo, l’avversario da marcare (situazione statica); al contrario, se questi si mette in azione per proporsi, inserirsi nello spazio (situazione dinamica) senza finire in netto fuorigioco, il difensore dovrà seguirlo alternando l’attenzione ora su di lui, ora sulla palla, con rapidi e continui movimenti laterali del capo, girando la testa, in modo da leggere la situazione del gioco in corso e, nello stesso tempo, effettuare spostamenti prendendo regolare posizione sul diretto avversario per essere marcato stretto in area e meno stretto sulle fasce (concetto di elasticità) in base alla sua pericolosità, con l’accortezza di non concedergli mai quello spazio che renderebbe vano l’anticipo, la diagonale, la copertura, il contrasto o l’eventuale uno contro uno, fatta salva la possibilità di andare sulla palla qualora non giunga al destinatario.

 

 

E queste sono le figure che rappresentano la disposizione in difesa, in area dei giocatori applicando la mia proposta di marcatura a uomo moderna:

 

figura1.jpg?itok=m898B8XB

 

figura2.jpg?itok=1MF8bHuU

 

figura3.jpg?itok=NqSS556N

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma solo a me sta marcatura a uomo con CVA sembra una grande *? Capisco tutta la tua buon volontà nello sciorinare termini e commentare goal....per te tutti evitabili, mi verrebbe da dire che bhe, in qualsiasi sistema di gioco...o anche gioco siverso dal calcio, gli errori determinano i risultati e tutte le modalità si gioco pkrtano con se un bagaglio enorme si errori possibili. Ma tornando al tuo sistema difensivo, cosa ti da la certezza che funzionerebbe in ogni caso meglio di una difesa a zona.Tenenso conto che devi integrare questo tuo aspetto tattico nella interezza del gioco che non è fatto solo dalla fase si difesa passiva.In questa tua marcatura a uomo con CVA in che modo i difensori interagiscono nel caso in cui, cosa probabile. Il difensore venga saltato da un semplice dribling e che quindi la zona successiva si trovi completamente sguarnita? Oppure si sa che uno dei difetti della marcatura a uomo è quella della totale anarchia nel caso un giocatori toppi l'intervento oppure seppure riesce, rallenti in modo estremo l'inizio della azione contraria in quando i giocatori si trovano non nella loro zona di gioco ma nella zona del loro avversario...nutro serissimi dubbi sulla tua proposta di difesa a uomo con cva...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma solo a me sta marcatura a uomo con CVA sembra una grande *? Capisco tutta la tua buon volontà nello sciorinare termini e commentare goal....per te tutti evitabili, mi verrebbe da dire che bhe, in qualsiasi sistema di gioco...o anche gioco siverso dal calcio, gli errori determinano i risultati e tutte le modalità si gioco pkrtano con se un bagaglio enorme si errori possibili. Ma tornando al tuo sistema difensivo, cosa ti da la certezza che funzionerebbe in ogni caso meglio di una difesa a zona.Tenenso conto che devi integrare questo tuo aspetto tattico nella interezza del gioco che non è fatto solo dalla fase si difesa passiva.In questa tua marcatura a uomo con CVA in che modo i difensori interagiscono nel caso in cui, cosa probabile. Il difensore venga saltato da un semplice dribling e che quindi la zona successiva si trovi completamente sguarnita? Oppure si sa che uno dei difetti della marcatura a uomo è quella della totale anarchia nel caso un giocatori toppi l'intervento oppure seppure riesce, rallenti in modo estremo l'inizio della azione contraria in quando i giocatori si trovano non nella loro zona di gioco ma nella zona del loro avversario...nutro serissimi dubbi sulla tua proposta di difesa a uomo con cva...

 

 

Adesso è tardi ti rispondo domani in mattinata, sappi per adesso che ho le risposte pronte ed esaurienti per tutte le tue osservazioni fattemi, che non sono le prime già altri me le hanno sottoposte ricevendo riscontro completo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso è tardi ti rispondo domani in mattinata, sappi per adesso che ho le risposte pronte ed esaurienti per tutte le tue osservazioni fattemi, che non sono le prime già altri me le hanno sottoposte ricevendo riscontro completo.

In realtà non rispondi mai

Ti limiti a dire: "ciao ti rispondo ben volentieri [risposta copia/incolla n°x) e, facendo le tue solite supercazzole, eviti la domanda.

 

Ti è stato chiesto: dall'alto della tua conoscenza divina, che differenza c'è tra marcatura ad uomo "moderna" ed "antica"?

 

; prima di trascriverla ricavandola dal mio libro "Dizionario glossario del gioco del calcio" vorrei presentarlo(Basta farti pubblciità,davvero, siamo al limite del grottesco. Spari frasi a vanvera da anni solo per vendere un libricino prolisso e senza contenuti a 15-20 euro.....ebbasta......)

 

 

, il CVA in sigla, come l'elemento innovativo formante parte integrante e sostanziale della marcatura moderna, elastica da me studiata ed elaborata per sostitirla alla zona, aggiornando e migliorando la marcatura a uomo del passato; il CVA non è usato dai giocatori nel calcio giocato e può essere utilizzato in entrambe la fasi di gioco soprattutto in quella difensiva, consiste nel tenere d'occhio, con movimenti laterali della testa, la situazione di gioco in atto, guardando alternativamente il diretto avversario e la palla, il suo portatore per venire a trovarsi sempre al posto giusto nel momento giusto;

 

 

(Tu mi stai dicendo che il tuo controllo attivo del tarapia tapioco bitumato con scappellamento a destra consiste nel far girare la testa ai calciatori mentre marcano ad uomo, COSA FATTA DA QUALSIASI GIOCATORE AL MONDO! Ma ti rendi conto del ciarpame che scrivi?)

 

 

 

Quindi il CVA consiste nel dire ai giocatori "GUARDATI ATTORNO!". Eh bhè, rivoluzione calcistica abbestia eh?

Ora, se vuoi rispondere,per una volta in vita tua, con una risposta normale e dire se ho ragione o torto bene,se devi spararmi il solito pistolotto pieno di parole effimere e vacue, lascia perdere

 

 

9_6.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Napoli vs Nizza 2 0 : classificazione con analisi dei gol

 

 

Gol di Mertens evitabilissimo, causato da mancanza di marcatura a uomo moderna, elastica, previo controllo visivo attivo, tenuto a distanza non di sicurezza dal difensore in linea che lo lascia andare nel suo movimento in verticale verso la palla appoggiatagli in avanti, per l’attaccante riceverla con i due difensori fermi a fare le belle statuine e buttarla dentro indisturbato a tu per tu con il portiere saltandolo in uscita, è cosa da ragazzi;

 

Gol di Jorginho imparabile/inevitabile, calcio di rigore.

 

 

Aggiungiamo che a metà primo tempo lo "schema Napoli" (la solita palletta a scavalcare la difesa per Callejon) stava per l'ennesima volta facendosi beffe della difesa immobile in linea a pensare non si sa cosa (forse a quanto è brutto il San Paolo) con Callejon lasciato libero di infilarsi indisturbato tra le larghissime maglie difensive. Per fortuna del Nizza l'attaccante ha deciso di calciare addosso al portiere. Mi sembra incredibile (e intollerabile) che in situazioni estremamente vantaggiose per la difesa (4 contro 1) non ci si decida ad adottare contromisure efficaci. L'argomento mi sta a cuore visto che lo "schema Napoli" molto spesso ci ha colpito.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma solo a me sta marcatura a uomo con CVA sembra una grande *? Capisco tutta la tua buon volontà nello sciorinare termini e commentare goal....per te tutti evitabili, mi verrebbe da dire che bhe, in qualsiasi sistema di gioco...o anche gioco siverso dal calcio, gli errori determinano i risultati e tutte le modalità si gioco pkrtano con se un bagaglio enorme si errori possibili. Ma tornando al tuo sistema difensivo, cosa ti da la certezza che funzionerebbe in ogni caso meglio di una difesa a zona.Tenenso conto che devi integrare questo tuo aspetto tattico nella interezza del gioco che non è fatto solo dalla fase si difesa passiva.In questa tua marcatura a uomo con CVA in che modo i difensori interagiscono nel caso in cui, cosa probabile. Il difensore venga saltato da un semplice dribling e che quindi la zona successiva si trovi completamente sguarnita? Oppure si sa che uno dei difetti della marcatura a uomo è quella della totale anarchia nel caso un giocatori toppi l'intervento oppure seppure riesce, rallenti in modo estremo l'inizio della azione contraria in quando i giocatori si trovano non nella loro zona di gioco ma nella zona del loro avversario...nutro serissimi dubbi sulla tua proposta di difesa a uomo con cva...

 

Provo a rispondere parzialmente io in attesa che Giorgio ti fornisca tutti i particolari che ti interessano.

Prendo ad esempio quello che io chiamo lo "schema Napoli", il gol di Callejon che taglia indisturbato sul secondo palo con tutta la difesa immobile attratta dal giocatore che porta palla dalla parte opposta dell'area ed effettua il lancio. Se guardi i due gol segnati lo scorso anno dall'attaccante spagnolo a Torino contro la Juventus, sia in campionato che in coppa Italia, quello che subito balza all'occhio è la situazione di vantaggio numerico della difesa sull'attacco. Parliamo di 4 contro 1 oppure 5 contro 2 se consideriamo il portatore di palla e il suo diretto oppositore. In entrambi i casi (ma la situazione si ripete praticamente su tutti i gol di Callejon) la situazione è di facile lettura. Se l'ultimo difensore invece di seguire passivamente la linea finendo poi per farsi scavalcare dal pallonetto, guardasse l'inserimento del giocatore alle sue spalle e si staccasse per seguirlo (cosa che avviene in sicurezza vista la superiorità numerica dei difensori, situazione di cui il difensore di rende conto avendo sotto controllo sia il movimento del pallone che quello del diretto avversario) potrebbe contastare Callejon nel momento in cui batte a rete rendendogli certamente la vita più complicata. A quel punto l'eventuale gol sarebbe dovuto alla bravura dell'attaccante di vincere il duello diretto con il difensore e quindi inevitabile.

Aggiungo, e Giorgio è liberissimo di correggere tutti i miei eventuali errori, che per marcatura a uomo non devi intendere una situazione di gioco in cui ogni difensore viene portato a spasso per il campo dall'avversario. La proposta di Giorgio ha come obbiettivo quello di rendere la fase difensiva "attiva" e non più passiva nei confronti dello sviluppo dell'azione. Il CVA, che a mio avviso è fondamentale anche in altre fasi di gioco (esempio il pressing a centrocampo) è lo strumento di controllo del gioco che consente questo passaggio.

Se hai la pazienza di rileggere alcune pagine di questa discussione, soprattutto le analisi dei gol ti accorgerai che molti sono inevitabili in quanto in seguito a dribbling vincente l'attacco si mette in condizione di superiorità sulla difesa. Ti porto come esempio il gol di Neymar nella finale di Berlino contro di noi.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungiamo che a metà primo tempo lo "schema Napoli" (la solita palletta a scavalcare la difesa per Callejon) stava per l'ennesima volta facendosi beffe della difesa immobile in linea a pensare non si sa cosa (forse a quanto è brutto il San Paolo) con Callejon lasciato libero di infilarsi indisturbato tra le larghissime maglie difensive. Per fortuna del Nizza l'attaccante ha deciso di calciare addosso al portiere. Mi sembra incredibile (e intollerabile) che in situazioni estremamente vantaggiose per la difesa (4 contro 1) non ci si decida ad adottare contromisure efficaci. L'argomento mi sta a cuore visto che lo "schema Napoli" molto spesso ci ha colpito.

 

 

Ormai la questione e la problematica che hai esposto sopra ti sono chiare anche nei dettagli, il che ti rende merito da parte mia che di queste cose, da anni, ne vado studiando, esaminando, analizzando con relative soluzioni tecnico tattiche avanzate, che altro non sono se non quelle contromisure da te auspicate a fronte della zona e delle sue assurdità in difesa laddove pure in netta superiorità numerica la squadra avversaria, nello specifico il Nizza, subisce lo stesso gol evitabili, come successo anche alla Juventus con Murgia nella Supercoppa; l'importante è stare in linea, attaccare la palla, sperare nel fuorigioco, così si è a posto con la coscienza, la zona è stata rispettata, non importa se l'attaccante è stato trascurato, incredibile.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Provo a rispondere parzialmente io in attesa che Giorgio ti fornisca tutti i particolari che ti interessano.

Prendo ad esempio quello che io chiamo lo "schema Napoli", il gol di Callejon che taglia indisturbato sul secondo palo con tutta la difesa immobile attratta dal giocatore che porta palla dalla parte opposta dell'area ed effettua il lancio. Se guardi i due gol segnati lo scorso anno dall'attaccante spagnolo a Torino contro la Juventus, sia in campionato che in coppa Italia, quello che subito balza all'occhio è la situazione di vantaggio numerico della difesa sull'attacco. Parliamo di 4 contro 1 oppure 5 contro 2 se consideriamo il portatore di palla e il suo diretto oppositore. In entrambi i casi (ma la situazione si ripete praticamente su tutti i gol di Callejon) la situazione è di facile lettura. Se l'ultimo difensore invece di seguire passivamente la linea finendo poi per farsi scavalcare dal pallonetto, guardasse l'inserimento del giocatore alle sue spalle e si staccasse per seguirlo (cosa che avviene in sicurezza vista la superiorità numerica dei difensori, situazione di cui il difensore di rende conto avendo sotto controllo sia il movimento del pallone che quello del diretto avversario) potrebbe contastare Callejon nel momento in cui batte a rete rendendogli certamente la vita più complicata. A quel punto l'eventuale gol sarebbe dovuto alla bravura dell'attaccante di vincere il duello diretto con il difensore e quindi inevitabile.

Aggiungo, e Giorgio è liberissimo di correggere tutti i miei eventuali errori, che per marcatura a uomo non devi intendere una situazione di gioco in cui ogni difensore viene portato a spasso per il campo dall'avversario. La proposta di Giorgio ha come obbiettivo quello di rendere la fase difensiva "attiva" e non più passiva nei confronti dello sviluppo dell'azione. Il CVA, che a mio avviso è fondamentale anche in altre fasi di gioco (esempio il pressing a centrocampo) è lo strumento di controllo del gioco che consente questo passaggio.

Se hai la pazienza di rileggere alcune pagine di questa discussione, soprattutto le analisi dei gol ti accorgerai che molti sono inevitabili in quanto in seguito a dribbling vincente l'attacco si mette in condizione di superiorità sulla difesa. Ti porto come esempio il gol di Neymar nella finale di Berlino contro di noi.

 

Bravo, esposizione, analisi che non fa una grinza come concetto di base e come condivisione con il mio pensiero naturalmente; volevo solo aggiungere un dato statistico che rientra nella classificazione dei gol tra Evitabili e Imparabili/Inevitabili da me registrati facenti parte della mia videoteca che ne raccoglie oltre 18.000, per dire che di questi, nell'arco di 17 anni, ne ho selezionati 2.000 di Evitabili tra i più significativi ed eloquenti tratti da partite giocate ai massimi livelli competitivi nazionali ed esteri; dove quanto, hai messo in evidenza sui gol e sui movimenti di Callejon, rappresenta una costante dimostrativa, un comune denominatore causale, inconfondibile e distintivo, da rimanere con gli occhi sbarrati; li ho registrati anche a scopo didattico per comprovare la fondatezza del mio studio sulla zona che, con le sue componenti tattiche, è la principale accusata da mettere sul banco degli imputati.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lungi da me denigrare tutta questa teoria, ma sono piuttosto scettico.

Io sono un programmatore ed una volta un collega venne da me per dirmi che un suo ex compagno universitario aveva trovato un algoritmo per comprimere immagini senza perdita di qualità il cui risultato era un file 1/10 di quello di una jpg. Questo avrebbe portato ad una rivoluzione anche nella compressione video. Io non ci credevo ma non perché fossi assolutamente convinto che fosse tecnicamente impossibile ma solo perché una cosa del genere la porti alla Apple, alla Microsoft o a Google e se ti va male ti danno 500.000.000 di euro.

Lo stesso vale per la tua teoria, se è così efficace mi viene da pensare che la porti al Real Madrid e la trasformi nella squadra più forte della storia del calcio. Una squadra che vince ogni partita. Oppure magari la porti ad ADL e fai vincere uno scudo al Napoli :d

 

Invece non capisco come nessuno segua questa semplice tattica e preferisca continuare a prendere decine di gol evitabili ogni anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ...........................con cva...

 

 

Ti ho citato sopra restringendo il tuo post racchiuso con puntini tra la prima e l’ultima parola, saltando il testo per non appesantire il tutto ma l’ho ripeso per intero qui sotto anche per rispondere meglio, passo dopo passo, alle tue osservazioni, confutazioni che, ripeto, mi sono note e non mi dicono nulla di nuovo; intanto ribadisco subito che il gol di Mertens era evitabilissimo, i difensori delle mie squadre che ho allenato in passato a livello dilettante, non avrebbero mai lasciato solo in quel modo, tra due difensori incerti sul da farsi, l’attaccante, con tempo e spazio a volontà grazie alla zona applicata dal Nizza, che ha finito per facilitare il suo inserimento a rete come fosse un gioco da ragazzi; per me sono leggende metropolitane infondata quelle fatte circolare dai sostenitori, propugnatori della zona e sue inaffidabili applicazioni tattiche, trovando delle motivazioni a scapito della marcatura a uomo specie sulle ripartenza, sulla squadra lunga, sugli spazi che si creano in difesa, sul seguire il diretto avversario sistematicamente con un collegamento a quanto avveniva in passato che, come ho precisato nel mio post sopra al n. 1787, non ha nulla a che vedere con la mia proposta di marcatura a uomo moderna, se lo si legge bene, attentamente per intero; anche con la marcatura a uomo c’erano le sviste nel lasciare l’attaccante libero con i difensori attratti dalla palla, non attivi nel controllare visivamente i suoi movimenti, la sua posizione; un esempio su tutti che porto sempre in questi casi, con questi discorsi, è il gol di Schnellinger al 90° nella partita del secolo del 1970, in pieno regime di marcatura a uomo, che, tutto solo, libero, incustodito, diede il momentaneo pareggio alla Germania con un zampata davanti alla porta e la nostra difesa a fare le belle statuine; ciò premesso adesso rispondo alle tue interessanti osservazioni, estrapolando i vari passaggi del tuo post, in modo da rendere ancor meglio comprensibile e razionale il mio pensiero;

 

 

Scusate, ma solo a me sta marcatura a uomo con CVA sembra una grande *? Capisco tutta la tua buon volontà nello sciorinare termini e commentare goal....per te tutti evitabili, mi verrebbe da dire che bhe, in qualsiasi sistema di gioco...o anche gioco siverso dal calcio, gli errori determinano i risultati e tutte le modalità si gioco pkrtano con se un bagaglio enorme si errori possibili.

 

Scusami non mi hai letto abbastanza a fondo, non hai compreso per intero il mio pensiero, discorso sul tema dei gol e dell’oggetto di questo mio topic; potrei limitarmi a rimandarti semplicemente alla classificazione dei gol, unica nel suo genere fatta dagli addetti ai lavori, tra Evitabili ed Imparabili/Inevitabili per rispondere a questo tuo passaggio ma mi sembra un forma sbrigativa e poco partecipata, anche scortese nell’assecondare questo nostro dialogo, cosa che non sono abituato a fare solitamente anche se qui mi ripeto; devi sapere che i gol evitabili dipendono in parte sia dall’applicazione della zona, con i suoi dettami tattici ben noti che portano a trascurare l’attaccante commettendo sempre gli stessi errori, uguali e rinnovati, sempre causati da mancanza di marcatura a uomo; pertanto si tratta di errori tattici “sui generis” che, per la loro connotazione, è sufficiente eliminare, sradicare passando a giocare dalla zona alla marcatura a uomo da me rivista ed aggiornata con il controllo visivo attivo, rivalutando ovviamente la prerogativa dell’attenzione sull’uomo che la zona ha scartato con tutte le conseguenze che ne sono derivate, anche in termini di carenza o scomparsa della categoria dei difensori validi, puri; come pure da un altro tipo di errore tecnico che è quello di girarsi, scansarsi, schivarsi, sui tiri diretti in porta o nei passaggi terminale tra avversari prima che la palla entri in rete; tale errore è sanabile, correggibile ricorrendo alla regola della Posizione Frontale Attiva da me formulata appositamente per superare tale problema, ideando anche delle esercitazioni specifiche, mirate che nessuna squadra, nessun allenatore conosce e mette in atto, prova, nemmeno la Juventus a Vinovo; altro discorso sono i gol Imparabili/Inevitabile sui quali il portiere poco o nulla può fare per impedire alla palla di entrare in rete, caratterizzati, individuati dalla casistica, sempre da me elaborata, nella quale sussistono errori involontari, gesti tecnici da manuale, sviste arbitrali, casualità, fortuna ed altro ancora che t’invito a leggere bene;

 

 

Ma tornando al tuo sistema difensivo, cosa ti da la certezza che funzionerebbe in ogni caso meglio di una difesa a zona.

 

Tutto il mio studio è partito allora proprio dall’osservazione ed analisi dei gol che andavo visionando e registrando, in particolare quelli che poi ho chiamato Evitabili in quanto mi sono reso conto che bastava impedire tatticamente all’attaccante di rimanere libero, costantemente libero e in maniera troppo facile per andare a rete, individuandone la causa nel sistema zona; per me la sua era una libertà di fatto gratuita, inspiegabile, inammissibile stante il concetto di difesa che, secondo me, è il combinato disposto tra guardare e marcare a uomo uguale difendere, guardo quindi marco quindi difendo; con la zona siamo in un altro pianeta, quello dell’assurdo perché l’attaccante, l’avversario si ferma solo virtualmente non fisicamente con il contrasto; infine ma non per ultimo devo ribadire che quando ho allenato dal 1980 al 1995 le mie squadre che prima, con altri allenatori, subivano gol evitabili a manetta, causa la zona che praticavano in difesa, cui erano soliti giocate, passando a giocare con marcatura a uomo moderna, elastica con il CVA, i gol evitabili si erano ridotti allo zero, rimanendo solo un brutto ricordo e pur con una squadra non di primo livello ci siamo piazzati sempre bene in classifica dando del filo da torcere alle avversarie più quotate e meglio attrezzate;

 

 

Tenenso conto che devi integrare questo tuo aspetto tattico nella interezza del gioco che non è fatto solo dalla fase si difesa passiva.In questa tua marcatura a uomo con CVA in che modo i difensori interagiscono nel caso in cui, cosa probabile. Il difensore venga saltato da un semplice dribling e che quindi la zona successiva si trovi completamente sguarnita?

 

Assolutamente no, sempre coperta, la mia difesa a uomo come proposto s’inserisce nel contesto di gioco globale della squadra dove da centrocampo in su si pressa anche lì in maniera intelligente, non andando in 3 sul portatore di palla come si vede anche nel gioco della Juventus, attenti e catturati dal potere attrattivo della palla, del suo portatore, nessuno che gira la testa per tenere d’occhio e leggere la situazione di gioco in atto, in evoluzione, TUTTI MUOVONO LA TESTA SOLO IN DIREZIONE DELLA PALLA E LA SUA CIRCOLAZIONE, sbagliando si disinteressano di quanto succede alle loro spalle; l’ho già detto nella mia difesa si è sempre in superiorità numerica, in 1 in più, non in 2 o in 3 come con i moduli della Juventus o di altre squadra; se un difensore centrale o esterno viene superato in dribbling, niente paura, nessun problema, c’è sempre la copertura dell’uomo che impersona la superiorità numerica, per capirci quello che una volta era chiamato “libero”, che non sta mai in linea ma leggermente arretrato per intervenire a tappare i buchi all’occorrenza, servendosi del controllo visivo attivo; il difensore saltato avrà cura di arretrare velocemente per fungere a sua volta da libero o per andare a marcare eventuali inserimenti da dietro di attaccanti lasciati avanzare liberi da soli;

 

 

Oppure si sa che uno dei difetti della marcatura a uomo è quella della totale anarchia nel caso un giocatori toppi l'intervento oppure seppure riesce, rallenti in modo estremo l'inizio della azione contraria in quando i giocatori si trovano non nella loro zona di gioco ma nella zona del loro avversario...nutro serissimi dubbi sulla tua proposta di difesa a uomo con cva...

 

Chi l’ha detto questo dell’anarchia, i fautori della zona detrattori della marcatura a uomo quella ancora di vecchio stampo che con quella mia pensata ed elaborata in maniera moderna, aggiornata, elastica non ha nulla da spartire, fatta eccezione dell’unico elemento in comune, irrinunciabile che è l’attenzione, il controllo intelligente del diretto avversario, diretto perché nella mia proposta di marcatura esiste, è previsto l’abbinamento delle coppie già prima di scendere in campo salvo possibilità di interscambio quando il gioco, il suo ritmo lo rende possibile; se l’intervento del difensore sull’attaccante ha successo, è con la mia marcatura a uomo che la ripartenza o la transizione è più rapida e ripetitiva rispetto alla zona dove, in questi casi, spesso e volentieri c’è l’interruzione del gioco dovuto al fuorigioco, al passaggio all’indietro al portiere o peggio ancora al tanto disprezzato, criticato giro palla tra difensori; se io difensore supero l’avversario parto direttamente e velocemente verso il centrocampo per partecipare all’azione offensiva scambiando palla in avanti o addirittura entrando nella trequarti avversaria come si vede fare talvolta da Chiellini in modo intelligente e proficuo andando anche a segnare; tutto semplice che diventa complicato per chi ha sempre giocato a zona, ricorda e si raffronta unicamente con la marcatura a uomo vecchio stampo e non conosce invece quanto da me scritto in questo topic che ho aperto appositamente per trattare quello che stiamo trattando adesso; siccome la mia proposta è semplice da spiegare, imparare e mettere in pratica, te lo dice uno che l’ha sperimentata in prima persona dopo averla studiata a fondo, i tuoi dubbi sono legittimi ma dopo questa lunga esposizione del mio pensiero, tenuto conto anche degli altri miei commenti postati nel topic, spero almeno che la percentuale dei tuoi dubbi sia scesa al 50%, per sparire del tutto quando avrai potuto leggere attentamente o meglio assimilare il contenuto di queste mie risposte, se ti avranno convinto della loro bontà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà non rispondi mai

Ti limiti a dire: "ciao ti rispondo ben volentieri [risposta copia/incolla n°x) e, facendo le tue solite supercazzole, eviti la domanda.

 

Ti è stato chiesto: dall'alto della tua conoscenza divina, che differenza c'è tra marcatura ad uomo "moderna" ed "antica"?

 

 

 

Quindi il CVA consiste nel dire ai giocatori "GUARDATI ATTORNO!". Eh bhè, rivoluzione calcistica abbestia eh?

Ora, se vuoi rispondere,per una volta in vita tua, con una risposta normale e dire se ho ragione o torto bene,se devi spararmi il solito pistolotto pieno di parole effimere e vacue, lascia perdere

 

 

Non evito nessuna domanda, mai, semmai è un tuo chiodo fisso questo voler dire cose non corrispondenti alla verità quando mi contatti; sulla differenza che mi è stata chiesta tra marcatura a uomo "antica", vecchio stampo e "moderna", innovata dal controllo visivo attivo, ho già risposto sopra al n.1787 con altro ancora all'utente bho; "guardati attorno" non significa niente nel calcio, il controllo visivo attivo è tutto nel calcio moderno sia in fase offensiva sia soprattutto in quella difensiva, quale chiave di lettura del gioco mai usata finora in modo simile e sistematico nel calcio giocato; non hai letto bene né la sua definizione né le figure che ho postato sopra sulla disposizione in area dei giocatori che attuano la mia proposta di marcatura a uomo moderna.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lungi da me denigrare tutta questa teoria, ma sono piuttosto scettico.

Io sono un programmatore ed una volta un collega venne da me per dirmi che un suo ex compagno universitario aveva trovato un algoritmo per comprimere immagini senza perdita di qualità il cui risultato era un file 1/10 di quello di una jpg. Questo avrebbe portato ad una rivoluzione anche nella compressione video. Io non ci credevo ma non perché fossi assolutamente convinto che fosse tecnicamente impossibile ma solo perché una cosa del genere la porti alla Apple, alla Microsoft o a Google e se ti va male ti danno 500.000.000 di euro.

Lo stesso vale per la tua teoria, se è così efficace mi viene da pensare che la porti al Real Madrid e la trasformi nella squadra più forte della storia del calcio. Una squadra che vince ogni partita. Oppure magari la porti ad ADL e fai vincere uno scudo al Napoli :d

 

Invece non capisco come nessuno segua questa semplice tattica e preferisca continuare a prendere decine di gol evitabili ogni anno.

 

 

 

Sono due campi completamente diversi quelli da te toccati, cosa su cui anche tu credo cnovenga, nell’informatica andiamo, ci si basa su un algoritmo, che data la mia ignoranza in materia suppongo sia una formula matematica complessa in questo caso avanzata ma realizzabile, per ottenere un risultato speciale che se ho capito bene è la compressione di immagini e video; direi complicato ma fattibile che poi questa scoperta la faccia conoscere prima a te suo collega e non ai mostri sacri dell’informatica, guadagnando una montagna di euro, questo è un altro discorso; venendo a me, al calcio giocato, ti rispondo prendendo a prestito la tua fase finale “Invece non capisco come nessuno segua questa semplice tattica e preferisca continuare a prendere decine di gol evitabili ogni anno” che più azzeccata, oltre che saggia, non poteva essere in sintonia con il mio pensiero e giudizio da me più volte esternato per avvalorare anche dal punto di vista esecutivo la mia proposta in tal senso; sai qual’è la risposta a tal proposito? Che nel calcio esiste l’ignoranza, i miei articoli sul tema in questione pubblicati a Coverciano, risalgono a oltre 25 anni fa, il tempo per leggerli e valutarli per trarre delle conclusioni c’era mi sembra; come anche la presunzione o l’incapacità di rinnovarsi nel tempo mettendo in discussione la zona con le sue componenti tattiche che secondo me, assieme ad altri fattori economici soprattutto, ha finito per togliere al calcio giocato, la sua spettacolarità, il suo fascino, il suo coinvolgimento tra squadra-tifoso, rendendolo monotono, ripetitivo, lento mediamente, tattico e di livello medio basso, se si escludono quelle poche squadre che possono permettersi di avere dei campioni autentici tra le loro file; per non dire dei gol evitabili che con la zona in difesa, in area, si sono moltiplicati a dismisura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me continui a sciorinare discorsi, senza però dare concretezza a tutto, capisco l'orgoglio di formulare una "teoria" ma nel calcio deve essere seguita dalla praticità, cosa che non vedo nei tuoi dettami, che lasciano molte cose a caso, facile dire se avessero applicato la mia marcatura a uomo con CVA non avrebbero preso goal, dimenticando che nel caso di una marcatura come la tua il giocatore si sarebbe comportato in maniera completamente diversa...principalmente penso che la tua teoria fa acqua proprio perché come dici tu è l'esperienza di migliaia di filmati...ma dovresti studiare prima gli errori di una marcatura a uomo aemplice, nel calcio moderno, e da li capire come migliorare quella marcatura, non vedendo azioni di marcature a zona dove il gioco, in questo caso degli attaccanti viene di conseguenza al tipo di movimenti allenati contro una marcatura a zona...è come se vuoi migliorare le cure di un tumore studiando l'HIV...non so se mi spiego. Tornando alla praticità dei discorsi, ed essendo attento visore delle partite del Napoli, ad esempio trovo semplicistica la tua teoria di come evitare i classici tagli di Callejon, se fossi attento su ogni singolo movimento in campo del giocatore, ti accorgeresti che spesso si trova a tentare il taglio, ma viene marcato molto stretto, in quel caso il difensore lascia pa posizione, segue Callejon e ti trovi ad esempio l'inserimento di Allan,Hisaj oppure Zielinski, che sfruttano il maggiore slancio dato dalla corsa e la memoria del movimento, anticipato il più di una volta qualsiasi sorta di marcatura o anticipo...questo per far capire che non si può banalizzare l'azione dicendo, è un goal evitabile basta che marchi diversamente...il calcio non è davvero cosi banale, forse lo è nel campo dilettantistico, non certo in quello professionale. Un altro piccolo esempio si è spesso parlato di marcare ad uomo su calcio d'angolo un giocatore come Ramos, considerando la marcatura a zona non adatta...bhe nonostante qualche allenatore ha provato una marcatura a uomo su Ramos è riuscito a segnare lo stesso. Io resto dell'idea che la zona sia una concezione di calcio più "moderna" e che crei sicuramente più spettacolo di un impianto tattico differente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non evito nessuna domanda, mai, semmai è un tuo chiodo fisso questo voler dire cose non corrispondenti alla verità quando mi contatti; sulla differenza che mi è stata chiesta tra marcatura a uomo "antica", vecchio stampo e "moderna", innovata dal controllo visivo attivo, ho già risposto sopra al n.1787 con altro ancora all'utente bho; "guardati attorno" non significa niente nel calcio, il controllo visivo attivo è tutto nel calcio moderno sia in fase offensiva sia soprattutto in quella difensiva, quale chiave di lettura del gioco mai usata finora in modo simile e sistematico nel calcio giocato; non hai letto bene né la sua definizione né le figure che ho postato sopra sulla disposizione in area dei giocatori che attuano la mia proposta di marcatura a uomo moderna.

Guardati attorno non significa nulla?

Perché dire "il cva è tutto nel calcio moderno, come chiave di lettura del gioco" significa qualcosa?

 

Tu ancora non hai spiegato cosa significa. Mettere 3 situazioni di gioco come immagini e continuare a dire "questo è importante perché si" non lo rende veritiero.

All'atto pratico, il tuo cva viene riassunto con un gigantesco "guardati attorno"

Se vuoi degnarti di rispondere in modo SINTETICO E CHIARO sarò lieto di leggere la risposta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.