Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

spiola

Utenti
  • Content count

    624
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

391 Buona

About spiola

  • Rank
    Primavera
  • Birthday 10/10/1954

Informazioni

  • Squadra
    Lazio
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Milano
  • Interessi
    Pallacanestro

Recent Profile Visitors

2,867 profile views
  1. Questo modo di generalizzare è assurdo. Lo ho scritto tempo fa su questo forum, diversi anni or sono (c'era ancora il vecchio "delle Alpi") fuori dai cancelli di ingresso, con mio figlio (che avrà potuto avere 10 anni) fui oggetto del lancio di bottiglie di vetro da parte di tifosi che avevano sciarpe della Juventus a coprire il volto. Anni dopo, in agosto, nel 2013, a Roma, alla fine della supercoppa da voi vinta (meritatamente), mentre mangiavo una pizza con mia moglie e mia figlia (23enne) sono stato aggredito come tutti gli avventori della pizzeria, da una decina di ragazzi, con le sciarpe bianconere. A me è andata bene, nessun danno. La pizzeria ha chiuso per i danni subiti e non ha mai più riaperto. Questo per dire che io non considero TUTTI i tifosi della Juventus dei grandissimi P... di M.... Ce ne sono ANCHE tra gli juventini, così come ci sono degli enormi P... di M.... tra i laziali, e tra tutti i tifosi di tutte le squadre. Non so se ti è chiaro il mio avatar. E' un segno di appartenenza ad un gruppo di Laziali Antifa. E ti assicuro che il sentimento della maggioranza delle persone normali, che tifano Lazio (ma anche Roma) riflette il territorio. La mia distanza dalla curva nord dell'olimpico (o di San Siro) è abissale. Questo tuo "generalizzare" è quantomeno superficiale. La maggior parte dei tifosi della Lazio ODIA profondamente l'inter. Il tifoso interista, in virtù di un gemellaggio POLITICO tra le curve, pensa di poter fare tutto quello che gli pare. Noi non siamo d'accordo. Io, il 5 maggio 2002 ho goduto come un facocero. Per due motivi: primo perchè con quel risultato la Lazio si è garantita l'accesso alla coppa uefa e secondo perchè, abitando a Milano, mi sono potuto divertire a prendere per il sedere decine di intertristi. Quindi ti prego di non confondermi con la marmaglia he abita in cn, di non associarmi alle minacce ai giocatori e di non considerarmi gemellato (con nessuno, al massimo lo potrei essere con quelli del St Pauli). Riguardo allo striscione "OOOH NOOO!" .... quella è goliardia e devo ammettere che un sorriso (pure più di uno) me lo ha strappato.
  2. Lazio: 86 Muslera; 25 Biava, 80 Dias, 26 Radu; 2 Lichtsteiner, 32 Brocchi (40' st Scaloni), 33 Baronio (16' st Hitzlsperger), 5 Mauri, 11 Kolarov; 20 Floccari (23' st Foggia), 10 ZarateA disposizione: 88 Berni, 4 Firmani, 9 Rocchi, 13 SivigliaAllenatore: Giovanni Lopez (Reja squalificato) Inter: 12 Julio Cesar; 4 Zanetti, 6 Lucio (29' st Cordoba), 25 Samuel, 26 Chivu; 5 Stankovic, 19 Cambiasso, 8 Thiago Motta; 13 Maicon, 9 Eto'o (28' st Muntari), 10 Sneijder (23' st Milito)A disposizione: 1 Toldo, 17 Mariga, 23 Materazzi, 45 BalotelliAllenatore: José Mourinho A prescindere dal fatto che personalmente IO in quella partita ho tifato Lazio (anche perchè odio l'Inter), ma ti sembra che tra quelle formazioni non ci fossero piu o meno 2 gol di scarto? La partita la hai vista? Io sì, e sono certo che la squadra in campo ha giocato col normale impegno, lo stesso che aveva messo in tutte le gare di quella stagione. Evito di commentare gli aggettivi che hai usato, aggettivi che ti qualificano come cafone maleducato.
  3. Se cercavi meglio trovavi anche questo, che è più recente Puntualizzo solo una cosa: le plus valenze NON sono illegali. Se la Lazio o la Juve vendono un giocatore il cui valore "a libro" è basso (o perché prodotto del vivaio, o perché acquistato a basso prezzo, o perché in gran parte o totalmente ammortizzato) fanno una plusvalenza "bella" e "pulita" (cito la cessione di Hernanes, di Candreva, di Felipe Anderson, di Correa, per dire quelli che mi vengono in mente della Lazio). Sono invece patologiche le plusvalenze incrociate. Nessuno nega che Lotito abbia transato col fisco. Quello che nego è che la legge sia stata fatta ad hoc. La legge c'era, era stata fatta probabilmente per far comodo a Berlusconi. Ma c'era. E, lo dico per l'ennesima volta, se la Lazio fosse fallita quei soldi NON sarebbero mai stati incassati dall'agenzia delle entrate, né in uno, né in 23, né in diecimila anni. E sarebbero stati soldi persi dallo stato (tra l'altro Lotito sta pagando anche gli interessi legali). Napoli, Fiorentina e, se non erro, Torino, sono fallite e nessuno ha pagato i loro debiti. I curatori fallimentari hanno praticamente regalato ai presidenti sciacallo (ADL, Della Valle e, non so se anche Cairo) il cosiddetto titolo sportivo che permette loro (a mio giudizio ingiustamente) di mostrare nei loro stendardi scudetti e coppe mai vinti da Florentia Viola, Napoli Soccer e Torino Football club. Scudetti e coppe che sono stati pagati coi soldi dei contribuenti, cioè noi.
  4. Rispondo prima a te perchè la risposta è semplice. Hai ragione. Se non ho soldi NON LI SPENDO. E non faccio come fanno altre squadre. Le lamentele su [arbitri, palazzo, costellazioni e sette segrete] lasciano il tempo che trovano, visto che nessuno ne è esente, Juventini inclusi. Le coppette vinte ogni era geologica sono meglio di niente. Io mi accontento. Voi anche, visto che quando avete alzato coppe Italia e supercoppe italiane mi è sembrato di vedere i giocatori festeggiarle. Ed ho anche apprezzato le sportività degli stessi giocatori (mi salta all'occhio Chiellini) che applaudivano i vincitori nelle poche volte che a vincere era qualcun altro.
  5. Visto che i debiti alla fine verranno pagati, la risposta è sì. I debiti spalmati, accumulati dalla gestione, imposta dal Credito Italiano, di Baraldi, saranno pagati tutti (TUTTI) con gli interessi (interessi legali) entro aprile 2028 (e non diecimila anni) come da accordo chiuso da Lotito con l'Agenzia delle Entrate nel 2005. Il debito è stato spalmato utilizzando una legge promulgata dal governo Berlusconi due anni prima che Lotito acquistasse la maggioranza delle Azioni Lazio. Io guardo i bilanci. Ed i bilanci dicono che la Lazio perde circa 20 milioni. Il napoli è più o meno in pareggio (se non in attivo,ì) e le altre sono a livello che, tutte insieme non fanno le perdite di una delle big. La Juve sopravvive, giustamente, perchè la famiglia Agnelli ci mette i soldi di tasca sua. Inter, roma e milan si salvano perchè la covisoc guarda dall'altra parte. Quello che posso immaginare (sperare) che venga fatto da un serio presidente di lega, è che rendo impossibile a squadre tipo inter di vincere campionati con giocatori acquistati e non pagati, che squadre con patrimonio netto profondamente negativo possano essere iscritte in serie A (maiuscolo, perchè altrimenti anche i vostri 30 e passa scudetti sono scudetti di serie minuscola). Uno dei principii fondanti del successo delle Premier League consiste nell'aver appiattito la distribuzione dei proventi televisivi senza avere situazioni di sperequazione assurda come quella che c'è in Italia. Purtroppo in nel calcio non si può applicare il sistema del draft all'americana, dove se arrivi primo hai poche probabilità di poter scegliere tra i primi i migliori talenti. Ed il sistema del draft è un'altro di quelli che "appiattiscono" la potenza dei "top team". Non la annullano perchè poi i soldi, se il presidente ce li mette, fanno vincere comunque (vedi Lakers o Celtics). Qui sotto la situazione bilanci calcolata a circa 12 mesi fa.
  6. Così, ad occhio, mi sembra che sia stato votato dalle società che più delle altre hanno in conti in ordine.
  7. Ho googlato. Anastasi e Bonisegna si sono avvicendati nel 76. Tardelli è arrivato nel 76. Poi ci fu l'avvicendamento Capello Benetti tra Juve e Milan. La cosa impressionante di tutti quegli anni, fini a fine anni '80, è che la squadra era formata da 11, massimo 13. giocatori. La formazione si recitava a memoria, indipendentemente che fosse la nostra la vostra, la Juve o il Milan o qualunque altra.
  8. Sì. Pulici, Petrelli, Martini, Wilson, Oddi, Nanni, Garlaschelli, Re Cecconi, Chinaglia, Frustalupi, D'Amico; all. Maestrelli Buffo come i due allenatori degli unici due scudetti della Lazio siano legati a due momenti poco lieti della asroma. Maestrelli era il capitano della squadra che retrocesse, prima a farlo a Roma, in B nei primi anni 50. Ericsson perse la finale di Coppa Campioni in casa, all'Olimpico, contro il Liverpool.
  9. Nel 72/73 vinse la Juve. E la squadra che dominò gli anni '70 fu creata allora (da Allodi). Zoff, Gentile, Cuccureddu, Furino, Morini, Scirea, Causio, Anastasi, Capello, Bettega (me ne manca uno).
  10. Ieri, sulla radio ufficiale hanno messo in fila i grandi liberi del calcio italiano dagli anni 70 in poi: Wilson, Scirea, Baresi. Qualcuno ci ha aggiunto, nell’atipicità dell’ interpretazione del ruolo che Liedoholm gli aveva dato (sia quando allenava la Roma che quando andò al Milan), Agostino Di Bartolomei, uno dei pochi romanisti “puri” che noi laziali guardiamo con grandissimo rispetto.
  11. Verissimo. Ma poi mancherebbe Frustalupi e poi Pulici… Wilson verrà tumulato nella tomba di famiglia Maestrelli, col Maestro e con Long John. Di nuovo, loro tre, insieme.
  12. Un'altra stella nel cielo bianco e azzurro. Riposa in pace Capitano!
  13. Nzonzi, pastore etc etc che sono stati acquistati liberamente dalla asroma ed accolti (come da copione giallorosso) a Fiumicino da tifosi festanti in una delle tante estati in cui celebravate l’ennesimo scudetto di agosto.
  14. Cominciano a vedersi le “semestrali”. Ecco il comunicato ufficiale della asroma (tutt’a posto, eh!) L'AS Roma ha pubblicato sul proprio sito ufficiale la proprioa relazione finanziara semestrale. Questo, quanto comunicato dal club giallorosso: "La perdita di gruppo al 31 dicembre 2021 è pari a 113,7 milioni di euro, rispetto alla perdita di 74,8 milioni di euro del primo semestre del precedente esercizio. Il prospetto seguente evidenzia i principali dati economici consolidati (...) (...) In particolare, si segnala che nel mese di Ottobre 2021, NEEP ha assunto l’impegno irrevocabile di convertire l’ammontare dei finanziamenti soci erogati sino al mese di Ottobre 2021 compreso, pari a 151,7 milioni di euro, in “Riserva azionisti c/ aumento di Capitale” con effetto dalla data dell’Assemblea degli Azionisti di AS Roma che si è riunita il 26 Novembre 2021. A tal proposito, la stessa Assemblea degli Azionisti ha approvato la proposta di posticipare e aumentare l’importo dell’aumento di capitale sociale per un ammontare massimo fino a Euro 460 milioni, scindibile e a pagamento, da realizzarsi entro il 31 dicembre 2022 a fronte del quale NEEP, ha già apportato nella “Riserva Azionisti conto aumento di capitale” un importo complessivo di Euro 395,4 milioni alla data della Relazione a totale beneficio di NEEP, per l’esecuzione da parte di NEEP stessa del previsto aumento di capitale non rimborsabile della Società. (...) L’Indebitamento finanziario netto adjusted al 31 dicembre 2021 è pari a 298,2 milioni di euro, e si confronta con un valore pari a 302 milioni di euro al 30 giugno 2021. Nel dettaglio, l’Indebitamento finanziario netto adjusted al 31 dicembre 2021 si compone di disponibilità liquide, per 12,7 milioni di euro (22,8 milioni di euro, al 30 giugno 2021), attività finanziarie non correnti, per 10 milioni di euro (10 milioni di euro, al 30 giugno 2021), e indebitamento, per complessivi 320,9 milioni di euro (334,9 milioni di euro, al 30 giugno 2021) Nel dettaglio, l’Indebitamento finanziario netto adjusted a medio/lungo termine è pari a 293,5 milioni di euro, composto da: - Attività finanziarie non correnti, pari a 10 milioni di euro, relativi sostanzialmente a depositi su conti correnti posti a garanzia di impegni assunti nell’ambito del Prestito Obbligazionario; - Debiti finanziari, con scadenza oltre i 12 mesi, per complessivi 303,6 milioni di euro, di cui (i) 259,3 milioni di euro, relativi al Prestito Obbligazionario, sopra richiamato; (ii) 25,8 milioni di euro per finanziamenti soci da parte di RRI per il tramite della controllante NEEP Roma Holding S.p.A. (“NEEP”) (iii) 5,9 milioni di euro relativi al finanziamento chirografario erogato il 4 marzo 2021 a favore di AS Roma da una primaria banca italiana(iv) 0,4 milioni di euro, per debiti verso altri Istituti Finanziari; e (v) 18,3 milioni di euro relativi a debiti finanziari per diritti d’uso in relazione ai contratti detenuti dal Gruppo in qualità di locatario. L’Indebitamento finanziario netto adjusted a breve termine è pari a 4,7 milioni di euro, composto di disponibilità liquide per 12,7 milioni di euro più che compensate da debiti finanziari, pari a 17,3 milioni di euro. In particolare, i Debiti finanziari con scadenza entro 12 mesi sono relativi per: (i) 6,2 milioni di euro, alla parte a breve del Prestito Obbligazionario; (ii) 3,9 milioni di euro quali debiti verso banche per finanziamenti bancari di breve periodo; (iii) 0,2 milioni di euro, a debiti verso banche e istituti finanziari, relativi all'addebito delle operazioni effettuate a mezzo carte di credito aziendale; (iv) 0,1 milioni di euro, a debiti verso altri Istituti Finanziari; (v) 6,9 milioni di euro relativi a debiti finanziari per diritti d’uso in relazione ai contratti detenuti dal Gruppo in qualità di locatario. (...)" Annunciato, sempre nella relazione semestrale, anche il rinnovo di Gianluca Mancini: "Infine, sono stati prolungati i contratti economici per le prestazioni sportive dei calciatori Mkhitaryan, fino al 30 giugno 2022, Karsdorp, Bove e Zalewski fino al 30 giugno 2025, Pellegrini, Mancini e Darboe sino al 30 giugno 2026." (asroma.com) Quindi debiti per centinaia di milioni (ma oltre i 12 mesi) è indice di liquidità a posto (non c’è scritto ma, evidentemente, lo è).
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.