Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

rjd

Utenti
  • Content count

    25
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

33 Neutrale

1 Follower

About rjd

  • Rank
    Pulcino

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  1. Infatti qui si tratta della volontà di difendersi con ogni mezzo. Purtroppo per ora non abbiamo info a tal proposito.
  2. Ma il fatto che la Juve si quotata e essa stessa e gli azionisti stiano subendo danni economici non ha alcun valore nella decisione? Conta solo il merito?
  3. Al netto della clausola compromissoria, ho sentito un avvocato parlare del fatto che ci sono differenze se si ricorre per esempio per questioni prettamente sportive o altro come questioni di bilancio. Riporto solo. Se qualcuno qui ha le competenze potrebbe verificare.
  4. Ma la questione del TAR è più complicata, ci sono casi in cui si può ricorrere al tar senza violare le clausole, bisogna capre se questo è il caso non essendo una questione puramente sportiva, di campo diciamo.
  5. Scusate, io non capisco nulla di contabilità, ma leggendo in giro mi sembra tutto si riduca al fatto di contabilizzare come un unica operazione o come due operazioni separate. La Juve ha sempre utilizzato la seconda opzione e quindi ha potuto indicare il valore a piacimento non essendoci un modo oggettivo. Ovviamente questo è dibattibile, ma si tratta meramente di interpretazioni su come stilare il bilancio. Autorità come la CONSOB possono tranquillamente obiettare, poi si vedrà a processo, si tratta di temi di bilancio complicatissimi per super esperti, la giustizia sportiva non ha nemmeno interpellato dei periti.
  6. Perché in questa fase il merito della questione non ha alcuna rilevanza, conta solo la forma e il rispetto delle procedure.
  7. Che poi questa è la parte più assurda. C'è stato un procedimento per verificare plusvalenze fasulle. Siamo stati assolti in quanto il fatto non sussiste (le plusvalenze non sono reato non essendo possibile determinare oggettivamente il valore di un giocatore). La stessa corte che ci ha assolto si smentisce e riapre il procedimento (in barba ad ogni principio di garanzia). Non potendo ritenerci colpevoli per le plusvalenze (altrimenti tutti gli altri...) si inventano un diverso capo di accusa. Ma se il capo di accusa è diverso, non dovrebbe esserci un nuovo procedimento con prove e dibattimento? Questo vuol dire che siamo stati giudicati per un reato diverso, è un palese vizio di forma. Ovviamente questa è "giustizia sportiva" ossia poco più che una barzelletta quindi le regole si fanno all'occorenza.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.