Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

ventinove

Utenti
  • Content count

    4,332
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

ventinove last won the day on March 10 2023

ventinove had the most liked content!

Community Reputation

2,297 Guru

About ventinove

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

20,367 profile views
  1. È diverso. Prisma ha Marotta fra le gole profonde. Vi siete mai chiesti perché l'affare Mandragora -tanto per citarne uno- è agli atti ma non c'è finito invischiato l'esecutore materiale dell'operazione?
  2. Il Fatto riporta che nella deposizione DeLaurentiis avrebbe detto che la trattativa la condusse tutta Giuntoli. Preparatevi
  3. Degli 8 anni -speriamo siano solo 8, alla fine- di Allegri alla Juve almeno 4 sono di troppo. Gli ultimi 3 sono da derubricare alla voce DISASTRO. L'ultimo con Ronaldo è stato esasperante. Campionato vinto per manifesta superiorità, figuraccia in Coppa Italia a Bergamo e una sola partita degna di nota in 5 mesi da gennaio a maggio: il ritorno con l'Atletico Madrid. I capolavori contro l'Ajax indimenticabili, schiantati in casa come accadde poi con il Villarreal, seppur in contesto e rose diverse. Ma sempre la perenne sensazione di mancanza di coraggio, la speculazione sugli errori dell'avversario come unico modus vivendi e operandi. E i calciatori accusati pubblicamente, le guerre di religione a mezzo stampa, le scuse e i propri pensieri delegati alla cricca degli amici (Sconcerti buonanima, Zazzaroni, Sabatini, Galeone), mentre la squadra da tre anni esprime il nulla assoluto e totale, con un continuo ridimensionamento di obiettivi (dal "sono qui per vincere lo scudetto" al "mi hanno chiesto la qualificazione alla Champions League") nonostante gli siano stato tolti di torno giocatori che lui non amava e acquistati altrettanti su sua richiesta (usato sicuro poi non tanto sicuro). E infine la leggenda metropolitana del "ha tenuto la baracca in piedi da solo lo scorso anno" è una leggenda bella e buona. Perché noi iniziamo la stagione 2022/23 facendo schifo in campionato e ancora peggio in Champions League, con la ciliegina di Haifa. Nel momento in cui la società subisce il ribaltone la squadra vive il suo momento migliore. Poi torna ad appiattirsi, come è sempre accaduto in questi ultimi 3 anni. Come da copione squadra sterile, senza idee, senza uno straccio di manovra, regnano l'improvvisazione e l'attendismo, la condizione atletica approssimativa che ne è diretta conseguenza (corri male, ti logori di più). Per quel che mi riguarda, il peggior allenatore mai visto sulla panchina della Juve è l'Allegri di questo triennio, peggio di Maifredi, DelNeri, Ferrara e Rino Marchesi.
  4. Si ma Sua Maestà non è fra gli spiati. Gettare fango addosso al cugino non gli tange. Lui si incacchia se viene spiato, come hanno fatto di recente i giornalisti di Vespa. Allora vedi come si arrabbia, oh se si arrabbia. Dimostrazione una volta di più che della Juventus gliene frega quanto a me frega del saper parlare la lingua maori
  5. Visti i precedenti dell'ultimo ventennio-non uno, non due, molti di più- per la tua salute consiglierei di uscire a goderti il sole e stare con le persone a te care. Perché ciò che auspichi -e lo auspichiamo tutti- non si verificherà mai. John e company sono impegnati a far la guerra ai droni di "Porta a Porta", che gli frega della Juve?
  6. La cosa più inquietante di tutta questa faccenda è l'assoluto silenzio del club spiato. Ogni società, di calcio e non, per molto meno ribalterebbe il mondo. Loro, zitti. John Elkann antijuventino del millennio.
  7. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Beh, il campione su cui basare il raffronto con Tevez è scarsino. Il primo anno in Europa segnò solo a Lisbona in semifinale di Europa League. Il primo dopo 5 anni di astinenza europea. In campionato fece gol a tutti in due stagioni, come Dybala negli anni successivi. Quanto alla Champions League del 2015 -la migliore della sua carriera per sua stessa ammissione- 2 gol col Malmoe (andata e ritorno), tre al Dortmund agli ottavi (il momento più alto, a Dortmund ero presente e tutta la squadra fece un figurone, persino Pereyra) e giocò una grande gara col Real Madrid (rigore provocato e trasformato e tiro respinto da Casillas ribattuto a rete da Morata). In finale mi resta l'amaro in bocca, perché se è vero che il pari di Morata nasce da un tiro di Carlitos respinto, non riesco a digerire ancora oggi quel tiro dalla linea dell'area catalana senza opposizione buttato alle stelle. In questo, purtroppo, molto juventino.
  8. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Tevez è stato qui 2 anni dopo aver rischiato di smettere di giocare. Ha inciso in Italia e il secondo anno pure in Europa. Verso la fine della seconda stagione ha iniziato a calare rendimento. La sua carriera è finita lì. Dybala è stato qui 7 anni. Gli dobbiamo molto di più, dal primo anno (lo stesso numero di gol di Tevez) in poi, con un anno orribile (il penultimo).
  9. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Personalmente Zirkzee lo lascerei andare altrove. Bello, per carità. Cattura l'occhio. Ma ha un calcio sporco, molti gol derivano da conclusioni fortuite e/o parabili. Gioca molto davanti allo specchio. Le bestemmie che rivolgevamo a Vucinic tornerebbero d'attualità. Moltiplicate.
  10. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Lautaro ha qualche anno in più e fino alla scorsa stagione tre interisti su quattro lo avrebbero lapidato per incostante e abulia. Passava periodi di 2/3 partite nei quali segnava 5/6 gol, poi spariva dal tabellino per un paio di mesi. Senza dare grossi segnali di presenza in campo, inoltre. Quest'anno sembra quello della consacrazione, ma va detto che gioca in una squadra che costruisce molto, segnano in tanti e può star tranquillo che occasioni presto o tardi in partita capiteranno anche a lui. Vlahovic è un tipo ansioso, che gioca in una squadra nella quale le occasioni da gol sono una rarità. Psicologicamente è frustrante sapere che tendenzialmente avrai quella quella chance e solamente quella. Tanto per fare un paragone con un altro attaccante passato da noi recentemente: Ronaldo ha costantemente detenuto il primato relativo alla percentuale più bassa di realizzazioni in rapporto ai tentativi. Ma non in Italia, nei 5 campionati top. Quindi quei dati possono essere indicativi ma non dicono tutta la verità. Quel che è certo è che in questa Juve dell'ultimo triennio per un attaccante giocarci è un problema.
  11. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Mi sono espresso male. Per talenti intendevo gli uomini più incisivi o quelli che hanno i colpi per decidere mediamente più di altri. Al Max post Cardiff invece piacciono le squadre piatte condotte perlopiù da soldatini che svolgono il loro compitino. Prova ne sia che in entrambe le stagioni successive a Cardiff iniziò con un atteggiamento interessante e alla prima sconfitta (Samp-Juve nel 2017/18, Juve-ManUtd l'anno dopo) si spaventò ritornando sui propri passi alla difesa dell'1-0 come stile di vita. Quello che abbiamo rivisto 3 anni dopo è ancora più estremista, e quando prova a fare qualcosa di diverso come si è visto in alcune di queste ultime giornate becca 2 gol a partita. Perché su qualcosa di diverso non ci lavora proprio, e improvvisare non va mai bene.
  12. ventinove

    Juventus - Genoa 0-0, commenti post partita

    Lippi prese una squadra depressa alla quale tolsero Dino Baggio e Moeller, due cardini. Gli acquisti importanti furono Ferrara e Paulo Sousa, Deschamps lo vedemmo solo nel girone di ritorno. Ebbe Roberto Baggio a mezzo servizio, Kohler uguale e dovette riesumare il fuori rosa Carrera per sistemare la difesa. La squadra cambiò faccia e mentalità. Conte prese una squadra reduce da due settimi posti, aggiungendo mestieranti di medio corso (Lichtsteiner), un talento indolente (Vucinic), un giovanotto grintoso ma allora sconosciuto (Vidal) e un fuoriclasse 32enne dato per finito (Pirlo). Rivoltò la mentalità. Allegri prese una squadra che andava ricostruita, ha puntualmente fatto la guerra a tutti i talenti più puri (Dybala, Vlahovic, Chiesa, ora tocca ad Yildiz), e l'unico giocatore realmente migliorato sotto la sua gestione è Rabiot. Gli altri tutti in deficit. Lo spazio per creare molto di buono con questa rosa c'è, mancano un difensore mancino e un centrocampista che leghi i reparti. E allora ti giochi lo scudetto. Ovviamente con un allenatore diverso.
  13. Abbiamo purtroppo buttato tre anni. Tre anni preceduti da 2 nei quali abbiamo boicottato i due tecnici precedenti, esonerati entrambi nonostante abbiano contribuito a riempire la sala trofei del JMuseum. La caduta dei Grandi Imperi è per definizione fragorosa e rovinosa, la nostra non è stata da meno. Peccato, ora urge ripartire con calma e raziocinio, cambiando guida e staff tecnico. Anche cambiare presidente e amministratore delegato non sarebbe male
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.