Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

mercimichel

Il topic dell'NBA

Post in rilievo

Il 21/7/2018 Alle 12:45, The Natural ha scritto:

Lowry Green Leonard Ibaka Valanciunas è un quintetto difensivamente esagerato, si prevede una bella gatta da pelare per i Celtics.

 

9 minuti fa, TragicBronson ha scritto:

Ibaka forse quando aveva 37 anni,ora non credo,Valanciunas non è che sia sto fenomeno

Meglio Siakam se si parla di difesa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Mormegil ha scritto:

 

Meglio Siakam se si parla di difesa.

Io farei fuori Ibaka dallo starting 5,con dentro Pascalo,Ibaka 20 minuti in uscita dalla panca insieme a Van Vleet

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Mormegil ha scritto:

 

Meglio Siakam se si parla di difesa.

Si se è per quello hanno anche wright e powell come guardie per alzare ancor più l intensità in D.

 

Sono molto interessanti e completi per me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 21/7/2018 Alle 00:46, Sbranzo ha scritto:

Ma quanto fanno pena i Clippers quest’anno?

a proposito di pena

i miei TWolves come stanno messi quest'anno? si riesce ancora per miracolo ad entrare nei playoff o si torna al solito?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 ore fa, Bob Kelso ha scritto:

a proposito di pena

i miei TWolves come stanno messi quest'anno? si riesce ancora per miracolo ad entrare nei playoff o si torna al solito?

I Wolves hanno un gran bel prospetto. Quel Carletto Nitowns  che è proprio bravo, come squadra è interessante. Li avrei visti bene ad est. Est dove mi incuriosiscono molto i Sixers, molto meno i Raptors. Sai chi avrei visto bene nei Wolves? Luka Doncic.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come ne parlavo già a luglio.

 

Nell'attesa spasmodica di inizio stagione.

Come si inserisce Kawhi Leonard nei nuovi Raptors

Un nuovo inizio

Che le cose a Toronto sarebbero dovute cambiare si diceva da molto, troppo tempo. I Raptors di Casey e DeRozan avevano raggiunto dei traguardi storici per la franchigia, non ultimo il record di 59 vittorie nell’ultima regular season, ma al contempo le delusioni ai playoff sono state cocenti (spesso a causa del solito LeBron James che li cannibalizzava ad ogni stagione), faticando più del dovuto anche contro squadre sulla carta peggiori.

 

Oltre a essere il giocatore più rappresentativo, DeRozan era anche diventato il simbolo della città e della squadra, non avendo nemmeno provato a sentire altre squadre una volta diventato free agent e optando subito per il rinnovo contrattuale a Toronto. Ma il DeRozan della regular season è solo un lontano parente di quello che si vede dalla fine di aprile in poi, e dopo l’ultima serie, conclusa con un terribile 0/9 da tre punti e il quarto periodo di gara-3 passato interamente in panchina mentre Cleveland completava lo sweep, per Masai era davvero giunto il momento di sparecchiare il tavolo e ricominciare da capo.

 

L’acquisizione di Kawhi Leonard, assieme a Danny Green, è un rischio calcolato. Lo staff di Leonard aveva fatto sapere di non volerne sapere niente dei Raptors, ma Masai ha sempre avuto un carisma magnetico verso i giocatori e vuole scommettere su se stesso e sulla squadra per il rinnovo nella prossima estate. Alla fine una piazza che si gioca un posto in finale ogni anno, in un mercato non irrilevante (pur essendo lontano dalle luci della ribalta) e con una tifoseria tra le più accese è un prodotto che si potrebbe vendere bene, e il primo viaggio alle Finali NBA nella storia della franchigia dovrebbe riuscire ancora di più a cementificare il tutto. Per i pronostici i Raptors per questa stagione partono dietro ai Boston Celtics a Est, ma ancora davanti ai 76ers, quindi la possibilità di giocarsi davvero un biglietto per le finali assolute è sicuramente concreta.

 

Nessuno sa con certezza se Leonard sarà sano a sufficienza per tornare a essere uno dei primi cinque giocatori al mondo, e nemmeno se avrà interesse a giocare sul serio per tutta la stagione, ma Ujiri in ogni caso ha pochissimo da perdere. I Raptors possono multare Kawhi per ogni allenamento o partita in cui non si presenti (fino a riprendere l’intero importo del suo stipendio) e in ogni caso la prospettiva di perdere due stagioni consecutive prima dell’ultimo grande contratto della sua carriera potrebbe essere un deterrente sufficiente per garantire che Leonard farà di tutto per giocare e farlo al proprio meglio. Malissimo che vada, possono perfino provare a scambiarlo nuovamente per non perderlo a nulla prima della deadline di febbraio. Ma nel caso la stagione ai Raptors di Leonard fosse unica e costellata di assenze, il solo fatto di liberarsi dei due anni di contratto rimanenti di DeRozan senza dover crucciarsi se rinnovarlo nuovamente una volta entrato pienamente oltre i 30 anni è un sollievo sufficiente per uscire comunque puliti dalla vicenda.

 

I Raptors chiederanno a Leonard gli straordinari e di fare il trascinatore come mai ha dovuto in vita sua. Non che Toronto abbia una cattiva squadra o difficoltà a creare un gioco armonico anche con le riserve, ma Nick Nurse è un allenatore all’esordio assoluto e per arrivare alle finali NBA dovrà verosimilmente avere la meglio su Brett Brown, Brad Stevens e Mike Budenholzer, tre veri e propri santoni della Eastern Conference.

 

Se la scommessa di Masai dovesse funzionare in pieno, Toronto avrebbe per le mani uno dei migliori giocatori del pianeta per un intero rinnovo (fino a 5 anni), in una conference non irresistibile, e sarebbe a tutti gli effetti il suo vero e proprio capolavoro.

 

Come giocheranno i Raptors?

Rispondere correttamente a questa domanda risulta estremamente difficile per due ragioni: non abbiamo idea di come coach Nurse farà giocare la propria squadra, e non c’è modo di sapere con certezza lo stato di salute di Leonard, ovvero in che condizioni sarà dopo la lunga assenza. Tutto ciò che possiamo fare è formulare ipotesi basate sul giocatore che Leonard era prima dell’infortunio e su che squadra i Raptors erano fino all’anno scorso.

 

Partiamo da un semplice presupposto: tutto ciò che DeRozan sa fare in un campo da basket, Leonard può farlo meglio. Forse solo la gestione di pick and roll da portatore di palla è a vantaggio del nuovo acquisto degli Spurs, ma in attacco Leonard può effettuare lo stesso gioco dalla media distanza di DeRozan con percentuali migliori ed è un tiratore da tre estremamente affidabile. Nell’altra metà campo invece non si comincia neanche: nella miglior serata della sua carriera DeMar è un difensore che non devi nascondere, mentre Leonard ha serie possibilità di essere ricordato come il miglior difensore sugli esterni della storia del gioco.

Se Nurse volesse replicare gli stessi Raptors dell’anno scorso e Leonard fosse sano, i risultati dovrebbero teoricamente essere migliori. Inoltre, con Danny Green e O.G. Anunoby a roster, i Raptors possono presentarsi con tre ali in grado di marcare tutti gli esterni della lega in uno contro uno, oltre ad avere potenzialmente il migliore in assoluto. Ovviamente c’è da cogliere l’amara ironia (che dovrebbe essere il tono delle canzoni dei Raptors quando scendono in campo) di avere finalmente il LeBron-Stopper nella stessa estate in cui James cambia conference e, teoricamente, azzera le possibilità di incrociarsi in post-season.

 

Ma sorrisi amari a parte il potenziale difensivo dei Raptors è spaventoso. Un quintetto con Lowry, Green, Anunoby, Kawhi e Siakam potrebbe essere la versione difensiva del Death Lineup. Sono cinque difensori tenaci, in grado di contenere avversari di diverse taglie e in grado di scambiarsi istantaneamente di marcatura, oltre che fornire una difesa in transizione senza pari. Ricordiamoci che agli scorsi playoff Siakam riusciva a cambiare marcatura e restare su John Wall senza concedergli mezzo centimetro, e Leonard ha marcato in carriera tutti i giocatori da Chris Paul a Dirk Nowitzki.

 

Se si volesse cercare una nuova pietra fondante per Toronto potrebbe essere questa: i Raptors potrebbero essere la Utah dell’est, punire i quintetti piccoli avversari con una versione in grado di marcarli e neutralizzarli. E le caratteristiche per far bene in attacco sono tutte lì da dimostrare: non più di due anni fa i Raptors avevano grosso modo lo stesso offensive rating dei Warriors, salvo sciogliersi negli ultimi mesi di regular season e, ca va sans dire, nei playoff.

 

L’assenza prolungata di Leonard dai campi da gioco forse ci ha costretto a dimenticarci di un fattore fondamentale: i Raptors hanno una vera superstar in grado di elevare il proprio gioco ai playoff. Se Lowry ha avuto alti e bassi nella post season – anche se le ultime due non sono state per nulla negative -, DeRozan è stato un costante fallimento perpetuo. Kawhi invece è lo stesso che al suo secondo anno nella lega ha portato gli Heat dei Big Three a gara-7 (anzi, a quella tripla senza senso di Ray Allen in gara-6) e l’anno dopo ha alzato il premio di MVP delle finali.

 

Leonard può giocare gli stessi schemi che DeRozan ha giocato risultando molto più difficile da arginare: può aspettare in angolo mentre Lowry inventa in punta, assicurandosi che un difensore stia costantemente su di lui, e può ricevere a difesa già mossa per penetrare in area o attaccare un difensore in closeout. Nelle passate stagioni gli avversari dei Raptors ignoravano DeRozan negli angoli, confidando nella sua mai trovata capacità di segnare da fuori, per chiudere lo spazio sotto canestro e rendere impossibile la vita ai rollanti e ai taglianti.

 

Leonard è anche un miglior giocatore in post di DeRozan, e quindi in teoria farebbe di lui un compagno di pick and roll molto migliore. I giochi a due con DeRozan e Lowry ai Raptors non erano proprio il pane e burro quotidiano, visto che i due utilizzavano grossomodo gli stessi spazi per segnare. Casey faceva alternare le azioni da portatore di palla ai due, facendo fare agli altri a turno gli sparring partner. Adesso i Raptors possono giocare i pick and roll tra i loro migliori due giocatori e spaziare il campo con altri 3&D, che sono poi i giocatori che Masai ha collezionato negli ultimi anni.

 

I Raptors sono molto profondi ed estremamente versatili, e se Masai ha deciso di giocarsi tutto in questa stagione, ci sono delle buone probabilità che la scommessa paghi dividendi. Non è ancora chiaro se Leonard sia granitico nelle sue convinzioni di andare in una franchigia di Los Angeles o se possa diventare la pietra angolare di una franchigia che ha tutte le volontà di creare una cultura vincente: in ogni caso, sarà uno dei temi più interessanti della stagione che – fortunatamente – sta per cominciare.

 

Ultimo Uomo

 

Quanto diavolo eccita il quintetto Lowry, Green, Anunoby, Leonard, Siakam ? .fuma

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visti i primi due quarti di PS contro gli Heat,incoraggiante Dejounte sopratutto difensivamente.

Se miglioriamo la circolazione,se offensivamente riusciamo a dare costrutto alle capacità di Derozan Gay e LMA possiamo dire la nostra.

Difensivamente abbiamo grandissimo potenziale,peccato per non essere riusciti a strappare Anunoby o Siakam nella trade Leonard.

Qualcuno tradi Forbes,vi prego.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.