Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sign in to follow this  
JUVENTINO10DOC

Charlie Stillitano sulle vicende di Calciopoli: "Negli USA avrebbero salvato i club e punito i responsabili"

Recommended Posts

Charlie Stillitano, 58 anni, avvocato italoamericano del New Jersey, figlio di emigrati da Gioia Tauro, studi a Princeton, è stato definito dal New York Times il manager invisibile più potente del calcio mondiale. Nel ’95 in Usa portò il Parma, nel 2002 organizzò Roma-Real con 70 mila spettatori, nel 2013 ha fondato la Relevent Sports - che organizza l’International Champions Cup - con il proprietario dei Miami Dolphins di football americano, Stephen Ross, un immobiliarista con un patrimonio di 15 miliardi di dollari. Amico di Pallotta, Agnelli, Florentino Perez, lo sceicco del Psg Al-Khelaifi, Stillitano è un tipo ironico, diretto, ti parla appoggiando la mano sulla spalla, ma ha un approccio più freddo quando si parla di business. A lui si è rivolto Jorge Mendes per sapere come aumentare gli introiti pubblicitari di Ronaldo. Mourinho lo chiama Mister Zero Mistakes, zero errori. Ferguson, quando va a trovarlo a casa, chiede sempre lo stesso piatto: lasagne alla bolognese. Naturale che l’intervista si svolga in un ristorante italiano sulla 9ª Avenue, dopo quaranta giorni di contatti, quattro appuntamenti saltati, compreso questo se non fosse che ormai eravamo sotto la sede dei suoi uffici, all’undicesimo piano di un palazzo di Manhattan sulla 55th. [...]

Qual è l’immagine del nostro calcio negli Stati Uniti?
«In crescita, ma con Calciopoli vi siete fatti male da soli. Negli Stati Uniti avrebbero salvato le società e i tifosi, e mandato in galera per vent’anni i responsabili. E poi internet: lo scandalo scoppiò alla vigilia del boom della rete, quando ogni notizia è diventata planetaria. Ricordo una scena in New Jersey: i bambini in cortile cominciarono a darsi i nomi delle squadre. Tu Barcellona, tu Real, io Liverpool, tu Juventus… e un bambino disse no, io non voglio essere la Juventus perché sono ladri…».

 "Per crescere, il calcio italiano dovrà aprirsi al mercato mondiale. La Serie A deve giocare le sue grandi partite di campionato all'estero. Sarà inevitabile, qui negli USA ci sono grandi investitori pronti a mettere soldi. Quando? Diciamo tra un anno. 

La situazione in Italia? Allo Stadium della Juve funziona tutto, c'è uno show anche prima della partita e allo spettatore viene offerto ogni comfort. Il calcio italiano dovrebbe essere grato ai bianconeri per ciò che stanno facendo, a cominciare dall'acquisto di Ronaldo".

Fonte corsport

 

 

Infatti l'obiettivo non era casomai fosse stata vera Calciopoli fermare i responsabili..... ma distruggere la juve... 

 

 

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh a livello puramente di come si vende un prodotto (il calcio) ha sicuramente ragione,

l'odio verso la Juve è stato un harakiri per tutto il calcio italiano economicamente e tecnicamente,

ma questo passaggio:

 

Quoto

e mandato in galera per vent’anni i responsabili.

 

Dimostra che della farsa non ne sa una beata fava neanche lui...

(a meno che come "responsabili" intenda Guido Rossi, Tronchetto Provera, Denti Marci, ecc.ecc. .the )

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, LE6END ha scritto:

È la versione USA di Angelo Pisani

Io credo che questo avvocato amico di Pallotta non parli male della juventus...ma bensì dice che fosse successo negli USA  a pagare non sarebbero stati i clubs e i tifosi ma appunto i dirigenti se veramente erano coinvolti con prove schiaccianti e non senza uno stralcio di prova.... oppure i fautori della farsa...coloro che hanno messo su il golpe contro di noi....

Share this post


Link to post
Share on other sites

La  cosa importante per questo  fenomeno era  raccontare  guarda a caso  un aneddoto ( vero o presunto) in cui un bambino  da  dei   ladri alla    juventus! ALLora  anchio  domani   suggerisco a qualche giornalista juventino(o personaggio  vip juventino) di inventarsi e  scrivere da qualche parte , o dire  in qualche intervista,che  quando è stato in vacanza negli stati uniti  ha  visto una scena  di bambini  che  giocavano al pallone  e che  quando c era  da  scegliere  le  squadre  dicevano tra  di   loro....no il  milan no perche   è la  squadra   che  ha avuto un presidente  vicino alla mafia  e è pieno di sentenza  contro di  lui........etc.   un altro fenomeno da baraccone!  Ma  dire   che  è vergognoso che  sia stata  salvata la  sporca  e prescritta  inter.......quello non si dice...... è una bestemmia????E dire  che  calciopoli, visti i fatti    reali,  sia  stata una  porcata fatta per fermare la juve....... quello no.. è una bastemmia? E' arrivato un altro presunto infallibile " gesu  *"    a  sparlare della juve e  a ignorare  i prescritti  e  i rossoneri   dal presidente   "pulito"!   SOn daccordo che negli stati uniti  avrebbero salvato la societa juve , com era giusto che fosse, ma qui il problema è che ,se anche  la juve avesse commesso delgi illeciti, allora per  gli stessi illeciti sarebbbero dovute  retrocerdere in b almeno altre  4 squadre !  2 pesi  e  2 misure  caro gesu  * infallibile!!E poi se vogliamo parlare seriamente  di calciopoli,  bisogna  asoolutamente dire che  è  stato un processo  basato sul sentito dire e sul sentimento popolare! UNA  FARSA

Share this post


Link to post
Share on other sites

"il calcio italiano dovrebbe essere grato ai bianconeri", non succederà mai, provano quotidianamente ad affossarci in ogni modo, inventandosi di tutto e di più. Forse il calcio italiano non merita la Juve...

L'annedoto sui bambini e , come avrebbe detto un nostro ex, semplicemente agghiacciante. Con quelle semplici parole si è capito che gli ideatori di calciopoli avevano fatto centro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considera la responsabilità oggettiva inutile e dannosa.

Dice che se c'è qualcuno che commette un reato va punito chi lo commette non tutta l'azienda di cui fa parte. 

Non ci trovo alcun tipo di attacco, anzi, sono d'accordo con il concetto di base.

Non è che ogni ragionamento che porta ad accostare la Juve alla parola "ladri", qualsiasi sia il contesto, debba essere immediatamente cestinato e l'intervistato, l'intervistatore, e tutta la loro razza marchiati come perfidi antijuve.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ha perfettamente ragione: ci sta dicendo che in America avrebbero salvato il sistema e le squadre blasonate coinvolte anche per rispetto ai tifosi: un loro allontanamento, sottintende, avrebbe comportato introiti minori e una limitazione alla vendita del prodotto.

 

Quello che guarda caso è successo al calcio italiano post 2006.

 

Tra le righe sottolinea che è stata una farsa portata a termine per colpire la Juventus e non, semmai, gli eventuali responsabili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Basta pensare che i pennivendoli del giornaletto di trigoria che lo hanno intervistato...questa parte dell'intervista.... Il calcio italiano dovrebbe essere grato ai bianconeri per ciò che stanno facendo, a cominciare dall'acquisto di Ronaldo". Non l'hanno riportata.... Ho provato io a riportarla tre volte per rispondere alle accuse dei ciuccesi e dei riommici....mi hanno sempre censurato il commento... :d

Share this post


Link to post
Share on other sites

In America... in Italia invece i responsabili hanno avuto uno scudetto di cartone,  5 anni di falsa gloria contro nessuno e una Champions rubata come ciliegina sulla torta...

  • Mi Piace 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.