Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'juventus'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 1.051 risultati

  1. Raccogliamo in questo thread le eventuali voci di mercato o i trasferimenti ufficiali riguardanti il settore giovanile e i bianconeri in prestito. ACQUISTI CESSIONI Condello Simone| 2004 | ATT : Nuova Tor Tre Teste(titolo definitivo) Doratiotto Giulio| 2004 | ATT : Pordenone (titolo definitivo) Orlando Cristian| 2004 | ATT : Sant'aniello Gragnano (?) Galante Tommaso| 2004 | ATT : ASD Academy Fano (?) Valdesi Andrea| 2004 | CEN : Palermo (?) Elefante Sebastian | 2004 | DIF : Virtus Junior Napoli(?) Petronelli Lorenzo | 2003 | ATT : Prato (titolo definitivo) Moreno Pablo | 2002 | ATT : Barcellona (titolo definitivo) De Winter Kori | 2002 | DIF : Zulte Waregem (?) Di Francesco Davide | 2001 | ATT : Ascoli (prestito) Makoun Christian Frederick | 2000 | DIF : Zamora (prestito) Lucas Rosa | 2000 | DIF : Palmeiras (?) Goh N'Cede Massimo | 1999 | ATT : (fine prestito) Olivieri Marco | 1999 | ATT : Empoli (prestito) Kastanos Grigoris | 1998 | CEN : (fine prestito) Pereira Da Silva Matheus | 1998 | CEN : (fine prestito) Tamba M'Pinda Roger | 1998 | CEN : (fine prestito) Clemenza Luca | 1997 | CEN : (fine prestito) Macek Roman | 1997 | CEN : (fine prestito) Parodi Giulio | 1997 | DIF : (fine prestito) Pozzebon Nicolò | 1997 | ATT : (fine prestito) Udoh King Paul Akpan | 1997 | ATT : (fine prestito) Zappa Claudio | 1997 | DIF : (fine prestito) Barlocco Luca | 1995 | DIF : (fine prestito) Magnani Giangiacomo | 1995 | DIF : Perugia (titolo definitivo) Del Fabro Dario | 1995 | DIF : (fine prestito) Lanini Eric | 1994 | ATT : (fine prestito) Beltrame Stefano | 1993 | ATT : (fine prestito) Marrone Luca | 1990 | CEN : (fine prestito) Nocchi Timothy | 1990 | POR : (fine prestito) *IN AGGIORNAMENTO tadan,lista parziale del mercato siete invitati a correggere e completare @Mormegil puoi aggiornare Vergnano Alessandro| 2001 | DIF : Chieri (prestito) Barosi Davide | 2000 | POR : Trento (prestito) Lombardi Alessandro | 2000 | CEN : Cagliari (titolo definitivo) Martino Michael | 2000 | DIF : Milano City (prestito) Pessot Mattia | 2000 | DIF : Spal (?) Bianco Filippo | 1999 | CEN : Folgore Caratese (titolo definitivo) Galtarossa Gabriele | 1999 | ATT : Oltrepò Voghera (?) Sapone Giuseppe | 1999 | CEN : Paganese (titolo definitivo) Rogerio Oliveira da Silva | 1998 | DIF : Sassuolo (prestito) Audero Mulyadi Emil | 1997 | POR : Sampdoria (prestito) Mandragora Rolando | 1997 | CEN : Udinese (titolo definitivo *) Pellizzari Stefano | 1997 | DIF : Ravenna (prestito) Siani Giorgio | 1997 | ATT : Ravenna (prestito) Cerri Alberto | 1996 | ATT : Cagliari (prestito) Tello Muñoz Andrés Felipe | 1996 | CEN : Benevento (titolo definitivo) Garcia Tena Pol | 1995 | DIF : VV Sint-Truiden (titolo definitivo) Cais Davide | 1994 | ATT : Albissola (prestito) Padovan Stefano | 1994 | ATT : Casertana (-) Untersee Joel | 1994 | DIF : Empoli (titolo definitivo) Leali Nicola | 1993 | POR : Zulte Waregem (titolo definitivo) Brignoli Alberto | 1991 | POR : Palermo (titolo definitivo)
  2. Juventus, la stagione 2017/2018 dei giovani in prestito: presenze, gol, assist e tutte le news * SERIE A Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Presenze Titolare Gol Assist Kean Moise Bioty A 28/02/2000 Hellas Verona Prestito 16 10 2 - Orsolini Riccardo A 24/01/1997 Atalanta Prestito 9 1 - 2 Cassata Francesco ** C 16/07/1997 Sassuolo Definitivo ** 7 5 - - Mandragora Rolando C 29/06/1997 Crotone Prestito 20 19 1 1 Spinazzola Leonardo C 25/03/1993 Atalanta Prestito 16 16 - 3 Vitale Mattia C 01/10/1997 Spal Prestito 1 1 - - Caldara Mattia D 05/05/1994 Atalanta Prestito 23 21 3 3 Lirola Kosok Pol Mikel D 13/08/1997 Sassuolo Prestito 16 14 - 1 Mattiello Federico D 14/07/1995 Spal Prestito 19 14 - 1 Rogério Oliveira da Silva D 13/01/1998 Sassuolo Prestito 2 1 - - Romagna Filippo ** D 26/05/1997 Cagliari Definitivo ** 16 15 - - Brignoli Alberto P 18/08/1991 Benevento Prestito 9 9 -20 - CAMPIONATI ESTERI Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Presenze Titolare Gol Beltrame Stefano A 08/02/1993 Go Ahead Eagles (Olanda - Eerste Divisie) Prestito 15 13 3 Margiotta Francesco A 15/07/1993 Lausanne (Svizzera) Prestito 18 14 7 Siani Giorgio A 09/01/1997 Den Bosch (Olanda - Eerste Divisie) Prestito 2 1 1 Soumah Alhassane A 02/03/1996 Chiasso (Svizzera - Challenge League) Prestito 10 7 1 Kastanos Grigoris C 30/01/1998 Zulte Waregem (Belgio) Prestito 4 1 - Pereira Da Silva Matheus C 25/02/1998 Bordeaux (Francia) Prestito - - - Sakor Vajebah C 24/04/1996 Göteborg (Svezia) Prestito 12 8 2 Tamba M'Pinda Roger C 13/08/1998 WSG Wattens (Austria - Erste Liga) Prestito 10 10 1 Andersson Mattias Erik D 13/03/1998 Den Bosch (Olanda - Eerste Divisie) Prestito 5 2 - Pellizzari Stefano D 03/01/1997 WSG Wattens (Austria - Erste Liga) Prestito 8 8 - Brănescu Laurenţiu Constantin P 30/03/1994 Dinamo Bucarest (Romania) Prestito 2 2 -1 Leali Nicola P 17/02/1993 Zulte Waregem (Belgio) Prestito 8 8 -21 SERIE B Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Presenze Titolare Gol Cerri Alberto A 06/04/1996 Perugia Prestito 9 6 6 Clemenza Luca A 09/07/1997 Ascoli Prestito 10 6 - Del Sole Ferdinando A 17/01/1998 Pescara Prestito 12 9 3 Favilli Andrea ** A 17/05/1997 Ascoli Definitivo ** 13 13 8 Macek Roman C 18/04/1997 Cremonese Prestito 1 - - Marrone Luca C 28/03/1990 Bari Prestito 11 11 - Tello Muñoz Andrés Felipe C 06/09/1996 Bari Prestito 13 13 1 Barlocco Luca D 20/02/1995 Pro Vercelli Prestito 2 1 - Coccolo Luca D 23/02/1998 Perugia Prestito - - - Del Fabro Dario D 24/03/1995 Novara Prestito 5 2 - Garcia Tena Pol D 18/02/1995 Cremonese Prestito 2 1 - Untersee Joel D 11/02/1994 Empoli Prestito 9 8 - Audero Mulyadi Emil P 18/01/1997 Venezia Prestito 12 12 -13 Nocchi Timothy P 07/07/1990 Perugia Prestito 3 2 -6 SERIE C - SERIE D Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Presenze Titolare Gol Bunino Cristian A 27/08/1996 Alessandria Prestito 11 6 - Cais Davide A 17/02/1994 Carrarese Prestito 5 1 - Goh N'Cede Massimo A 01/02/1999 Virtus Verona (Serie D) Prestito 12 9 4 Lanini Eric A 25/02/1994 Vicenza Prestito 9 4 - Padovan Stefano A 16/04/1994 Casertana Prestito 8 7 - Pozzebon Nicolò A 03/05/1997 Mestre Prestito 2 - - Udoh King Paul Akpan A 05/09/1997 Fermana Prestito - - - Bianco Filippo C 27/04/1999 Folgore Caratese (Serie D) Prestito 15 10 2 Mosti Nicola C 07/02/1998 Gavorrano Prestito 11 6 1 Belfasti Nazzareno D 15/07/1993 Pro Piacenza Prestito 8 4 1 Beruatto Pietro D 21/12/1998 Vicenza Prestito 11 9 - Gallo Lorenzo D 13/09/1999 Chieri (Serie D) Prestito - - - Ghidoni Vittorio D 05/04/1999 Varese (Serie D) Prestito - - - Melani Andrea D 09/05/1998 Massese (Serie D) Prestito - - - Parodi Giulio D 30/09/1997 Pordenone Prestito 14 12 2 Zappa Claudio D 30/03/1997 Pistoiese Prestito 11 7 1 Dani Filippo P 27/06/1999 Arzignano Valchiampo (Serie D) Prestito 10 10 -8 Gallinetta Alberto P 16/04/1992 Ravenna Prestito 2 2 -7 CAMPIONATO PRIMAVERA Giocatore Ruolo Data di Nascita Squadra Formula Presenze Titolare Gol Galtarossa Gabriele A 05/01/1999 Cremonese Prestito 3 1 - Morselli Fabio A 07/04/1998 Pescara Prestito 3 3 3 Sapone Giuseppe C 13/04/1999 Pro Vercelli Prestito 7 7 - Martino Michael D 28/04/2000 Cremonese Prestito 7 5 - Pessot Mattia D 20/01/2000 Perugia Prestito 7 7 - Pezziardi Francesco D 14/09/2000 Pro Vercelli Prestito 5 4 - Rogerio Oliveira da Silva D 13/01/1998 Sassuolo Prestito 1 1 - Sykaj Armando D 20/03/1999 Pro Vercelli Prestito - - - Vitale Matteo D 14/01/1999 Pro Vercelli Prestito 6 5 - Barosi Davide P 30/03/2000 Cremonese Prestito 4 4 -5 Marricchi Filippo P 04/02/1999 Novara Prestito 7 7 -9 ** Cassata Francesco : Ceduto a titolo definitivo al Sassuolo. La Juventus mantiene un diritto di riacquisto Favilli Andrea : Di proprietà dell'Ascoli. Operazione in sinergia con la Juventus come dichiarato da Donato Di Campli (Puntata #26 di #RadioVS, dal min. 60.20) e dal DS dell'Ascoli Giaretta Romagna Filippo : Ceduto a titolo definitivo al Cagliari. La Juventus mantiene un diritto di riacquisto * IN AGGIORNAMENTO...
  3. Se nei test fisici ed esami di varia natura a cui Marione si è sottoposto nella mattinata di ieri al JMedical appena rientrato dalle vacanze, ne fosse previsto uno per il tasso di juventinità nel sangue, i valori sarebbero stati fuori scala. Mandzukic è uno che parla poco, pochissimo. In 3 anni di Juve già alle spalle le uscite pubbliche tra interviste, conferenze stampa e passaggi in zona mista si contano sulle dita di una mano. Ma nello spogliatoio si sente moltissimo, anche perché gli basta l’occhiataccia per farsi rispettare. In partita poi, non parliamone. Mario è grosso, «cattivo», come per la Juve «vincere è l’unica cosa che conta». Mattia Caldara il giorno della presentazione ne parlo così: «L’attaccante che mi ha dato più fastidio? Mandzukic. Veramente dura marcarlo: è potente, resistente, furbo, non esce mai dalla partita». Per non parlare di Allegri: Pjanic è il pilastro tecnico del suo progetto di Juve, SuperMario è il braccio armato a cui non rinuncerebbe mai. A Tra i due il feeling è altissimo. Il 4-2- 3-1 nato nel gennaio 2017 in Juve-Lazio è stato possibile grazie al lavoro di Mandzukic a sinistra. O Dopo essersi messo al servizio di Higuain, Mandzukic potrebbe fare lo stesso per CR7. Fisicamente e nel colpo di testa, il croato è anche superioreaquel Karim Benzema che a Madrid ha assecondato l’avvicinarsi di Cristiano alla porta avversaria. Ma Mandzukic potrebbe anche concedersi più recite da centravanti. Difficile pensare a un Ronaldo da 38 partite in A: la priorità è la Champions. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  4. Io sono un abbonato al Nuovo Stadio, quindi ho la mia tessera del tifoso e il cartoncino 'il mio posto allo stadio'. Già per la prima di campionato (Dom 11/09, h 12.30) vorrei cedere il mio abbonamento ad un amico: 1) qual'è la procedura per il cambio nominativo dell'abbonamento? 2) per la singola partita il mio amico deve avere la sua tessera del di tifoso anche? Grazie in anticipo.
  5. Un centrocampista o un terzino sinistro, con un occhio alle liste per serie A e Champions. E' su questo binario che si snoderà il resto del mercato estivo della Juventus a cinque giorni dalla chiusura. I due elenchi sono preziosi e la situazione attuale è la seguente: data per sicura la cessione a titolo temporaneo di Sturaro, per il campionato c'è ancora un posto vacante, mentre per la Champions la lista è esaurita e sarebbe Spinazzola l'escluso provvisorio, se va via un altro esubero è meglio, perchè l'ultimo eventuale colpo verrebbe utilizzato poi in tutte le competizioni. Restano vive le piste legate a un nuovo terzino sinistro e ad un centrocampista, che si tratti di nomi altisonanti o di un intricante low cost. Marcelo rimane un pezzo pregiatissimo particolarmente coccolato dal suo grande amico Cristiano Ronaldo. Dai 400 milioni trattabili della clausola rescissoria ai 10 o poco più necessari per strappare Bernat al Bayern Monaco, il passo è brevissimo per il club bianconero che impiegherebbe meno di un istante per contattare gli uomini del mercato tedeschi. Purchè esca Alex Sandro il cui rinnovo con la Juventus è unpzione sempre valida. E ad un prolungamento di contratto è ancorata la pista di lusso tuttora viva in casa bianconera per l'ultimo colpo a centrocampo: già, Miralem Pjanic ha un'intesa triennale e può prolungare a vita con un ingaggio adeguato di oltre 6 milioni netti a stagione, ma nell'attesa che qualcosa si muova,sulle tracce del bosniaco, il nome di Milinkovic Savic non smette di vorticare nell'orbita bianconera. Il serbo guadagna 1,5 e dall'estero non solo il Real Madrid (con la Juventus al seguito) potrebbero garantire al giocatore un trattamento economico mai visto prima: anche 4 volte lo stipendio corrente. Claudio Lotito non vuol sentire ragioni: Milinkovic, per il presidente della Lazio, costa ben più della cifra pagata dai bianconeri per Cristiano Ronaldo e nessuna contropartita tecnica sarebbe gradita. Almeno a parole, perchè alla finestra c'è un club che medita il colpaccio provando a ridurre l'esborso cash: il Milan.Sotto traccia Leonardo sta lavorando da settimane sul centrocampista serbo,ed è passato dal definire Milinkovic "un sogno" al "difficile". Fonte: Tuttosport
  6. Quanto in campo spunta la palla si cercano in continuazione. Dieci giorni di lavoro hanno già fatto nascere "Dybaldo", perfetta crasi tra Dybala e Ronaldo. I due si stimano, si piacciono. I neo-compagni ridono e scherzano E soprattutto Ronaldo regala parole al miele al compagno più giovane. CR7 e la Joya avranno però presto il giudice supremo al emettere il verdetto. il campo. Neo 9 anni trascorsi al Real Madrid, Ronaldo ha avuto un rapporto professionale con gran parte dei compagni. Il vero amico era il brasiliano Marcelo, non solo per ragioni di lingua. Cristiano non ha mai negato un consiglio a nessuno, ha costruito un rapporto cordiale con i giovani più forti, come Asensio, Isco e Vazquez. Ma il termine pupillo sarebbe eccessivo per tutti loro. Per cristiano sarà piuttosto naturale fare da punto di riferimento per molti alla Juve, ma chi potrebbe trarre i maggiori vantaggi dalla sua presenza è proprio Dybala. L'argentino ha davanti a se due strade. Intristirsi perchè non è più la stella indiscussa della Juve. Recriminare perchè è probabile che possa segnare qualche gol in meno e che debba cedere i rigori a CR7. Oppure, ed è questa la via che Paulo sembra aver scelto da subito, cucirsi addosso un ruolo alla Scottie Pippen per Michael Jordan in quei Chicago Bulls che hanno scritto la storia dell'Nba. Un secondo vicolino di immensa qualità in un'orchestra che vuole suonare a tutti anche in Europa. Non sono pochi i vantaggi che la convivenza con Ronaldo possono portare: sarà più difficile per gli avversari costruire gabbie a suon di stecche sulle gambe modello Crotone lo scorso aprile. La presenza del portoghese gli darà più soluzioni nel passaggio e gli libererà spazi per il ritmo. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  7. salve ragazzi, chi mi sa dire quanto costa ? Vivo in Svizzera....e vorrei accquistare abbonamento x tutto l`anno x vedere le partite. Sono già Juventus member premium International.... grazie...
  8. Non è in pericolo il trasferimento di Sturaro allo Sporting CP, nonostante nelle ultime ore la stampa portoghese abbia messo in luce alcuni problemi fisici del centrocampista emersi dopo le visite mediche. Quello che filtra è che Sturaro abbia solamente bisogno di un periodo di recupero, ed essendo la formula del trasferimento un prestito secco e gratuito, la società portoghese è comunque intenzionata a chiudere l’operazione. Niente pericolo quindi: il trasferimento di Sturaro allo Sporting CP si farà. Di Marzio TORINO - Stefano Sturaro sarà dunque l'ottavo rinforzo per lo Sporting Lisbonache domani inizierà la sua stagione contro la Moreirense (segui la Primiera Liga). L'ormai ex centrocampista della Juventus è stato accolto con entusiasmo in Portogallo dove, in passato, ha allenato Delneri. L'ex tecnico del Porto ha presentato ai tifosi Sturaro, suo giocatore ai tempi del Genoa: «È un ottimo centrocampista, con esperienza, ha vinto uno scudetto e ha giocato con un grande club con la Juventus. Quando è stato chiamato in causa ha sempre risposto bene». Delneri, parlando a "O Jogo" ha poi assicurato: «Sturaro è completo, aiuta la difesa, distrugge il gioco avversario, recupera palloni e ricostruisce l'azione. E' coraggioso, con un grande carattere. Mi ha sorpreso la sua scelta di giocare in Portogallo, come Bruno Fernades. Quando l'ho alleanato era molto giovane ma si capiva che c'era del potenziale. E' pronto per vincere, ha la cultura della vittoria». Tuttosport.com TORINO - Stefano Sturaro è sbarcato a Lisbona dove firmerà il contratto con lo Sporting che lo prende in prestito secco versando circa 2 milioni nelle casse bianconere. Il centrocampista della Juventus ha accettato l'offerta della squadra biancoverde, convinto anche dalle parole di Cristiano Ronaldo che gli ha parlato bene della società e del campionato portoghese. All'arrivo all'aeroporto Sturaronon ha rilasciato lunghe dichiarazioni ma ha solo confermato di essere felice e ha annuito quando gli hanno chiesto del ruolo nella trattativa di CR7. Ora Stefano si sottoporrà alle visite mediche prima dell'ufficializzazione come nuovo giocatore dello Sporting dove protrebbe trovare presto un altro italiano, l'allenatore Claudio Ranieri. tuttosport.com Stefano Sturaro, dopo 4 scudetti con la Juventus, ripartirà dalla squadra che ha lanciato al grande calcio un certo Cristiano Ronaldo: lo Sporting. Il jolly di Massimiliano Allegri già in giornata a Lisbona per firmare il nuovo contratto. I due club si sono accordati per un prestito secco fino al prossimo giugno. I portoghesi hanno voluto Sturaro a tutti i costi, accettando di completare le cure del 25enne ligure attualmente ai box per un problema al tendine. Niente Inghilterra, seppur mezza Premier lo avesse corteggiato in tempi diversi (il Watford era soltanto l’ultima società della serie), ma un’altrettanto intrigante avventura all’estero con la prospettiva di lottare per i vertici contro Porto e Benfica. Cristiano Ronaldo ha avuto un ruolo importante nel trasferimento del centrocampista bianconero a Lisbona. Nei giorni scorsi, durante gli allenamenti alla Continassa, informato dalla Juventus dell’interesse dello Sporting per Sturaro, CR7 ha chiacchierato dell’opzione lusitana con il compagno consigliandogli l’esperienza al José Alvalade. «Se vai lì non sbagli», il riassunto delle parole del cinque volte Pallone d’Oro, tuttora legatissimo al club biancoverde. Sturaro, sfumato l’ultimo treno per l’eventuale sbarco in Premier League, ha accettato con entusiamo la proposta dello Sporting che negli ultimi giorni ha dimostrato di volerlo fortemente. Merito anche di Claudio Ranieri che presto diventerà il nuovo allenatore della squadra biancoverde di Lisbona. Fonte: Tuttosport
  9. Dopo le ultime settimane tormentate, Miralem Pjanic sembra destinato a firmare nuovamente con la Juventus: possibile un prolungamento del suo contratto fino al 2023. Non è fatta, ma se ne parla. L'estate di Miralem ha del resto preso la piega bianconera già nelle ultime settimane, quando dalle voci insistenti su una sua cessione si è passati a quelle di conferma, con i sussurri sul nuovo contratto attuali da giorni. La Juventus a una settimana dalla chiusura del mercato più emozionante della sua storia recente, ha ancora decisioni da prendere, come il rinnovo di Alex Sandro, che resta al momento un ipotesi valida. Mentre Moise Kean resta un obbiettivo dell'Udinese, che spera di averlo dopo l'eventuale rinnovo con la Juventus, e del Nizza che vorrebbe dare un seguito all'esperienza Balotelli contando sulla comunanza di procuratore. Ora per Kean sembra davvero tutto possibile, al punto che nelle ultime ore sono arrivate voci di un'offerta dal Borussia Dortmund. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  10. Sfumato il Manchester, che alla fine si è tenuto Pogba, restano ancora due squadre sulle tracce di Milinkovic Savic: Juventus e Real Madrid. Ieri ha parlato il presidente blanco Florentino Perez. Lo ha fatto alla presentazione di Thibaut Courtois, sbarrando il passo a chi vorrebbe strappargli altri fuoriclasse: «La storia del Bernabeu merita i più forti giocatori al mondo», ha sottolineato. Un riferimento a chi ha già in casa e, al tempo stesso, a chi potrebbe arrivare. Come Milinkovic Savic, per esempio, visto che a centrocampo si è aperto un buco con il trasferimento di Kovacic al Chelsea. Ma non c’è soltanto il serbo nei pensieri madridisti, visto che un altro giocatore che piace parecchio è Miralem Pjanic, Il bosniaco è sempre stato nei pensieri di molte big europee, ma con il Manchester City fuorigioco causa stop alle operazioni, sullo sfondo rimangono il Paris Saint Germain e in maniera minore il Barcellona .Per quanto riguarda Pjanic, la Juventus lo ha sempre detto: non si muove, a meno che non arrivi un’offerta a tripla cifra. Una somma che, se si concretizzasse, la società bianconera metterebbe a bilancio per andare all’assalto di Milinkovic Savic, chiudendo così il cerchio. Uno scenario in cui però bisognerà fare inesorabilmente i conti con Claudio Lotito, un osso sempre duro da affrontare. Una partita a scacchi su cui la Juventus si muoverà fino a venerdì 17, giorno in cui il mercato chiude in Italia. Ma una partita a scacchi che non può prescindere - ripetiamo - dall’eventuale cessione di Pjanic. E una Juventus con il bosniaco è comunque tutt’altro da disprezzare. Fonte: Tuttosport
  11. E' noto a tutti che Marchisio riesce a vedersi soltanto con la maglia bianconera addosso, non a caso in passato ha rifiutato anche ricche offerte pur di restare nel club in cui è cresciuto e per il quale tifa fin da bambino. Il cuore del Principino spinge per restare in bianconero, dove ha ancora due anni di contratto, ma il risicato minutaggio della scorsa stagione (814’ in campionato) e le prospettive di un’altra annata non da protagonista (nelle gerarchie del centrocampo si è aggiunto Emre Can) rendono naturale qualche ragionamento. Marchisio e il suo entourage, nonostante la situazione sia chiara, in queste settimane non hanno fatto il giro delle sette chiese a caccia di una proposta allettante proprio perché il 32enne torinese preferirebbe restare alla Juventus. Ma le presenze di Marchisio nell’ultima stagione e il parco centrocampisti dei campioni d’Italia sono conosciuti anche nei salotti del mercato, dove è forte la sensazione che il ragazzo si trovi di fronte a un bivio: accettare di giocare poco alla Juventus o provare un’avventura altrove. In Francia, stavolta però dalle parti della Costa Azzurra, stanno valutando di portare in Ligue 1 un altro protagonista della leggenda juventina dei 7 scudetti consecutivi. Offerte concrete non ce ne sono ancora, ma secondo i ben informati Nizza e Monaco attraverso i soliti intermediari hanno sondato la situazione e cominciato a studiare i possibili margini per convincere Marchisio a prendere in considerazione un’avventura nel campionato di Buffon, Neymar e Mbappé. In Francia il mercato finisce il 31 agosto (non il 17 come in Italia) e quindi c’è più tempo per trovare gli argomenti giusti con il centrocampista juventino. Convincere Marchisio a separarsi dalla Juventus non sarà semplice, però a volte la ricerca di nuovi stimoli aiuta a prendere decisioni che vanno al di là del cuore. Fonte: Tuttosport
  12. CR7 farebbe carte false pur di tornare a giocare con Marcelo: lui sbarcò a Valdebebas due anni dopo rispetto al sudamericano e il feeling s’è man mano perfezionato al punto che mai come questa volta, sulla scorta dell’addio di Zinedine Zidane e del Pallone d’Oro portoghese, non mancano i segnali che possono condurre a una partenza del brasiliano. Tutti i cicli finiscono, del resto. Ieri è stato il turno di Florentino Perez, padre padrone di un Real mai così bersagliato da richieste altrui e con il rischio di un piccolo/grande smantellamento dietro l’angolo. In conferenza, a margine della presentazione del portiere belga Courtois, il presidente del club pluricampione d’Europa non ha smontato ipotetiche architetture di mercato riguardanti Marcelo o lo stesso Luka Modric. Se n’è ben guardato, generalizzando e rilanciando: «Noi puntiamo su ognuno di questi giocatori - ha detto - perché crediamo molto nella grande forza di questa squadra. Siamo al lavoro per migliorare, ma tutti sono già pronti alla sfida. Vogliamo restare la squadra migliore in Spagna, in Europa e nel mondo». Perez, insomma, non blinda nessuno, semmai si trincera dietro il paravento delle maxi clausole rescissorie (come ha fatto apertamente nel caso di Modric qualche giorno fa). E Marcelo aspetta, anche se l’affare non è semplice già solo per il fatto che da Parigi in direzione di Torino per ora viaggino soltanto voci, chiacchiere, auspici non corroborati dalla sensazione di una proposta imminente da 50 milioni per Alex Sandro. Mittente: l’emiro del Paris Saint-Germain, ça va sans dire. Dal terzino più forte al mondo, invece, nessuna chiusura: colpa di un’amicizia mai così salda con Ronaldo, colpa dell’appeal Juve, mai così seducente. Fonte: Tuttosport
  13. Il centrocampista fresco campione del mondo promette: «Ora titoli con la Juve, con l'aiuto di CR7» TORINO - «Sarò sempre un campione del mondo ed è un orgoglio enorme. Ma ora mi aspetta una grande stagione alla Juve, è appena arrivato Cristiano Ronaldo per aiutarci a vincere dei titoli». Così Blaise Matuidi ha parlato ai microfoni di 'Premium Sport HD' a pochi giorni dal suo rientro a Torino. Il centrocampista francese si aggregherà domani al gruppo di Massimiliano Allegri. E poi dovrà trovare il tempo per quel fioretto pre-Mondiale, in caso di vittoria della Coppa del Mondo sarebbe dovuto andare in bici da Parigi a Torino: «Mi tocca, ma occorrerà che trovi il tempo perché non sarà semplice». Fonte: Tuttosport
  14. Nonostante le rassicurazioni dell'allenatore Lopetegui, la scelta di Ronaldo di rimettersi in gioco alla Juventus non ha lasciato indifferenti alcuni dei senatori madridisti. Marcelo è un re a Madrid ma, stando a quanto filtra dal Sud America, gli entusiastici racconti juventini di Cristiano hanno aumentato ulteriormente la curiosità del terzino brasiliano. Marcelo al Real ha vinto tutto e più volte in dodici anni, però se negli ultimi giorni di mercato si presentasse la possibilità di riunirsi a CR7 probabilmente spingerebbe sull’acceleratore come è solito fare quando si sgancia sulla fascia sinistra. Strappare il laterale del Brasile al Real Madrid è complicato, ma nell’estate in cui anche l’impossibile diventa realtà negli ambienti bianconeri una piccolissima possibilità continuano a tenerla viva. Il Paris Saint Germain, seppur alle prese con cessioni che si stanno rivelando più faticose delle aspettative, non ha abbandonato l’idea di rinforzare il binario sinistro con Alex Sandro. Il mancino bianconero, nonostante un’ultima stagione con qualche basso in più rispetto agli standard, resta comunque uno dei migliori interpreti del ruolo: un mix di tecnica, forza ed esplosività. Al Psg le qualità di Alex Sandro sono chiarissime: il ds dei francesi, Antero Henrique, è il dirigente che ai tempi del Porto portò il brasiliano dal Santos al Dragao. La Juventus, soprattutto a questo punto del mercato, prenderebbe in considerazione soltanto una offerta irrinunciabile per Alex Sandro. Nel quartier generale della Continassa non si fanno prezzi però, secondo i ben informati, per far tremare i polsi a Beppe Marotta e Fabio Paratici servirebbe un assegno da non meno di 40-50 milioni, tenuto conto che un anno fa i bianconeri rifiutarono i 60 milioni del Chelsea. Fonte: Tuttosport Juventus e Marcelo, un'operazione possibile negli ultimi giorni di mercato qualora Alex Sandro vada al PSG: decisiva l'opera di Cristiano Ronaldo. Perin, Emre Can, Cancelo, Bonucci e, soprattutto, Cristiano Ronaldo: la campagna acquisti della Juventus è stata di alto livello, per puntare non solo a vincere l'ottavo Scudetto consecutivo ma anche la Champions League, un sogno per tutto il popolo bianconero. E potrebbe non essere finita qui: proprio CR7 potrebbe essere la chiave di volta per un altro arrivo di altissimo valore: il terzino sinistro del Real Madrid Marcelo. L'esterno brasiliano, con maggire propensione alla fase offensiva piuttosto che a quella difensiva, per Cristiano Ronaldo è non solo un grande amico ma anche un grande uomo-assist: grazie alle sue percussioni sulla fascia sfociate in letali cross sono arrivati tanti dei goal messi a segno da CR7. Riformare l'accoppiata 'blanca' regalerebbe alla squadra di Allegri quel di più che potrebbe fare la differenza nel contendere alle altre big il trono europeo. Non sarà certo impresa semplice convincere il Real Madrid a lasciar partire un altro dei suoi senatori, una delle pedine che hanno fatto la storia dei Blancos nell'ultimo decennio, ma secondo quanto riferisce 'TuttoSport' non sarebbe neanche impresa impossibile e proprio CR7 potrebbe giocare un ruolo chiave. Ronaldo, infatti, avrebbe già raccontato all'ex compagno di squadra quanto sia meraviglioso l'ambiente bianconero che ha potuto toccare con mano in questo primo periodo. Racconti che a Marcelo avrebbero fatto venire quanto meno la curiosità di saperne di più. Una mossa, quella di provare a portare a Torino anche Marcelo, che però la Juventus farebbe solo se dovesse partire Alex Sandro. Il brasiliano è da tempo nel mirino del Paris Saint-Germain e i circa 40-50 milioni di euro che servirebbero per fargli raggiungere l'ex compagno di squadra Buffon al 'Parco dei Principi' non sarebbero un problema per il ricchissimo club francese. Il tempo però passa e col mercato italiano che chiuderà il 17 agosto, mentre quello francese lo farà il 31, i margini di manovra si fanno sempre più stretti. Fonte: goal.com
  15. Ronaldomania è poco per descrivere il fenomeno che ha visto scomparire dagli store bianconeri la scorta di magliette che dovevano bastare per un anno. In poco più di tre settimane, da quando c'è stato l'annuncio che Ronaldo era diventato un giocatore della Juve e la maglia bianconera numero 7 è diventata oggetto di culto. E' praticamente impossibile da trovare, a meno rinunciare alla "authentic home" (prezzo 140 euro, la versione più vicina a quella indossata dai giocatori) e di acquistare la "home" (prezzo 90 euro in un tessuto differente), della quale restano comunque pochi pezzi. L'effetto Ronaldo è un tornado, che ha spazzato via l'ordine che la Juventus aveva stabilito con il produttore Adidas affinchè le scorte bastassero per un anno, più o meno 55 mila magliette. Poca lungimiranza degli addetti bianconeri? No, perchè quando l'ordine è stato comunicato all'azienda tedesca,, esattamente un anno fa come da protocollo, i responsabili commerciali non potevano immaginare che CR7 avrebbe firmato per la Juventus.Quindi hanno aumentato il numero di magliette prevedendo la crescita della vendita,ma in linea con l'incremento degli anni passati. Insomma,erano erano abbastanza sicuri che non sarebbero bastate per far fronte all'assalto degli appassionati di Cristiano Ronaldo e dei tifosi della Juventus esaltati dall'acquisto, ma forse neppure loro si aspettavano un successo così clamoroso da bruciare in meno di un mese le scorte che dovevano durarne dodici. Con un calcolo così si può può approssimare che le maglie complessive possa aver sfiorato i 6,5 milioni e mezzo. E in proiezione si può calcolare che il ricavato lordo della sola vendita delle magliette potrebbe toccare una cifra tra i 55 e i 65 milioni di euro. Fonte: Tuttosport
  16. Ramadani ha bussato a casa Chelsea, più volte, ma non è stato ricevuto. Ci ha provato con il Barcellona: sondaggi, interesse magari non sopito in queste ore, però nessun passo ufficiale. Poi ha coinvolto Pep perché a Guardiola servirebbe uno come Pjanic: scottato dalla vicenda Jorginho, il City ha lasciato scivolare. E siccome il mercato in Inghilterra chiude domani, ci vorrebbe il mago Houdini per rendere velocissima una trattativa che avrebbe bisogno di tempo. Nulla escludiamo, le sorprese non si chiamerebbero sorprese, ma la situazione è fin troppo chiara llegri ha sempre ritenuto Pjanic un eccellente interprete del (nuovo) ruolo: davanti alla difesa ha geometrie, intelligenza e tecnica pura. Soltanto che l’idea, non una bocciatura, era originariamente quella di provare a inserire un armadio piuttosto che metterla sul piano dei ricami. Non una bocciatura per Pjanic, semplicemente un’idea. La condizione era quasi un editto da parte della Juve: o erta in tripla cifra, al massimo 80 milioni con ricchi bonus. Aspettiamo ancora per qualche giorno, dovesse essere una pura declamazione verbale senza un pretendente ufficiale, si procederebbe al resto. Ovvero prolungamento almeno fino al 2022, ingaggio da 6-6,5 a stagione, ritocchino di almeno 1,5 rispetto agli attuali emolumenti. Fonte: Il Corriere dello Sport
  17. I dubbi di Miralem Pjanic sono quelli che tutti vorrebbero avere: da una parte rimanere alla Juventus, lottare per la Champions League e giocare al fianco di Cristiano Ronaldo, dall'altra cambiare squadra, firmare un contratto ancora più ricco, comunque vada,finire in una squadra che lotta per la Champions, essendo interessate al bosniaco il Real Madrid, il PSG e lo United. Miralem vive un momento cruciale per la sua carriera, ma cadrà comunque in piedi. Negli ultimi giorni sembra che la voglia di lasciare la Juventus sia meno pressante e stia prendendo molto seriamente in esame l'idea di rimanere a Torino. Il suo nuovo agente Ramadani è a lavoro da diverso tempo, ma al momento non ha portato ancora l'offerta o proposta che Marotta possa ritenere interessante per ipotizzare la cessione del giocatore. Nessuno ha ancora messo sul piatto la cifra di 100 milioni che Marotta ha fissato come quota minima per iniziare a parlare di cessione. Ieri hanno avvistato il bosniaco a Milano, intento a colloquiare con dei procuratori, proprio per prendere in considerazione le alternative a disposizione. Ma negli ultimi tempi, Pjanic sta accarezzando l'idea di rimanere a Torino, con CR7 come compagno di squadra, giocando in uno dei club più importanti e, con l'arrivo di Cristiano Ronaldo, famosi del mondo. Oltretutto, Pjanic non rimarrebbe gratis, perhè la permanenza a Torino sembra sott'intendere un rinnovo di contratto al quale Marotta si metterebbe a lavoro da settembre, aumentando lo stipendio del giocatore, che attualmente è di 4,5 milioni a stagione. Pjanic vuole essere trattato come un leader. In questo momento gli ingaggi dei top player sono intorno ai 7,5 milioni di euro: Pjanic vorrebbe entrare nel ristretto club di quelli che guadagnano di più. Fonte: Tuttosport A meno di offerte clamorose, Miralem Pjanic è destinato a rimanere alla Juventus: pronto un rinnovo da 6 milioni a stagione. Nonostante le voci di mercato e l'accostamento al Real Madrid, Miralem Pjanic non sembra destinato a lasciare la Juventus questa estate. Il bosniaco è rientrato dalla tournée negli States ed ha incontrato i suoi agenti per parlare soprattutto di un argomento: il rinnovo con la Juve. Secondo 'La Gazzetta dello Sport', il bosniaco è ancora al centro del progetto di Allegri e Marotta è pronto a riconoscergli l'adeguamente dell'ingaggio che da tempo attendeva. Con Ramadani, nuovo agente di Pjanic, si cercherà di trovare un accordo sulla base di 6 milioni a stagione con possibile prolungamento del contratto fino al 2022-23 (quello attuale scade nel 2021). Si va dunque verso una permanenza di Pjanic alla Juventus, almeno per questa stagione. Difficile infatti che possa arrivare un'offerta da 100 milioni (la cifra richiesta dalla Juve) dal Real Madrid o dalla Premier, considerando che in Inghilterra il mercato chiude tra due giorni. Ma nel calciomercato, si sa, tutto è possibile e quindi la Juventus rimane pronta ad ascoltare eventuali super offerte. Del resto il sostituto è già nel mirino da tempo e si chiama Milinkovic-Savic: un'eventuale cessione di Pjanic farebbe scattare ufficialmente l'assalto al serbo, ma al momento siamo solo nel campo delle ipotesi. Fonte: goal.com
  18. In meno di tre giorni la Juventus saprà se la via che porta a Milinkovic sarà definitivamente chiusa o ancora ripercorribile. Per i ricchi d'Inglilterra è arrivato il momento di fare acquisti sfrenati, quelli da ultimi giorni di mercato. Vista la chiusura del delle trattative in entrata del mercato in Premier è dopo domani. Il nome di di Milinkovic Savic continua a ronzare nella testa di Mourinho e di Maurizio Sarri. Il pericolo principale è il Manchester United, alle prese con il caso Pogba (il Barcellona è in pressing, la Juve è vigile). Per il club inglese, in caso di addio del francesce, non sarebbe un problema soddisfare le esose richieste di Claudio Lotito in soli due giorni (120-150 milioni). In teoria Milinkovic potrebbe volare oltremanica da un momento all'altro, ma se giovedì alle ore 18,01 sarà ancora un giocatore della Lazio, comincerebbe una nuova partita per il centrocampista serbo. Una partita di mercato dalla quale sarebbero estromesse le big inglesi. E visto il dr Leonardo, che almeno a parole, ieri ha tirato fuori il Milan dalla corsa, la Juventus troverebbe molta meno concorrenza. I pericoli principali sarebbero: il Real Madrid e il PSG. I parigini finora si sono concentrati su Kantè, mentre a Madrid sono alle prese con il mal di pancia di Modric. La chiusura del mercato inglese può cambiare le gerarchie, ma non va escluso un altro scenario: Lotito potrebbe presto ritrovarsi con i bianconeri quali unica società concretamente intenzionata a mettere sul piatto un assegno a tre zeri per Milinkovic. La Juventus per Milinkovic Savic dovrebbe prima cedere Pjanic, per il quale l'offerta da 100 milioni potrebbe arrivare dallo United se parte Pogba, Real Madrid se partono Kovacic e Modric. E, Mendes, il super agente di Cristiano Ronaldo può essere la carta vincente per i bianconeri, visti i rapporti con entrambe le parti. Fonte: Tuttosport
  19. Mancano meno di due settimane alla chiusura del mercato, la Juve spera di non dover ritoccare il reparto terzini. L'augurio sempre più concreto è quello di poter confermare Alex Sandro sulla fascia sinistra contando su un prolungamento di contratto. Mentre in casa Juve sono abbastanza fiduciosi sulla conferma del brasiliano, in Francia sono sicuri invece che nei prossimi giorni il PSG romperà gli induci per il mancino verdeoro. I francesi vogliono compiere il salto di qualità a sinistra e non è un mistero che il ds Antero Henrique, già dirigente di Alex Sandro al Porto, stravede per il laterale juventino. Un offerta irrinunciabile (non meno di 40-50 milioni) potrebbe cambiare gli scenari e obbligare la Juventus a rivedere i piani. Aspettando il rientro in autunno di Spinazzola, Marotta e Paratici sarebbero obbligati a ingaggiare un sostituto di Alex Sandro. Il sogno è sempre Marcelo: il terzino del Real è un grande amico di Cristiano Ronaldo e l'idea di raggiungerlo a Torino non gli dispiacerebbe. Ma strapparlo al Madrid non è molto semplice. Più fattibile resta l'opzione Bernat. E occhio a Emerson, il Chelsea potrebbe cederlo, ieri non era neanche in panchina. Fonte: Tuttosport
  20. L’ ultima volta che si sono incrociati in campo è stato un piacere solo per CR7. A Cardiff, 14 mesi fa, la Juventus perse 4­-1 con il Real in finale di Champions, Ronaldo fece due gol e lo sfortunato piede di Bonucci deviò il pallone dell’1­-0 per i blancos. Cris chiuse la serata con una meritata boccia di champagne e la Coppa tra le braccia, Leo sfilò mesto con la seconda medaglia dei secondi (che non conserva mai, perché le sconfitte si cancellano), senza sapere ancora che quella sarebbe stata la sua ultima partita con la Juventus. Bonucci ieri pomeriggio si è presentato alla Continassa per il primo allenamento. Lui Cristiano hanno parlato della prima serata mondana del portoghese: su consiglio del difensore, mercoledì il fenomeno ha cenato con Georgina al ristorante stellato la «Credenza» di San Maurizio Canavese. Dopo le chiacchiere, tutti agli ordini di Dolcetti, tornato apposta dall’America per allenare il gruppetto torinese (composto anche da Dybala, Douglas Costa, Cuadrado e Bentancur, cui si uniranno a giorni i finalisti Mandzukic e Matuidi). Ronaldo e Bonucci condividono la stessa filosofia: il campo prima di tutto, professionisti che non lasciano nulla al caso. Uno è arrivato a Torino osannato come se fosse il nuovo Messia, l’altro è rientrato con il peccato originale della parentesi milanista. Lui e Cr7 saranno la spina dorsale della nuova Juventus, sfacciatamente proiettata verso la Champions League. Leo difende e imposta dalle retrovie, Cristiano è abituato a trasformare in oro quasi ogni pallone che tocca. Ronaldo ha scelto la Juventus per arrivare sul tetto d’Europa con una squadra meno abituata del Real a stare a certe altitudini, Leonardo è tornato a casa per ragioni di cuore ma anche per coronare il sogno europeo. Ed è soprattutto per l’assalto all’Europa che la Juventus, dopo aver fatto il colpo CR7, ha assecondato il desiderio di Bonucci di tornare bianconero. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  21. Giorgio Chiellini, capitano della Juventus, ha parlato al sito ufficiale del club dopo l'ultima partita della ICC: "Abbiamo fatto 15 giorni intensi, con tanti viaggi in stadi belli e diversi. Abbiamo fatto delle belle partite, messo minuti nelle gambe e fatto capire ai nuovi la mentalità che serve per giocare alla Juventus. Adesso avremo un paio di giorni liberi e poi ci troveremo con gli altri da mercoledì per iniziare a preparare davvero la stagione. Però credo che il bilancio sia positivo. La doppietta di Asensio? Potevamo finirla anche 1-0 a dir la verità, in un quarto d'ora abbiamo preso 3 gol, con il Real gli errori li paghi e mentalmente non abbiamo tenuto sempre. I viaggi, la stanchezza e le 4 partite in 10 giorni hanno influito. Devo fare i complimenti a tutti i ragazzi che erano qua, hanno fatto una tournée fantastica ed è merito loro se è andata così. I nuovi? Si stanno integrando bene, sicuramente meglio gli italiani perchè la lingua e la cultura aiutano. Cancelo ha ottime qualità, si sta integrando bene: deve capire alcune cose, ma ci sarà davvero utile, ha un passo interessante. Andrà disciplinato, ma ha qualità superiori alla media. Cristiano Ronaldo? L'entusiasmo positivo è ben accetto, ne avevamo bisogno, è una scossa di energia che ci frà alzare il nostro livello. Non dobbiamo però pensare di aver già vinto lo scudetto o di vincere la Champions". Fonte: Il Bianconero.com
  22. Pogba e Mourinho sono sempre più distanti. L'ultimo strappo dopo all'invito-richiesta dell'allenatore a rientrare un po' prima dalle ferie post Mondiale il francesce ha risposto con una grande festa a Los Angeles con amici e parenti, per poi traferirsi nella Polinesia francese e da lì a postare video e fotografie estremamente vacanziere. Non sono solo le migliaia di chilometri a dividere il tecnico e il suo centrocampista, perchè nei corridoi del mercato si mormora da tempo che l'attrito tra i due è vicino ai livelli di guardia. Così dopo l'ennesimo strappo di un'estate in cui Pogba ha apertamente ammesso che giocherebbe volentieri altrove e ha messaggiato i suoi ex compagni juventini auspicando un suo ritorno, i dirigenti bianconeri continuano a stare in agguato. Al ritorno di Pogba ci hanno lavorato già prima dell'operazione Cristiano Ronaldo, perchè allegri aveva esplicitamente chiesto un centrocampista con le sue caratteristiche. Raiola ha tessuto silenziosamente la sua tela, ma in questo momento manca la condizione necessaria per l'assalto bianconero: la cessione di Pjanic, indispensabile per finanziare l'operazione Pogba e dare e per fare spazio al francese nell'affollato centrocampo di Allegri. Pjanic da parte sua ha cambiato procuratore scegliendo Ramadani che da tre settimane lavora per lui, parlando con i principali club europei con il silenzio assenso di Marotta, che tuttavia, ha posto un paletto: 100 milionid i offerta per prendere in considerazione l'affare. Ma restano due settimane di trattative; il mercato internazionale sembra essersi scaldato solo negli ultimi giorni, la Juventus è pronta: da una parte rimbalzano voci su Milinkovic, senza riscontro concreto ma decisamente insistenti, dall'altra c'è il ritorno di Pogba, difficile da mettere insieme, ma forte dalla volontà del giocatore. Fonte: Tuttosport
  23. Una strategia che la società sta pianificando, anche per il 2019, per uno dei tre colpi di mercato di cui sono state poste le fondamenta. Nello specifico parliamo di Rabiot, giocatore che la Juve segue da molto tempo. Rabiot ha il contratto in scadenza, i bianconeri si stanno muovendo perchè la prossima settimana possa arrivare a Torino a costo zero. Una situazione che però potrebbe cambiare se arrivasse un'offerta monstre per Pjanic, oppure se fossero recepiti i sondaggi di altri club a Parigi (indiziato il Milan). A quel punto la Juventus potrebbe farsi sotto per avere subito Rabiot, valutato 50 milioni.Un 2019 che potrà andare incontro a un ulteriore ringiovamento, alla ricerca di elementi di qualità. Come Antonino La Gumina. Il centravanti è atteso al debutto in serie A con l'Empoli, che ha pagato 9 milioni per averlo. Il presidente Fabrizio Corsi: "Non c'è stata nessuna sinergia con la Juventus, ma siamo in sintonia. Diciamo che ha una sorta di prelazione in virtù dei nostri rapporti. Se La Gumina farà bene, la Juventus avrà la priorità". Una priorità che la società bianconera dovrebbe avere ottenuto anche per Federico Chiesa. Con il club viola i rapporti viaggiano sempre sul filo del rasoio, anche per via di una piazza che non ama il bianconero e che non aveva preso benissimo il trasferimento di Bernardeschi la passata stagione. Ma Fiorentina e Juventus hanno appena chiuso il trasferimento di Pjaca in Toscana e avranno parlato anche di Chiesa.Per l'azzurro non potrà mai esserci una dichiarazione come quella di Corsi per La Gumina, ma le basi sono sono state gettate. Fonte: Tuttosport
  24. Solo uno tra Caldara e Rugani poteva restare perchè le leggi del bilancio imponevano una cessione, anche se i difensori giovani non li venderesti mai. Caldara è andato al Milan, Rugani è rimasto alla Juventus. Adesso è diventato incedibile per la Juventus e ha una grande occasione di dimostrare che hanno sbagliato tutti: i bianconeri a pensare di sacrificarlo e il Chelsea a non spendere per strapparlo alla Signora. Per riuscirci ha una sola strada: fare l'ultimo salto di qualità, quello che i bianconeri aspettano da tre anni. Daniele ha grandi maestri nello spogliatoio: da Chiellini, Barzagli e Bonucci si può solo imparare. E' arrivato il momento di liberarsi di quells sorta di timidezza che l'ha un po' caratterizzato da sempre. La cattiveria per un difensore è una qualità importante e adesso Rugani deve tirarla fuori. E' ancora giovane, ha maturato una buona esperienza, non gli manca nulla e infatti nella scorsa stagione ci sono state alcune partite in cui sembrava essere cresciuto. Forse gli serve un po' di consapevolezza, di autostima, di fiducia. E dopo questa mancata cessione anche lui giocherà più libero. Tutti si aspettano che la coppia della Nazionale sia Caldara-Romagnoli,favoriti dall'abitudine di giocare insieme nel Milan. Ma Rugani ha i mezzi tecnici e fisici per imporsi con la maglia bianconera e con quella azzurra. Deve solo crederci e sfruttare le occasioni che gli concederà Allegri. Che non mancheranno, visto che Chiellini, Bonucci, Benatia e Barzagli non sono più giovani. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  25. Un anno fa Leonardo Bonucci ha salutato la Juventus approdando al Milan come nuovo capitano in grado «di spostare gli equilibri» - e mai dichiarazione gli si è ritorta così tanto contro -, da ieri il centrale pentito ha dismesso la casacca rossonera, lasciando il ritiro statunitense dopo pranzo per atterrare oggi in Italia e raggiungere la Continassa, ed è diventato un nuovo acquisto bianconero. Un’andata e ritorno Torino-Milano che il giocatore ha fortemente voluto in entrambi i sensi di marcia: ma se l’estate scorsa ha adottato un atteggiamento da spaccone, credendo di poter essere la bandiera della rinascita rossonera, ora il figliol prodigo deve cospargersi il capo di cenere per riconquistare i “suoi” tifosi. Quelli che, nelle 7 stagioni bianconere, lo hanno idolatrato perché Bonucci è stato più di un giocatore: ha vestito i panni dell’ultrà in grado di infiammare gli animi, di incarnare ai massimi livelli l’orgoglio gobbo, in prima fila nella curva del J Stadium quando doveva scontare una squalifica. Tanto amato quanto odiato nel momento del tradimento, tanto amato quanto ora è osteggiato il suo ritorno. Bonucci deve riguadagnare la fiducia e l’affetto dei tifosi, che sui social continuano a contestare lo scambio con Mattia Caldara. Prima che sul campo, dovrà farlo a parole, magari ammettendo pubblicamente quello che ha riconosciuto nel privato, cioè di aver commesso errori nella gestione del trasferimento a Milano. Leo parlerà in conferenza stampa, venerdì di questa o della prossima settimana (prima comunque di Villar Perosa, quando ci sarà la sua prima uscita pubblica), e in quel contesto chiarirà le motivazione che lo hanno convinto a fare marcia indietro. La sua forte personalità gli sarà utile per affrontare la situazione, ma aspettiamoci dei fischi quando entrerà in campo con la maglia bianconera. Non lo abbatteranno: anzi, saranno uno stimolo per caricarsi e ribaltare l’opinione che una parte dei tifosi ha nei suoi confronti. Per tornare a Torino il difensore si è poi ridotto l’ingaggio: firmerà un contratto di 5 anni a 5 milioni a stagione. Al Milan ne guadagnava 8 all’anno più bonus, ora i premi gli serviranno per recuperare parte del taglio. Infine, il numero di maglia: Mattia Perin sembra disposto a cedergli la numero 19, sarebbe un gesto di umiltà da parte di Leo rinunciarci. Fonte: Tuttosport
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.