Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Juventini_Q8

Utenti
  • Content count

    896
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

566 Eccellente

About Juventini_Q8

  • Rank
    Primavera

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Juventini_Q8

    Salernitana - Juventus 0-2, commenti post partita

    Non ridete più di noi, non stavamo scherzando quando parlavamo di questo allenatore 😷
  2. Ma in ogni caso Dybala ha sprecato alcuni anni della sua carriera sotto la guida di un allenatore difensivo come Allegri, e tutto quello che sta succedendo ora è cercare i tiri di Dybala da fuori area (e giocare lontano dalla porta), se fosse giocare un falso attaccante con Guardiola City, per esempio, sarebbe una fantastica
  3. …..ma soprattutto ha preso le distanze dai tifosi della Juve che l’hanno beccato durante la gara : “Dei tifosi della Juventus non me ne frega niente non sono juventino”. — La domanda era rivolta a un gruppo specifico durante la partita! Sarri ha risposto loro, ma è chiaro che Romeo cerca action e interazione senza chiarire il fondo della domanda
  4. Intervista a Lichtsteiner su Lazio-Juve Tre stagioni nella Lazio, sette nella Juve? «Se devo scegliere la “mia” Lazio-Juve, non ho dubbi: la Supercoppa del 2013, all’inizio del mio terzo anno in bianconero. Per tre motivi: vincemmo 4-0, segnai un bel gol, ma soprattutto misi Chiellini nelle condizioni di segnare di destro, a porta vuota. E far segnare Chiello è un mezzo miracolo eh: è stato l’assist più difficile della mia vita...». Sfida? «Non è mai facile giocare all’Olimpico contro la Lazio: per la Juve sarà una partita complicata, anche perché la squadra di Sarri cercherà di aggredire e di attaccare costantemente». Intervista a Lichtsteiner su Sarri Stephan, come giudica la prima parte di stagione delle due squadre? «Non posso dare giudizi approfonditi, perché non ho visto tutte le partite e poi solo chi vive lo spogliatoio può sapere come stanno le cose. Però mi sembra che la Lazio stia assorbendo il cambio di allenatore: Sarri ha portato un nuovo sistema di gioco e idee diverse, finora quindi ci sono stati un po’ di alti e bassi, ma la situazione mi sembra in miglioramento. Serve tempo per arrivare al top, però quello che ho visto mi è piaciuto abbastanza. Per quanto riguarda la Juve, invece, la qualità c’è. Però alcuni episodi sono stati contrari ed è mancata la cura dei dettagli, che fa sempre la differenza. All’Olimpico la Juve avrà molta pressione: non può più sbagliare se vuole rientrare nella lotta per lo scudetto». Intervista a Lichtsteiner su una Juventus da scudetto Crede davvero che la Juve possa ambire al titolo? «Io dico di sì: ricordo quanto accadde nel 2015-16. Bisogna vincere tante partite consecutive e ritrovare la mentalità giusta: quella che ti fa sempre fare una corsa in più, quella che ti fa chiudere ogni strada verso la tua porta, quella che ti fa pensare positivo. Quell’anno Buffon fissò il record di imbattibilità e tutti noi non solo godevamo a non prendere gol, ma proprio a non far tirare gli avversari. I dettagli fanno la differenza e noi li curavamo tutti. Se la Juve adesso ricomincerà a farlo, la rimonta sarà possibile. E se vedi che il distacco diminuisce, la fiducia aumenta. Ovviamente dipende anche da chi sta davanti. Il Napoli sta facendo bene, ma non è abituato a vincere e quando aumenta la pressione è difficile mantenere lo stesso ritmo. Il Milan ha un paio di campioni che sanno come si vince e il suo rendimento è molto alto».
  5. Rinnovo o addio? Magari entrambi. Secondo le ultime notizie di mercato in arrivo da Torino, la società bianconera starebbe lavorando con Mino Raiola per il rinnovo di Matthijs De Ligt. Nei giorni scorsi l’agente Mino Raiola sembrerebbe aver cominciato a ragionare con i dirigenti bianconeri sul futuro del 22enne difensore olandese. Ad oggi il procuratore del difensore della Juventus avrebbe confermato la volontà del calciatore di proseguire insieme e rimandare l’addio. Tuttavia negli ultimi mesi il centrale non si è sentito valorizzato da Massimiliano Allegri. Per questo motivo potrebbe arrivare un compromesso: allungamento di un solo anno - dal 2024 al 2025 - con abbassamento della clausola da 120 milioni di euro che entrerebbe in vigore a partire dal prossimo luglio. Juventus: la clausola di De Ligt In questo modo la Juventus avrebbe potrebbe prendere tempo e bypassare i pericoli di un addio per De Ligt almeno nel prossimo mercato estivo. Dopo la cessione di Cristiano Ronaldo, e in attesa del rinnovo di Dybala, De Ligt è il più pagato nella rosa di Massimiliano Allegri con i suoi 8 milioni più bonus. La Juventus non può ritoccare verso l’alto lo stipendio dell’olandese, ma non vorrebbe avvicinarsi alla scadenza e far scendere il prezzo del centrale. A questo punto tutto potrebbe rientrare nella volontà del calciatore. Pagato 80 milioni di euro, il centrale nel caso andrebbe via con una nuova clausola ad una cifra molto vicina a quella spesa. In questo modo la Juventus recupererebbe l'investimento. ==== Addio certo, 2022 O piu 2023
  6. Come coppia di centrocampo, McKennie e Locatelli possono fare un ottimo lavoro (per esempio), ma il problema più grande non sono i giocatori come tutti sanno ( Mr .... No comment ) .
  7. Simple : AllegriOut Anche Chiesa può segnare 20+ gol con un allenatore non difensivo, Abbiamo visto tante ali (che giocano una terza punta) come marcatori e Chiesa ha tutte le caratteristiche per questo . Questo è solo un esempio
  8. non male Paratici .. Mckennie è un buon giocatore e ha solo bisogno di essere disciplinato. con Allegri anche Locatelli non Locatelli .
  9. Morata ? Ma non lo stesso Allegri che dalla prima giornata ha voluto restare in Morata e non ha chiesto un altro attaccante titolare?
  10. Una soluzione temporanea fino a fine stagione, e sono sicuro che farà meglio di Allegri e dei suoi piani difensivi codardi
  11. Senza dimenticare El Shaarawy e Patricio, e anche con l'introduzione di più titolari nel secondo tempo, hanno subito più gol (4 nella ripresa! Stavano meglio con le riserve), basta scuse, il nostro gioco è stato meschino e abbiamo vinto un palla di fortuna
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.