Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Maxicol

Utenti
  • Numero contenuti

    203
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

78 Buona

Su Maxicol

  • Titolo utente
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ho visto la partita. La Fiorentina ha giocato con il 5-3-2 (per la verità, qualcuno l'ha definito 3-5-2), puro catenaccio, molti falli, difficoltà nel fare 3 passaggi di fila, sostanzialmente nessun gioco, non ricordo azioni pericolose delle viola. Il Chelsea è nettamente superiore tecnicamente e atleticamente, fa girare la palla velocemente, ha quasi sempre una calciatrice libera cui passarla, è in grado di giocare bene anche di prima. Ieri però ha sbagliato tanto in fase di conclusione e se la tiri sempre sul portiere, questo diventa un fenomeno e tu non segni. Al ritorno, o la Fiorentina si trasforma e diventa un'altra squadra, oppure non passa... a meno di una botta di * ma veramente grande!
  2. Qualche giorno fa leggevo i commenti nel gruppo fb dei viola e un tizio diceva che la svedese ha rifiutato la juve proprio questa estate. L'ultima che hai citato è stata in trattativa. Non se ne è fatto niente perchè, da quello che mi è stato raccontato, voleva il posto da titolare garantito (a quell'epoca Rosucci era integra). Quello che tu dici, in questi ultimi giorni, mi è capitato di sentirlo spesso. In realtà, noi non sappiamo nulla delle trattative della juve. Ci sono però due aspetti che secondo me vanno tenuti in conto: 1) i calciatori non sono pacchi di biscotti su uno scaffale per cui arriva Braghin e prende tutto quello che gli piace: è un'ovvietà dirlo, ma ci vuole anche la volontà della calciatrice e oggi sono diversi i motivi per NON voler venire alla juve (le viola giocano comunque in una squadra molto forte, addirittura Parisi, l'anno scorso in un'intervista, definì la Fiorentina come "la Juventus del femminile"; le ex Brescia hanno la possibilità di mettersi in mostra giocando da titolari garantite nell'anno del mondiale in una grande piazza - Milan - o comunque in una società solida - Sassuolo); 2) Il budget della Juve è comunque limitato ed "adeguato" (parola di Braghin in occasione della presentazione della squadra l'anno scorso) agli obiettivi della squadra. Mi chiedo: quanto vale in Italia uno scudetto nel calcio femminile? Quanto vale una supercoppa? Oggi poco (tanto per dire, a La Spezia, senza i biglietti regalati dalla società, in particolare alle scuole calcio, probabilmente saremmo stati nemmeno un terzo dei circa 1000 spettatori finali, e considera che Firenze era a due passi; i quotidiani nazionali non mi sembra ne abbiano parlato, a parte forse dare la notizia) e questo poco non giustifica, evidentemente, lo sforzo per ingaggiare una Groenen (e l'ingaggio chiesto dalla Groenen, a mio parere, è alto anche perchè il campionato italiano non ha appeal, perchè la calciatrice sa che in Europa prenderà batoste).
  3. Guardando alla questione dell'astio da un altro punto di vista, volevo evidenziare l'effetto positivo che potrebbe aver avuto sulle calciatrici della Fiorentina e sulla intensità del loro gioco (quello che forse Mencucci voleva evidenziare). A me sembravano delle indemoniate per come attaccavano gli spazi e ripartivano, sempre in scivolata su tutte le palle contese, se non era la palla era il piede. Si è sempre detto che in Italia occorre aumentare l'intensità del gioco: la Fiorentina l'ha fatto e l'ha dimostrato sabato scorso, le nostre ancora no. E ho come l'impressione che le due sconfitte con le inglesi di quest'estate, che dovevano servire proprio a questo, siano state archiviate come un incidente di percorso del tipo: vabbè, loro sono di un altro pianeta, noi non possiamo competere, quindi continuiamo sulla nostra strada. Era l'effetto dell'astio contro la juve? era l'effetto di una diversa preparazione fisica e/o mentale generale? PS: se poi Salvai evitasse certe dichiarazioni come quelle in conferenza stampa di venerdì, sarebbe meglio proprio per non alimentare questo astio.
  4. Qualcuno di voi ha visto l'intervista della Guarino?Io ho avuto l'impressione di un tono un po' dimesso, come se ci fosse poca convinzione di potercela fare...
  5. Forse c'è un problema nel modulo. Non accetta il risultato dell'ultima partita (Verona) perché vuole solo un numero. Ho scritto 22 intendendo 2-2
  6. Il Brescia ha ceduto solo il diritto a partecipare alla Serie A. La società Brescia Calcio Femminile, con la sua struttura, il vivaio, ecc., non ha mai cessato di esistere. Il Milan avrebbe dovuto fare come fece la Juve l'anno scorso, prima ancora di acquisire il titolo del Cuneo, ossia visionare e provinare decine di ragazzine da inserire nella propria nascente primavera.
  7. Maxicol

    La Juventus Women nelle Nazionali - Stagione 2018/2019

    ... e almeno oggi, anche i fiorentini sono contenti di questo...
  8. Maxicol

    Lianne Sanderson si schiera

    Quando le è stato concesso il visto ha scritto una cosa del tipo: finalmente ce l'ho fatta! ho impiegato mesi a convincere la federazione che non tutti gli americani sono con Trump. E forse, visti gli ottimi rapporti tra l'attuale nostro governo e Trump, è proprio per questo che ci ha impiegato tanto ad ottenere questo visto 😄😄.
  9. Maxicol

    Lianne Sanderson si schiera

    Se non ho interpretato male il messaggio di cornioletum, il punto che lui voleva evidenziare, non era sulla competenza tecnica di Sanderson per giudicare, appunto tecnicamente, le politiche di Trump, quanto piuttosto sul fatto che in America gli atleti si sentono liberi di esprimere il proprio pensiero politico, qualunque esso sia, contrariamente a quanto avviene in Italia dove l'unico che ha espresso delle simpatie politiche è stato Di Canio. Il problema, secondo me, è che mentre in USA il voto è visto più semplicemente come l'esercizio di una libertà e niente più, qui in Italia, vuoi per la nostra storia recente, vuoi per la nostra tendenza al campanilismo e alla faziosità, o vuoi per la nostra incapacità di accettare le sconfitte, il voto è spesso considerato un elemento di giudizio morale della persona, fortemente negativo o positivo a seconda dei casi. E questo poi scatena reazioni molto forti, insulti, ecc. Non mi stupirei se esistesse un divieto delle società verso gli atleti ad esprimersi in tal senso.
  10. Sabato a Firenze è uscita un po' malconcia e a fine partita sembrava zoppicasse leggermente. Mi sono stupito sia andata in nazionale ma forse quest'ultimo infortunio è una cosa diversa
  11. Acquisto per la panchina che per circostanze impreviste, vedi infortuni di Rosucci e forse di Gama, si ritrova a fare la titolare
  12. Si, carina anche dal vivo. Meno alta di quello che sembra dai video ma questa è una cosa comune a tutte le calciatrici
  13. Alcuni giorni fa Mencucci ha fatto la seguente dichiarazione (da calciofemminileitaliano.it): "Il calcio femminile non deve essere la copia in bianco e in nero di quello maschile. E’ importante dare alle ragazze gli stessi strumenti che hanno i ragazzi. Lo status delle ragazze deve essere cambiato, ma non credo si sia ancora a questo livello perché faremmo qualcosa contro le società piccole, ma un domani dovremo fare anche quello, casomai passare al semi professionismo." Il professionismo è gradito anche alle società professionistiche che sono perfettamente in grado di sostenerlo visto che i costi di una squadra femminile sono irrisori rispetto a quelle maschili e la riforma Tavecchio, con la possibilità per le società professionistiche di acquisire titoli sportivi nel calcio femminile, ha proprio l'obbiettivo di rendere sostenibile il movimento ed evitare, come successo in passato, che una società non fosse in grado di iscriversi al campionato dopo aver vinto lo scudetto l'anno prima. Il problema oggi sono le piccole società dilettantistiche, quelle non affiliate alle maschili, che non sono ancora in grado di sostenerne i costi.
  14. A mio parere, il professionismo serve innanzitutto a dare tutele alle calciatrici (al contrario di altri sport, le calciatrici non hanno stipendi, e quindi tutele, da parte di carabinieri, finanza, esercito), e questo indipendentemente dall'appeal della serie A. Dopodichè, con il professionismo dovrebbero cadere i tetti sulle retribuzioni e questo potrebbe migliorare l'appeal della serie A
  15. Forse uno straniero, qualcuno abituato a una maggiore intensità... e non è detto che il prossimo non lo sia. Gli italiani di esperienza, quelli che sono nel mondo del calcio femminile da anni, non mi sembra che facciano grandi cose... Piovani, l'anno scorso al Brescia, era alla sua prima esperienza nel femminile e veniva dalle serie inferiori maschili. Cincotta attuale della Fiorentina, con cui sta facendo molto bene, non mi sembra abbia questa grande esperienza, soprattutto du squadre di vertice; da quello che leggo, quest'anno ha però cambiato qualità e intensità degli allenamenti (e si vede). Forse è la capacità quella che conta maggiormente, più che l'esperienza.
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.