Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

AllenIverson

[VIDEO] UEFA Youth League, 6ª Giornata: Juventus - Dinamo Zagabria 0-1. Bianconeri al 2° posto e qualificati ai Play-Off

Recommended Posts

ragioni allo stesso modo che si parli di giovanili o prima squadra e per me è assolutamente sbagliato.

poi i discorsi che clemenza sia sprecato in quella posizione mi fanno ridere, non tanto per la veridicità della frase in sè, che ci sta, ma per il fatto che è palese che clemenza giochi li per potergli dare un futuro luminoso tra i grandi, mancando totalmente di attitudini fisiche per ricoprire ruoli più avanzati.

Clemenza è l'esempio perfetto di come gli obiettivi tra grandi e piccoli debbano essere diversi:

Nelle giovanili devi riuscire a far crescere i giocatori nel miglior modo possibile, in prima squadra invece devi puntare alla vittoria.

 

Ma cosa intendi per "crescere"?

La mentalià vincente, l'impegno costante e la serietà professionale li devi "imparare" da giovane.

La storiella che il risultato non conti è una cosa che puoi raccontare ai ragazzini, dicendo loro "... andate in campo, giocate e divertitevi".

Questo non lo si può dire a ragazzi di 18/19 anni che devono assumersi delle responsabilità.

A me non sembra che giocare svogliati un una Primavera sia sintomo di un ottimo futuro professionale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

solito copione, dietro siam sempre piuttosto ballerini e avanti facciamo una fatica tremenda a concretizzare (kean peggiore in campo, non ne ha azzeccata una, a mio parere).

Clemenza avanti servirebbe come il pane visto che dietro non sposta gli equilibri e chi dovrebbe farne le veci in fase offensiva (kastanos) è in un periodo pessimo, però capisco che si stia lavorando per un bene superiore e quindi amen... ci si rassegna a minore pericolosità offensiva.

 

In generale manca la fluidità che avevano nella seconda parte della scorsa stagione, quel fraseggio rapido e quella freschezza atletica che alla fin fine facevano la differenza (perchè dietro non siamo mai stati un muro eh...), come ho sempre detto magari la preparazione ci porterà un 2017 brillante.

Sui singoli detto di kastanos e kean (che può pure permettersi una battuta a vuoto) vedo in risalita semprini che mi pare stia acquistando sicurezza dopo un inizio parecchio difficile e continuo ad apprezzare sempre più andersson (tutto sommato preferisco anche coccolo al posto di muratore, da centrale).

 

Su rogerio che si attira sempre parecchi improperi..a me non dispiace, è un terzino prettamente offensivo e difende come difendeva zappa lo scorso anno o lirola...c'è da dire che non sono mai troppo coperti i nostri difensori ed infatti i gol che subiamo son sempre giocate in cui gli avversari puntano frontalmente la nostra porta, quindi attenderei...tecnicamente e atleticamente c'è... in un 3-5-2 allegriano probabilmente avrebbe pure vita molto più facile.

 

Macek in panca , se per scelta tecnica, è un brutto segnale...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma cosa intendi per "crescere"?

La mentalià vincente, l'impegno costante e la serietà professionale li devi "imparare" da giovane.

La storiella che il risultato non conti è una cosa che puoi raccontare ai ragazzini, dicendo loro "... andate in campo, giocate e divertitevi".

Questo non lo si può dire a ragazzi di 18/19 anni che devono assumersi delle responsabilità.

A me non sembra che giocare svogliati un una Primavera sia sintomo di un ottimo futuro professionale.

cosa intendo si capisce bene dal messaggio che ho scritto.

bisogna puntare ai risultati a lungo termine e non a quelli a breve.

quelli a breve, nell'esempio di prima, si otterrebbero utilizzando clemenza come giocatore avanzato

quelli alla lunga utilizzando clemenza come regista arretrato.

io non ho mai detto che il risultato non conti o che la svogliatezza e la mancanza di impegno siano da lodare

ho invece detto che c'è un risultato più importante della vittoria del campionato primavera e affini, e cioè riuscire a trasmettere un bagaglio ampio e approfondito ai ragazzi che gli possa servire il più possibile una volta arrivati tra i grandi.

ed ho inoltre detto che la storia della cazzima, della rabbia, della cattiveria io non l'ho mai condiviso, condivido anzi la concentrazione, la lucidità e ovviamente l'impegno come mezzo per ottenere risultati.

poi, su questo ultimo punto, ognuno è fatto a modo suo, ed io personalmente sono sempre stato un giocatore, nel mio piccolo of course, agonisticamente cattivo e non ho mai avuto bisogno dell'arringa della battaglia, anzi....

sono cose che ho sempre trovato ridicole, sia perchè stiamo parlando di sport, e non bisogna ammazzare nessuno, ed in secondo luogo perchè non vince chi è più cattivo ma chi si muove meglio in campo ed utilizza meglio la palla

Share this post


Link to post
Share on other sites

sinceramente, condivido le parole di grosso: questo era un girone difficile anche secondo me.

nel calcio giovanile, il blasone non conta. non basta chiamarsi juventus per poter far risultato contro la dinamo zagabria. conta il movimento calcistico e, su questo, siamo dietro a spagnoli e francesi e con i croati ce la giochiamo. i giovani di siviglia, lione e dinamo hanno possibilità di fare minutaggio nel calcio professionistico - per quanto di bassa lega possa essere - e questo fa la differenza. si poteva fare meglio? certamente. ma è un risultato che non va sottovalutato. d'altronde è la prima volta che passiamo il girone in quattro anno di partecipazione...

ciò detto, devo andare controcorrente e menzionare la crescita di semprini. il ragazzo si impegna e tatticamente sapiente; probabilmente inadatto al ruolo: manca, infatti, di tecnica che gli permetta l'ultimo spunto ed un cross ben calibrato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cosa intendo si capisce bene dal messaggio che ho scritto.

bisogna puntare ai risultati a lungo termine e non a quelli a breve.

quelli a breve, nell'esempio di prima, si otterrebbero utilizzando clemenza come giocatore avanzato

quelli alla lunga utilizzando clemenza come regista arretrato.

io non ho mai detto che il risultato non conti o che la svogliatezza e la mancanza di impegno siano da lodare

ho invece detto che c'è un risultato più importante della vittoria del campionato primavera e affini, e cioè riuscire a trasmettere un bagaglio ampio e approfondito ai ragazzi che gli possa servire il più possibile una volta arrivati tra i grandi.

ed ho inoltre detto che la storia della cazzima, della rabbia, della cattiveria io non l'ho mai condiviso, condivido anzi la concentrazione, la lucidità e ovviamente l'impegno come mezzo per ottenere risultati.

poi, su questo ultimo punto, ognuno è fatto a modo suo, ed io personalmente sono sempre stato un giocatore, nel mio piccolo of course, agonisticamente cattivo e non ho mai avuto bisogno dell'arringa della battaglia, anzi....

sono cose che ho sempre trovato ridicole, sia perchè stiamo parlando di sport, e non bisogna ammazzare nessuno, ed in secondo luogo perchè non vince chi è più cattivo ma chi si muove meglio in campo ed utilizza meglio la palla

 

Il tuo è, a parer mio, proprio uno sbaglio concettuale.

Non comprendo come si possa puntare a risultati a lungo termine senza ottenerne nel breve.

E guarda che non parlo affatto di risultati, ma di crescita costante, mentale, fisica e tattica dei ragazzi.

Parliamo di Clemenza.

A mio parere è un giocatore che deve vedere la porta e Grosso lo sta snaturando.

Tu mi dirai che lo sta facendo per "costruire" un giocatore diverso da dare ad Allegri.

A me pare una sciocchezza, visti anche e soprattuto i risultati

Meno male che in Argentina e Spagna non hanno provato Messi terzino.

Sul fatto che nel calcio NON conti la cattiveria agonistica, la caparbietà e lo spirito di sacrificio, NON mi troverai mai d'accordo.

La "testa" è l'elemento fondamentale per rendere al massimo e sfruttare al meglio le eventuali doti che ti ha fornito madre natura.

Tanti giocatori di oggi, anche campioni affermati, hano bisogno di motivatori psicologici per rendere al meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al di là dei problemi che ovviamente ci sono dal punto di vista tecnico essendo calcio giovanile,credo che ci sia da lavorare meglio sull'approccio alle partite. Insomma,mi sembrano aver perso qualcosa per strada in questo senso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tuo è, a parer mio, proprio uno sbaglio concettuale.

Non comprendo come si possa puntare a risultati a lungo termine senza ottenerne nel breve.

E guarda che non parlo affatto di risultati, ma di crescita costante, mentale, fisica e tattica dei ragazzi.

Parliamo di Clemenza.

A mio parere è un giocatore che deve vedere la porta e Grosso lo sta snaturando.

Tu mi dirai che lo sta facendo per "costruire" un giocatore diverso da dare ad Allegri.

A me pare una sciocchezza, visti anche e soprattuto i risultati

Meno male che in Argentina e Spagna non hanno provato Messi terzino.

Sul fatto che nel calcio NON conti la cattiveria agonistica, la caparbietà e lo spirito di sacrificio, NON mi troverai mai d'accordo.

La "testa" è l'elemento fondamentale per rendere al massimo e sfruttare al meglio le eventuali doti che ti ha fornito madre natura.

Tanti giocatori di oggi, anche campioni affermati, hano bisogno di motivatori psicologici per rendere al meglio.

la seconda parte rientra nel discorso della diversità da persona a persona, la cattiveria agonistica conta ma a mio parere noi "juventini" esasperiamo questa cosa all'inverosimile

spesso leggo "alla juve bisogna imparare a correre, mordere, etc...etc..." e tutte queste cose...ma a barcellona, milano, madrid, monaco, manchester e via discorrendo non rompono cosi tanto le pelotas co sta storia eppure sono tra i club piu vincenti di sempre

 

la parte su messi non capisco proprio che c'entri...ti pare che a messi sia mai mancato il passo o la forza fisica per giocare in zone avanzate del campo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

la seconda parte rientra nel discorso della diversità da persona a persona, la cattiveria agonistica conta ma a mio parere noi "juventini" esasperiamo questa cosa all'inverosimile

spesso leggo "alla juve bisogna imparare a correre, mordere, etc...etc..." e tutte queste cose...ma a barcellona, milano, madrid, monaco, manchester e via discorrendo non rompono cosi tanto le pelotas co sta storia eppure sono tra i club piu vincenti di sempre

 

la parte su messi non capisco proprio che c'entri...ti pare che a messi sia mai mancato il passo o la forza fisica per giocare in zone avanzate del campo?

 

La parte su Messi si riferisce a Clemenza.

Clemenza è un giocatore già semi-impostato (passami il termine), un calciatore per caratteristiche tecniche e attitudinali, espressamente d'attacco.

Invece Grosso lo sta provando e riprovando mediano, snaturando le sue qualità e di fatto interrompendo il suo percorso di crescita.

Non credo che nessuno si sia mai sognato di provare Messi, quand'era nelle giovanili, in altre parti del campo dove non fose quella che l'avrebbe portato ad essere il rpimo nel mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parte su Messi si riferisce a Clemenza.

Clemenza è un giocatore già semi-impostato (passami il termine), un calciatore per caratteristiche tecniche e attitudinali, espressamente d'attacco.

Invece Grosso lo sta provando e riprovando mediano, snaturando le sue qualità e di fatto interrompendo il suo percorso di crescita.

Non credo che nessuno si sia mai sognato di provare Messi, quand'era nelle giovanili, in altre parti del campo dove non fose quella che l'avrebbe portato ad essere il rpimo nel mondo.

ho capito il paragone ma non ne trovo il nesso.

i difetti di clemenza sono fisici, non ha le attitudini per stare così alto sul campo

messi non manca certo di queste qualità fisiche

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho capito il paragone ma non ne trovo il nesso.

i difetti di clemenza sono fisici, non ha le attitudini per stare così alto sul campo

messi non manca certo di queste qualità fisiche

 

Forse non ricordi Messi fino a 20 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisognerebbe vincerla per essere primi nel gironi ed evitare il turno di play off...

 

verissimo

 

mi sono ingazzatto un po per il risultato

 

bastava un pari

Share this post


Link to post
Share on other sites

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.