Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Trezegol96

Utenti
  • Content count

    4,699
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2,108 Guru

5 Followers

About Trezegol96

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

16,605 profile views
  1. Bentancur col Tottenham è quinto a 23 punti dalla vetta in Premier. Vetta che, tra l'altro, è a 73 punti (10 in più di quelli che abbiamo noi). Quindi non numeri stratosferici. Paredes è alla Roma, 8 punti sotto di noi. Zakaria è al Monaco, terzo in un campionato da merendine come la Ligue One dietro all'irreprensibile Brest. Rovella non fa il titolare neanche nella peggior Lazio degli ultimi 10 anni. Barrenechea forse retrocede col Frosinone. Arthur non è un titolare nemmeno nella Fiorentina, dove Italiano gli preferisce spesso Mandragora. Se questi devono essere i centrocampisti da Juventus...
  2. Chiaro come la luce. Ma, personalmente, era chiaro dalle parole di Giuntoli di inizio stagione. Occhio ai conti e andare avanti con quello che si può. Speriamo che, una volta sistemata il più possibile la situazione economico/finanziaria si possa ricominciare a vedere qualche calciatore degno di nota...
  3. Con un maggiore focus sui giovani. Chi vuol capire, capisca...
  4. Noi non lo sappiamo, ma spero vivamente che la dirigenza lo sappia. La prossima stagione si comincia a pianificare adesso...a giugno è troppo tardi. Sono sicuro che già sanno chi sarà l'allenatore per la prossima. Forse solo la variabile uscita dalle posizioni Champions può cambiare i piani...
  5. Trezegol96

    Juventus - Lazio 2-0, commenti post partita

    Da quello che leggo su internet la regola non vale più.
  6. Trezegol96

    Juventus - Lazio 2-0, commenti post partita

    Andare a Roma e vincere con due gol di scarto facile non è e l'abbiamo visto sabato scorso... Per cui ben venga la vittoria senza aver subito gol e con uno scarto da poterti permettere un'errore. Poi chiaro che sarebbe stato bello anche vincere in campionato, però non buttiamo via un risultato che può cambiare questo finale di stagione a livello caratteriale...
  7. Se cerchiamo ancora difensori vuol dire che qualcuno vendiamo (Bremer?). Comunque, una notizia di mercato il 3 aprile è aria fritta come sempre...
  8. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Vabè dai, mi basta questo. Buona partita per stasera e forza Juve.
  9. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Locatelli ha vinto un Europeo facendo la panchina a Verratti. Che è diverso da vincerlo giocando titolare. Detto questo, nel Sassuolo giocava interno nei due di centrocampo, quindi non da mezzala. Nei manuali del calcio quel ruolo possiamo definirlo "centrale", ovvero quel centrocampista che deve fare sia la fase di costruzione che quella di interdizione. Una sorta di mix tra un mediano e un regista. Per cui, se si studia un po' di tattica di base, il ruolo di centrale è più vicino a quello di mediano/regista piuttosto che di mezz'ala, che ha altri compiti e caratteristiche. Una mezzala è veloce, rapida negli scambi, con un ottimo tempismo di inserimento e dotata anche di un ottimo piede per poter finalizzare l'azione con tiri o assist. Bene, dimmi di queste caratteristiche quali appartengono a Locatelli? Lento sia di gambe che di testa, senso del gol poco (6 gol in 99 partite col Sassuolo. Le mezzeali con le contropalle li fanno in una stagione 6 gol), assist 11 in 99 quindi neanche in quello. In quale caratteristica eccelleva nel Sassuolo?
  10. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Fammi un esempio. Lasciamo stare gli estremismi che non hanno senso. Chi arriva a giocare in Serie A, come chi arriva ad allenarci, è sopra la media sicuramente. Ma, poi, quando ci arrivi, c'è bisogno di alzare la tua qualità. Perché se ci arrivi e giochi al Sassuolo, all'Empoli o dove vuoi è un conto. Se vuoi giocare alla Juventus è diverso. Nelle ultime 9 giornate non stiamo rispettando il valore della squadra in negativo, come nelle prime 20 non lo avevamo rispettato in positivo. Stiamo facendo malissimo adesso e, a livello di risultati, avevamo fatto sopra le aspettative prima. Semplicemente se prima almeno mentalmente eravamo galvanizzati dai risultati, adesso siamo in balia degli eventi. E le gambe non funzionano come dovrebbero. Comunque, dei calciatori che mi hai citato, dimmi chi avrebbe giocato nella Juventus di 10 anni fa. O in quella di Lippi. O in quella di Trapattoni. Dimmene uno e mi accontento.
  11. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Perfetto, Guardiola. Premetto che non è una considerazione negativa sul valore di Guardiola che io considero altissimo, in primis come uomo spogliatoio e come comunicatore prima che come tattico. Però quello che ti chiedo é: hai mai visto Guardiola allenare una squadra non ti dico mediocre, ma per lo meno normale? Ha allenato un Barcellona che credo possa tranquillamente essere annoverata come squadra più forte del nuovo millennio fino ad adesso. Poi un Bayern Monaco fortissimo (con cui, tra l'altro, non ha proprio brillato). E un Manchester City pieno di fenomeni e a cui continuano ad aggiungergli fenomeni ogni anno. L'abbiamo mai visto allenare una squadra tecnicamente meno forte? No, perché lui va solo dove gli possono assicurare che compreranno solo giocatori adatti al suo credo, al suo gioco e alle cifre necessarie. Non ci sono ragionamenti su età, stipendi e roba varia. Guardiola lo vuole? Lo prendiamo. Il meglio al mondo. Ecco, se di Guardiola contano solo le idee, perché si fa comprare sempre il meglio sul mercato? Le cose che fa De Bruyne può farle anche un giocatore meno forte, basta che Guardiola glie le insegni giusto? O forse c'è che per mettere in pratica il calcio che pretende Guardiola siano necessari i piedi dei migliori calciatori in circolazione? E che un Miretti qualsiasi in campo non può fare quello che fa De Bruyne. Concludendo, non voglio paragonare gli allenatori tra di loro perché non ha senso. Ognuno ha una sua idee, una sua filosofia, che è dettata dall'ambiente in cui cresci, in cui vieni formato, in cui muovi i primi passi. E' chiaro che Guardiola, formatosi come allenatore nel Barcellona, non poteva avere che lo stampo di gioco che in quell'epoca si era affacciato in Catalogna. Però anche Sarri è considerato un "giochista" o sbaglio? Eppure ha un modo di approcciarsi ai calciatori completamente diverso da quello di Guardiola. Tu lo chiami limitato, ma quando arrivò alla Juventus, se non sbaglio, ti ricordo molto entusiasta su Sarri il giochista che finalmente avrebbe dato una svolta estetica al gioco noioso della Juventus...
  12. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    C'è una grande differenza. Appunto dico, operato di Allegri malissimo. Ma l'operato dei calciatori? Della società? Non possiamo escludere questi due fattori dal ragionamento. A finire come il Man United è un attimo...
  13. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Perfetto, con che percentuale decidilo tu. Io posso dire che, in percentuale, ho visto molte meno squadre vincere senza calciatori ma con un bravo allenatore piuttosto che squadre vincere con calciatori forti e un allenatore normale. Ah quindi con quei piedi è meglio metterlo a fare la mezzala. Si perché la mezzala non è un ruolo tecnico...
  14. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Se tu prendi una frase, la esuli dal contesto e la riporti così com'è la puoi manipolare come vuoi. Il discorso era un po' più ampio. Ci sono allenatori che sono molto bravi a gestire squadre forti perché sanno come si tiene un gruppo, sanno quando devono alzare la voce e quando invece il gran giocatore ha bisogno di essere lasciato libero di fare quello che vuole. Ci sono allenatori che sono empatici ed entrano in sintonia con le 25 persone che formano una rosa e riescono ad amalgamarle per far si che in campo coesistano in maniera corretta. Perché, alla fine, parliamo spesso di un gruppo dove 25 persone giovani si mischiano senza conoscersi e devi creare un'identità. Esistono poi allenatori invece che sono degli automi che pretendono che tu faccia quello che dicono loro, quando lo dicono loro e nel modo in cui dicono. Che, con determinati calciatori va bene, con altri un po' meno. Esempio pratico. Sarri dopo delle grandi stagioni a Napoli, dove aveva trovato calciatori adatti al suo pensiero e che gli andavano dietro, va al Chelsea. Le sue idee e i suoi metodi cozzano subito con uno spogliatoio di calciatori importanti che probabilmente avevano bisogno di altro carattere a tenerli insieme. Risultato: nonostante un'Europa League vinta Sarri stesso ammette di non avere in mano lo spogliatoio (e anche alcuni calciatori lo avevano ammesso tra le linee) e se ne va in polemica. Arriva alla Juventus e, nonostante uno scudetto vinto, anche qui il rapporto con uno spogliatoio "importante" non sboccia mai e viene mandato via dopo un solo anno, senza aver visto quasi mai la sua mano sulla squadra. Poi va alla Lazio e la storia va a finire allo stesso modo. Cosa ci insegna questo? Che a volte il modo di porsi, di comportarsi e di adeguarsi di una persona che arriva in un gruppo di 25 ragazzi fa molta più differenza delle sue idee di calcio, che nel caso di Sarri sono sicuramente ottime. Allegri non ha le idee di Sarri, poco ma sicuro. Ma ha più "polso" per gestire determinati spogliatoi, determinati personaggi e determinate situazioni. Ecco cosa era inteso nella mia frase, che presa così sembra campata in aria ma ha un ragionamento dietro. Il problema è che noi abbiamo bisogno del contrario, di un allenatori che "automatizzi" i calciatori più che li gestisca.
  15. Trezegol96

    Lazio - Juventus 1-0, commenti post partita

    Perfetto, tu la vedi in questo modo. Per me un calciatore forte è forte sempre. Poi magari la squadra non gira e si può fare male anche se sei forte, ma i colpi restano. L'apertura che fa Locatelli contro la Lazio non è un problema di allenatore, ma di piedi. E, dopo quell'errore francamente imbarazzante a certi livelli, finisce la sua partita. Non prova più un cambio campo, un lancio in verticale, niente. Si limita a fare il compitino così non sbaglia più in maniera plateale. Quindi contano i giocatori o l'allenatore?
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.