Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

FRANCESCO SPIRITO

Utenti
  • Numero contenuti

    2.631
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    2

L'ultima giornata che FRANCESCO SPIRITO ha vinto risale al 1 Gennaio

FRANCESCO SPIRITO ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

2.726 Guru

Su FRANCESCO SPIRITO

  • Titolo utente
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. In quella stagione fu una bella… abitudine...
  2. Ciao In effetti, non la prendeva poi molto bene quando perdeva. Ho sentito una sua intervista (video di you tube), dopo una sconfitta, in cui ha dato colpa a tutti (stile Sarri) tranne che alle sue scelte: nei commenti c'è scritto…. "Arrigo ci mancava solo più che avessi detto che avevate perso per colpa della discesa degli Ufo…" eh, eh, eh…. Del tipo: predicare bene (adesso) e razzolare male… (un tempo).
  3. Ciao Intanto, ti ringrazio per l'apprezzamento e per il fatto che mi giudichi un utente equilibrato. Il post è stato fatto per omaggiare quella Juve, per rivivere un bel momento della nostra storia, per ricordare la bravura di Zoff nell'allenare (secondo me, nonostante i risultati positivi con la Nazionale, ed anche con l'Olimpica, non è mai abbastanza ricordato, sotto questo profilo naturalmente, come meriterebbe). Non a caso ho ricordato quella sostituzione, con l'ingresso di Del Piero, perché fu una mossa tattica giustissima: solo gli errori, di un pur grande campione, furono, anche, determinanti per la sconfitta: ma la mossa fu giustissima. Quindi era solo per rendere a Zoff il giusto merito. Poi, credo sempre, che, ogni opinione debba essere argomentata: quando andavo al liceo, mi ricordo che la professoressa di italiano ci spiegò, ripetutamente che ogni punto di vista, su un determinato scrittore o poeta, potesse essere valido se argomentato, partendo da dati obiettivi, in modo coerente e ragionato, Quindi, rispetto alla mossa contro il Manchester, la vedo diversamente da te: secondo me, ha sbagliato a passare a 5 in difesa (arretrando, sulla linea dei terzini, tra l'altro un Cuadrado, che ovviamente, dopo aver corso tutta la partita, non poteva certo essere brillante in fase difensiva oppure essere, altrettanto brillante a ripartire da quella zona arretrata), affiancando Barzagli in quella zona: secondo me, Barzagli può essere ancora utile ma come centrale puro in una difesa a quattro, e non in una difesa a 5 oppure in una difesa a 4 come terzino destro (Londra docet ma, secondo me, anche Cardiff). Detto questo, come ripeto: ogni argomentazione (tra l'altro il calcio non è materia scientifica) se esposta in modo educato e coerente è valida. Ciao, ti auguro un felice venerdì.
  4. Ciao Premesso che apprezzo il tuo intervento, così come tutti quelli postati sino ad 'ora dagli altri utenti… In realtà, come ti ha già scritto un altro tifoso, la Juve all'andata giocò una grandissima partita: non solo in fase difensiva, perché creò diverse occasioni da rete, più di quelle del Milan. Anzi, nei contropiedi (oggi si direbbe ripartenze) fu molto pericolosa e velocissima: disegnò davvero un bellissimo spettacolo, direi non solo in contropiede… Se all'andata fosse finita 2-0 per noi, nessuno avrebbe avuto da ridire. Al massimo, fu al ritorno che subì di più la pressione del Milan: ma dando sempre l'impressione di poter essere pericolosa davanti. Comunque, in aiuto c'è il video della partita integrale giocata a Torino; quando hai tempo, prova a riguardarla. Ne ricaverai un'ottima impressione anche sotto il profilo del nostro gioco… Ciao e felice settimana
  5. Grazie a te... Ho pensato a questa bella anteprima prima di Milan - Juve (ed anche per far rivivere una bella pagina della nostra storia ai più giovani. Tra l'altro, la partita in versione integrale, visti i ritmi e le azioni è godibilissima ancora oggi: e dimostra che le partite si possono vincere, (se usi logica, affiatamento, tattica e buon senso, esaltando al massimo le tue doti principali, in questo caso la velocità ed il contropiede, oltre che la tecnica di alcuni giocatori) anche se difronte hai degli squadroni, apparentemente, imbattibili e conclamati… All'andata finì 0-0, ma la Juventus avrebbe meritato, ampiamente, la vittoria . In campionato, invece andò così: a San Siro 3-2 per il Milan (in rimonta nel finale, dato che la Juve stava vincendo 2-1) al ritorno, 3-0 per noi: un trionfo che fu, in parte, determinante, in senso negativo, anche nella rincorsa del Milan sul Napoli . Fu anche l'ultimo Juve - Milan al Comunale…
  6. E si, ma nei 10' finali le cose non sono andate così. Si è messo a 5 in difesa ed ha chiesto, all'ala (che aveva corso tantissimo per tutta la partita) di rientrare sulla linea dei difensori in fase di non possesso (tra l'altro, oltre quello che si è visto, tutti i giornali lo hanno scritto. Cuadrado, poi, aveva corso molto: come gli si può chiedere di fare, sistematicamente, anche il terzino? E quando si alzava, come dici tu, c'era Barzagli a coprire: ma Barzagli non può garantire una fase di spinta, come De Sciglio, supportando Cuadrado all'ala: non solo, ma da terzino destro, se deve chiudere, è piuttosto statico. Ti ricordi che, a Londra, giocando in quel ruolo, per 60' ha trasformato l'ala coreana in Giggs) Questo è quello che è successo: penso che, volendo toccare la catena di destra, l'unico da fare entrare per non far mutare l'atteggiamento fosse Cancelo.
  7. Zoff, secondo me, è stato un allenatore straordinario: perché utilizzava un buon senso fuori dal comune., oltre che un grande carisma ed un profondo senso d'umanità (infatti i giocatori lo adoravano) Mi ricordo quando, nella finale dell'Europeo, fece il cambio giustissimo facendo entrare Del Piero: che ebbe le due occasioni della vittoria ma sbagliò, purtroppo per noi ed anche per me che ho amato Del Piero, i goal: ma il fatto che ebbe le occasioni dimostrò che, tatticamente, la sostituzione fu giusta. Grande allenatore che avrebbe meritato di continuare ad allenare la Juve: fu lui a tirare fuori il meglio da Schillaci tra l'altro, fu lui, la stagione prima, a rilanciare totalmente Laudrup che, una Juve poco lungimirante, cedette al Barcellona… Grande, grande uomo, grande, grande allenatore (che, tra l'altro, ha dimostrato anche che non è detto che, per vincere, si debba per forza avere l'undici più forte).
  8. Ciao Scusa, non è vero che l'atteggiamento prescinde dai cambi. I cambi fanno parte della tattica: se sostituisco un terzino destro per un centrale, portando il modulo dal 4-3-3 al 5-3-2 (scrivo volutamente difesa a 5, perché i moduli si leggono in fase difensiva), di fatto, si abbassa la squadra: non c'è bisogno di dirlo ma è come l'allenatore ti sta schierando in quel momento. Ovvero, stai dicendo alla squadra che hai messo un centrale, hai tolto il terzino (che stava, sino a quel momento, spingendo, tenendo la catena di destra alta) e chiedi all'ala (Cuadrado che aveva già corso come un pazzo per tutta la partita) di rientrare, sistematicamente, in fase di non possesso., sulla linea difensiva, portando la difesa a 5. Quindi, non è questione della mentalità dei giocatori ma è volontà del mister per come ha ridisegnato la squadra negli ultimi 10': tanto che, negli ultimi 10', il Manchester, dal suo centro-sinistra, ha prodotto di più che in tutto il resto della partita (perché Cuadrado non ce la faceva più a difendere e perché Barzagli è piuttosto statico se messo in quella zona del campo: diversamente, un apporto più concreto può darlo, eventualmente, al posto di uno dei due centrali perché quello è il suo ruolo). Passami il paragone, anche se erano entrambi titolari: e come se il Trap avesse sostituito Cabrini (il miglior terzino sinistro del mondo in ambo le fasi) con Brio (che era uno stopper, l'equivalente oggi di un difensore centrale).
  9. Quando la finale di Coppa Italia era andata-ritorno… A voi il match integrale della finale d'andata dove una Juve operai giocò una partita di straordinaria bellezza contro il Milan, mettendolo clamorosamente in velocità grazie alla velocità delle punte e del reparto offensivo (con Schillaci, Barros e Casiraghi), anche se la partita finì 0-0 e la sintesi della partita di ritorno, dove la Juve vinse a San Siro per 1-0, con goal di Galia, e Zoff portato in trionfo (in quella stagione, la Juventus vinse anche la Coppa Uefa: insomma, fecero un double ante litteram, con due coppe, ed all'epoca l'Uefa era una signora Coppa, quando entrambe si disputavano… andata e ritorno.. ) C'è da dire che Zoff fece rendere, al massimo, una Juve normale (dotata, comunque, di alcuni ottimi giocatori) perché era un tecnico dotato di grande buon senso: sapeva far esprimere, al massimo, i suoi giocatori: così sconfisse, sulla carta, formazioni superiori. Come quel Milan sconfitto, per 3-0, anche a Torino in campionato
  10. FRANCESCO SPIRITO

    Il fondamentale recupero di Douglas Costa

    Ciao Nonostante, ai Mondiali, partisse dalla panchina, anche quello visto in Coppa del Mondo è stato sensazionale. Senza l'infortunio, sarebbe diventato (presumo) titolare: quando entrò contro il Belgio (nel secondo tempo, mi pare intorno al 20'), il Brasile costruì diverse occasioni che partirono da sue azioni, ma fece un solo goal… Infatti, c'è chi ha imputato, al ct del Brasile, l'ingresso tardivo di Costa contro il Belgio. Giocatore fenomenale che mi auguro di vedere titolare, soprattutto in Champions (a prescindere dal modulo, anche se non mi dispiacerebbe rivedere la Juve con il 4-2-3-1, proprio per proporre più talento possibile, un po' come la Juve anni 80' che schierava formidabili linee d'attacco, con talento in abbondanza)
  11. Interessante la dichiarazione di Lahm: perché conferma una teoria di molti appassionati (anche qua sul forum) Che aver tolto, sino a quel momento, il migliore in campo, una punta veloce e tecnica come Morata, che sino a quel momento li aveva messi in costante difficoltà, per mettere una punta di manovra (come Mandzukic, in quel momento nemmeno in perfetto condizioni fisiche) ha avuto, come effetto, quello di far riversare il Bayern tutto nella nostra metà campo, perché, di fatto, non avevano più da guardarsi le spalle. Certo, visto il risultato, si sarebbero dovuti comunque spingere progressivamente sempre più in avanti: ma se Allegri avesse, ad esempio, tolto un centrocampista affiancando Mandzukic a Morata, loro, a quel punto, non si sarebbero potuti riversare, sin dal cambio, nella nostra metà campo... Perché avrebbero dovuto guardarsi le spalle per non lasciare troppo spazio alle nostre ripartenze (o al vecchio e caro contropiede…) Invece, così, la partita, dopo il cambio, è mutata diametralmente: per 70' in costante dominio, per 20' in costante difesa, senza più essere in grado di produrre uno straccio d'azione goal… (segno che il cambio, come ha detto Lahm, ha prodotto un effetto negativo sulla prestazione della squadra) Invece, in un'altra partita in Spagna (non mi ricordo il nome della squadra, quella allenata dall'attuale ct argentino), quando gli spagnoli (rimasti in 10) si buttarono tutti avanti per cercare di segnare, Allegri, a Mandzukic, affianco il giovane Kane (mi pare), colpendoli in contropiede… e li il cambio fu perfetto, perché evitò il fatto che la Juve si rintanasse indietro e produsse (non l'unico tra l'altro) il contropiede decisivo negli spazi che loro, giocoforza, furono costretti a lasciare nel tentativo di rimontare… Quindi, la tattica si fa anche (soprattutto) con i cambi (a meno che non sia una sostituzione ruolo per ruolo: e questo non è stato contro il Manchester, perché De Sciglio è un terzino destro, Barzagli un centrale): Lippi, da questo punto di vista, era uno che i cambi tattici non li sbagliava (quasi) mai.
  12. Ok Ma con questa dichiarazione, mi è parso voler imputare ai giocatori una mancanza sul piano tattico (quando, invece, a loro, si può imputare il fatto di aver sbagliato dei goal e non certo di non essersi abbassati tutti per difendere il pari), quando invece la tattica è figlia delle scelte dell'allenatore e, su quel cambio, l'atteggiamento è radicalmente mutato (così come il Manchester, in 8', ha fatto più che in 82'), visto che è mutato anche il modulo in campo
  13. Assolutamente Partendo dal tuo ricordo, Cito, allora, alcuni dei nostri tridenti eccellenti (dagli anni '60, ovviamente ve ne sarebbero anche prima, come la Juve danese, e di Boniperti, dei primi anni '50 o quella mitica degli anni '30) ed escludendo le formazioni degli anni recenti… Trezeguet (Inzaghi), Zidane, Del Piero Vialli, Del Piero, Ravanelli Vialli, Baggio, Ravanelli Serena, Platinì, Laudrup Rossi, Platinì, Boniek Charles, Sivori, Boniperti
  14. Be, dai parità: l'Intercontinentale l'abbiamo vinta con una gemma di Del Piero, ma c'era anche Zidane… Che coppia: la migliore (anche se la prima, per tecnica, eleganza e grandezza assoluta, rimane Platinì - Laudrup).
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.