Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

juvena

Utenti
  • Content count

    556
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

juvena last won the day on October 14 2016

juvena had the most liked content!

Community Reputation

303 Buona

1 Follower

About juvena

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

9,230 profile views
  1. Nicolussi abbraccia Pucciarelli che sviene gambizzato da un cecchino. Il rigore è fischiato per fallo di mano di Falcinelli che salta col braccio alto a mo' di volleyball, non si capisce se a seguito di spinta da parte di un avversario.
  2. Sì, Palmisio, ho letto più volte questa tua opinione e non sono per nulla d’accordo. Non l’ho mai commentata perché credo sia una di quelle situazioni in cui ognuno la vede in una maniera senza possibilità di sintesi. Ad ogni modo, un calciatore a 16 anni è tecnicamente “finito”, deve solo migliorare. Da quel momento, è questione di talento - che per me vuol dire anche “avere testa” - e di conoscenze tattiche. Col passare del tempo si accumula esperienza, capacità di ridurre le “sfarfallate”. Tutto questo per dire che Dragusin o Fagioli hanno un potenziale tale che per me giocherebbero titolari nella Juve già da domani ma, purtroppo, non accadrà perché ancora non pronti per dare un apporto da tre/sei/nove punti a settimana. Sostenere che Dragusin sia meglio di Rugani, Wesley e Frabotta meglio di De Sciglio e Danilo, Fagioli meglio di Pjanic, Zanimacchia meglio di Bernardeschi, per me vuol dire semplicemente essere intellettualmente non onesti, senza offesa. Auguro a tutti questi ragazzi di far parte della rosa di Pirlo 2020-21 ma, al momento, stiamo mettendo a paragone un calciatore di serie A, Champions League e Nazionale con dei ragazzi della Primavera o al massimo di serie C. P.S.: Muratore non era una riserva in under23. È stato molto sfortunato.
  3. No, su un forum siamo tutti competenti/incompetenti allo stesso modo. Noi si parlava delle cose come sono e non come dovrebbero essere. Il confronto con le giovanili dell’Inter qui è stato posto più volte negli anni: e, senza voler fare la morale a nessuno, abbiamo notato che - tendenzialmente, ovvio - i primavera nerazzurri risultano più pronti a breve termine per poi perdersi a lungo termine. Sembra, quindi, un lavoro volto non tanto a “creare giocatori”. Per quanto riguarda la paura di bruciare, ci può stare che qualcuno sia particolarmente refrattario al dare opportunità ai giovani - o più in generale, ai meno pronti - ma, onestamente, i famosi spezzoni a partita e campionato chiusi non ti danno l’esatta cifra del ragazzo. In più, c’è da fare ancora un paio di rilievi: gli stipendi elargiti e la caratura dei giocatori impongono che quando non giochino i titolarissimi, giochino i titolari e quando non giochino questi, lo facciano le riserve e poi chi non gioca mai. Ancora, consideriamo anche che chi per noi è un calciatore pronto a debuttare in A, è comunque un ragazzino con ciò che comporta; l’esempio di Fagioli in questo è lampante: secondo le interviste dei dirigenti, il ragazzo l’anno scorso avrebbe dovuto far parte in pianta stabile dell’u23 eppure, dopo un inizio promettente, ha rallentato un po’. Quest’anno ha avuto una bella esperienza in C, eppure, nella fase finale della stagione, i playoff, in due partite ha accumulato un’espulsione ed una squalifica. (Ovviamente, ha anche messo in mostra tutta la sua finezza tecnica e persino una certa intelligenza tattica.) Purtroppo, non esiste una formula giusta e, ad oggi, debuttare e rimanere in organico nella Juve è più difficile rispetto al farlo nel Milan. Speriamo si riesca a fare altrimenti quanto prima.
  4. Ti dico che il divario tra giovanili e prima era e rimane troppo ampio. L’under23 è un progetto in funzione della riduzione di questo divario. Un progetto ha necessità di tempo. Credo siano necessari un paio di bienni per iniziare a vedere qualche frutto; speriamo ne sia sufficiente uno solo. “All’estero”, è una entità troppo astratta, perimetriamo il cerchio: Bayern, Borussia e Psg giocano in campionati in cui ci si può permettere di sbagliare qualche partita; City, Liverpool, Real e Barcellona no ed infatti non puntano su esordienti. I giovani che hanno in squadra sono tutti ragazzi che hanno già tanti minuti di professionismo nel bagaglio; altre squadre non credo siano a livello della Juve. Ad ogni modo, se anche fosse solo una questione di [tanto demonizzato] player trading, qui ci si dimentica con facilità che è lo strumento principale - insieme ai diritti televisivi - con cui una società calcistica vive e sopravvive. Io mi auguro che un Nicolussi sia riportato a casa perché ritenuto già pronto ma se fosse solo per allenamenti e panchine - esperienze già vissute -, è bene vada a giocare altrove. P.S.: sulla questione presunzione, non mi riferivo a te che ti sei posto con grande educazione!
  5. Il tuo è un discorso che condivido, bisognerebbe provarli i ragazzi, ma in Italia c'è anche la presunzione di credere di saperne più di dirigenza e staff tecnico. La domanda, se posso, la ribalto e la giro a te: non è possibile che abbiano considerate le valutazioni che proponi e abbiano maturato l'idea che fosse più opportuno adattarci Danilo o Matuidi piuttosto che [anche solo] provare il ragazzo?
  6. Io spero vivamente che dopo un solo biennio l'under 23 ci dia la possibilità di ridurre la rosa della prima squadra integrandola con almeno un paio di ragazzi. Attenzione, però, a basarci sulla partita di ieri, Juve B vs Roma 2: i ritmi della serie A o della UCL non sono certo quelli di ieri, errori tecnici come passaggi e stop non puliti li paghi a caro prezzo.
  7. Io sono d'accordo con te. Bisogna vedere se lo sia Sarri. [Altrimenti, meglio giochi altrove.]
  8. Consideriamo, però, che Nicolussi ha già vissuto il tipo di esperienza che suggerisci. A questo punto della sua carriera, credo sia giusto che giochi. Lo farei rientrare solo se avesse davvero possibilità di utilizzo “alla Foden”; altrimenti, bene che vada a giocare altrove.
  9. Se fosse davvero un'ipotesi allo studio, mi butterei sul Grenoble: squadra di metà classifica in Ligue 2 da far salire e tenere stabilmente in Ligue 1; la città è a circa 3 ore di auto da Torino, non più lontana di Bologna, ad es. Il punto è che campionati come il portoghese, il belga o quello dei Paesi Bassi, sarebbero maggiormente appetibili per via delle regole sugli extracomunitari o per via della cultura di gioco proposta.
  10. Fiorillo, Masciangelo, Kastanos, Clemenza, Maniero e anche Bojinov son passati - a vario titolo - per la sede o per le giovanili della Juve. In più, "gestiamo insieme" al Pescara Kanouté e Bunino in prestito dagli abruzzesi a Cosenza e Viterbese. Questo per limitarci al calcio professionistico ed evitare di citare le operazioni riguardanti il calcio giovanile. Capitolo Zappa: Gabriele, in forza al Pescara è in prestito dall'Inter; Claudio, in forza al Sliema Wanderers, Malta, in prestito dalla Juve e col contratto in scadenza al prossimo giugno.
  11. Mah, onestamente, vista la voce su Pirlo circolare già dall'anno scorso, arrivasse davvero, non escluderei che l'ingaggio di Pecchia fosse ab origine di durata annuale.
  12. Veramente determinante. La dimostrazione che i giovani hanno bisogno di 3, 4 elementi di esperienza. Sì, sì.
  13. Parlava della [sua] necessità di avere obiettivi concreti.
  14. Per me Rugani è un ottimo giocatore e ci avrei puntato in maniera anche più netta di quanto non sia stato fatto. Ma, ad oggi, credo che il ragazzo debba andare a guadagnarsi un po' di autostima altrove. In più, c'è il discorso mercato: ad oggi non è un problema spendere tanti soldi; il problema è riuscire a "plusvalenzare": tieni Rugani e non compri nessuno, hai risparmiato e non plusvalenzato; vendi Rugani e compri un sostituto: hai speso e plusvalenzato. Oggi conta questo. A me gente come Sarri, De Zerbi, Giampaolo, Oddo piace parecchio quando allena le altre squadre. Quando allenano la squadra per cui tifo, invece, non sono contento. Ma tant'è. Conviene farci i conti, a questo punto. Sempreché le cose non cambino.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.