Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
Giovanili Juventus

Juventus Primavera 2012/2013: Campionato, Coppa Italia, NextGen Series - calendario, risultati e classifica

Recommended Posts

Classifica Campionato Primavera 2012/2013 - Girone A



immaginepdv.png

 

 

Risultati Campionato Primavera 2012/2013 - Girone A

 

[25 08 2012] Juventus - Pro Vercelli 3-0 | (Padovan (2) - Beltrame ®) | Video Partita

[01 09 2012] Spezia - Juventus 0-1 | (Magnusson) | Cronaca Partita

[08 09 2012] Juventus - Cagliari 0-5 | Cronaca Partita

[22 09 2012] Grosseto - Juventus 0-0 | Video Partita

[29 09 2012] Fiorentina - Juventus 3-0 | Cronaca Partita

[20 10 2012] Genoa - Juventus 2-2 | (Padovan (2)) | Video Partita

[27 10 2012] Juventus - Torino 1-0 | (Beltrame) | Video Partita

[04 11 2012] Juventus - Empoli 4-0 | (Mattiello - Rugani - Padovan - Bonatini) | Cronaca Partita

[11 11 2012] Siena - Juventus 0-1 | (Pepe ®) | Cronaca Partita

[18 11 2012] Juventus - Novara 2-0 | (Beltrame - Padovan) | Video Partita

[21 11 2012] Juventus - Parma 2-0 | (Bonatini - Beltrame) | Video Partita

[25 11 2012] Livorno - Juventus 1-2 | (Kabashi - Padovan ®) | Cronaca Partita

[01 12 2012] Juventus - Sampdoria 1-0 | (Beltrame) Video Partita

 

[12 01 2013] Pro Vercelli - Juventus 0-1 | (Gerbaudo) | Cronaca Partita

[19 01 2013] Juventus - Spezia 2-1 | (Lanini (2)) | Cronaca Partita

[26 01 2013] Cagliari - Juventus 0-1 | (Schiavone ®) | Cronaca Partita

[02 02 2013] Juventus - Grosseto 3-1 | (Gerbaudo - Lanini - Magnusson) | Cronaca Partita

[08 02 2013] Juventus - Fiorentina 2-0 | (Padovan (2)) | Cronaca Partita

[02 03 2013] Juventus - Genoa 1-2 | (Beltrame) | Cronaca Partita

[09 03 2013] Torino - Juventus 1-1 | ( Padovan ®) | Video Partita

[23 03 2013] Parma - Juventus 1-5 | (Padovan (3[1®]) - Ruggiero - Beltrame ®) | Video Partita

[06 04 2013] Juventus - Siena 2-0 | (Padovan - Beltrame) | Cronaca Partita

[06 04 2013] Novara - Juventus 1-2 (Bonatini (2[1®])) | Video Partita

[09 04 2013] Empoli - Juventus 0-3 | (Padovan (2) - Lanini) | Cronaca Partita

[13 04 2013] Juventus - Livorno 6-0 | (Bertinetti (2) - Lanini (2[1®]) - Kabashi - Beltrame) | Cronaca Partita

[20 04 2013] Sampdoria - Juventus 1-1 | (Bonatini) | Cronaca Partita

 

FINAL EIGHT

 

QUARTI DI FINALE

[01 06 2013] Chievo Verona - Juventus 2-1 | (Magnusson) | Video Partita

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

2i9s7ds.jpg

 

GRUPPO 2

[29 08 2012] Juventus - Fenerbahce 3-3 | (Padovan (2) - Lanini) | Video Partita

[19 09 2012] Juventus - Paris St. Germain 2-0 | (Ruggiero - Bonatini) | Video Partita

[31 10 2012] Juventus - Manchester City 1-1 | (Rugani) | Video Partita

[08 11 2012] Manchester City - Juventus 2-3 | (Schiavone - Magnusson - Bonatini) | Video Partita

[05 12 2012] Fenerbahce - Juventus 1-2 | (Gerbaudo - Schiavone) | Cronaca Partita

[19 12 2012] Paris St. Germain - Juventus 2-2 | (Beltrame - Gerbaudo) | Video Partita

 

ALTRE GARE GRUPPO 2

[30 08 2012] Manchester City - Paris St. Germain 0-2

[13 09 2012] Manchester City - Fenerbahce 3-1

[04 10 2012] Fenerbahce - Manchester City 1-1

[24 10 2012] Fenerbahce - Paris St. Germain 0-2

[07 11 2012] Paris St. Germain - Fenerbahce 2-0

[28 11 2012] Paris St. Germain - Manchester City 2-0

 

immagineikl.png

 

OTTAVI DI FINALE

[07 03 2013] Juventus - Rosenborg 1-0 | (Beltrame) | Video Partita

 

QUARTI DI FINALE

[17 03 2013] Chelsea - Juventus 4-1 | (Rugani) | Video Partita

 

 

ALTRI GRUPPI DEL TORNEO

GRUPPO 1 - FC Barcelona, Tottenham Hotspur, RSC Anderlecht, Vfl Wolfsburg.

GRUPPO 3 - Chelsea FC, AFC Ajax, CSKA Moscow, Molde FK.

GRUPPO 4 - Sporting Clube de Portugal, Celtic FC, Aston Villa FC, PSV Eindhoven

GRUPPO 5 - Liverpool FC, Borussia Dortmund, Internazionale, Rosenborg BK.

GRUPPO 6 - Arsenal FC, Athletic Club, Olympique de Marseille, Olympiacos

  • Mi Piace 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Risultati Coppa Italia Primavera 2012/2013

 

OTTAVI DI FINALE

[27 11 2012] Siena - Juventus 1-2 | (Slivka - Schiavone ®) | Video Partita

[09 12 2012] Juventus - Siena 3-0 | (Beltrame (2) - Gerbaudo) | Cronaca Partita

 

QUARTI DI FINALE

[15 12 2012] Sampdoria - Juventus 1-3 | (Beltrame - Garcia Tena - Schiavone ®)) | Cronaca Partita

[21 12 2012] Juventus - Sampdoria 3-2 | (Kabashi (2) - Padovan) | Cronaca Partita

 

SEMIFINALI

[23 01 2013] Torino - Juventus 0-2 | (Gerbaudo - Schiavone ®) | Video Partita

[30 01 2013] Juventus - Torino 2-1 | (Padovan - Beltrame) | Cronaca Partita

 

FINALI

[13 03 2013] Juventus - Napoli 1-1 | (Gerbaudo) | Cronaca Partita

[16 04 2013] Napoli - Juventus 1-2 (dts) | (Padovan ® - Mattiello) | Video Partita

 

602047_596047590407464_1444713968_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

25 Agosto 2012: Juventus - Pro Vercelli 3-0

 

7ee9169e-8feb-4db0-9f3e-5eb721335066.jpg

 

 

Il caldo è torrido, ma al Chisola è sempre Primavera. La squadra di Marco Baroni inizia nel migliore dei modi la sua stagione. Basta meno di un tempo per dominare e vincere la sfida contro la Pro Vercelli. Un derby, anzi un doppio derby considerati i tantissimi ragazzi cresciuti nel Settore Giovanile bianconero mandati a Vercelli per continuare il percorso di crescita. È finta 3-0, grazie a un doppietta di Padovan e a gol di Beltrame.

 

Per la prima gara ufficiale dell’anno, Baroni può contare su un rinforzo non proprio da poco come Isla, in campo a sei mesi dall’intervento al ginocchio e chiamato a un test importante. Per il resto tante facce conosciute e due soli volti nuovi: gli ex Empoli Rugani e Kabashi.

 

Si parte con le 3-5-2. Davanti a Gagliardini, difesa a tre con Untersee, Rugani e Magnusson. A centrocampo Isla, Emmanuello, Schiavone, Kabashi e Mattiello. Davanti la coppia formata da Padovan e Beltrame. Dall’altra parte, mister Scazzola schiera una squadra con ben 10/11 provenienti dal vivaio bianconero - Vannucchi, Tufano, Cirarelli, Danza, Russo, Scialla, Rognone, Coviello, Galiera e Vitale -, senza dimenticare De Cello in panchina e Del Papa fuori per infortunio.

 

È un derby nel derby. E quando i bianconeri hanno a che fare con i derby normalmente non scherzano. La partenza è tutta grinta e concentrazione. Bastano otto minuti per sbloccare la sfida con Padovan che trova in varco centrale e fa secco Vannucchi in uscita. Il raddoppio un al 22’ sugli sviluppi di un cross basso di Isla da destra, controcross di Mattiello e altra stoccata vincente di Padovan, già in forma campionato. Al 37’ il tris. Emmanuello messo giù da Scialla in area: rigore che Beltrame insacca con calma. Prima del riposo, Rugani prima e Beltrame poi sfiorano anche il poker di un soffio.

 

Ripresa. Baroni rimanda in campo gli stessi undici. Il risultato non torna mai in discussione e nel primo quarto d’ora il tecnico bianconero può operare i primi due cambi: dentro Gerbaudo e Penna al posto di Kabashi e Mattiello. Intorno alla mezz’ora tocca a Lanini per Padovan, con Isla lasciato in campo fino alla conclusione. Una conclusione che arriva senza altri scossoni.

 

Senza pericoli di veder compromessi i primi tre punti, Baroni prova altri esperimenti, tipo Emmanuello centrale di difesa e Magnusson interno di centrocampo. Esperimenti che potrebbero essere utile in futuro, già a partire dal prossimo appuntamento che è dietro l’angolo. Mercoledì sera, ad Alessandria, c’è l’esordio in NextGen contro il Fenerbahce. L’occasione giusta per confermare l’ottimo avvio di stagione.

 

juventus.com

 

 

TABELLINO

JUVENTUS (3-5-2): Gagliardini, Untersee, Magnunson, Schiavone, Rugani, Mattiello (53'Curti), Isla, Emanuello, Padovan (76'Lanini), Beltrame, Kabashi (59'Gerbaudo).

A disposizione: Citti, Tavanti, Penna, Braccini, Ceria, Garcia Tena.

All. Baroni

 

PRO VERCELLI (4-3-2-1): Vannucchi, Tufano, Cifarelli, Danza (59'Secondo), Russo, Scialla, Rognone, Coviello, Galiera (55'Romano), Malaspina, Vitale (58'Marciano).

A disposizione: Vimercati, Mazza, Decello, Armato, *, Porcaro.

All. Scazzola.

 

RETI: 8' e 22' Padovan (J), 37' rig. Beltrame (J)

 

Arbitro: Magnani (Frosinone)

Ammoniti: /

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima Giornata Gruppo 2: Juventus - Fenerbahce 3-3

 

 

 

Inizia con uno show l'avventura della Primavera alla NextGen. Ad Alessandria, la squadra di Baroni domina per larghi tratti e pareggia 3-3 con il Fenerbahce al termine di un'autentica battaglia. Bianconeri due volte avanti con Padovan. Turchi in partita con un grande Simsek e avanti con Yilmaz. Il pareggio al 53' con Lanini dopo un recupero interminabile per le continue interruzioni.

 

Per l'esordio al Moccagatta, si scomoda anche Massimo Carrera, uno che da queste parti è sempre di casa per i suoi trascorsi. Il collega Baroni manda in campo praticamente la stessa squadra di sabato con la Pro Vercelli. Branescu torna tra i pali, difesa a tre con Penna, Rugani e Untersee. Centrocampo a cinque con Ruggiero, Kabashi, Schiavone, Emmanuello e Mattiello. Davanti la coppia Beltrame-Padovan.

I bianconeri partono forte e premono la difesa turca. Al 4' Emmanuello sfonda a sinistra e centra per Padovan che non trova la porta. Al 10' è Kabashi a involarsi, fermato da una grande uscita di Ailinay. La risposta del Fenerbahce è affidata a una punizione di Simsek respinta da Branescu.

 

Quando la sfida inizia a incanalarsi sull'equilibrio, la Juve passa. Beltrame spacca in due la difesa turca e manda in porta Padovan che non perdona e conferma il suo grande avvio di stagione.

Il Fenerbahce ha una reazione importante intorno al 35'. Simsek si conferma il più talentoso e impegna Branescu su punizione, mentre Venigeri mette alto da buona posizione. Il pari è nell'aria è proprio Simsek pareggia al 39' con un destro sul primo palo.

L'1-1 regge fino all'intervallo e accompagna le squadre negli spogliatoi.

 

Ripresa. Parte bene il Fenerbahce e Simsek costringe subito Branescu al corner. Ma al 3' è di nuovo Padovan a colpire e ancora su imbeccata di uno scatenato Beltrame: per il bomber seconda doppietta in quattro giorni!

L'occasione per il nuovo pareggio cade sui piedi di Venigeri ma Branescu si salva rimediando a un suo precedente rinvio sbagliato. La gara ora regala emozioni a ripetizione e Mattiello sfiora il tris con il sinistro. Lo stesso Mattiello ci riprova al 15': palla a lato.

 

I bianconeri crescono con i minuti e con Emmanuello sfiorano il tris. A tratti i ragazzi di Baroni regalano anche spettacolo ai tanti tifosi presenti al Moccagatta. Quando la gara sembra segnata arriva la doccia fredda: Untersee tocca corto e Rugani stende Yilmaz proprio al limite. L'arbitro decide per il rigore e Simsek firma la sua doppietta nonostante Branescu tocchi in tuffo.

La Juve non ci sta, si riversa in avanti ma rischia un'altra beffa. Akar si invola da solo, salta Branescu ma mette incredibilmente a lato a porta vuota. Il terzo gol turco arriva al 38' con un gran sinistro da fuori di Yilmaz.

Baroni prova a correre ai ripari e manda dentro Lanini per Emmanuello e Ceria per Mattiello. Gli ospiti iniziano a soffrire di crampi ma il bunker regge fino al 53' quando Lanini pareggia all'ultimo respiro.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Juventus (3-5-2)

Branescu

Penna, Rugani, Untersee

Ruggero - Kabashi - Schiavone © - Emmanuello (84' Lanini) - Mattiello (88' Ceria)

Padovan - Beltrame

 

A disposizione: Gagliardini, Tavanti, Curti, Braccini, Gerbaudo.

All. Baroni.

 

Fenerbahce (4-4-2): Ailinay; Taskin, Ruzgar H., Tasdemir, Cinemre; Akar, Mataraci, Gagatay, Sazdagi; Yeniçeri, Simsek.

A disposizione: Ustunbas, Gulsum, Turker, Ruzgar M., Sahat, Yilmaz.

All. Alkin.

 

Reti: 27', 50' Padovan, 38', 75' ® Simsek (F), 84' Sahat (F), 98' Lanini.

 

Arbitro: Diego Bruno (Italia).

Ammoniti: 3' Cinemre (Fenerbahçe SK), 61' Kabashi (Juventus FC), 80' Sahat (Fenerbahçe SK).

Spettatori: 500 circa.

 

 

90737e5e-fa09-4558-919b-cc8c99912d15.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

1 Settembre 2012: Spezia - Juventus 0-1

 

http://www.youtube.com/watch?v=8Jq5PZ1rL8c

 

Tre giorni dopo la gara di NextGen contro il Fenerbahce, è una Primavera che lascia ancora il segno in zona Cesarini. Se con i turchi ci aveva pensato Lanini a segnare in pieno recupero il gol del 3-3, in casa dello Spezia è toccato a Magnusson segnare all’ultimo respiro una rete da tre punti.

 

Contro i liguri, la squadra di Baroni centra la seconda vittoria di fila in campionato e prosegue il cammino a punteggio pieno. Rispetto alla vittoria di sabato scorso con la Pro Vercelli (3-0 già deciso a fine primo tempo), questa volta i bianconeri devono soffrire per portare a casa il bottino pieno.

 

Sabato prossimo, 8 settembre, la Primavera cercherà il tris. E lo farà al Chisola di Vinovo dove è atteso il Cagliari.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Spezia: Vozar, Fatale (cap), Marchitelli (23'st Bonelli), Bellavigna, Franco, Faye, Ferraioli, Cucurnia, Damiani, Izzillo (44'st Passamonti), Biasi (23'st Ceccaroni)

A disp. : Tognoni, Zambrano, Ortelli, Conedera, Celentano, Brondi, Di Lauro, Tabiolati

All. P. Fusco

 

Juventus: Citti, Untersee, Magnusson, Schiavone (cap), Rugani, Mattiello (12'st Lanini), Ruggiero, Emmanuello (1'st Penna), Padovan (34'st Ceria), Beltrame, Kabashi.

A disp. : Gagliardini, Curti, Garcia Tena, Gerbaudo, Braccini, Tavanti

All. M. Baroni

 

Marcatori: 48' st Magnusson (J)

Ammoniti Juve: Kabashi, Mattiello, Padovan, Schiavone, Untersee.

 

 

primavera-spezia-juventus-2.9091.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

8 Settembre 2012: Juventus - Cagliari 0-5

 

Sconfitta pesante per la Primavera della Juventus in casa contro il Cagliari, ma condita da episodi che hanno inciso decisamente sul risultato. Il 5-0 finale nasce anche e soprattutto dalla doppia inferiorità numerica dei bianconeri, dovuta alle espulsioni di Branescu, per aver fermato una chiara occasione da rete, e da Emmanuello, per fallo di reazione. Al Cagliari sono inoltre stati assegnati due rigori, il secondo dei quali proprio in occasione del cartellino rosso rimediato dal portiere rumeno. In nove contro undici per la Juventus c’era davvero poco da fare e i sardi hanno dilagato.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

JUVENTUS: Branescu, Curti (46' Gerbaudo), Mattelli (16' Gagliardini), Schiavone, Rugani, Mattiello, Ruggiero, Emmanuello, Padovan (67' Braccini), Beltrame, Kabashi.

All.: Baroni.

 

CAGLIARI: Anedda, Russu (46' Faedda), Murru (59' Cordeddu), Saias, Del Fabro, Paulis, Demontis, Eriksson (83' Muroni), Chelo, Masia, Cardia.

All.: Lopez.

 

Marcatori: 4' e 17' (rig) Chelo, 41' Masia, 47' Cardia, 90' Chelo.

 

Arbitro: Gentile di Lodi.

Ammoniti: Padovan (JUV); Russu, Saias (CAG)

Espulsi: 16' Branescu, 22' Emmanuello (JUV)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seconda Giornata Gruppo 2: Juventus - Paris Saint Germain 2-0

 

 

Inizia nel migliore dei modi il mercoledì europeo della Juventus. A pochi minuti dal calcio d’inizio dell’avventura in Champions League, la bella notizia arriva dalla Next Generation Series. Merito della Primavera di Marco Baroni che, al Moccagatta di Alessandria, compie l’impresa e batte 2-0 il Paris Saint-Germain, la favorita del Gruppo B. Decisivo un uno-due nel corso della ripresa firmato da Ruggiero e dal brasiliano Bonatini.

 

Una vittoria arrivata al termine di un match non facile con i transalpini decisi a condurre il gioco e a sfruttare la maggior fisicità e i bianconeri pronti a ripartire in contropiede e a sfruttare ogni occasione. Lo 0-0 dell’intervallo è soprattutto merito di un paio di parate di Branescu. Nella ripresa i bianconeri colpiscono con le ripartenze. Prima con Ruggiero al 6’ e poi nel recupero con Bonatini, che ha festeggiato al meglio il suo esordio nella Juventus. Buona anche la prima del danese Laursen in difesa.

 

Un’impresa per i bianconeri che dimostrano di aver cancellato la parentesi negativa della sfida di campionato con il Cagliari. Ma soprattutto una vittoria fondamentale in chiave NextGen. Ora la Primavera conduce il girone con quattro punti (dopo il 3-3 dell’esordio con il Fenerbahce), avanti di un punto rispetto ai francesi e a quel Manchester City che sarà la rivale dei bianconeri nel prossimo match in programma il prossimo 31 ottobre e che al Moccagatta aveva un osservatore speciale: l’ex bianconero Patrick Vieira, responsabile del Settore Giovanile del club inglese.

 

Una crescita da confermare in campionato. Superata la sosta, si torna in campo nel weekend e i bianconeri sono attesi dalla partita in casa del Grosseto. Ma prima c’è ancora modo di godere del successo in NextGen, merito di Juventus Channel che trasmetterà l’intero match con il PSG. Appuntamento fissato per domani, giovedì 20 settembre, a partire dalle ore 21.05.

 

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Juventus (5-4-1)

Branescu

Untersee - Penna (45′ st Emmanuello) - Rugani - Magnusson - Laursen

Ruggiero (36′ st Ceria) - Schiavone - Kabashi (45′ st Tavanti) - Mattiello (18′ st Lanini)

Padovan (18′ st Bonatini)

 

A disposizione. Citti, Curti.

All. Baroni.

 

Paris Saint Germain (4-3-3): Areola; Conte, Bourdini, Arrondel, Kimpembe; Lacazette, Ikoko (31′ st Chemin 6), Rabiot; Rajsel (31′ st Nkomb), Ongenda, Yaisien (20′ st Habran).

A disposizione. Fezui, Meite, Maignan, Bambock.

All. Bechkoura.

 

Reti: 12′ st Ruggiero, 46′ st Bonatini

Arbitro: Colosimo di Torino

 

C_3_Media_1568594_immagine_ts673_400.jpg

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

22 Settembre 2012: Grosseto - Juventus 0-0

 

http://youtu.be/ciFGf43uo-Q

 

Dopo l’impresa in NextGen di mercoledì (Paris Saint-Germain battuto 2-0 ad Alessandria), per la Primavera è stato nuovamente tempo di campionato. La squadra di Marco Baroni ha ripreso la marcia dalla sfida in casa del Grosseto. Una sfida che si è chiusa sullo 0-0.

 

I bianconeri conquistano così il primo pareggio stagionale in campionato e salgono a quota sette punti. Guida il Genoa che ha vinto anche il derby e resta a punteggio pieno a 12.

 

Sabato prossimo altra trasferta in terra toscana. Si va a far visita alla Fiorentina. I viola hanno sette punti, proprio come la Juventus.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Grosseto: Franza, Formiconi, Cipriani, Biraschi, Guglione (28°pt Crisci), Dalmazzi, Bigliazzi (32°st Zamagni), Ziani, Caruso, Faenzi, Amorfini (16°st Pecile).

A disposizione: Grossi, Tosoni, Biasini, Prati.

All. Chiappini.

 

Juventus: Citti, Tavanti, Laursen, Untersee, Rugani, Magnusson, Ruggiero, Schiavone, Bonatini (17°st Padovan), Kabashi (25°st Mattiello), Lanini (10°st Braccini).

A disposizione: Gagliardini, Curti, Penna, Gerbaudo, Ceria.

All. Baroni.

 

ARBITRO: Lazzeri di Arezzo; assistenti Stazi di Ciampino e Barbetta di Albano Laziale.

Ammoniti: Magnusson (JUV); Bigliazzi (GRO).

Share this post


Link to post
Share on other sites

29 Settembre 2012: Fiorentina - Juventus 3-0

 

Continua il momento no, soprattutto in campionato, per la Primavera. Dopo la sconfitta con il Cagliari e il pareggio di Grosseto, la squadra di Baroni è stata superata nettamente in casa della Fiorentina. È finita 3-0 per i viola, anche se il terzo gol è fin troppo generoso definirlo fantasma, per una punizione che non ha neppure in parte superato la linea della porta di Branescu.

 

Gol che è diventato “fantasma” anche per i bianconeri. Per la terza gara di fila in campionato i ragazzi di Baroni non sono andati a segno. E il solo punto racimolato ha allontanato la vetta della classifica. I punti restano a quota sette in cinque partite. Urge riscatto, già a partire da sabato prossimo, quando al Chisola arriverà il Parma fanalino di coda del girone.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Fiorentina (4-3-3): Lezzerini, Venuti, Folla, Empereur, Ashong, Costanzo, Capezzi, Rosa Gastaldo (88' Fossati), Bernardeschi (84' Fazzi), Zohore, Gondo (91' Gulin).

A disp.: Bacci, Bandinelli, Cola, Giordano, Everton, Spinelli.

All: Leonardo Semplici.

 

Juventus (4-4-2): Branescu, Untersee, Rugani, Penna, Magnusson, Ruggiero, Schiavone (77' Kabashi), Emmanuello, Lanini (46' Mattiello), Bonatini, Padovan.

A disp.: Gagliardini, Tavanti, Gerbaudo, Ceria, Braccini, Curti, Ruossos.

All: Baroni.

 

Reti: 17'pt Capezzi, 26'pt Rosa Gastaldo, 25'st Capezzi

 

Arbitro: Sig. Benassi sezione di Bologna

Ammoniti: 13'pt Empereur, 31'pt Gondo, Penna16'st, Branescu, Padovan, Mattiello, Untersee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

20 Ottobre 2012: Genoa - Juventus 2-2

 

http://www.youtube.com/watch?v=oQZR6dIRFBE

 

Tanto cuore e una doppia stoccata di Stefano Padovan. La Primavera rialza la testa e strappa un pareggio per 2-2, in rimonta, in casa del Genoa, capolista imbattuta e sempre vincente fino alla sfida di oggi a Lavagna.

 

Anzi, vincente fino a 10 minuti dalla fine del match con la squadra di Baroni. Sotto per 2-0 al 35’ della ripresa, i giovani bianconeri hanno raggiunto un pari quasi insperato grazie a due reti del suo bomber (la seconda al 95’), entrato nella ripresa dopo le fatiche con la Nazionale Under 19.

 

Un risultato, quello maturato prima della doppia rimonta, a causa di un gol per tempo dei rossoblu (il primo su rigore) ma anche delle tante occasioni mancate per un soffio dalla Juventus. In particolare da Beltrame, bravo a procurarsi parecchie chance ma un po’ impreciso nel concretizzarle.

 

Un pareggio che, se muove di poco la classifica, dà comunque morale in vista delle prossime sfide. In appena cinque giorni, la squadra di Baroni affronterà prima il derby con il Torino (sabato ancora in anticipo tv) e poi il Manchester City nella terza sfida della NextGen.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

GENOA (4-2-3-1): Albertoni; Gallotti, Krajnc, Blaze, Simic; Alhassan Moro, Bennati; Held (45' st Buongiorno), Jara Martinez (28' st Olivera), Velocci (22' st Bottino); Said. All. Chiappino

 

JUVENTUS (3-5-2): Gagliardini; Pol Garcia, Rugani, Magnusson; Tavanti (39' st Ceria), Slivka (36' st Braccini), Schiavone, Kabashi, Mattiello; Beltrame (16' st Padovan), Bonatini. All. Baroni

 

MARCATORI: 37' pt Said (rig.); 11' st Velocci, 39' e 49' st Padovan

 

ARBITRO: Brasi (di Seregno)

NOTE: ammoniti Ceria e Padovan per gioco scorretto. Angoli: 7-6 per la Juventus.

Share this post


Link to post
Share on other sites

27 Ottobre 2012: Juventus - Torino 1-0

 

 

È tornata la Primavera. In un sabato pomeriggio dal clima mite, la squadra di Marco Baroni torna ad assaporare il dolce sapore della vittoria. E lo fa scegliendo l’occasione giusta: il derby con il Torino. Al Chisola finisce 1-0 grazie a un gol di Stefano Beltrame dopo cinque minuti.

 

Per una delle gare più attese, Baroni deve fare a meno di pedine importanti. Agli indisponibili Ruggiero, Emmanuello, Untersee e Larson, si uniscono anche le squalifiche di due possibili protagonisti quali capitan Schiavone e il bomber Padovan. Dentro una squadra giovanissima ma compatta. Davanti a Branescu, la difesa a tre composta da Rugani, Magnusson e Garcia Tena, con Tavanti e Mattiello sugli esterni pronti a scalare in caso di necessità. In mezzo al campo Slivka, Hromada (classe ’96!) e Kabashi. Davanti spazio all’estro di Beltrame e Bonatini.

 

Il Toro schiera una formazione molto esperta. Ai tre ’93 (Diop, Diarra e Gomis) si aggiunge anche un “marpione” della Serie A quale Mario Santana a dare ulteriore spinta alla squadra di Longo, al suo esordio nei derby Primavera.

 

Al Chisola sembra una giornata primaverile e l’orario delle 13.30 favorisce un clima ideale. E a scaldare ancora di più il pubblico sugli spalti ci pensa subito Beltrame. Al 5’ fa partire il contropiede e, dopo che l’azione si sviluppa a destra, va a chiuderla con un colpo di petto sottomisura: 1-0.

 

I granata reagiscono e iniziano a fare la partita. La supremazia nel possesso palla si concretizza però solo un azioni da calcio piazzato. Branescu corre rischi solo un tiro d’angolo, che sbatte direttamente sulla traversa, e su un colpo di testa di Cristini che finisce a lato. I bianconeri chiudono ogni varco e provano a ripartire. Beltrame è la spina nel fianco e una sua girata nel finale costringe Gomis alla parata. Al 42’ la miglior occasione ospite: su un lancio dalle retrovie, Santana si libera e tira a botta sicura ma colpisce ancora la traversa. L’1-0 non cambia e arriva fino all’intervallo.

 

Ripresa. Baroni fa ancora affidamento sugli stessi 11. Anche la trama non cambia con il Torino a fare la gara e i bianconeri pronti a chiudere, ripartire e a colpire. Kabashi ha subito una grande occasione ma il suo destro, sull’uscita di Gomis, finisce sul fondo. I granata si fanno vivi solo dopo il 20’ e ci vuole il miglior Branescu per fermare il destro di Diop.

 

La squadra di Longo accelera ancora e Branescu deve farsi in due, per deviare un tiro di Diop e la successiva ribattuta dell’ex Calorio, entrato a inizio ripresa. Baroni corre ai ripari e manda dentro forze fresche: Braccini per Hromada e Gerbaudo per Tavanti.

 

Quanto meno la buona sorte è dalla parte giusta e i legni salvano ancora Branescu sulla punizione di Santana, deviata dalla barriera. Il vantaggio bianconero non viene più scalfito, nonostante i sei minuti di recupero e grazie a un'altra parata di Branecu su Aramu all'ultimo secondo.

 

È un 1-0 che vale un derby sempre sentito. Ma soprattutto tre punti che muovono la classifica e una carica doppio per il morale in vista dei prossimi appuntamenti. E mercoledì sotto con un altro appuntamento di prestigio. Al Moccagatta di Alessandria si gioca la terza sfida di NextGen. Ospite di turno sarà il Manchester City allenato da Attilio Lombardo. Calcio d’inizio alle ore 19.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

JUVENTUS: Branescu, Rugani, Garcia, Hromada (st 30' Braccini), Magnusson, Mattiello, Tavanti (st 30' Gerbaudo), Slivka, Bonatini, Beltrame, Kabashi.

A disp. Citti, Lanini, Ceria, Bertinetti, Josipovic, Curti, Penna.

All. Baroni.

 

TORINO: Gomis, Barbosa, Barreca, Ignico, Cristini, Diarra, Santana, Gatto, Aramu, Cibrario (st 10' Calorio), Diop.

A disp. Saracco, Cinaglia, Napoli, Affinito, Cargnino, Firriolo, Gyasi, Parigini, Rosso, Amedeo, Coccolo.

All. Longo.

 

Marcatore: pt 5' Beltrame

 

Arbitro: Olivieri di Palermo.

Ammoniti: Gatto, Barbosa da Silva (TOR); Mattiello, Slivka (JUV)

 

 

564784_428354850560644_124741170_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Terza Giornata Gruppo 2: Juventus - Manchester City 1-1

 

http://youtu.be/TLtOfF_gab0

 

È una NextGen ancora all’insegna dell’equilibrio. La Primavera resta imbattuta e con il Manchester City porta a casa un pareggio (1-1) in rimonta. Al Moccagatta di Alessandria è la pioggia a farla da padrona e a rendere il gioco complicato. Vantaggio inglese a fine primo tempo con il difensore Meppen su azione d’angolo. Pareggio bianconero a una manciata di minuti dalla fine grazie a Rugani, bravo a ribattere in gol dopo una traversa colpita da Beltrame. Lo stesso Beltrame ha sbagliato un rigore a inizio ripresa.

 

Ora la classifica del Gruppo B vede il Paris Saint-Germain avanti con sei punti in tre gare, Juventus e City seconde con cinque, ma con gli inglesi che hanno giocato quattro partite contro le tre dei bianconeri. Chiude il Fenerbahce con due punti. Giovedì altra giornata cruciale. La squadra di Baroni è attesa proprio a Manchester.

 

Quattro giorni dopo, la Primavera passa dal sole e dal caldo del Chisola di Vinovo al freddo e alla pioggia battente di Alessandria. Cambia anche l’11 iniziale. Baroni recupera capitan Schiavone e Padovan – fermi per squalifica nel derby -, punta sulla prestanza di Penna in difesa e la velocità di Gerbaudo sulla fascia sinistra.

 

Si parte con Branescu in porta, difesa a tre con Rugani, Magnusson e Penna. Centrocampo a cinque con Mattiello, Slivka, Schiavone, Kabashi e Gerbaudo. Davanti la coppia più collaudata: Padovan-Beltrame. Dall’altra parte, le curiosità sono soprattutto per Devante Cole – figlio di Andy, ex stella del Manchester United – e Attilio Lombardo, ora alla guida dei giovani del City.

 

Il terreno del Moccagatta è degno del blasone dello stadio e permette di giocare nonostante le condizioni avverse. L’acqua e le pozzanghere non rendono facili le giocate spettacolari. La Juventus parte comunque con l’idea di fare la gara. Dopo un paio di mischie, è Padovan ad avere la palla buona al 18’ ma il portiere Lawlor si salva in uscita. Un minuto dopo è Beltrame a trovare il varco giusto a sinistra, ma ancora una volta il numero uno inglese dice di no. Il City si fa vedere intorno alla mezz’ora con Pozo che obbliga Branascu al volo per deviare in angolo. Quando il primo tempo volge al termine e i 22 iniziano a sognare lo spogliatoio asciutto, gli inglesi passano improvvisamente. Corner dalla destra e stacco vincente di Meppen ad anticipare difensori e Branescu. Al riposo si va così con gli ospiti avanti di un gol.

 

Ripresa. I bianconeri ripartono subito forte a caccia del pari. La palla buona arriva sui piedi di Schiavone, ma Evans salva con un intervento decisivo in scivolata. Un attimo dopo è Padovan a incunearsi in area, un difensore lo stende con una manata ma l’arbitro ammonisce il bomber per una simulazione assolutamente fuori luogo.

 

Il rigore è però solo rinviato. Dopo un tocco di mano nell’area inglese, il direttore di gara assegna il tiro dal dischetto, ma Beltrame sbaglia e la squadra di Baroni resta sotto. Il City si fa rivedere con un destro di Cole che Branescu devia nonostante il terreno viscido. Baroni butta nella mischia anche Bonatini e Ceria – dopo Lanini entrato dopo l’intervallo - e a ognuna delle tante occasioni da calcio piazzato manda a saltare le sue torri. La mossa dà i frutti sperati perché al 39’ arriva il meritato pari: su un’azione d’angolo, traversa colpita da Beltrame e tap-in vincente di Rugani di testa.

 

I bianconeri provano invano fino alla fine a portare a casa una vittoria fondamentale in chiave qualificazione. L’1-1 tiene più che mai il discorso aperto. Tra otto giorni sotto con il nuovo confronto con il City, questa volta a Manchester. Ma prima c’è da continuare la rincorsa in campionato e domenica c’è la gara casalinga con l’Empoli.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

JUVENTUS (3-5-2):

Branescu

Rugani - Magnusson - Penna (40 st Garcia Tena)



Mattiello (30 st Bonatini) - Slivka (1 st Lanini - 40 st Bertinetti) - Schiavone - Kabashi - Gerbaudo (30st Ceria)

Beltrame - Padovan

A disp. Citti, Braccini.

All. Baroni

 

MANCHESTER CITY (3-4-3): Lawlor; Kennedy, Rekik, Plummer; Lopes, Evans,Ntcham, Meppen; Pozo (35 st McHale), Cole, Drury.

A disp. Boassert, OBrien, Leigh, Glendon, Hutton, Byrne.

All. Lombardo

 

Marcatori: 42' Meppen-Walters (MC); 84' Rugani (J)

ARBITRO: Tardino di Torino

 

 

efa828b4-4809-4fe3-9850-c4bfd3e4843b.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

4 Novembre 2012: Juventus - Empoli 4-0

 

Bella prova della Primavera che super l’Empoli con un sonoro 4-0 nella 9° giornata di campionato.

Dopo il gol di Mattiello nel primo tempo, i ragazzi di Baroni dilagano nella ripresa, con le reti di Rugani, Padovan e Bonatini e si preparano nel migliore di modi alla prossima sfida europea: giovedì 8 novembre i bianconeri saranno infatti in Inghilterra per sfidare il Manchester City nella quarta gara della Next Generation Cup.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

JUVENTUS (3-5-2): Branescu; Rugani, Magnusson, Pol Garcia; Tavanti (24' st Gerbaudo), Slivka, Schiavone, Kabashi, Mattiello; Beltrame (34' st Lanini), Padovan (20' st Bonatini).

A disp. Gagliardini, Bertinetti, Braccini, Ceria, Curti, Josipovic, Penna, Ruggiero.

All. Baroni

 

EMPOLI (3-5-2): Ricci; Risaliti, Konate, Bachini (18' st Zavatto); Brumat, Diomande (4' st Rovini), Sbarcea, Gargiulo, Silvestri; Tempesti, Frugoli (24' st Bencini).

A disp. Pacini, Caldelli, Menichetti, Thiongo, Saccà.

All. Melis

 

MARCATORI: pt 26' Mattiello; st 11' Rugani, 18' Padovan, 26' Bonatini

 

ARBITRO: Paolini di Ascoli

NOTE: Ammoniti: Kabashi per gioco scorretto. Angoli: 7-5 per l'Empoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quarta Giornata Gruppo 2: Manchester City - Juventus 2-3

 

http://youtu.be/5lTvdAMOQlw

 

È ancora una Primavera in versione Europa. Alla prima sfida lontano dall’Italia, dopo tre casalinghe, la squadra di Baroni espugna Manchester e mette più che un’ipoteca sul passaggio del turno. I bianconeri vincono 3-2 in rimonta contro il City allenato da Attilio Lombardo. Dopo lo svantaggio iniziale firmato Pozo, il pareggio porta la firma di capitan Schiavone su punizione. Dopo l’1-1 dell’intervallo, nella ripresa ci pensano Magnusson e Bonatini, nel giro di 10 minuti, a firmare un successo che vale oro, rendendo vana la seconda rete inglese firmata da Lopes.

 

Dopo questa vittoria, la Primavera sale a quota otto punti e si porta a una sola lunghezza dal Paris Saint-Germain che guida con nove, ma con una gara in più. Ai bianconeri manca solo la matematica per qualificarsi, valendo la regola della differenza reti in caso di arrivo a pari punti. Per chiudere i giochi basterà una mancata vittoria dello stesso City, fermo a cinque punti, in casa dei francesi. Oppure sfruttare al massimo le due gare del girone che attendono Padovan e compagni: il 5 dicembre a Istanbul con il Fenerbahce o il 19 dicembre a Parigi.

 

Il successo di Manchester conferma la crescita esponenziale della Primavera che, dopo la sosta di metà ottobre, è tornata a marciare sui suoi ritmi. E ora caccia al riscatto in campionato. Dopo aver fatto sette punti nelle ultime tre partite (pari in casa del Genoa e vittorie nel derby e con l’Empoli), domenica pomeriggio c’è la trasferta a Siena, in casa dell’ex squadra di Marco Baroni.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Manchester City (4-3-3): Lawlor; Bossaerts (McHale 73'), Meppen-Walters (Leigh 75'), Plummer, Rekik; Drury, Evans (Glendon 73'), Ntcham; Cole, Pozo, Lopes.

A disposizione: Albinson, Smith-Brown, Hutton, Byrne.

All: Lombardo.

 

Juventus (3-5-2)

Branescu

Rugani - Magnusson - Garcia Tena

Tavanti (Gerbaudo 76') - Slivka (Penna 90') - Schiavone - Kabashi - Mattiello

Padovan (Bonatini 68') - Beltrame

 

A disposizione: Gagliardini, Braccini, Ceria, Lanini.

All: Baroni.

 

Marcatori: 14′ Pozo (M), 28′ Schiavone (J), 61′ Magnusson (J), 71′ Bonatini (J), 81′ Lopes (M)

Ammoniti: Lopes 44', Rekik 61', Pozo 87'

 

 

A7NUZUNCAAM4UcM.jpg

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

11 Novembre 2012: Siena - Juventus 0-1

 

C’è la firma di Simone Pepe nel successo ottenuto dalla Primavera della Juventus a Siena, nella 10° giornata di campionato. Il centrocampista, in campo con i ragazzi di Baroni per ritrovare la migliore condizione, ha siglato il gol partita trasformando un calcio di rigore al 39’ del secondo tempo.

Una bella iniezione di fiducia per Simone e un successo importante per i bianconeri che salgono a 17 punti in classifica, ma con una gara ancora da giocare. Il prossimo appuntamento per i ragazzi di Baroni è fissato per domenica prossima, quando a Vinovo, arriverà il Novara per l’undicesimo turno di campionato.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Siena: Marini, Gonzi, Rizzo, Altieri, Mulas, Manes, Redi (15′ st. Cacciapuoti), Brenci, Taflay (40′ st. Miocchi), Petriccione, Canotto.

A disposizione: Geria, Bonifazi, Aiazzi, Camilli, Cianciulli, Salerno, Calì.

All.: Mignani.

 

Juventus: Branescu, Penna, Garcia Tena, Schiavone, Rugani, Laursen (1′ st. Mattiello), Pepe, Slivka, Bonatini (10′ st. Padovan), Josipovic (1′ st. Ceria), Kabashi.

A disposizione: Gagliardini, Curti, Bertinetti, Aromada, Braccini, Lanini, Ruggiero.

All.: Baroni.

 

Marcatore: 38′ st. Pepe (rig)

 

Arbitro: Mangialardi di Pistoia (Pugi, Miceli).

Espulso: Manes 37′ st.

Ammoniti: Rizzo, Mulas, Altieri, Kabashi, Penna, Rugani, Slivka.

Angoli: 3-5

Recupero: 0′ pt., 3′ st.

Share this post


Link to post
Share on other sites

18 Novembre 2012: Juventus - Novara 2-0

 

http://youtu.be/XWWS0VQNmNo

 

È una Primavera in corsia di sorpasso. La squadra di Baroni non si ferma più, vince anche il derby piemontese con il Novara (dopo quelli con Pro Vercelli e Torino) e si piazza da sola al secondo posto scavalcando in un colpo solo ben quattro squadre. Un successo per 2-0, maturato nel primo tempo grazie ai gol della premiata ditta Beltrame-Padovan e tenuto nonostante l’inferiorità numerica nella ripresa.

 

Una scalata continua quella dei bianconeri, fatta di quattro vittorie consecutive, senza neppure subire un gol. E anche la classifica ha iniziato a sorridere. Schiavone e compagni hanno lasciato dietro, in un colpo solo, Novara, Empoli, Torino (tutte battute nelle ultime settimane) e il Genoa, squadra che meno di un mese fa, al momento dello scontro diretto, aveva ben otto punti di vantaggio. Senza dimenticare che resta ancora da recuperare una gara (quella di mercoledì al Chisola con il Parma) e anche la quasi matematica qualificazione in NextGen.

 

Una Primavera che ha ricominciato a correre, trascinata dai suoi ragazzi più esperti. Nella sfida con il Novara, Baroni manda in campo 6/11 della formazione che pochi mesi fa aveva trionfato a Viareggio. Branescu in porta, difesa con Rugani, Magnusson e Garcia Tena. A centrocampo Ruggiero e Mattiello larghi sulle fasce, Kabashi, Schiavone e Slivka in mezzo. Davanti la coppia più collaudata, quella formata da Padovan e Beltrame.

 

Proprio Beltrame è l’uomo più atteso essendo ex della gara. Un ex che lascia il segno dopo appena dieci minuti. Ruggiero va via di classe e cattiveria sulla destra e mette in mezzo un pallone che il compagno deve solo spingere dentro. Mentre gli ospiti arrivano al tiro solo da lontano, i bianconeri continuano a cercare la giocata. Al 28’ solo il palo nega il raddoppio a Mattiello dopo una grande azione di Slivka. Dopo due tiri da lontano di Beltrame e Schiavone, il raddoppio è cosa fatta al 37’. Lancio di Slivka, Padovan parte sul filo dell’off side, salta il portiere Montipò e deposita nella rete sguarnita: è il 2-0 con cui si va al riposo.

 

Ripresa. Il Novara inizia con il piglio giusto e dimostra perché si è presentata al Chisola avanti in classifica. La squadra di Manzo attacca e costringe i bianconeri nelle retrovie e anche Branescu deve iniziare a intervenire. Baroni capisce che è il momento di operare un ritocco, toglie Beltrame e Kabashi e mette dentro Laursen e Gerbaudo.

 

A complicare le cose ai bianconeri arriva l’espulsione di Schiavone che, già ammonito, prende un secondo giallo per un fallo di mano apparso involontario. Con l’uomo in meno, i bianconeri raddoppiano le forze per tenere il doppio vantaggio. Padovan sfiora il tris in contropiede, prima di lasciare il campo a Braccini. Nonostante gli sforzi novaresi, il 2-0 non si schioda più. La Primavera tiene il piede sull’acceleratore e opera il sorpasso che voleva. Piede da non staccare ora che arriva la chance per andare a +4 sulle terze e a cercare di restare in scia alla fuggitiva Fiorentina: mercoledì c’è il recupero casalingo contro il Parma.

 

juventus.com

 

 

TABELLINO

Juventus: 1.Branescu, 2.Rugani, 3.Garcia, 4.Schiavone, 5.Magnusson, 6.Mattiello, 7.Ruggiero, 8.Slivka, 9.Padovan (40'st 15.Braccini), 10.Beltrame (20'st 17.Laursen), 11.Kabashi (24'st 19.Gerbaudo).

A disposizione: 12.Gagliardini, 13.Penna, 14.Curti, 16.Di Benedetto, 18.Bonatini, 20.Lanini.

All.: Baroni.

 

Novara: 1.Montipò, 2.Panzeri, 3.Amoruso (18'st 19.Marra), 4.Calcagni, 5.Vicari, 6.Sorrentino (38'st 18.Rambone), 7.Bellino (45'st 13.Bernazzani), 8.Casarini, 9.Maggio, 10.Fernandes, 11.Manconi.

A disposizione: 12.Logofatu, 14.Celano, 15.Fornasino, 16.Gasparotto, 17.Pisoni, 20.Centrella.

All.: Monza

 

MARCATORI

Juventus: 12'pt Beltrame, 35'pt Padovan

Novara: nessuno

 

AMMONITI

Juventus: Mattiello

Novara: Sorrentino, Vicari, Bellino

 

ESPULSI

Juventus: Schiavone

Novara: nessuno

 

ARBITRO

Sig. Reni - 1° Ass. Sig. Raspollini - 2° Ass. Sig. Piazza

Share this post


Link to post
Share on other sites

21 Novembre 2012: Juventus - Parma 2-0

 

http://youtu.be/3fi9HtTWgTg

 

Ma che bella la Primavera in versione autunnale. Nel giro di appena un mese, la squadra di Marco Baroni si è letteralmente trasformata. Ipotecato il passaggio in NextGen, i bianconeri hanno iniziato a volare in campionato. Nel recupero contro il Parma è arrivata la quinta vittoria di fila (2-0) e ora la classifica inizia a sorridere: secondo posto, a +4 sulle terze e a -5 dalla Fiorentina capolista.

 

Contro i gialloblu, al Chisola, è arrivato il successo della maturità. Al termine di una sfida difficile, capitata in mezzo a un vero e proprio tour de force, contro un avversario dimostratosi all’altezza, soprattutto nel primo tempo. Attaccanti ancora sugli scudi, grazie alle marcature di Bonatini e Beltrame. Ma difesa ancora imperforabile, capace di chiudere a zero gol subiti per la quinta partita di fila.

 

Per la sfida con gli emiliani, Baroni deve cambiare suo malgrado. Assenti Schiavone e Mattiello squalificati, con Padovan in Nazionale (oltre agli infortunati di lungo corso Untersee ed Emmanuello), cambiano alcuni dei protagonisti e anche le posizioni. Nella difesa a tre, Rugani diventa centrale, con Magnusson dirottato a sinistra e Penna inserito a destra. A centrocampo, Laursen e Ruggiero sulle fasce, Slivka e Kabashi in mezzo con Hromada chiamato a fare il regista. Davanti, in coppia con Beltrame gioca Bonatini.

 

Il match si dimostra subito scorbutico per i bianconeri. Le assenze, i cambi, la stanchezza accumulata e un Parma ordinato non permettono alla squadra di esprimersi sui livelli delle ultime uscite. Il primo tempo va via senza grandi emozioni, a parte uno schema su punizione degli emiliani che porta al tiro Alessandroni e Branescu alla parata. Quando lo 0-0 sembra inevitabile, arriva la fiammata che non ti aspetti. Slivka ripete la prodezza di tre giorni prima con il Novara, inventando un filtrante rasoterra che invola Bonatini solo davanti alla porta. Il brasiliano è freddo e non lascia scampo a Ferrari: 1-0 proprio allo scadere e Juve avanti al riposo.

 

Ripresa. Baroni cambia ancora e manda dentro Tavanti e Braccini per Hromada e Ruggiero. Ci si aspetta un Parma più arrembante, invece il gioco resta sempre tra i piedi dei bianconeri che controllano il possesso e cercano la giocata risolutiva. Giocata che arriva al 25’ quando Beltrame approfitta di un errore difensivo e insacca il raddoppio, una sorta di ipoteca sul risultato.

 

Risultato che non cambia più nei restanti 20 minuti. Baroni regala la soddisfazione dell’ingresso a Di Benedetto, a un anno dall’infortunio al ginocchio. La Primavera porta a casa un successo fondamentale e continua nel suo interminabile ciclo di gare. Domenica ancora campionato con la trasferta a Livorno, martedì prossimo andata di Coppa Italia a Siena e tra 10 giorni l’ultima d’andata con la Sampdoria. Solo per citare gli impegni ravvicinati che, da qui a Natale, arriveranno uno dietro l’altro. In Italia e in Europa.

 

juventus.com

 

TABELLINO

 

JUVENTUS (3-5-2): Branescu; Penna, Rugani, Magnusson; Ruggiero (1' st Tavanti), Slivka, Hromada (1' st Braccini), Kabashi, Laursen; Beltrame, Bonatini (47' st Di Benedetto). A disp. Gagliardini, Curti, Garcia, Mattelli, Gerbaudo, Josipovic, Lanini. All. Baroni

 

PARMA (4-2-3-1): Ferrari; Petrini, Sall, Maceachen (1' st Di Gennaro), Dell'Orco; Sarr, Moroni; Cocuzza, Dias Consulin, Alessandroni (27' st Lauricella); Arteaga (27' st Feraru). A disp. De Angelis, Zanioni, Prete, Morabito, Rovelli, Bonelli, Mazzocco, Tozzi. All. Pizzi

 

MARCATORI: pt 46' Bonatini; st 26' Beltrame

 

ARBITRO: Mainardi di Bergamo

 

NOTE: spettatori 70. Ammoniti: Moroni, Cocuzza, Maceachen e Di Gennaro per gioco falloso, Slivka per proteste. Angoli: 1-5 per il Parma. Recupero tempo: pt 2'; st 2'

Share this post


Link to post
Share on other sites

25 Novembre 2012: Livorno - Juventus 1-2

 

Un’altra domenica assolutamente positiva per la Primavera. Dopo cinque vittorie di fila, la squadra di Baroni ingrana anche la sesta grazie al successo in casa del Livorno. Finisce 2-1 grazie alla rete iniziale di Kabashi e, dopo il pari toscano prima dell’intervallo, decisivo il rigore di Padovan nella ripresa.

 

Un successo… da sei punti, grazie alle buone notizie giunte da Torino dove è andata ko la capolista Fiorentina. Così, in una settimana (grazie anche alla vittoria nel recupero con il Parma), i bianconeri sono passati da -8 a -2.

 

E la settimana prossima si chiude il girone d’andata. Si chiude al Chisola con la sfida casalinga contro la Sampdoria, in cui non ci sarà proprio il bomber Padovan, espulso nel finale del match di Livorno. Ma prima di pensare ai blucerchiati, martedì si torna già in campo. Ancora in Toscana, a Siena, per l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

LIVORNO (4-3-1-2): Ricciarelli; Tampa (20’ st Capecchi), Torre, Diana, Menicagli; Gasbarro, Montebello, Angiolini; Colombi; Rispoli, Biasci.

A disp. Cappellini, Signorini, Giudici, Bartolini, Bruzzi, Torti.

All. Venturi

 

JUVENTUS (3-5-2): Branescu; Rugani, Magnusson, Pol Garcia; Ruggiero (38’ st Penna), Slivka, Schiavone, Kabashi (37’ pt Braccini), Mattiello; Padovan, Beltrame (45’ st Curti).

A disp. Gagliardini, Lanini, Tavanti, Laursen, Gerbaudo, Bonatini, Di Benedetto.

All. Baroni

 

MARCATORI: 6’ pt Kabashi (J), 33’ pt Biasci (L), 28’ st Padovan (J) rig.

 

ARBITRO: Petroni (di Roma).

AMMONITI: Mattiello,Beltrame.

ESPULSI: 90' Padovan.

Share this post


Link to post
Share on other sites

27 Novembre 2012: Andata Ottavi di Coppa Italia: Siena - Juventus 1-2

 

 

Cambia la competizione, ma non cambia il risultato. In questo periodo, la Primavera sa solo vincere. Dopo sei vittorie di fila in campionato, a cui va aggiunta quella in NextGen di Manchester, la squadra di Baroni vola anche in Coppa Italia. Nell’andata degli ottavi di finale, espugnato il campo del Siena.

 

Finisce 2-1 grazie a un gol per tempo del lituano Slivka e di capitan Schiavone su rigore. Un successo strappato con i denti, anche per l’inferiorità nell’ultimo quarto d’ora per l’espulsione di Magnusson. Il ritorno è in programma a Vinovo il prossimo 8 dicembre.

 

Per la sfida con i toscani, Baroni punta su gran parte dell’undici che ha vinto appena due giorni prima a Livorno. Branescu in porta, difesa a tre con Penna, Rugani e Magnusson. A centrocampo linea a cinque con Ruggiero, Slivka, Schiavone, Gerbaudo e Laursen. Davanti tocca a Lanini fare coppia con Padovan.

 

A Colle Val D’Elsa piove a dirotto e il terreno scivoloso diventa un’incognita in più. I bianconeri provano a fare subito la partita e nel primo quarto d’ora è Lanini ad avere due volte la palla buona, ma la difesa locale si salva. La risposta senese non si fa attendere e ci vuole un intervento di Laursen a Branescu battuto per evitare lo svantaggio. A metà tempo è ancora Juve con Magnusson che stacca di testa da angolo e sfiora la porta.

 

La gara si sblocca al 37’ Laursen va via a sinistra e centra un pallone per Slivka che, arrivato a rimorchio, insacca con un destro in scivolata. Il Siena reagisce e Branescu deve distendersi per deviare un tiro da fuori di Redi. Stesso copione allo scadere con la conclusione dell’attaccante toscano e la parata del romeno. Prima di andare negli spogliatoi, sono Padovan e Laursen a non trovare l’impatto a due passi dalla porta.

 

All’intervallo si arriva con l’1-0 per la Juventus. Nella ripresa Magnusson sfiora subito il raddoppio con una punizione a giro che lambisce il palo. Il bis è cosa fatta al 6’, ancora su piazzato. È un rigore (come già successo in campionato pochi giorni fa, quando risolse Simone Pepe): steso Ruggiero, trasforma Schiavone.

 

Al 14’ la gara si riapre, merito di Redi che risolve una mischia in area juventina e non dà tregua a Branescu. Il vantaggio sembra tornare subito doppio quando Lanini ha la palla buona, ma il suo tiro finisce alto. La gara dell’attaccante finisce qui e Baroni lo sostituisce con il brasiliano Bonatini.

 

Ora la gara è più che mai aperta e una girata del senese Rossetti è ancora parata da Branescu. Così come un colpo di testa proprio di Bonatini. Poco prima della mezz’ora entra Mattiello al posto di Ruggiero. A complicare le cose, ci si mette l’espulsione di Magnusson, punito per un intervento più scomposto che cattivo. Baroni corre subito ai ripari: fuori un attaccante come Padovan e dentro un difensore centrale, Curti.

 

I bianconeri soffrono per tenere le folate dei padroni di casa, ma Branescu non deve mai veramente intervenire. Il 2-1 è un successo che vale mezzo passaggio del turno. Per chiudere i conti, discorso rimandato tra una decina di giorni.

 

juventus.com

 

TABELLINO

 

Siena: Marini, Aiazzi, Cianciulli, Altieri, Manes, Benedini, Petriccione (10’ st. Taflay), Brenci, Rosseti, Redi (33’ Miocchi), Canotto (10’ st. Calì).

A disposizione: Geria, Bonifazi, Camilli, Salerno, Lalli, Cacciapuoti. All.: Mignani.

 

Juventus: Branescu, Penna, Rugani, Schiavone, Magnusson, Laursen, Ruggiero (27’ st. Mattiello), Slivka, Padovan (35’ st. Curti), Lanini (17’ st. Bonatini), Gerbaudo.

A disposizione: Gagliardini, Braccini, Kabashi, Garcia Tena, Di Benedetto. All.: Baroni.

 

Arbitro: Soricaro di Barletta (Tozzi, Culicelli).

 

Marcatori: 37’ pt. Slivka, 6’ st. Schiavone ®, 14’ st. Redi.

Espulso: 32’ st. Magnusson.

Ammoniti: Rosseti, Petriccione, Miocchi.

Angoli: 4-5.

Recupero: 0’ pt., 4’ st.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1 Dicembre 2012: Juventus - Sampdoria 1-0

 

http://youtu.be/LVsl1tOv5DI

 

A questo punto è lecito dirlo: «Peccato che il girone d’andata finisca adesso». La Primavera arriva al giro di boa come meglio non potrebbe, con la bellezza di sette vittorie di fila che hanno permesso alla squadra di Baroni di chiudere nei quartieri alti. Il settimo sigillo è arrivato al Chisola, con la Sampdoria, battuta con un successo molto più netto di quanto dica l’1-0 finale. Decisivo il gol al quarto d’ora di uno strepitoso Beltrame.

 

I bianconeri chiudono quindi l’andata con un bilancio di nove vittorie (due iniziali e sette consecutive nel finale), due pari e due sconfitte, con 29 punti in classifica. Ora, prima di chiudere l’anno solare, sotto con la NextGen e la Coppa Italia.

 

Nonostante i tanti impegni, sia quelli disputati che i prossimi in programma, per il match con i liguri Baroni opta per l’ossatura più collaudata. Assente lo squalificato Padovan, oltre agli infortunati Emmanuello e Untersee, in campo si va con il solito 3-5-2. Davanti a Branescu, difesa con Rugani, Magnusson e Garcia Tena. A centrocampo Ruggiero, Slivka, Schiavone, Gerbaudo e Mattiello. Davanti, la coppia formata da Beltrame e Bonatini.

 

L’avvio è tutto di marca bianconera. La vivacità di Ruggiero e Beltrame crea più di un grattacapo alla difesa ospite e nei primi 10 minuti si assistono a due conclusioni di Ruggiero (sul palo esterno la prima), una di Schiavone alta di poco e una di Bonatini a tu per tu con il portiere,

 

Il gol è nell’aria e arriva puntuale al 15’. Fa tutto Beltrame, che prende palla sulla trequarti, salta un avversario, entra in area e infila con un gran diagonale destro. L’attaccante biellese ha una marcia in più e al 24’ sfiora il raddoppio con un’altra azione personale. Al 38’ altra palla gol: Ruggiero scappa ancora a destra e centra, dopo un mezzo pasticcio della difesa doriana è Gerbaudo a non trovare la porta dopo l’inserimento centrale. Allo scadere è il portiere Falcone a salvare sulla botta a colpo sicuro di Bonatini. Al riposo si va con la Juve giustamente avanti, anzi con la consapevolezza di meritare un vantaggio più ampio.

 

Ripresa. Si parte con gli stessi 11 e con la stessa voglia di chiudere la gara. La palla buona arriva subito sul destro di Bonatini ma Falcone si conferma ancora portiere di livello. Poco prima del 10’ arriva la prima fiammata doriana con una punizione di Lombardo dal limite che Branescu deve deviare sulla traversa con un grande intervento.

 

Lo scampato pericolo rimette in guardia bianconeri che vanno di nuovo a un passo dal raddoppio, sempre con Beltrame che prova la stessa azione del vantaggio ma non trova la porta. Falcone ancora protagonista pochi minuti dopo con un doppio intervento su Gerbaudo.

 

Gli ospiti si fanno vivi di tanto in tanto e rischiano di fare male. Come al 25’ quando Oneto liscia a pochi passi da Branescu. Baroni capisce che è il momento di cambiare e butta dentro Laursen e Ceria per Ruggiero e Bonatini. E prima del recupero, dopo un altro gol sfiorato da Magnusson, entra anche Braccini per Gerbaudo. I blucerchiati provano a credere nel pari e si riversano in avanti. Ci vuole un’altra gran parata di Branescu per fermare un colpo di testa di Oneto. L’1-0 non si schioda comunque più nonostante i cinque minuti di recupero e anche la settima vittoria di fila è in archivio: il girone d’andata finisce come meglio non potrebbe per i bianconeri.

 

Archiviato per ora il discorso campionato (se ne riparlerà il 12 gennaio), il 2012 è tutt’altro che chiuso. Potenzialmente, altre cinque gare attendono la squadra di Baroni prima di Natale. Mercoledì c’è la trasferta a Istanbul per la NextGen: con il Fenerbahce, i bianconeri cercano punti utili per la corsa a un posto da testa di serie dopo aver già conquistato la qualificazione. Domenica prossima il ritorno di Coppa Italia con la Siena, dopo il 2-1 strappato in Toscana pochi giorni fa.

 

juventus.com

 

TABELLLINO:

 

Juventus:

Branescu

Rugani - Magnusson - Garcia Tena

Ruggiero (69' Laursen) - Slivka - Schiavone - Gerbaudo (89' Braccini) - Mattiello

Beltrame - Bonatini (33' Ceria)

 

 

Sampdoria: Falcone; Iannelli, Monticone, Pfrunder, Piana; Cafferata, Ghiglia (75' Luperini), Ivan, Lombardo, Placido (58' Oneto); Austoni (86' Hambo).

 

Marcatori: 26' Beltrame.

Ammoniti: Monticone, Iannelli, Mattiello, Ceria.

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quinta Giornata Gruppo 2: Fenerbahce - Juventus 1-2

 

Primavera, ti meriti un bel 10 e lode! La squadra di Marco Baroni prosegue in Europa la sua strepitosa striscia vincente e centra la 10ª vittoria di fila. I bianconeri si sono imposti anche sul campo del Fenerbahce confermandosi all’altezza anche in NextGen. A Istanbul è finita 2-1 grazie ai gol di Gerbaudo e capitan Schiavone. I padroni di casa hanno giocato la ripresa in dieci ma anche in inferiorità hanno firmato il provvisorio pari.

 

Un successo importante alla luce del proseguo del torneo. Già qualificati e unici imbattuti del torneo, ora i bianconeri possono dare anche l’assalto al Girone 2. Decisiva sarà la sfida del prossimo 19 dicembre a Parigi. Il Paris Saint-Germain guida con 12 punti, davanti agli 11 della squadra di Baroni. Vincere il raggruppamento significa avere un posto da testa di serie per gli ottavi (quindi gara secca in casa). Ma il bottino di punti già conquistati potrebbe permettere di guadagnare uno dei due posti riservati alle migliori seconde.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Fenerbahce (4-4-2): Akinay; Rüzgar, Tazkin, Gücsüm, Türker; Gagatay, Akar, Ceycan, Sazdagi; Yilmaz, Cici.

A disposizione: Üstünbaz, Zengin, Serdar Ayoin, Zeybeck, Gecik, Simsèk, Yeniçeri.

Allenatore: Serdar Ackin.

 

Juventus (3-5-2):

Branescu

Penna - Rugani - Magnusson (22' st Garcia)

Ruggiero (22' st Ceria) - Slivka - Schiavone - Gerbaudo - Laursen

Padovan - Lanini

 

A disposizione: Gagliardini, Curti, Mattiello, Bonatini, Braccini.

Allenatore: Marco Baroni.

 

MARCATORI: 24' pt Gerbaudo (J), 12' st Cici (F), 36' st Schiavone (J).

NOTE: Espulso Tazkin (F) per doppia ammonizione; ammonito Gerbaudo (J).

 

9161_389940574417203_1415126393_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

9 Dicembre 2012: Ritorno Ottavi di Coppa Italia: Juventus - Siena 3-0

 

Ora sono 11. Undici vittorie di fila per una Primavera che non vuole fermarsi. Avversaria di turno ancora il Siena, battuta per la terza volta in un mese, e turno di Coppa Italia passato in scioltezza. Una vittoria con un significato speciale per la squadra di Baroni, da dedicare alla memoria di Matteo Olivato, uno degli storici dirigenti accompagnatori del Settore Giovanile scomparso improvvisamente nella notte.

Al Chisola è finita 3-0 per i bianconeri che, forti già del 2-1 strappato in terra toscana, non hanno avuto problemi a chiudere i giochi e conquistare i quarti di finale contro la Sampdoria. Le reti sono state segnate da Gerbaudo, già in gol mercoledì in NextGen, e Beltrame autore di una doppietta.

La corsa della Primavera continua quindi su tre fronti. Campione d’Inverno in campionato e già qualificata agli ottavi di NextGen (con la possibilità di vincere anche il girone), ora la squadra di Baroni va avanti anche in Coppa Italia. I quarti di finale sono già alle porte. La doppia sfida con la Sampdoria (affrontata e battuta in campionato appena una settimana fa) si giocherà il 15 e 21 dicembre.

 

juventus.com

 

TABELLINO

 

Juventus:

Branescu

Penna - Rugani - Garcia Tena

Ruggiero - Slivka - Schiavone - Gerbaudo (14’ st. Kabashi) - Mattiello (32’ st. Curti)

Bonatini (12’ st. Padovan) - Beltrame

 

A disposizione: Gagliardini, Lanini, Laursen, Braccini, Di Benedetto, Bertinetti, Ceria, Mattelli, Josipovic.

All.: Baroni.

 

Siena: Geria, Mulas, Cianciulli, Altieri, Manes, Benedini, Camilli (12’ st. Miocchi), Brenci, Rosseti, Redi (32’ st. Cacciapuoti), Taflay (17’ st. Canotto).

A disposizione: Cotafas, Aiazzi, Rizzo, Lalli, Calì. All.: Mignani.

 

Marcatori: 31’ pt. Gerbaudo, 24’ e 36’ st. Beltrame.

 

Arbitro: Magnani di Frosinone (De Candia, Boz)

Ammoniti Juve: /

Angoli: 4-5.

Recupero: 0’ pt., 0’ st.

Share this post


Link to post
Share on other sites

15 Dicembre 2012: Andata Quarti di Coppa Italia: Sampdoria - Juventus 1-3

 

La Primavera della Juventus compie un passo deciso verso le semifinali di Coppa Italia: i bianconeri, nell'andata dei quarti di finale, superano in trasferta la Sampdoria con un secco 3-1.

 

La vittoria matura già nel primo tempo, in due minuti: tra il 15' e il 17 infatti Garcia Tena e Beltrame siglano il doppio vantaggio con cui i ragazzi di Baroni vanno al riposo. Nella ripresa è un rigore di Schiavone, proprio al primo minuto, ad allungare il divario. I padroni di casa siglano il gol della bandiera solo nel finale di gara con Pfrunder.

 

juventus.com

 

TABELLINO:

 

Sampdoria (4-2-3-1): Falcone; Pfrunder, Porro, Monticone, Dejori; Placido (16' s.t. Rolando), Lombardo; Ghiglia (40' s.t. Luperini), Ivan, Cafferata; Savic (9' s.t. Hambo). A disposizione: Massolo, Iannelli, Raso, Fenati, Oneto, Austoni.

Allenatore: Felice Tufano.

 

Juventus (3-5-2):

Branescu

Rugani - Magnusson - Garcia Tena

Ruggiero - Slivka - Schiavone - Gerbaudo (36' s.t. Kabashi) - Mattiello (5' s.t. Ceria)

Beltrame - Padovan (1' s.t. Lanini)

 

A disposizione: Citti, Bonatini, Laursen, Braccini, Di Benedetto, Mattelli.

Allenatore: Marco Baroni.

 

Reti: p.t. 15' Garcia Tena, 17' Beltrame; 46' Schiavone rig., 93' Pfrunder.

 

Arbitro: Baroni di Firenze. Assistenti: Cinquini di Firenze e Cecconi di Empoli.

Note: espulso al 1' s.t. Monticone per fallo da ultimo uomo; ammoniti al 27' p.t. Porro, al 33' p.t. Mattiello, al 43' s.t. Kabashi per gioco scorretto; recupero 2' p.t. e 3' s.t.; spettatori 200 circa; terreno di gioco sintetico.

 

 

15_sampjuve.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sesta Giornata Gruppo 2: Paris Saint Germain - Juventus 2-2

 

http://www.youtube.com/watch?v=5T1NXpv1edg

 

Si interrompe in Francia, a quota 13, la striscia di successi consecutivi della Juventus Primavera, ma il pareggio ottenuto all’ombra della Tour Eiffel, nell’ultimo turno della fase a gironi della Next Generation Cup, ha comunque il profumo dell’impresa

Contro i padroni di casa del Paris Saint Germain, sotto per 2-0 al termine del primo tempo, con i gol di Yaisien Abdallah e Coman, i ragazzi di Baroni mettono il turbo nella ripresa e, dopo aver acorciato le distanze con Beltrame al 78’, agguantano il pareggio in pieno recupero con Gerbaudo.

Il risultato non permette di raggiungere il primo posto del Gruppo 2, in mano ai transalpini per un solo punto di distacco, ma la qualificazione era comunque già in tasca, così come il ruolo di testa di serie, che permetterà ai bianconeri di giocare la gara secca degli ottavi di finale tra le mura amiche.

 

juventus.com

 

TABELLINO

 

Paris Saint-Germain : Areola - Ikoko, Kimpembe, Conte, Arrondel (Bourdin, 46e) - Rabiot, Habran (Sainrimat, 46e), Mbaka, Yaisien - Ongenda, Coman.

 

Juventus:

Branescu

Penna - Rugani - Garcia Tena

Ruggiero (Ceria, 65e) - Slivka (Gerbaudo, 65e) - Schiavone - Kabashi - Mattiello (Laursen, 51e)

Lanini (Padovan, 51e) - Beltrame

 

A disposizione: Gagliardini, Curti, Bonatini.

 

Marcatori: Yaisien (33e) et Coman (42e) per il Paris Saint-Germain, Beltrame (79e) et Gerbaudo (90e+1) per la Juventus

Ammoniti: Penna (84e) per la Juventus

 

 

32377.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.