Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'inter'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 97 risultati

  1. Gara corretta, che rischia di accendersi solo a metà del secondo tempo, ma rientra subito nei binari. Al 4’ Chiellini contrasta regolarmente Icardi nel cuore dell’area. Al 6’ giusto giallo a Pjanic per l’entrata su Joao Mario. Al 16’ Matuidi in ritardo su Gagliardini, poteva starci l’ammonizione. Al 23’ manata di Cristiano Ronaldo a Skriniar: intervento involontario ma il difensore è costretto a medicarsi il naso sanguinante. Nella ripresa, in tre minuti, dal 9’ al 12’, vengono ammoniti Bentancur per un’entrata pericolosa su Gagliardini, Perisic per un fallo su Dybala, Brozovic per un intervento ancora sul numero dieci argentino. Gialli che Irrati spende per stemperare una tensione crescente. Nel recupero l’arbitro di Pistoia macchia un po’ la sua prestazione risparmiando il giallo a Mandzukic che stende Skriniar e allo slovacco che un minuto dopo dà un colpetto col gomito al croato. La Gazzetta dello Sport Contrasti ferrei, braccia al cielo e urla su ogni palla contesa. Irrati in fin dei conti non ha torto a resistere inizialmente alla tentazione di estrarre il giallo su tutto ciò che si muove. Lo fa subito per un fallo tattico di Pjanic su Joao Mario, e va bene. Risparmia invece Brozovic su Dybala, Icardi che schiaffeggia Pjanic con il piede, Cristiano che schiaffeggia Skriniar con la mano e Bentancur che falcia Icardi. Ecco, in quest’ultimo caso probabilmente la prudenza lo consiglia male. Se ne rende conto e improvvisamente cambia marcia. Anche perché i giocatori nel secondo tempo mollano il rastrello e prendono la vanga. In due minuti finiscono sulla lavagna Bentancur (a proposito: era diffidato, salterà il derby), Perisic e Brozovic, tutti senza potersi lamentare di alcunché. Il gioco si fa duro, la Juventus comincia a giocare e Cancelo è in posizione valida quando schizza sul lancio di Matuidi a ricevere il pallone che poi deporrà in area per Mandzukic. Due punizioni dal limite dell’area, una pericolosa per la posizione, calciata per l’Inter da Perisic e deviata in barriera da Matuidi (che l’aveva causata impedendo a Borja Valero di provare il destro); l’altra pericolosa giusto perché la tira Cristiano, e in questo caso il portoghese bastona la barriera. C’erano entrambe. Irrati è paziente, puntuale, chiaro nelle indicazioni. Un buon padre di famiglia. Lo aiuta il destino che sposta tutti gli eventuali episodi controversi nelle zone anonime del campo. Soprattutto si aiuta da solo, mantenendo la calma dei competenti. Il Corriere dello Sport
  2. giusardegna

    Il pre-partita di VecchiaSignora: Juventus-inter

    Juventus (4-3-1-2): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, De Sciglio; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Dybala; Mandzukic, Ronaldo.
  3. C’è stato un momento candido innocente, puro, in cui Paulo e Mauro si sono voltati sul palco del Gran Galà del calcio e il loro sguardo si è incrociato. Hanno sorriso come tra amici, hanno scambiato qualche parolina nella loro lingua madre e, per un attimo, hanno pensato a tutt’altro e non alla prossima sfida di campionato. Che poi è La Partita. Nell’ultima occasione in cui le rispettive squadre si sono affrontate, i destini di Paulo e Mauro si sono incrociati. Il primo, Paulo Dybala, è entrato tra le fila dei bianconeri al 16° minuto del secondo tempo e ha cambiato le sorti del Derby d’Italia: sono infatti suoi i due assist decisivi per l’incredibile rimonta bianconera di San Siro da 1-2 a 3-2. Il secondo, Mauro Icardi, autore della rete del pari dopo il vantaggio iniziale di Douglas Costa e sostituito con Santon inspiegabilmente da Spalletti al 39° della ripresa con i suoi sopra 2-1, ha visto dalla panchina i compagni subire l’uno-due di Cuadrado e Higuain e, a un passo dal successo, capitolare di fronte all’armata bianconera. Poi quelle lacrime a fine match che lo hanno reso così umano. Una sconfitta, per i nerazzurri, che fu difficile da digerire e non solo per i presunti torti arbitrali. Tradotto: espulsione di Vecino e mancato rosso a Pjanic. Mentre in casa bianconera, quella vittoria fu la partita che ha dato il là al settimo scudetto dei bianconeri. In quellache, per entrambi, è stata una stagione da record: 22 le reti segnate in campionato dello juventino, addirittura 29 i gol più il titolo di capocannoniere assieme a Immobile per il capitano nerazzurro. Così simili, Paulo e Mauro: poiché entrambi argentini, poiché nati nel 1993 e poiché sempre protagonisti in campionato. Ma i due sono anche così diversi. Se Dybala è un ragazzo riservato e tranquillo, in sintonia con lo stile torinese, Icardi con i suoi infiniti tatuaggi e la sua passione per i social network fa sempre notizia, accompagnato dalla esuberante compagna Wanda Nara. C’è una cosa che, però, li accomuna da qui a venerdì. La voglia di regalarsi una notte speciale, dopodomani, all’Allianz Stadium, in un Derby d’Italia che può valere più dei tre punti da assegnare. Perché Icardi quando vede bianconero si accende (8 reti in 10 presenze), mentre Dybala, a sorpresa, non è ancora mai riuscito a bucare la rete in campionato contro i nerazzurri. «Sarebbe bello segnare, spero possa essere così e che la Juve vinca», il commento della Joya bianconera, che è oramai è un simbolo del club e vicecapitano della squadra dietro Giorgio Chiellini. «I gol più belli? Quelli contro la Juve rimarranno sempre impressi...», ci tiene a sottolineare Maurito, il capitano dell’Inter. E pensare che entrambi avrebbero potuto vestire la stessa maglia, quella bianconera, dopo che la stessa Juve in estate tentò di strappare ai rivali il suo bomber. «La Juve voleva Mauro», a rivelarlo fu la stessa Wanda, moglie di Icardi. Intanto, però, oltre che rivali, Paulo e Mauro si ritrovano ora compagni di squadra e partner d’attacco di una Nazionale argentina scottata da un altro flop mondiale e in cerca di riscatto. Due settimane fa Dybala e Icardi hanno trovato, per la prima volta, la via del gol con la maglia della Selección nel successo per 2-0 nell’amichevole contro il Messico. Era ora, finalmente. Insieme a segno nella stessa partita. Così simili, appunto. E anche così diversi. Fonte: Il Giornale
  4. Adrien Rabiot. Qualcuno poco attento, d’istinto, potrebbe pensare che sia già un giocatore della nostra Serie A da un po’. Era la primavera del 2014 quando Walter Sabatini aveva trovato l’accordo per portarlo alla Roma, fresco diciannovenne. Lo seguiva e lo voleva anche la Juve, che non ha mai smesso di apprezzarlo e di monitorarlo. Poi è stata la volta del Milan, quindi del Napoli. E dalla scorsa primavera del’Inter. Cercato, voluto, preso, Sfiorato. Tutto. Una rincorsa durata quattro anni e passata attraverso un primo rinnovo di Rabiot al Psg. Curioso - ma nemmeno tanto, è la legge del mercato - che il capitolo Rabiot si riapra alla seconda scadenza contrattuale parigina, che recita 30 giugno 2019. In due parole: ci siamo. E le pretendenti sono quattro: Juve e Inter in Italia - bizzarro pure che il testimone sia lo stesso dirigente a passarselo idealmente, parliamo di Beppe Marotta -, Barcellona e Real in Spagna. E allora, cominciamo dal nostro orizzonte, quello della Serie A. Mettiamo a fuoco meglio la vicenda. Partendo dai protagonisti. Uno in particolare assume un ruolo chiave in questa storia. Era Fino a poco fa l’amministratore delegato e il direttore generale della Juve, salirà ai ruoli operativi di vertice dell’Inter: è Giuseppe Marotta e questo è il primo derby d’Italia di mercato che potrebbe accendere con i vecchi compagni di viaggio sapendo di trovare dall’altra parte una sua “vecchia” creatura, un osso duro come il ds bianconero Fabio Paratici. Suggestiva l’immagine di questo duello: per il livello del calciatore - che non ha mai nascosto di avere Zidane come idolo - e per i protagonisti della sfida strategica. E se al di là delle Dolomiti c’è Rabiot, al di là dei Pirenei c’è la Spagna del Barcellona e del Real, entrambe alle prese con un’asta a distanza, fatta di telefonate, proposte, promesse. Qualcuno dice che le pretese economiche, di ventate notevoli e rigide, di Rabiot siano così perché qualcuno (il Barcellona) gli ha già preparato il piatto. E invece no, il principe Adrien è lì, tra i Pirenei e le Dolomiti. E la partita è apertissima. Fonte: Il Corriere dello Sport Rabiot, come idea seria e concreta per un rinforzo in mediana, magari già a gennaio considerati i contrattempi che stanno interessando il reparto cruciale della macchina praticamente perfetta guidata da Massimiliano Allegri. Adrien, classe ’95, è diventato grande, da talento di enorme prospettiva a punto fermo della formazione parigina. E in modo direttamente proporzionale alla sua crescita si sono impennate anche le sue pretese contrattuali. Rabiot andrà in scadenza nel giugno 2019, situazione che lo rende un boccone prelibatissimo sul mercato. Ai bianconeri, Adrien piace da tempo, dal 2014, e l'interesse non è mai scemato. Intanto che ora sembra arrivato il momento di accelerare. E allora bisogna tornare allo scorso 7 ottobre: ad assistere a Psg-Lione, in tribuna al Parco dei Principi c'era il direttore sportivo della Juve, Fabio Paratici. Nulla di strano, per carità, però quella sera sarebbe andato in scena anche il contatto diretto tra il ds bianconero, Rabiot (squalificato nell'occasione) e il suo entourage. Un colloquio utile a approfondire le rispettive posizioni, i rispettivi progetti e per confermare l'interesse forte da parte juventina. Da quel giorno, il filo non si è mai spezzato e il lavoro sotto traccia del club campione d'Italia prosegue senza sosta. L'ideale sarebbe piazzare il colpaccio a parametro zero a giugno, sfruttando le resistenze al rinnovo con il Psg da parte del ragazzo. CdS
  5. Solo uno fra tanti esempi possibili per mettere in evidenza quanto a volte certi gesti suscitino reazioni diverse a seconda di chi li fa, del destinatario a cui sono rivolti, e della panchina su cui si è seduti. O delle penne che scrivono gli articoli, che trasformano 2 minuti (totali) di cori biasimabili (come mille altri che capitano a chiunque) in "90 minuti di offese", o addirittura 180. Per precisare... la reazione di Balotelli avvenne durante un famoso Inter-Roma del 2009, finito 3-3, nel corso del quale Balotelli (un giocatore, non un allenatore) dopo aver segnato un calcio di rigore, tra l'altro inesistente, e che scatenerà le proteste di Spalletti a fine partita ("sarà mica un caso se dopo le ultime quattro gare che abbiamo giocato qui le prime domande che mi avete rivolto hanno riguardato gli errori arbitrali?") reagì ai "buu" dei tifosi della Roma che lo prendevano di mira ogni volta che toccava palla. Bruno Conti commentò: "Complimenti a Mourinho per come insegna l'educazione a Balotelli" [Nello spoiler sottostante un articolo che ricorda quella partita, soffermandosi sulle proteste romaniste e appena accennando al gesto di Balotelli]
  6. Atalanta Bologna Cagliari Chievo Empoli Fiorentina Genoa Inter Lazio Milan Napoli Parma Roma Sampdoria Sassuolo Spal Torino Udinese
  7. L’Inter non ha paura, piatto ricco, nasce l’armata del Ninja 1Nainggolan è l’uomo più atteso per il debutto di oggi contro il Lugano Il popolo nerazzurro è carico, nonostante l’arrivo alla Juventus di CR7 Con gli occhi di chi tra le mani sa di avere una macchina affidabile. Con le parole del capitano con le previsioni meteo in mano, e non c’è mare in tempesta fuori. Con la postura, la solita, che trasmette certezze, quando non ancora una piacevole arroganza. È Spalletti Luciano, non dubitate. È quello che si fa una domanda e si dà una risposta, senza rubare il mestiere a nessuno: «Perché non dovremmo far bene?». Lugano è la prima tappa di un Giro che Spalletti pensa di poter vivere in prima fila, e pazienza se la maglia rosa ha il 7 di Cristiano Ronaldo: «Una volta la Serie A era il meglio – ha spiegato il tecnico –, era una corsa ad essere la più forte delle forti. Ecco, penso che l’arrivo di Ronaldo a Torino possa ricreare questo meccanismo di gioco al rialzo. È uno slancio a cui bisogna agganciarsi. Se si lotta solo per il secondo posto? Nessuno può farci sentire inferiori senza il nostro consenso. Io non so se saremo tra quelli che tirano il gruppo, ma sicuramente dovremo farci trovare nella scia delle più forti. Dobbiamo arrivare in fondo a tutte le competizioni. Non avremo periodi bui come lo scorso anno: la rosa è migliore». Fonte: La Gazzetta dello Sport
  8. Campionato Primavera 1 2017/18 : semifinale INTER - JUVENTUS Stadio Enzo Ricci, Piazza Risorgimento - Sassuolo (MO) Mercoledì 06 giugno 2018, ore 18.00 DIRETTA TV SPORTITALIA (disponibile anche lo STREAMING SUL SITO UFFICIALE) E RAISPORT INTER: Pissardo; Valietti, Nolan, Lombardoni, Bettella, Sala; Emmers (82' Gavioli), Pompetti, Zaniolo; Colidio, Belkheir (46' Rover) A disp.: Dekic, Tintori, Adorante, Schirò, Corrado, Rada, Roric, Zappa, Vergani, Merola All. Stefano Vecchi JUVENTUS: Del Favero, Vogliacco, Tripaldelli, Zanandrea, Fernandes, Serrao (67' Capellini), Di Pardo, Olivieri, Jakupovic, Portanova (77' Montaperto), Merio (67' Morachioli) A disp.: Loria, Meneghini, Anzolin, Delli Carri, Morrone, Freitas, Da Costa, Galvagno, Petrelli All. Alessandro Dal Canto Marcatori: 49' Zaniolo (I) Ammoniti: 47' Portanova (J), 86' Rover (I) Note: 16' palo colpito da Belkheir (I)
  9. Il messaggio di Asamoah da Twitter prima di lasciare la Juventus :
  10. Corretto l’intervento della Var sull’entrata di Vecino e ok il successivo cambio di cartellino (da giallo a rosso) deciso da Daniele Orsato. E’ questo il responso unanime di tutti i vertici arbitrali chiamati in causa non solo sulla valutazione del fallo, ma soprattutto sulla corretta applicazione del protocollo Ifab (ancora in fase di sperimentazione) per la tecnologia. Su quest’ultimo passaggio i dubbi potevano arrivare da un fatto: Orsato in diretta aveva visto l’entrata dura subita da Mandzukic, fischiando il fallo e soprattutto ammonendo l’interista. Era da considerare un «chiaro errore» aprendo la via alla revisione oppure no? Sabato sera a partita ancora in corso c’è stato un giro di telefonate che avevano come terminale Roberto Rosetti, responsabile del progetto Var per l’Italia e anche per la Fifa in vista del Mondiale in Russia. E gli eventuali dubbi sono stati spazzati. E allora spieghiamo quali sono le direttive in casi simili: preservare l’integrità fisica del calciatore è un imperativo categorico per gli arbitri. Non sono ammesse entrate con malizia che potenzialmente possono causare un grave danno all’avversario. Una discriminate importante è la posizione del pallone: più è distante (e quindi non c’è la possibilità di prenderlo), più il fallo diventa pericoloso e quindi da rosso. In più a livello di Fifa e Uefa c’è un’aggravante: la presenza del sangue e di una ferita. Dopo il giallo, Orsato ha un doppio binario per andare a rivedere l’episodio: chiama lui la Var perché ha un dubbio se il fallo sia da espulsione diretta, sospetto che può aumentare una volta che si accorge delle conseguenze riportate da Mandzukic; oppure c’è un confronto con il Var (Valeri nell’occasione) che gli spiega come il pallone non sia giocabile da Vecino e quindi l’entrata meritasse la review. Certo, Orsato dopo il passaggio al monitor poteva anche confermare la scelta fatta live (giallo) perché da protocollo spetta sempre all’arbitro in campo l’ultima parola. Forse c’era il margine per farlo, ma l’espulsione è considerata dai vertici arbitrali la decisione giusta, l’unica da fare in presenza di un’entrata brutta (tacchetti piantati tra tibia e caviglia), pericolosa e con palla non giocabile. Ma la Var poteva pure intervenire sul mancato se condo giallo a Pjanic? No, per due motivi. Detto che la scelta di non ammonirlo di nuovo è stata considerata una svista non giustificabile (e in generale la serata di Orsato nel complesso è stata sotto la sufficienza. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  11. Il periodo è grigio nonostante il sole primaverile ma per fortuna ci sono gli affetti a fargli ritornare il sorriso. Gonzalo Higuain domenica ha visto la sua ex squadra sbancare a Torino e tutto ciò che è successo all’Allianz Stadium non è stato facile da digerire, anche perché lui si era abituato a essere decisivo contro gli azzurri (5 centri in 4 sfide). Il Pipita si è rifugiato in famiglia, dove tutto è pronto per accogliere la piccola Alma, la primogenita del Pipita e della fidanzata Lara. Alma significa anima e Higuain desidera più di ogni altra cosa regalarle lo scudetto. «Nasce a maggio, e speriamo col tricolore sotto il braccio», è lo slogan appena sussurrato all’interno del clan di Gonzalo. Il problema è che Higuain ultimamente ha smesso di segnare. Si è fermato quando aveva deciso di svelare il perché della nuova esultanza (con la mano alla fronte, come se fosse un saluto militare), ma la Juventus ha assoluto bisogno dei suoi gol per mettere in cassaforte il settimo titolo. Le statistiche dicono che da quando è in Italia ad aprile ha realizzato 10 reti in 18 partite (media di 1,8 a gara) e non ha mai chiuso il mese senza marcature. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  12. Orsato disastroso, prestazione assolutamente non all’altezza di un match di così alto profilo. Condiziona la partita con il rosso a Vecino, sbagliato, e con il secondo giallo non mostrato per due volte a Pjanic. Partiamo dai cartellini. Al 15’ pt Vecino insegue un pallone sul quale si fionda anche Mandzukic che lo anticipa in tackle: il contatto c’è, i tacchetti lasciano segni profondi, ma nella dinamica dell’azione Vecino non fa in tempo a tirare via il piede. C’è imprudenza ma non una vigoria sproporzionata: Orsato dà il giallo, poi va al video e mostra il rosso, sconfessandosi. Non utilizza lo stesso metro nell’ammonire Barzagli (45’ pt) che entra tardi sul piede di Icardi. Dopo l’errore su Vecino continua a infilarne altri. Grazia due volte Pjanic dal secondo giallo: al 28’ pt non fischia il pestone a Rafinha, al 12’ st non lo sanziona dopo un’entrata dura su Rafinha (giallo però a D’Ambrosio per proteste). Mancano altri gialli: al 35’ pt non viene proprio fischiata l’entrata di Alex Sandro ruvida e con gomito alto su Cancelo (proiettato verso l’area); al 38’ pt stessa sorte per l’evidente ostruzione di Cuadrado su Perisic; al 47’ st non viene fischiata. a spallata di Skriniar a Higuain, una entrata che andava certamente punita con il giallo se non con il rosso. Sul gol di Douglas Costa (1-0) il guardalinee Manganelli appare interdetto, il Var aiuta: sul cross di Cuadrado, Douglas Costa è in gioco; sarebbe finito in offside se Matuidi avesse spizzato la palla, ma non è così. Sbaglia però Manganelli a non alzare subito la bandierina sul gol di Matuidi poi annullato: è nettamente in fuorigioco al momento del cross e a centro area non c’è nessuna giocata di Skriniar (da rivedere il contatto con Higuain, come un intervento di Barzagli su Icardi nella ripresa). Il Corriere dello Sport Tanti gli errori, anche nei piccoli episodi: la spia della serata no. Certo, non è stato aiutato dal Var Valeri che anzi forse ha contribuito a far diventare il match un Mortirolo. Detto che il primo gol della Juve è regolare (Matuidi non tocca il pallone, Costa non è in offside), arriviamo al rosso per Vecino al 18’: entrata da arancione su Mandzukic, con tacchetti piantatisullo stinco del bianconero a terra dopo una scivolata. Orsato vede ed estrae il giallo: ci sta, perché è un episodio al limite. Valeri lo valuta come «chiaro errore» e invita il collega alla review. Una scelta, quella di Valeri, parecchio discutibile. Fatto sta che Orsato cambia il cartellino in rosso dopo aver passato pochi secondi al monitor, probabilmente avendo rivisto una sola immagine. L’espulsione pare eccessiva, il giallo non era un chiaro errore. Da qui in avanti Orsato rincorre la gara, sbagliando diverse valutazioni. La più grave: manca il 2° giallo per Pjanic quando nella ripresa frana in modo scomposto e imprudente su Rafinha (colpito al petto e al viso col gomito). Male anche l’assistente Manganelli: alla fine del primo tempo si perde il netto offside di Matuidi che segna il 2­0. Gol convalidato e poi cancellato dalla Var. Poco prima: tackle molto duro di Barzagli su Icardi (tacchetti alti sul polpaccio), anche questo da arancione e punito col giallo. Condivisibile (meno ripensando a Vecino). Sempre nel primo tempo manca una punizione all’Inter per il netto fallo di Sandro su Cancelo vicino al limite dell’area. Da punire anche l’ostruzione di Cuadrado su Perisic, giusto non intervenire per il contatto tra Pjanic e Rafinha. Nel recupero: Skriniar dritto su Higuain, manca la punizione dal limite per la Juve e minimo il giallo al difensore. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  13. Vigilia di Inter-Juventus. Massimiliano Allegri presenta il determinante derby d'Italia, in programma domani sera in un San Siro tutto esaurito, nella conferenza stampa della vigilia al Media Center di Vinovo. Tuttojuve.com riporta integralmente e in tempo reale le parole del tecnico bianconero: Questo è il periodo più tribolato della sua gestione, tra tutto quello che è successo - presenza dei tifosi qua, sondaggi, situazioni di spogliatoio che sono state sbandierate ai quattro venti poi smentite da Buffon - se in questo calderone si sente nel periodo più tribolato della sua gestione. Tribolato... Quando sono arrivato era un po' peggio rispetto ad ora (ride, ndr). Per quanto riguarda i tifosi, direi che sono venuti per farsi sentire vicini e soprattutto per sostenerci in questo momento perché abbiamo questo finale di stagione dove è ancora tutto in ballo e quindi hanno voluto far sentire la loro vicinanza. Per quanto riguarda invece lo spogliatoio, dispiace sentire queste cose perché sono cose senza fondamento e soprattutto vanno a toccare la professionalità di tutti. Però non è né la prima né l'ultima volta. Sono già successe queste robe, queste notizie che vengono fuori, dobbiamo solo farcele scivolare addosso serenamente perché il nostro obiettivo è quello di giocare. Abbiamo cinque partite per arrivare in fondo, siamo ancora in ballo su due obiettivi e dobbiamo fare il possibile per creare i presupposti per portarla a casa come facciamo sempre e abbiamo sempre fatto. Poi come tutte le cose nella vita ci sono momenti in cui le cose ti vanno meno bene e in questo caso si parla di risultati sportivi. Ma questo non vuol dire che la squadra è passata da una squadra di fenomeni imbattibili come veniva scritto a una squadra di brocchi. L'equilibrio deve sempre regnare. Abbiamo da giocare una grandissima partita domani sera a San Siro contro l'Inter, il derby d'Italia in uno stadio meraviglioso dove di devi mostrare e devi giocare, contro una squadra che ha subito solo 23 gol e solo 2 nelle ultime 9 se non sbaglio. Bisogna quindi fare una grande partita e poi ce ne saranno altre tre. Io credo che il campionato non si deciderà tra domani e domenica ma sarà ancora lunga, perché nel calcio di cose al contrario ne abbiamo viste tante. Domenica avevi giustamente alzato un po' i toni e avevi detto "questa settimana mi diverto io". Volevo sapere, cosa intendevi, se ti sei divertito e se la settimana include anche domani sera e pensi di tornare a divertirti? Mi diverto perché le cose piatte non mi piacciono a me, non fan parte della mia vita. La monotonia è una roba brutta. E quindi questi momenti sono belli. Potevi aver vinto lo scudetto prima, invece no! Ora è bello, bisogna tirare fuori il coraggio, l'incoscienza e la spensieratezza. E comunque sono bei momenti da affrontare con entusiasmo e con voglia di volontà. Domani bisogna su tutti i palloni e pronti sui contrasti. Domenica col Napoli abbiamo fatto 8 falli e subiti 18. Questo è importante per il Napoli, un dato negativo per noi. Questo la dice tutta sull'andamento della partita. Domani è una partita in cui fare il metro in più, giocare per il compagno, fare una partita giusta, tosta, altrimenti non ne esci vivo da San Siro. Nessuno ha che siete diventati brocchi, tutt'altro. Quindi vorrei spiegassi tu cos'è successo nelle ultime settimane. Il perché di questo calo nei risultati, certamente, ma anche nel rendimento. Una partita decisiva come quella del Napoli giocate così.... Voi le partite decisive non le avete mai sbagliate. Volevo chiedere se c'è un calo mentale e se questa tua spensieratezza è condivisa dalla squadra che invece mi sembra un po' più pensierosa. Domani non bisogna essere assolutamente pensierosi, ma da qui alla fine. È semplice, più siamo pensierosi e peggio giochiamo. Domani sera alle 20.45 fischia l'arbitro e c'è da giocare una partita di calcio, né più né meno. La Juventus nell'ultimo periodo credo abbia fatto delle buone partite. A Crotone abbiamo fatto una brutta partita, dove abbiamo preso un tiro e abbiamo preso un gol e dispiace aver lasciato punti. Con il Napoli nello scontro diretto è successo di tutto, in una brutta partita dove abbiamo preso gol al 90'. Quest'anno abbiamo preso tanti gol al 90'. In quei momenti lì quando pensi che la partita sia finita è il momento in cui devi stare più attento. Comunque il campionato è da giocare. Leggo, e magari sarà anche giusto, che il Napoli è favorito e le vince tutte e quattro, noi a questo punto dobbiamo solo pensare a fare e fare il massimo possibile per raggiungere questo straordinario risultato che sarebbe il settimo scudetto. Non possiamo fare altro. Una cosa è certa, quello che non dobbiamo fare è aggrovigliarci nei pensieri, sulle robe. In questo momento c'è solo da andare in campo, la squadra ha lavorato bene tutta la settimana con concentrazione e con attenzione e credo che domani sera la Juventus farà un'ottima partita sotto tutti i punti di vista. Poi dopo se la palla picchia nel palo e va dentro o picchia nel palo e va fuori questo non lo so, perché non ho la sfera, però comunque sia la Juventus si giocherà le proprie carte, le proprie chance fino alla fine. Dybala si è aggrovigliato nei pensieri? Sta bene? Pensi di farlo giocare subito? Che situazione è? Situazione normale di un grande giocatore che ha un mese per dare un grosso contributo alla Juventus come tutti perché in questo momento qui non contano gli obiettivi personali ma contano quelli della squadra. Tutti dobbiamo metterci a disposizione perché è importante, le partite sono più lunghe, c'è meno ritmo come ho sempre detto. Paulo sta bene. Tutti si aspettavano forse qualcosa di più, ma è un giocatore importante con l'obiettivo del Mondiale. Per lui come per tutti sarà un mese bello da vivere, con entusiasmo. Però bisogna ripulirsi la testa da questa settimana dove giustamente, dopo la sconfitta con il Napoli, i primi due giorni ci può essere stata delusione, poi basta perché bisogna guardare avanti, indietro non si può andare. Quello che è stato fatto rimane scritto, noi bisogna essere bravi a cercare di scrivere un altro pezzo di storia. Se non hai detto che gioca è in ballottaggio? A parte Sturaro e De Sciglio sono tutti a disposizione, anche Bernardeschi sta bene con la gamba ed è a disposizioen anche lui. Domani è una partita che come sempre va giocata in 14. Entrando nello specifico, lei ha parlato delle ultime buone partite della Juventus. È inevitabile che la più bella sotto tutti i punti di vista sia stata quella di Madrid. Le chiedo se domani si può vedere una squadra con quelle caratteristiche, se quel tipo di squadra è adatta a giocare contro l'Inter. La partita di Madrid è stata una partita a sé dove la Juventus ha fatto un'ottima patita come ne ha fatte tante altre giocando con Higuain, Dybala, i due esterni offensivi, i due mediani... L'ultimo periodo quella è quella che è rimasta più nell'occhio perché vincere a Madrid 3-1 non è roba da poco e credo ci abbiamo vinto poche squadre. Domani però devo pensare anche a partita in corso che magari servono due più offensivi o due meno offensivi, poi abbiamo la partita col Bologna che sarà completamente diversa. In questo momento la cosa più importante è che tutti bisogna mettersi in discussione e fare qualcosa in più per arrivare a questi due obiettivi che sono il campionato e la Coppa Italia. Non abbiamo altro da fare, in questo momento chiacchierare troppo non serve a niente. C'è solo da stare zitti e in silenzio e lavorare. Nel calcio il vecchio detto chi vince è un bravo ragazzo e chi perde... vale sempre. Quindi quando si perde si deve stare zitti e lavorare con serenità senza perdere le certezze perché una squadra che viene da non so quanti risultati e quanti trofei vinti non puà perdere le certezze in tre giorni. Sono cose che capitano e bisogna saperle accettare perché un passo indietro te ne fa fare due avanti. Dopo la sconfitta con il Napoli c'è stata un'esplosione di negatività. Tifosi che vogliono cambiare i giocatori, altri l'allenatore, altri tutti e due. Pensi ci sia un po' di ingratitudine in questi atteggiamenti? Queste critiche, questa negatività possono essere una motivazione in più o qualcosa che non deve minimamente toccarvi nemmeno come motivazione? I tifosi hanno il diritto giustamente, hanno vissuto una settimana di delusione, però credo che i ragazzi e noi tutti stiamo facendo il massimo per raggiungere gli obiettivi. Poi ci sono gli avversari e bisogna accettare anche questo. Questo non vuol dire che la squadra è demoralizzata. La squadra è lì pronta per combattere perché bisogna combattere gli avversari per centrare gli obiettivi. Ripeto, a inizio campionato in sette vogliono vincere il campionato, poi ne vince una. Negli ultimi sei anni ha vinto la Juve, ma sono cose già fatte e ora bisogna pensare al futuro. I tifosi hanno amore per la Juventus e quindi possono esprimere giudizi, ma il calcio è così: un giorno sei il più bravo di tutti, un giorno il meno bravo di tutti. Come sta Mandzukic? Sta bene fisicamente, ma a livello di forma? Domani si può rivedere dall'inizio? Sta bene come stanno bene tutti. Domani è probabile che giochi. Prima parlando degli infortunati ha parlato di De Sciglio e Sturaro, quindo Chiellini è recuperato? O Chiellini non c'è? Ormai ha finito la stagione. In questo momento il favore potrebbe essere dalla parte del Napoli, ma dopo tutto quello che è successo questa può essere la scintilla per far ritrovare la solidità alla Juve vista fino a poche settimane fa? O il piano si è inclinato in maniera diversa e in questa settimana ha dovuto fare delle cose diverse? Non c'è da fare altro se non lavorare. Si gioca a calcio. Domani quando l'arbitro fischia non si può stare a raccontare 'se vincevamo là'.. Quello che è fatto è fatto, abbiamo quattro partite davanti, anzi ne abbiamo una, quella di domani. Poi ne avremo un'altra. Domani lo scudetto a livello matematico comunque non viene assegnato. Normale che il Napoli sia entusiasta, ma nel calcio in un minuto cambiano le stagioni. Siamo venuti via da Crotone e in casa col Napoli e abbiamo preso due bastonate, magari domani e la prossima sarà il contrario. L'importante è fare il massimo, poi vedremo quello che succede. Ha ricordato prima il suo arrivo e l'accoglienza, non fu il migliore dei benvenuti. In mezzo ha vinto tutto quello che c'era da vincere in Italia e ancora adesso è in linea di galleggiamento con anche due finali di Champions e due eliminazioni abbastanza rocambolesche. Eppure il rapporto con la piazza è quantomeno controverso. Lei crede che il calcio abbia solo poca memoria? Come se lo spiega? Come la vive? Io lavoro. Rispetto i tifosi, che mi hanno sempre rispettato. L'allenatore è responsabile di tutto, con società e giocatori nel bene, da solo nel male. Ma è normale, fa parte del gioco. Quando uno fa le cose bene e porta risultati... Quando le cose sembrano tutte facili c'è sempre qualcosa che ti va contro. E a noi c'è andato contro il Crotone perché ce lo siamo cercati, c'è andata contro con il Napoli perché siamo stati disattenti e abbiamo giocato una brutta partita.Bisogna solo pensare al domani, perché quello che conta è domani, poi conterà Bologna e poi la Coppa Italia. È un bel mese da vivere con entusiasmo, comunque vada. Se lo viviamo con entusiasmo e spensieratezza è molto probabile che vinceremo lo scudetto. Se tiriamo dentro la negatività invece... Nel calcio può succedere di tutto, tanti campionati si sono decisi all'ultima giornata, io quando è uscito il calendario ho detto che si sarebbe deciso tutto il 20 maggio. Siamo in linea,è questione di matematica. Bisogna lavorare, poi i tifosi verso di me sono stati sempre carini e rispettosi come io verso di loro. Poi quando non vanno bene una o due partite è normale che qualcuno possa brontolare, ma è giustissimo e va bene così.. Le chiedo rispetto all'ultima partita quando ha avuto dei dubbi nel sostituire Barzagli se ritiene possibile possa giocare l'inter partita magari dall'inizio vista l'assenza di Chiellini. Domani Barzagli potrebbe giocare dall'inizio. Così tolgo tutti i dubbi, che ho sentito parlare di quella sostituzione: Barzagli l'altro giorno non era in grado di fare 90 minuti perché aveva una mezza infiammazione al tendine e avrei rischiato di doverlo togliere dopo 25 minuti per mettere un altro dentro. Semplice. L'ipotesi positiva o negativa di una stagione che è ancora aperta possono darle più o meno stimoli in virtù di quello che capiterà al traguardo. Io la decisione l'ho presa un anno fa quando ho firmato con la Juventus. Ora bisogna pensare solo a quello che bisogna fare, bisogna metterci tutti quel qualcosa in più perché ora è più bello e più stimolante perché il Napoli sta facendo cose straordinarie e per noi deve essere uno stimolo in più avere il Napoli vicino e cercare di non farci superare.. Però domani abbiamo l'Inter, un'ottima squadra cui Spallettti ha dato grande organizzazione, è difficile farle gol e ha giocatori di valore. È il derby d'Italia e, a prescindere che per noi valga una parte di scudetto, è comunque una partita bella e complicata. Domani la difesa a tre può essere un'opzione percorribile? Assolutamente no. Che partita ti aspetti? L'andata fu una partita molto bloccata, l'Inter veniva da una serie di ottimi risultati. Ti aspetti una partita così bloccata da parte loro? Tutto sommato devono vincere. Domani sarà una partita diverse dall'andata. Per me fu forse una delle migliori partite della Juventus come intensità, loro non ebbero nemmeno un'occasione o ci andarono vicini. Domani sarà una partita diversa perché loro devono vincere per cercare di entrare in Champions e noi bisogna vincere per restare in vantaggio sul Napoli. Come vive la situazione in cui tutte le altre squadra 'gufano' contro la Juve? Ci saranno 80.000 tifosi a San Siro, c'è il grande entusiasmo della piazza napoletana. La Juve deve fare i conti con tutte le squadre, non solo col Napoli ma un po' con tutte. La Juve non deve fare i conti, la Juve deve solamente giocare a calcio. Che domani ci sarebbero state 80.000 persone lo sapevamo, come sempre quando c'è Inter-Juve o Milan-Juve. Sono due partite straordinarie e quindi vanno giocate con testa, con tecnica, con voglia, con sacrificio, con tutte quelle caratteristiche che servono per giocare le grandi partite. Velocissimo, può sciogliere il dubbio su chi giocherà da terzino? Lichtsteiner non ha fatto molto bene contro il Napoli, Howedes poi è stato spostato per forza maggiore... Ha deciso chi giocherà lì? Domani giochiamo a due, senza terzini. Tuttojuve.com
  14. Campionato Primavera 1 2017/18 : 11ª giornata di ritorno JUVENTUS - INTER Campo Ale & Ricky (JTC), Via Stupinigi 182 - Vinovo (TO) Sabato 21 Aprile 2018, ore 13.00 DIRETTA TV SPORTITALIA (disponibile anche lo STREAMING SUL SITO UFFICIALE) JUVENTUS: Loria, Vogliacco, Tripaldelli, Zanandrea (66' Montaperto), Fernandes, Capellini (86' Pereira), Di Pardo, Muratore, Olivieri, Del Sole, Nicolussi (61' Morachioli) A disp.: Busti, Meneghini, Anzolin, Abreu, Merio, Kulenovic, Galvagno, Morrone, Narciso All. Alessandro Dal Canto INTER: Pissardo; Bettella, Nolan, Rizzo; Zappa, Gavioli, Schirò, Danso (84' Brignoli), Sala; D'Amico (67' Rover), Colidio (89' Adorante) A disp.: Dekic, Van den Eynden, Lombardoni, Valietti, Corrado, Visconti, Merola, Vergani All. Stefano Vecchi Marcatori: 45' Colidio (I) Ammoniti: 36' Fernandes (J), 48' Nicolussi (J), 70' Olivieri (J)
  15. Fonte originale: Sole24Ore Fonte che riporta: Calciomercato.com
  16. Penta: “La mia Calciopoli e la telefonata mai ascoltata” Nicola Penta è un personaggio che per tutti coloro che hanno seguito le vicende di Calciopoli non ha bisogno di presentazioni. Consulente tecnico della difesa di Moggi e di altri imputati, alcuni dei quali devono anche e soprattutto a lui l’assoluzione, ha ascoltato migliaia di intercettazioni, e ha collaborato con tutto il collegio difensivo verificando le incongruenze tra le telefonate e i fatti di campo. Nicola è da tempo amico del nostro blog, e ha deciso di farci un doppio regalo: una lunga conversazione in cui ripercorre numerosi dei punti caldi della vicenda di Calciopoli, e l’audio di due telefonate finora inedite che riguardano uno dei capi d’imputazione di Calciopoli, il capo g, di cui abbiamo parlato frequentemente anche su questo blog. L’intervista è stata curata da Amos Bicego, e ve ne proponiamo qui la prima parte. Buongiorno dottor Penta, partiamo dalle origini di Calciopoli: potrebbe spiegare dove nasce il collegamento tra l’indagine sulle scommesse clandestine della Procura di Napoli e la figura di Luciano Moggi? Sappiamo di una denuncia molto generica di Dal Cin dopo un Messina – Venezia, di un inizio indagine verso alcuni arbitri come Palanca e Gabriele per poi arrivare alla famosa combriccola romana, secondo l’accusa vicina alla Gea, con il presunto capo De Santis. In aula di tribunale a Napoli, lo stesso colonnello Auricchio ha smentito l’esistenza della combriccola romana e sappiamo anche che gli arbitri Palanca e Gabriele furono prosciolti a campionato in corso (2004/05) da ogni addebito. Potremmo dire, in un certo senso, che il movente di tutta l’indagine è stato smontato? Calciopoli ha inizio con Dal Cin (ex presidente del Venezia e ex a.d. Venezia squalificato per illecito sportivo per Genoa – Venezia) e da un grande accusatore di Moggi: Armando Carbone (avvicinato in passato ad Italo Allodi, pentito del calcio scommesse degli anni ’80 e faccendiere che fu decisivo per squalificare diversi giocatori). Dal Cin denunciò alla procura federale delle presunte irregolarità nella partita Messina – Venezia e si allargò sostenendo dei presunti favoritismi arbitrali verso il Messina, squadra che militava in serie B e all’epoca era considerata una squadra molto vicina ai Moggi e alla Gea per via di alcuni rapporti di mercato. Vengono espresse soprattutto delle convinzioni molto opinabili e prive di riscontri riguardo una combriccola romana di arbitri legata alla figura di Luciano Moggi, poi smentita in aula dallo stesso Auricchio (tenente colonnello e capo indagini). Se fosse stata giustizia vera, non si sarebbe neanche dovuto andare avanti. Il motivo è che questa gente ha cercato di accusare gli arbitri in perfetto stile italiano. Gli inquirenti avrebbero dovuto fermarsi subito ma purtroppo non è andata così. Veniamo un attimo al caso Gea. Le risultanze definitive dei processi hanno stabilito l’assoluzione per associazione a delinquere e annullamento senza rinvio per prescrizione dalla Cassazione per le presunte violenze private dei Moggi. Praticamente un caso smontato. Eppure c’entra molto con Calciopoli, su cui si è concentrata la Procura di Napoli. Non è così? Intanto iniziamo dicendo che la Gea all’epoca era una novità. La Gea era un’agenzia di procuratori con tutti i figli di grandi personaggi del calcio e dava molto fastidio ad alcuni altri addetti ai lavori. Baldini (ex dirigente sportivo della Roma) e Antonelli (un procuratore di mercato) furono i principali accusatori della Gea. Loro sostenevano che venivano usati metodi violenti e pressanti verso dei giocatori o verso gli stessi agenti di calciatori. Ti ricordo due vicende che vennero alle cronache, a causa degli stessi calciatori: una riguarda Fabrizio Miccoli (ex calciatore di Juve, Fiorentina e Perugia) e una riguarda Nicola Amoruso (ex calciatore tra le altre di Juve, Perugia e Reggina). Innanzitutto Miccoli ce l’aveva con Moggi poiché non era stato invitato alla festa dello scudetto ma lui di quella squadra non faceva parte e la decisione era giusta. Miccoli disse di essere stato cacciato ma venne venduto al Benfica perché davanti a lui alla Juve aveva dei grandi giocatori. In attacco la Juve disponeva di giocatori del calibro di Del Piero, Trezeguet e Ibrahimovic. Non c’era da meravigliarsi di questa decisione che fu presa da Moggi. Amoruso fu un altro di quelli che si lamentarono della Gea poiché disse che fu costretto ad andare al Perugia, altrimenti sarebbe andato in tribuna, ma lui dimentica che ci fu il parere di Ancelotti decisivo per cederlo e che la prospettiva tribuna è assolutamente normale se non accetti le condizioni della tua società di appartenenza. Moggi si è comportato in linea con quello che avrebbe fatto chiunque. La Gea non era niente di diverso da quello che c’è oggi. Il calcio è sempre andato così. I procuratori più influenti comandano schiere di giocatori e li smistano nelle squadre più importanti. Ad esempio, Bonaventura ha dichiarato che col vecchio procuratore non era riuscito ad avere il rinnovo del contratto al Milan mentre appena ha cambiato procura con Mino Raiola, Galliani ha accordato subito il rinnovo. Tornando a noi, Calciopoli c’entra moltissimo perché la Gea è l’apice di tutta l’inchiesta su Moggi. Successivamente l’indagine si divide in due tronconi: uno alla Procura di Roma e uno alla Procura di Napoli. A Roma continuano l’inchiesta sulla Gea per le questioni sul mercato dei procuratori e giocatori mentre a Napoli continua l’inchiesta sulle intercettazioni telefoniche guidata dai pm di Napoli con gli stessi carabinieri di Roma. E anche quest’ultima cosa è un’anomalia… Lei è stato investito di un ruolo molto importante in questo processo: ascoltare le numerosissime intercettazioni telefoniche che fanno parte del procedimento. Alla luce di questo, come spiega che l’accusa abbia tralasciato molte telefonate? Può spiegare come può essere avvenuta la selezione? Lei in passato ha detto che dai carabinieri durante l’ascolto venivano usati dei baffetti per valutare la gravità. Per quanto riguarda le telefonate tralasciate, io scoprii i baffi. Quando venni in possesso del cd delle intercettazioni telefoniche, c’era un numero progressivo che indicava la telefonata specifica e a questo numero corrispondeva un baffo che poteva essere di colore verde, giallo e rosso. Il verde significava che poteva avere rilevanza in ambito investigativo, giallo voleva dire che la telefonata era rilevante per uno dei due interlocutori e rosso era per quelle rilevanti o molto rilevanti (vedi immagine sotto a titolo di esempio). I baffi rossi erano da uno, due o tre. I tre baffi rossi erano quelle rilevantissime ed erano le telefonate come la grigliata tra Moggi e il designatore Bergamo o alcune telefonate di Galliani e Meani e quelle dell’ex presidente dell’Inter con lo stesso Bergamo. Tutte le telefonate erano state evidenziate e prese in considerazione da chi era all’ascolto ma nella fase di selezione ne sono state valutate solo alcune. Come mai l’accusa ha tralasciato le numerosissime telefonate pre e post gara tra arbitri e designatori o tra arbitri stessi? Anche i referti arbitrali e i rapporti degli osservatori arbitrali non sono stati minimanente considerati. È emblematico il caso dell’arbitro Tiziano Pieri. Alla fine della partita (Bologna – Juventus) c’è una telefonata, non presa in considerazione dall’accusa, dove Bergamo, molto arrabbiato per la punizione fischiata alla Juve, chiede conto a Pieri. Quest’ultimo risponde di aver fischiato ciò che aveva visto (audio). Fatto sta che oltre alla telefonata, durante l’ascolto in aula, noi abbiamo proiettato un fermo immagine di Sky con la visuale dell’arbitro, dove si vede che un giocatore del Bologna (Capuano) tira la maglia ad Ibrahimovic. Il fallo era netto. Dopo quella partita Pieri non verrà più inserito in fascia A e di conseguenza punito per il suo presunto errore a favore della Juventus. Per quanto riguarda la seconda parte della domanda dico che nel momento in cui Dattilo, su segnalazione del guardalinee Camerota, espelle un giocatore già ammonito, anche in quel caso su segnalazione, va a scriverlo nel referto. I referti arbitrali erano le prime cose da guardare e gli stessi rapporti degli osservatori arbitrali per capire e contestualizzare le condotte dei giocatori e dare un senso ai provvedimenti degli stessi arbitri… A proposito di arbitri, arriviamo al caso De Santis, ex arbitro condannato in via definitiva per le accuse riguardanti le partite Lecce – Parma e Fiorentina – Bologna. L’osservatore arbitrale definì Lecce – Parma un capolavoro tecnico con De Santis che ammonì sette o otto giocatori. Per quel che riguarda Fiorentina – Bologna, noi in appello abbiamo portato una intercettazione tra De Santis e Bergamo che avrebbe scagionato De Santis, ma non è stata accolta la prova e nemmeno ascoltata l’intercettazione. Possiamo rimediare, parzialmente, adesso, ascoltando l’audio della telefonata, rimasto finora inedito. Ma torniamo alle parole di Penta, e a Fiorentina – Bologna. Comunque le ammonizioni erano corrette ed erano una per proteste e una per gioco scorretto e fu ammonito anche Gamberini con Meghni. Nella Fiorentina furono ammoniti Dainelli e Miccoli. Di sicuro Petruzzi e Nastase non erano gli unici diffidati che potevano saltare la partita successiva. Ce n’erano altri: Giunti, Torrisi, Juarez, Colucci, Loviso… Comunque parliamo di due giocatori, Nastase (7 presenze in 38 gare) e Petruzzi (17 presenze in 38 gare), che non erano assolutamente titolari. La coppia titolare era Legrottaglie e Gamberini. Il voto della Gazzetta all’arbitro De Santis fu 6,5. Nella partita successiva a quella di Bologna – Juve non giocarono entrambi. Una delle mie considerazioni in quella partita fu che l’unica svista fu a danno della Fiorentina con un giocatore fermato che poteva andare in porta a far gol. Col metodo Stanziola De Santis veniva assolutamente assolto, così come accadde all’ex arbitro Pieri. Ricollegandoci anche alla posizione di De Santis, sarebbe interessante se lei spiegasse comunque questa idea che l’accusa ha sostenuto: non tutti i comportamenti degli imputati vanno presi per quelli che sono poiché tutti sapevano di essere intercettati. Cosa può dirci a riguardo? Notifica di proroga del termine delle indagini preliminari Al controesame di Auricchio, l’avvocato Prioreschi fece una domanda molto precisa. Chiese come mai non avevano valutato nell’indagine la partita decisiva per le sorti del campionato: Milan – Juventus. Il tenente colonnello disse che non era stata presa in considerazione in quanto gli indagati erano informati delle indagini. Questo è falso. Ho fatto delle verifiche e mi risulta che il documento ufficiale dell’avviso di proroga delle indagini, che per legge è dopo i sei mesi dall’inizio indagine, era datato 9 maggio 2005 (il giorno dopo la partita in questione). Considerando che gli avvisi di garanzia vennero notificati circa in 15 giorni, sicuramente dopo, è impossibile che gli indagati fossero a conoscenza. Lo stesso ragionamento vale per De Santis, in Juventus – Inter datata aprile 2005, in cui si spiegava il suo atteggiamento trasparente legato alla prova tv a danno di Ibrahimovic, quando disse di non aver visto l’attaccante svedese compiere nessun comportamento scorretto o violento. Questo fattore fu decisivo per squalificare Ibrahimovic per tre giornate, compresa Milan – Juventus, decisiva per lo scudetto, ma nessuno ne tenne conto. Auricchio disse che De Santis era a conoscenza dell’indagine. Questo è impossibile per il discorso che ho fatto prima. Ma si disse che De Santis aveva avuto, tramite alcune telefonate, delle informazioni? Non risulta e francamente allora dovremmo spiegare perché questo De Santis a conoscenza delle indagini rientra nell’associazione per Lecce – Parma e vorrebbe salvare la Fiorentina. Ad ogni contestazione che noi smontiamo ce n’è un’altra. Allora però così non se ne esce più. Che motivo avrebbe avuto costui di rientrare nell’associazione se sa che lo stanno indagando? Entriamo nel merito delle accuse. Discutiamo un attimo di queste famose griglie arbitrali. Per l’accusa sono state considerate in maniera rilevante e le stesse sentenze, in definitiva, riconoscono questa condotta come un atto preparatorio e propedeutico all’inquinamento della gara stessa. Vuole spiegare agli amici lettori quale era il meccanismo di formazione delle griglie e perché secondo la tesi della difesa non è frode? Le griglie erano divise in varie fasce. In prima fascia ci andavano sempre il Milan, l’Inter e la Juventus e in più tutte le partite a rischio, tipo i derby o partite molto sentite. Il regolamento diceva che in prima fascia ci stavano i dieci internazionali più i due con più di 100 partite in serie A. Nella composizione di griglie si doveva tener conto di tutte le varie preclusioni previste. Le preclusioni erano le seguenti: residenza territoriale dell’arbitro e non si poteva arbitrare più di sei volte la stessa squadra. Quindi serviva nell’arco di un campionato una gestione da parte dei designatori di questo aspetto. Inoltre se l’arbitro internazionale andava al mercoledì in Champions non faceva la partita del sabato sera o anche non poteva arbitrare la domenica sera, se andava ad arbitrare il martedì. Ad esempio Collina non potè arbitrare un Roma – Juve la domenica perché il martedì doveva arbitrare il Real Madrid. Siccome ci fu una contestazione dell’accusa anche su questo aspetto, noi lo spiegammo, ma era molto chiaro. Le griglie erano di composizione molto trasparente e molto facile. Gli arbitri principali andavano anche ad arbitrare Lecce – Parma e Fiorentina – Brescia, se le sorti del campionato erano importanti. Alla fine le griglie erano sempre decise dalle valutazioni dei designatori arbitrali. L’arbitro doveva essere colluso con l’associazione ed essere inserito fraudolentemente nell’alterazione della griglia per dare senso, ma questa è tutta la genesi dell’accusa che abbiamo smontato in dibattimento. In verità, per tutte le contestazioni, noi abbiamo smontato con elementi oggettivi le varie ipotesi. L’appiglio da parte dell’accusa veniva sempre comunque cercato per mettere in cattiva luce. Alterare le griglie è impossibile e discuterne non era vietato. Se c’è qualcuno che riuscirà a dimostrare il contrario, che lo dimostri. Era sicuramente una condotta da art. 1 di slealtà sportiva che doveva essere punita con una squalifica. Ma era una condotta molto diffusa e chiamavano tutti. Col nuovo regolamento e l’avvento di Pancalli, fu vietato intrattenere qualunque tipo di rapporto con i designatori. Vorrei che lei spiegasse anche la natura di certi incontri tra designatori, esponenti A.I.A e dirigenti sportivi. Secondo lei di cosa si parlava in questi incontri? Contestualizzando, in quel periodo storico c’erano molte lotte politiche dell’Associazione Arbitri per un riconoscimento politico e i massimi esponenti arbitrali parlavano con diversi consiglieri federali per trattare e far conoscere il programma. Lei che idea si è fatto a riguardo? Lanese incontrava i designatori e le società perché alle elezioni politiche l’Aia in Figc voleva sette voti, invece che sei. Quindi questi incontri venivano fatti per sentire i pareri delle varie società. La Juventus non era assolutamente l’unica ad incontrare esponenti dell’AIA ma non c’era comunque niente di illecito e vietato. Tutte le società tipo il Livorno, il Vicenza, il Torino, la Salernitana e anche società di primo livello come Milan e Inter lo facevano, come dimostrano le intercettazioni telefoniche. Questa non è una giustificazione per alleviare le proprie colpe e nemmeno un’accusa a quelli che non sono stati coinvolti, perché non c’era proprio nessuna responsabilità da imputare. Il problema è che si è voluto indicare quasi solo i comportamenti dei dirigenti della Juventus. L’accusa voleva sempre vederci del sospetto quando le cose venivano fatte davanti a tutti. Pensiamo all’incontro tra Della Valle, Bergamo e Mazzini che fu alla luce del sole. Lo hanno definito un incontro segreto quando venne fatto in uno dei posti più famosi di Firenze. 1. (continua) (Tratto da il blog "il calcio è uguale per tutti")
  17. In questa analisi, voglio soffermarmi sulla rotazione dei giocatori delle 4 squadre che attualmente guidano la Serie A 2017-2018. E sulle possibili implicazioni della gestione del turnover nel medio e lungo termine. Ovviamente, partiamo dalla Juventus. Nessun giocatore della Juve in campionato ha totalizzato più di 800 minuti. Ben 18 giocatori hanno totalizzato almeno 270 minuti (tre partite). Numero che sale a 20se si considerano i giocatori con almeno 180 minuti. Dei 21 giocatori scesi in campo, l’unico che resta fuori da questi 20 (meno di 180 minuti) è Marchisio (78 minuti all’attivo per lui). Per capire la portata di questi numeri, andiamo a vedere cosa succede all’ombra del Vesuvio. Il Napoli ha ben 6 giocatori ad aver superato la soglia degli 800 minuti (nessuno la Juve). 13 giocatori che hanno totalizzato almeno 270 minuti (la Juve ne ha 18), 15 giocatori che hanno giocato almeno 180 minuti (la Juve ne ha 20). Vediamo ora l’Inter. I giocatori con più di 800 minuti sono 7. 14 quelli con almeno 270 minuti. 14 quelli con almeno 180 minuti. La Lazio ha 6 giocatori con più di 800 minuti. 12 giocatori con almeno 270 minuti. 15 giocatori con almeno 180 minuti. Questi dati, insieme ad altri dati che magari tirerò fuori in un altro post, rendono esplicito il concetto che è ancora la Juventus la squadra da battere. Tra 4-5 partite Allegri avrà probabilmente 20 giocatori tutti allo stesso livello di condizione. Fino a dicembre con gli impegni infrasettimanali delle coppe (Inter a parte), i playoff delle varie nazionali, il campionato, è plausibile ipotizzare un calo atletico del Napoli. Squadra che già sta palesando delle incertezze , e che , non dimentichiamolo, ha iniziato la stagione prima per via dello spareggio Champions per l’accesso alla fase a gironi. Mertens, Callejon, Insigne non hanno ricambi effettivi. E non è un caso che complessivamente abbiano giocato già 2483 minuti. Mediamente 9 partite a testa su 10. L’Inter, non avendo le coppe europee, potrebbe durare un pochino di più. Anche se ben 14 gol su 20 provengono da Icardi (11) e Perisic (3). Il 70% dei gol su due soli giocatori. Ed è una squadra salvata in più di un’occasione dai prodigi di Handanovic. Perisic ha anche realizzato ben 5 assist. La Lazio, la vera sorpresa di questo inizio di stagione, ha solo 12 giocatori con almeno 3 presenze. E sembra dipendere molto dalla vena realizzativa di Ciro Immobile. Uno che ha già calciato 6 rigori in 10 partite. Spero sia di interesse. A voi, Fabio Franco
  18. http://www.dailymotion.com/video/x6beg54 Uno 0-0, no gol subiti. Ti aspettavi un'Inter così difensiva? "Hanno fatto una buona partita. Inizialmente venivano a prenderci, hanno speso molto e hanno iniziato il calo a fine primo tempo. Noi abbiamo fatto bene, ma non per demerito dell'Inter. Solo nel finale ci siamo allungati, ma loro non hanno creato praticamente niente. Dispiace non aver vinto. Non siamo ancora al massimo fisicamente, abbiamo due settimane per migliorare. Veniamo da una settimana pesante, oggi i ragazzi sono stati bravi a fare una gara così". E' stata una panchina psicologica per Dybala? Non era meglio metterlo prima? "L'ho messo nel finale tra le linee. Avevo Chiellini e Pjanic non al meglio, non potevo perdere sostituzioni. Inizialmente abbiamo rischiato senza Khedira, poi ci siamo ripresi". Pjanic era arrabbiato? "Ha chiesto il cambio per un risentimento. Doveva entrare Alex Sandro. Queste gare le domini ma poi rischi scoprendoti, e dopo Napoli non potevamo perdere". Dybala non è ancora quello che rappresentano Messi e CR7 per Barça e Real? "Il calcio non è matematica. Non vedete gli allenamenti, non ci siete. Paulo ha avuto una crescita esponenziale, da un mese e mezzo deve riprendere condizione e fiducia. Non ha perso qualità, ma ci sono giocatori con maggior condizione. Questa era una gara fisica, se non c'erano problemi per Pjanic e Chiellini avrei inserito Bernardeschi e Douglas Costa". In generale c'è ancora qualcuno da integrare con gli allenamenti? "Ad Atene Barzagli è uscito per un indolenzimento al flessore, e ha giocato con la Svezia. Chi è andato in Nazionale ha perso condizione. Ma basta vedere come Higuain muove le gambe ora e come le ha mosse dopo due settimane di stop Mandzukic. Guardate Khedria e Cuadrado.... Dopo Atene abbiamo fatto tre allenamenti pesanti, ma tre in tutto. Bisogna alzare i giri del motore. Serve tecnica, ma senza condizione fisica fatichi, altrimenti i cinquantenni giocherebbero ancora... Devi aver fisico e resistere ai contrasti". Hai allargato la rosa dei titolari, pensiamo ad Asamoah. "E' importante che tutti trovino la condizione ottimale. Ora possiamo fare allenamenti con la palla. Benatia, Douglas Costa e Higuain non sono quelli di due anni fa. Pjanic non è al meglio, ma ha fatto una gara veramente d'alto livello. Bisogna lavorare, il motore è importante e va sfruttato. Cio che è stato fatto fino a giugno rimane lì, non si vive di rendita. Me l'hanno insegnata e bisogna capirla. Capisco i ragazzi, ma certe cose vanno fatte in modo diverso".
  19. Juventus(4.3.3)Szczesny.De Sciglio, Benatia, Chiellini, Asamoah,Khedira, Pjanic, Matuidi; Cuadrado,Higuain, Mandzukic
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.