Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 04/02/2020 in all areas

  1. 17 points
    Il fatto che nell'anno 2020 (leggasi DUEMILAVENTI) si debbano ancora leggere ancora post qualunquisti e offensivi di gente convinta che a nord di Latina siano a tutti seri e scrupolosi osservatori delle leggi e a sud un branco di incivili fa davvero cadere le braccia. Perché altrimenti vorrei che mi spiegaste come mai qualche settimana fa tanti "fenomeni" sono andati a infettare Valle d'Aosta, Trentino-Alto Adige e Liguria perché non potevano rinunciare al viaggetto nel fine settimana con la Lombardia già zona rossa. O la Lombardia in base alla nuova geografia del forum ora si trova a sud di Latina? Giusto per precisare (sembra incredibile che nel DUEMILAVENTI sia ancora necessario farlo): i delinquenti e le persone perbene esistono sia al Nord che al Sud non è che sono divisi sulla base di una linea immaginaria che esiste solo nel cervello di qualche soggetto che pensa di essere spiritoso. Altrimenti inutile che poi postate articoli per lagnarvi quando qualche cialtrone nel Nord Europa etichetta tutti gli italiani come ladri, disonesti e sfaticati quando nemmeno tra di noi riusciamo a essere un popolo unito. I sacrifici in questi giorni le persone perbene li stanno facendo ovunque, da Nord a Sud e non è che per qualche idiota che non rispetta la legge ci si deve ritenere autorizzati a fare battutine idiote e qualunquiste offendendo pure chi la legge l'ha sempre rispettata.
  2. 6 points
    Il derby di guerra (anche in campo...) giocato 75 anni fa allo Stadio Mussolini di Torino Durante il conflitto, i campionati erano stati sospesi: l’Italia calcistica si era frantumata in tornei locali più o meno irrilevanti. Ma poi ci fu la sfida tra Toro e Juve... TORINO. Alle prime raffiche di mitra, ai ventidue sul terreno di gioco la vita sfilò davanti agli occhi come un film riavvolto troppo in fretta. Dopo tutti gli sforzi per non partire in guerra, i giocatori non potevano credere che stavano rischiando la pelle proprio sul campo di calcio di casa. E per giunta sotto il fuoco amico, un’espressione che - va detto - significava assai poco in quei primi mesi del 1945.Campionati sospesiQuando il conflitto era scoppiato, i campionati erano stati sospesi. A causa della Linea Gotica che tagliava in due il Paese, l’Italia calcistica si era frantumata in una serie di tornei locali più o meno irrilevanti. Da gennaio a luglio 1944 nei territori occupati dalle truppe tedesche si era svolto il Campionato Alta Italia (vinto dai Vigili del Fuoco di La Spezia), ma quel 1945 è un anno caotico. I tedeschi hanno vietato ogni forma di competizione sportiva e allora si assegnano coppe qua e là, con un duplice scopo benefico: devolvere gli incassi alle famiglie sfollate e regalare due ore di svago a chi ha scelto di rimanere. Per non arruolarsi, i campioni d’Italia del Grande Torino si sono fatti assumere dalla Fiat del Senatore Agnelli, in nome di una loro presunta, indispensabile professionalità al tornio. Lo stesso aveva fatto la Juventus, che si era trasferita ad Alba per lavorare in blocco alla Cisitalia, la piccola azienda di auto da corsa del presidente bianconero Piero Dusio. In buona sostanza, le squadre più forti d’Italia si erano trasformate in fittizie associazioni dopolavoristiche. Insieme avevano dato vita al Torneo Fiat e alla Coppa Pio Marchi, dedicata al povero «Aviatik», il mediano bianconero morto sotto le bombe alleate nel dicembre 1942. Come per ogni sfida che si rispetti, per assegnare quel trofeo si era fissata la partita (il derby Torino-Juventus), il luogo (lo stadio Mussolini) e la data (il giorno di Pasqua). Era il primo aprile di 75 anni fa. Le regolePer rendere i tornei più avvincenti, si era stabilito che ogni squadra avrebbe potuto schierare un massimo di sette giocatori della Divisione Nazionale. Quindi nel Toro Fiat accanto al portiere Bodoira, Ellena, Ossola, Loik, Gabetto e capitan Mazzola giocano Silvio Piola (della Lazio ma bloccato a Vercelli) e altri sconosciuti. Nella Juventus un buon numero di esordienti affianca fuoriclasse come i due Sentimenti III e IV, il terzino Rava, «Farfallino» Borel e i mediani Depetrini e Parola. Le due squadre scendono in campo con il lutto al braccio, ma questa rimarrà l’unica concessione alle intenzioni amichevoli di giornata. Sugli spalti si mescolano indistintamente fascisti, militari tedeschi e partigiani, e anche in campo le due squadre sono un miscuglio di idee politiche opposte, sempre sul punto di esplodere. La partitaIl Toro parte forte e al 23’ passa in vantaggio con Valentino Mazzola, al 43’ Sentimenti IV pareggia per la Juventus con un bel diagonale. Alla ripresa il granata Ferrini colpisce in area il bianconero Raccis, ma l’arbitro Canavesio prima assegna il rigore, poi ci ripensa e fa proseguire il gioco. È a quel punto che gli animi si scaldano, sul campo e in tribuna. Una serie di falletti e fallacci apre la strada alla reazione di Mazzola, che appioppa un sonoro calcio nelle natiche a Borel, che lo aveva irriso scavalcandolo con un “sombrero”. Poi piomba Rava (reduce dalla campagna di Russia) e acchiappa capitan Valentino per il bavero. A quel punto scoppia il far west. Si azzuffano i giocatori in campo e quelli in panchina, se le danno sugli spalti, dove qualcuno inizia a prendere a sassate i giocatori. Aprono il fuoco i tedeschi, li accompagnano i fascisti, rispondono i gappisti. Nell’almanacco di Vladimiro Caminiti «Juventus 80», il dirigente bianconero Fusaro così racconta quei momenti di terrore: «Qualcuno dalla gradinata centrale sparò un colpo in aria pensando forse di impaurire i giocatori. Non l’avesse mai fatto. Dalla tribuna risposero al fuoco e parve di trovarsi in prima linea. La sparatoria durò qualche minuto: i giocatori si gettarono a terra cercando di evitare i proiettili, che passando sopra il campo sibilavano da una tribuna all’altra».Vendette in campoQuando gli animi si quietano un po’, il gioco ricomincia. In campo però riprendono a consumarsi le vendette, mentre sugli spalti le Mg42 seguitano a cantare. L’arbitro espelle Loik, Mazzola e Capaccioli, Ciccio Sentimenti insacca il 2-1. Poi un altro bianconero (che la storia ha dimenticato) sigla il terzo goal e la guerra civile ricomincia. A dieci minuti dalla fine, l’arbitro decide di accogliere le suppliche dei giocatori terrorizzati e fischia la fine della partita. La coppa Marchi non sarebbe mai stata assegnata. Amedeo Bertello (che all’epoca aveva nove anni) rievoca i suoi ricordi di quel giorno nel bel libro di Nico Ivaldi «Derby di guerra» (Editrice Il Punto): «Regnava una confusione inverosimile. Lo stadio sembrava un enorme tiro a segno. Mentre scappavamo inciampai e caddi, rischiando di essere travolto dagli altri tifosi. Mio padre mi tirò su. Era tutto sudato e gridava: “Forza, alzati o finirai schiacciato da questa mandria di cavalli”. Io mi trovai in mano, non so come, un bossolo». In quei disordini nessuno aveva potuto vedere Mazzola e Borel sanguinanti fare pace con una virile stretta di mano. Né avrebbe potuto immaginare che per Torino e per l’Italia quello appena cominciato si sarebbe rivelato il mese più lungo del secolo breve. LA STAMPA
  3. 6 points
    Se un piccolo commerciante con famiglia che riesce a tirare su, diciamo 1.600€ dovendo magari pagare mutuo/affitto si trova all'improvviso ridotto ad entrate ZERO quanto pensi che possa tenere duro senza riaprire? Due mesi, tre. E poi che fa? Ma vi rendete conto di quanto siete astratti? A meno che questa astrazione non dipenda da un conto in banca a sei zeri.
  4. 5 points
    Il problema dei soldi per carità c’è e non va minimizzato ma vorrei ricordare a tutti che qui in Lombardia siamo ancora nella fase in cui vediamo MORIRE GENITORI, ZII E FRATELLI SENZA POTERLI SALUTARE E SEPPELLIRLI. Se nelle altre regioni (non credo) ci sono altre priorità buon per voi, riaprite pure tutto, ma qui deve restare tutto chiuso fino a MORTALITÀ ZERO Scusate
  5. 5 points
    stucchevole dualismo settentrionali-meridionali, noi toscani non facciamo distinzioni, ce l abbiamo con tutti, a nord a sud e ad est, pure ad ovest, e non vuol dire niente se c è il mare ad ovest, se non ci fosse il mare sicuramente li ci starebbero i peggiori.
  6. 4 points
    Si continua a vivere nell'irrealtà di prolungamenti infiniti che non avverranno mai. Continuo a sentire delle filippiche infinite sul riaprire poi, sul riaprire dopo o sul riaprire mai. "Ah no ma i ristoranti prima di metà maggio, forse giugno, per inizio luglio", ma basta con ste *. Potrei citare almeno 50 ristoranti che già ora in Lombardia sono in totale difficoltà. E saranno chiusi ancora 15-20 giorni. In questo topic si continua a vivere in un mondo che non esiste per p. Iva e pmi. Un mondo dove tutti hanno liquidità inifita, possibilità di restare chiusi secoli e tutti insieme stiamo barricati in casa per sconfiggere il virus. Beh la realtà è completamente diversa. Volete che vi posto qualche centinaio di testimonianze da gruppi di autonomi o ristoratori? (Senza contare altri settori). Ragazzi il punto è un altro. È facile stare a casa col cùlo sul divano a scrivere "state a casa", "chiusura fino a luglio", "andrà tutto bene" quando sei un dipendente statale, o mantenuto, o pieno di soldi ecc Io stesso potrei tranquillamente sbattermene i *, tanto i soldi li ho, gli altri che si fottano. Ma non si ragiona così. Non esiste solo l'emergenza coronavirus. E non mi stancherò mai di dire che in Italia, attualmente, c'è un mondo che aspetta di ripartire. Il prima possibile. E il prima possibile non può essere giugno e neanche metà maggio.
  7. 4 points
    Per non parlare dei i negozi e di tutte le attività che implicano vendita al pubblico: che fanno, dichiarano fallimento? Vanno alla mensa dei poveri? E una volta passata si tirano un colpo in testa? Chi parla di tenere chiuso fino ad esaurimento della malattia non sa quello che dice. Bisognerà conviverci accettando un tasso di perdite fino all'arrivo del vaccino. Altrimenti è il default.
  8. 3 points
    Grazie per la tua testimonianza Perché qua dentro molti pensano che le preoccupazioni economiche derivino dal fatto che non ci si possa comprare l'iphone.
  9. 3 points
    Infatti. Gentaglia egoista che si è suicidata anziché mangiare i topi... Quante càzzate che si leggono, amico.
  10. 3 points
    si tutto bello, ma come campi? vedi 2-3 mesi probabilmente riesci a farli, ma poi i soldi iniziano a scarseggiare, e per vivere devi mangiare, e per mangiare devi pagare visto che il cibo non è gratis e se non lavori non pigli i soldi, perchè le famose casse integrazione arrivano a circa 9 settimane, ergo puoi fare aprile-maggio... poi giugno iniziano i problemi e se non mangi cosa vedi, di cosa vivi? parlerai di smart working, il muratore per esempio lo smart working come lo fa? pensa a questa di realtà, tu con la quarantena prolungata non campi (per prolungata parlo dai 3 mesi in su)
  11. 3 points
    i cinesi sono bugiardi patentati, sono 3 mesi che dicono *. ah, dimenticato i famosi doni dalla cina sono materiale schifoso, mia moglie ha visto le scatole roba di seconda mano che non utilizzavano e c hanno rifilato, han provato ad usare delle loro mascherine sembrano fatte per l uomo di neanderthal per quanto sono grosse, le famose n95 inutilizzabili, i macchinari poco precisi, se penso ai governatori che facevano i lecchini in tv con conferenze stampa dedicate mi viene da ridere, idem per tutti gli italiani che si fanno raggirare da 4 palanche donate mentre sputano su 200mln di quantitative easing. una volta era pane et circensis adesso bastano 4 cinesate da 4 spicci, poi magari siamo stati sfigati con la roba, a qualcuno sarà arrivato materiale utile.......
  12. 2 points
    Ripeto se tu fra tre mesi avrai 0 contagi e 10 milioni di disoccupati e la gente che di casa esce lo stesso per cercare da mangiare alziamo le mani noi . Signori ...l 'intervento è tecnicamente riuscito .Abbiamo eliminato tutto . E il paziente come sta ? È morto . Sa ...l'anestesia era troppa .
  13. 2 points
    anche inferiore all 1 per cento é ben superiore all´influenza...nessuna fake news e nessun "ridimensionamento" per farla passare come tale... il virus ha un r0 superiore il doppio dell´influenza...che per inciso fa 6-8 milioni di contagi... e che le epidemie sian partite a inizio dicembre e non di certo a inizio febbraio non é certo una fake news... del resto era successo lo stesso in cina dove i primi pazienti (non riconosciuti) sono di fine ottobre...con una situazione a wuhan che non era certo di poche centinaia di contagiati quando é stato deciso per il lockdown ma ormai decine di migliaia... ...gli studi epidemiologici che arrivano alla conclusione dei 6 milioni come dato piú verosimile prendono in considerazione anche parametri matematici...c´e´ un "range di afflittivitá conosciuto"...c´e´ un preciso identikit delle categorie di persone che son a rischio decesso e quindi si sa anche quale porzione della popolazione sia a rischio... ed é un dato che insieme a quello dell´ r0 alla fine porta a quelle stime... in misura minore poi (non vengon prese per buone per i calcoli dei modelli matematici ovviamente) ci son le "testimonianze sul campo" ... quello che racconta del condominio in cui metá condomini e´ contagiato... il convento dove 19 suore su 21 risultano positive... le squadre di calcio (quelle che comunicano i dati) con metá componenti contagiati... i vari vip/politici che vengon fuori...é una dinamica di pandemia che ricorda appunto l´influenza stagionale (anzi pare piú spiccata) per come vengon fuori poi i contagiati... la forbice fra 500K e 1,2M fa davvero ridere permettimi...solo in lombardia ci saran stati al momento finora almeno 2-2,5 milioni di contagi (20-25 per cento della popolazione) ... ci si comincerá a rendere conto della cosa con i primi test seriologici su ampia scala... giá il test di massa che han deciso a fare a robbio lomellina dopo la prima prova (gia´ abbastanza esaustiva nonostante il campione esiguo) potrá dare una piccola indicazione in tal senso
  14. 2 points
    più che altro c'è chi ha intenzione di sposarsi dopo sta roba?
  15. 2 points
    ..... ho notato che c'è un po' di " dibattito " sull'ex STADIO COMUNALE ... ora .... STADIO OLIMPICO GRANDE TORINO .... .... vediamo un po' di ricapitolare .... In principio si chiamava Stadio Benito Mussolini, ed era stato voluto dal Duce in persona per i Giochi Littoriali del 1933: costruito a tempo di record, era un complesso che annoverava oltre al catino il complesso di piscine coperte e la torre Maratona. La prima squadra a metterci piede fu la Juventus nel 1933, contro una squadra ungherese per i quarti di finale della Coppa Europa Centrale (diventeràla Coppa Mitropa): fu vittoria rotonda, 6-2 per i bianconeri. Nell’anteguerra il Benito Mussolini ospitò anche alcune fasi della Coppa del Mondo di calcio del 1934, vinta dalla Nazionale di Vittorio Pozzo. Dopo la guerra, l’impianto cambiò nome: ufficialmente era diventato il “Vittorio Pozzo”, ma tutti iniziarono a chiamarlo semplicemente “il Comunale” ..... e per ciò che concerne la partita citata dall' autore della discussione ... ne feci accenno il 24 Novembre 2019 in questo topic ..... Tu chiamale, se vuoi, emozioni! Intensi "flashback bianconeri" a ritroso nel tempo, che rimandano a fulgidi e splendenti scudetti vinti con cuore e batticuore ( ... narrando le gesta del grande Giampiero Combi scrissi anche quanto segue ) ...... per non parlare del ...... Inaugurato nel 1943 come " CAMPO SPORTIVO JUVENTUS " , nel 1956 fu intestato e dedicato alla " Memoria " di GIAMPIERO COMBI , per poi, in seguito, assumere la denominazione Di " COMBI - MARCHI - CALIGARIS " . Probabilmente, anche ai più giovani tra noi, i nomi di " COMBI e CALIGARIS ", quando si narra di Juventus, non dovrebbero essere del tutto estranei. Un po' meno di " popolarità " invece, penso possa esserci per quanto concerne il nome di PIO MARCHI ( detto " MARCHI I " per distinguerlo dal fratello più giovane GUIDO, detto, " MARCHI II " ). Entrambi furono giocatori della Juventus. PIO MARCHI morì nel 1942 a seguito di un bombardamento. A PIO MARCHI VA RICONOSCIUTO IL GRANDE MERITO DI AVER " SCOPERTO " L'IMMENSO TALENTO DI COMBI GIAMPIERO ! Il 1° Aprile del 1945 si disputò un derby a scopo benefico : Juventus - Torino 3-1 ! Il Trofeo era intitolato alla "Memoria" di PIO MARCHI ( stando a quanto riportato su " Juventus : Storia di una Passione Italiana, dalle origini ai giorni nostri " di Agosti e De Luna, sembra che nel corso della partita,improvvisamente, si avvertirono alcuni colpi di pistola che crearono panico sia in campo che sugli spalti - alcune fonti dicono che il match fu interrotto a circa 20 minuti dalla fine, altre, invece,sostengono che la partita fu momentaneamente interrotta sul 2-1 per i bianconeri, per poi essere nuovamente ripresa dopo una " sosta " di qualche minuto ) Serena Notte a tutti ! Stefano
  16. 2 points
  17. 2 points
    Sulla trasparenza Cinese non credo ci siano mai stati dubbi. Spero che alla fine di tutto questo schifo le venga presentato il conto.
  18. 2 points
    Con il nuovo decreto di stasera e la conseguente comunicazione di Conte che spiega chiaramente che anche gli allenamenti sono sospesi almeno fino al 13 aprile, non è difficile ipotizzare una ripresa del campionato ai primi di giugno. Se così fosse, vorrei sapere come fanno a giocare 12 partite in un mese (recuperi esclusi), dato che dal 1 luglio molti giocatori non farebbero più parte delle attuali loro squadre. Come ho detto nel mio precedente post, anche per rispetto dei morti, sarebbe meglio chiudere qui e non assegnare lo scudetto.
  19. 2 points
    Aprite tutti gli occhi e mettetevi l'anima in pace. Ci sono pochissime possibilità di ritornare a giocare. Qui tutti credono che una volta scampato il pericolo tutti in strada a passeggiare, e magari fare ripartire il campionato. Non c'è nulla più di sbagliato, perché quando sarà finito l'allarme rosso, ci sarà un lungo periodo dove saranno vietati comunque i contatti e le distanze ravvicinate. E ciò potrebbe durare per altri mesi e mesi, per evitare un eventuale ritorno del virus. Come si può pretendere di finire questo campionato? Addirittura potrebbe essere a rischio anche il prossimo, se non fosse chiaro a tutti.
  20. 1 point
    Ma assolutamente sì.. Se non si riapre gradualmente si blocca tutto. Ci sono bollette da pagare (e saranno salate stando a casa tutto il dì) affitti fa pagare,costi accessori. Poi il 31 tiri una riga e da una parte ci sono se va bene i 600 euro, dalla altra ipotizzo per una famiglia di 4 persone 1500 a stare corti.. Quanto ci viviamo così? Siamo tutti Briatore oppure sono cavolini amari
  21. 1 point
    Ormani nemmeno più quelle Siamo addormentati sui social Cmq anche loro che puffano eh Le informazioni le avevano.da noi, bastava guardare il tg Non credo ci sia la censura in Francia Popolo tutto loro i franzosi
  22. 1 point
    Si, il cuore sicuramente ha influito. Però è pazzesco pensare quanti grandi campioni abbiamo avuto! (Per due misere coppette..sigh..)
  23. 1 point
    comunque.... https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/01/coronavirus-listituto-cattaneo-il-numero-dei-morti-in-italia-e-raddoppiato-in-emilia-romagna-registrato-il-75-di-decessi-in-piu/5757156/ Coronavirus, analisi dell’Istituto Cattaneo: “Il numero dei morti doppio rispetto a quanto comunicato dalla Protezione Civile” Dati sottostimati. Pazienti invisibili e morti non classificate. Da giorni il dubbio che l’epidemia di Covid 9 sia più vasta e profonda di quanto apparisse era presenti sui media e nelle richieste di sindaci e amministratori. Oggi oltre alla pubblicazione dei primi dati Istat – che indica che il numero dei decessi al Nord è raddoppiato con una stima del 337% per la sola Bergamo – c’è l’analisi più ampia ed estesa a 1080 degli 8000 comuni italiani dell’Istituto Cattaneo di Bologna. Alla domanda su quanti decessi in più ha provocato l’epidemia nel nostro paese, l’Istituto risponde che “il numero di decessi riconducibili a Coronavirus in Italia risulta comunque il doppio di quello a cui si arriva sulla base dei numeri relativi ai pazienti deceduti positivi al test per Covid-19, comunicati dalla Protezione Civile“. Il confronto dei dati riguarda il periodo 21 febbraio-21 marzo e la media dello stesso periodo relativa al precedente quinquennio 2015- 2019.
  24. 1 point
    Perché non fidarsi dei numeri cinesi? Saranno mica una dittatura che pratica la censura di stato?
  25. 1 point
    La reazione sarebbe: Juve, ma non ti vergogni a vincere ancora una volta in mezzo ai morti? Gazzetta: Juve: dopo l'Heysel ecco lo scudetto di sangue. Opinionisti: sarebbe stato meglio stoppare il campionato per rispetto dei morti ma i poteri forti(Agnelli) han voluto giocare lo stesso.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.