Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

Il Giornale: "Messi e la lezione non capita del Bayern. Anche la Juve, strutturalmente più simile al club tedesco, si è omologata a chi cerca colpi anziché tenere salda l’identità"

Recommended Posts

Il bello del giornalismo sportivo è che vige sempre il senno del poi ... oggi abbiamo scoperto il Bayern e il modello Bayern! Sono sicuro che se Mbappé non avesse sbagliato un gol che normalmente segna ad occhi chiusi oggi staremmo parlando di quanto è importante spendere sul mercato per vincere, di quanto contino le stelle e le proprietà miliardarie, di quanto le italiane non possano permettersi certe spese (eccetto ovviamente l'Inter).

Oltretutto spendere 110 mln per due onesti mestieranti come Hernandez e Pavard per lasciarli in panca dimostra come nessuno abbia la sfera di cristallo in fatto di mercato.

 

Io li invidio proprio questi che vivono scrivendo le cose che potrebbe scrivere una persona qualsiasi all'interno di questo forum.

 

Le cose cha ha dimostrato questa CL sono:

1) quanto sia importante nel calcio moderno la condizione fisica. Primo correre, secondo farlo con tecnica. 

2) quanto sia importante avere una precisa identità di gioco con giocatori funzionali ad essa. Non devi giocare per forza come il Bayern o il Barca, puoi anche fare catenaccio e ripartenze, ma se vuoi farlo devi avere gente adatta a quel tipo di gioco. I nomi da soli non bastano devono essere inseriti in un contesto che sappia valorizzarli.

 

Il resto sono tutte chiacchiere ... se quella del Bayern fosse la fomula per essere sicuri di vincere la CL non staremmo parlando di una squadra che ne ha vinte 3 negli ultimi 19 anni.

 

 

 

 

 

  • Mi Piace 3
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Troy94 ha scritto:

La differenza è che la Juve necessita di entrare nel pantheon globale per aumentare la sua ricchezza, il Bayern no perché la Germania è il suo pascolo incontaminato. Quando le squadrette italiane capiranno che è meglio avere noi come portabandiera forte in Europa e nel mondo (cosa di cui beneficerebbero anche loro) anziché sabotarci quello sarà un giorno migliore. 

Non si può fare un paragone con la Germania, in Germania non esistono altre big oltre al Bayern, in Italia oltre alla Juve ci sono le milanesi, anche se ancora “dormienti”. È normale che il Bayern abbia un dominio diverso rispetto a noi, in Germania oltre a loro c’è il Borussia che non è altro che una Rometta + (ovviamente è superiore alla Roma, hanno 8 scudetti e 1 Champions, ma il Borussia è sicuramente, come storia,  potenziale e bacino di tifosi, molto più vicino ad una Roma o un Napoli di quanto lo sia alle big europee attuali e anche a big dormienti come le milanesi), in Italia abbiamo Milan e Inter che hanno un potenziale enorme, soprattutto il Milan.

 

Ma basta confrontare anche il ruolino di marcia del Bayern nelle competizioni europee e confrontarlo con le altre tedesche per capire che loro siano in una posizione completamente diversa: il Bayern ha giocato undici finali di Champions vincendone 6, per il resto abbiamo il Borussia Dortmund e l’Amburgo che hanno giocato due finali a testa nella loro storia vincendone una e perdendone una. 

 

 

In Italia, oltre a noi con le nostre nove finali giocate e due vinte, abbiamo l’Inter che ne ha giocate 5 e vinte 3 e il Milan che ne ha giocate 11 e vinte 7. Abbiamo sempre avuto, oggettivamente (tranne gli ultimi otto anni, ma è una situazione anomala non destinata a durare), dei competitors completamente imparagonabili rispetto a quelli avuti dal Bayern.

1 ora fa, Muzio ha scritto:

Il bello del giornalismo sportivo è che vige sempre il senno del poi ... oggi abbiamo scoperto il Bayern e il modello Bayern! Sono sicuro che se Mbappé non avesse sbagliato un gol che normalmente segna ad occhi chiusi oggi staremmo parlando di quanto è importante spendere sul mercato per vincere, di quanto contino le stelle e le proprietà miliardarie, di quanto le italiane non possano permettersi certe spese (eccetto ovviamente l'Inter).

Oltretutto spendere 110 mln per due onesti mestieranti come Hernandez e Pavard per lasciarli in panca dimostra come nessuno abbia la sfera di cristallo in fatto di mercato.

 

Io li invidio proprio questi che vivono scrivendo le cose che potrebbe scrivere una persona qualsiasi all'interno di questo forum.

 

Le cose cha ha dimostrato questa CL sono:

1) quanto sia importante nel calcio moderno la condizione fisica. Primo correre, secondo farlo con tecnica. 

2) quanto sia importante avere una precisa identità di gioco con giocatori funzionali ad essa. Non devi giocare per forza come il Bayern o il Barca, puoi anche fare catenaccio e ripartenze, ma se vuoi farlo devi avere gente adatta a quel tipo di gioco. I nomi da soli non bastano devono essere inseriti in un contesto che sappia valorizzarli.

 

Il resto sono tutte chiacchiere ... se quella del Bayern fosse la fomula per essere sicuri di vincere la CL non staremmo parlando di una squadra che ne ha vinte 3 negli ultimi 19 anni.

 

 

 

 

 

Fammi capire, sarebbero poche 3 Champions in 19 anni, cioè una Champions ogni 6 anni? E allora noi che vinciamo di media una ogni 32 (visto che la Champions esiste da 65 anni e ne abbiamo vinte due)? 3  Champions in 19 anni sono tantissima roba, considerando quanto è difficile vincerla. 

 

Non so te, ma io se mi dicessero che la Juve da qui al 2039 vincerà solo due o tre scudetti però accompagnati da tre Champions firmerei subito e col sangue.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Il senso condivisibile dell'articolo e secondo me il punto fondamentale è che non solo il Bayern ma in generale chi ha vinto in Europa lo ha fatto costruendo negli anni una squadra prendendo giocatori giovani o nel pieno della carriera e puntando su di loro; in mezzo a questi un parametro zero "vecchio" puoi anche rischiarlo, ma inseguire le figurine o comprare ultratrentenni che sono nomi mediatici e costano cifre pazzesche di ingaggio raramente fa vincere, serve più che altro per la mediaticita' e per ottenere followers, non trofei.

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 ore fa, pablito77! ha scritto:

Il Bayern ha la fortuna di avere il monopolio nel mercato interno. Spadroneggia a destra e a manca in fatto di scippare i migliori giocatori alle altre squadre tedesche a prezzi accessibilissimi. In Italia per noi ció non sarebbe possibile perché tutti ci vogliono spennare. Detto ció, tanto di cappello. 
 

In più loro hanno uno stadio che genera molti più utili del nostro. 

la semplice verità

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, CR Boss ha scritto:

Scommettiamo che tra 2 anni il Dortmund e' propenso a rifilargli Haalandt a due spicci se il Bayern e' interessato?

Se aspetta di arrivare a scadenza si; se si muove prima penso proprio di no; ok per Lewandowski ma, adesso si cita il caso di Goretzka, ma chi lo conosceva prima che esplodesse al Bayern ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, AlessandroDelPiero77 ha scritto:

Non so te, ma io se mi dicessero che la Juve da qui al 2039 vincerà solo due o tre scudetti però accompagnati da tre Champions firmerei subito e col sangue.

Io assolutamente no. Anche ammettendo che fossero spartite (e quindi un anno la CL e un altro anno lo scudetto), sarebbero 5-6 stagioni a godere e 13 a rosicare amarissimo.

Se mi dici "ci metterei al firma per vincere tre cl nei prossimi 19 anni, ti dico anche io, ma non a scapito degli scudetti.

Questa cosa di mettere la Champions come unico trofeo nel nome del quale sacrificare tutto, secondo me è alla base della deviatissima mentalità che ci porta a non vincerla da un bel po' e a farcela addosso in finale.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, kuntz ha scritto:

Adesso si cita il caso di Goretzka, ma chi lo conosceva prima che esplodesse al Bayern ? 

Tipo qualsiasi squadra europea che abbia degli osservatori che non dormono? Goretzka ha fatto 5 anni allo Schalke 04 con 116 presenze in bundesliga, prima di arrivare al Bayern a parametro zero.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ieri il modello era il Liverpool, oggi il Bayern.

se questi pseudo giornalisti avessero seguito il pattinaggio sul ghiaccio di qualche tempo fa Avrebbero detto che il modello è Steven Bradbury 🤣

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
26 minuti fa, forzarugani ha scritto:

Tipo qualsiasi squadra europea che abbia degli osservatori che non dormono? Goretzka ha fatto 5 anni allo Schalke 04 con 116 presenze in bundesliga, prima di arrivare al Bayern a parametro zero.

La mia impressione infatti e' che si guardi poco al campionato tedesco; magari dopo questa vittoria del Bayern e l'exploit del Lipsia potra' interessare di piu'; ma d'altronde chi se lo fila il campionato austriaco da cui arriva Haaland, se non i loro vicini di casa ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il Bayern ha la fortuna di avere il monopolio nel mercato interno. Spadroneggia a destra e a manca in fatto di scippare i migliori giocatori alle altre squadre tedesche a prezzi accessibilissimi. In Italia per noi ció non sarebbe possibile perché tutti ci vogliono spennare. Detto ció, tanto di cappello. 
 
In più loro hanno uno stadio che genera molti più utili del nostro. 
Perfetto!
Quello che tanti commentatori non capiscono (o fanno finta di non capire per denigrare la Juve) è proprio questa differenza abissale. Alla Juve in Italia fanno tutti resistenza o ipervalutazioni, in Germania il Bayern prende chi vuole

Inviato dal mio SM-A105FN utilizzando Tapatalk

  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, CR Boss ha scritto:

Esatto.

Gli Investitori esteri sarebbero un passo da seguire.

Quanto e' la quota azionaria degli Agnelli/ Elkann?

Chi lo sa?

67 x cento. Potrebbero cedere il 12 x cento ad un grosso investitore e rimanere con il 55 per cento. In totale controllo. Potrebbero anche cercare un facoltoso principe saudita o degli emirati. Però dovrebbero dargli carta bianca sulla gestione della società altrimenti nisba. Poi con tutti i paletti del gruppo Exor un investitore non potrebbe essere una casa automobilistica e già tiri fuori calibri come Toyota e similari. Insomma è in problrma quello dell'ingresso di soci importanti. Chi ad esempio ti darebbe prendere Messi poi vuole avere un giusto ritorno sul suo brand

Share this post


Link to post
Share on other sites

il bayern non è un modello, sicuramente non lo è per il nostro Club. Primo perchè il miglior modello possibile per la Juve è l'evoluzione societaria che ha avuto nei propri 123 anni di storia, secondo perchè ognuno deve fare riferimento al contesto in cui opera. 
il bayern è semplicemente un esempio di come programmazione e preparazione dei dirigenti possano fare la differenza sul piano sportivo e al contempo mantenere i conti in ordine, stop. Discorso che esula dall'investimento Ronaldo, operazione intelligente sotto tutti i punti di vista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo Cardiff abbiamo provato a fare una squadra di figurine e, oltre agli innegabili trofei nazionali conquistati da allora (grazie ad Allegri e Sarri), risultato preponderante è stato quello di accelerare la fine del ciclo. 

Ora la lezione sembra essere stata capita. Forze fresche e teste sgombre, entusiasmo e determinazione. Di identità ha parlato anche Sarri un anno fa (comprendendo la china presa dal gruppo e che lui non è riuscito ad invertire), ma è un processo che richiede tempo e speriamo che Pirlo riesca. 

Ora qualcuno storce il naso a sentir parlare di "modello Bayern". Convengo che ogni realtà abbia le proprie caratteristiche, ma qualcosina si può imparare da loro e provare a metterla in pratica. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La cosa che a me da fastidio, è sicuramente la costante riduzione di calciatori italiani, che da sempre hanno costituito l'anima della Juventus. Non a caso eravamo storicamente i maggiori fornitori di giocatori alla squadra azzurra, ma ora rispetto ad altre squadre di Serie A, la Juve ha davvero troppi stranieri. Riguardo la filosofia del Bayern, sicuramente è molto vicina, o almeno lo era, alla nostra. Personalmente mai avrei acquisito CR7, che è servito soltanto a migliorare l'aspetto marketing e diffusione del marchio a livello globale, ma quanto a vittorie sportive, abbiamo anzi subito una regressione rispetto all'ultimo periodo.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era ora... l'identità va a farsi benedire quando in A chiunque ti spara minimo 30 milioni per un giocatore alla prima stagione in massima serie e in B cifre a sette zeri anche per un giocatore del Livorno... giocare di scouting oltreconfine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh si, la loro filosofia è uccidere il campionato tedesco prendendo gli altri club per il collo e togliergli i campioni a zero.
Vedi Levandovski

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche il Bayern ha provato a fare cose nuove in passato...cercando L’ all-in...non a caso ha avuto Guardiola per qualche stagione e Ancelotti 

 

Anche il Bayern ha provato in passato a cambiare identità 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prendo i dati da transfermarkt:

 

Nel 2019/20 la Juve ha speso 223M incassandone 201 (spesa maggiore: de Ligt a 85M)

Nel 2018/19 263M spesi e 110 incassati (Ronaldo a 117M)

Nel 2017/18 164M spesi e 145 incassati (Bernardeschi a 40M)

 

Nel 2019/20 il Bayern ha speso 143M incassandone 54 (spesa maggiore: Hernandez a 80M)

Nel 2018/19 10M spesi e 84 incassati (Davies a 10M)

Nel 2017/18 116M spesi e 32 incassati (Tolisso a 41M).

 

Alla fin fine, noi spendiamo e incassiamo molto di più perché sfruttiamo molto di più il giochino delle plusvalenze, mentre loro semplicemente aspettano che i giocatori si svincolino per andare gratis (in Germania praticamente tutti lavorano per loro, inutile prendersi in giro).

 

La nostra anomalia è Ronaldo, che è ovviamente una mossa che esula dal discorso calcistico ma è una vera e propria operazione aziendale, che ci ha comunque permesso di rivedere tutti i contratti di sponsorizzazione (adeguandoci al gotha del calcio, bavaresi inclusi). I parametri zero ci servono, ovviamente, perché la coperta è limitata e da qualche parte dobbiamo tagliare, ma già da quest'anno sembrerebbe che la linea stia finalmente cambiando.

 

Poi, fa pure ridere sto elogio alla programmazione, quando hanno iniziato la stagione con un allenatore, l'hanno esonerato e promosso il vice in prima squadra. Si chiama programmare, questo?

 

In tutto ciò, si trascura un dettaglio: il Bayern nel 2006 cosa faceva? Perché noi venivamo distrutti e resettati, ripartendo dalla B, con un buco in bilancio clamoroso e prendendo in prestito i giocatori dall'Udinese. Eppure tutti fanno finta di non saperlo, questo.

 

L'essere lì a giocarcela con tutti in 14 anni è l'emblema di quanto stiamo lavorando bene, altro che "perdere l'identità", "omologazione" e sciocchezze simili da pennivendoli frustrati che non vedono l'ora di screditarci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

in fondo, per dire di aver ragione basta dar rilievo solo ed esclusivamente a quello che da forza alla propria tesi dimenticando tutto il resto.

che bell'articolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mai letto tante cose false.

La Juve di oggi e più simile al barca che al Bayern.

Perlomeno i modelli che sta seguendo sono barca e Real.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tenere salda l'identità. 

 

Poi però ti sparano 40 milioni su l'unghia per Locatelli, 40 per Tonali alla prima stagione in A, 70 per Chiesa, mille mila milioni per Zaniolo e Donnarumma. 

 

Il Bayern invece prende a 0 Lewandoski, Goretzka, compra Kimmich per una granita e due ghiaccioli, Alaba per un calippo. 

Smettiamola con 'sta roba, sono due situazioni quasi opposte. In Germania sanno che il Bayern porta visibilità e introiti, qui fanno di tutto per ostacolarci. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Bayern quando non vinceva manco in Germania ha iniziato ad aprire i cordoni della borsa acquistando Toni e Ribery e tutti o quasi i nazionali tedeschi.

Quando voleva rivincere la Champions ha ingaggiato i migliori allenatori sulla piazza.

Inoltre guardando l'albo d'oro di "modelli vincenti" ne troveremo decine.

Secondo me non esiste il modello vincente, esistono basi solide, scelte azzeccate e contesti ideali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, kuntz ha scritto:

Se aspetta di arrivare a scadenza si; se si muove prima penso proprio di no; ok per Lewandowski ma, adesso si cita il caso di Goretzka, ma chi lo conosceva prima che esplodesse al Bayern ? 

Che noi lo si conoscesse o meno,il Bayern in germania fa quello che vuole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, rensenbrink63 ha scritto:

67 x cento. Potrebbero cedere il 12 x cento ad un grosso investitore e rimanere con il 55 per cento. In totale controllo. Potrebbero anche cercare un facoltoso principe saudita o degli emirati. Però dovrebbero dargli carta bianca sulla gestione della società altrimenti nisba. Poi con tutti i paletti del gruppo Exor un investitore non potrebbe essere una casa automobilistica e già tiri fuori calibri come Toyota e similari. Insomma è in problrma quello dell'ingresso di soci importanti. Chi ad esempio ti darebbe prendere Messi poi vuole avere un giusto ritorno sul suo brand

67%? 

 

Potrebbero cederne il 16% e rimarrebbero sempre con il 51!

Assurdo quanto non si rendano conto di essere il punto di forza ed un limite allo stesso tempo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.