Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

juvena

Utenti
  • Numero contenuti

    425
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    1

L'ultima giornata che juvena ha vinto risale al 14 Ottobre 2016

juvena ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

240 Buona

1 follower

Su juvena

  • Titolo utente
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Visite recenti

8.584 visite nel profilo
  1. Aleña è l'esempio tipico di come funziona una seconda squadra: aggregato alla prima già dall'anno scorso giocando in Copa del Rey e in Segunda Division; a 17\18 anni giocava in Youth League e in Segunda B. Quando saremo a regime anche la nostra seconda squadra ospiterà i primavera.
  2. Esattamente. In u23 servirebbe come il pane e in prima squadra siam sempre corti. Emmanuello tarda a raggiungere la condizione e Fernandes ne avrà ancora per un po’. Non parlo di consegnargli i galloni da titolare ma di inserirlo nelle rotazioni della seconda squadra. P.S.: capisco che la primavera di Baldini sia sempre presentata con un 4-3-3 ma Fagioli ha determinate caratteristiche e quelle gli si chiede di porre in essere in primavera, in u23 ed eventualmente in prima squadra; non è che con Baldini faccia l’ala: il fondo se lo guadagnano Bandeira ed Anzolin.
  3. Magari con l’acquisto di Sene qualche esterno farà spazio e partirà oppure Fagioli sarà aggregato alle squadre “superiori” in pianta stabile? Speriamo bene.
  4. Devo dire che concordo con te: Tripaldelli ha sempre avuto un impatto maggiore dei primi due ma anche di Rogerio che, però, gioca comunque titolare in A. Beruatto ha dalla sua la duttilità e l'intelligenza tattica; Zappa, invece, da ex trequartista, lo spunto. Ad ogni modo, possono piacere o meno ma son sempre asset della società e laddove non riesca a costruire un giocatore buono per la prima squadra, un'azienda ha l'obbligo di costruire un giocatore buono per il bilancio. Dopodiché, vedremo.
  5. Indipendentemente da opinioni e valutazioni, gli esterni destri sarebbero Di Pardo e Morelli con Zanimacchia provato in un paio di occasioni; Masciangelo - credo - andrebbe a sostituire uno tra Beruatto e Zappa.
  6. Finalmente l'esordio di Lucas Rosa!
  7. Io non la trovo così insensata come soluzione: per quanto "sicuramente usurato", Caceres conosce bene il contesto e non pagherebbe l'ambientamento al campionato o al peso della maglia. E, d'altronde, pare quest'anno non aver sofferto di grossi infortuni. Romagna continua il suo percorso per come pensato e stabilito. Questo a gennaio. A luglio, invece, spero in un reparto con le conferme di Chiellini, Bonucci e Rugani, completato da un giocatore di esperienza e sicuro affidamento e dal rientro di Romagna. Purtroppo, il nostro Filippo è ancora un po' lontano dalle 100 partite nel professionismo ed è plausibile pensare ad un rientro ancora posticipato all'anno successivo.
  8. Correggere per correggere... l'esempio portato è simpatico ma certamente non calzante: la C non è la cover band della A e Tavano non scimmiotta Ronaldo. La serie C è calcio vero, reale e vivente. Riconoscerlo è questione attinente alla persona. La domanda che poni, invece, è davvero interessante. E' quesito che dovrebbe sollecitare la dirigenza competente: ovviamente, io non ho la soluzione. Ma è chiaro che la problematica sia di sistema; una visione miope, limitata alla individuale Serie, non porterà soluzioni definitive: (immagino che già partire dal nome debba avere anche solo una relativa importanza: Football League One, Segunda B, Championnat National; tutti nomi che non lasciano trasparire la sussistenza di due categorie superiori. Noi ci allineiamo, piuttosto, alla 3. Liga tedesca. Dopodiché, quando la nostra C è stata rinominata Lega Pro, non ha comunque avuto risalto.) Mi ripeto: il numero di società professionistiche va sicuramente ridotto, è imprescindibile. Ciò detto, saremmo a metà strada: una società di C che all'anno deve 10 e ricava 5, per quanto storica o virtuosa, è solo questione di tempo, diverrà inadempiente. Sono estremamente convinto che la riforma debba essere di sistema per definire l'organigramma, a livello contenutistico, e il regime giuridico, a livello strutturale. (Quest'anno la serie D presenta grandi piazze come Bari, Modena, Cesena, Avellino, Modena oltre a Messina, Latina e potrei dimenticarne altre. Alcune anche con proprietà solide alle spalle. Il campionato comunque non ha risalto perché strutturalmente non è una priorità del sistema: se il prodotto serie A fatica ad affermarsi, è chiaro che il prodotto serie D venga trascurato. Quest'anno è una bella serie D, l'anno prossimo?)
  9. Purtroppo, ciò che manca alla C è l’indotto. Rispetto ai ricavi, sono maggiori le spese e credo che anche i club storici cui fai riferimento avrebbero - a medio termine - i problemi che attanagliano oggi la categoria. Per me, la soluzione è nel numero ma anche nel semiprofessionismo. L’attuale contesto socioeconomico non permette il professionismo in terza serie.
  10. Fatto salvo il ragionamento, vorrei considerare che Bentancur è arrivato appena ventenne alla Juve avendo giocato tre stagioni col Boca - derby col River annessi - con cui ha partecipato alla Libertadores e vinto due campionati più una coppa nazionale.
  11. Mah, io lo vedrei bene, perfetto e funzionale nella proposta di De Zerbi. Oltretutto, allenerebbe molto l'1vs1. Per me, la differenza la farebbe giocare in una squadra che "fa l'Europa", qualunque Europa. Ma tra Cagliari e Sassuolo... tanto vale che vada ad affinare le sue doti in fase d'impostazione e allenare l'1vs1.
  12. Ciao, caro! Purtroppo, non essendo un guru, non posso distribuire gurate: di mercato e di pallone capisco poco. Posso darti solo la mia opinione! Romagna, per me, potrebbe rientrare anche l'anno prossimo ma con l'amaro destino del quinto che deve scalare le gerarchie. Qualità ne ha da vendere ma non è facile imporsi nel nostro reparto difensivo. (Spero, invece, che Audero rientri solo come numero uno e non a marcire in panchina.) La situazione CTP credo che, al momento, conti poco in società: quando si punta alla Champions, hai bisogno di giocatori pronti, prontissimi e non ti metti a considerare chi è del vivaio e chi no. Ciò non toglie che - in parallelo - si lavori in quell'ottica per il futuro: tendenzialmente, son stati ceduti a titolo definitivo solo chi ha già maturato lo status.
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.