Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

The Italian Giants

Gazzetta: "Dybala ha scelto l'Inter, trasferimento ormai in chiusura. Contratto da 6 milioni + bonus". EDIT: Smentita di Antun: "Nessun accordo con nessuna squadra"

Recommended Posts

2 ore fa, badboy ha scritto:

Io ho più di 51 anni, e quello che tu affermi su Laudrup, Zidane e Del Piero non mi risulta. Su Baggio invece si, ma perché in molti abbiamo percepito che ci "odiasse". Tutto questo con il massimo rispetto per le tue idee. 

Laudrup era bestemmiato una gara sì e l'altra pure.

Zidane idem.

DelPiero aveva questa protezione che si regala al figlio prediletto che permetteva che gli si perdonasse qualsiasi cosa.

Periodi bui, tanti, sempre molta indulgenza.

Era il cocco prediletto del Dottor Umberto, mentre Gianni non lo amava particolarmente (Godot...)

Prima dell'anno di grazia 1997/98 stagioni altalenanti fatte da cose splendide e periodi da schiaffi in faccia. 

Ma è una caratteristica di quel tipo di giocatori, faranno sempre discutere perché sono quelli che accendono la fantasia della gente.

Ma non possono farlo spesso, proprio per caratteristiche e perché le attese sono concentrate su di loro.

Concludo con un esempio: DelPiero ha giocato in una squadra dominante ben 4 finali di Champions League, a parte il gol da subentrato contro il Borussia (stavamo sotto 0-2, in forcing, e la formazione iniziale era quella giusta, visto il calcio favoloso espresso in quei mesi senza di lui) ricordi una partita non dico decente, almeno degna fra Roma, Monaco, Amsterdam e Manchester?

Io, no.

 

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, ilcalciononeplaystation ha scritto:

e niente,non ce la fai ad Amsterdam usci nel secondo tempo infortunato ,infortunio che ne mise in dubbio la convocazione.

Eh si vede che non ce la fate nè tu nè la tua memoria.

DelPiero ad Amsterdam aveva subito una contrattura/lieve stiramento il giorno precedente, ma giocò.

Tutta la partita.

Proprio morto quindi non era.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, ventinove ha scritto:

Eh si vede che non ce la fate nè tu nè la tua memoria.

DelPiero ad Amsterdam aveva subito una contrattura/lieve stiramento il giorno precedente, ma giocò.

Tutta la partita.

Proprio morto quindi non era.

si infortuno durante la partita e fu sostituito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, ilcalciononeplaystation ha scritto:

si infortuno durante la partita e fu sostituito.

No. Ma proprio neanche per sogno.

La partita venne giocata tutta.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, ventinove ha scritto:

No. Ma proprio neanche per sogno.

La partita venne giocata tutta.

 

La sostanza non cambia prima  o dopo comunque era infortunato,anzi se scese in campo  menomato a maggior ragione mise a repentaglio un mondiale alle porte dove di fatto ci arrivo zoppo.

Non stette a casa nonostante esami davano esiti negativi come qualcun altro quest'anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, ventinove ha scritto:

Non c'è nulla di condivisibile.

Ma libertà di espressione massima.

Io l'ho apprezzato.

Mai amato.

Perché gli é sempre mancato un cent per fare un dollaro.

E non avendolo vissuto come te in adolescenza credo sia normale.

Non ne discuto l'importanza a livello iconico (qui sopra ho scritto qualcosa in risposta ad un utente, non intendendo essere offensivo, sul fenomeno DelPiero/icona), piuttosto invito a non esagerare sul mitizzare uno e screditare altri.

Perché per DelPiero, per anni, si sono dette e scritte cose che ho riletto e riascoltato spesso a proposito di Dybala.

Non intendo e non sarebbe giusto fare classifiche di alcun genere e tantomeno paragoni.

Uno rimane 7 anni, l'altro c'è rimasto 19, in contesti diversi e sliding doors diverse.

Zidane é rimasto 5 anni, non so se frequentavi lo stadio o ascoltavi i discorsi di certi tifosi juventini al bar o in tv.

Non pianse nessuno, il "più divertente che utile" di Gianni Agnelli fu solo l'apice dell'indifferenza col quale venne vissuto Zizou in bianconero.

Non segna.

Non incide.

Non ha le palle.

Non è un leader.

Non è un trascinatore.

Non ci mancherà.

Questo più o meno il sunto.

Altroché...

Hai messo tanta carne al fuoco...

Capiamo chi fosse del Piero togliendo la maglia del tifoso:

Un ragazzino che fa mandare via il pallone d'oro dalla.juventus non di oggi, ma quella Juventus.

E che pronti via ti vince una champions e segna un gol da leggenda nell'intercontinentale.

E dopo continua ancora ed ancora ed ancora per 20 anni.

Io ho il grande rammarico del 2002 perché quell'Italia era più forte di quella del 2006 per dire.

Ed anche in quella spedizione 2002 solo un matto come un cavallo non si sarebbe portato   baggio.

Ecco questa piccola.misura ci dice quanto forte era del Piero.

Senza troppe chiacchiere.

 

Zidane...

Zidane era un altra cosa.

Zidane era un figlio illegittimo.

Fosse stato italiano sarebbe stato il prediletto.

Io frequento e frequentavo lo stadio.

E mio padre mi portava da bambino a vedere platini maratoda gullit van basten e tutti quelli che sappiamo.

Ma Zidane...è  stato il primo calciatore, per me, della.nuova generazione. E forse l'ultimo eroe della vecchia.

Non so dove fossi o con chi ti confrontavi, ma zidane lo abbiamo rimpianto in molti e per tanto tempo nonostante ci abbia portato in dote dei campionissimi.

Non esageriamo che in Italia è facile dimenticare a comando, specie sulla stampa.

Dybala...

Beh ci ho sperato che potesse portare la.bandiera degli eroi di cui ti ho scritto, ma ad un certo punto lo vedi un cavallo di razza. Lo annusi subito.

Beh Paulo ha dato indubbiamente, ma dalla Juventus ha ricevuto molto più di tanti altri. E stato protetto più di chiunque...

Ma lui voleva di più.

E gli Agnelli perdonano tutto, si innamorano follemente...ma non vogliono ricatti. Comandano loro e basta.

Alex lo sa.

Dybala è stato mal consigliato. 

Un bambino.

Dybala non ha nulla di qualunque degli altri calciatori di cui ho scritto in questo post.

Dybala non merita quel rispetto, perché ha dato meno di quei campioni.

Dybala ne parleremo ora e poi sempre meno...

Sarà uno dei tanti di passaggio.

Ma platini, lo stesso baggio, zidane e del Piero...beh caro amico, quelli dipingevano capolavori davanti a decine di migliaia di persone ogni domenica.

E non i millennials annoiati di oggi, no!

Davanti a gente che se sbagliavi ti fischiava senza pietà. 

Ma era la stessa gente capace di amare senza fine.

Credo di esserne l'esempio.

 

Mancano i campioni veri a questa società ed a noi tifosi.

 

 

  • Mi Piace 6
  • Grazie 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, il marsigliese ha scritto:

Hai messo tanta carne al fuoco...

Capiamo chi fosse del Piero togliendo la maglia del tifoso:

Un ragazzino che fa mandare via il pallone d'oro dalla.juventus non di oggi, ma quella Juventus.

E che pronti via ti vince una champions e segna un gol da leggenda nell'intercontinentale.

E dopo continua ancora ed ancora ed ancora per 20 anni.

Io ho il grande rammarico del 2002 perché quell'Italia era più forte di quella del 2006 per dire.

Ed anche in quella spedizione 2002 solo un matto come un cavallo non si sarebbe portato   baggio.

Ecco questa piccola.misura ci dice quanto forte era del Piero.

Senza troppe chiacchiere.

 

Zidane...

Zidane era un altra cosa.

Zidane era un figlio illegittimo.

Fosse stato italiano sarebbe stato il prediletto.

Io frequento e frequentavo lo stadio.

E mio padre mi portava da bambino a vedere platini maratoda gullit van basten e tutti quelli che sappiamo.

Ma Zidane...è  stato il primo calciatore, per me, della.nuova generazione. E forse l'ultimo eroe della vecchia e di quelli di cui sopra.

Non so dove fossi o con chi ti confrontavi, ma zidane lo abbiamo rimpianto in molti e per tanto tempo nonostante ci abbia portato in dote dei campionissimi.

Non esageriamo che in Italia è facile dimenticare a comando, specie sulla stampa.

Dybala...

Beh ci ho sperato che potesse portare la.bandiera degli eroi di cui ti ho scritto, ma ad un certo punto lo vedi un cavallo di razza. Lo annusi subito.

Beh Paulo ha dato indubbiamente, ma dalla Juventus ha ricevuto molto più di tanti altri. E stato protetto più di chiunque...

Ma lui voleva di più.

E gli Agnelli perdonano tutto, si innamorano follemente...ma non vogliono ricatti. Comandano loro e basta.

Alex lo sa.

Dybala è stato mal consigliato. 

Un bambino.

Dybala non ha nulla di qualunque degli altri calciatori di cui ho scritto in questo post.

Dybala non merita quel rispetto, perché ha dato meno di quei campioni.

Dybala ne parleremo ora e poi sempre meno...

Sarà uno dei tanti di passaggio.

Ma platini, lo stesso baggio, zidane e del Piero...beh caro amico, quelli dipingevano capolavori davanti a decine di migliaia di persone ogni domenica.

E non i millennials annoiati di oggi, no!

Davanti a gente che se sbagliavi ti fischiava senza pietà. 

Ma era la stessa gente capace di amare senza fine.

 

il tuo post mi evoca non sai quanti ricordi.

il campo ,l'atteggiamento determina se sei un buon  giocatore,campione,fuoriclasse.

Per questo sostengo,che Dybala per forza di cose,deve essere paragonato a quei nomi.

Non lo diciamo noi,lo dice la storia della maglia stessa,e se non si capisce questo,è inutile proseguire una discussione basata su opinioni proprie.

A Dybala chi più chi meno,abbiamo voluto bene,ma lui purtroppo non è diventato ciò che ci aspettavamo da lui visto il mostrato i primi anni da noi.

Certi atteggiamenti trapelati poi (contratto,extra campo) unito al progressivo decadimento in termini di prestazioni in campo,ha fatto si che si sia creata questa spaccatura a l'interno della tifoseria.

A me dispiace per quello che poteva essere ma non è stato.

Ma forse è giusto cosi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
26 minuti fa, il marsigliese ha scritto:

Hai messo tanta carne al fuoco...

Capiamo chi fosse del Piero togliendo la maglia del tifoso:

Un ragazzino che fa mandare via il pallone d'oro dalla.juventus non di oggi, ma quella Juventus.

E che pronti via ti vince una champions e segna un gol da leggenda nell'intercontinentale.

E dopo continua ancora ed ancora ed ancora per 20 anni.

Io ho il grande rammarico del 2002 perché quell'Italia era più forte di quella del 2006 per dire.

Ed anche in quella spedizione 2002 solo un matto come un cavallo non si sarebbe portato   baggio.

Ecco questa piccola.misura ci dice quanto forte era del Piero.

Senza troppe chiacchiere.

Baggio ha vissuto ciò che sta accadendo oggi a Dybala e accadde un anno dopo a Vialli.

Paro paro.

Baggio aveva 28 anni, e in tutta onestà me lo sarei tenuto.

Quando scrivi "ti vince una C.L." ricordo che il suo contributo è stato tangibile ai gironi

in partite terminate 4-0, 4-1, 3-1, 1-2 a qualificazione già in cassaforte.

Fondamentale la punizione contro il Real Madrid a Torino, ultimo suo segno di vita in quel torneo.

Finale male, decisamente male.

Va agli Europei.

Da dimenticare.

Inizia la nuova stagione e i primi mesi sono altalenanti.

Tuttosport mette in giro la voce secondo la quale in spogliatoio lo chiamino "il morto".

La stagione sembra svoltargli in una settimana, anche perché quella squadra gioca un calcio di una bellezza che a Torino non si è mai vista prima e neppure poi: a Manchester realizza il rigore dello 0-1 finale (in quella serata Ferguson si renderà conto di quale sia il modello da indicare ai suoi per diventare grandi. Impareranno in fretta, ahinoi...), la Juve va direttamente a Tokyo da Mancunia, vince la gara con i Millonarios con un suo gol dopo partita complicata e gol sbagliati anche da lui 

A pochi minuti dalla fine la liberazione.

Vinciamo la Supercoppa Europea dandone 6 al PSG a domicilio.

DelPiero non era in campo, c'era nella gara di ritorno a Palermo quando fece doppietta. A risultato acquisito dell'andata.

Il finale di stagione lo vede poco in campo - gol della bandiera in finale a Monaco a parte- ma qualunque attaccante giochi la squadra fa grandi cose. Con Vieri e Amoruso raggiungiamo l'apice, con Boksic perdiamo incisività sotto porta ma apriamo ogni difesa come il burro, Padovano finisce addirittura in Nazionale.

E se parli di Nazionale, DelPiero non é mai stato titolare e decisivo, se non a Rotterdam.

In negativo.

 

26 minuti fa, il marsigliese ha scritto:

Zidane...

Zidane era un altra cosa.

Zidane era un figlio illegittimo.

Fosse stato italiano sarebbe stato il prediletto.

Io frequento e frequentavo lo stadio.

E mio padre mi portava da bambino a vedere platini maratoda gullit van basten e tutti quelli che sappiamo.

Ma Zidane...è  stato il primo calciatore, per me, della.nuova generazione. E forse l'ultimo eroe della vecchia.

Non so dove fossi o con chi ti confrontavi, ma zidane lo abbiamo rimpianto in molti e per tanto tempo nonostante ci abbia portato in dote dei campionissimi.

Zidane é stato liquidato con un "più divertente che utile" dal primo tifoso del club.

E le reazioni sul "non segna, non è un leader, non trascina" erano all'ordine del giorno.

"Questo qui gioca bene e segna solo con la Francia!", dove in effetti segnava di più rispetto alla Juve.

Ma giocava anche in un ruolo diverso.

Zidane era mezza squadra da solo.

Ma il pubblico non lo capiva, guardavano solo chi faceva gol e chi mostrava i muscoli o andava ad esultare sguaiatamente sotto la curva.

26 minuti fa, il marsigliese ha scritto:

Non esageriamo che in Italia è facile dimenticare a comando, specie sulla stampa.

Dybala...

Beh ci ho sperato che potesse portare la.bandiera degli eroi di cui ti ho scritto, ma ad un certo punto lo vedi un cavallo di razza. Lo annusi subito.

Beh Paulo ha dato indubbiamente, ma dalla Juventus ha ricevuto molto più di tanti altri. E stato protetto più di chiunque...

Ma lui voleva di più.

E gli Agnelli perdonano tutto, si innamorano follemente...ma non vogliono ricatti. Comandano loro e basta.

Alex lo sa.

Dybala è stato mal consigliato. 

Un bambino.

Dybala non ha nulla di qualunque degli altri calciatori di cui ho scritto in questo post.

Dybala non merita quel rispetto, perché ha dato meno di quei campioni.

Dybala ne parleremo ora e poi sempre meno...

Sarà uno dei tanti di passaggio.

Ma platini, lo stesso baggio, zidane e del Piero...beh caro amico, quelli dipingevano capolavori davanti a decine di migliaia di persone ogni domenica.

E non i millennials annoiati di oggi, no!

Davanti a gente che se sbagliavi ti fischiava senza pietà. 

Ma era la stessa gente capace di amare senza fine.

Credo di esserne l'esempio.

 

Mancano i campioni veri a questa società ed a noi tifosi.

 

 

Ciò che ha ricevuto Dybala non lo so, protetto più di chiunque proprio no.

Io so che nel momento in cui Nedved gli rimproverò scarsa professionalità (novembre 2017) chiuse la stagione con 26 gol.

Poi è arrivato Ronaldo, la stagione del "tuttocampismo", che non va bene.

Chiude la stagione come secondo miglior marcatore di una squadra che con Ronaldo segna meno rispetto al passato.

Cambia il tecnico, Paratici prova lo scambio con Lukaku, Dybala rifiuta consigliato da Sarri.

Dybala gioca un'ottima stagione, il migliore della serie A.

Anno successivo, infortuni a catena, due perle a San Siro col Milan e in casa col Napoli.

Quest'anno la stagione é da dimenticare per tutti.

Chi é il capocannoniere della stagione?

Il solito, quello che non é degno di stare qui o là, ma a parte lo scorso anno é sempre stato il primo o secondo marcatore del club.

Gol raramente banali, per altro.

Quindi, bambino o adulto, direi che qualcuno mente e non saprei se addossare a lui le colpe.

Vedo l'operato e sento le chiacchiere dei dirigenti e non riesco ad essere sereno riguardo al futuro.

"Ho lasciato un ragazzo, ho ritrovato un uomo". Allegri in estate.

"Sulla scelta di non rinnovare Dybala sono in piena sintonia con la società". Allegri a marzo. 

"Dybala ha in mano un'offerta da top 20. Stiamo aspettando la sua risposta" Andrea Agnelli, piccato dopo il gol del calciatore a Genova con intervista nel post partita nella quale dichiarò "le cifre che circolano non sono vere, la richiesta é molto minore".

Più o meno la cifra da top 20 era 15 milioni.

Chi ha mentito? Il calciatore che ha dichiarato di volere meno di ciò che circolava (12/15, appunto) o il presidente che quei 12/15 li aveva dati per offerti e rifiutati?

"Siamo d'accordo, a breve la firma. Dybala é il nostro futuro capitano e per noi imprescindibile, troppo importante"  Nedved, ottobre/novembre.

Giocatore: "mi hanno chiesto di pazientare, perché adesso la società ha cose più importanti a cui pensare. Per me non c'è nessun problema". La settimana dello scoppio del bubbone-plusvalenze.

Fine dicembre, inizia l'Arrivabene show, con dichiarazioni pubbliche quantomeno discutibili integrate da una comunicazione all'agente "potete ritenervi liberi".

Poi la mancanza di offerta.

Tre giorni fa Nedved -proprio lui (cit) - che viene a raccontarci che "Dybala aveva richieste altissime".

Ma se sei stato proprio tu a dichiarare che era tutto fatto, che la firma sarebbe arrivata a breve e bla bla bla, col giocatore che alle ATP Finals a Torino confessa a Zverev (dialogo intercettato da Sky) "ci rivedremo qui per i prossimi 5 anni..." e il tennista risponde "5?"

'SÌ, 5..." facendo il.gesto del 5 con la mano.

Ora, io non so se Dybala abbia insidiato le mogli di Agnelli, Nedved, Arrivabene o chissà chi.

Se si droghi o si alcolizzi.

Se picchi la fidanzata o i bambini per strada.

Quello che mi fa specie è sapere che alla Juve c'è molta gente meno professionale di lui (e lo so da fonti che non é mio interesse sbandierare) e tutti tace.

Ma quello che sinceramente mi terrorizza, é sapere che in questi ultimi 3 anni la Juve sia stata e continuerà ad essere gestita da gente capace di dire quel che é riportato sopra, oltre che reduce da un periodo di decadente arroganza, supponenza e spocchia.

Con i risultati sotto gli occhi di tutti.

 

 

  • Mi Piace 1
  • Grazie 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, ventinove ha scritto:

Baggio ha vissuto ciò che sta accadendo oggi a Dybala e accadde un anno dopo a Vialli.

Paro paro.

Baggio aveva 28 anni, e in tutta onestà me lo sarei tenuto.

Quando scrivi "ti vince una C.L." ricordo che il suo contributo è stato tangibile ai gironi

in partite terminate 4-0, 4-1, 3-1, 1-2 a qualificazione già in cassaforte.

Fondamentale la punizione contro il Real Madrid a Torino, ultimo suo segno di vita in quel torneo.

Finale male, decisamente male.

Va agli Europei.

Da dimenticare.

Inizia la nuova stagione e i primi mesi sono altalenanti.

Tuttosport mette in giro la voce secondo la quale in spogliatoio lo chiamino "il morto".

La stagione sembra svoltargli in una settimana, anche perché quella squadra gioca un calcio di una bellezza che a Torino non si è mai vista prima e neppure poi: a Manchester realizza il rigore dello 0-1 finale (in quella serata Ferguson si renderà conto di quale sia il modello da indicare ai suoi per diventare grandi. Impareranno in fretta, ahinoi...), la Juve va direttamente a Tokyo da Mancunia, vince la gara con i Millonarios con un suo gol dopo partita complicata e gol sbagliati anche da lui 

A pochi minuti dalla fine la liberazione.

Vinciamo la Supercoppa Europea dandone 6 al PSG a domicilio.

DelPiero non era in campo, c'era nella gara di ritorno a Palermo quando fece doppietta. A risultato acquisito dell'andata.

Il finale di stagione lo vede poco in campo - gol della bandiera in finale a Monaco a parte- ma qualunque attaccante giochi la squadra fa grandi cose. Con Vieri e Amoruso raggiungiamo l'apice, con Boksic perdiamo incisività sotto porta ma apriamo ogni difesa come il burro, Padovano finisce addirittura in Nazionale.

E se parli di Nazionale, DelPiero non é mai stato titolare e decisivo, se non a Rotterdam.

In negativo.

 

Zidane é stato liquidato con un "più divertente che utile" dal primo tifoso del club.

E le reazioni sul "non segna, non è un leader, non trascina" erano all'ordine del giorno.

"Questo qui gioca bene e segna solo con la Francia!", dove in effetti segnava di più rispetto alla Juve.

Ma giocava anche in un ruolo diverso.

Zidane era mezza squadra da solo.

Ma il pubblico non lo capiva, guardavano solo chi faceva gol e chi mostrava i muscoli o andava ad esultare sguaiatamente sotto la curva.

Ciò che ha ricevuto Dybala non lo so, protetto più di chiunque proprio no.

Io so che nel momento in cui Nedved gli rimproverò scarsa professionalità (novembre 2017) chiuse la stagione con 26 gol.

Poi è arrivato Ronaldo, la stagione del "tuttocampismo", che non va bene.

Chiude la stagione come secondo miglior marcatore di una squadra che con Ronaldo segna meno rispetto al passato.

Cambia il tecnico, Paratici prova lo scambio con Lukaku, Dybala rifiuta consigliato da Sarri.

Dybala gioca un'ottima stagione, il migliore della serie A.

Anno successivo, infortuni a catena, due perle a San Siro col Milan e in casa col Napoli.

Quest'anno la stagione é da dimenticare per tutti.

Chi é il capocannoniere della stagione?

Il solito, quello che non é degno di stare qui o là, ma a parte lo scorso anno é sempre stato il primo o secondo marcatore del club.

Gol raramente banali, per altro.

Quindi, bambino o adulto, direi che qualcuno mente e non saprei se addossare a lui le colpe.

Vedo l'operato e sento le chiacchiere dei dirigenti e non riesco ad essere sereno riguardo al futuro.

"Ho lasciato un ragazzo, ho ritrovato un uomo". Allegri in estate.

"Sulla scelta di non rinnovare Dybala sono in piena sintonia con la società". Allegri a marzo. 

"Dybala ha in mano un'offerta da top 20. Stiamo aspettando la sua risposta" Andrea Agnelli, piccato dopo il gol del calciatore a Genova con intervista nel post partita nella quale dichiarò "le cifre che circolano non sono vere, la richiesta é molto minore".

Più o meno la cifra da top 20 era 15 milioni.

Chi ha mentito? Il calciatore che ha dichiarato di volere meno di ciò che circolava (12/15, appunto) o il presidente che quei 12/15 li aveva dati per offerti e rifiutati?

"Siamo d'accordo, a breve la firma. Dybala é il nostro futuro capitano e per noi imprescindibile, troppo importante"  Nedved, ottobre/novembre.

Giocatore: "mi hanno chiesto di pazientare, perché adesso la società ha cose più importanti a cui pensare. Per me non c'è nessun problema". La settimana dello scoppio del bubbone-plusvalenze.

Fine dicembre, inizia l'Arrivabene show, con dichiarazioni pubbliche quantomeno discutibili integrate da una comunicazione all'agente "potete ritenervi liberi".

Poi la mancanza di offerta.

Tre giorni fa Nedved -proprio lui (cit) - che viene a raccontarci che "Dybala aveva richieste altissime".

Ma se sei stato proprio tu a dichiarare che era tutto fatto, che la firma sarebbe arrivata a breve e bla bla bla, col giocatore che alle ATP Finals a Torino confessa a Zverev (dialogo intercettato da Sky) "ci rivedremo qui per i prossimi 5 anni..." e il tennista risponde "5?"

'SÌ, 5..." facendo il.gesto del 5 con la mano.

Ora, io non so se Dybala abbia insidiato le mogli di Agnelli, Nedved, Arrivabene o chissà chi.

Se si droghi o si alcolizzi.

Se picchi la fidanzata o i bambini per strada.

Quello che mi fa specie è sapere che alla Juve c'è molta gente meno professionale di lui (e lo so da fonti che non é mio interesse sbandierare) e tutti tace.

Ma quello che sinceramente mi terrorizza, é sapere che in questi ultimi 3 anni la Juve sia stata e continuerà ad essere gestita da gente capace di dire quel che é riportato sopra, oltre che reduce da un periodo di decadente arroganza, supponenza e spocchia.

Con i risultati sotto gli occhi di tutti.

 

 

Hai scritto tante cose vere ed hai anche fatto una cronaca dei fatti del contratto.

Io sono pienamente consapevole del valore di dybala.

Lo scopriremo quando non dovrà più giocare a centrocampo.

Ma la Juventus lo ha protetto più di chiunque altro, sia con Triulzi e la causa e sia con i suoi atteggiamenti sbagliati.

Poi ho abbastanza primavere pwr capire che le colpe non sono mai da una parte sola.

Infine se anche avesse fatto tutto la Juventus, mi pare di poter dire che è lecito rivedere una proposta di contratto se il rendimento non è all'altezza.

Perché 15M anni era una barzelletta, così come 10M.

Gli auguro di guadagnare 20M l'anno, ma noi non possiamo dare quei soldi per quelle prestazioni.

Strano che i calciatori non si accontentano tutti di un fisso ed il resto a rendimento. 

 

Su del Piero ho capito che non è tra i tuoi preferiti.

A volte non scatta la scintilla.

Il cuore fa le sue scelte a prescindere dalla testa e come ho già detto per me del piero va oltre la logica che ben riassumi.

 

Baggio...non lo so, Platini ero troppo piccolo e ricordo qualcosina proprio, ma forse neanche neanche sono veri i ricordi del rettangolo di gioco. Era più importante quello che accadeva con mio padre...

Baggio però lo ricordo eccome. Ricordo tutto del casino per averlo, rigore sciarpa e via dicendo...

Ma baggio era un unicum. Tante, troppe cose belle tutte insieme. Se mi dovessero chiedere di descrivere il tipico italiano a degli stranieri citerei Roberto Baggio. La fantasia è la concretezza, la forza e la debolezza, cadere e rialzarsi sempre...sempre rilanciando con nuove sfide  come faceva pantani sui pedali.

Di sicuro non era un ruffiano.

 

Eh si, a volte penso che il trap si sia meritato Moreno per non essersi portato baggio.

Il karma ti punisce.

Io credo che un attacco così forte come quei mondiali difficilmente lo rivedremo.

Baggio sarebbe stato il capobranco.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, ilcalciononeplaystation ha scritto:

il tuo post mi evoca non sai quanti ricordi.

il campo ,l'atteggiamento determina se sei un buon  giocatore,campione,fuoriclasse.

Per questo sostengo,che Dybala per forza di cose,deve essere paragonato a quei nomi.

Non lo diciamo noi,lo dice la storia della maglia stessa,e se non si capisce questo,è inutile proseguire una discussione basata su opinioni proprie.

A Dybala chi più chi meno,abbiamo voluto bene,ma lui purtroppo non è diventato ciò che ci aspettavamo da lui visto il mostrato i primi anni da noi.

Certi atteggiamenti trapelati poi (contratto,extra campo) unito al progressivo decadimento in termini di prestazioni in campo,ha fatto si che si sia creata questa spaccatura a l'interno della tifoseria.

A me dispiace per quello che poteva essere ma non è stato.

Ma forse è giusto cosi...

Esattamente caro amico.

Il calcio emette sempre le sue sentenze.

Definisce le categorie.

Ed i giudici sono gli spettatori allo stadio.

Non gli scribacchini o,secondo il nuovo corso, questa mandria di illustri ed illetterati ex giocatori che blaterano h24 di nulla.

Noi tifosi siamo la pancia del calcio.

E se la pancia è vuota brontola...

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, ventinove ha scritto:

Baggio ha vissuto ciò che sta accadendo oggi a Dybala e accadde un anno dopo a Vialli.

Paro paro.

Baggio aveva 28 anni, e in tutta onestà me lo sarei tenuto.

Quando scrivi "ti vince una C.L." ricordo che il suo contributo è stato tangibile ai gironi

in partite terminate 4-0, 4-1, 3-1, 1-2 a qualificazione già in cassaforte.

Fondamentale la punizione contro il Real Madrid a Torino, ultimo suo segno di vita in quel torneo.

Finale male, decisamente male.

Va agli Europei.

Da dimenticare.

Inizia la nuova stagione e i primi mesi sono altalenanti.

Tuttosport mette in giro la voce secondo la quale in spogliatoio lo chiamino "il morto".

La stagione sembra svoltargli in una settimana, anche perché quella squadra gioca un calcio di una bellezza che a Torino non si è mai vista prima e neppure poi: a Manchester realizza il rigore dello 0-1 finale (in quella serata Ferguson si renderà conto di quale sia il modello da indicare ai suoi per diventare grandi. Impareranno in fretta, ahinoi...), la Juve va direttamente a Tokyo da Mancunia, vince la gara con i Millonarios con un suo gol dopo partita complicata e gol sbagliati anche da lui 

A pochi minuti dalla fine la liberazione.

Vinciamo la Supercoppa Europea dandone 6 al PSG a domicilio.

DelPiero non era in campo, c'era nella gara di ritorno a Palermo quando fece doppietta. A risultato acquisito dell'andata.

Il finale di stagione lo vede poco in campo - gol della bandiera in finale a Monaco a parte- ma qualunque attaccante giochi la squadra fa grandi cose. Con Vieri e Amoruso raggiungiamo l'apice, con Boksic perdiamo incisività sotto porta ma apriamo ogni difesa come il burro, Padovano finisce addirittura in Nazionale.

E se parli di Nazionale, DelPiero non é mai stato titolare e decisivo, se non a Rotterdam.

In negativo.

 

Zidane é stato liquidato con un "più divertente che utile" dal primo tifoso del club.

E le reazioni sul "non segna, non è un leader, non trascina" erano all'ordine del giorno.

"Questo qui gioca bene e segna solo con la Francia!", dove in effetti segnava di più rispetto alla Juve.

Ma giocava anche in un ruolo diverso.

Zidane era mezza squadra da solo.

Ma il pubblico non lo capiva, guardavano solo chi faceva gol e chi mostrava i muscoli o andava ad esultare sguaiatamente sotto la curva.

Ciò che ha ricevuto Dybala non lo so, protetto più di chiunque proprio no.

Io so che nel momento in cui Nedved gli rimproverò scarsa professionalità (novembre 2017) chiuse la stagione con 26 gol.

Poi è arrivato Ronaldo, la stagione del "tuttocampismo", che non va bene.

Chiude la stagione come secondo miglior marcatore di una squadra che con Ronaldo segna meno rispetto al passato.

Cambia il tecnico, Paratici prova lo scambio con Lukaku, Dybala rifiuta consigliato da Sarri.

Dybala gioca un'ottima stagione, il migliore della serie A.

Anno successivo, infortuni a catena, due perle a San Siro col Milan e in casa col Napoli.

Quest'anno la stagione é da dimenticare per tutti.

Chi é il capocannoniere della stagione?

Il solito, quello che non é degno di stare qui o là, ma a parte lo scorso anno é sempre stato il primo o secondo marcatore del club.

Gol raramente banali, per altro.

Quindi, bambino o adulto, direi che qualcuno mente e non saprei se addossare a lui le colpe.

Vedo l'operato e sento le chiacchiere dei dirigenti e non riesco ad essere sereno riguardo al futuro.

"Ho lasciato un ragazzo, ho ritrovato un uomo". Allegri in estate.

"Sulla scelta di non rinnovare Dybala sono in piena sintonia con la società". Allegri a marzo. 

"Dybala ha in mano un'offerta da top 20. Stiamo aspettando la sua risposta" Andrea Agnelli, piccato dopo il gol del calciatore a Genova con intervista nel post partita nella quale dichiarò "le cifre che circolano non sono vere, la richiesta é molto minore".

Più o meno la cifra da top 20 era 15 milioni.

Chi ha mentito? Il calciatore che ha dichiarato di volere meno di ciò che circolava (12/15, appunto) o il presidente che quei 12/15 li aveva dati per offerti e rifiutati?

"Siamo d'accordo, a breve la firma. Dybala é il nostro futuro capitano e per noi imprescindibile, troppo importante"  Nedved, ottobre/novembre.

Giocatore: "mi hanno chiesto di pazientare, perché adesso la società ha cose più importanti a cui pensare. Per me non c'è nessun problema". La settimana dello scoppio del bubbone-plusvalenze.

Fine dicembre, inizia l'Arrivabene show, con dichiarazioni pubbliche quantomeno discutibili integrate da una comunicazione all'agente "potete ritenervi liberi".

Poi la mancanza di offerta.

Tre giorni fa Nedved -proprio lui (cit) - che viene a raccontarci che "Dybala aveva richieste altissime".

Ma se sei stato proprio tu a dichiarare che era tutto fatto, che la firma sarebbe arrivata a breve e bla bla bla, col giocatore che alle ATP Finals a Torino confessa a Zverev (dialogo intercettato da Sky) "ci rivedremo qui per i prossimi 5 anni..." e il tennista risponde "5?"

'SÌ, 5..." facendo il.gesto del 5 con la mano.

Ora, io non so se Dybala abbia insidiato le mogli di Agnelli, Nedved, Arrivabene o chissà chi.

Se si droghi o si alcolizzi.

Se picchi la fidanzata o i bambini per strada.

Quello che mi fa specie è sapere che alla Juve c'è molta gente meno professionale di lui (e lo so da fonti che non é mio interesse sbandierare) e tutti tace.

Ma quello che sinceramente mi terrorizza, é sapere che in questi ultimi 3 anni la Juve sia stata e continuerà ad essere gestita da gente capace di dire quel che é riportato sopra, oltre che reduce da un periodo di decadente arroganza, supponenza e spocchia.

Con i risultati sotto gli occhi di tutti.

 

 

C’è ne pentiremo amaramente purtroppo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 13/5/2022 Alle 13:08, ventinove ha scritto:

 

Decideva da solo é parola grossa.

Smettiamo di far diventare le cose del passato più belle, più grandi, più leggendarie 

In ogni caso decidere una coppa intercontinentale con un gol venendo eletto miglior giocatore a 22 anni appena compiuti non è roba da tutti i giorni
Sicuramente siamo anni luce rispetto a Dybala che a 22 anni era appena passato dal Palermo alla Juve

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, ilcalciononeplaystation ha scritto:

La sostanza non cambia prima  o dopo comunque era infortunato,anzi se scese in campo  menomato a maggior ragione mise a repentaglio un mondiale alle porte dove di fatto ci arrivo zoppo.

Non stette a casa nonostante esami davano esiti negativi come qualcun altro quest'anno.

La sostanza non cambia perché hai toppato e le tue considerazioni stanno a zero.

Al Mondiale ci andò e giocò -male- anche con la Francia nella gara decisiva, mentre Baggio -che faceva meraviglie con Vieri- venne panchinato.

Quello che tu accusi di essere rimasto a casa nonostante esami negativi ci ha rimesso mezza stagione per una recidiva contro il Lione.

Per aiutare la squadra, mica se stesso.

Rinfresca la memoria e impara ad essere più obiettivo.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, il marsigliese ha scritto:

Hai scritto tante cose vere ed hai anche fatto una cronaca dei fatti del contratto.

Io sono pienamente consapevole del valore di dybala.

Lo scopriremo quando non dovrà più giocare a centrocampo.

Ma la Juventus lo ha protetto più di chiunque altro, sia con Triulzi e la causa e sia con i suoi atteggiamenti sbagliati.

Poi ho abbastanza primavere pwr capire che le colpe non sono mai da una parte sola.

Infine se anche avesse fatto tutto la Juventus, mi pare di poter dire che è lecito rivedere una proposta di contratto se il rendimento non è all'altezza.

Perché 15M anni era una barzelletta, così come 10M.

Gli auguro di guadagnare 20M l'anno, ma noi non possiamo dare quei soldi per quelle prestazioni.

Strano che i calciatori non si accontentano tutti di un fisso ed il resto a rendimento. 

 

Su del Piero ho capito che non è tra i tuoi preferiti.

A volte non scatta la scintilla.

Il cuore fa le sue scelte a prescindere dalla testa e come ho già detto per me del piero va oltre la logica che ben riassumi.

 

Baggio...non lo so, Platini ero troppo piccolo e ricordo qualcosina proprio, ma forse neanche neanche sono veri i ricordi del rettangolo di gioco. Era più importante quello che accadeva con mio padre...

Baggio però lo ricordo eccome. Ricordo tutto del casino per averlo, rigore sciarpa e via dicendo...

Ma baggio era un unicum. Tante, troppe cose belle tutte insieme. Se mi dovessero chiedere di descrivere il tipico italiano a degli stranieri citerei Roberto Baggio. La fantasia è la concretezza, la forza e la debolezza, cadere e rialzarsi sempre...sempre rilanciando con nuove sfide  come faceva pantani sui pedali.

Di sicuro non era un ruffiano.

 

Eh si, a volte penso che il trap si sia meritato Moreno per non essersi portato baggio.

Il karma ti punisce.

Io credo che un attacco così forte come quei mondiali difficilmente lo rivedremo.

Baggio sarebbe stato il capobranco.

 

DelPiero non é fra i miei preferiti pur riconoscendogli il valore iconico che ha fatto presa su una generazione di giovani che si sono immedesimati in lui per gentilezza, signorilità e bella presenza.

Oltre che per indubbie qualità.

Ma ci sono molti "ma".

Innanzitutto dopo l'infortunio di Udine prese per il collo il club minacciando di andare a scadenza, e da convalescente riuscì a spuntare il contratto più importante a livello mondiale (8 miliardi netti delle vecchie lire, pensa un po' come viaggiava il mondo...).

Per un anno e mezzo successivo al rientro si doveva farlo giocare per recuperare l'investimento.

Ancelotti ci ha rimesso almeno uno dei 2 scudetti persi con noi.

In panchina c'era un onesto giocatore, Darko Kovacevic, che quando chiamato in causa timbrata sempre il tabellino.

Ma doveva giocare DelPiero.

8 gol su rigore e 3 su azione in tutta la stagione: 1 al Rostelsmash (o una roba simile) a luglio in Intertoto, 1 alla Lazio in Coppa Italia e 1 al Parma nella famosa partita dei veleni col gol di Cannavaro (Parma) annullato da DeSantis. Il preludio al nubifragio perugino.

Quando arrivò Capello discusse le scelte del Mister che gli preferiva Ibrahimovic e Trezeguet, confessò di aver più volte disatteso al decalogo del tecnico che vietava ai calciatori sport come lo sci. E lui, il lunedì andava a sciare a Sestriere...

Confessò che senza Calciopoli se ne sarebbe sicuramente andato, alla faccia della bandiera.

Scoppiata Calciopoli, vide una grande opportunità: stante la diaspora dei giocatori più importanti fece un discorso di questo genere.

"Io resto e vi tengo buoni i tifosi, ma voi non mettete becco su ciò che succede in squadra"

La società-debole, inadeguata e inetta- accettò.

DelPiero si allenava da solo come e quando voleva, festeggiava i propri record personali mentre la credibilità del club e della squadra sprofondava ai minimi storici.

Postilla: comandava talmente tanto che aveva nominato un luogotenente (un terzino toscano di lungo corso che porta il suo stesso nome di battesimo...) incaricato di ricevere i nuovi e spiegare per bene come funzionassero le cose nello spogliatoio.

Infine, il messaggio video col quale mise spalle al muro Agnelli, che non lo voleva confermare.

DelPiero è furbo, furbissimo, probabilmente Dybala no.😁

Platini era Dio, Platini era il padrone delle partite.

Tutti, compagni e avversari ne avevano rispetto.

I primi 3 anni e mezzo sono stati qualcosa di incredibile.

21 umani e un alieno in campo.

Baggio ebbe una sfortuna: finire in una Juve schiacciata dallo strapotere economico di Berlusconi, che comprava grandi giocatori da tenere in naftalina pur di non lasciarli alla concorrenza.

Quando il ciclo di Capello venne interrotto dalla prima Juve di Lippi a Baggio non venne rinnovato il contratto.

E credo che sarebbe stato molto utile in prospettiva, anche impiegato in maniera diversa.

Ma la Juve é così, predilige da sempre uomini dal carattere forte e deciso, l'aspetto tecnico viene un po' dopo.

E forse qui si spiega parzialmente -negli ultimi 30 anni in maniera più marcata-l'allergia per le finali europee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi sto leggendo storie lunghe e molto interessanti.  Ma  non credo siano necessarie tutte queste valide  argomentazioni per capire che l'addio di Dybala è un momento triste per tutti noi. E' un grande giocatore con tanta classe ma purtroppo le cifre che chiede non sono in linea con le sue attuali presenze e prestazioni. Purtroppo la differenza non l'ha fatta tanto l'aspetto economico quanto l'inafidabilita fisica. Detto questo Dybala mi  manchera come mi manchera in quanto giocatore unico nel  suo genere oggi. 

 

Premesso cio paragoni con Baggio, Del Piero o Zidane sono assolutamente  fuori luogo. In particolare Baggio e Zidane sono due grandissimi di  un livello che  Dybala  non vede neanche col binologo. E quindi se abbiamo fatto a meno di loro possiamo fare tranquillamente a meno di Dybala 

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'Inter deve far quadrare il bilancio e per farlo dovrà per forza vendere qualcuno dei suoi pezzi migliori, ma non credo che tra questi ci sia Lautaro, per poi prendere al suo posto uno più anziano e che verrebbe a costare di più non offrendo le stesse garanzie di prestazioni e numero ri reti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, il marsigliese ha scritto:

Zidane...

Zidane era un altra cosa.

Zidane era un figlio illegittimo.

Fosse stato italiano sarebbe stato il prediletto.

Io frequento e frequentavo lo stadio.

E mio padre mi portava da bambino a vedere platini maratoda gullit van basten e tutti quelli che sappiamo.

Ma Zidane...è  stato il primo calciatore, per me, della.nuova generazione. E forse l'ultimo eroe della vecchia.

Non so dove fossi o con chi ti confrontavi, ma zidane lo abbiamo rimpianto in molti e per tanto tempo nonostante ci abbia portato in dote dei campionissimi.

La ferita per la cessione di Zidane per quel che mi riguarda non si rimarginerà mai. Come hai detto tu, primo eroe della nuova generazione e ultimo della vecchia, calza a pennello. 
Quando andavo allo stadio a vederlo, ma pure dalla tv, quando toccava il pallone passava tutto in secondo piano, era come se lo stadio tutto si fermasse a guardare un’entità che con la partita non c’entrava nulla. Aura di eleganza, classe, raffinatezza unica. L’avvocato disse “più bello che utile”. Si, ma quanto era bello? 
Dalla sua vendita giurai che non mi sarei più affezionato a nessun altro, e così è stato. 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.