Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Nate Fisher

Conte pre Inter-Juve: "Juve è un esempio. Togliere la mia stella? Proposta priva di insegnamento, non meritava spazio". Sky: "Smentita Juve, nessuna dichiarazione di Agnelli"

Recommended Posts

 

 

Qual è il livello di stanchezza? Come sta Lukaku?
"E' l'ultima gara di questo ciclo, nel prossimo mi auguro di poter contare su un gruppo di giocatori più numeroso. Qualcuno ha fatto gli straordinari, mi auguro di partire meglio nel prossimo mini-ciclo. Il nostro campionato parte da questo, dal coinvolgere tutti i giocatori della rosa affinché alcuni non siano costretti a giocare tutte le partite consecutivamente. E' importante per chi come l'Inter affronta campionato, Champions e Coppa Italia poter attingere a tutta la rosa. In questo mini-ciclo non ho potuto farlo perché qualcuno era leggermente in ritardo nell'idea o dal punto di vista fisico. Siamo però all'inizio, il serbatoio è pieno. Sono partite che danno energie importanti a prescindere. Ci arriviamo nella giusta condizione, col giusto entusiasmo, dopo una gara ben giocata a Barcellona. Sarà un altro step importante contro una squadra che non sta a me dire quante cose positive ha. Lukaku? Giocherà se darà garanzie, altrimenti toccherà a un altro. Abbiamo cambiato radicalmente la situazione rispetto agli anni passati. Tanta gente parla del mercato in entrata ma non delle uscite, sono andati via giocatori che erano considerati basilari per l'Inter. Abbiamo aggiunto ragazzi di valore ma con pochissima esperienza di partite per obiettivi importanti. Questo percorso dovrà essere fatto e per noi sarà molto importante la crescita del valore della rosa. Per me sarà importante il lavoro perché tramite il lavoro i ragazzi stanno migliorando, devono crescere dal punto di vista tattico, fisico, di autostima. Questo è il grande lavoro che va fatto. Ci vorrà tempo, ma noi stiamo lavorando in maniera importante e ringrazio i ragazzi perché mi hanno dato grande disponibilità. Però dovremo fare degli step, un percorso negli anni per capire dove migliorare e crescere in tutto. Una cosa penso si possa dire, che stiamo lavorando giorno e notte per portare la macchina a 200 all'ora. Di questo siamo certi e tutti devono esserlo".

 

Questo ultimo ciclo di partite ti ha fatto capire di poter avere più dell'1% di possibilità di vincere?
"Quando si parla dell'1% bisogna mettere il fatto che vedi nella situazione la possibilità di lavorare, crescere e ambire a lottare per vincere. Io ho visto questo quando ho parlato coi direttori, quando ho parlato col presidente. E' inevitabile che tra il dire e il fare c'è tanto. Si abusa spesso di questa parola, vinciamo di qui e vinciamo di là, ma c'è da tramutare nei fatti quel che si dice troppo facilmente. Spesso il verbo vincere è molto usato ma in pochi sanno cosa comporta. Mi è stato chiesto di venire qui per trasferire questo e cerco di farlo con un gruppo di ragazzi con cui è un piacere lavorare al di là del risultato".

 

C'è il timore di trovare altre situazioni "indirizzate", dopo Barcellona?
"Assolutamente no. Non confondiamo. Io dopo Barcellona sono stato il primo a dire che le decisioni prese non dovevano essere un alibi. Ho manifestato un malessere percepito fino all'inizio, ma se pensate di trovare in me uno che trova scuse o alibi state lontani anni luce. Se il Barcellona ha vinto è perché ha fatto qualcosa in più di noi. Abbiamo fatto errori evitabilissimi e su questi costruiremo qualcosa di più positivo per cercare in quel tipo di partite in cui meriti di più di non perdere. Per il resto per me vince sempre il migliore, al di là degli episodi".

 

C'è una petizione per togliere la tua stella dallo Juventus Stadium. Ti senti di ringraziare Agnelli per la sua posizione?
"A me dispiace che sia intervenuto, perché facendolo ha dato risalto a una proposta volgare. Priva di insegnamento e valori. Ha dato spazio all'ignoranza. Io non lo devo neanche toccare questo argomento perché solo pochi giorni fa ho detto che la colpa è anche vostra, perché date spazio a situazioni volgari. Non devo ringraziare nessuno, avrei preferito che nessuno desse spazio a questi ignoranti e stupidi".

 

L'Inter è riconoscibile per la personalità, è questo che ti rende felice o c'è da migliorare in qualcosa?
"Io quando parlo di crescita parlo di tutto. Noi dipenderemo molto dalla nostra crescita, da quel che faremo quest'anno. Dalla crescita dei singoli giocatori. Come ho detto in precedenza ci sono in squadra buoni giocatori che possono diventare top attraverso il lavoro. Il mio compito è quello di aiutare ogni singolo giocatore a migliorare perché migliorando il singolo migliora l'obiettivo, l'ambizione, tutto. Questo è fondamentale. Da parte mia non posso fare altro che mettermi totalmente a disposizione insieme al mio staff perché i ragazzi vogliono diventare protagonisti. Hanno voglia di poter dire la loro, quindi c'è solo un modo: lavorare. Le nostre ambizioni, cosa faremo passa molto dalla crescita singola e collettiva".

 

Siete gli unici a non aver preso gol nei primi tempi e a non essere mai andati in svantaggio. E' realistico pensare di tenere il ritmo del primo tempo di Barcellona per tutta la gara?
"Dati alla mano quel che abbiamo corso il primo tempo è più o meno uguale al secondo. Però il secondo abbiamo difeso andando indietro, nel primo lo abbiamo fatto in avanti. Questo è quel che abbiamo fatto in negativo nella seconda parte. Bisogna poi capire anche i nostri demeriti e i meriti del Barcellona. Dobbiamo però migliorare nell'avanzare quando stiamo difendendo e nel far male quando attacchiamo. Nella nostra testa ci deve essere comunque sempre l'idea di salire appena si può, di fare pressione sulla palla. Per tutti i 95' e particolarmente quando siamo in difficoltà".

 

Anche secondo lei la Juve sta impiegando più tempo ad assimilare il gioco di Sarri di quanto ci stia mettendo l'Inter con lei?
"Ognuno ha la sua filosofia, detto questo la Juve ha vinto cinque partite e pareggiata una. E' già abituata a vincere, ha in rosa giocatori che hanno vinto tanto. E' una squadra fatta sotto tutti i punti di vista, poi possiamo parlare di creare più situazioni da gol, ma la base è già fatta. Ci sono giocatori d'esperienza, investimenti importanti. La Juventus è una squadra che aggiunge, non sostituisce ogni anno. Anche quest'anno ha aggiunto. Ma questo è un livello in cui per otto anni hai aggiunto qualcosa, mentre gli altri hanno fatto il percorso inverso. Si è creato un gap importante a livello italiano che non è facile colmare, ma dico anche che noi di certo abbiamo iniziato la rincorsa per riposizionarci un po' più vicini. C'è un dato di fatto, loro hanno 25 giocatori di esperienza internazionale con vittorie e vittorie nel palmares. Hanno tutto. Noi stiamo nascendo e stiamo cercando di fare questo tipo di percorso".

 

Per te a livello sentimentale è una partita speciale. C'è un messaggio che vuole dare alla parte sana, la grande maggioranza della tifoseria?
"Quegli altri non sono tifosi, sono ignoranti. Non li coinvolgo nella schiera dei tifosi. Il messaggio per i tifosi l'ho dato dieci giorni fa. Abbiamo la fortuna di fare uno sport amatissimo nel mondo. Dobbiamo essere di esempio, trasmettere valori positivi ed essere entusiasti di giocare a calcio. Che è uno sport, non una guerra. A volte ci si dimentica questo. E' uno sport che deve tramandare valori umani e sportivi positivi, non tramandare odio o violenza. Altrimenti io sono il primo ad alzare la mano e dire basta. Non mi tiene nessuno a fare l'allenatore. Questo dobbiamo fare. Sarà sempre più difficile perché oggi siamo in una società in cui odio e violenza attecchiscono alla grande. Le generazioni stanno venendo su che sono una bellezza, perché c'è un contorno. Io sono in difficoltà da quando sono tornato dall'Inghilterra. Vedo situazioni per cui mi chiedo chi me l'ha fatta fare. Fin quando la passione verso questo sport supera questo tipo di situazioni allora ok. Se mi si abbasserà la passione sarò il primo a dire grazie e arrivederci. Non sarà una grande perdita per il calcio ma nemmeno per me".

 

TuttoJuve

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bello il gesto di agnelli per cercare di placare gli animi. Peccato che questa cosa non sia stata recepita intelligentemente "dall'altra parte"

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

bravo,ora vai a mettere a cuccia il gattino che hai in testa che domani ti aspetta una serata impegnativa

  • Haha 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Titolo impreciso, ha detto che avrebbe preferito che Agnelli non intervenisse.

Non era una frecciata a lui ma ai giornalisti e ai fagiani che hanno fatto quella tristissima petizione.

Ha ragione lui.

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

detto da uno che anche quando vince ha la faccia da cane bastonato...che polemizza su tutto

imparasse da allegri come si sta su una panchina

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, dan11 ha scritto:

Titolo impreciso, ha detto che avrebbe preferito che Agnelli non intervenisse.

Non era una frecciata a lui ma ai giornalisti e ai fagiani che hanno fatto quella tristissima petizione.

Ha ragione lui.

Ha detto che Agnelli ha dato voce agli stupidi e che non deve ringraziare nessuno.

 

Impreciso de che?

  • Mi Piace 5
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Nate Fisher ha scritto:

La stella non doveva proprio essere messa.

 

E tu agli Agnelli devi dire "grazie" fino a quando campi, perché se oggi fai il fenomeno è grazie a loro.

 

Fallito, ridicolo e provinciale.

L'abbiamo prima fatto uomo, poi calciatore e poi allenatore e difeso quando era accusato per omessa denuncia perchè la sua ex squadra si era venduto una partita.

Agnelli non dovrebbe proprio nominarlo, uomo ridicolo.

  • Mi Piace 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma che *, cerca in tutti i modi di fare polemica per caricare l’ambiente fognario. Deve solo ringraziare Andrea e gli Agnelli tutti.

P.S. Della stella non me frega nulla, che se la tenga, tanto il rispetto l’ha già perso

  • Mi Piace 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Nate Fisher ha scritto:

Ha detto che Agnelli ha dato voce agli stupidi e che non deve ringraziare nessuno.

 

Impreciso de che?

"A me dispiace che Agnelli sia intervenuto perché facendo ha dato importanza a una proposta becera, volgare. Priva di insegnamento e di valori, spazio all'ignoranza. Non devo neanche toccarlo questo argomento, 10 giorni fa ho parlato coi giornalisti dicendo che la colpa è vostra perché date spazio a situazioni becere, ignoranti e volgari. Aizzate la violenza, non devo ringraziare nessuno anzi. La stampa non deve dare voce a questi ignoranti stupidi".

 

Non se la prende con Agnelli ma con la stampa, ergo: impreciso.

  • Mi Piace 2
  • Confuso 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Volgare?

La storia è un percorso continuo e non una frazione. Quanto si è fatto è solo una parte di quell'enorme cerchio che è la vita. Tu per una parte hai portato una bandiera e con strana facilità l'hai ammainata alla ricerca della tua vanagloria. La storia è proseguita ed al solito ha portato consapevolezza. Tu non meriti un posto d'elite nella nostra storia per quel che hai detto e fatto. La stella rappresenta questo, l'immortalità di una figura ed invece la tua storia, così come hai deciso, non dovrà vivere nell'immortalità del tempo ma dovrà fermarsi a quel frangente (quegli 8 titoli che sentivi tuoi e non i 32 che rappresentavano la Juventus). 

Vivi in pace Antonio, il tuo ricordo è già fumo e nebbia. 

E non ti azzardare a dispensare giudizi, che con carri armati e riferimenti infelici sei andato ben oltre il comune concetto di volgarità, ammesso tu conosca il significato della parola.

  • Mi Piace 17

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo è uscito totalmente di testa mi spiace per lui 

Traditore e senza principi pensa di dare lezione di vita agli altri 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.