Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
Taurinense

Serie C: Piacenza-Juventus U23 2-1 (Kastanos)

Recommended Posts

21 minuti fa, pie 36 ha scritto:

Pure la primavera è piena di stranieri

È una questione di scelte.... se si vuole rilanciare il calcio italiano, con questo progetto, è un conto

Se gli obiettivi sono altri...ok.... ma lo si dicesse invece di piantare balle 

L'obiettivo della juve è far crescere giovani che siano italiani o stranieri poco mi importa.

Mica dobbiamo risolvere i problemi del mondo calcistico italiano noi?

 

 

 

"48' - Arrivano i dati sulle presenze al Garilli: 2.199 gli spettatori presenti, per un incasso totale di 4.186 €."

 

Ma un biglietto quanto costa? Meno di due euro? uum

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

66' - KASTANOS PAREGGIA!!!!!!! Errore in uscita dei padroni di casa, il centrocampista bianconero soffia la sfera a Pergreffi e fulmina Fumagalli: 1-1!
65' - PIACENZA VICINO AL RADDOPPIO - Corsinelli non riesce a ribadire in gol dopo una botta di Ferrari.
60' - CAMBIO JUVE - Fuori Masciangelo, dentro Beruatto. 
60' - CAMBIO JUVE - Nicolussi Caviglia prende il posto di Zanimacchia
57' - 
Zanimacchia cerca Mavididi in area, ma fa buona guardia Fumagalli. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

77' - GOL PAZZESCO DI CORRADI, RADDOPPIA IL PIACENZA - Nuovo vantaggio meritato dei padroni di casa. Sinistro fantastico di Corradi dai 25 metri e la palla si infila all'incrocio dei pali, alle spalle dell'incolpevole Nocchi. 
77' - CAMBIO JUVE - Dentro Andersson, fuori Morelli.
76'  - CAMBIO JUVE - Kastanos lascia il posto a Bunino.
75' - ALTRO PALO DEL PIACENZA! - 
Che sofferenza per la Juve. Sugli sviluppi di un corner, i biancorossi colpiscono un altro legno con Luca Barlocco a pochi passi da Nocchi.
73' - OCCASIONISSIMA PER IL PIACENZA -  Ferrari ruba il pallone a Coccolo e scarica sulla sinistra per Terrani che da buona posizione spara alto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

95' - FINALE - PIACENZA-JUVENTUS U23 2-1 -  
94' - 
Traversone di Beruatto, pallone preda di Fumagalli.
92' - CAMBIO PIACENZA -  Entra Sylla al posto di Terrani.
90' - Quattro minuti di recupero.
90' - CHANCE PER MAVIDIDI! - 
Conclusione al volo dell'attaccante juventino, si oppone con il corpo Pergreffi che salva il risultato. 
87' - La Juventus non è riuscita ad impensierire la difesa piacentina in questo secondo tempo. Anche il gol di Kastanos è nato da un errore in impostazione dei padroni di casa. Un passo indietro dal punto di vista della prestazione. 
84' - CAMBIO PIACENZA - Entra Perez al posto di  Ferrari.

84' - CAMBIO PIACENZA - L'ottimo Barlocco lascia il posto a Cauz. 
83' - AMMONITO DI MOLFETTA
82' - PIACENZA ANCORA PERICOLOSO -
 Incornata di Pergreffi su cross di Marotta e palla di poco alta sulla traversa. 
79' - CAMBIO PIACENZA - Di Molfetta prende il posto di Corsinelli. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma Barlocco non era adatto per l'Under 23?

sta giocando molto bene quest'anno, vedendo il livello per me ci stava tranquillamente

oggi il migliore in campo con Ferrari per dire

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, alyssa ha scritto:

Acc...si perde anche qua .boh 

Speriamo nelle Donne sto fine settimana sefz

 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'importante quest'anno è mantenere la categoria, perché retrocedendo rischieremmo di non vedere la seconda squadra per un po' di tempo visto che perderemmo la priorità acquisita.

Sono sicuro che nei prossimi anni la Juve under 23 crescerà e diventerà importante come lo è per i più grandi club europei.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, pie 36 ha scritto:

Pure la primavera è piena di stranieri

È una questione di scelte.... se si vuole rilanciare il calcio italiano, con questo progetto, è un conto

Se gli obiettivi sono altri...ok.... ma lo si dicesse invece di piantare balle 

L'obiettivo è rilanciare i vivai, e ottimizzare il passaggio al professionismo per i ragazzi usciti dai settori giovanili; il potenziale beneficio per il nostro movimento mi sembra evidente anche a prescindere della presenza di giocatori stranieri. Poi nello specifico, parliamo di Juve. Credo sia impensabile che a questi livelli si limiti lo scouting ai soli giocatori nazionali (che poi su questo aspetto abbiamo ancora molto margine di miglioramento è un altro discorso). Poi è già astato detto: 4 titolari su 11, 6 su 23 in distinta, nella squadra B di un club di dimensione mondiale, mi pare oggettivamente ben poco per accendere lamentele nazionalistiche. Dubito peraltro che la proporzione sia tanto diversa nei più importanti vivai europei.

2 ore fa, art75 ha scritto:

 

A me sinceramente, nell'ottica della crescita dei nostri giocatori, lasciano più perplesso altri aspetti. Tipo la difesa composta da portiere e centrali fuori quota e terzini u23 in prestito.

Crescita dei nostri giocatori giovani, che mi sembra al momento l'unica prospettiva possibile. Aiutare il calcio italiano, sarà una cosa che potrà avvenire solo quando anche altri si decideranno a fare la seconda squadra.

Credo sia questione più che altro di "materia prima". In quanto a centrali, Romagna a parte, è un pezzo che oggettivamente sforniamo ben poco; tra i pali Del Favero mi pare abbia avuto diverse possibilità, ma non le ha sfruttate molto bene. Poi sicuramente si paga l'aver messo insieme la squadra in fretta e furia, e con nessuna esperienza specifica in società; portando avanti il progetto, sicuramente in futuro si riuscirà a pensare meglio alla composizione della rosa e all'uso dei fuoriquota. Per dire, già l'innesto di Mokulu a gennaio è stata per me una mossa molto intelligente

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Bianconero vero ha scritto:

L'importante quest'anno è mantenere la categoria

Ci sono più possibilità di vedere te che esci con Scarlett Johansson che vedere la JU23 retrocedere.

Pure fosse, non esistono in tutta Italia 60 squadre con le carte a posto per giocare in C.

Esci con Scarlett senza pensieri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Ale0306 ha scritto:

L'obiettivo per una società che fa busiess è quello di creare valore.

La storia che gli italiani debbano essere sempre privilegiati è una stupidata, a certi livelli deve avere posto solo chi merita e si impegna.

Non voglio fare demagogia ma parlo di cose che vedo tutti i giorni, la maggior parte dei nostri ragazzi non ha voglia di fare sacrifici e di impegnarsi, e appena vedono il minimo risultato iniziano a montarsi la testa, smettendo di fare vita da atleta.

A certi livelli gioca solo chi merita.

Da un punto di vista strettamente juventino, sono d'accordo. Organizzi la U23 per poter seguire i giocatori nella fase cruciale dai 18-21 anni e poi... nella migliore delle ipotesi uno o due finiscono in prima squadra, ma la stragrande maggioranza sarà venduta altrove. Non ci vedo nulla di male, basta vedere quando abbiamo incassato di recente nella vendita dei vari Cerri, Favilli, ecc. 

Poi però si possono guardare le cose in altri termini e anch'io avevo letto che il progetto delle U23 voleva essere d'aiuto alla nazionale. Della serie: se le squadre migliori della serie A allestiscono le U23 si presuppone che i ragazzi vengano allenati meglio e quindi si allarga il bacino di giocatori utilizzabili in futuro. Se questo è un obiettivo, ecco che mettere un tetto agli stranieri, non mi sembra una idea sbagliata. Ma non so se si possa fare. Le regole della libera circolazione immagino siano le stesse della serie A. Quindi credo che si possa applicare solo attraverso un gentleman's agreement tra le società interessate e la FGCI.

C'era un accordo tra Juventus e FGCI in questo senso? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Brus ha scritto:

L'obiettivo è rilanciare i vivai, e ottimizzare il passaggio al professionismo per i ragazzi usciti dai settori giovanili; il potenziale beneficio per il nostro movimento mi sembra evidente anche a prescindere della presenza di giocatori stranieri. Poi nello specifico, parliamo di Juve. Credo sia impensabile che a questi livelli si limiti lo scouting ai soli giocatori nazionali (che poi su questo aspetto abbiamo ancora molto margine di miglioramento è un altro discorso). Poi è già astato detto: 4 titolari su 11, 6 su 23 in distinta, nella squadra B di un club di dimensione mondiale, mi pare oggettivamente ben poco per accendere lamentele nazionalistiche. Dubito peraltro che la proporzione sia tanto diversa nei più importanti vivai europei.

Credo sia questione più che altro di "materia prima". In quanto a centrali, Romagna a parte, è un pezzo che oggettivamente sforniamo ben poco; tra i pali Del Favero mi pare abbia avuto diverse possibilità, ma non le ha sfruttate molto bene. Poi sicuramente si paga l'aver messo insieme la squadra in fretta e furia, e con nessuna esperienza specifica in società; portando avanti il progetto, sicuramente in futuro si riuscirà a pensare meglio alla composizione della rosa e all'uso dei fuoriquota. Per dire, già l'innesto di Mokulu a gennaio è stata per me una mossa molto intelligente

E quale sarebbe il beneficio di riempire i campionati di stranieri ?

Non andare al mondiale ? 

Mi sembra gli effetti mortiferi si siano già  visti... forse è il caso di invertire la rotta ? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, pie 36 ha scritto:

E quale sarebbe il beneficio di riempire i campionati di stranieri ?

Non andare al mondiale ? 

Mi sembra gli effetti mortiferi si siano già  visti... forse è il caso di invertire la rotta ?

Ma a noi juventini deve fregare qualcosa della nazionale di Lotito e bella compagnia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, Tetti Fré ha scritto:

Ma a noi juventini deve fregare qualcosa della nazionale di Lotito e bella compagnia?

A me frega a prescindere dall'essere juventino 

Ma ognuno tiene a quello che vuole 

Da juventino ci deve fregare perchè se manca la materia prima (i giocatori di qualità) dobbiamo andare a comprarla fuori... e questo ci rende meno competitivi 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pie 36 ha scritto:

E quale sarebbe il beneficio di riempire i campionati di stranieri ?

Non andare al mondiale ? 

Mi sembra gli effetti mortiferi si siano già  visti... forse è il caso di invertire la rotta ? 

 

Il sistema, a regime, permetterebbe ai club meglio attrezzati di gestirsi in casa i prodotti del vivaio, rodandoli al professionismo secondo i propri termini, e magari evitando di "bruciarli" o rimandarne la crescita con le solite girandole di prestito in cui non sempre c'è volontà/interesse a valorizzarli al massimo. E se la Juve schiera 4 stranieri nella formazione "B", significa che 7 italiani li mette in campo; percentuale che, ripeto, non mi sembra assolutamente scandalosa per un club di questo livello. La Juve ha legittime ambizioni di stare ai vertici mondiali, e deve puntare a selezionare giocatori adeguati, non è che debba riproporre l'Opera Nazionale Balilla.

 

E comunque mi pare che il nostro campionato avesse significativamente meno stranieri anche quando stavamo meglio; le difficoltà del movimento sono molte, ma non possono prescindere dalla considerazione che, semplicemente, non abbiamo goduto di una generazione particolarmente dorata. Se per invertire la tendenza proponi misure "protezioniste", ho serissimi dubbi possa essere di grande aiuto; in un calcio globalizzato qual è, piaccia o meno, quello attuale; si finirebbe per ripiegarsi in una realtà meno competitiva, con difficoltà maggiorate nel recuperare il gap verso chi ci sta avanti.

Intanto, guardiamo questo progetto, lasciamo che i ragazzi abbiano più possibilità di essere seguiti e gestiti nel passaggio dalle giovanili al professionismo, e diamo più possibilità di emergere a chi dimostra di avere talento

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Brus ha scritto:

Il sistema, a regime, permetterebbe ai club meglio attrezzati di gestirsi in casa i prodotti del vivaio, rodandoli al professionismo secondo i propri termini, e magari evitando di "bruciarli" o rimandarne la crescita con le solite girandole di prestito in cui non sempre c'è volontà/interesse a valorizzarli al massimo. E se la Juve schiera 4 stranieri nella formazione "B", significa che 7 italiani li mette in campo; percentuale che, ripeto, non mi sembra assolutamente scandalosa per un club di questo livello. La Juve ha legittime ambizioni di stare ai vertici mondiali, e deve puntare a selezionare giocatori adeguati, non è che debba riproporre l'Opera Nazionale Balilla.

 

E comunque mi pare che il nostro campionato avesse significativamente meno stranieri anche quando stavamo meglio; le difficoltà del movimento sono molte, ma non possono prescindere dalla considerazione che, semplicemente, non abbiamo goduto di una generazione particolarmente dorata. Se per invertire la tendenza proponi misure "protezioniste", ho serissimi dubbi possa essere di grande aiuto; in un calcio globalizzato qual è, piaccia o meno, quello attuale; si finirebbe per ripiegarsi in una realtà meno competitiva, con difficoltà maggiorate nel recuperare il gap verso chi ci sta avanti.

Intanto, guardiamo questo progetto, lasciamo che i ragazzi abbiano più possibilità di essere seguiti e gestiti nel passaggio dalle giovanili al professionismo, e diamo più possibilità di emergere a chi dimostra di avere talento

E quali sarebbero sti giocatori "adeguati" presi dall'estero per la primavera in questi anni ?  

Non sono stati pochi...

 

La competitività l'abbiamo persa quando il numero di stranieri ha superato il limite della decenza 

Basta vedere il grafico degli stranieri in italia dal 2006 

 

Ridurre il tutto, o quasi, al fatto che "non abbiamo avuto una generazione dorata".... mi sembra un po' un discorso sbrigativo 

Il problema è molto più  profondo... perché se non vai al mondiale dopo 60 anni, dopo che hai partecipato a 15 edizioni.... non si tratta semplicemente di non avere più del piero o totti....

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, pie 36 ha scritto:

Pure la primavera è piena di stranieri

È una questione di scelte.... se si vuole rilanciare il calcio italiano, con questo progetto, è un conto

Se gli obiettivi sono altri...ok.... ma lo si dicesse invece di piantare balle 

ma chi lo vuole rilanciare? siamo la juventus, miga l'azzurrese figc

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, pie 36 ha scritto:

E quali sarebbero sti giocatori "adeguati" presi dall'estero per la primavera in questi anni ?  

Non sono stati pochi...

 

La competitività l'abbiamo persa quando il numero di stranieri ha superato il limite della decenza 

Basta vedere il grafico degli stranieri in italia dal 2006 

 

Ridurre il tutto, o quasi, al fatto che "non abbiamo avuto una generazione dorata".... mi sembra un po' un discorso sbrigativo 

Il problema è molto più  profondo... perché se non vai al mondiale dopo 60 anni, dopo che hai partecipato a 15 edizioni.... non si tratta semplicemente di non avere più del piero o totti....

 

 

 

 

 

 

Non è tutto infatti, è uno dei fattori. Nello specifico della mancata qualificazione ai Mondiali neanche troppo influente a mio avviso, la differenza in negativo è stata determinata soprattutto da una guida tecnica inadeguata e un gruppo che non ha saputo trovare compattezza e personalità al momento opportuno. La "materia prima" per evitare questo flop colossale comunque c'era (e se è per questo, abbiamo ben figurato negli ultimi due Europei, non certo presentando dei dream team).

Se poi dico che, in questa precisa fase, il potenziale non vada oltre ad azzeccare un assetto e sperare in un exploit, non mi sembra di dire un'eresia. Mi risulta ben difficile credere che qualche straniero non eccezionale abbia rubato impedito a qualche talento nostrano di mettersi in luce, o men che meno, abbia "bruciato" potenziali campioni.

E se guardiamo i principali campionati esteri, non è che siamo noi i massimi esterofili: per dire, l'Inghilterra sembra finalmente aver trovato un gruppo competitivo, eppure la Premier ha il 68% di giocatori stranieri (contro il 55% della Serie A), il Portogallo campione d'Europa in carica ha il 62%. La Spagna ha attualmente la percentuale minore in assoluto (39%), e un modello che valorizza molto i vivai, eppure, esaurito il ciclo di vittorie legato a una generazione eccezionale, non sta collezionando figuroni in campo internazionale. Per dire, anche ridurre tutto, o quasi a "giocano troppi stranieri" può essere considerato un discorso un po' sbrigativo, o limitante. Credo che quando c'è talento, la competitività ne giova di conseguenza, se latita è tutto un po' più difficile, e se altri fattori dicono male, è molto più facile arrivare a figuracce come quella che ci è toccato subire con la Svezia.Un movimento calcistico non può crearsi campioni in laboratorio, nè sperare di cavare sangue dalle rape eliminando od ostacolando la concorrenza interna. Può al massimo mettere gli affiliati nelle condizioni migliori per poter sviluppare al meglio ciò che hanno a disposizione. Che la Juve (così come domani un'Inter, una Roma, Un'Atalanta ecc...) abbiano uno sbocco diretto e autogestito per inserire i propri giovani nel professionismo, mi sembra assolutamente un passo in avanti positivo. Io vedo un modello che a regime può aiutare a sviluppare prima e meglio giocatori, che, le proporzioni parlano sempre chiaro, sono e restano perlopiù italiani. (che poi lo scouting all'estero per le giovanili qui resti ancora MOLTO migliorabile, l'ho già detto, è un altro discorso)

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Brus ha scritto:

Non è tutto infatti, è uno dei fattori. Nello specifico della mancata qualificazione ai Mondiali neanche troppo influente a mio avviso, la differenza in negativo è stata determinata soprattutto da una guida tecnica inadeguata e un gruppo che non ha saputo trovare compattezza e personalità al momento opportuno. La "materia prima" per evitare questo flop colossale comunque c'era (e se è per questo, abbiamo ben figurato negli ultimi due Europei, non certo presentando dei dream team).

Se poi dico che, in questa precisa fase, il potenziale non vada oltre ad azzeccare un assetto e sperare in un exploit, non mi sembra di dire un'eresia. Mi risulta ben difficile credere che qualche straniero non eccezionale abbia rubato impedito a qualche talento nostrano di mettersi in luce, o men che meno, abbia "bruciato" potenziali campioni.

E se guardiamo i principali campionati esteri, non è che siamo noi i massimi esterofili: per dire, l'Inghilterra sembra finalmente aver trovato un gruppo competitivo, eppure la Premier ha il 68% di giocatori stranieri (contro il 55% della Serie A), il Portogallo campione d'Europa in carica ha il 62%. La Spagna ha attualmente la percentuale minore in assoluto (39%), e un modello che valorizza molto i vivai, eppure, esaurito il ciclo di vittorie legato a una generazione eccezionale, non sta collezionando figuroni in campo internazionale. Per dire, anche ridurre tutto, o quasi a "giocano troppi stranieri" può essere considerato un discorso un po' sbrigativo, o limitante. Credo che quando c'è talento, la competitività ne giova di conseguenza, se latita è tutto un po' più difficile, e se altri fattori dicono male, è molto più facile arrivare a figuracce come quella che ci è toccato subire con la Svezia.Un movimento calcistico non può crearsi campioni in laboratorio, nè sperare di cavare sangue dalle rape eliminando od ostacolando la concorrenza interna. Può al massimo mettere gli affiliati nelle condizioni migliori per poter sviluppare al meglio ciò che hanno a disposizione. Che la Juve (così come domani un'Inter, una Roma, Un'Atalanta ecc...) abbiano uno sbocco diretto e autogestito per inserire i propri giovani nel professionismo, mi sembra assolutamente un passo in avanti positivo. Io vedo un modello che a regime può aiutare a sviluppare prima e meglio giocatori, che, le proporzioni parlano sempre chiaro, sono e restano perlopiù italiani. (che poi lo scouting all'estero per le giovanili qui resti ancora MOLTO migliorabile, l'ho già detto, è un altro discorso)

Non mi hai risposto però

Quali sarebbero i giocatori "adeguati" presi per la primavera ? In che modo hanno alzato la nostra competitività? 

 

Ventura ha le sue colpe, ma la nazionale era pietosa 

La Spagna domina a livello di club da anni ed ha dominato a livello di nazionale fino a poco fa, rimane, anche oghi, una delle più  forti 

Quindi citando la spagna mi stai dando ragione... 

 

31 minuti fa, colpodimano ha scritto:

ma chi lo vuole rilanciare? siamo la juventus, miga l'azzurrese figc

Bravo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.