Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Search the Community

Showing results for tags 'calcio femminile'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendars

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Found 8 results

  1. WSL: Etihad Stadium & Stamford Bridge to host 2019-20 season openers England left-back Alex Greenwood captained Manchester United to the Women's Championship title last season Manchester City and Chelsea have switched their opening Women's Super League fixtures next season to the Etihad Stadium and Stamford Bridge. City's derby against Manchester United will be played at the 55,000-capacity ground on Saturday, 7 September. Chelsea play Tottenham at home the following day and entry to that match is free for all supporters. The move is aimed at building on the increased interest in women's football after the World Cup. England's semi-final loss to the USA, the eventual winners, was watched by a peak television audience of 11.7m viewers on the BBC - a new record for women's football in the UK. Chelsea announced their latest venue switch as a "celebration of women's football" following England's performance, while Gavin Makel, City's head of women's football, said the club "wanted to kick off the new season with a bang" following the Lionesses' fourth-place finish. How does women's football capitalise on landmark World Cup? Record total audience of 28.1m watch BBC coverage of World Cup Why World Cup 2019 was Megan Rapinoe's tournament It will be the second time that City's women's side has played a game at the Etihad, having beaten Everton there in the League Cup in front of less than 1,500 in May 2014. Likewise, Chelsea have also previously played at Stamford Bridge, having hosted Wolfsburg in a Champions League tie in 2016 which was watched by a crowd of 3,783. The London club are now looking to bring in a bigger audience, with Chelsea making entry to their match on Sunday, 8 September completely free at the 41,000-capacity stadium. City have a ticket offer which will allow children aged under-16 in free to watch a Manchester derby that could see eight Lionesses in action, with England captain Steph Houghton and top scorer Ellen White among seven in the City squad and Alex Greenwood set to lead out United. 'Expect bigger stadiums more often' Manchester City's women's team usually play home games at the Academy Stadium, which is located beside the Etihad Stadium and holds just 7,000. Chelsea, who normally play eight miles away from Stamford Bridge at the 5,000-capacity Kingsmeadow ground that they share with League One side AFC Wimbledon, and City are among the best supported teams in the WSL, averaging crowds of almost 1,900 and just over 1,400 respectively last season. Both City and Chelsea have played in front of record-breaking crowds in the Women's FA Cup final at Wembley in recent years, with Chelsea's 3-1 win against Arsenal in 2018 watched by 45,423. Chelsea have said their WSL match against London rivals Tottenham at Stamford Bridge will be a "celebration of women's football" Chelsea Women boss Emma Hayes said the the FA Cup is "great proof" that crowds of tens of thousands will watch women's football. "In the past I would have been unsure about whether we could cope with playing in big stadia," she told BBC Radio 5 Live's Football Daily podcast. "I think we are at that point, going into this season, where we can expect that teams will be playing in big stadiums more often - not every week, because we are building to that, but I think it is ready to do that." Hayes said the derby game against Tottenham, and future fixtures against Arsenal and Champions League games, are the sort of matches best suited to switching to Stamford Bridge. The fixtures also mark the WSL arrival of both United and Spurs, two of English men's football's biggest clubs, after both won promotion from the Championship in 2018-19. United have also previously said they could play a game at Old Trafford in their first season in the women's top flight. WSL champions Arsenal are not following suit on the ground change for the opening weekend - they will be playing their opening WSL fixture against West Ham at their normal home ground at Boreham Wood FC. However, they will play at the Emirates Stadium on 28 July when they face Bayern Munich in the Emirates Cup, two hours and 45 minutes before Arsenal's men face Lyon on the same ground. A record-setting move? Relocating matches to bigger stadiums is nothing new in the women's game in England, with Arsenal sealing their league title at Brighton's Amex Stadium in April in front of a new WSL-record crowd of 5,265. The record surpassed the 5,052 who watched Arsenal and Chelsea at the Emirates Stadium in 2012. Chelsea and City are the latest in a fast-growing list of major football clubs to move a women's game to their home ground. Records shattered - but what size are the crowds at women's football normally? In March, a new world record for a club attendance was set in Spain as Atletico Madrid welcomed 60,739 fans for the visit of Barcelona. Lyon won the French title-decider against Paris St-Germain in front of 25,907 fans in April, while in Italy Juventus were watched by 39,000 when they took on Fiorentina. Free tickets and discounted entry helped both Atletico and Juve demonstrate there is an appetite for such fixtures. 'Massive potential audience' While women's fixtures at England's biggest venues are not immediately going to become the norm, the Football Association is pushing to make them more regular. Kelly Simmons, the FA's director of the professional game, said a number of WSL matches will be "double-headers" with men's games next season. "I think one of the things the World Cup has done has made our players household names, and now people can follow them back at their clubs," she said. "We know there's a massive potential audience of fans coming across from the men's game and the men's clubs. We're seeing very much this 'one-club ethos'. "There's a massive chance for the game to pull those across this season with the Women's Super League and get more people coming to games and watching games on television. "The stand-alone games in the men's stadiums, we've already seen when we've done that before a big uplift in numbers coming to the games." A full fixture list for the rest of the season will be announced on Wednesday, when any double-headers will become clear because the men's fixtures have already been announced. www.bbc.com
  2. Sara Gama, 30 anni, difensore, capitana della Juve e della nazionale con cui giocherà il Mondiale in Francia. Quest’anno ha vinto scudetto e Coppa Italia SARA GAMA ALLA JUVE DAL 2017 84 PARTITE CON L’ITALIA Sogno il giorno in cui diremo solo calcio senza declinare il genere. Oggi noi siamo ancora alla fase startup La miglior risposta al razzismo negli stadi è l’indifferenza Ma serve un sistema che escluda chi offende e provoca SARA GAMA Dopo i successi con la Juve è pronta per i Mondiali “Siamo aria fresca, attiriamo sponsor. Il movimento crescerà “Io capitana azzurra Sono il volto dell’Italia già globale” INTERVISTA GIULIA ZONCA TORINO Capitana della nazionale, due scudetti e una Coppa Italia con la Juve e un Mondiale davanti. Sara Gama sa che il calcio femminile ha bisogno di facce note per crescere ed è felice di metterci la sua. La partita giocata allo Stadium tra Juve e Fiorentina che cosa ha spostato? «Se fossi in un altro club e realizzassi che la Juve con questa scelta ha riportato famiglie negli stadi, ha dato un messaggio, imiterei». Imiteranno? «È già successo. La Fiorentina è stato il primo club a pensare alle donne ma la Juve ha un altro impatto mediatico e ha sollevato un’onda. Ora l’Europa ci guarda. Non esistevamo e adesso la nazionale va ai Mondiali: facciamo sul serio». Lei ha giocato per il Psg, in un campionato considerato. L’Italia a che punto è? «Sulla via giusta. Oggi ci alleniamo da professioniste». Senza esserlo. «Esiste una delibera in federazione che ci permetterebbe di esserlo, per applicarla bisogna preparare il terreno. Siamo come una start-up, servono sgravi fiscali per non soffocare le società. Ci sono ancora dilettanti come il Tavagnacco. Comunque non è una questione femminile, i rugbisti, per dire, non sono professionisti». Ai Mondiali i premi sono aumentati ma su un altro pianeta rispetto agli uomini. «Erano 15 milioni e diventano 30, raddoppiare non è male. Se poi li metti vicino agli oltre 400 dei maschi capisci che la differenza è gigantesca e va ridotta. Succederà, gli sponsor si interessano, hanno capito che siamo aria fresca». L’allenatrice dell’Italia, Bertolini, ha detto «le donne sal-veranno il calcio». «Me lo auguro. Non abbiamo i superpoteri, ma la differenza porta crescita. Un giorno parleremo di calcio e basta, senza declinare il genere. Fino ad allora gli uomini però saranno un sostegno». Il calcio ha bisogno di essere salvato? «Ha bisogno di correnti nuove che lo contaminino». Tre cose da rubare agli uomini e tre da lasciare a loro. «Prenderei la conoscenza, l’esperienza e il professionismo. Lascerei i presunti tifosi che fanno danni». Il calcio femminile espandendosi è destinato a importare anche le tossine? «Riusciamo a schermare. Resta il fatto che se la nostra società è intollerante e istiga all’odio questo atteggiamento si riversa anche negli stadi». Bloccare le partite con cori razzisti servirebbe? «Sì, però rischi di essere ostaggio. Farlo una volta può essere una scelta di rottura non la soluzione al problema. Viviamo con cellulari, telecamere e droni, possiamo individuare gli agitatori. E dovremmo far-lo sempre». Come avrebbe reagito ai buu al posto di Kean? «La miglior risposta è sempre l’indifferenza, ma lui è tanto giovane. Non è semplice». Si è mai trovata in quella situazione? «No. Si concentravano più a corrermi dietro. Esiste una meritocrazia tra i bambini e i genitori, allora non si permettevano commenti». Avere una capitana multietnica della nazionale aiuta? «Sì, perché mostri la faccia di una società globalizzata. Siamo mescolati e gli incroci ci migliorano, più lo vedi e più ti ci abitui». Con il calcio è stato amore a prima vista? «Nella mia famiglia non giocava nessuno, io lo faccio da quando cammino. Mio nonno e mia mamma mi accompagnavano agli allenamenti da bambina». E suo padre? «È arrivato in Italia, a Trieste, dal Congo come studente di ingegneria. Ha preferito tornare indietro. Qui siamo convinti che tutti vogliano venire in Italia e occupare il nostro spazio ma non è vero». Suo padre è in Congo? «Sì, preferisce la vita lì». Lei ci è mai stata? «No, ma sono felice dei mondi che mi attraversano. La mia famiglia è metà istriana, ho sangue misto: croato, congolese e il risultato è che sono italianissima». Sta in consiglio federale. Battaglie vinte? «È importante che ci vedano. Fino a 7 anni fa non eravamo rappresentate. Il contratto con le tv, prima Rai e ora Sky è sta-to un successo». Il calcio è maschilista? «Lo è: era un feudo, è normale. Abbiamo le quota rosa e nessuno le ama, io neppure, ma per iniziare devi dare delle opportunità. Anche se non è solo l’innesto di donne che può rendere l’ambiente meno maschilista». Pensa a un cambio di mentalità? «Certo. Oggi alla Juve ci alleniamo fianco a fianco con gli under 23, loro si abituano, crescono con noi e ci danno per scontate». L’Italia ai Mondiali può passare il girone? «Si può fare, la squadra ha tanta qualità, è cresciuta a livello fisico. Il bello è che ora spesso riusciamo a imporre il nostro gioco. Non si va a fare le comparse». Ha una barbie a sua immagine, fiera o destabilizzata? «Non mi pareva di avere affinità con le bambole, poi ho capito. C’era una volta la donna barbie e se trasformi lo stereotipo il concetto è forte. La bambola dice tu puoi fare quello che vuoi». Ha 30 anni, pensa al dopo calcio? «Vorrei fare politica sportiva, la dirigente: manca leadership al femminile». Il calendario azzurro 23 maggio Italia-Svizzera a Ferrara, ultima amichevole 9 giugno Esordio Mondiale con l’Australia a Valenciennes 14 giugno A Reims con la Giamaica 18 giugno A Valenciennes con il Brasile La Stampa.
  3. 16 aprile 2019 Barbara Ganz Donne a Nordest, Storie a Nordest L’ASD Permac Vittorio Veneto – una delle squadre di calcio femminile di più lunga tradizione: ha giocato anche in serie A nel 2015 – ha annunciato di non essere in grado di disputare la partita di ritorno della semifinale di Coppa Italia Serie C Riozzese-Permac, in programma per mercoledì 17 aprile 2019. “Gli impegni lavorativi di diverse (troppe) ragazze non ci consentono di affrontare la trasferta in terra lombarda. Ricordiamo che già per i quarti di finale la nostra società è stata costretta ad una trasferta massacrante a Genova un mercoledì lavorativo – partenza alle 5 di mattino, con rientro alle 3 di notte -, anche in quell’occasione con numerose assenze”, spiega la società in un comunicato. La maggior parte delle giocatrici ha intorno ai 26 anni: fresche di studi universitari, molte ragazze hanno appena trovato un lavoro, e chiedere continui permessi diventa impossibile. Altre ancora sono ancora studentesse. Si era cercato, tramite un gentlemen’s agreement pre-sorteggio, di evitare questo disguido in diversi modi, con lo spostamento dell’andata dal sabato alla domenica e della partita di mercoledì al sabato pre-pasquale. “Dopo il sorteggio, con l’andata di nostra competenza, abbiamo provveduto subito al cambio giornata, facendo anticipare il maschile al sabato per aver libero il campo alla domenica, e rispettare l’impegno preso. Per il ritorno, purtroppo, non c’è stata la stessa disponibilità da parte della squadra avversaria a spostare la partita”, fa sapere la società. “Ci rammarica moltissimo di dover prendere la decisione di non prendere parte all’incontro. Una sconfitta per lo sport in generale e soprattutto per il movimento e la crescita del calcio femminile. Non si può costringere ragazze che studiano e lavorano ad impegni infrasettimanali di tale importanza. È stato deprimente, commovente e molto, molto doloroso, guardare negli occhi in lacrime le ragazze costrette a dare forfait. Sentendosi quasi colpevoli, con la loro assenza, di aver infranto il sogno delle compagne di giocarsi un traguardo storico, sudato e combattuto tutto l’anno…o tutta la vita!”. Una situazione che potrebbe portare a un cambiamento: “Speriamo almeno che questo sacrificio posso essere utile in futuro ad una maggiore attenzione, considerazione e soprattutto rispetto per questo meraviglioso mondo chiamato Calcio Femminile ed alle sue splendide, appassionate protagoniste”. La Permac – che porta nel nome lo sponsor, una azienda di resine per pavimenti – è una squadra con molte storie da raccontare. A cominciare da quella – d’amore – fra il fondatore, Franco Fattorel, detto “il Baffo” e la moglie, grande appassionata di calcio. Per lei, nel 1982, è nata la squadra, che debuttò in aprile con un immancabile “scapole contro ammogliate”. In ottobre dello stesso anno l’esordio nel campionato di serie D, per poi arrivare alle C per meriti sportivi. Oggi il team delle rossoblù è portato avanti dalla signora Patrizia, pensionata e un passato da portiere, e dai suoi figli. E proprio uno di loro, Sergio, in qualità di allenatore, ha portato le tose alla vittoria “La differenza tra il calcio maschile e il calcio femminile è notevole – ha raccontato in una intervista -. Nel calcio femminile esistono ancora dei sentimenti importanti…passione, sacrificio e senso di appartenenza. Questi sono i valori che fanno la differenza”. barbaraganz.blog.ilsole24ore.com
  4. TMW - Juve women, Braghin: "Credo al progetto. Viareggio bella vetrina" 11.03.2019 21:26 di Simone Bernabei Twitter: @Simo_Berna Fonte: Lorenzo Marucci © foto di Daniele Buffa/Image Sport Stefano Braghin, responsabile del settore femminile della Juventus, ha parlato ai microfoni di TMW da Viareggio: "E' un grande piacere essere qua, vuol dire che il calcio femminile sta crescendo. Noi crediamo in questo progetto da 3 anni, ogni anno troviamo qualche occasione in più di visibilità e credibilità. Il fatto che il Viareggio apra al calcio femminile ci fa piacere e noi siamo onorati di essere fra le 8 che partecipano alla competizione. La Fiorentina Women squadra da battere? E' una squadra molto forte, non l'unica ma sicuramente ha qualità e c'è grande rivalità soprattutto dal punto di vista dei tifosi. La gara scudetto allo Stadium? Noi abbiamo voluto fortemente questa occasione, è giusto che le ragazze abbiano questa visibilità. Il calcio è uno solo, al di là dei generi. La Juve di Allegri contro l'Atletico? E' un momento importante per la nostra società, saremo tutti attenti e ben felici di sostenere i nostri colleghi".
  5. 18 febbraio 2019 Il maschilismo preistorico di Fulvio Collovati «Quando una donna parla di tattica mi si rivolta lo stomaco»: Assist pretende dall'ex campione scuse pubbliche e chiede alla Rai di non permettere più simili esternazioni senza adeguate conseguenze. di LUISA RIZZITELLI In Italia, le perle di sessismo e scarsa considerazione delle donne non sono una novità. Nello sport, idem. Ma che a pronunciare frasi di maschilismo preistorico sia un mito del calcio e un uomo che abbiamo sempre ammirato per eleganza e pacatezza, fa veramente dispiacere. E lo dico da sportiva e da giornalista. L’episodio di domenica vede come protagonista il Campione del mondo Fulvio Collovati che durante la sua partecipazione a Quelli che il calcio ci ha regalato due frasi memorabili. La prima: «Quando una donna parla di tattica mi si rivolta lo stomaco» e, alle proteste (tra le risate, ovviamente) di Luca e Paolo, non contento ha aggiunto: «Se parli della partita, su come è andata, bene, ma non puoi parlare di tattica. Una donna non capisce come un uomo. Le calciatrici? Sì, qualcosa sanno, ma non al cento per cento». A rispondergli adeguatamente è stata Sara Peluso, moglie di un difensore del Sassuolo, a cui Collovati si rivolgeva e con lei un’altra ospite in studio. Il clima però, subito portato sullo scherzo e sulla risata, non solo non impediva a Fulvio Collovati di dirci con orgoglio virile che sua moglie «non si è mai permessa di parlargli di tattica», ma non ha consentito a nessuno dei presenti di sottolineare quanto fosse offensivo il parere esternato. E che lo fosse non solo per le addette ai lavori, ma semplicemente per qualunque donna. Il punto, fa persino un po' ridere pensarci e doverne scrivere, è che per alcuni uomini, le donne che pure sono scienziate, magistrate, ingegnere spaziali, manager, studiose, davanti al calcio diventano delle ebeti. Secondo alcuni signori, che potremmo da oggi identificare come individui afflitti – a loro insaputa, per carità! - da una patologia diffusa procurata da vecchi retaggi patriarcali, maschilisti e sessisti, le donne sono incapaci di intendere la scienza calcistica. Dopotutto è ben noto, e Collovati lo sa bene, che con meno di tre lauree nessuna donna si sia mai sognata di fare la calciatrice o, addirittura, l’allenatrice. Prendiamo ad esempio Carolina Morace o Milena Bertolini che la sua Italia (a differenza degli uomini) al Mondiale l’ha portata: non vorrete mica credere che capiscano di tattica?!! Loro dispongono le giocatrici a caso e, naturalmente, l’unica cosa a cui tengono è che siano truccate bene, abbiano una ceretta impeccabile e le scarpe col tacco (non tacchetti) nel loro arrivo allo stadio! Per capire di calcio, secondo questi esimi rappresentanti, a volte pagati con i soldi pubblici della RAI, per poterne parlare (o poterlo giocare) le doti indispensabili sono i genitali maschili. Non la preparazione, non gli studi, non l’esperienza, non la conoscenza di una disciplina sportiva, non l’essere state campionesse di questo sport, ma l’essere uomo! Se non fosse vero, ci sarebbe da sganasciarsi dalle risate. E invece, non solo questa cosa viene detta, e il caso di Collovati non è il primo, ma dobbiamo sopportare di doverlo sentir dire in tv nazionali dove ad ascoltarli ci sono anche milioni di ragazzine e ragazzini. Oggi Assist Associazione Nazionale Atlete chiede a Collovati le scuse pubbliche e alla RAI di non permettere più simili esternazioni, senza adeguate conseguenze. Noi, cittadini e cittadine di un’Italia che non ne può più di simili sciocchezze, dovremmo iniziare a scrivere ai vertici del Servizio Pubblico, perché dopo ogni frase sessista venga programmato un ciclo di trasmissioni degne del valore delle donne. Trasmissioni come Le Ragazze di Rai Tre, che domenica 17 febbraio ha chiuso i suoi racconti di donne straordinarie e di donne comuni con ascolti straordinari. Donne capaci di rappresentare tutto il rispetto che ci è dovuto, non come un’elemosina, ma come principio assoluto di una società che voglia definirsi civile. © RIPRODUZIONE RISERVATA LetteraDonna.it Dichiarazioni Fulvio Collovati? Da cartellino rosso con daspo tv Fulvio Collovati: "Quando sento una donna parlare di tattica, mancano gli esterni e cosi... mi si rivolta lo stomaco, non ce la faccio, non ce la faccio. Se tu parli della partita... bene, ma non puoi parlare di tattica perchè una donna non capisce come un uomo". Non ho mai gradito le critiche generiche, senza riferimenti precisi. Collovati passa come il classico discriminatore di genere a prescindere ma forse è solo limitato nell'uso della lingua Italiana, nonostante la sua esperienza di calciatore professionista, o forse si riferiva alla moglie di qualche bravo attaccante neroazzurro che ha preferito una donna come procuratrice? Io posso dire e ribadire che Carolina Morace non mi piace come allenatrice per come fa giocare il suo Milan ma la rispetto per la grande cultura calcistica di donna ed ex Golden Girl del calcio Mondiale. E' qui che il bravo Fulvio commette un fallo da dietro che, a mio avviso, gli dovrebbe costare un bel cartellino rosso con daspo. Non si dovrebbe mai generalizzare caro Collovati e nemmeno disprezzare le opinioni altrui: uomini e donne che siano. I conduttori Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu e Mia Ceran hanno poi cercato di fermare Collovati, che ha però ribadito la sua idea, in un’atmosfera più scherzosa che di condanna dichiarando: "le calciatrici qualcosa sanno, ma non al cento per cento". Perchè il sig. Collovati non dice ai suoi colleghi e giornalisti sportivi che non si possono sentire quando sparano le loro opinioni su cui non è d'accordo? Una mentalità figlia della nostra politica, dei nostri governi che non hanno saputo acculturare gli uomini al rispetto. Al rispetto delle diverse opinioni. Ci sono persone più capaci di altre non donne che non si possono sentire. Questa mentalità non si deve sentire in TV. Nel calcio femminile ci sono uomini di calcio di grande cultura sportiva (in primis capitan Zanetti) che impartiscono i loro insegnamenti alle donne e rispettano le loro capacità e modi di vedere diversi. Le donne sanno giocare a calcio, divertono in campo, fanno un ottimo lavoro nelle tribune stampa e coordinano gli esperti, come te, negli studi sportivi tv. In un periodo di crescita del terzo mondo del calcio femminile italiano, le sue parole, sono come macigni sul mondo del calcio donne, ma forse non si è nemmeno reso della cattiveria della sua opinione (con tutto il rispetto). Grazie Fulvio per le tue belle parole! ... le donne sono forti, ne hanno subite tante di umiliazioni e la tua non sarà certo l'ultima ma non saranno i troppi incivili a fermare lo sviluppo della giustizia. Grazie alla vostra indubbia esperienza il calcio sarà sempre più rosa. Walter Pettinati CalcioDonne.it.
  6. Freeda Woman Crush On: Benedetta Glionna. "Il calcio è la mia passione da sempre, mi ha insegnato tante cose come il sacrificio, il rispetto e l’umiltà” - Benedetta è una calciatrice e attaccante della Nazionale Under 23, ci ha raccontato com’è nato il suo amore per il calcio e come non smettere mai di credere nei propri sogni. #nullapuòfermarci #justdoit Pagina Facebook: Freeda.
  7. Oggi pomeriggio, ho avuto il piacere di intervistare Doris Bačić. Naturalmente, abbiamo parlato anche di Juventus Women. Vi lascio, di seguito, i vari collegamenti dove poterla leggere, se vi fa piacere!
  8. La calciatrice Cristiana Girelli: «Mi hanno urlato 'grassa' e 'brutta'» Offesa durante la partita contro la Fiorentina nella Giornata contro la violenza sulle donne: «Si predica bene e si razzola male». Il commento della giocatrice della Juventus. di GIULIA MENGOLINI Immaginate di essere una calciatrice, che ha faticosamente conquistato una maglia importante in Serie A. Una domenica, in campo, mentre correte cercando di dare il meglio di voi e portare a casa una vittoria per la squadra, venite insultate ininterrottamente da uomini seduti in tribuna a pochi metri da voi. È successo il 25 novembre a Cristiana Girelli, attaccante della Juventus Women classe 1990, durante il match con la Fiorentina nell'ottava giornata del campionato di Serie A di calcio femminile. La partita è finita bene per le bianconere: 2-0 con un gol al 9' del primo tempo proprio di Cristiana, che abbiamo chiamato per un commento sull'accaduto: «Si è trattato di quattro * che odiano la Juve e sono venuti a vedere la partita e mi hanno presa di mira perché ho fatto il primo gol». Ma sottolinea anche quanto sia «stupido e assurdo che sia successo proprio nel corso della Giornata contro la violenza sulle donne. Si predica bene e razzola male». L'HANNO CHIAMATA «CULONA, BRUTTA E GRASSA» Cristiana mi racconta che i soggetti in questione hanno addirittura giustificato le offese: «Mi hanno detto di averlo fatto perché dopo aver segnato ho esultato contro di loro ma non è assolutamente stato così e chi era allo stadio lo sa bene. La mia esultanza era rivolta alle mie compagne di squadra: io non manco di rispetto a nessuno». Infatti a mancare di rispetto non è stata lei, ma questi non identificati odiatori. E quando chiedo a Cristiana di quali tipologie siano stati gli insulti, mi risponde: «Mi hanno urlato che ho il culone, che sono grassa e grossa, che sono brutta come la maglia che indosso, che sono una juventina di *. Se ci ripenso mi viene da ridere, anche in campo mi sono messa a ridere». Ben venga non sentirsi ferite e umiliate, ma un elemento innegabile va sottolineato: per offendere una donna si finisce sempre lì, nel sessismo da due soldi e nel bodyshaming. A un uomo raramente si urla: «Sei basso, hai la pancia, sei pelato». NESSUNO HA ALLONTANATO CHI LA OFFENDEVA Per esempio, Leonardo Bonucci, che Cristiana ha citato intervistata da Sky dopo il primo tempo dicendo che «la mamma dei cretini è sempre incinta», era stato fischiato in Nazionale sabato 17 novembre durante Italia-Portogallo, ma il motivo della forte antipatia dei tifosi nei suoi confronti sono le due discusse scelte calcistiche, i passaggi di maglia. Cristiana no, ha fatto gol e le hanno urlato che ha il * grosso: «È molto grave che a una professionista succeda una cosa del genere solo perché è donna». E mi spiega poi che anche l'intervista a bordo campo, durante l'intervallo, è stata complicata: «Non riuscivo a rispondere alle domande della giornalista perché le tribune e il campo erano vicinissime… Queste persone erano a cinque metri da me e continuavano a insultarmi. Probabilmente avrebbero dovuto allontanarle». Perché in un piccolo stadio tutto è amplificato, non si parla di un'offesa che si perde tra decine di migliaia di persone a San Siro. Ma nessuno ha isolato chi la importunava. Un gesto di solidarietà durante la partita è arrivato dal'avversaria Ilaria Mauro della Fiorentina Women's, che «appena ha sentito gli insulti si è rivolta verso la tribuna per dire di smetterla. Questo è da apprezzare e sottolineare». Cristiana sa anche che essere donna e giocatrice della Juve è doppiamente difficile, perché il club bianconero è «odiato da tantissimi, in tutta Italia. Ed è brutto che anche la squadra femminile sia presa di mira». Ma lei non si fa certo abbattere: «La partita comunque è finita 2-0 per noi e tutti a casa. Questo è l'importante». © RIPRODUZIONE RISERVATA LetteraDonna.it.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.