Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Gabriel84

Utenti
  • Content count

    1,471
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,032 Eccellente

1 Follower

About Gabriel84

  • Rank
    Titolare
  • Birthday 10/02/1984

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Monza

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ma che gli frega...tanto per una che se ne va, ce ne sono altre che arrivano. Il prodotto premier per ora è più grande di qualsiasi singolo club. Se hanno il city o il newcastle gli cambia niente.
  2. Io non perculavo Andrea, penso che abbia fatto cose molto buone e altre meno...un po' come tutti. Ma contro la superlega lo sono ancora Fondamentalmente perché io ragiono tramite emozioni, e gli scontri con Real, Bayern, Inglesi etc sono così belli anche perché avvengono in una coppa dove: in primis ti devi qualificare, e poi devi andare avanti Penso che molta di quella bellezza si perderebbe in una lega chiusa ed annuale. Il bello sta nell'eccezionalita', non nella norma. La norma, alla lunga, stanca. Il mondiale è il mondiale perché ci sta una volta ogni 4 anni. La champions è la champions perché, anche se annuale, non vive delle identiche sfide e ha una fase corposa ad alimentazione diretta (che soprattutto nel calcio, è ben differente dal formato del campionato) Io non penso che la soluzione sia giocare sempre Juventus - Real, penso che la soluzione sia migliorare il calcio italiano e affrontare le grandi squadre estere nella champions league.
  3. A me non interessa finanziare la figc. Sono semplicemente un'appassionato di calcio che tifa Juventus e la sua Nazionale. E ho sempre detto, anche prima di questa assurda vicenda, che per me l'Italia viene prima. Me ne devo fare una colpa perché mi emoziono di più alle partite dell'Italia che a quelle della Juve? Bona, che vi devo dire. La volta che mi troverò a festeggiare un titolo della Juve come il mondiale 2006 vi farò sapere, per ora non è successo. Non me ne frega nulla dell'extra campo. Io tifo la maglia azzurra da sempre e sempre la tiferò. Se ci sono tanti giocatori nostri mi fa più piacere, ma finisce qui. Tifo Italia a prescindere. Se poi qui adesso tifare la nazionale significa essere un tifoso di serie B ne prendo atto. Non è che cambia la mia vita quello che pensate su questo forum.
  4. Gabriel84

    Juventus - Monza 0-2, commenti post partita

    L'extra campo ai calciatori non deve interessare. Ci sarà un ricorso e quello che succederà, succederà. Ma i giocatori e l'allenatore devono solo pensare a fare più punti possibili. È questo il loro mestiere, se non sono in grado di farlo, vanno licenziati. Le 2 cose vanno distinte. E quello (schifo) che è successo fuori, non deve assolutamente essere un'alibi. Il momento attuale è molto difficile, come potrebbe essere difficile trovarsi sotto di 3 gol in una finale di champions. C'e' chi si arrende e chi no. Se i nostri si arrendono, significa che non valgono questa maglia. Non siamo al campetto di periferia coi bimbi di 6 anni.
  5. A me non piace entrare nel merito di questioni che non posso, per ovvi motivi, comprendere al 100 x 100. Però mi chiedo, in che modo, queste questioni, abbiano risalto sul piano sportivo (nella fattispecie con la penalizzazione). Sia chiaro, è ovviamente, teoricamente, giusto, che se una squadra ha potuto rafforzarsi in diretta correlazione a vantaggi in conto economico, avuti in maniera illecita, venga punita. Il punto in questione però è che qui entriamo in un campo minato. Perché la Juventus è anche una delle poche (e l'unica tra le grandi) ad aver investito anche sulle strutture e su asset di medio e lungo termine che hanno, indubbiamente, un valore. Altre non hanno fatto niente di simile. Hanno solo aggiunto debiti, ad altri debiti Dato che si parla di aspetto finanziario, non trovo in nessuna maniera equo il non considerare il lavoro strutturale compiuto dalla Juventus che è un plus non indifferente rispetto a tutte le altre. Insomma, secondo me qui si dovrebbe guardare al lavoro a 360 gradi. Se no sembra un assist al continuare a legalizzare l'indebitamento fine a se stesso come maniera più congrua ad operare. Cosa che trovo assurda
  6. Quindi se uno preferisce il calcio delle nazionali a quello dei club è automaticamente un tifoso di serie B? Interessante...
  7. Presente. Continuo a tifare Italia e continuo a volere la Juve in serie A. Anzi una Juve che va a giocare all'estero per me smetterebbe di esistere seduta stante. Non tiferei mai una squadra che non sia italiana e non giochi in serie A. Ma mi sembra anche abbastanza scontato.
  8. È più facile che smetto di tifare Juve piuttosto che la nazionale. L'Italia è e resterà sempre sopra qualsiasi cosa. Anche perché i successi con la nazionale valgono infinite volte più di quelli dei club. Il calcio, così come le sue leggende, nascono dalle nazionali. I club vengono ampiamente dopo.
  9. E va beh, se stavolta ci si difendere, basta anche solo vedere com'è finita per altre squadre con calciopoli. Lo scudetto quest'anno non lo avremmo vinto comunque, secondi o quarti cambia niente Saranno 4-5 punti alla fine, che possiamo tranquillamente dare di stacco alle Romane.
  10. Mah per me sto mondo rimane un mistero. Praticamente l'Inter ripiana debiti facendosi fare ulteriore credito (a tasso maggiore del precedente) . I debiti li faceva perché ciò che fatturava non bastava a coprire le spese. Ora fatturerebbe addirittura 100 milioni in meno rispetto a quando già gli servivano crediti. Quindi si trovano con interessi aumentati e liquidità diminuita. In uno scenario economico come il calcio italiano, privo di qualsiasivoglia crescita (sia in termini di diritti televisivi che di merchandising etc etc) quali sarebbero le basi per evitare la bancarotta?
  11. Si è I'anno di nascita. Comunque non sono d'accordo. L'Europeo di Platini è stato di altissimo livello, ma Platini era l'artista supremo di una buonissima Francia. Ronaldo ha portato gentaglia come West, Galante, Colonnesi, Fresi etc a giocarsi uno scudetto con la Juve delle 3 finali e a vincere una Uefa. Io personalmente non ho mai visto un mostro simile al Ronaldo 1998. Ma neanche che ci è andato vicino (Miglior Messi compreso)
  12. E beh perché invece all'estero i colpi di mercato si sprecano XD Tolta la Premier che fa storia a sé...le altre mi sembrano tutte sulla stessa barca.
  13. Va beh quello è normale. Anche Bressan ha fatto una rovesciata in champions che levati proprio...me nessuno lo cita al posto di quelle di Pele' o Cristiano Ronaldo XD A livello di trofei no, non si possono confrontare. Ci sono molte più occasioni per vincere nel calcio di oggi. E poi in realtà i trofei per valutare un singolo valgono sino ad un certo punto..Maxwell è tipo uno dei più titolati di sempre.
  14. E comunque...quello che ci è andato più vicino (a vincere praticamente da solo) non è stato Maradona ma il Ronaldo Brasiliano XD
  15. In tutta sincerità? Mi sembrano suddivisioni un po'di comodo per far contenti tutti XD Non che sia un male eh, però secondo me ci si allontana un poco dalla realtà delle cose. Per quanto mi riguarda bisognerebbe in primis dividere grandezza da forza. La seconda è difficilmente paragonabile quando si parla di periodi storici, regole e modo di interpretare il calcio, troppo diverso. (Non vale solo per gli attaccanti eh, parlo anche per i difensori...inutile paragonare i marcatori di oggi che beccano un giallo per ogni intervento appena appena duro coi marcatori anni 80 che avevano licenza di uccidere) La prima invece è già più classificabile. Perché prende in esame, oltre alle vittorie e alla bravura, la capacità del calciatore di incidere e lasciare il segno sia nel rettangolo verde, che fuori. Da questo punto di vista il primo criterio è: - Calciatori che hanno superato lo sport di appartenenza diventando icone dello sport in senso globale. Chi si affianca a Jordan e Alì? Nel calcio per me uno solo: Pele' -Calciatori che hanno segnato la loro epoca incidendo il nome nella storia Di Stefano, Puskas, Eusebio, Crujiff, Platini, Maradona, Van Basten, Ronaldo da Lima, Zidane, Messi, Cristiano -Calciatori che hanno segnato la loro epoca ma senza però diventare parte integrante di una storia più ampia: Zico, Ronaldinho, Baggio, Muller (vecchio), Best, Matthaus... Nomi buttati li' un po' al volo per "rendere l'idea".. poi ovviamente tutto è modificabile ed interpretabile. Cercavo solo di dare un'idea del mio pensiero. Dove Pele' non può far parte di un gruppo, perché unico, ad essere stato sport, prima ancora di calcio. Che non significa sia stato il più forte in assoluto per forza, però lo rende abbastanza certamente il più grande
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.