Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'darmian'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • World Cup Russia 2018
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2017-2018
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 10 risultati

  1. Oltre alla trattativa del secolo, oltre al sogno che si avvicina, c'è il mercato in uscita, quello che contribuisce a pagare CR7. Oltre al giovane Cerri, la cui cessione definitiva al Cagliari garantirà 10 milioni, gli indiziati sono i soliti noti, vale a dire Higuain, Rugani e Alex Sandro. I primi due sono diretti al Chelsea, ma per l’accelerata giusta serve prima una schiarita definitiva sul fronte allenatore. A Stamford Bridge regna la confusione, Sarri è a un passo ma non è ancora stato annunciato e Conte resta ancora in sella. E quindi, gioco forza, la Juve deve attendere gli sviluppi per poter dare corso alle trattative. L’obiettivo è ricavare 100 milioni, 60 dal Pipita, 40 dal difensore. Ma, come detto, bisogna attendere. Stesso discorso per Alex Sandro. Il terzino brasiliano è in attesa di capire se davvero arriverà la proposta giusta dall’estero. In corsa ci sono MU e il PSG: nessuno però si è ancora mosso concretamente con la Juve. Anche i bianconeri restano in sospeso: nel caso di proposta da 50-60 milioni, si inizierà a discutere con il potenziale acquirente. L’indizio che qualcosa bolle in pentola sul fronte del brasiliano è che non viene assolutamente abbandonata la pista Darmian. Lunedì è previsto un contatto a Milano con il terzino azzurro, in uscita dallo United. C’è anche l’Inter su Matteo, ma la Juve ha già un accordo con il giocatore ma non con i Red Devils. Verrà confermato l’interesse per Darmian e verosimilmente gli verrà chiesta ancora un po’ di pazienza in attesa di sviluppi su Alex Sandro. Fonte: Il corriere dello Sport
  2. Altra questione destinata a risolversi a breve è quella della fascia sinistra bianconera. ll Paris Saint-Germain è pronto a presentare la sua offerta per Alex Sandro: se sarà abbastanza alta da convincere la Juventus a cedere il brasiliano, cioè almeno 35 milioni, scatterà la caccia al successore. Caccia che ha già tre obiettivi nel mirino. In primis Juan Bernat, venticinquenne mancino spagnolo in uscita dal Bayern Monaco, valutato circa 12 milioni. Convince meno Lucas Digne del Barcellona, ex Roma, mentre su Matteo Darmian pesano i 20 milioni chiesti dal Manchester United, finora irremovibile sulla cifra. Più facile che arrivi a parametro zero tra un anno. Fonte: Tuttosport
  3. Secondo il Corriere dello Sport, nonostante l'approdo di Cancelo a Torino, la Juventus non molla Matteo Darmian. Con il giocatore l’intesa è già stata trovata sulla base di un quinquennale a 2,5 milioni a stagione. L’ostacolo da superare restano gli inglesi, che vogliono 20 milioni per liberare il giocatore, che comunque non rientra giù nei programmi tecnici di Mourinho. L'offerta bianconera resta ferma a 15-17 milioni, ma Marotta e Paratici sono al lavoro per cercare di definire l'affare. Il quotidiano sportivo romano riferisce di un contatto con l’agente del giocatore, a conferma che l’operazione è ancora in corso e si proverà l’affondo decisivo. TuttoJuve.com
  4. Almeno in potenza, la Juve sta pensando a due laterali di ultra-spinta e di lingua portoghese: a destra il neo acquisto Cancelo, dall'altro Alex Sandro. Il progetto però traballa: sistemata la destra, rischia di franare la sinistra. Sandro è ormai a un bivio, sempre più stretto: o rinnova, o saluterà Torino, lasciando un buco da riempire da quel lato. L'appuntamento per il prolungamento doveva tenersi un paio di settimane, ma poi si è scelto di temporeggiare: per la Juve non c'è fretta di chiudere. Così tutto l'ottimismo che filtrava è diminuito. In una città che non gli è mai entrata nel cuore: nell'ultima stagione ha patito molto l'alternativa con Asamoah e la delusione più grande è stata la panchina nella finale di Coppa Italia. Niente di irreparabile, niente che possa mettere a rischio il suo futuro a Torino, ma la Juve non trattiene nessuno controvoglia. Nonostante la stagione sotto i suoi vecchi standard di eccellenza, l'offerta di rinnovo su cui la Juve ragionava era un attestato di stima: oltre 4 milioni netti a stagione più bonus fino al 2022 rispetto allo sttipendio attuale da 2,8 fino al 2020. In questo puzle, in caso di offerte milionarie, Alex Sandro potrebbe salutare: i rumors parlano di PSG e United. Ma ci vorranno almeno 50 milioni per far cambiare idea al progetto bianconero sulle fasce. In un ipotetico post-Alex Sandro, la Juve ha nel mirino Darmian che avrebbe caratteristiche più "conservative": un terzino meno sbarazzino ma più utile per la difesa. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  5. Beppe Marotta, ad della Juventus, ha parlato prima del match di Crotone: «Allegri ha detto che questa gara è più importante rispetto a quella col Napoli? Ha fatto una dichiarazione perfetta perché questa gara è ingannevole: abbiamo tutto da perdere e poco da guadagnare - ha detto ai microfoni di Premium Sport - Le difficoltà paradossalmente sono superiori rispetto alla prossima gara contro il Napoli. Una vittoria oggi garantirebbe quasi sicuramente lo scudetto? Questo no, assolutamente, perché poi mancherebbero altre 5 giornate. Ma con i 3 punti qui a Crotone affronteremmo il Napoli con un po’ più tranquillità. Ceferin ha detto che per la VAR in Champions è presto e che Collina non si tocca? La VAR non porta alla perfezione ma riduce gli errori e quindi ritengo che debba essere inserito quanto prima. Ci sono metodi arbitrali diversi in giro per l’Europa e anche in Champions: e questo è paradossale. Va eliminata questa cosa. Per quel che riguarda Collina, noi abbiamo parlato di una designazione criticabile perché per noi non era logica rispetto al rischio che la gara presentava perché si affrontavano due squadre dal ranking altissimo: per noi Oliver non aveva l’esperienza adatta a un match del genere». «Pogba o Morata potrebbero tornare? Non credo ai cavalli di ritorno ma ci sono anche le eccezioni. Loro sono due grandi professionisti che hanno lasciato un ottimo raggiunto ma la valutazioni di mercato che hanno raggiunto rappresentano un miraggio per noi. L’operazione Higuain è stata straordinaria ed è stata fatta dopo la cessione di Pogba. Irritati per la presenza dei tifosi del Napoli a Torino? L’irritazione nasce da una logica e saggia preoccupazione. Noi vorremmo il pubblico avversario in ogni gara ma la preoccupazione nasce da quello successo negli ultimi anni. Ma le istituzioni hanno garantito grande controllo e ci affidiamo a loro. Non vogliamo fare polemica. Fatta pe Darmian? No, non è fatta per niente». Tuttosport.com
  6. Le direttrici seguite dall’ad bianconero e dal ds Paratici sono limpidissime: rinnovare il parco terzini per l’addio di Lichtsteiner e Asamoah (e magari con l’arrivo di un centrale in più qualora Rugani fosse intrigato dalle avance forestiere sul proprio conto), aspettare una risposta da Emre Can per il centrocampo (anche se il tedesco non sarà l’unico innesto nel reparto: occhi sempre aperti su Pellegrini), ringiovanire oppure puntare su un over 30 low cost per l’attacco nel caso Mandzukic saluti la compagnia. Nello specifico, entrando nel capitolo degli scontenti perché poco utilizzati: giusto per non smentirsi, anche ieri Mourinho ha tenuto Martial in panca e per il versatile attaccante dello United (entrato nell’ultima mezz’ora - al posto di Pogba - per assistere al tonfo casalingo dei Red Devils contro il West Bromwich) il futuro a Manchester è sempre più nebuloso. E Darmian? Manco a dirlo, neppure in panchina e il terzino scalpita pur di tornare prima possibile in Italia. L’ex Torino, pur essendo più che adatto a giostrare su entrambe le corsie, sarebbe in partenzal’alter ego di De Sciglio lungo il binario destro, mentre a sinistra il solo Spinazzola (fermo restando che Alex Sandro resta assolutamente in pole fra i giocatori cedibili) non può bastare. E allora ecco che la pista Filipe Luis, a maggio ragione dopo i recenti contatti diretti di Madrid, può riscaldarsi: certo, non è un calciatore di primo pelo, ma il 32enne terzino sinistro brasiliano in scadenza di contratto nel 2019 con l’Atletico Madrid rappresenta il classico profilo “alla Marotta”. Esperto di ordalie europee, non appena il perone fratturato gli darà tregua, il sudamericano tornerà presto sulla ribalta e i buoni uffici di Marotta e Paratici “rischiano” di fare la differenza. Capitolo Emre Can: quella al via oggi può essere la settimana determinante perché il nazionale tedesco in uscita gratis dal Liverpool comunichi la sua decisione facendo capire se nel suo caso prevarranno le ragioni del cuore oppure del portafogli. Fonte: Tuttosport
  7. Emre Can non ha rinnovato il contratto che fino al 30 giugno lo lega al Liverpool perché ha intenzione lasciare il club inglese. Tanto che Klopp, dopo aver insistito da agosto, quando c’era il primo assalto bianconero, fino a gennaio per convincerlo a rinnovare, ha ormai desistito. I Reds sanno che perderanno Emre Can, tanto che, dopo aver già concluso l’acquisto di Naby Keita dal Lipsia la scorsa estate lasciandolo al club tedesco fino a giugno, ora puntano pure su Lewis Cook del Bournemouth. Le parole, l’atteggiamento e il rendimento di Can sono semmai la conferma di quel che il tedesco ha detto alla Juventus, chiedendo di aspettare a ratificare l’intesa raggiunta per il passaggio in bianconero. Il centrocampista, con la stagione appena entrata nella fase decisiva e con il Mondiale all’orizzonte, vuole che nulla turbi la sua serenità nel Liverpool. Vuole pensare solo al campo, a una Champions dove i Reds hanno di fatto già raggiunto i quarti di finale con il 5-0 in casa del Porto nell’andata degli ottavi, a una Premier in cui il secondo posto sarebbe comunque motivo d’orgoglio. Alla Juventus penserà dall’estate e c’è tutto il tempo per ufficializzarlo. Se per quanto riguarda Can alla Juventus non resta che aspettare la firma, dopo aver trovato l’intesa con l’entourage del giocatore, nelle prossime settimane i dirigenti intensificheranno il lavoro sugli altri fronti del mercato. A cominciare dalle fasce, che dovrebbero perdere Lichtsteiner e Asamoah, in scadenza di contratto. Matteo Darmian, contratto in scadenza nel 2019 con lo United e poco impiegato da Mourinho, è da più di un anno il primo obiettivo, anche per la capacità di giocare a destra e a sinistra. A lui si è aggiunto Alessandro Florenzi, pure lui in scadenza con la Roma nel 2019, perfetto, oltre che per il suo valore, nell’ottica di italianizzazione della rosa. La linea azzurra piace, ma non è tassativa: così a sinistra si continua a puntare anche lo spagnolo Gaya del Valencia. Fonte: Tuttosport
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.