Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Fantomas

Sacchi: "Luis Enrique convinto della remuntada ma, secondo me, non ha alcuna speranza. La Juve di oggi è superiore al Barcellona, è più squadra"

Post in rilievo

Barcellona al minimo, Juve fai la storia

 

19 aprile 2017 - Luis Enrique è convinto che oggi possa ripetersi un’altra «remuntada» storica del Barcellona. Ma il risultato dell’andata con la Juventus non gli dà speranza, così come la sofferta vittoria con la Real Sociedad nella Liga. I blaugrana non stanno bene, non sono in forma, hanno l’entusiasmo e la motivazione ai minimi storici. Il movimento senza palla e gli smarcamenti sono quasi inesistenti, così come la velocità e la fluidità delle azioni, mentre il possesso palla dinamico è scomparso. Inoltre la fase difensiva, non sorretta dal pressing, fa acqua da tutte le parti: le marcature sono blande, le diagonali sono ridotte al minimo, allo stesso modo degli anticipi e dei collocamenti preventivi. Tuttavia l’aspetto più negativo del Barça attuale è lo stile di squadra che ne condiziona il gioco, basato quasi del tutto sulle qualità dei singoli. Un atteggiamento passivo e rinunciatario dei catalani, che a livello internazionale paga assai poco, provocherebbe zero pericoli per gli uomini di Allegri. Gli juventini oggi sono più squadra, sono più in forma, più convinti e più equilibrati del famigerato Barcellona: costituiscono un collettivo migliore, con più volontà e decisione che ne esaltano le qualità individuali e la collaborazione. Quando affronti chi non sta bene, ma può comunque schierare tanti top player come Messi, Neymar, Suarez, Iniesta, eccetera, non devi lasciare spazio. Sarebbe un errore fatale dar a simili avversari la possibilità di giocare da vicino o addirittura dentro l’area che difendi. Qui si tratta di singoli che sanno sempre inventare e trovare una soluzione individuale, un dribbling, un’imbucata, uno spunto vincente o punizioni al limite dell’area, che per Messi e Neymar sono paragonabili a rigori lunghi. Al rivale che non è al massimo occorre non concedere il tempo di riacquisire autostima e fantasia, creandogli difficoltà in ogni momento e in ogni parte del campo. La Juventus potrebbe aggredire il Barcellona già all’inizio dell’azione con un pressing ultraoffensivo, quindi vicino alla loro area, con i propri difensori che per tenere la squadra compatta si portino sulla linea di metà campo. Oppure Allegri potrebbe chiedere un pressing offensivo, aspettando gli attaccanti oltre la metà campo con la linea di difesa 25/30 metri indietro, ma mai al limite della propria area. Se vi riuscissero, i bianconeri getterebbero anche i presupposti per ripartenze corte e letali. Oggi gli uomini di Allegri sono superiori ai blaugrana, possono vincere da protagonisti dettando loro tempi e gioco. Determinante sarà la compattezza della squadra e la convinzione delle proprie conoscenze, che non può ridursi a difesa, contropiede e individualità. Max è un grande tattico, un ottimo gestore, un uomo intelligente: non si accontenti, può vincere da padrone con una autorevolezza morale che soddisferà non soltanto i tifosi juventini, ma gli amanti del calcio di tutto il mondo. L’occasione è ghiotta: vincere con merito e superiorità contro il Barcellona, il club re degli ultimi dieci anni. Tutto ciò accrescerebbe autostima e le certezze con innegabili vantaggi per il futuro. La velocità dei bianconeri e un possesso palla più articolato e collaborativo, unitamente al pressing, ai raddoppi e alle ripartenze, saranno fondamentali per il trionfo. Juventini, credeteci: siate fieri di come avete lavorato, siate convinti del vostro valore, ma evitate di farvi chiudere in difese eroiche e ammucchiate al limite dell’area. La storia vi attende, raggiungerla dipenderà soltanto da voi. In bocca al lupo.

 

Fonte: GdS

 

  • Mi Piace 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bell'analisi di Sacchi, anche se il Barcellona non è più quello di qualche tempo fa ha dimostrato che con quei tre davanti può stravolgere qualsiasi partita. Un altro fattore importante sarà l'arbitraggio, speriamo bene.

Noi dobbiamo fare la nostra partita, non andiamo lì a fare il fortino​ altrimenti usciamo con le ossa rotte...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Valida il mio pensiero, non posso che essere d'accordo :d

 

p.s. che ne dica Allegri, viste le partite sino a qui disputate dei quarti ed in generale le gare ad eliminazione diretta (finale 2015 ed andata con il Bayern 2016), l'arbitro e i suoi assistenti possono costituire un fattore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juventini, credeteci: siate fieri di come avete lavorato, siate convinti del vostro valore, ma evitate di farvi chiudere in difese eroiche e ammucchiate al limite dell’area. La storia vi attende, raggiungerla dipenderà soltanto da voi. In bocca al lupo.

 

Va bene @@

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La vittoria di misura contro la Real Sociedad non deve fare testo... campionato e coppa sono due cose completamente differenti.

Se quando si parla di noi si scindono sempre le due competizioni, non vedo perchè non debba valere lo stesso per il Barcellona...

  • Mi Piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sempre un piacere leggere sacchi..cosi come ascoltare tardelli sulla rai o vialli a sky..momenti di competenza e grande calcio in mezzo a tanti mediocri commentatori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me il Barça più di noi ha solo quei tre davanti che, sulla carta, sono inarrivabili... Per tutto il resto gli diamo una pista... e mezza...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sacchi è un maestro di calcio. Ancora ricordo il suo formidabile Milan. La Juve è più squadra? E' probabilmente vero ed all'andata lo si è visto. Dunque massima fiducia in Max Allegri e nei ragazzi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sicuramente noi siamo più squadra ma loro hanno quei 3 davanti assieme ad Iniesta che possono fare male in qualunque momento .sisi quindi massima attenzione .sisi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Odio Sacchi e la sua prosopopea...il suo atteggiarsi a maestro. Questo sta proprio fuori di melone da una vita.

 

stavolta però ha ragione....e penso addirittura che se in Italia c'è un qualche NON juventino che tifi juve per stasera...

questo è proprio Sacchi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il problema è il trio extraterrestre lì davanti, sicuramente nel complesso di squadra siamo superiori,

confido anche stasera in un Dani Alves che possa annullare Neymar come all'andata

 

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

  • Chi sta visualizzando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×