Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Deborah J

Cherubini a TS: "Con Kean abbiamo anticipato il futuro. Haaland un rimpianto. Dybala centrale nel progetto, siamo fiduciosi sul rinnovo. Su CR7 e Locatelli..."

Recommended Posts

12 minuti fa, Shingo Tamai ha scritto:

Messaggi come il tuo invece mi fanno piangere e basta...

Io non lo conoscevo, ma mi guadagno il pane facendo un altro lavoro.

Fermo restando che il senso del messaggio voleva solo porre in evidenza che ci sono molti potenziali campioni sul pianeta terra.

Inoltre mi sembra comunque che, Haaland a parte, a livello di giovani, non sia stato fatto 'sto grande lavoro, almeno fino ad oggi.

 

io lo stesso, faccio altro e ho profondo rispetto per la professionalità. Non mi azzardo a dar consigli su una materia che non conosco a chi invece quella materia rumina dalla mattina alla sera per professione. E' questo controsenso che mi fa piangere dal ridere. Comunque, a proposito, devo lavorare e non voglio alimentare polemiche, quindi mi scuso per l'aggressività del post e ti saluto con cordialità.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Fimow ha scritto:

e anche vero che nessun club europeo top avrebbe puntato su un diciottenne con due anni di esperienza nel campionato norvegese (senza contare che Higuain con quello stipendio dovevi pure piazzarlo prima)

Sì, ma ciò non leva il grande rimpianto. 

 

Lui ha chiesto spazio e noi abbiamo tentennato. Il Dortmund glielo ha concesso. 

 

Credo che lo stipendio non sarebbe stato un grosso problema visto che qualche mese dopo siamo andati a sperperare soldi per Ramsey e Rabiot... come ingaggi intendo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
50 minuti fa, Furia Ceca1985 ha scritto:

Intervista molto interessante.la cosa e' chiara mai più colpi folli.mi da l'idea che cherubini sia molto più ferrato di paratici nel ruolo di ds.

Servirà a non credere più alle chiacchiere giornalistiche di fantasmagoriche trattative per l'arrivo di Haaland o il ritorno di Pogba e via dicendo per almeno i prossimi 3 anni?

 

Questa intervista, per chi vorrà conservarne memoria , ha messo molti puntini sulle "i"

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, sergio 1157 ha scritto:

Credo siano input societari diversi.

Probabilmente in società avranno detto anche basta ad ingaggi folli .

Il che mi trova d'accordo

..Certo !!

se sommi solo gli stipendi di Ramsey, Rabiot, Bernardeschi, lo stesso Rugani (cosa saranno, 7 o 8 aani che è a busta paga???) vengono i brividi 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Giampaolo66 ha scritto:

Servirà a non credere più alle chiacchiere giornalistiche di fantasmagoriche trattative per l'arrivo di Haaland o il ritorno di Pogba e via dicendo per almeno i prossimi 3 anni?

 

Questa intervista, per chi vorrà conservarne memoria , ha messo molti puntini sulle "i"

Assolutamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, jurgen kohler ha scritto:

Osservazioni razionali, ma è anche vero che le difficoltà nel bilancio sono transitorie e si sta lavorando per abbattere i costi. È un lavoro che andrà avanti per almeno 2 se non 3 sessioni di mercato. Nel frattempo i ricavi progressivamente torneranno alla situazione pre covid. Quando il bilancio tornerà sostenibile sarà possibile fare investimenti anche cospicui. Se riuscissimo a convincere Rabiot, Ramsey e Arthur a fare le valigie tra un anno (insieme alle scadenze contrattuali di Rugani, Bernardeschi, Morata e De Sciglio) non credo sia impossibile acquistare un Vlahovic. 

Certo, riuscissimo a metterci nelle condizioni si', ma lui ha cercato di essere onesto e realista, dicendo che ora la priorità è ricostituire un gruppo coeso, con giovani italiani. Poi le opportunità le colgono, ma è dura che Vlahovic lo sarà. Un progetto diverso significa non acquisti fatti e finiti e quindi di alto costo, ma fare crescere gente all'interno. 

 

Come dire, se qualcuno ci paga 40 mln Rabiot e nello stesso tempo Vlahovic ci dice che vuol venire da noi, magari ci proviamo. Ma la linea di principio del progetto è un'altra

Share this post


Link to post
Share on other sites
47 minutes ago, Juventini_Q8 said:

Part 1 =

Part 2 =

 

Federico Cherubini, erede di Fabio Paratici alla Juventus, si racconta in una lunga intervista a Tuttosport (qui la prima parte). E il tema caldo è ovviamente la cessione di Ronaldo al Manchester United: "Diciamo subito che margini per trattenerlo non ce n’erano. Certe decisioni non sono negoziabili e, in fondo, non sarebbe stato opportuno per il club, perché il club è più importante di qualsiasi cosa e rimarrà sempre, al di là dei giocatori. Quindi, per il bene del club era giusto concentrarci sul futuro e non trattenere Ronaldo. E la scelta di fronte alla quale ci siamo messi non era: esce Cristiano, come lo sostituiamo. Era: esce Cristiano, dobbiamo pensare ad anticipare un pezzo di futuro, quello che comunque avremmo costruito al termine di questa stagione, quando sarebbe scaduto il suo contratto. E così abbiamo fatto". 

KEAN - "Lui sostituto di Ronaldo? Ecco, quello è proprio sbagliato. E si dovrebbe sgombrare il campo da questo ragionamento. Noi anticipiamo il futuro di un anno, non sostituiamo Ronaldo con Kean. Anche perché Ronaldo non è sostituibile, non credo che ci sarebbe stato sul mercato qualcuno di assimilabile a lui. Esce Cristiano e, diciamo, chiude una sorta di ciclo, di fase, di era CR7 alla Juve e se ne apre un altro, che non è la sostituzione di un calciatore con un altro di cui poi peso il valore e le differenze, ma un’operazione in linea con la direzione che comunque avremmo preso. Cercando di dare un segnale: riportare a casa un ragazzo che esce dall’attività di base del club, così che possa diventare un esempio per chi ne fa parte ora, il segnale che nella Juventus c’è spazio per chi cresce nel settore giovanile". 

IL CARATTERE DI KEAN - "Allora, io mi assumo tutto il rischio di quello che sto per dire. Io conosco Kean da tantissimi anni e non voglio raccontarvi che sia un santo, ma nel calcio prendersi etichette è facilissimo, togliersele è difficilissimo. Io ho parlato con Leonardo e lui mi ha detto che Moise ha avuto un comportamento molto regolare. Parliamo di un ventenne che non avrà la maturità di un trentenne, ma lo conosco: è un ragazzo pieno di valori e, se trova il giusto ambiente, è un calciatore che può dare tanto. Io non vedo il bad boy di cui si parla". 

ANCORA RONALDO - "Segnali prima dell'ultima settimana? Noi nella settimana prima di Udine avevamo segnali chiari sulla sua permanenza, per dire...". 

MENDES LAVORAVA DA GIUGNO? - "Vero, ma con segnali diversi. Ovvero, con segnali che non c’erano prospettive. Non voglio essere ipocrita e dire che gestire la situazione Ronaldo il 28 di agosto sia stato piacevole, se fosse successo un mese prima sarebbe stato meglio per tutti. L’abbiamo gestita a tre giorni dalla fine delle trattative, ma l’unico rischio potenziale è stato che un giocatore come Kean non fosse disponibile nell’ultima settimana di mercato. Dicono: eh, ma la Juve non era pronta a sostituire Ronaldo, doveva cautelarsi prima. Rispondo: ci sono tempi che non si possono gestire, voglio dire: non tutti i giocatori aspettano fino al 31 di agosto in attesa di capire se Ronaldo va o resta. Condizioni di cessione? Vorrei ricordare che negli ultimi anni molto spesso abbiamo anche pagato per chiudere un rapporto con un giocatore. Devo dire che come in tutte le operazioni c’è sempre qualcosa che si poteva fare meglio, ma so anche che, con altri club, non saremmo riusciti a ottenere nemmeno un indennizzo". 

 

IL CITY - "Non ce ne sarebbero state le condizioni. Lo United da questo punto di vista si è comportato in modo diverso, in un mercato nel quale ognuno tira i propri interessi, lo United si è comportato da club di tradizione. Poi, diciamocelo, una volta che Cristiano Ronaldo ci parla nel modo in cui ci ha parlato, non ci può essere epilogo diverso. In quei giorni è stato molto diretto, esprimendo la sua volontà e noi, come ho detto, abbiamo reagito pensando al bene del club e non il bene immediato, ma nell’ottica di uno sviluppo di un piano che poteva iniziare prima. Non potevamo costringere una persona a rimanere in un contesto che non riconosceva più. Con grandissimo rispetto di Ronaldo, cito quello che disse il presidente quando inaugurò il Museum: “La nostra storia è fatta da grandissimi campioni, allenatori e dirigenti, ma il club resta sempre la cosa più importante”. Questa è la filosofia che ci ha guidato anche in questa occasione". 

ALLEGRI - "È una scelta precisa, anche per dare stabilità tecnica al progetto che negli ultimi anni non c’era stata. Pentiti? Se si guarda a posteriori, è sempre facile rimpiangere le scelte. Dico che in quel momento quelle scelte apparivano come le migliori, con il senno di poi...". 

DE SCIGLIO E RUGANI - "De Sciglio e Rugani non stanno alla Juventus perché sono, come qualcuno dice, “invendibili”. Sono alla Juventus perché crediamo che siano dei valori aggiunti di questa rosa. Mattia De Sciglio ha delle qualità di assoluto livello e ha un’età per avere ancora ambizioni, per esempio il ritorno in Nazionale. Daniele Rugani ha giocato cento e più partite con la Juventus, si è sempre fatto trovare pronto e ha anche vinto tanto. La Juventus ha sempre fatto convinvere grandissimi giocatori con altri giocatori fondamentali per l’equilibrio dello spogliatoio. Io sono sicuro, e mi assumo anche le responsabilità di ciò che dico, ma sono sicuro che questi giocatori sono importanti per la Juventus. Parliamo di due ragazzi seri e sempre professionali con la società. In una squadra ci sono molti tasselli e ognuno deve essere consapevole del proprio ruolo. Se sai di non essere un titolare e ti fai trovare sempre pronto senza lamentarti alla seconda panchina sei importante per la squadra, altrimenti diventi un problema per lo spogliatoio. C’è stato un momento in cui la Juventus aveva 23/24 giocatori di livello mondiale, quando Khedira scherzava e diceva che la partitella del giovedì sembrava un quarto di Champions, ma c’è statao anche un momento in cui vincevi e avevi i Padoin, perfetti per completare la squadra. Adesso in un progetto in cui stai puntando sulla creazione di una forte entità di squadra, ovvero un gruppo solido che fa della compattezza il punto di forza, avere giocatori con quelle caratteristiche è fondamentale per gli equilibri di spogliatoio". 

RINNOVO DYBALA - "Ottimismo corretto? Sì, credo di sì. In giro aumenta la tendenza a liberarsi a parametro e quasi tutte le squadre in Italia hanno qualche problema di rinnovo. Però sono tranquillo. Diciamo che, come per Locatelli, non mi interessa metterci un incontro in più se alla fine raggiungo un accordo soddisfacente. E c’è l’intenzione da tutte le parti di raggiungere un accordo soddisfacente. Non lo ordina nessuno che si debba chiudere al secondo incontro. Poi le parodie sui tanti pranzi con Carnevali mi hanno anche fatto sorridere. La volontà è chiara ed è stata espressa da Allegri. Dybala ha una centralità nel progetto, credo che abbia l’età e le caratteristiche per farlo. Poi quella centralità tecnica non significa che si deve caricare tutta la Juventus sulle sue spalle, perché ci sono giocatori che possono trascinare la squadra insieme a lui. Se si gira vede Bonucci e Chiellini e si sente in buona compagnia". 

SU DONNARUMMA - "Perché non l'abbiamo preso? Perché la Juventus ha un portiere con un contratto lungo e un’affidabilità nella quale continuiamo a credere. Per cui abbiamo ritenuto che non fosse prioritaria la sostituzione tra i pali e, per la logica delle scelte che stiamo facendo non avrebbe avuto senso fare quello che ha fatto il Paris Saint Germain. Cioè, non era opportuno creare quella condizione con due portieri importanti nello stesso organico". 

 

CM

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Marko94 ha scritto:

Lo avremmo bruciato. Tuttora sarebbe in panchina a guardare i Pandev, i Caputo, gli Zapata ecc ecc

Ma non scherziamo. Avrebbe panchinato Higuain nel giro di due partite.

Così come Pogba, che quando arrivò da noi nessuno aveva mai visto né sentito nominare, ci mise poco o nulla a entrare e imporsi.

Quelli forti si impongono subito, altro che.

  • Mi Piace 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, pablito77! ha scritto:

Sì, ma ciò non leva il grande rimpianto. 

 

Lui ha chiesto spazio e noi abbiamo tentennato. Il Dortmund glielo ha concesso. 

 

Credo che lo stipendio non sarebbe stato un grosso problema visto che qualche mese dopo siamo andati a sperperare soldi per Ramsey e Rabiot... come ingaggi intendo. 

questo al secondo tentativo però. Da quello che avevo capito io, ma potrei sbagliarmi, né la Juve né il Man Utd comunque l'avrebbero preso nella sessione invernale ed è arrivato il Borussia con i soldi e il campionato già finito (arrivò secondo alla fine ma alla pausa era abbastanza giù), quindi con possibilità di pianificare già per l'anno successivo.
Capisco il rimpianto, assolutamente, ma a volte per tutti i trasferimenti ci vogliono particolari incastri. L'opera di ristrutturazione del monte ingaggi è fatta anche per aumentare le possibilità di arrivare pronti a queste occasioni secondo me, non va vista come il tentativo di diventare come l'Ajax.

Semplicemente giocatori giovani si "vendono" meglio in caso di necessità. Il problema è trovare giovani che siano anche già pronti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Shingo Tamai ha scritto:

Se cercate bene, scoprirete che il mondo è pieno di potenziali Haaland.

Bisogna solo girare, guardare molte partite ed essere minimamente in grado di capire quando un adolescente, o poco più, sia promettente o meno, anche da piccoli dettagli.

Una volta ne esisteva di gente che lo sapeva fare, soprattutto da noi

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pablito77! ha scritto:

Infatti il mio rimpianto è per non averlo preso dal Salisburgo. Alla fine si trattava di mollare Kulusevski e puntare su di lui. 

si vocifera che la scelta tra halland e kuluseski sia stata dettata dal fatto di non farlo prendere all'Inter di Marotta 

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, rob72 ha scritto:

Molto interessante 

la parte fra i due club di Manchester ad esempio ..

poi che halland non arriverà mai se qualcuno non lo avessse ancora capito

gli avrei chiesto di donnarumma 😀

Gli hanno chiesto. Ha detto che abbiamo già un portiere che ritengono affidabile, con un contratto lungo, quindi non era una priorità. E non potevano permettersi due portieri importanti. A chi vuole intendere...

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Fimow ha scritto:

questo al secondo tentativo però. Da quello che avevo capito io, ma potrei sbagliarmi, né la Juve né il Man Utd comunque l'avrebbero preso nella sessione invernale ed è arrivato il Borussia con i soldi e il campionato già finito (arrivò secondo alla fine ma alla pausa era abbastanza giù), quindi con possibilità di pianificare già per l'anno successivo.
Capisco il rimpianto, assolutamente, ma a volte per tutti i trasferimenti ci vogliono particolari incastri. L'opera di ristrutturazione del monte ingaggi è fatta anche per aumentare le possibilità di arrivare pronti a queste occasioni secondo me, non va vista come il tentativo di diventare come l'Ajax.

Semplicemente giocatori giovani si "vendono" meglio in caso di necessità. Il problema è trovare giovani che siano anche già pronti.

Ma infatti io evidenziavo che il rimpianto più grande è non averlo preso dal Salisburgo. Prenderlo dal Molde sarebbe stato troppo rischioso e con ogni probabilità gli avremmo rovinato il processo di crescita. 

 

Spero proprio che una volta rimesso in asse il monte ingaggi, oltre che a investire su giovani interessanti, si possa ogni anno fare un acquisto importante da inserire in rosa. 

 

 

3 minuti fa, Gion Gis Kann ha scritto:

si vocifera che la scelta tra halland e kuluseski sia stata dettata dal fatto di non farlo prendere all'Inter di Marotta 

In effetti ciò che dici ha una sua rilevanza. Ricordo anche io che fu un dispetto di Paratici a Marotta, almeno così dicevano. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pablito77! ha scritto:

Infatti il mio rimpianto è per non averlo preso dal Salisburgo. Alla fine si trattava di mollare Kulusevski e puntare su di lui. 

Ormai, purtroppo, è andata...

Sperare in Haaland, in questo forum, è come sperare in Pogba: inutili paturnie mentali tese a coltivare un sogno irrealizzabile...

 Vlahovic deve essere l'obiettivo futuro...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, zbozzige ha scritto:

Ormai, purtroppo, è andata...

Sperare in Haaland, in questo forum, è come sperare in Pogba: inutili paturnie mentali tese a coltivare un sogno irrealizzabile...

 Vlahovic deve essere l'obiettivo futuro...

Concordo Bro. Infatti ora spero più in Vlahovic che in colpi alla Psg. E sarà già dura prendere lui. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il rovescio della medaglia del prestito concluso per Ihattaren sta nel fatto che appena una società raggiunge i propri obiettivi di classifica, preferisce patrimonializzare i propri elementi preferendoli a quelli che sono di proprietà di altri.

Mi auguro che in questo senso siano stati presi accordi blindati con importanti premi di valorizzazione per la Samp, altrimenti tra sei mesi saremo qui a criticare un'operazione superficiale per poi sentirci dire che a posteriori sono tutti bravi a giudicare(come accaduto con Romero e compagnia).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perché sento odore di J.C.Blanc? uum

22 minuti fa, pablito77! ha scritto:

Sì, ma ciò non leva il grande rimpianto. 

 

Lui ha chiesto spazio e noi abbiamo tentennato. Il Dortmund glielo ha concesso. 

 

Credo che lo stipendio non sarebbe stato un grosso problema visto che qualche mese dopo siamo andati a sperperare soldi per Ramsey e Rabiot... come ingaggi intendo. 

Il salisburgo, al massimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parte che mi è piaciuta un po' meno e quella su De Sciglio e Rugani. Li' è stato molto diplomatico. Cioè, e' vero, come ha detto, che in una rosa ci vogliono anche complementi che accettino la panchina senza spaccare le pelotas, con professionalità. Ma che non li abbiano ripresi perché non si riusciva a venderli e per le loro qualità e' una mezza bugia. A questo punto però non poteva che dire questo..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche quello  che dice su Ronaldo è illuminante pur nella semplicità della dichiarazione.

Un dirigente Juventus ha uno stile che non si può derogare, non può essere mai pienamente esplicito, ma fra le righe si capisce che non si sono lasciati benissimo.

E mi dispiace per le primedonne, dive ed egoiste... ma io come semplice tifoso, sto e starò sempre dalla parte della società.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Roland Deschain ha scritto:

Perché sento odore di J.C.Blanc? uum

Il salisburgo, al massimo

Questo è ciò che non capisco, si parla del Molde ma in realtà quando noi eravamo vicini al suo ingaggio (che tutti i media davano per concluso) il ragazzo era di proprietà del Salisburgo.

Infatti da lì si è poi trasferito a gennaio al Dortmund.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che Haaland fosse ormai fuori dalla nostra portata era chiaro, ci spero ma non saremo in grado di far "aste" come qualcun altro, ed ora non siamo manco appetibili per il ragazzo... c'è molto di meglio rispetto a noi, dobbiamo dircelo.

A sto punto Vlahovic diventà la  priorità assoluta per quel ruolo!! 

Bene il rinnovo di Dybala e gli investimenti futuri previsti su giovani talenti

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pablito77! ha scritto:

Rimpianto non averlo preso dal Molde e poi insistere non prendendolo un paio di anni fa. 
 

L’operazione Haaland è costata quanto l’operazione Kulusevski. Qualcosa in più per l’ingaggio del vichingo, ma vuoi mettere adesso? 
 

Tutto perché il ragazzo voleva garanzie sul suo impiego e non gliele avete date per puntare su un Higuain in fase di caduta libera. 
 

Altroché rimpianto, mi viene da piangere se ci penso. 

Ma non credo fosse Higuain il problema , ma qualcun altro

Quale giovane centroavanti avrebbe scelto la Juve sapendo di aver in squadra Ronaldo

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Pep BlackWhite ha scritto:

Che Haaland fosse ormai fuori dalla nostra portata era chiaro, ci spero ma non saremo in grado di far "aste" come qualcun altro, ed ora non siamo manco appetibili per il ragazzo... c'è molto di meglio rispetto a noi, dobbiamo dircelo.

A sto punto Vlahovic diventà la  priorità assoluta per quel ruolo!! 

Bene il rinnovo di Dybala e gli investimenti futuri previsti su giovani talenti

non credo che nei prossimi 3 anni pagheremo un giocatore più di 35/40 milioni....(pagabile in 6 anni con un prestito biennale e il primo gratuito)...ora se vlahovic rinnova scordiamoci di pagarlo meno di 50 e passa...quindi...scordatevi vlahovic....mi sembra chiaro che i profili che cercheremo di prendere sono diversi...poi spero di sbagliare ma mi sembra di poter dire...benvenuti all'udinese..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.