Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'capitano'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 6 risultati

  1. Anche se non piacerà ai suoi molti (e ingiustificati) haters, Khedira è sempre più una colonna della Juventus. Dopo il rinnovo di contratto fino al 2021 con ricco aumento dell’ingaggio, ieri il centrocampista tedesco ha ottenuto anche la fascia da capitano. È dunque lui, secondo il suo grande estimatore Allegri, il più titolato per indossare i gradi in assenza di Giorgio Chiellini. Il tutto con buona pace di Dybala (capitano a Villar Perosa) e soprattutto di Bonucci, sceso nelle gerarchie nonostante la lunga militanza in bianconero, chissà se per quella scappatella in rossonero che non è andata giù a molti. Khedira ha ripagato la fiducia con una partita più di governo che di lotta, più di interpretazione che di azione, facendosi sempre trovare al posto giusto. Alla fine, anziché autocelebrarsi, ha speso un tweet per Ronaldo: «Quattro partite, dodici punti. Congratulazioni per i tuoi primi due gol alla Juve, Cristiano». Pasta del (vice)capitano. Tornando a Leonardo Bonucci, se i fischi di qualche settimana fa sono ormai un ricordo lontano continuano invece i suoi errori. Tutti in fotocopia. Allegri, che ieri si è detto rammaricato per i 4 gol subiti in altrettante giornate, avrà sicuramente notato che ben 3 di questi sono nati da passaggi a vuoto di Bonucci su cross provenienti dalla sua destra. È successo con Stepinski (Chievo), Gervinho (Parma) e infine ieri Babacar (Sassuolo). Perseverare mercoledì sera a Valencia è una preoccupazione sarebbe diabolico. (Tim.O.) Fonte: Corriere di Torino
  2. Il buono, il «brutto», il cattivo. Ovvero, la BBC: bel trio, ma qui sono racchiusi tutti nella stessa persona, Giorgio Chiellini, nuovo capitano della Juventus e da stasera, contro la Polonia a Bologna, anche capitano della Nazionale. Un punto d’arrivo e di (ri)partenza per Chiello, che in azzurro è a 4 presenze da quota 100 e torna dopo la notte da tregenda di San Siro contro la Svezia, quando il mondiale dell’Italia finì impacchettato negli scatoloni delle cianfrusaglie da buttare. E anche il futuro in Nazionale di Giorgione fu messo in discussione dal diretto interessato. Che dieci mesi dopo torna al suo posto, con una fascia e una responsabilità in più. «Avrò la fascia da capitano e sarà un onore. Per ora è così, ma attualmente sono fuori giocatori come De Rossi, che potrebbe rivelarsi importante in futuro. E poi Gigione è ancora in attività.... Anche a me non piace darmi delle scadenze, vivo alla giornata – spiega lo juventino - . Le 100 presenze sono un pensiero che faccio, ma posso finire anche a 96 o 97 ed essere orgoglioso del mio percorso, quello che sarà lo vedremo. La Nazionale non è una cosa che si può rifiutare o lasciare. Spero di essere utile il più a lungo possibile ma non sarò mai un problema per questo gruppo o questo allenatore. Spero di lasciare qualcosa in eredità, finché ci sarò darò tutto con grande gioia o grande entusiasmo». Il fatto che al suo fianco ci sia ancora Leonardo Bonucci, probabilmente può aiutare Chiellini a guardare più avanti, fino all’Europeo. E proprio il fatto che Leo sia tornato alla Juve è fondamentale anche in chiave azzurra. «Sono contento prima di tutto come amico del suo ritorno alla Juve – racconta Chiello - perché con lui ho condiviso tanti anni insieme ed è normale che giocarci tutti i giorni fa piacere. Con Leonardo da tanti anni viviamo in simbiosi, nel club e nellaNazionale, speriamo che sia così finché non smetto io…» Fonte: Il Corriere di Torino
  3. Dopo l'addio di Gianluigi Buffon, tutti gli indizi - diretti e indiretti - portavano a pensare che Giorgio Chiellini sarebbe stato il nuovo capitano della Juventus. Il club bianconero ha di fatto ufficializzato la scelta, la didascalia del post su Instagram non lascia dubbi: "Captain Chiello" e la foto del difensore, 13 stagioni e 472 partite alla Juve. premiumsporthd.it
  4. Dopo i festeggiamenti, le coppe, il pullman, la gioia e la grande bellezza numero 7, da stasera la fascia passerà da Buffon a Giorgio Chiellini: il prescelto. L'inconazione potrà a partita finita, il passaggio di testimone da Gigi a Giorgio potrebbe essere lasciato alla sequenza scenica di tutto quello che accadrà nel pomeriggio di oggi, quello dell'addio di Buffon alla maglia della Juventus. Gigi qualcosa farà. Giorgione ha battagliato per quel simbolo per molti ma non per tutti. Giorgio incarna alla perfezione quello che deve essere il capitano bianconero. La fascia torna quindi sul braccio di un giocatore di movimento. Di lotta e, ora, di governo. Prima di lui, nomi di grido: Del Piero, Conte e Vialli, Baggio, Tacconi, Cabrini, Scirea, Furino e risalendo fino a Boniperti passando per gli oriunti Sivori e Monti. Chiellini, del resto, anche quest'anno ha vestito in più occasioni l'abito di una parola giusta e in più la sa dire. Assieme a Gigi, che non ha mai lesinato frasi che accompagnassero la crescita del gruppo, frasi che hanno anche insegnato al guerriero di livorno come, e quando, ci si comporta nei momenti in cui la barca vacilla. [...] Fonte: La Gazzetta dello Sport
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.