Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

tacconifaverocabrini...

Utenti
  • Numero contenuti

    244
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

90 Buona

Su tacconifaverocabrini...

  • Titolo utente
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Visite recenti

627 visite nel profilo
  1. Aumentano i rischi certamente, ma ti diverti di più e anche se la squadra perde alla fine non puoi non applaudire. Il calcio è questo.
  2. Per me quello che è successo martedì è molto semplice, ed è una cosa che è maturata nell'ultima settimana prima della partita. Autogestione dello spogliatoio. E CR7 allenatore in campo.
  3. Difatti mi riferivo allo 0 a 0 di Barcellona, non alla partita di domani. Lui ricorda con orgoglio quella partita di catenaccio di altri tempi e qualcuno lo giustifica pure dicendo che è logico, dato che è un difensore... Vabbè, senza parole...
  4. È proprio questo il problema, pensare che dopo un 3 a 0 in casa l'obiettivo sia lo 0 a 0 fuori e non un'altra vittoria...
  5. Anche a me ha fatto specie come cosa, ma l'ho detto già in un altro topic che la zavorra vera per un cambio di mentalità sono i nostri senatori.
  6. Ma sai, l'Allegri comunicatore non è stato sempre così, è cambiato nel corso degli anni, per questo dico che ha studiato. Quindi, quando vuole, si applica.Io me lo ricordo ai tempi del Milan, le sue interviste, le sue conferenze non erano così; sì d'accordo, un po' fessacchiotto e guascone lo è sempre stato, ma era uno che perdeva pure facilmente le staffe quando veniva pungolato. Anche i primi anni da noi non era così ed è emblematico il battibecco con Sacchi dove, per inciso, fece una figura di melma a livello mondiale contro uno che poteva tranquillamente mandarlo a comprare il sale. Non escludo neanche che sia stata la stessa Juventus a dirgli di prendere provvedimenti riguardo alla sua comunicazione, come quando certe aziende o società ti obbligano a studiare qualcosa in particolare, se devi operare in certi contesti. Il confronto con Sarri è lampante: uno mugugna, sta sempre con la testa bassa e con la schiena curva, quasi mai guarda nella telecamera, l'altro, come faceva pure Capello tra l'altro, o come fa Mancini, è l'esatto opposto. Quando senti parlare Sarri o lo guardi, tutti i segnali che manda ti fanno sempre pensare che sia colpevole di qualcosa anche se magari non ha fatto niente, Allegri invece in conferenza post-partita sembra sempre uno capitato lì per caso, come se lui non fosse mai il responsabile di niente. È una cosa molto subdola, ma è così. Il discorso della positività e dell'ottimismo a prescindere che ha instillato Allegri nell'ambiente in questi anni sicuramente ci sta, ma il problema è che ora questo non basta più, bisogna fare uno step ulteriore nel nostro percorso, anche rafforzando la rosa, ovviamente, ma partendo sicuramente dalla guida tecnica e sperando in un radicale cambio di mentalità.
  7. In realtà, non si tratta per niente di avere un'intelligenza superiore alla media. Tutte le cose che hai citato fanno semplicemente parte di un insieme di tecniche di comunicazione verbale e non verbale anche abbastanza semplici da riconoscere, ovviamente da chi le ha studiate. Sostanzialmente sono cose e trucchetti studiati a tavolino, creati apposta per prendere per i fondelli l'interlocutore e per riuscire a sfangarla sempre o quasi sempre, in qualsiasi circostanza. Come il bambino di 10 anni che becchi in flagrante dopo aver rotto col pallone il vaso cinese da 10000 euro e che alla fine ti frega facendoti gli occhi dolci o sfoderando il suo sorriso migliore. Solo che il bambino lo fa in modo naturale, mentre queste sono cose studiate e messe in pratica, in maniera sicuramente magistrale, questo bisogna riconoscerlo. A me, personalmente, questa gente non mi incanta, ho i tappi nelle orecchie come Ulisse con le sirene, capisco però che si può rimanere abbastanza suggestionati e, in qualche modo, disorientati da certi atteggiamenti. Spero che in Società siano immuni a questi giochetti.
  8. Paradossalmente l'allenatore che avrebbe potuto darci, con le sue proverbiali sculate, quel qualcosa in più, quelle situazioni episodiche per farci sbloccare definitivamente avrebbe potuto essere proprio Allegri, ma purtroppo non siamo andati oltre la finale. Comunque questa considerazione penso sia ormai superata dagli eventi. D'ora in poi, se si vuole veramente vincerla questa Coppa, bisognerà cambiare proprio registro e mentalità, altrimenti temo che per molti anni ancora non la vedremo.
  9. Per farti un paragone, è come se il Real dell'anno scorso avesse perso la finale di Champions contro, che so, il Lione. Purtroppo nelle partite secche i nostri avversari hanno troppo spesso trovato la partita della vita. O, più probabilmente, siamo noi che l'abbiamo permesso, facendoci prendere da paure ingiustificate e inspiegabili. Ma quella fu davvero clamorosa, perché, opinione personale, la Juve del 96-97 (per intenderci quella del favoloso 6 a 1 a San Siro, sia pure contro un Milan non irresistibile) era persino più forte di quella che l'anno prima aveva vinto la Champions, perciò era davvero impensabile che perdesse contro una squadra che era poco più che un outsider. Vabbè, come si diceva prima, tra Amburgo e Dortmund è una bella lotta...
  10. Sì, ho sentito vagamente qualcosa sull'argomento. Scherzi a parte, probabilmente l'avrò vista ma ero troppo piccolo per ricordarmela. Quella col Borussia è stata la mia prima grande e vera delusione in Champions.
  11. Ti assicuro che la mazzata vera fu col Dortmund, la ricordo come fosse ieri.
  12. È ovvio che la colpa non è solo di Allegri, la mentalità difensivista che abbiamo l'ha inculcata o ha tentato di inculcarla lui negli anni in alcuni elementi (che infatti si sono mostrati alquanto insofferenti), ma è anche insita nello zoccolo duro italiano della rosa, i cosiddetti senatori, quelli che con orgoglio ribadivano fino all'anno scorso che la Juve non sarà mai come il Real o il Barca. E non sono neanche sicuro che abbiano cambiato idea, nonostante lo schifo che vedono da mesi, come lo vediamo noi.Quindi, se piazza pulita deve essere, la si faccia non solo a livello tecnico ma anche a livello di certe cariatidi che ci portiamo dentro lo spogliatoio e che, oltretutto, come prestazioni a livello sportivo sono diversi anni che sono in parabola discendente.
  13. tacconifaverocabrini...

    Napoli - Juventus 1-2, commenti post partita

    Ho appena finito di vedere un servizio su Sky dove un giornalista inglese ha contestato Klopp durante una conferenza stampa. Cioè, rendiamoci conto: Klopp. E qui da noi i giornalisti nostrani si accontentano di ascoltare la filosofia e le battute da cabaret...
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.