Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

FRANCESCO SPIRITO

Utenti
  • Content count

    3,060
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

FRANCESCO SPIRITO last won the day on January 1 2018

FRANCESCO SPIRITO had the most liked content!

Community Reputation

2,995 Guru

About FRANCESCO SPIRITO

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. FRANCESCO SPIRITO

    Se non Guardiola... chi gli somiglia?

    Bene Uno che si deve far rispettare dai senatori è indispensabile… Zidane ci è riuscito perché è Zidane... A me piacerebbe Michael Laudrup che, dove ha allenato, ha sempre dimostrato un bel gioco: inoltre ama la Juve, conosce molto bene (oltre la sua) almeno tre lingue (spagnolo, inglese ed italiano), ha carisma ed è un signore… Con il Brondby e lo Swansea ha vinto campionato danese e Coppa di Lega Inglese, con il Gatafe ha sfiorato la semifinale di Coppa Uefa… Si ventilava di lui al Real, perché non provarlo alla Juve? Se il problema, per alcuni, è non vincere nemmeno lo scudetto (con un eventuale cambio di allenatore), ricordo che il gap tra la Juve e le altri è andato in crescendo… Il vero problema è alzare la Champions: Allegri le sue occasioni le ha avute (e non se le è giocate nemmeno troppo male tutto sommato) ma non c'è riuscito (ed è stato eliminato da una squadra, sulla carte, inferiore: cosa che sino all'Aiax non gli si poteva ancora attribuire). Allora perché non provare a cambiare? Cosa abbiamo realmente da perdere? Ps La tua analisi è perfetta. Trapattoni era un esordiente, Lippi arrivava dal Napoli, Sacchi dalla Serie B, Ancelotti con la Juve era andato male... Ma chi li aveva scelti ha visto lungo… E comunque il Trap ha vinto tutte le coppe internazionali, in un'epoca in cui tutte erano complicatissime e di altissimo livello e dove contavano tutte tantissime (e non c'era solo la Coppa dei Campioni…)
  2. FRANCESCO SPIRITO

    Se non Guardiola... chi gli somiglia?

    Ciao In assoluto, non so perché si debba partire con l'idea di ingaggiare un allenatore che abbia già vinto… Trapattoni, Sacchi, Lippi e Zidane, prima di cominciare le loro avventure ad altissimo livello, rispettivamente con Juve, Milan, Juve e Real Madrid sommavano… zero tituli… Lo stesso Conte (che però non amo)… Dunque se si vuole provare qualcuno di diverso, con una mentalità che abbia come indice "l'osare di più" anche nei cambi, ed in grado di gestire sia i giovani (lanciandoli quando è ora) sia i senatori (ottenendo il loro rispetto e non che tutto sia dovuto a loro solo perché "senatori" Ecco… A me piacerebbe, lo riscrivo per l'ennesima volta, Michael Laudrup: un signore che ha sempre amato la Juve, che nelle piccole squadre in cui ha allenato ha espresso un bel calcio (con il Brondby ha vinto lo scudetto danese, con il Gatafe ha sfiorato la semifinale Uefa, estromesso solo ai supplementari dal Bayern Monaco per una papera del portiere, con il Swanswa, Premier, ha vinto la Coppa di Lega Inglese) ed ha giocato nei più grandi club europei (quindi porta in dote molte conoscenze di calcio e di persone, oltre parlare tre lingue oltre la sua). . Cosa abbiamo da perdere? In Italia, il campionato ben difficilmente (visto il solco creato) ci sfuggirà anche il prossimo anno. Il vero salto dobbiamo farlo in Europa: tentare non costa nulla. Tra l'altro, a Conte (che in Europa però deve ancora dimostrare tutto) e Zidane (tanto per stare nell'attualità) una grande occasione è stata data: A Michael Laudrup ancora no eppure lui la meriterebbe almeno come gli altri (visto che comunque, a differenza di Conte e Zidane, ha allenato già club che militavano nelle loro rispettive massime serie). Se no, in alternativa al ragionamento fatto, cerchiamo di riportare a casa un signore che ha vinto il massimo che si può vincere su questo pianeta: Didier Deschamps… Tra l'altro sia con Laudrup che con Deshamps avremmo due juventini veri: perché entrambi signori dentro e fuori dal campo… E non per tutti gli ex questo assioma vale…
  3. FRANCESCO SPIRITO

    La Top 11 delle Juventus Legend

    Ciao Per me, quella Juve era superiore (in definitiva: due partite, complessivo di 3-0. E nella Supercoppa Europea, viste le occasioni, il 2-0 fu anche poco). Ma se anche fosse vero il tuo legittimo punto di vista, direi che erano pari, ma un pari di altissimo livello. Perché, per quella Juve, era la terza finale consecutiva europea (dopo Atene e Basilea). Inoltre, la Juve (sebbene rinnovata) poi vinse una Intercontinentale passata alla storia: mentre quel Liverpool le sue finali intercontinentali le steccò tutte... Su Juve - Milan, invece, per me la scelta di Lippi, ovvero Montero terzino nel primo tempo, rimane non decifrabile ancora oggi: e determinò un primo tempo non all'altezza. Quando, invece, sarebbe bastato confermare la squadra che vinse contro il Real, con la sola sostituzione di Conte per Nedved (visto la sua squalifica). Poi la Juve era anche superiore al Borussia Dortmund: ma li, quella sera, girò davvero tutto male… In quella finale, la Juve creò davvero molte occasioni… L'anno successivo, contro il Real, sfida quantomeno alla pari… (finì 1-0 ma con qualche recriminazione: il loro goal era in fuorigioco, mentre la Juve mi pare che con Inzaghi prese un palo clamoroso, ma potrei ricordare male. Forse i supplementari avrebbero reso più giustizia al match ed al risultato finale).
  4. Cancelo è uno dei migliori terzini destri d'Europa… Giustamente, si arriva ai quarti di ritorno e gioca… De Sciglio… Senza contare la straordinaria prestazione di Spinazzola contro l'Atletico… Stasera, con tutto il rispetto per Alex Sandro che ho sempre pensato sia un ottimo terzino, nemmeno un minuto per lui… Qualcuno queste scelte dovrà pure spiegarle… Detto questo, complimenti all'Aiax
  5. Ciao Si vero da una videocassetta. Nello specifico, dai 100 goal più belli di sempre (non solo Juve) della Gazzetta dello Sport. Ma la posizione, per un triangolo così fantascientifico, è bassa. solo due geni potevano confezionare un triangolo così perfetto, tecnico, armonioso, difficile, geniale quasi a sfiorare la pazzia perché solo loro potevano crederci, con conclusione da posizione impossibile, come Platini e Laudrup. Un goal così, di cui non si parla mai (per alcune tv di berlusconiano stampo, esistano solo alcuni giocatori targati Milan di Sacchi o Maradona), meriterebbe di essere citato nei primi tre di sempre: è talmente unico, che un triangolo così non è mai più stato ripetuto (altri goal super hanno dinamiche simili a quelli visti nel passato: esempio lo slalom di Messi, rispetto allo slalom di Maradona contro l'Inghilterra, il tiro al volo di Van Basten, la punizione in area di Maradona ve ne è una simile di Platini con la Francia, calciata da ancora più dentro l'area) No, questo non è un triangolo unico: è un triangolo raro… E come tutte le cose rare, in tv, quando si celebrano i goal più belli di sempre, non viene mai ricordato… Se un triangolo così lo avessero fatto Van Basten e Gullit… (ma se non l'hanno fatto, con tutto il rispetto per questi due fuoriclasse, c'è un motivo…): forse Maradona e Careca, ecco la loro era un'altra coppia tecnicamente fenomenale e straordinariamente veloce nelle gambe e nel pensiero… Ciao e felice venerdì.
  6. Ciao Intanto, grazie mille per il commento. Diciamo che Platini e Laudrup avevano una dote in comune: con il loro calcio esprimevano eleganza e bellezza da sogno. direi magia. Il fatto poi che siano stati signori dentro e fuori il campo (Laudrup, zero espulsioni in carriera, come Scirea. Su Platini: non so se sia mai stato espulso: in Italia non di certo) li rende ancora più unici... Ti posto una sintesi di alcune partite di Platini dove fu il valore aggiunto in queste sfide di coppa (direi tutte, il ti metto due video) più una sfida Scudetto, Campionato 85-86, contro la Roma, dove Platini e Laudrup regalarono meraviglie… Più la finale Intercontinentale dove toccarono l'apice della loro intesa (che senza infortuni per entrambi, e senza quella sfida sfortunatissima, perché la Juve ai punti avrebbe strameritato viste le occasioni create contro il Barca, avrebbe potuto essere ancora più grande. Per me, i più grandi geni che abbiano mai militato nella Juve: con Orsi e Sivori probabilmente, più alcuni altri nell'Olimpo (Baggio, Del Piero, Zidane, Charles almeno loro doveroso citarli...) Ecco come Le Roi incideva nei match internazionali…
  7. Ciao Shiryu  Ronaldo grandissimo contro l'Atletico: ma, secondo me, la Juve ha perso delle finali per sottigliezze (fondamentali) e demeriti proprio (tipo: Lippi che, per dimostrare di essere un genio assoluto, quando genio lo era già, si inventò Montero terzino contro il Milan o aspettò troppo ad inserire Del Piero in finale contro il Borussia). Ergo, non vince mai il singolo, per quanto trascinante, ma sempre la squadra. e la Juve, sono sicuro che se mancherà Ronaldo, lo dimostrerà anche con lì'Aiax (dove spero in un recupero al 100& du Douglas Costa). Per me, i migliori, i più tecnici, i più belli da vedere e con cui, per molti ex, giocare (così ha detto, anche, persino Cabrini: "Il migliore con cui abbia giocato? Michael Laudrup" e tanti altri, parando di entrambi) rimangono sempre Platini e Laudrup…. Alla Juve hanno formato una coppia da sogno e da Olimpo del Forrtball, anche se hanno ricamato, insieme, calcio fantascientifico per una sola stagione (nella seconda insieme, entrambi hanno avuto guai fisici), Ma metti questi due insieme, al massimo delle loro potenzialità, come nel 1985-86 (Juve Campione del Mondo e d'Italia e solo per una congiuntura astrale negativa, non anche Campione d'Europa) … be così si gioca solo nel paradiso del Football… Il triangolo più tecnico, elegante ed impossibile (conclusione finale annessa) di tutti i tempi… Anche se questa gemma unica, dai mass media, non viene mai ricordata, nonostante l'importanza tra l'altro dell'azione - goal... Platini Assist (ma chi ha realizzato il video avrebbe potuto scegliere una musica migliore, magari un valzer…) Cruyff: <<Il football di Laudrup è un gioco di magie>>. Ciao, Felice giornata e buona visione… (così poi, se credi, mi scrivi il tuo parere)
  8. Ciao Ronaldo grandissimo contro l'Atletico: ma, secondo me, la Juve ha perso delle finali per sottigliezze (fondamentali) e demeriti proprio (tipo: Lippi che, per dimostrare di essere un genio assoluto, quando genio lo era già, si inventò Montero terzino contro il Milan o aspettò troppo ad inserire Del Piero in finale contro il Borussia). Ergo, non vince mai il singolo, per quanto trascinante, ma sempre la squadra. e la Juve, sono sicuro che se mancherà Ronaldo, lo dimostrerà anche con lì'Aiax (dove spero in un immenso Douglas Costa). Per me, i migliori, i più tecnici, i più belli da vedere e con cui (per un calciatore) giocare, rimangono sempre Platini e Laudrup….
  9. Ciao Non c'è bisogno di conoscerlo di persona. Che sia egocentrico è chiaro come Il sole: e se a qualcuno non è così chiaro, evidentemente, è perché non ascolta bene le sue dichiarazioni… Persino Gli Autogoal nelle loro parodie lo descrivono così… e sono parodie intelligenti perché mettono in risalto alcuni aspetti specifici dei vari protagonisti del mondo del calcio…. (una Premier ed una Coppa di Lega l'ha vinta anche Mancini; e non mi pare che Mancini sia un genio della panchina, con tutto il rispetto parlando visto che è l'allenatore della Nazionale)
  10. Ciao Alla Juve basta un signore che abbia intelligenza (va da se con la prima definizione) che sia rispettato dal primo all'ultimo, che dia rispetto agli altri, e che sappia gestire le risorse: questa squadra, se vuole, sa giocare anche senza un allenatore… Allegri, mediamente, non gioca un calcio spettacolare: mercoledì la Juve, che ha giocato senza freni inibitori, ha giocato una partita da sogno. Alla Juve, in panchina, a questa Juve intendo (con tutti questi campioni) serve solo un signore dotato di intelligenza (e Laudrup ne ha in abbondanza, lo testimonia la sua vita e la sua carriera, finita, come Scirea, con zero espulsioni): d'altronde non è la Vecchia Signora?
  11. Ciao In effetti, ora che sa di non avere più nulla da perdere (leggasi contratto che non sarà rinnovato) è diventato coraggioso: contro l'Atletico non ha sbagliato una mossa ed ha finito con quattro attaccanti. Ovvero alla ricerca del goal qualificazione. Esattamente il contrario di Monaco di Baviera (quando gli sarebbe bastato affiancare Mandzukic a Morata, togliendo un centrocampista, per colpire in contropiede) o a Madrid, quando, sul 3-0, avrebbe potuto cercare di dare il colpo di grazia inserendo Cuadardo (invece, pur avendo due sostituzioni, non ne ha fatta nemmeno una: Zidane ne ha effettuate tre, e gli altri hanno finito, mediamente, più freschi, finendo con lo schiacciarci sino all'ultimo secondo). Ora che sa che non ha più nulla da perdere, il * si è trasformato in leon: meglio per tutti, a partire da lui stesso. La Juve aumenta, esponenzialmente, le possibilità di vincere la Champions (a, tra l'altro si è dimostrato alcune cose: 1) il buon Kedira non è fondamentale, soprattutto in partite con ritmi cosi alti, e possiamo fare a meno di lui perché, fortunatamente o sfortunatamente, non è Platini. A volte, quando Allegri parla delle qualità di Kedira mi pare stia parlando di "Le Roi" (intelligenza tattica fuori dal comune, inserimento preciso in zona goal, l'unico centrocampista che sa segnare, salvo che qualche volta alza la mira…); 2) Cancelo è un gran terzino destro (De Sciglio, quindi, in Champions, al massimo è una buona riserva); 3) Barzagli, in questa Champions, al massimo può scendere in campo come centrale: come nelle ultime, quando invece, nel nome della "senatorialità" gli abbiamo fatto giocare una finale da terzino destro (lui che quel ruolo non può e non sa farlo) per mettere un terzino a fare l'ala (dimenticandoci, colpevolmente, di Cuadrado, progressivamente escluso dopo due gare magnifiche con il Barca e Lichstainer: stesso errore a Londra, salvo che poi l'entrata dello svizzero ha rimediato all'errore di Allegri, ovvero Barzagli di nuovo terzimo: 3) Che abbiamo uno Spinazzola straordinario e che, dunque, sulla sinistra, si possono gestire tranquillamente (tra campionato e coppa) Sandro e Spinazzola. Sperando che Douglas Costa torni a fare, con l'aiuto di tutti, il Douglas Costa. in questo elettrizzante finale servirà anche il suo apporto… Ciao e felice fine settimana
  12. Ciao a tutti Io mi auguro sempre che il nome della prossima stagione sia Michael Laudrup: un signore (e quando si è signori lo si: vuol dire uno che tratta tutti uguali, giovani e senatori), uno che ama la Juve, che ha un'esperienza internazionale (da giocatore nei più grandi club d'Europa e da allenatore tra Liga e Premier), uno che parla benissimo tre lingue oltre la sua (inglese, spagnolo ed italiano) e che quindi si farebbe capire facilmente da tutti i calciatori. Conte, pur con tutte le sue qualità, rimane solo un egocentrico che mette il proprio "io" al posto del "noi": ed è per questo che non alzerà mai una coppa europea… Fu lui che pronunciò la famosa frase… dopo l'eliminazione in Turchia anche per sue colpe tattiche (continuare ossessivamente nel 3-5-2, quando con la difesa a 4 aveva disputato due signore partite contro il Real, mettere Pogbà in regia al posto di Pirlo infortunato, quando tutto il mondo sa e sapeva che Pogbà non poteva fare il regista: oltretutto non l'aveva mai provato, in quel momento, nemmeno in campionato… <<Passeranno anni prima che un'italiana torni a disputare una finale Champions>>. Infatti, la stagione successiva, e due dopo… e forse, forse, questa…. Della serie: le ultime parole famose. Ma davvero c'è qualcuno che vuole di nuovo Conte come allenatore? Notare: non ho scomodato nemmeno la famosa frase del ristorante da 100 euro, perché sappiamo tutti la sua cavalcata in Europa con il Chelsea…. Conte lasciamolo all'Inter, la squadra giusta per il suo egocentrismo… Tanto l'Inter è una squadra già adesso di egocentrici… (Marotta credo ne sappia qualcosa: era meglio se si fosse goduto i lauti stipendi. E' voluto andare all'Inter per dimostrare ad Agnelli che con la sua presenza il vento sarebbe girato… Non ha capito che le sue capacità, alla Juve, emergevano perché il contesto funzionava e non viceversa… Adesso il vento più che girato è proprio diventato tempestoso: e l'Inter, squadra che mi pare morta moralmente e psicologicamente, sta affondando… brutalmente… ) Ps Comunque provo sincera ammirazione anche per Deschamps: ha vinto un gran Mondiale, smentendo molti critici. Ha allenato la Juve in serie B. Ci ama ed è un signore an che lui, uno da Juve. Uno come Scirea e Laudrup (ricordo un dato di questi due fuoriclasse: zero espulsioni in carriera: e questo credo sia il primo indice di signorilità).
  13. FRANCESCO SPIRITO

    Le fasce: il punto di forza delle grandi squadre, la Juve deve imitarle

    Ciao La difesa è stata a 4, ma Spinazzola ha fatto Cabrini (che paragone altissimo) e Cancelo è stato fondamentale con una partita super (Gentile era uno che sapeva anche spingere non solo marcare: la Juve è tornata ad avere due terzini straordinari in linea con la sua tradizione). Il 3-5-2 prevede che la difesa, in non possesso, sia a 5: in Europa, questo modulo non ne funzionale ne vincente (e la nostra storia, vedi sia quando è stato utilizzato da Conte, sia quando lo ha ripreso Alllegri, nella sua prima stagione europea per poi virare alla difesa a 4 con cui siamo andati a Berlino prima e Cardiff dopo) lo dimostra... Quindi, quel modulo lasciamolo alla futura Inter di mister Conte (se sarà): la Juve vada avanti così, che a Torino ha disputato una partita magica… Ciao e felice settimana
  14. FRANCESCO SPIRITO

    Le fasce: il punto di forza delle grandi squadre, la Juve deve imitarle

    Ciao Mai previsione ed indicazione prima (perché dopo mi avrebbero scritto "Il senno di poi…") è stata più felice. E, quindi, di nuovo grazie. Speriamo, ora, di recuperare anche Costa. Perché in questo finale esaltante avremmo bisogno di tutti, soprattutto del suo talento. Felice fine settimana.
  15. FRANCESCO SPIRITO

    Le fasce: il punto di forza delle grandi squadre, la Juve deve imitarle

    Ciao Allegri non ha sbagliato una mossa. Sul 2-0 ha finito con gli attaccanti e non con i difensori (invece, a Madrid, sul 3-0 pensò bene di non fare nemmeno un cambio, mentre loro ne fecero ben 3 ed arrivarono nel finale, mediamente, molto più freschi di noi). Non ha avuto le sue consuete paure nel momento clou del match, forse perché sa che, ormai, non ha più nulla da perdere: poiché sa, che vinca o che perda la Champions, che probabilmente non avrà più il contratto rinnovato. E dunque deve osare di più: o la va o la spacca. Fortunatamente questa partita ha certificato, anche, un'altra cosa. che tutti sono importanti, che alcuni terzini (Cancelo e Spinazzola) sono più forti (non che non s sapesse, però) di De Sciglio e più in palla di Sandro, che Barzagli, con tutto questo ben di Dio sulla fascia non deve più giocare terzino. E che Kedira non è così indispensabile )(anzi non so nemmeno se avrebbe retto quei ritmi, al di la della sua sapienza tattica) come ci fanno sempre credere, tanto che a sentir parlare Allegri di Kedira a volte penso che stia parlando di… Platinì… Quiindi spero che, nelle prossime formazioni, il merito prevalga sulla "senatorialità"... (perché nella Juve di Allegri, in Champions, questo non è sempre accaduto purtroppo). E' ideale... Ho parlato di imitare grandi squadre, Juve anni '80 (quella immensa di Platini, Boniek e Laudrup e degli eroi Mundial) e '90 compresa. Con un grande gioco sulle fasce. E l'ho scritto prima di Juve - Atletico. Basta saper leggere e non rispondere con un pregiudizio di fondo… Ciao e felice settimana
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.