Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 09/17/2022 in all areas

  1. 68 points
  2. 67 points
    Oggi è uscita alla ribalta la "chiacchierata" di Allegri al Corsera con Sconcerti, in cui si possono leggere cose condivisibili, alcune meno, altre per niente. Ma soprattutto, da questa chiacchierata ne esce un Allegri diverso, a tratti irriconoscibile da quello che tanto bene ha fatto nella sua prima avventura in bianconero. Periodo in cui la mia stima per lui ha raggiunto livelli molto alti, a volte magari eccessivi, ma proprio per questo mi sento di rivolgergli con accorata schiettezza una lettera aperta, quasi da amico, perchè ad uno che ci ha regalato così tante vittorie io non riesco a non volergli bene. E quando qualcuno non riesce a vedere una direzione, sono proprio gli "amici" a dover dare una visione esterna, meno interessata e forse per questo più a fuoco. Probabilmente questa "trovata" mi porterà solo ad essere linciato a mia volta, ma non mi interessa, in questi anni ci ho fatto il callo verso la maleducazione e la mancanza di rispetto che spopola nel web e premo lo stesso invio, perchè la Juve viene prima delle mie idee e anche dei singoli che sono chiamati a risollevarla. Perchè, caro Max, il tempo inizia a stringere e a doversi dare una scossa sei rimasto da solo, il fuoco "nemico" attacca da tutte le parti, le attenuanti dello scorso anno sono finite, la squadra seppur con qualche lacuna e qualche assenza è più adatta a te e forse forse è davvero il caso di abbandonare le crociate e iniziare a proporre qualcosa di valido che porti prestazioni e risultati, perchè ne sei capace. E l'abbiamo visto non solo nella tua versione più brillante - penso a quando si andava a palleggiare in faccia non solo al BVB ma anche al Real Madrid con Sturaro titolare perchè "se uno non c'è, gioca un altro, è inutile fasciarsi la testa" - ma anche in quella più già appannata nel famoso ritorno con l'Atletico e a piccolissimi sprazzi anche in questo bis. Già, perchè quell'Allegri era l'unico a credere sin dal giorno zero che quella squadra potesse fare strada in Europa, gli stessi dirigenti che lo vollero dissero che sarebbe bastato passare il girone per essere soddisfatti. Non certo quello che dice che la partita importante è quella col Benfica e poi la perde. Era quello che rifilava 6 gol al Verona e 7 al Parma, non quello che ne fa 2 a fatica allo Spezia. Era quello che ha effettivamente dimostrato a tutti che quei giocatori erano dei top e non gente con 10 euro in un ristorante da 100. Era quello che le crisi le ribaltava ma soprattutto non si perdeva quasi mai in battaglie dialettiche inutili e quando lo faceva erano cose che restavano in mixed zone, non le portava sul campo rendendo la sua squadra una cavia nel tentativo di avvalorarle. Quello che le sue convinzioni le esaltava e rivoltava i periodi di crisi come un calzino da Sassuolo al gol di Koulibaly, non se li lasciava mica ritorcere contro come adesso. Capisco sia difficile lavorare facendo anche da parafulmine ad una società assente, ma è pure l'ultima spiaggia, caro Max, l'alternativa che resta per non rovinare ulteriormente la tua reputazione, è farsi da parte ed poi andare a fare il battutista al club di Caressa. Insomma, caro Max, ricordiamoglielo al mondo chi eravamo e che - forse - potremmo ritornare. E se non ritorneremo, vorrà dire che il tempo passa per tutti e guizzi per i colpi di coda non ne hai più, lo accetterò e volterò pagina, sperando almeno ci sarà concesso l'onore delle armi.
  3. 54 points
    I giocatori per fare l'instant team li hai voluti tu. Perché con gli altri non ci vuoi e non ci SAI lavorare. Ora goditeli. Sei finito, sei il nulla e la squadra ti rispecchia. A proposito due giorni fa avevi detto che bisognava stare zitti e lavorare. Beh lavora (fino a che non ti sollevano dall'incarico) e taci.
  4. 47 points
    Corriere Della Sera Per Allegri gli errori sono troppi Allegri ammette che nelle ultime partite si sono presi sei gol con la difesa schierata (“A Parigi Mbappè ha fatto due prodezze, ma noi gli abbiamo lasciato lo spazio per farle”) e torna sul ko di mercoledì dicendo: “Col Benfica abbiamo giocato i venticinque minuti migliori della stagione, con insistenza. Potevamo andare sul 2-0, la partita era finita. Poi c’è stato un errore di marcatura sul rigore, ma non di Miretti, che ha comunque 19 anni e non si può chiedergli tutto. Quella era la zona di Paredes, toccava a lui. Paredes non gioca praticamente da sei mesi, questo conta. Dobbiamo aspettarlo ed è già una fortuna che ci sia. Gli errori sono in tante parti del campo. Sbagliamo passaggi, commettiamo troppi errori tecnici, non contrastiamo, perdiamo il controllo fisico degli avversari”. Allegri rivela che la Juve era stata pensata diversamente Poi continua: “Sono molto dispiaciuto per questa situazione e mi chiedo spesso se ho commesso errori. La prima risposta che mi viene in mente è che la Juve era stata pensata in un altro modo. Con Rabiot-Paredes-Pogba a centrocampo più Locatelli a fare il primo che subentra. Di Maria e Chiesa sulle fasce, Vlahovic nel mezzo. La Juve di adesso è virtuale. Potremo contare a gennaio su Chiesa e Pogba, poi vedremo cosa potergli chiedere subito. Non sono biciclette. Quanto tempo dovranno avere per tornare alla loro altezza? Provate a togliere all’Inter o al Milan cinque titolari, poi vediamo se vanno in difficoltà. Allegri chiarisce: “Io adoro la qualità dei miei giocatori, li ho cercati e voluti. Non ho schemi prestabiliti, adatto il gioco alle loro qualità. Oggi i giocatori non pensano, ubbidiscono. Non interpretano. È la soluzione più facile. Mentre il calcio è una somma di singole fantasie. Rimpianti? Quello vero è il 2-0 annullato a Locatelli contro la Roma. Non penso alla Salernitana, mi bastavano quei due punti in più. Li meritavamo. Avremmo avuto una classifica diversa, vicinissimi alle altre anche con tutti i problemi” Virgilio.it
  5. 43 points
    La parte sul gioco è da ritiro del patentino, altro che esonero. Se la dirigenza/proprietà avalla questa roba ci aspettano anni bui.
  6. 40 points
    La finale di Cardiff. Il ciclo di Allegri era finito, e invece ce lo siamo trascinato per altri due anni. Poi si è iniziato a prendere e riprendere allenatori a caso. Ogni sessione di mercato fatta totalmente a casaccio, spendendo tantissimo su un singolo giocatore (CR7, de Ligt, Vlahovic) e lasciando scoperto tutto il resto della rosa.
  7. 38 points
    A me Allegri sembra sempre lo stesso. È la squadra ad essere molto più scarsa (altro che qualche lacuna e qualche assenza....domani il Monza avrà una panchina con giocatori più validi dei nostri ed è tutto dire). Ci si perde in inutili polemiche sull'allenatore quando i veri problemi sono altrove. Uno dei problemi è anche l'incapacità atavica del tifoso calcistico medio italiano (mica solo alla Juve) di accettare che si può anche perdere ed avere stagioni negative senza per questo fare drammi epocali e cercare per forza colpevoli ed invocare licenziamenti o dimissioni.
  8. 36 points
    Monza - Juventus 1-0 Qui i commenti 
  9. 35 points
    l'inizio della fine è cominciato chiaramente dall'addio di Marotta, è stato lui il responsabile dei 9 scudetti consecutivi e delle due finali di champions league in tre anni. Purtroppo dirigenti di questo livello non si trovano in giro e quindi il ridimensionamento è inevitabile. Buon per gli interisti, che devo dire, adesso se lo godono loro.
  10. 32 points
  11. 32 points
    Non è una partita ad aver decretato la nostra fine ma la salita in cattedra di Andrea Agnelli. Da quando ha accentrato tutti i poteri su di sé siamo letteralmente implosi.
  12. 29 points
  13. 28 points
    "Reazione? Mi aspetto una reazione da Juventus, ma non la chiamerei reazione. Dalla Juventus si pretende azione: ogni partita ha la sua storia e ogni partita si deve dimostrare che si porta con onore la maglia che si indossa. Galliani? Ieri ho ricevuto una telefonata da lui, mi ha invitato ad assaggiare il risotto alla monzese". "Allegri? Cambiare guida tecnica sarebbe una follia. La responsabilità è far funzionare la società Juventus. Fare dei processi sommari e indicare un colpevole non aiuta la Juve a lavorare con disciplina. Max ha un programma che deve sviluppare in 4 anni, io come amministratore delegato devo sviluppare un programma in 2/3 anni. Allora il colpevole sono io: l’ad è al vertice della società, se le cose non funzionano è compito mio farle funzionare. Ci sono tre elementi: l’umiltà, la chiarezza e la determinazione. Abbiamo dei problemi, non si risolvono lasciando da sola una persona”.
  14. 28 points
  15. 26 points
  16. 25 points
    amico mio ..... ti parla un innamorato di max ..... ma fidati , è andato. La cosa che mi fa capire che è finito , intendo proprio come allenatore, è il fatto che lui stia ormai combattendo una crociata per difendere se stesso e le sue idee ..... è completamente fuori dalla realtà del campo. E' completamente all'interno di un dibattito da social che puo' coinvolgere noi tifosi, non lui. Parla come un utente di vecchiasignora. L'unica cosa che gli resta da fare per lasciarci un bel ricordo è dimettersi.
  17. 23 points
  18. 23 points
    Bravo, ora analizza questo: 1) In 8 partite abbiamo segnato solo 5 gol su azione. Come mai? 2) Gatti e Rugani sono sempre stati a disposizione, perché non sono stati utilizzati? Lo stesso vale per Fagioli e Soulè. 3) Come mai la Juve riesce a segnare solo su cross dalla trequarti? 4) Come mai la Juve ha già causato 3 rigori? 5) Come mai la Juve ha finito dei tempi senza mai tirare in porta? 6) Come mai gli unici che corrono sono quelli che hanno fatto preparazione altrove? Posso continuare eh, per ora però mi accontento di una risposta a queste sei domande.
  19. 21 points
    Qui dentro la gente è capace solo ad attaccare la persona. Viene odiato e offeso, gente prevenuta che tifa contro la propria squadra sperando nell'esonero, lo odiano a prescindere dai risultati. Ma vogliamo parlare di calcio? C'è uno, dico uno, che guarda le partite? Uno che è capace a vedere il calcio? Ci rendiamo conto che diciamo da anni che non abbiamo il centrocampo? E chi erano i titolari ieri sera? Miretti e Mck. MIRETTI E MCK. Dicevamo che quello dell'anno scorso con Loca Rabiot e Mck era ridicolo, ieri sera era peggio. Ma vi sembra un centrocampo decente? Il povero Paredes faceva tutto da solo.... Mck correva a vuoto e non è riuscito a fare un appoggio gusto, un passaggio al compagno vicino. Miretti ragazzi è un U23 e rimane tale, una promessa ma ancora acerbo, visto come un fenomeno ma in campo dà ancora poco, non contrasta e non suggerisce. Per giocare a quei livelli serve la tecnica, anche nei passaggi semplici. Serve gente che sa stoppare, giocare di prima, fare il passaggio sui piedi. Invece si vedono passaggi sbagliati, lanci sbagliati, stop sbagliati. Contrasti? Zero. Dribbling? Manco uno, nessuno che supera l'avversario. Appena cala l'agonismo dei primi minuti c'è il vuoto, lo stesso che ho visto con la Salernitana. Se ci fosse gente che recupera e riparte, contrasta e alza la voce alla squadra, lotta e dà l'esempio, dà continuità anche nei momenti fisiologici di calo, gli altri capirebbero l'esempio. Miretti e McK sono in grado di farlo? Lo hanno fatto ieri? No. E perchè giocavano loro? Sono loro i titolari? No. Il cc titolare sarebbe Pogba Paredes e Locatelli. Pogba infortunato, Loca infortunato. E perchè? Perchè non abbiamo altri. Ieri sera ho rimpianto Zakaria... Perchè è uscito Milik? Perchè avevamo provato il 442 per far posto a Di Maria ma già in 3 a cc soffrivano, Paredes e McK da soli stavano annegando. Quindi è ritornato al 433, ma in panca c'era solo Fagioli. A loro è entrato Draxler, a noi Fagioli. Aggiungiamo che obiettivamente non abbiamo terzini. Abbiamo provato a prendere Udogie ma il Tottenham ha alzato la posta. A destra Cuadrado è finito. De Sciglio è entrato e lanciava la palla in fallo laterale, l'unica cosa buona l'ha fatta in fuorigioco. E' il reparto ancora da ricostruire. Kostic è tecnico e corre ma non dribla, non è Douglas Costa insomma. Inoltre quelli che sono in campo giocano ogni 3 giorni. Chi può alzare il livello tecnico? Pogba (infortunato), Locatelli (infortunato), Chiesa (infortunato), Di Maria (mezzo infortunato). Appena è entrato lui si è vista la differenza, avevamo pure pareggiato. Gente che ha tecnica, che dribbla, che sa cosa fare col pallone. Paredes l'unico sano (finora) che sa giocare, sta in mezzo al nulla. Dite che non c'è gioco? Non c'è schema? Non ci sono idee? E se invece le idee il gioco e gli schemi ci fossero, ma mancano gli interpreti? Pensate davvero che sia lui a dire "giocate solo 15 minuti e poi tutti in difesa? Vi risulta che negli anni dei trofei abbiamo giocato cosi male? Non sono scuse, obiettivamente ci siamo trovati in questa fase della stagione senza i giocatori che dovevano farci fare il salto di qualità, dare quel gioco e quella differenza pari al loro nome. Se vi basta dire "Vattene", non è la discussione per voi.
  20. 21 points
  21. 19 points
    Masnada di pagliacci a partire dalla Dirigenza. Buffoni 3 anni fa un arrogante si è svegliato una mattina e ha pensato "adesso faccio tutto da solo assieme al mio amico biondo" Eccovi serviti VERGOGNA, PEGGIO DI MORATTI
  22. 19 points
    Il problema principale non è più lui, ma la società più debole nella storia del Club. Con una società seria in un periodo del genere l'intervista di Galeone e questa "chiacchierata" con Sconcerti non sarebbero mai accadute. Ma neanche Pogba che va contro il parere di 3 medici e fa di testa sua aggravando l'infortunio, Gravina che ci prende in giro dopo un furto epocale, certi acquisti e tante altre cose.
  23. 18 points
    Fratelli Bianconeri, visto e considerato che in " VS ", ma non solo in " VS ", l'argomento " Allenatore " è ancor più bollente dell'acqua che viene sprigionata dai potenti e roventi getti dei " Geyser " ( trattasi di acqua proveniente da sorgenti situate su terreni vulcanici ) , sperando di farvi cosa gradita, sono a proporvi un, tutto sommato, breve ma esaustivo " excursus " inerente vicissitudini più o meno onorevoli e degne di nota di coloro che ( così come spesso avviene anche e soprattutto per i calciatori ) vengono definiti " GLI ALLENATORI DI RITORNO " ( e se è pur vero che " un metro ", sempre e comunque, è lungo 100 cm, è altresì vero che ciascuno di noi ha il " proprio metro ", ed il mio di " metro ", non lo nego e di ciò chiedo venia, per la serie " melius est abundare quam deficere ", quando nei miei " excursus " c'è di mezzo la nostra amata " Vecchia Signora ", volente o nolente, il più delle volte si manifesta in maniera più che sovrabbondante .. ) Fatto salvo il " dato oggettivo " da cui si evince che, fino agli inizi degli " Anni 20 ", la figura dell'allenatore, così come verrà in seguito percepita/concepita/omologata/standardizzata, era ancora lungi da venire, è proprio da lì in poi che il ruolo di Allenatore, che spesso coincideva anche con quello di calciatore, venne in qualche maniera "" Istituzionalizzato - codificato "" . E tutto sommato, per ciò che concerne la nostra " JUVENTUS " , dal 1920 al 1935, in un variegato " mix " di allenatori italiani e stranieri, non vi furono casi di " Allenatori di ritorno " . Le " panchine " che durarono più a lungo furono quelle di : A ) - JENO KAROLY - Ungherese - 4 Campionati - dal 1922/23 al 1925/26 - Primi due Campionati senza infamia e senza gloria - Terzo Campionato, 2° posto alla pari con la " Pro Vercelli " a 2 punti dal Bologna primo in classifica . Nel 1925/26 la Juve mette in bacheca il suo " 2° Scudetto " . Purtroppo, l'allenatore JENO KAROLY, a causa di problemi cardiaci, venne a mancare il giorno 28 Luglio del 1926 ( alcune fonti citano .. 27 Luglio .. ) ed oltre a lasciare sgomenti i suoi affetti più cari ed i tifosi bianconeri, non riuscì a godere del " frutto agognato " .. e cioè .. la conquista del titolo di " Campione d'Italia " della sua e nostra Juventus . Mancavano ancora 3 partite affinchè il sogno finalmente si avverasse , e cioè : - 1 Agosto 1929 - a Milano - Spareggio : JUVENTUS vs BOLOGNA 2 - 1 I due precedenti incontri del " Girone Finale della Lega Nord " erano terminati con i seguenti risultati : 11 Luglio 1926 - Bologna vs Juventus 2-2 - /// - 25 Luglio 1926 - Juventus vs Bologna 0-0 - per poi confrontarsi contro la squadra che vinse il " Girone Finale della Lega Sud " .. e cioè .. ALBA ROMA : 08 Agosto 1926 - JUVENTUS vs ALBA ROMA 7-1 22 Agosto 1926 - ALBA ROMA vs JUVENTUS 0-5 " JUVENTUS F.C. 1897 - CAMPIONE D'ITALIA " - 1° SCUDETTO CON UN AGNELLI .. EDOARDO AGNELLI .. ALLA GUIDA DEL CLUB BIANCONERO - - Nelle ultime 3 partite, almeno così narrano le cronache giunte a noi, la gestione " tecnica/tattica " della squadra venne affidata al giocatore ungherese Jozsef Violak ( " italianizzato " in Viola . Attenzione : da non confondere con il portiere Viola ) - Violak allenerà la Juve nelle 2 stagioni successive : una in quella che fu la veste di " giocatore/allenatore ", l'altra, se non erro, in quella di solo " allenatore " - Era una JUVE nelle cui fila giocavano Grandi Campioni/Ottimi calciatori quali : COMBI - ROSETTA ( che Karoly, alla bisogna, utilizzò anche come centrocampista/attaccante-) ALLEMANDI - l'indistruttibile BIGATTO : JUVENTINO A 360° SOTTO TUTTI GLI ASPETTI CHE NON VOLLE MAI ESSERE RETRIBUITO - MUNERATI - PASTORE - HIRZER CHE NEL SUO DNA INNATO AVEVA IL " FIUTO DEL GOL " ELEVATO ALLA MASSIMA POTENZA - senza ovviamente dimenticare anche tutti gli altri, nessuno escluso, anche perchè, non va mai, ma proprio mai dimenticato che, nel GIUOCO DEL CALCIO, SI VINCE - SI PERDE - SI PAREGGIA - TUTTI ASSIEME - ED A FAR LA DIFFERENZA SONO LO SPIRITO E LA DETERMINAZIONE CON CUI LA SQUADRA SCENDE IN CAMPO - " TUTTI PER UNO .. UNO PER TUTTI " - Nel momento in cui si dimentica e/o si deroga da questo atavico motto, ecco che, come d'incanto, la ferrea e determinata " coesione d'intenti " non esiste più ! B ) L'altro " filotto ", quello dei celeberrimi " 5 SCUDETTI " di fila, ca va sans dire, fu quello che va dal 1930 al 1935 . Era la JUVENTUS il cui " incipit " iniziale era il celeberrimo : COMBI - ROSETTA - CALIGARIS ecc.ecc.ecc. In panchina c'era il valido CARLO CARCANO, panchina che dovette lasciare nel mese di Dicembre del 1934 per vicende strettamente legate alla sua " sfera personale " . Il mondo, ai tempi, sotto certi aspetti, non era ancora " culturalmente/socialmente pronto " per comprendere che, qualunque sia l'ambito di riferimento, non si nasce tutti " uguali "e Carcano, sotto questo aspetto, messo all'indice dai soliti anonimi delatori, suo malgrado, ne pagò le conseguenze. Nonostante ciò, in altri Club ( tra cui l' Inter), ed in Nazionale nel Mondiali del 1934 , chiamato da Pozzo che lo volle come " secondo ", egli trovò " porte aperte " prive di quell'ostracismo di cui, suo malgrado, fu vittima sotto la " Mole ". E tornando a quel campionato, la squadra venne affidata a Carlo Bigatto, il quale, a sua volta, a fine stagione ( l'ultima partita di quel tostissimo campionato venne disputata il 6 Giugno ) la passò nelle mani di VIRGINIO ROSETTA . Giugno del 1935 - Ultima giornata di Campionato : La Juve gioca a Firenze contro una tenace ed ostica Fiorentina che terminerà la stagione al 3° posto - I Bianconeri si impongono per 0 - 1 .. ma .. la certezza di aver vinto lo Scudetto tarda ad arrivare - L' avversaria diretta, e cioè, l'Ambrosiana ( Inter ), gioca a Roma contro la Lazio, una " discreta " Lazio, ma nulla di più - Morale della Bella Favola : LAZIO - AMBROSIANA 1 - 0 - Classifica Finale : JUVENTUS 44 punti - AMBROSIANA 42 - FIORENTINA 39 - SCUDETTO VINTO ALL' ULTIMA GIORNATA - DELIRIO DI FELICITA' - LA " VECCHIA SIGNORA " PORTA A CASA QUELLO CHE FU IL PRIMO " CAMPIONATO ITALIANO A 16 SQUADRE " ( lo confesso : sono un masochista - e le mie " coronarie " ogni tanto me lo rammentano : per me il massimo della libidine è sempre stato " VINCERE IL CAMPIONATO all' ULTIMA GIORNATA " .. ed ovviamente ..il massimo della frustrazione è " PERDERLO all'ULTIMA GIORNATA - vedi .. Perugia - Juve .. disputata in una palude e diretta dall'arbitro laziale Collina // per non parlare dello Scudetto vinto .. anzi .. regalato dalla Juve al Toro .. nel Campionato 1975/76 ... ) C ) - E adesso veniamo a quegli " allenatori " e/o " allenatori e nel contempo giocatori " che sedettero sulla panchina della " Juventus " : - VIRGINIO ROSETTA - Dal 1935 al 1939 - sia nella veste di " allenatore/calciatore " che in quella di allenatore con l'assistenza tecnica e/o " allenatore in seconda " dell'austriaco KARL STURMER . - Palmarès : Coppa Italia 1937/38 - Il miglior piazzamento in Campionato : 2° posto a 2 punti dall'Ambrosiana nel 1937/38 - VIRGINIO ROSETTA - 1942/43 - in collaborazione con FELICE BOREL , tornato alla Juve dopo la sua breve parentesi " granata " accompagnato dal desiderio di di voler vedere giocare la " Juventus " adottando il modulo di gioco noto con l'appellativo di " sistema ". Felice Borel, detto " Farfallino ", nella veste di giocatore/ allenatore, assunse la " conduzione tecnica " del club Bianconero dal 1943 AL 1946 : anni di guerra e di post-guerra ... anni difficili ... molto difficili sotto ogni punto di vista. Fu Felice Borel a scoprire ed a segnalare alla JUVENTUS le eccelse doti balistiche di un giovin e talentuoso ragazzo il cui nome era BONIPERTI GIAMPIERO ! - In questa annata, in ambito " conduzione tecnica " va altresì segnalata la presenza dell' Italo/Argentino Luis Monti che, però, a Novembre lasciò la Juve per andare ad allenare il Varese. - Tutto questo " guazzabuglio " nacque dal fatto che nel mese di Gennaio dell'annata calcistica 1941/42 il " giocatore/allenatore " Giovanni Ferrari, uno dei giocatori italiani più vincenti in assoluto nella storia del " Calcio Italiano ", rinunciò al " ruolo " di allenatore per poter proseguire .. solo ed esclusivamente .. in quello di giocatore . - Insomma, il " ritorno " di VIRGINIO ROSETTA alla guida tecnica della Juventus, come si evince appieno da quanto ho appena riportato, non fu nè negativo .. nè positivo : esso fu sostanzialmente " neutro " sotto ogni punto di vista, anche perchè, lo ribadisco, le " priorità ", in quei tragici momenti, erano tutte di ben altra e drammatica natura . D ) - CARLO PAROLA - Dal 1959 al 1962 - ( nato come attaccante , fu Borel che intuì che Parola con il " sistema " sarebbe stato un eccelso " centromediano " ) Allenatore che, per maturare e crescere in tale veste, potette via via godere del supporto tecnico e tattico di Renato Cesarini - lo svedese Gren - il ceco Korostekev - Palmarès di questo periodo : Campionato 1959/60 - e - 1960/61 // Coppa Italia 1958/59 - e - 1959/60 ( nel 1958 non era ancora allenatore della Juve .. ma .. la Coppa Italia 1958/59 si concluse nella " Stagione Calcistica 1959/60 " già iniziata ) - Nota negativissima : Nel Campionato 1961/62, incredibile ma vero, la JUVENTUS rischiò, seriamente rischiò di retrocedere in " Serie B " : nelle ultime 10 partite di Campionato mise insieme " 1 " pareggio .. e .. " 9 " sconfitte - fu un vero e proprio incubo - CARLO PAROLA - Dal 1974 al 1976 - Palmarès di questo periodo : Campionato 1974/75 - invece, in negativo : Campionato 1975/76 - regalato, letteralmente regalato al " TORO " - netto vantaggio di punti sui granata .. ma .. a poche giornate dal termine del Campionato la Juve perde 3 partite di fila (allora la " vittoria " portava in dote " 2 punti " ) - a Cesena - Derby ( ero presente ) - a San Siro vs una modesta Inter ( ero presente 😞 ) - Parola, in totale confusione, mandò in campo una formazione assurda senza capo nè coda con addirittura Scirea nel ruolo di centrocampista. A pochi minuti dalla fine con una punizione al limite della nostra area Bertini portò in vantaggio i nerazzurri . Si arriva all'ultima giornata con il Toro avanti di 1 punto - Al Comunale si gioca " Torino -Cesena " ( con il Cesena che aveva il " disperato bisogno " di portare a casa almeno 1 punto grazie al quale avrebbe ottenuto il diritto di partecipare alla " Coppa Uefa " ) - la Juve, invece, va a Perugia per misurarsi con una squadra che nulla, ma proprio nulla, aveva più da chiedere al campionato - " MORALE DELLA " BRUTTA FAVOLA " - ahimè - : TORINO - CESENA : 1 - 1 /// PERUGIA - JUVENTUS : 1 -0 - UNA JUVE SCIALBA ED INCOLORE GETTO' AL VENTO L'' OPPORTUNITA' DI DISPUTARE UN " EPICO DERBY PER LO SCUDETTO " - DIRE CHE GIAMPIERO BONIPERTI NON LA PRESE AFFATTO BENE E' UN VERO E PROPRIO EUFEMISMO .. E ) GIOVANNI TRAPATTONI - Dal 1976 al 1986 - Palmarès di questo periodo : 6 CAMPIONATI - 2 COPPE ITALIA - 1 COPPA " UEFA " - 1 " COPPA delle COPPE "- 1 " SUPERCOPPA UEFA " - 1 " COPPA dei CAMPIONI " - 1 " COPPA INTERCONTINENTALE " - Non male direi, anche se, almeno " un'altra " di quella stramaledetta Coppa ( ed è superfluo specificare quale ) ci sarebbe potuta e dovuta stare - ma nonostante ciò, mitico " Giuanin ", non ti porterò mai rancore ... GIOVANNI TRAPATTONI - Dal 1991 al 1994 - Palmarès di questo periodo : 1 COPPA " UEFA " ( ed a titolo puramente informativo : 1 Finale di Coppa Italia persa con il Parma .. 1-0 per i bianconeri all'andata .. 2 - 0 per i parmensi al ritorno /// 2 volte al 2° posto in Campionato con 3 punti di distacco dal Milan /// ma la tifoseria bianconera, insoddisfatta in quanto riteneva che Trapattoni praticasse un " Calcio " troppo speculativo, in più occasioni manifestò in maniera assai decisa, concreta, sonora, quello che era il proprio totale ed incondizionato " non gradimento " - Trapattoni e Boniperti, a fine stagione, lasciarono la Juventus - Boniperti, tra l'altro, in precedenza aveva già presentato le proprie dimissioni ma fu richiamato dopo un anno a causa della " disastrosa gestione " di Montezemolo/Maifredi ) F ) MARCELLO LIPPI - Da inizio Stagione Calcistica 1994/ 1995 fino al 7 Febbraio 1999 giorno in cui si dimise - Palmarès di questo periodo : 3 CAMPIONATI - 1 COPPA ITALIA - 2 SUPERCOPPE ITALIANE - 1 CHAMPIONS LEAGUE - 1 COPPA INTERNCONTINENTALE - 1 SUPERCOPPA UEFA - MARCELLO LIPPI - Dal 2001 al 2004 - Palmarès di questo periodo : 2 CAMPIONATI - 2 SUPERCOPPE ITALIANE - ( ed a titolo puramente informativo : persa la Finale di Coppa Italia vs Lazio .. ma soprattutto .. persa ai rigori la Finale di Champions contro il Milan : purtroppo il fatto che Nedved, ai tempi uno dei giocatori più forti al mondo, non fosse in campo "" era stato ammonito nella semifinale di ritorno a Torino contro il Real Madrid - cartellino a pochi minuti dalla fine del match , e poichè era " diffidato ", non potè scendere in campo a Manchester - anni dopo l'arbitro che lo ammonì ebbe a dichiarare che se avesse saputo che Pavel era "diffidato ", per quel " falletto " il " giallo " non l'avrebbe mai estratto - tant'è che l'UEFA, resasi conto dell'iniqua regola, in seguito decise di " azzerare " tutte le diffide per le 4 squadre che vanno in semifinale "" mandò in tilt Lippi che, suo e nostro malgrado, gestì malissimo quella partita - spostò Montero nel ruolo di terzino sx, ruolo che non gradiva affatto, per marcare SHEVA .. ca va sas dire .. che l'uruguagio ci capì poco o niente /// al centro della difesa schierò Tudor che era reduce da un grave e lungo infortunio, tant'è che quasi alla fine del primo tempo dovette essere sostituito - sarebbe bastato lasciare Montero al suo posto - mettere Pessotto a sx .. che non era un fenomeno ma neanche l'ultimo arrivato , e soprattutto, far giocare il valido DI VAIO nella zona di campo che sarebbe dovuta essere di competenza di Nedved - ovviamente non avrò mai la controprova, ma se così fosse stato, con ogni probabilità quella Coppa oggi sarebbe nello " JUVENTUS MUSEUM " - per non parlare poi dei " calci di rigori " - almeno un paio di quelli parati da DIDA erano palesemente irregolari ) G ) E per la serie " ECCE HOMO " ( e chiedo venia per l'improprio accostamento ) eccoci al tanto vituperato MASSIMILIANO ALLEGRI . " Mala Tempora Currunt " ed il fragoroso ed incessante " Crucifige Eum " a cui da un po' di tempo a questa parte egli è sottoposto, seppur lenito dalla " lauta prebenda ", lasciatemelo dire, in gran parte se l'è cercato .. e/o .. se preferite .. in maniera più o meno consapevole, assumendo comportamenti e toni provocatori ed assai discutibili, egli stesso ha contribuito ad " alimentare " ( oltretutto, si sa, da quando esistono i cosiddetti " Social ", dai quali peraltro da sempre io rifuggo e sto alla larga, qualunque sia l'ambito di riferimento e/o il motivo del contendere, niente ed a nessuno vien perdonato . Piaccia o non Piaccia, In tali sedi si è perennemente sottoposti al virtuale ed inflessibile giudizio di coloro nelle cui vene, in quantità industriale, scorre il sangue che ha in sè il medesimo " DNA " che fluiva nelle vene dell'inflessibile " Catone il Censore ") E dopo questa premessa veniamo al " Curriculum " dell'allenatore livornese nella veste di coach/mister della " JUVENTUS F.C. : MASSIMILIANO ALLEGRI - Dal 2015 al 2019 - Palmarès di questo periodo : 5 CAMPIONATI - 2 SUPERCOPPE ITALIANE - 4 COPPE ITALIA - ( ed a titolo puramente informativo .. 2 FINALI DI " CHAMPIONS LEAGUE " : BARCELLONA - JUVENTUS .. peccato però che ... .. e pagherei di tasca mia per sapere cosa accadde negli spogliatoi nell'intervallo tra il " Primo ed il Secondo Tempo " nella Finale di Cardiff tra REAL MADRID & JUVENTUS .. ) - MASSIMILIANO ALLEGRI - Dal 2021 .. al .. .. PALMARES ? .. quale PALMARES ? .. se proprio vogliamo andare a ravanare nel " Fondo del barile " .. 2 Sconfitte immeritate contro l'Inter nella Finale di Supercoppa Italiana - e - Coppa Italia .. - Nel Campionato 2015/16 la JUVENTUS , all'11a giornata del Girone di Andata, si trovò all'11° posto in classifica con ben 11 punti di distacco dalla vetta della classifica : seguì una FANTASTICA RIMONTA " .. ma .. ahimè .. sperando d'essere smentito .. di norma .. .. - AHIME' NON CI RESTA CHE ATTENDERE .. L' IMPORTANTE E' CHE CIO' CHE S'HA DA FARE LO SI FACCIA AL PIU' PRESTO : LA GLORIOSA STORIA E LA DIGNITA' DELLA " VECCHIA SIGNORA " VANNO .. ASSOLUTAMENTE VANNO .. SALVAGUARDATE !
  24. 17 points
    Questo clima di odio non doveva piacere nemmeno quando la gente si permetteva di rilevare che qualcosa aveva iniziato a non andare anche quando si vinceva. Quando chi provava a ragionare di campo veniva definito con disprezzo "lavagners" o "capiscers". Quando, non si sa con quale autorità, invitava i tifosi ad andare al circo (cosa che stanno effettivamente facendo lasciando lo stadio semivuoto). Quest'uomo ha creato i mostri che parlano di "giovinisti" e "terzinisti", ha creato gente che esulta quando perde Guardiola (che probabilmente non sa nemmeno che esistiamo), ha messo nella testa della gente una serie di caxxate difficili da estirpare. Quest'uomo è sempre stato di un'arroganza e presunzione sconcertanti. "Il calcio è semplice", ma lui non ha nessun titolo per parlare in nome è per conto del calcio. Il suo calcio è semplice ma il suo calcio non è IL calcio. Quest'uomo ha sempre voluto essere divisivo e finché vinceva gli andava bene mentre ora che perde, anche male, la sua arroganza e la sua autoreferenzialità lo rendono semplicemente patetico. Imparasse da Ancelotti che a livello comunicativo, pur avendo vinto dieci volte tanto, si è sempre posto con umiltà e non si è mai presentato come quello che aveva capito il calcio, come il più bravo, il più furbo o quello che la insegnava a tutti. Adesso c'è poco da fare la vittima che a sfottere l'allenatore che lo avrebbe sostituito una settimana dopo problemi non se ne è fatti di certo. Questo è lo spessore dell'uomo.
  25. 17 points
    "Zitti e lavorare", e poi è il primo ad andare a parlare con Sconcerti per scaricarsi di dosso le responsabilità. Fa sempre i nomi di chi sbaglia, stavolta tocca a Paredes, ma il proprio non lo fa mai, e questa è la cosa che mi fa più imbufalire, più delle sparate sugli schemi e sulla fantasia: ma che uomo è ad andare sempre dai giornalisti a fare i nomi dei giocatori che secondo lui sbagliano? Come possono seguirlo se tenta sempre di darli in pasto agli avvoltoi per non essere attaccato in prima persona? Uno può anche fare errori come allenatore, può avere idee più o meno moderne, più o meno condivisibili, ma almeno come uomo dovrebbe avere una dignità.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.