Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Michel Platini 10

Utenti
  • Numero contenuti

    38
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

169 Buona

5 follower

Su Michel Platini 10

  • Titolo utente
    Pulcino

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Interessi
    Cinema, Musica, Letteratura, Sport, Politica.

Visite recenti

2.993 visite nel profilo
  1. Michel Platini 10

    Ronaldo contro Ronaldo: chi è il piu forte?

    Nel 1994 Ronaldo non è mai sceso in campo!
  2. Michel Platini 10

    Ronaldo contro Ronaldo: chi è il piu forte?

    Questa non si può leggere: Cafù, Roberto Carlos, Ronaldinho, Rivaldo, Juninho, Gilberto Silva. Oltre al fatto che quello del 2002 è stato uno dei mondiali più scandalosi e nel quale il Brasile ha avuto molte spintarelle e molta fortuna (simulazione di Rivaldo contro la Turchia, gol regolare annullato al Belgio che li avrebbe probabilmente eliminati agli ottavi, papera di Seaman sulla punizione di Ronaldinho che spiana il passaggio del turno ai quarti, papera di Kahn in finale).
  3. Higuain sa pure inventarsi gol dal nulla: o strappando la palla all'avversario e poi seminando gli altri e con un controllo fulmineo scaricarla nell'angolino: https://youtu.be/UjGuhDK9Bjg o ricevendo palla e girandosi: Sa lanciare di fino un compagno, nell'occasione Khedira con un delizioso pallonette, e poi andare a concludere l'azione segnando: eccetera eccetera eccetera... Ora è in un periodo no, ma da qui a denigrarlo come fosse un Pacione qualsiasi, non solo non è rispondente al vero ma pure ridicolo! P.S.: riguardo alla teoria per la quale Dybala segnerebbe di più senza Higuain ci sono i dati delle ultime giornate: dei dieci gol fatti, nove Paulino li ha fatti con Higuain in campo. Arrivare a godere delle sue defaillance anzi addirittura augurandosi che fallisca l'annata, da tifoso la trovo una cosa allucinante. Sarebbe opportuno limitarsi a certificare il suo innegabile momento no e magari sostenerlo affinché ritorni il Pipita che conosciamo: perché il vero Pipita ci servirà come il pane!
  4. Io non mi iscrivo al partito del se ci fosse stato un altro quel tiro o quell'altro li avrebbe presi perché non è dato sapere: nel caso specifico le deviazioni rendono quei tiri indecifrabili e imparabili, il secondo soprattutto mentre il primo viene angolato, non è una scelta non provarci, come tante volte si è visto. Vogliamo invece parlare allora del posizionamento e della reattività di Navas sul gol di Mandzukic, ad esempio? Le statistiche invece contano e contano quanto più non sono statistiche sulla carriera ma sull'annata in corso e se si dice che è un portiere che non da affidabilità quando è stato decisivo in tutta la Champions con prestazioni super contro Lione, Barcellona e Monaco, si dice una cosa inesatta. Un conto è pensare al futuro e qui siamo d'accordo, un altro è tirare al piccione come si sta facendo per gol in cui non ha colpa. P.S.: la coppa in bacheca il Real, la dodicesima coppa, non l'ha messa per Buffon. Mah. P.P.S.: mi pare che nel derby Roma-Lazio pure Szczesny abbia avuto i suoi problemi coi tiri deviati...
  5. La deviazione è decisiva e, per il giro che prende la palla, la traiettoria è imprevedibile, ci mette il tempo necessario a capire dove va la palla che per altro non vede nemmeno partire. Buffon è lo stesso che prima della finale era stato votato il miglior portiere della Champions, con prestazioni decisive con Lione, Barcellona e Monaco, ora dopo due tiri deviati e due gol da un metro è il principale capro espiatorio. Perché non Khedira, Pjanic, Higuain o Dybala? Per non dire dei difensori che hanno lasciato i giocatori del Real liberi di tirare e di passeggiare in area di rigore? Mah, rimango sempre più perplesso: che si debba cominciare a guardare al futuro è chiaro, ma questo tiro al piccione è assurdo.
  6. E pure nel citato tiro di Alaba c'è una deviazione decisiva che fa cambiare direzione alla palla in maniera netta con tanto di rimbalzo prima di entrare.
  7. Continuo a leggere di papera colossale sul tiro modesto di Casemiro: ma la deviazione netta e decisiva di Khedira che imprime al pallone una traiettoria stranissima l'abbiamo vista solo in due o tre? Perplesso!
  8. http://bologna.repub...onal-166743597/ "L'aereo della Juve deve cadere". E Radio Bologna International sospende la trasmissione I tifosi bianconeri in rivolta contro l'emittente. Stop al programma del popolare Tosco: "Ho esagerato" 29 maggio 2017 BOLOGNA “La trasmissione Made in Bo è stata sospesa”, fa sapere il presidente di Radio International Paolo Pedrini nel mezzo di una bufera mediatico sportiva. L’episodio incriminato capita sabato sera, dopo la vittoria al Dall’Ara della Juventus nell’ultima di campionato: un ospite interviene al telefono e sbotta: «Questi – dice riferendosi alla squadra bianconera - riescono anche a rubare le partite che non contano niente. Spero che l’aereo che li porterà a giocare la finale di Champions League precipiti». Leo Vicari, giornalista presente in studio che lavora per Radio International, cogliendo immediatamente la gravità della vicenda, si dissocia all'istante. Non così il conduttore-ultrà, noto come il Tosco, che mette a tacere Vicari e dice: «Vai avanti, continua: la tua non è affatto ipocrisia, io voglio la morte di tutti gli juventini». L’ospite non si ferma: “«Odio tutti quelli che indossano quella maglia di * e che sono la vergogna del calcio. Mi fanno schifo e spero che venga giù il loro aereo». Il conduttore a stretto giro: «Vai avanti, sei la mia voce, sei il mio idolo». Più tardi lo stesso Tosco ammetterà “d'aver esagerato”, rivela Pedrini, il quale oltre ad essere il presidente della radio è anche il presidente della società che gestisce il merchandising del Bologna e il temporary store di Borgo Panigale: “E’ una cosa che non tolleriamo, per noi la trasmissione finisce qui”, sbotta - nel giorno dell'anniversario dell'Heysel - facendo sapere che ha intenzione di chiedere i danni a chi ha diffuso sul web solo una parte della trasmissione, quella al centro delle polemiche, non il successivo intervento dell’emittente. “Noi siamo anche quelli che abbiamo realizzato a Bologna un’intera trasmissione dedicata ai tifosi del Napoli”, rivendica.
  9. Michel Platini 10

    A Platini riuscì prima di Maradona!

    9 gol nelle 5 partite del torneo segnando in tutte e soprattutto risolvendole tutte!!!
  10. Michel Platini 10

    A Platini riuscì prima di Maradona!

    Fantastico. E quanto fosse importante per la sua squadra si vide anche nel mondiale in Inghilterra dove Pelé fu sottoposto ad una vera e propria caccia all'uomo dai bulgari e successivamente dai portoghesi, a sfatare un altro falso mito delle marcature blande, anzi con le regole di allora si permettevano falli ben più rudi di oggi (ricordando il famoso e vergognoso Italia-Cile del '62). Brasile che, perso il proprio faro per infortunio, naufragò miseramente, essendo una nazionale non fortissima ma di transizione tra la generazione dei grandi del '58-'62 e quella del 1970.
  11. Michel Platini 10

    A Platini riuscì prima di Maradona!

    Vero era 5-0! I 7 gol sono del campionato successivo ma la didascalia è sbagliata comunque in quanto era un 7-0 e non un 7-1. Ovviamente son dovuto andare a riguardare dato che ero troppo piccolo.
  12. Michel Platini 10

    A Platini riuscì prima di Maradona!

    Infatti il depauperamento dei campionati sudamericani è iniziato dagli anni '80 e in modo massiccio dagli anni '90, anche fuoriclasse come Rivelino e Zico hanno speso la loro carriera in patria, ad esempio, senza che per questo il loro valore possa essere sminuito, anzi. E tanto per rendere l'idea, le squadre sudamericane in quei periodi dominavano sia a livello di nazionale che di club, ricordando che la Coppa Intercontinentale, ad esempio, fino alla nostra vittoria contro l'Argentinos, tranne rare eccezioni, era affar loro. E Zico quando è venuto in Italia a 30 suonati non mi pare che abbia incontrato grandi difficoltà ad esprimersi come si esprimeva al Flamengo: primo anno ad Udine 19 reti in 24 partite!!!!!! Inoltre portare un fuoriclasse come Romario come elemento a sostegno della folle tesi dello sminuimento di Pelé è a dir poco ancor meno producente: intanto come ha ricordato qualcuno i campionati in cui giocava Romario erano quelli del massiccio saccheggio da parte delle squadre europee e dunque imparagonabili a quelli di Pelé ma anche di Rivelino e Zico. Soprattutto però, non è che se "segnava anche Romario", detto come se fosse uno qualunque e non un fuoriclasse, allora vuol dire che per Pelé era una bazzecola e se invece avesse giocato in Europa sarebbero state vacche magre: Romario infatti, che pure segnava in un campionato brasiliano molto più povero di quello di Pelé, in Europa ci ha giocato eccome (PSV Eindhoven, quando il PSV era forte e costituiva l'ossatura della forte nazionale olandese e il Barcellona di Cruijff). Ebbene in Europa Romario ha segnato la bellezza di 167 gol ufficiali in 208 partite, media altissima! Senza contare due Coppe America e soprattutto un Mondiale vinto da protagonista segnando 5 gol in altrettante partite in un Brasile che non era certo trascendentale, anzi, composto com'era da scarti del campionato italiano e gente su con l'età. E comunque per Pelé, oltre le partite dell'Intercontinentale dove ha devastato le squadre europee più forti dell'epoca, parlano i 77 gol in nazionale e i mondiali giocati alla grande, i tanti gol incredibili e soprattutto decisivi segnati nei mondiali che sono valsi due titoli da protagonista, più uno da comprimario per infortunio. A segno in 4 edizioni consecutive dei mondiali, a segno in due finali (come Vavà, Breitner e Zidane, ma lui a 12 anni di distanza), nel ristretto club dei giocatori in doppia cifra ai mondiali. Il gol alla Svezia con sombrero sul difensore e quello con lo stacco in cielo contro l'Italia appartengono alla storia dei gesti tecnici più belli di tutti i tempi. E per di più regalati nelle occasioni più importanti. Maradona è stato un fuoriclasse, come Platini, Cruijff e Di Stefano, ma si può affermarlo senza per questo affossare assurdamente una leggenda come Pelé.
  13. Michel Platini 10

    A Platini riuscì prima di Maradona!

  14. E qui altri momenti epici: prima un'intervista in cui un dirigente accusa di malaffare Ligresti, al tempo proprietario della televisione dove Suma lavorava, causando il visibile sconforto e imbarazzo di Suma, poi Romeo Benetti che lo bacchetta in continuazione durante la cronaca di Milan-Piacenza e per finire Mosca che gli dà del villano durante una trasmissione sportiva per non averlo salutato: http://video.coolstreaming.us/watch-6c57502b480dc052c4fe.html
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.