Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

  • Annunci

    • VS Info

      Nuova versione VecchiaSignora.com: nuovo login e nuove funzioni   10/01/2018

      Benvenuti nella nuova versione di VecchiaSignora.com. L'aggiornamento all'ultima versione disponibile vi permetterà un'esperienza d'uso moderna e velocizzata dei contenuti del forum. Abbiamo così deciso di raccogliere alcune delle nuove funzioni a vostra disposizione.   Nuovo login In questa nuova versione del forum non esistono più gli username ma soltanto i nomi visualizzati. Questo significa che per effettuare l'accesso al forum il nome utente che dovete utilizzare è quello che vedete accanto ai vostri post! Ovviamente resta invariata la vostra password d'accesso           Nuova modalità provvedimenti Modalità provvedimenti completamente rivoluzionata. È presente una lista di infrazioni standard alla quale corrisponderà un punteggio di provvedimento. Raggiunti i 10 punti di provvedimento il ban è automatico e irreversibile. Ogni punto di provvedimento può avere una sua scadenza. Indipendentemente dall'entità del provvedimento, l'utente sanzionato sarà obbligato ad accettare il provvedimento ricevuto prima di poter di nuovo interagire nel forum     Per uniformare le vecchie sanzioni alle nuove abbiamo deciso di resettare tutte le barre dei provvedimenti. Si riparte tutti da zero qui, ferme restando le sospensioni e i ban già assegnati.     Citazioni parziali Tra le nuove funzioni di questa versione del forum una della più utili sarà sicuramente quella che permette di citare soltanto una parte selezionata di un post. Basta soltanto selezionare il testo al quale si vuole rispondere e poi cliccare su "cita questa parte"         Menzioni dirette Altra utilissima funzione del nuovo forum sarà sicuramente la menzione diretta; all'interno di un post è sufficiente digitare la @ e poi il nome dell'utente, scegliendo dal menu a cascata, per far apparire una menzione diretta. L'utente menzionato riceverà una notifica.       Emoticon istantanee L'istantaneità di utilizzo di questa nuova versione del forum è palese anche nell'inserimento delle emoticon nei messaggi: basta digitare il codice relativo e verrà immediatamente visualizzata la relativa emoticon durante la composizione del messaggio
          Inserimento media   L'inserimento di un media non è mai stato così istantaneo. Basterà solo incollare il relativo link nell'editor per veder comparire immediatamente il contenuto che si vuole inserire nel post. Questa funzione permette così la visualizzazione istantanea di foto, video, tweet, post di Facebook, altri topic del forum e molto altro!
            Queste e molte altre sono le nuove funzioni del forum. Non vi resta che provarle e iniziare a postare! Usate questa discussione per commentare la nuova versione del forum!

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'alex sandro'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2017-2018
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trovato 48 risultati

  1. Tra riabilitazione, ritorno al top e inserimento nella Juventus, la sensazione è che Spinazzola si rivelerà il classico acquisto invernale e non più l’erede immediato di Asamoah che ha già effettuato le visite mediche con l’Inter e dopo la festa scudetto saluterà a parametro zero.In una situazione del genere il sacrificio di Alex Sandro non è più scontato. Se da un lato in casa Juve si continua a tenere le antenne dritte su diversi profili mancini avvicinabili (Bernat, Digne e Filipe Luis), dall’altro si valuta anche l’idea di confermare l’ex Porto, voglioso di riscattare una stagione altalenante culminata con l’esclusione dal Mondiale. L’opzione è segnalata in crescita nelle ultime ore. A meno di affondi ricchissimi da parte di Psg e Manchester United con proposte da 50-60 milioni, la Juventus potrebbe rinnovare il contratto di Alex Sandro e cambiare strategia di mercato. A quel punto, in attesa del rientro di Spinazzola, Allegri comincerebbe la nuova annata alternando il brasiliano e Mattia De Sciglio, già ai tempi del Milan abituato a giocare su entrambe le corsie.A prescindere dalle valutazioni su Alex Sandro, (almeno) un terzino arriverà. L’erede di Stephan Lichtsteiner, a scadenza di contratto come Asamoah (lo svizzero è diretto al Borussia Dortmund), al novanta per cento sarà Matteo Darmian. I dirigenti bianconeri stanno lavorando anche su Santiago Arias. Il destino di quest’ultimo, 26enne colombiano del Psv, più che a quello di Darmian sembra legato a quello di Juan Cuadrado. Darmian dovrebbe arrivare comunque, Arias soltanto se la Juventus deciderà di stoppare l’esperimento di Cuadrado come terzino destro. Decisione, quest’ultima, che Allegri e i dirigenti affronteranno nell’incontro della prossima settimana. Insistere su Cuadrado laterale basso e confermare Alex Sandro consentirebbe a Marotta e Paratici di investire di più per gli altri ruoli. Fonte: Tuttosport
  2. Il futuro di Alex Sandro risulterà fondamentale per le scelte in difesa, lo stesso non si può dire di quello di Mario Mandzukic (sta valutando se continuare o meno con la Juventus) in quanto all’attacco. Già perché l’occasione Morata è ritenuta ghiotta, Marotta e Paratici sono decisi - a prescindere - a (ri)mettere le mani sullo spagnolo. Morata alla Juventus ha già giocato dal 2014 al 2016 (93 presenze e 27 gol, 7 dei quali in Champions League) e a Torino tornerebbe volentieri. A maggior ragione dopo una stagione al Chelsea in cui il feeling (con Conte e con l’ambiente) non è sbocciato. La Juventus è pronta a mettere sul piatto 60 milioni di euro, ma dilazionati: 15 subito, per il prestito oneroso, altri 40 o 45 a seguire per il riscatto. Le fasce esterne, saranno gioco forza oggetto di una piccola grande rivoluzione di mercato dettata dalle imminenti scadenze di contratto di Stephan Lichtsteiner (bianconero dal 2011) e Kwadwo Asamoah (dal 2012), nonché - eventualmente - dalla cessione di Alex Sandro (acquistato nel 2015 per 26 milioni di euro e ora in grado di garantire una plusvalenza di oltre il 100 per cento). La società bianconera è alla ricerca di due-tre elementi in grado di sostituire i partenti e, possibilmente, alzare ulteriormente l’asticella della qualità tecnica del gruppo. Un nome è già pressoché sicuro: quello di Leonardo Spinazzola (25 anni), che tornerà alla base in virtù dello scadere del prestito biennale all’Atalanta. Ma altri innesti lo accompagneranno, condizionati appunto - innanzitutto - dal futuro di Alex Sandro. In caso di partenza del brasiliano (molto richiesto in Premier) Beppe Marotta aumenterà il pressing su Lucas Digne, 24enne al Barcellona dal 2016 (dopo l’esperienza alla Roma nel 2015-16). Terzino sinistro che abbina resistenza e tecnica, abile nelle due fasi. In caso, invece, di permanenza di Alex Sandro gli sforzi potrebbero dirottarsi sulla corsia destra e in questo caso è il 23enne Hector Bellerin. Fonte: Tuttosport
  3. Cuadrado col gruppo. E’ la seconda volta in questa settimana che Juan si allena con la squadra e se anche oggi pomeriggio la sua serenità fisica sarà confermata, ecco che Allegri lo coinvolgerà nella lista dei convocati. Dalla convocazione al giocare, però, ci sarà tutta una serie di valutazioni: l’assenza da tempo dall’agonismo (ultima partita giocata Juve-Roma del 23 dicembre 2017), l’affrettare i tempi che potrebbero riportare a una ricaduta dopo l’operazione perla pubalgia. Il dato di fatto, però, è che il colombiano torna a disposizione: che sia per il Milan o il Real, beh, questo lo deciderà Allegri. Chiellini, ormai a posto dopo il problema muscolare (risentimento ai flessori della coscia destra) avvertito contro la Spal e che gli ha fatto lasciare la nazionale: il tecnico deciderà se avvalersi subito di Giorgio contro il Milan (idea da non sottovalutare e anzi in crescita nelle ultime ore) o se preservarlo da eventuali ricadute in vista di Juve-Real Madrid quando al centro della difesa mancherà già Benatia. Alex Sandro continua il suo lavoro specifico per «sognare» la convocazione in Champions, eccoci a Federico Bernardeschi: continua il suo lavoro - personalizzato - sul campo per testare la stabilità del ginocchio sinistro dopo terapie e palestra e simulando situazioni di gioco: le risposte per ora tendono all’ottimismo ma servirà attendere e lavorare ancora per allontanare l’operazione al legamento crociato. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  4. La società bianconera li protegge, anche se c’è un dato incontrovertibile: l’attaccante e il terzino sono alle prese con un’annata che difficilmente passerà alla storia. Ma cosa sta succedendo ai due? la questione è primariamente psicologica.Nel caso del croato pure la componente fisica ha la sua rilevanza: tra polpaccio, caviglia e le anche sollecitate a fasi alterne, la stagione non è stata semplice finora. Mancano i gol, alla Juve e a lui, abituato ad andare in doppia cifra per sei annate consecutive ed ora imballato in un ruolo e con consegne da stantuffo della fascia sinistra nel 4-2-3- 1 che probabilmente lo stanno spossando. Alex Sandro sembra quasi condizionato dalla mancata consapevolezza del fatto che questa sia la stagione da azzannare senza pietà, quella della svolta della carriera. Gli peserà questa mancata coscienza? o è una tendenza che può essere cancellata negli ultimi due mesi, giocati con la carica e lo slancio che difficilmente si son visti fino ad ora? E chissà se stanno pesando le stesse aspettative che il mercato crea in rapida sequenza: Alex Sandro al Chelsea, Alex Sandro al Paris Saint-Germain, Alex Sandro al Manchester United, quante volte si è parlato di simili eventualità? Ma se continua così, i 70 milioni e passa stanziati dai Blues meno di un anno fa resteranno un ricordo esangue. «Non raccontiamoci bugie come Pinocchio, non è il solito Alex Sandro»: lo diceva Allegri a dicembre prima di Juve-Inter. Max non può aver cambiato idea, tre mesi dopo... Fonte: Tuttosport
  5. Tra l'Atalanta e il Sassuolo, con un occhio agli Ottavi di Champions che si avvicinano: Alex Sandro ha fatto il punto, oggi, ai microfoni di Juventus TV nell'intervista esclusiva che andrà in onda alle 18 sul canale 212 della piattaforma Sky. «Giocare a Bergamo contro l'Atalanta è sempre difficile» - ha spiegato il laterale bianconero in riferimento alla vittoria conquistata martedì nella semifinale di andata di Tim Cup - «è stato un successo importante, ma sappiamo di dover ancora migliorare. Io, personalmente, devo fare ancora meglio, sia difensivamente che offensivamente, ma sto lavorando molto e sono contento quando riesco a fare un assist per i compagni oppure a segnare». Domenica torna il campionato, e il brasiliano assicura: «La lotta per lo Scudetto è ancora aperta, dobbiamo lavorare ancora di più per vincere. Col Sassuolo sarà una partita impegnativa, contro una squadra che ha buoni giocatori, ma siamo pronti per affrontare questa sfida. In più, siamo in Casa e quando giochiamo all'Allianz Stadium è come avere un giocatore in più, con i tifosi che ci sostengono sempre». Tra meno di quindici giorni, poi, c'è l'andata contro il Tottenham: «La Champions è una competizione bellissima da giocare e rappresenta uno stimolo in più: bisogna farsi trovare pronti, ed io voglio fare del mio meglio per aiutare la squadra». Un pensiero anche a Cuadrado, appena operato - «Gli ho appena mandato un messaggio per dirgli che gli voglio bene: penso che tornerà presto con noi» - ed un proposito molto chiaro per il futuro: «Voglio continuare a vincere, e penso di essere nella squadra giusta per farlo!». L'intervista esclusiva completa ad Alex Sandro andrà in onda alle 18 su Juventus TV, canale 212 Juventus.com
  6. Se è vero che quando scocca la scintilla due cuori si sincronizzano, i battiti della Juventus e di Alex Sandro da qualche mese a questa parte non stanno viaggiando esattamente all'unisono. Le scorie di un'estate travagliata, condizionata dalle sirene ammaliatrici della Premier League, hanno contaminato le prestazioni del terzino brasiliano. E, di riflesso, la serenità del rapporto tra le parti. La sosta invernale è giunta in soccorso per ossigenare la situazione, attesa però adesso ad un punto di svolta definitivo. In un intreccio di dinamiche per nulla semplice da districare: tra il rendimento in bianconero ed il richiamo delle voci di mercato, infatti, aleggia sullo sfondo l'appuntamento non certo secondario per il 26enne di Catanduva con un Mondiale di Russia 2018 da vivere con i panni del grande protagonista in casacca carioca. Tutti affluenti che confluiscono ad una foce comune, alimentata da quell'impennata nel rendimento in campo che ormai da inizio stagione in società attendono con grande trepidazione. Ma che, a conti fatti, ancora non è avvenuta. E che ha portato in pochi mesi Alex Sandro dall'etichetta di papabile miglior interprete al mondo nel suo ruolo all'aperto ballottaggio con il pimpante Asamoah ammirato nella seconda parte di 2017. L'inedito break di gennaio, allora, deve rappresentare per il brasiliano il turning point di una stagione che non ha inaugurato sotto i migliori auspici e che finora non ha rispettato le ambiziose aspettative della vigilia. Per riconquistare senza indugi nella testa di Massimiliano Allegri quella titolarità sulla fascia sinistra che sembrava medaglia appuntata al petto piuttosto scontata per l'ex Porto. Che si tratti di lavorare al rinnovo di un contratto attualmente in scadenza nel 2020 o di ascoltare i tanti club pronti a bussare alla porta della Vecchia Signora. Che non è certo società costruita per vendere talenti dopo averli valorizzati, ma nemmeno realtà disposta ad assecondare i capricci dei propri tesserati. Fonte: Tuttosport
  7. Il nodo ha un nome e un cognome: Alex Sandro. Finché la prevedibile asta sul brasiliano della Juve non prenderà quota, i dirigenti bianconeri monitoreranno la situazione dei terzini più affidabili in giro per l’Europa, ma non affonderanno il colpo. Nessuno alla Juve si augura che Sandro vada via, l’obiettivo stringente è far sì che il sudamericano torni a esplodere sulla fascia in concomitanza con la Champions. Poi ciò che dovrà accadere in estate accadrà, con Chelsea, Manchester United e PSG pronte alla battaglia a suon di milionate di euro. Detto che Spinazzola, di rientro a giugno da Bergamo, sarebbe il sostituto naturale di Asamoah (in bilico e in scadenza come Lichtsteiner), l’eventuale rimpiazzo di Alex Sandro verrebbe scelto all’interno di un’ampia rosa di nomi. Tre su tutti: Emerson Palmieri, seguito anche dal Liverpool e per il quale l’intesa con la Roma sarebbe messa nero su bianco per 20 milioni più cinque di bonus; José Gayà che a Valencia non è un intoccabile; Wendell, classe ’93, brasiliano legato al Bayer Leverkusen fino al 2021. Già gradito ai giallorossi e allo Sporting Lisbona, l’ex Gremio è apprezzato dai vertici bianconeri perché rispetto agli altri concorrenti ha un cambio di passo decisamente al di sopra della media, oltre a una buona tecnica ed esperienza in contesti bollenti a livello internazionale. A giugno la Juve potrà ingaggiare un extracomunitario anche senza dover venderne per forza uno, ma Alex Sandro in uscita è un’opzione credibile. Detto che Darmian rimane un oggetto misterioso nel Manchester United di Mourinho, di recente i dirigenti bianconeri hanno chiesto informazioni anche al Borussia Dortmund per il portoghese Raphael Guerreiro, quasi coetaneo di Wendell, operato alla caviglia un anno fa e attualmente ai box. Mettiamola così: il giocatore è sfortunato e le sue condizioni fisiche non promettono bene. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  8. Fonte: GdS Fonte: Tuttosport Fonte: CorSport Fonte: La Stampa Fonte: CorSera Fonte: La Repubblica Fonte: Il Giornale Fonte: Libero Fonte: Il Secolo XIX