Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'difesa'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 43 risultati

  1. Come ogni inizio anno Allegri sperimenta. Stavolta cerca la formula chimica per moltiplicare il «CR7» nell’aria. Cerca le soluzioni migliori per fare esplodere del tutto Cristiano. E poi un nuovo bilanciamento dei valori in mediana, reparto variabile, da due a tre in base agli avversari. C’è un pezzo di Juve, però, immune agli esperimenti perché almeno in difesa, come da tradizione, è stata trovata una sintesi efficace. Ci sono un portiere titolare, due amici ritrovati in mezzo, due esterni che parlano portoghese e vedono il campo come un piano inclinato. Szczesny­-Cancelo-­Bonucci-Chiellini­-Alex Sandro, la nuova difesa 2018­-19 che aveva lasciato qualche perplessità contro il Chievo è stata schierata di nuovo per intero contro la Lazio e ha superato senza graffi il crash test. Zero gol subiti allo Stadium, merito anche di una mediana più coperta con il gran ritorno di Matuidi. Il reparto insomma cresce secondo una impronta precisa: spregiudicato ai lati, conservativo e tradizionale in mezzo. Possibile che si insista su questo spartito sabato al Tardini contro il Parma, anche se ieri Mattia De Sciglio ha fatto una parte dell’allenamento con i compagni. Il riadattamento di Bonucci è stato semplice, come se fosse tornato l’ordine naturale delle cose. Leo conosce anche i battiti di ciglia dell’amico Chiellini. Contro il Chievo alla prima giornata si sono visti errori da squadra imperfetta ma la concentrazione collettiva della linea è cresciuta già sabato scorso in casa: non ci sono stati rischi sensibili contro la Lazio, unica squadra italiana che nell’ultimo anno e mezzo era stata capace di fare più di un gol in una partita all’Allianz Stadium. Insomma, la Juve non è la migliore difesa in quest’alba di Serie A per le incertezze del Bentegodi: nella classifica, ancora assai poco indicativa, comanda la Spal, ancora a zero gol subiti. Semmai, colpisce di più che, su quattro tiri nello specchio concessi, due siano diventati gol. Una media che inevitabilmente diminuirà con il passar e delle partite. Fonte: La Gazzetta dello Sport Sportmediaset
  2. la Juventus ha già fatto il passo formale che tutti aspettavano per far sventolare a vita due bandiere: Chiellini e Barzagli hanno firmato nei giorni scorsi il rinnovo di contratto, l’ufficialità arriverà soltanto tra qualche settimana, a ferie concluse. In ogni caso, è stato messo un mattoncino per garantire solidità e continuità: resiste così una parte del vecchio muro. Se per il Chiello (33 anni) è arrivato un biennale, per il 37enne Barzagli l’allungamento è stato solo di un anno. Ma oltre alle cifre e ai tempi, in questa storia d’amore è il simbolismo che conta: la Signora continua a legare il proprio destino a due ultra-trentenni proprio nel momento in cui ha deciso di rinverdire la difesa. Non è un controsenso perché la coppia ha compiti in campo e anche fuori: sia Chiellini (da capitano) che Barzagli dovranno accudire Mattia Caldara, arrivato con le stimmati del predestinato, e gestire la successione al trono di Daniele Rugani, destinato a crescere nel minutaggio. In mezzo, crescono con insistenza le voci di un addio di Medhi Benatia. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  3. Senatori a vita, Giorgio Chiellini e Andrea Barzagli rappresentano la continuità: dopo l’addio del capitano Buffon, la Juve vuole tenersi stretto il suo successore e anche l’altro leader storico della difesa bianconera. Per questo nonostante siano entrambi abbondantemente sopra ai 30, per tutti e due è pronto il rinnovo di contratto. Re Giorgio ha chiuso la tredicesima stagione in bianco e nero facendo il motivatore. Dopo una stagione straordinaria, probabilmente la migliore per prestazioni e carisma, si è riciclato sostenitore dei compagni a bordo campo nelle ultime partite, per cercare di esorcizzare l’infortunio che lo aveva fermato contro il Napoli e lo ha costretto a saltare la finale di Coppa Italia e le ultime gare di campionato (tra cui la delicatissima sfida con l’Inter). Prima però Chiellini aveva giocato 38 gare ad altissimo livello, segno che l’età che avanza non è necessariamente un limite. Presto, molto presto (ormai è solo questione di giorni) si legherà alla Signora per altri due anni, che vivrà con l’eredità di Gigi al braccio. Giorgio è arrivato a Torino ventenne e resterà con la stessa maglia addosso almeno fino a 36 anni. Poi lo aspetta una scrivania alla Continassa, nuova sede bianconera, la collocazione perfetta per uno che ha una laurea in Economia. Chiello e Barza sono ciò che resta della BBBC bianconera, che aveva già perso Leonardo Bonucci l’estate scorsa ed è appena rimasta orfana di Buffon. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  4. Può capitare, nel giorno in cui Douglas Costa abbatte nuovamente la barriera del suono e Higuain manda a referto il decimo gol del 2018 (oltre che il terzo assist consecutivo nelle ultime tre partite), che nessuno si accorga di Blaise Matuidi, tranne che in occasione del gol che chiude i giochi e relega i dieci minuti finali a puro garbage time. Eppure in una partita più complessa di quanto non dica il 2-0 finale (merito di quell’Atalanta che avrebbe dovuto scansarsi, ma non pretendiamo che chi proprio non vuole capire capisca dopo la nona W di fila in Serie A dall’inizio dell’anno, la dodicesima contando gli ultimi scampoli di 2017), in cui si è giostrato per il 49% del tempo effettivo a centrocampo e con la Juve che ha concentrato il 51% della sua produzione offensiva, il francese è stato un fattore tutt’altro che trascurabile: 94.6% di pass accuracy su 69 palloni giocati (e al netto di quella sanguinosa apertura che stava mandando in porta Ilicic, oltre che di qualche scelta troppo cervellotica in fase di ribaltamento dell’azione), quattro duelli aerei vinti, due contrasti e altrettanti intercetti a dimostrazione di un’ubiquità completa e totale sul terreno di gioco: Così come può capitare, nel giorno in cui Douglas Costa abbatte nuovamente la barriera del suono, Higuain manda a referto il decimo gol e il terzo assist del 2018 e Matuidi fa la differenza in tutto quel che resta facendosi notare solo al momento del gol, che detto gol appartenga, almeno al 50%, a Mattia De Sciglio, un altro di quelli che sta ricominciando a fare le cose per bene e in silenzio (nonostante di motivi per rimarcare ogni singola buona giocata ne avrebbe, eccome), compreso un cambio di campo a 60 metri, di estro e di sinistro, che mette Dybala e Higuain in condizioni di riesibirsi nel compañerismo già visto contro l’Udinese e a Matuidi di battere comodamente a rete. Poi, certo, continueremo a parlare di Douglas Costa abbatte nuovamente la barriera del suono e di Higuain manda a referto il decimo gol e il terzo assist del 2018. Ma questo campionato, che sembrava sfuggito via alle 19.58 di un sabato qualunque appena dieci giorni fa, è passato, passa e passera da queste cose. Che nessuno nota ma che sono importanti lo stesso. Anzi, forse più importanti. Di Claudia Pellecchia - juventibus.com
  5. Come usa dire spesso Allegri: la Juventus ai record preferisce i trofei, che lo avrà pensato anche ieri notte dopo il pari beffa di Ferrara, ma negli ultimi anni le due cose sono andate di pari passo. Basta pensare alla “nuova era” in cui sono entrati i bianconeri. Un’era in cui fanno la corsa sui propri, di primati. Il caso più lampante è quello della difesa e della porta blindata. Ieri sera Gigi Buffon e compagni hanno inanellato la decima partita consecutiva senza incassare reti eguagliando un'altra Juventus, quella 2015-16. Un record dal retrogusto amarognolo per almeno due motivi: con lo 0-0 contro la Spal oggi la Juventus rischia di ritrovarsi il Napoli a meno 2; e nel finale della partita del Mazza, Giorgio Chiellini ha lasciato il campo per infortunio. Un cambio dettato da un problema muscolare al flessore che genera ansia. Il centrale non andrà in Nazionale: tra oggi e domani gli esami per capire se sarà a disposizione contro Milan e Real. Il problema di Chiellini macchia il record, ma non lo cancella. Molti dei protagonisti sono gli stessi del 2016, in panchina c'è sempre Allegri e come questa volta la blindatura della porta ha condotto a braccetto i campioni d'Italia verso una rimonta. Quella del 2016 è stata molto più clamorosa, dal momento che la Juventus iniziò il campionato con l'handicap. Ieri sera a Ferrara è stato raggiunto il primato e dopo la sosta la Juventus ha l'occasione di migliorarlo. Uno stimolo in più nella volata col Napoli. Il fatto che tanto nella Juventus 2016 quanto in quella attuale ci sia Allegri in panchina è tutt'altro che un caso. Il “Conte Max”, pratico e pragmatico, sottolinea spesso – e lo ha fatto anche di recente, che «non c'è da vergognarsi nel fare una buona difesa perché il calcio è fatto di due fasi e quando bisogna difendersi, bisogna farlo al meglio». C’è un altro aspetto che dà l’idea del primato eguagliato: la Juventus attuale lo ha raggiunto nell’anno in cui, con la cessione estiva di Leonardo Bonucci al Milan, erano in molti a pensare che la difesa bianconera si sarebbe indebolita e che non sarebbe stata più ermetica come negli anni d’oro della BBC azzurra. Buffon anche nel momento in cui a inizio stagione la Juventus vinceva le partite 4-2 e 6-2 o prendeva gol ogni domenica dispensava ottimismo ripetendo un ritornello: «Non è una questione di uomini, bensì di atteggiamento di squadra». Fonte: Tuttosport
  6. Il dato è in assoluto clamoroso, seppur noto: la Juve ha subìto un solo gol nelle ultime 13 partite ufficiali. Ma lo diventa ancora di più se confrontato con i gol incassati, nello stesso parziale, dalle migliori squadre dei primi cinque campionati d’Europa, quelle qualificate agli ottavi di Champions League (con una piccola deroga per il Napoli, che completa il confronto anche per la Serie A). Dal conteggio delle ultime 13 partite ufficiali (vale a dire campionato, coppe nazionali e Champions League), la difesa della Juve diventa il muro d’Europa, puro cemento armato. Dopo Chiellini e compagni c’è la difesa dei campioni d’Inghilterra del Chelsea, non a caso guidati da un ex juventino, Antonio Conte, che ha subìto 7 gol quanti il Barcellona e uno meno del Napoli. Poi tutte le altre, a chiudere col Siviglia e poco prima col Real Madrid che in questo parziale ha incassato 16 gol, la bellezza di 15 in più della Juve. Tutto è cominciato con la sconfitta di Marassi (3-2) contro la Samp. Quel pomeriggio Allegri era molto preoccupato, la Juve sembrava aver rinnegato la sua tradizione, la sua storia di squadra capace di vincere gli scudetti attraverso la miglior difesa del campionato. Era la 13ª giornata, i campioni d’Italia avevano già subìto 14 gol. Oggi siamo alla 22ª e i gol incassati si sono fermati a 15. L’unico è stato realizzato da un ex bianconero, Martin Caceres, a quei tempi veronese, al Bentegodi. E se il giorno di Marassi la difesa della Juve era distante dal suo standard e anche da quello delle sue concorrenti allo scudetto, oggi è di nuovo al secondo posto, con appena una rete subita in più rispetto al Napoli: 15 a 14. In casa, detto per inciso, ha già la miglior difesa: 4 per la Juve, 7 per il Napoli. Per restituire solidità alla squadra, per proteggerla di più, Allegri era passato alla difesa a tre subito dopo la sconfitta di Genova. Poi, ritrovati gli equilibri, di nuovo e sempre a quattro. La soluzione del dopo-Bonucci, con i problemi che ne sono derivati, non è stata breve, ma alla fine Allegri ha individuato il giocatore su cui poteva e doveva puntare: Benatia. La sua crescita all’interno della difesa bianconera è stata decisiva. L’altra novità grossa, per la Juve, è la sostituzione di Buffon che per infortunio ha lasciato il posto a Szczesny. Il capitano tornerà in campo stasera a Bergamo, contro l’Atalanta, una partita in cui la solidità della difesa juventina sarà messa a dura prova, ma l’ex romanista non ha fatto rimpiangere il capitano. Fonte: Il Corriere dello Sport
  7. I bianconeri, da quando il centrale marocchino è diventato un titolare indiscusso, non hanno più subito reti palesando massima solidità difensiva. “Benatia? E' fondamentale che diventi un punto cardine”. Parola di Andrea Barzagli, uno che ha fatto le fortune moderne della difesa della Juventus, assoluto riferimento per l'intero globo bianconero. Le primavere passano per tutti e, giunto a 36 anni, la roccia di Fiesole non può sicuramente essere ritenuto parte integrante dei programmi futuri. In tal senso, essendo in scadenza di contratto, il numero 15 della Signora prenderà una decisione solamente a bocce ferme: rimanere un'ultima stagione sotto la Mole oppure provare un'esperienza all'estero. Si vedrà. Intanto, però, gli uomini della Continassa hanno iniziato ad impostare il pacchetto arretrato che verrà. E la nota lieta in casa dei campioni d'Italia, nell'ultimo periodo, è principalmente una: si chiama Medhi e nelle ultime cinque partite ha letteralmente giganteggiato formando con Giorgio Chiellini una coppia da urlo. Dopo diversi esperimenti, quindi, Max Allegri sembra aver trovato i giusti equilibri difensivi. Là dietro, in un primo momento, si pensava che potesse diventare la stagione della consacrazione di Daniele Rugani, a maggior ragione dopo l'addio estivo di Leonardo Bonucci. E, invece, il 23enne toscano non è riuscito a diventare un imprescindibile, proponendo prove positive ma anche altre incerte. Un ricco turnover che ha portato la Juventus a smarrirsi in termini di sicurezza e fiducia. Fino alla partita casalinga con il Barcellona. Appuntamento in cui, annullando un certo Luis Suarez, Benatia ha iniziato ad intraprendere il giusto percorso. Roba da 10 respinte, 8 intercetti e 96,9% in passaggi riusciti. Insomma, una gara di altissimo profilo contro avversari top mondo. E anche negli impegni nostrani, pur non in test decisamente probanti, l'ex Bayern si è rivelato un mostro sacro di bravura; sia a tre che nella difesa a quattro. Con il Crotone, dominando Budimir e Tonev, Benatia s'è contraddistinto per possessi guadagnati (12) ed appoggi produttivi (90,9%). Numeri confermati anche affrontando Napoli, Olympiacos e Inter. Non stupisce che il centrale marocchino, spalleggiato da un'ottima fase difensiva globale, sia riuscito a venirne a capo disinnescando, tra gli altri, Dries Mertens e Mauro Icardi, due che sanno far girare la testa a chiunque. Colpisce, tuttavia, come improvvisamente Benatia sia tornato in auge. Specialmente dopo un periodo – pre pausa – in cui sembava fosse diventato l'ultima scelta nelle gerarchie allegriane. Invece, ancora una volta, l'allenatore livornese ha saputo ottimizzare il momento, affidandosi a Medhi nel suo picco di crescita. Destinato, al netto delle tematiche fisiche, a durare. Perché è sempre stato questo il limite di Benatia, dannatamente forte ma anche spesso fragile. Ecco perché, pensando ai mesi in cui la posta in palio diventerà davvero alta, la Juventus auspica nella buona sorte. Quella che non sta aiutando Benedikt Howedes, destinato a rientrare nel nuovo anno. I campioni d'Italia nelle ultime cinque partite non hanno subito reti. Merito dell'atteggiamento che ha portato i bianconeri ad avvicinarsi alla vetta in campionato e, al tempo stesso, ad assicurarsi un posto agli ottavi di Champions League. Ma, ovviamente, nulla nasce dal caso. E Benatia, in versione tirato a lucido, ha influito notevolmente. D'altro canto, rispettando il gentlemen's agreement stipulato con il Bayern Monaco, la Juventus nei mesi scorsi ha acquisito il cartellino del marocchino versando 17 milioni nelle casse bavaresi. Una spesa che con il trascorrere dei mesi ha iniziato a fornire decisamente i suoi frutti. Di Romeo Agresti goal.com
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.