Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Rambo87

Utenti
  • Content count

    241
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

541 Eccellente

1 Follower

About Rambo87

  • Rank
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

4,691 profile views
  1. Sinceramente? Se fanno il muso duro con noi, nonostante tutto sommato i bei soldi sul piatto per un non campione, tanto vale investire quei soldi altrove e prenderlo a zero con calma.
  2. Tra le righe ha fatto capire che le dinamiche sono cambiate e che CR7 non ha più l’esclusiva sulle punizioni, sempre ed a prescindere. A rigor di logica, collegandomi al suo discorso sugli “anziani come esempi”, è possibile che quando gli ha parlato gli abbia fatto il discorsetto con dati alla mano, facendogli capire che a 37 anni deve essere da esempio per tutti, anche nel capire i suoi limiti sulle punizioni. A livello personale poi, da esterno (ed è bene ricordare sempre che non essendo dentro le nostre parole trovano il tempo che trovano), è senza senso che con un vero maestro in panchina sui calci piazzati, l’anno scorso CR7 non sia migliorato davvero di nulla in tal senso. Ok che sei uno pseudiodio del calcio, con una mentalità unica al mondo, ma non ti accorgi che ci sono ancora dei limiti lì? Hai Pirlo a portata di mano, e non ti ricapita più: perché diavolo non ti metti insieme a lui a calciare insieme punizioni in ogni allenamento? Troppo ego?
  3. È perchè poi ce li fottono gli altri con contratti alti: meglio tenerli nascosti, a costo di perdere le partite o di avere una squadra che si avvicina ai 40... Alle volte non capisco che diavolo di politica aziendale ci sia dietro, ma del resto, non essendo dentro l'ambiente, non possiamo fare altro che pensare e, nel dubbio, fidarci.
  4. Lascia che se ne parli così: qualche offerta magari la riceviamo...
  5. Sono tutti nazionali fissi e noi ovviamente li dobbiamo screditare solo perché sono nostri e/o sulla carta non sono fuoriclasse. La storia di Chiesa Jr, considerato un pacco non appena arrivato, e la vittoria europea della nazionale italiana ancora non hanno insegnato nulla?
  6. Immagina avere un pubblico che ti segue perché nel tuo settore sei un punto di riferimento e sei l'unico ad essere finito su TV e media uscendone sempre bene, a differenza di quelli prima di te. Immagina che ami quello che fai, ma hai gli haters che trovano te "diverso" e si sfogano. Denunciare tutti non puoi (non lavori più e se deleghi quanto ti costa? Per avere quale ritorno dell'investimento?), quindi cosa fai? Quando puoi rispondi a tono in modo distaccato; quando non hai tempo ed hai altre priorità ignori, anche se gente del cavolo insulta pure tua madre, che nulla c'entra, così, perché ad impulso nel dubbio mette dentro pure lei. Non hai altre soluzioni reali concrete: ti adatti ed accetti la situazione, consapevole che da solo tanto non la cambi, oppure chiudi tutto. Questione di scelte: io ho scelto di vivere la vita che voglio, perché è mia, e so io cosa è bene ed è giusto per me, ma se non reggi le pressioni sociali, ovvero sei un supersensitive, allora chiudi con il pubblico e la notorietà, e mentre gradatamente si spengono i riflettori fai altro.
  7. Non ci siamo capiti, ragazzi: non si accetta, ci si adatta, perchè non puoi passare giornate a denunciare tutti (e chi minaccia non fa: i più pericolosi non parlano). Consapevoli di ciò, fino a quando la società non cambia come mentalità (e la strada è ancora lunga), il pacchetto della popolarità è questo, ed include tutto: prendere o lasciare. Se i pro superano i contro, e si ha un'armatura solida su cui far scivolare tutte le negatività, allora si continua, se no ci si chiude nell'oblio e si fa altro. È una questione di scelte: dall'esterno è facile parlare di ideali, principi, giustizia ecc, ma fino a quando non ci siete dentro non potete capire. Chiudo qui il discorso, credo di essere già stato sufficientemente chiaro. Buona giornata.
  8. Non essendo tu dentro, non lo sai. C'è chi sui social vuole fare l'influencer, c'è chi ci lavora, ma poco cambia: con la popolarità ti prendi anche il pacchetto della negatività. Se non ti sta bene ritorni nell'anonimato. Questa è la realtà, il resto si chiama idealismo.
  9. Non sai nulla di me, quindi non giudicare (che è sempre sbagliato, a prescindere). Io con i social ci metto la mia faccia per lavoro: al prossimo giro rifletti prima di commentare un modo approssimativo e con zero empatia. PS: Non sono contento delle negatività delle persone, ma fanno parte del pacchetto, e non vi sono altre soluzioni. Se denunci tutti i frustrati ci perdi tempo e soldi di avvocato, e così non si vive più. Questa è la realtà.
  10. Funziona così, purtroppo. Io sono un personaggio pubblico e se la sono presa anche con mia madre, morta dov'è, che non c'entrava nulla. Non posso passare la vita a denunciare persone ogni giorno: lo accetto, so che fa parte del pacchetto della notorietà e faccio scivolare tutto addosso, consapevole che non ce l'hanno personalmente con me, ma solo con ciò che rappresento per loro. Non trascendere, la situazione non è risolvibile con le denunce, e va accettata, perchè non puoi fare altro: con la popolarità ti prendi anche il rovescio della medaglia. Si ricorre ad altre soluzioni, se questi fenomeni sono destabilizzanti.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.