Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Juventini_Q8

Utenti
  • Content count

    485
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

350 Buona

About Juventini_Q8

  • Rank
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Giunge puntuale ogni mattina una mail sulla casella di posta elettronica di ogni calciatore della Juventus, mittente un membro dello staff tecnico di Maurizio Sarri, oggetto: programma di allenamento di oggi. Da ieri, tra l’anno, l’isolamento volontario dei tesserati bianconeri – 121 tra squadra, tecnici e dipendenti avevano deciso di auto sospendersi dalla normale quotidianità per precauzione, dopo aver saputo della positività di Daniele Rugani al COVID-19 – si è ufficialmente conclusa, anche se cambierà poco dal momento che il Governo ha emanato nel frattempo delle restrizioni simili per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Tuttavia per gli atleti, tutti negativi eccetto Rugani, Matuidi e Dybala (per loro è scattato l’obbligo di quarantena in attesa di un nuovo test tampone che dovrà dare esito negativo per tornare alla normalità), possono aumentare anche il carico di lavoro individuale che viene appunto suggerito e seguito giornalmente dai preparatori fisici, seppur a distanza. Flessioni, trazioni, corsa: il programma di mantenimento punta a tenere sù la condizione, in attesa di capire meglio quale sarà l’evolversi della stagione. Il rinvio degli Europei mette tutti nelle condizioni di pensare solo ed esclusivamente all’attività di club. Anche se adesso la possibilità che la stagione calcistica in Italia venga definitivamente spazzata via dal Coronavirus c’è e prende sempre più forma di giorno in giorno. Intanto i bianconeri lavorano, non staccano la spina e restano in campo con una raccolta fondi a sostegno degli ospedali di Torino e del Piemonte, al fine dell’acquisto di materiale sanitario necessario per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Tmw ( Giovanni Albanese )
  2. Moreno Torricelli, ex difensore della Juve, ha rilasciato una lunga intervista, toccando vari temi d’attualità in casa bianconera : «Analizzando i numeri rilevo un’evoluzione nell’impostazione del gioco. Non mi stupisce il fatto che il calciatore con più passaggi effettuati e riusciti sia Bonucci (34 presenze per 3034 minuti in campo, nessuno come lui, ndr). Gli avversari pensano che il difensore operi in una zona di campo meno pericolosa e quindi gli concedono più libertà, ma quante volte i suoi passaggi sono stati illuminanti... Vuol dire che la Juventus sta sfruttando bene la tecnica dei suoi giocatori basilari: è il caso anche di Ronaldo, Dybala, Cuadrado, Alex Sandro. Se il brasiliano ha vinto più duelli di tutti ed eccelle nei dribbling, vuol dire che sa sfruttare gli uno contro uno. Si sta europeizzando, sta diventando più difensore: la sua è un’ottima stagione». 8 ASSIST DI HIGUAIN – «Stupito? Per niente. Gonzalo è una punta centrale fondamentale perché è in grado di far salire tutta la squadra. Lì davanti è un vero punto di riferimento, sotto questo profilo è cresciuto molto. Si fa sempre trovare pronto, spesso dà cambi di gioco importanti, serve assist, partecipa attivamente alla manovra. È un grandissimo giocatore, per intelligenza tattica». BENTANCUR – «È un calciatore completo. Non avrà la visione, la tecnica, la capacità di illuminare il gioco come Pjanic, ma nel possesso, nel recupero palla, nella gestione è bravissimo. Un fenomeno nel garantire equilibrio alla squadra». RONALDO – «È sempre più straordinario, non solamente per i gol segnati. Non gli si può imputare nulla. Prova e riprova, sono sicuro che prima o poi romperà il ghiaccio anche su punizione. Forse salta all’occhio la netta differenza tra dribbling tentati e riusciti, però in Italia è più complicato giocare e ogni allenatore punta l’occhio su Ronaldo e cerca le contromisure per provare a fermarlo, ad esempio con i raddoppi di marcatura». CHAMPIONS LEAGUE – «I bianconeri ambiscono a conquistare campionato e Champions. Quella vista contro l’Inter è una squadra che ha dimostrato di saper giocare e vincere quando conta, senza concedere nulla. Credo che la Juventus debba autoconvincersi delle proprie possibilità e dimostrare che non ce n’è per nessuno». Cm
  3. prendere Mahrez e Aubameyang, con rinforzo a centrocampo (Pogba - Luis Alberto), quindi nessun problema (ad esempio)
  4. La Juventus ha chiuso in perdita per 50,26 milioni di euro il primo semestre dell’esercizio in corso, dal primo luglio al 31 dicembre 2019. Il risultato è in forte peggioramento rispetto all’utile netto di 7,46 milioni del corrispondente periodo del 2018. I ricavi operativi, escluse le plusvalenze da calciomercato e i proventi da gestione diritti calciatori, sono diminuiti da 271,3 a 258,4 milioni (-4,7%). Sui conti pesa ancora l’effetto Cristiano Ronaldo con l’aumento dei costi non coperto dai ricavi. ilsole24ore
  5. Com'è andata la situazione la scorsa stagione? piacere ? Qual è il risultato? I nomi erano simili (ma oltre a quello c'era un vero terzini & CHIELLINI ... ) e non c'era nessun concorrente in campionato lascia l'opportunità a Sarri , Allegri ha goduto delle sue opzioni per anni e la stagione sta ancora andando bene, Cammina sulla stessa regola (vinci, che ti sia piaciuta o no)
  6. Calma Calma Le cose stanno andando bene ei risultati stanno andando bene, nulla impedirà alla squadra la prossima estate di fare alcuni affari che saranno più di supporto alla squadra e non solo lo stile Sarri (la squadra soffre anche di infortuni), è sufficiente sottovalutare il Sarri, le cose stanno ancora andando bene Bene, e la squadra deve svegliarsi sul mercato (nessuno può negare che l'estate scorsa è stata quasi catastrofica) Calma Calma
  7. Le tue parole sono vere , ma molte non vogliono avere fair. C'è qualcosa di strano nel loro modo di pensare Siamo in una fase di cambiamento (e soffriamo anche di infortuni), lo stile di gioco deve essere cambiato in alcuni giocatori, stiamo anche sperimentando lentezza nelle caratteristiche dei nostri giocatori e questo è qualcosa che ostacola non solo l'implementazione del piano Sarri ma anche altre opzioni (come il contropiede)
  8. Gli ingenui errori di de Ligt hanno causato gol ingenui, altrimenti per noi è stata una vittoria facile Considera la parte vuota del bicchiere d'acqua, meravigliosa
  9. Il Napoli all'inizio della stagione ha sconfitto il Liverpool (che non è stato sconfitto da nessun altro) e noi abbiamo sconfitto il Napoli in quel momento con una prestazione impressionante Confondere i risultati è una cosa molto, molto semplice Con Confondere i risultati, puoi facilmente diventare il campione di tutte le competizioni #ForzaSarri #ForzaJuve
  10. Tardelli su Pjanic: "E' calato, la Juve dovrebbe prendere Allan" Marco Tardelli, ex giocatore della Juventus, è intervenuto nelle vesti di opinionista a Domenica Sport, formulando il seguente giudizio sul rendimento di Pjanic: "E' calato di rendimento, lo si è visto contro il Verona. A mio giudizio avrebbe fatto comodo l'acquisto di Allan, che la Juventus dovrebbe prendere".
  11. Le tue parole sono vere per tutto ciò che hai menzionato e i fan del Chelsea erano felici della loro ultima stagione e gli obiettivi sono stati raggiunti, ma perdi inutilmente il tuo tempo con questa discussione
  12. La Stampa Sarri e Agnelli hanno cenato insieme nel centro di Torino per discutere dei problemi della Juventus. A loro due si è poi aggiunto anche Paratici. Soccorso puntualmente arrivato: come riportato da 'La Stampa', il tecnico bianconero si è incontrato a cena con il presidente Andrea Agnelli al ristorante 'Bastimento' al centro di Torino, lo stesso frequentato dal patron ai tempi di Massimiliano Allegri. Sul tavolo, oltre alle delizie culinarie, anche e soprattutto i mali che da qualche tempo a questa parte affliggono la Juventus, soprattutto in trasferta: la squadra non ha ancora assimilato i fondamenti del sarrismo, rimasto uno stupendo modo di intendere il calcio soltanto sulla carta e non sul campo come sarebbe dovuto accadere. I due - ai quali si è poi aggiunto Fabio Paratici - sono usciti dal locale poco prima delle 22.30: Sarri ha ricevuto il supporto richiesto, Agnelli al contempo ha voluto esprimere tutta la vicinanza della società in un momento così delicato, da cui potrebbe dipendere l'intero esito della stagione. E magari i primi segnali positivi potrebbero vedersi già a partire dal prossimo impegno che vedrà i campioni d'Italia sfidare a 'San Siro' il Milan nell'andata della semifinale di Coppa Italia, uno degli obiettivi da centrare per rendere l'annata leggendaria. In Italia e in Europa.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.