Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Ronnie O'Sullivan

Utenti
  • Content count

    3,539
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

Ronnie O'Sullivan last won the day on November 26 2018

Ronnie O'Sullivan had the most liked content!

Community Reputation

7,023 Guru

About Ronnie O'Sullivan

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

14,928 profile views
  1. Anch'io ho la sensazione che stiamo spendendo troppo per giocatori di medio valore e che invece bisognerebbe essere più chirurgici, a costo di avere una maggiore differenza di valore tra titolari e riserve; a centrocampo, per esempio, ne sarebbe bastato uno solo ma veramente super; però, ripeto, è solo una mia sensazione; non ho certezze in merito. Magari i parametri zero (o i giocatori ad ammortamento zero) ci permetteranno, facendo "trading" (mamma mia che schifezza di espressione), di arrivare al "super" senza aumentare di molto i costi del personale e al contempo realizzando le famose, famigerate ma necessarie plusvalenze. Non ricordo se eri stato tu ad aprire un topic cassato (non so perché) in cui dimostravi come, sulla carta, tecnicamente ed economicamente fosse possibile arrivare al famoso pogback; sulla carta, ripeto e sottolineo. Era un esercizio di stile che dimostrava però come fosse possibile ricombinare i fattori senza toccare la potenza di fuoco complessiva, e quindi senza far saltare il banco.
  2. E' comunque operazione lodevole, perché vi sottosta un'evidentissima idea (declinata in strategia) di CRESCITA; se avessero voluto semplicemente impedire al capitale netto di azzerarsi o di diventare addirittura negativo, avrebbero fatto un aumento di proporzioni e a cifre mooolto minori e imposto alla dirigenza di riallineare costi e ricavi abbassando i primi; invece hanno scelto di "investire" sulla crescita, a costo di sopportare e supportare un iniziale disequilibrio tra costi e ricavi dovuto al classico scostamento temporale insito ad ogni investimento rivolto alla crescita. Il loro obiettivo è raggiungere un equilibrio - camminare con le proprie gambe - ad un livello di fatturato tale da mantenere la Juventus almeno nella top ten mondiale; se avessero voluto semplicemente riequilibrare, lo avrebbero potuto fare tranquillamente spendendo molto meno; ma la Juve avrebbe "perso il vagone di prima classe". Per questo non capisco, malgrado gli sforzi, le argomentazioni di chi insiste nell'accusare di gestione poco oculata la società perché i costi sono superiori ai ricavi e si è costretti, nel breve periodo, a ricorrere alle plusvalenze in maniera superiore al fisiologico. Si può sempre fare meglio, ma è una strategia studiata a tavolino e ponderata; anche con la consulenza di top manager in orbita EXOR o FCA; lo so per certo. Comunque concordo con te che è inverosimile, nel breve periodo, attendersi ulteriori aumenti del monte ingaggi + ammortamenti. Ma non è affatto poco, anzi...ti permette di programmare la futura sostituzione di Ronaldo con un altro giocatore da 80 milioni di costo complessivo annuo, per esempio. Sulle singole operazioni di mercato, poi, possiamo stare a disquisire all'infinito; anch'io rimango perplesso non poco di fronte a certe scelte, ma credo sia un grave errore valutare la singola operazione decontestualizzandola sia dal punto di vista tecnico generale, che - soprattutto - economico generale.
  3. Ronnie O'Sullivan

    La Juventus più forte di sempre

    Sulla carta certamente; ma per me contano anche i risultati, per dare un minimo di oggettività alla teoria; per questo io indico la Juventus più forte in assoluto che io abbia visto quella dell'edizione 1983/84, rispetto all'anno precedente priva di Bettega (emigrato in Canada) ma con un giovane Vignola in stato di grazia e il miglior Platini di sempre; scudetto + coppa delle coppe (a cui Michel aggiunse capocannoniere in Italia, titolo di Campione d'Europa con la Francia, capocannoniere dell'Europeo con NOVE (NOVE!!!) goal in sei partite e Pallone d'Oro). La 96/97 - supercoppa europea, coppa intercontinentale, scudetto e maledettissima finale di champions - la ritengo superiore alla 95/96 in quanto a talento.
  4. Ronnie O'Sullivan

    La Juventus più forte di sempre

    Da quando seguo il calcio io, 1983/84 (e non capisco perché non sia inserita tra le opzioni) senza la minima ombra di dubbio, con un Platini semplicemente celestiale; subito a seguire: 1996/97 In quei due cicli avremmo DOVUTO portare a casa 6 coppe dei campioni (3+3); per varie, inopinate ragioni, ne abbiamo racimolato la miseria di due.
  5. Non posso esprimermi sull'aspetto caratteriale (è una testa calda o un bravo ragazzo? Accetta il suo ruolo in rosa oppure fa le bizze? Non lo so.), che è una variabile molto importante. Sotto gli altri due aspetti - tecnico ed economico - a mio avviso la cessione sarebbe sconveniente: - sotto l'aspetto tecnico perché lo ritengo superiore a Rugani; - sotto l'aspetto economico perché: a) ha un valore a bilancio più alto rispetto a Rugani; b) una parte dell'incasso della cessione andrebbe girata al Sassuolo. Morale della favola: io non credo che cedano Demiral, a meno che il ragazzo non abbia evidenziato attitudini caratteriali-comportamentali NON da Juve.
  6. Infatti per top10 o top5 non intendevo il decimo o il quinto, ma tra i primi dieci o i primi cinque all time, senza indicare una scala gerarchica, che lascia il tempo che trova. L'empatia Michel - Avvocato è stata la più bella definizione plastica di Classe che sia mai stata prodotta o concepita. Una commistione di stile, eleganza, intelligenza, leggerezza e, al contempo, serietà ed efficacia senza paragoni.
  7. L'intelligenza più sopraffina che abbia calcato un campo di calcio; un genio assoluto; Pirlo e Van Basten nello stesso giocatore. Nettamente il più forte che io abbia visto indossare la nostra maglia e nella top ten all time della storia del calcio; forse anche top five.
  8. La tua è un'ipotesi logica e verosimile. Ovviamente non ho notizie, né tanto meno certezze, ma la mia sensazione è che Guardiola in un futuro prossimo potrebbe davvero allenare la Juventus.
  9. Ronnie O'Sullivan

    Veganesimo

    Io non sono vegano, e non sto qui ad ammorbarvi con disquisizioni di carattere etico, né di carattere economico (cosa comporta la produzione di carne in ambito agricolo ecc.); non mi addentro nemmeno in quelle di carattere medico e nutrizionale perché non ho competenze specifiche in materia (anche se, parlando con chi le ha, un'idea me la sono fatta). Dico solo una cosa: capisco il fastidio che gli estremisti vegani provocano; ne ho avuto esperienza diretta anch'io; sono semplicemente stupidi e odiosi. Però: 1) il veganesimo non va confuso con gli estremisti vegani; il veganesimo ha un background etico/culturale che può essere non condiviso (io non lo condivido) ma va assolutamente rispettato perché è una scelta rispettabile; 2) non esiste ambito umano dove non esistano gli estremisti e i fanatici: politica, sport, tifo calcistico (per restare in tema), religione, lavoro, finanza, arte. È gente pericolosa, ma non unico appannaggio del mondo vegano. Posso spingermi a dire, a sensazione, che tra i vegani i fanatici estremisti (e gli stupidi) sembrano essere un numero cospicuo, in proporzioni più patologiche che fisiologiche (passatemi il termine), ma, non esistendo rilevazioni statistiche a tal riguardo, la mia è una pura sensazione, appresa dal mio vissuto quotidiano. PS L'allevamento intensivo e in batteria è un abominio sotto tutti i punti di vista (etico, economico, ambientale).
  10. Premesso che: 1) Emre Can è giovane, ha duttilità, dinamismo e fisicità notevoli; mi dispiacerebbe se ne andasse; 2) ha disputato due grandi partite da terzo di difesa, e un paio di buone da terzino; io credo che molti qui dentro stiano sovrastimando enormemente la caratura complessiva di Emre Can. Con la difesa a 3 (meglio: a 5) noi non giochiamo; da MEZZALA, io non ricordo una singola, grande partita di Emre Can; ripeto: UNA. Rammentatemi una partita da 7.5 di Emre Can come mezzala destra o sinistra; guardate che oltre ad essere estremamente aggressivo e dinamico, resta ben poco, come CENTROCAMPISTA; è confusionario palla al piede, è piuttosto macchinoso, non ha i tempi di inserimento in zona goal, non sa passare la palla con QUALITA'. Sa strappare palla al piede, ma nel gioco di Sarri questo c'entra come i cavoli a merenda. Sembra che si stia cedendo Pogba per una cifra ridicola; non stiamo parlando di una mezzala di livello mondiale; anche a me dispiacerebbe cedere il tedesco di origine turca, ma cerchiamo di essere obiettivi per la miseria; se né con Allegri, né con Sarri (che sono agli antipodi) lui ha trovato un posto da TITOLARE a centrocampo, non è per via di un complotto plutogiudaico, qazzo; finiamola con le sciocchezze. Oltre all'aspetto tecnico, poi, c'è quello economico: ha preteso di andarsene a parametro zero dal Liverpool e al contempo di introdurre una clausola rescissoria non altissima con la squadra che lo avrebbe contrattualizzato; lo ha fatto solo ed esclusivamente per SOLDI; e voi accusate la Juventus di ragionare troppo per SOLDI perché vorrebbe, forse, fare plusvalenza con un giocatore che due allenatori non ritengono fondamentale al loro progetto? Capisco avere opinioni divergenti da quelle di dirigenza e staff tecnico, ci sta; ma cerchiamo di non renderci ridicoli con argomentazioni pretestuose e pregiudizievoli. PS Un centrocampo ben fatto prevederebbe un centromediano metodista, una mezzala tattica e una mezzala box to box; tutti dovrebbero avere buonissime qualità tecniche per giocare come vuole Sarri. Noi abbiamo un centromediano fortissimo, di non grande impatto fisico: Pjanic; abbiamo una mezzala tattica di alto livello, a mio avviso: Bentancur. Ci manca la mezzala (sinistra?) box to box; io un nome ce l'avrei, è un sogno nel cassetto; un cassetto chiuso però a doppia mandata. Per quel nome, sacrificherei non solo Emre Can, ma anche un altro a scelta tra i nostri centrocampisti, escluso Pjanic.
  11. Beh...non è proprio così...Se un dirigente canna l'acquisto da 30 milioni di un teenager, questo riguarda eccome la società; in particolare, i conti della società. Non la penso così. Io sono felicissimo che acquistino i giovani; ho sbavato dietro a De Ligt (che definire semplicemente un giovane è un po' riduttivo; è un giovane predestinato, il che è diverso), e credo che la squadra necessiti anche di freschezza. Riguardo ai parametri zero, dipende dall'età e dall'ingaggio; se li compri ultra trentenni è ovvio che poi ti rimangano sul groppone con stipendi pesantissimi; ma se li compri giovani come Emre Can o Rabiot (che non mi entusiasmano), beh...il rischio è assolutamente zero; anzi: direi che sono garanzia di plusvalenza vera (cioè in soldi). Se poi invece poniamo il focus sul centrocampo, con me sfondi una porta aperta; il settore in cui non siamo al top è chiaramente nelle mezzeali; sono tutti buoni giocatori, ma comunque li si combini manca sempre qualcosa; era meglio lavorare più di qualità e meno di quantità; è assurdo avere sette centrocampisti senza che nessuno, a parte Pjanic, sia di caratura mondiale. A noi servirebbe disperatamente una mezzala box to box di livello mondiali che completi il centrocampo con una mezzala tattica (per me il migliore dei nostri in questo senso è Bentancur) e un centromediano molto forte (Pjanic). Ho un sogno nel cuore, un sogno che - realizzato - ci permetterebbe un paio di grosse plusvalenze in cambio di una mezzala box to box di valore assoluto, alta, mora, prestante fisicamente e molto tecnica.... che avevamo preso giovanissima a....parametro zero....
  12. Mah...a me pare che il bagaglio tecnico sia molto incompleto; noto stop "ad inseguire", difficoltà di conduzione palla al piede, movimenti consecutivi alquanto meccanici. Però - ribadisco - ha un'ottima tecnica di tiro (almeno col sinistro) ed è molto più agile nei movimenti, ad esempio nel girarsi e nell'eludere i difensori, rispetto al muflone dell'intermerda, che ha sì velocità, ma solo una volta lanciato, perché da fermo è estremamente macchinoso; Haaland invece non è macchinoso, pur essendo molto potente. Insomma, ribadisco l'impressione di primo acchito: ho delle riserve, ma mi ricorda il primissimo Vieri. E io considero Christian Vieri il più forte centravanti che si sia nato in Italia dai tempi di Gigi Riva (che non ho visto giocare per motivi anagrafici). Sarà che sono ancora incazzato con Moggi per la cessione di Bobone all'Atletico... Concordo; infatti avevo scritto che auspicherei una gestione diversa del settore giovanile e anche dell'under 23. In dieci anni, per altri versi splendidi, non hanno cavato un buon giocatore.
  13. Premesso che la competenza è la qualità più importante in un dirigente, sai meglio di me che azzerare (o quasi) il rischio è difficilissimo, perché i veri predestinati (come per esempio De Ligt, a mio parere) sono pochissimi; esiste invece una vasta schiera di ottimi prospetti per cui si sa benissimo che su uno che si rivelerà un campione, altri 4 o 5 non manterranno le promesse; e non si tratta di competenza o meno, si tratta di assumersi un rischio - insito in ogni investimento - che vale la candela o di correre un azzardo. Ma noi non abbiamo assolutamente - ad oggi - i mezzi economici del Real Madrid o del Barcellona, posto che il Real di qazzate ne ha commesse e ne sta commettendo un mare. E quindi noi non siamo nelle condizioni di permetterci di rischiare come loro; come mi insegni, ad oggi siamo nella necessità di realizzare plusvalenze a tre cifre ogni anno per chiudere l'esercizio con un passivo accettabile. Mi auguro che in un prossimo futuro non sia più così, ma ad oggi, questa è la realtà.
  14. L'Atalanta è bravissima coi giovani, ed hanno un settore giovanile ed uno scouting strepitoso (e so di cosa parlo); dico soltanto che noi quel tipo di politica non la possiamo adottare; ma non solo noi. Sarebbe un suicidio tecnico e anche economico. Ma dico un'ovvientà, e lo sai benissimo anche tu. Che tra dieci giovani ne sbocci uno è statistica e fisiologia, comunque. Sai quanti giocatori del Chievo (ambiente che conosco benissimo) campione d'Italia primavera qualche anno fa giocano in serie A, anche in zona retrocessione? ZERO. Altra cosa è sostenere che dovremmo investire di più sul settore giovanile ed usare meglio la under 23. Io sono di questa opinione, stile Barca o Real, ma probabilmente ci arriveremo quando avremo i loro fatturati e i loro margini economici (se ci arriveremo).
  15. E' inutile stare a discutere con chi non capisce la differenza tra la Juventus e l'Atalanta, e non capisce che su dieci potenziali campioni, ne sboccia uno; non solo: se quei dieci potenziali campioni giocano in una big hanno ancora meno possibilità di sbocciare perché avranno poco spazio. Noi NON possiamo fare man bassa di giovanissimi, tanto poi basta che ne esploda uno e ci ripaghiamo l'esborso di tutti, perché - lo ripeto - non siamo l'Atalanta. E allora ci tocca puntare su giocatori già fatti e finiti, oppure su giovani sì, ma in modo chirurgico, anche a costo di pagarli di più di quanto sarebbe stato possibile uno o due anni prima della loro esplosione. Tornando su Haaland, provo a dire la mia, premettendo che non ho la più pallida idea se possa diventare un campione o meno: è sgraziatissimo, corre ingobbito, tecnicamente è grezzo e molto incompleto, guardate i palloni che stoppa ad inseguire anche solo negli highlights. Detto ciò, è parimenti vero che, pur essendo fortissimo fisicamente, è al contempo MOLTO veloce e abbina a questa velocità un gran tiro (cosa, per esempio, che ha da sempre limitato Mandzukic, che incredibilmente, data la stazza, non sa tirare un pallone con forza da fuori area). A me questo tipo di giocatori non fa impazzire, per usare un eufemismo; però la descrizione che ne ho dato è molto simile, oserei dire uguale, a quella che diedi tra me e me del Christian Vieri giovanissimo del Venezia che vidi allo stadio a Verona: grezzo e sgraziato, ma potente, veloce e con un gran sinistro. E Vieri è diventato - per me - il più forte centravanti italiano degli ultimi trent'anni.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.