Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

sergio

Utenti
  • Content count

    582
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

807 Eccellente

1 Follower

About sergio

  • Rank
    juventino ronin
  • Birthday 08/25/1970

Contatti

  • Twitter
    @ArianoGeta
  • Sito web
    http://arianogeta.blogspot.it

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Civitavecchia
  • Interessi
    Letteratura, arti figurative, viaggi, internet

Recent Profile Visitors

9,477 profile views
  1. Certamente la questione è complessa e altrettanto certamente la posizione della Uefa non è limpida. Però qui si parla di sopravvivenza nell'immediato. Perché fare i kamizake in nome di una causa in cui il principale artefice (Real) non corre alcun rischio in patria? Perché essere quelli che prenderanno le mazzate, che rischiano di essere esclusi contemporaneamente da serie A e tornei Uefa in attesa di una sentenza (che nessuno può sapere se sarà realmente favorevole) per una questione di principio di cui poi eventualmente beneficeranno gli stessi che hanno subito fatto marcia indietro? E poi resta una considerazione: anche firmando tutte le clausole che richiede Uefa e Figc, nulla è pregiudicato. Se fra qualche anno, in un contesto diverso, verrà proposta nuovamente una lega esterna alla Uefa, stavolta con un fronte compatto di molte squadre, tutte le clausole Uefa diventeranno carta straccia in un attimo, quindi non vedo la necessità di immolarsi ora per tutelare i diritti di chi ha subito pensato a pararsi il didietro lasciando noi nella emme.
  2. Lotito non è uno stupido, sicuramente nel momento stesso in cui la possibilità della promozione in A ha cominciato a palesarsi si sarà organizzato. Per me ha già trovato l'escamotage e sa già a chi deve "vendere".
  3. Stando sul topic, lasciando da parte l'eventuale legittimità o meno della posizione della figc (perché poi se si va per tribunali la legge e il diritto spesso lasciano il tempo che trovano, e i giudici giocano a rimbalzetto dichiarandosi "non competenti", ne abbiamo già avuto qualche esempio...) se davvero Gravina rifiuta l'iscrizione alla Juve alla serie A finché non firma l'intesa con l'uefa come i 9 rinunciatari, poi che succede? Si resta fuori dalle competizioni sportive? Io spero che Agnelli capisca che è arrivato il momento di fare un passo indietro.
  4. Comunque dovremmo arrivare sesti, quindi ci rientriamo. Eventualmente da quest'anno c'è pure la Conference League 😐
  5. sergio

    Juventus - Milan 0-3, commenti post partita

    La stagione non è finita, ma dopo una sconfitta del genere è molto improbabile pensare che si arrivi fra le prime quattro (senza contare la spada di Damocle della questione SL con l'Uefa). I bilanci si fanno alla fine, però ormai il quadro è chiaro, e se il presidente riesce a essere lucido (spero che non si faccia guidare dall'orgoglio) dovrà ammettere che stavolta le scommesse che ha fatto le ha perse. Conte e Allegri erano due scommesse a modo loro, sono andate benissimo, con Pirlo direi proprio di no. E dovrà anche riconsiderare il discorso della rosa: se tra monte ingaggi e mancati introiti la sostenibilità economica è giunta al limite, abbia il coraggio di fare qualche sacrificio e rinunciare, se necessario, anche a Ronaldo e De Ligt. Nel suo primo anno alla Juve c'era un tetto di sei milioni di euro per gli ingaggi, quindi ci limitava molto, eppure la Juve di Conte con Pepe e Vucinic giocava molto ma molto meglio. Non è solo il monte ingaggi a determinare la qualità di una squadra.
  6. Può darsi che lo sia, però intanto l'hanno messa. Se decidono di applicarla si può fare ricorso per contestarla, ma mi pare che la giustizia sportiva e ordinaria non ci abbiano mai tutelato. Aver ragione per principio ed essere dichiarato in torto per legge, è una situazione che può dare soddisfazioni postume quando verrà appurato che avevi ragione. Nel frattempo però subisci una pena, e nessuno sa quanto durerà questo "frattempo".
  7. Infatti la Figc non ha ottemperato a un input Uefa. La Figc, di sua iniziativa, ha votato un provvedimento per escludere chi partecipi a un torneo non avallato dalla Figc stessa. Se stare in questa fantomatica superlega implica essere esclusi dalla serie A (e molti "concorrenti" non vedrebbero l'ora) e essere esclusi dalla Uefa, poi con chi giochiamo? Facciamo una volta a settimana l'amichevole di Villar Perosa?
  8. Infatti è proprio così. Io spero ancora che il presidente se ne renda conto e abbandoni questa battaglia ormai diventata inopportuna sia sul piano numerico che su quello delle alleanze (Real e Barça all'atto pratico possono tirarsi fuori dai guai con i loro forti agganci politici in Spagna, a noi in Italia non ci sosterrà nessuno, anzi, qui saranno i primi a invocare punizioni esemplari contro la "giuve latra che rubba le partitte"). L'intelligenza non è solo quando si vince una battaglia, l'intelligenza è anche venire a patti con l'altro contendente quando è l'unico modo per evitare una sconfitta disastrosa.
  9. La vedo nera. Il presidente si è impuntato proprio nella situazione in cui era il caso di andare a più miti consigli. Aspettiamoci l'esclusione dai tornei continentali a tempo indeterminato, un massacro mediatico persino peggiore del solito e chissà cosa altro.
  10. Infatti subito dopo il processo ordinario ci sono stati restituiti gli scudetti, è stato cancellato dagli annali sportivi l'annata in B, e la figc ci ha chiesto scusa e ci ha rimborsato i danni economici subiti. Quando dico che è ininfluente dove sia la ragione sul piano legale, mi riferisco a questo tipo di situazioni. Per fermare le squadre inglesi è sceso in campo il primo ministro inglese e loro hanno subito fatto marcia indietro, hanno capito che era totalmente secondario se sul piano giuridico avessero avuto ragione loro. Non quando hai contro un gruppo di potere più forte del tuo. Anche se una (al momento ancora ipotetica) battaglia legale si concludesse con una sentenza che affermasse che tutto sommato la SL era compatibile col diritto europeo, nel frattempo la Juve si ritroverebbe con le ossa strarotte. Nei tribunali si vedono spesso battaglie legali che, seppur vinte, alla fine lasciano con un pugno di mosche in mano il "vincitore".
  11. Mi è bastato quel che ho visto non solo nel 2006 (processo in un tribunale ordinario, prima ancora che sportivo, costruito sul nulla eppure trasformato in una "condanna") ma anche prima, il famigerato "processo doping", l'unico caso al mondo in cui l'accusa era di aver utilizzato sostanze legali però in modo tale che su un piano teoretico trascendentale filosofico potevano essere innalzate a un livello di illegalità... La giustizia dovrebbe essere il fulcro della legalità, ma quando vuole sa essere mafia. Con la differenza non da poco che se hai contro la mafia puoi rivolgerti alla giustizia, mentre se hai contro la giustizia a chi ti rivolgi? No, è triste dirlo, ma è inutile portare avanti una battaglia in cui non ha alcuna importanza dove sia la ragione sul piano legale. Ho già scritto e condivido ciò che sostengono altri utenti: Real e Barça hanno un potere politico enorme alle spalle che può quanto meno evitargli le conseguenze peggiori. Noi no. Qualcuno ricorderà che nel 2006 la pravda rosa e altri mass media davano addosso parecchio anche al Milan in chiave "politica" (anti-berlusconiana insomma). Poi con l'approssimarsi del "processo" Piersilvio disse che, beh, una serie A senza Juve e Milan valeva davvero poco e quindi la pay-tv che lui rappresentava probabilmente non avrebbe rinnovato il contratto per i diritti televisivi del calcio italiano... Come finì? Beh, immagino ve lo ricordiate tutti. In questo caso sarebbe anche peggio perché il massacro mediatico non sarebbe solo nazionale. Ormai la Juve non ha scelta: se non accetta di recarsi da Ceferin col capo cosparso di cenere come hanno già fatto le nove squadre rinunciatarie, a livello mediatico europeo diventerà la squadra che che va contro il "calcio meritocratico" e "i sogni dei bambini", per quanto si possa ovviamente discutere su questa retorica (come già fatto nei giorni scorsi d'altronde) e non accetta le regole che invece tutti condividono serenamente... Insomma, stavolta è veramente una battaglia persa in partenza. Mi auguro che il presidente abbia l'intelligenza di fare un passo indietro e non combatterla.
  12. Direi che è giunto il momento di accettare il diktat e amen. Ormai non è più una guerra, è come essere il soldato giapponese che rifiutava di arrendersi. A prescindere dalle considerazioni legali (probabilmente a livello giuridico la posizione dell'Uefa non è completamente inattaccabile, può darsi che ci siano degli appigli) però fare il muro contro muro quando sei rimasto da solo contro tutti gli altri, è senza speranza. Ci sono pure il Real e il Barca, ok, ma loro hanno alle spalle la Spagna e la Catalogna che metterebbero in campo l'artiglieria pesante in caso di esclusione delle loro squadre dalle coppe europee. A noi non ci difende neppure il comune di Torino, il tribunale si diverte a aprire fascicoli contro e il resto d'Italia aspetta solo un'altra occasione per mandarci in serie B... Niente, per come la vedo io questo è il tipico caso in cui bisogna ingoiare il boccone amaro e pazienza, la tipica situazione in cui puoi anche avere ragione ma tanto se ti impunti te lo mettono in **** tre volte invece che una sola.
  13. Gran giocatore, sul campo ha sempre dato il suo contributo, ma umanamente falso come pochi. Penso che si crei dei film mentali ai quali finisce per credere lui stesso. "Non vedevo l'ora di smettere" e ha giocato sino a 37 anni, gli ultimi anni addirittura col Brescia pur di stare in una squadra dove potesse essere protagonista. "I Pontello mi avevamo già ceduto alla Juve" eh certo, come un pacco postale. Chissà perché non ha potuto fare come Gigi Riva che è rimasto al Cagliari benché lo volessero squadre disposte a spendere parecchio per averlo...
  14. Se va davvero così e gli tocca una situazione tipo il Granada qualche anno fa, sono il primo a festeggiare. Ma sono scettico perché dopo quello che ho visto nel corso degli anni (dal caso Recoba alla auto-vendita del marchio fino allo scudetto a tavolino) mi pare che gli sia concessa qualunque violazione e la fanno sempre franca.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.