Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

God is an astronaut

Utenti
  • Content count

    1,649
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,453 Eccellente

1 Follower

About God is an astronaut

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

6,329 profile views
  1. Non si rinforzano le rivali per lo scudetto. O offrono una cifra fuori mercato, tipo 15 milioni, oppure meglio venderlo a qualcosina meno ma all'estero.
  2. Ottima soluzione per Allegri. Difficile fare peggio del predecessore, squadra dal grande blasone che gioca in un bellissimo campionato, budget mercato ed investimenti quasi illimitato. Ottima soluzione anche per lo United, che andrebbe prendere un allenatore preparato e che potrebbe costruire le basi per un grande United col tempo. Ottima soluzione per noi che andremmo a risparmiare qualche soldino.
  3. God is an astronaut

    Daily Express: "Accordo con lo United per la cessione di Mandzukic"

    Magari. Lo United si troverebbe un allenatore capace ed esperto, Max si troverebbe in una bella realtà in un bellissimo campionato e noi risparmieremmo un bel po' di quattrini.
  4. God is an astronaut

    Daily Express: "Accordo con lo United per la cessione di Mandzukic"

    11 milioni, fossero veri, sarebbero una cifra più che adeguata. Speriamo
  5. D'accordo sul Torino e su Romagnoli, per quanto riguarda gli altri paragonati agli atalantini avrei più di qualche dubbio. Zapata dubito abbia qualcosa da invidiare a Piatek se non l'età, idem dicasi per i vari Ilicic, Muriel e Gomez paragonati a Suso. Biglia è un ex calciatore, nemmeno lo considero.
  6. God is an astronaut

    Emre Can: "Nella Juventus gioco poco, così non sono felice"

    Ma infatti secondo me ne usciranno almeno due infatti, probabilmente Can e Khedira, il primo a gennaio ed il secondo a giugno. Entrambi con problemi fisici cronici pesanti, il primo fuori dal progetto tecnico e che garantisce plusvalenza facile ed il secondo per raggiunti limiti d'età. Penso che arriverà un nuovo giocatore al posto di entrambi a giugno, non so chi o con quali caratteristiche, ma mi aspetto un acquisto parecchio oneroso al posto loro o di altri due. Rabiot-Pjanic-Ramsey-"nuovo acquisto" come 4 titolari per tre posti, Matuidi (che penso rinnoverà) e Bentancur per la panchina. Lo troverei sensato. Rabiot e Ramsey non pesano poco ma nemmeno esageratamente a bilancio non avendo ammortamento del cartellino, Matuidi ormai ha ammortizzato il cartellino e peserebbe quasi solo per l'ingaggio che potrebbe anche diminuire se rinnovato su due anni (è in scadenza a giugno). Pjanic per Sarri è inamovibile, Bentancur è bravo e pesa a bilancio una miseria. Fuori Khedira (titolare) e Can (fuori progetto) per un unico grande centrocampista. Quei due viaggiano intorno alla dozzina di milioni di euro lordi a testa di ingaggio, da dare a qualcuno di più determinante, futuribile, sarriano ed affidabile dei due. Milinkovic Savic, Kanté, Pogba, Eriksen, Havertz, chi lo sa...
  7. God is an astronaut

    Emre Can: "Nella Juventus gioco poco, così non sono felice"

    A centrocampo siamo in troppi. Khedira e Matuidi hanno iniziato questa stagione alla grande, hanno meritato sul campo la fiducia del mister. Rabiot è ancora spaventosamente in ritardo di forma, complice la sua assenza dai campi di gioco da praticamente un anno. Ma è appena arrivato, merita di essere aspettato. Bentancur è un bravissimo giovane che sta zitto in panchina, con personalità e qualità, pesa pochissimo a bilancio e venderlo ci frutterebbe pochissimo (il 50% spetta al Boca). Ramsey, nonostante l'infortunio, si sta già lentamente dimostrando un acquisto azzeccatissimo e idoneo al calcio di Sarri. Can paga le caratteristiche non propriamente adatte al gioco di Sarri (più irruenza ed istintività che ragionamento e rigore tattico) e lo straordinario periodo di forma dei due vecchietti. Io continuo a pensare che le carte migliori Can se le possa giocare in difesa, come terzino destro. A disposizione abbiamo solo tre terzini di ruolo più Cuadrado, spazio per lui sulla carta ci sarebbe. Temo però che qualcosa si sia rotto, Can resta una facile plusvalenza che cammina, occupa uno spazio notevole a bilancio e qualcuno deve pur mollare il posto sia in ottica mercato sia per gli equilibri dello spogliatoio. Io avrei optato per Khedira ad agosto, ma facile che l'indiziato ad oggi sia proprio Can.
  8. Evidente. Tra acquisti sbagliati, cessioni frettolose, giovani bruciati e campioni fuggiti c'è veramente da piangere ad essere milanisti. Il Milan si è trovato, dallo scudetto di Allegri ad oggi, questi giovani. Magari non tutti dei potenziali campioni, ma tutti giocatori ceduti per spiccioli e che oggi avrebbero potuto costituire uno zoccolo di rosa a costo praticamente zero e di livello del tutto paragonabile, se non superiore a quello attuale costato tantissimo. Penso a Darmian, De Sciglio, Locatelli, Cristante, Cutrone, Aubameyang, El Shaarawy, Matri. Tutti giocatori ceduti per spiccioli e che nel tempo si sono rivelati giocatori che valevano anche diverse decine di milioni. Penso ai vari giocatori presi e gettati via con eccessiva fretta, magari registrando minusvalenze o incassando cifre ridicole, per andare a prendere sostituti poi non così formidabili. Impossibile non pensare a Bonucci ed Higuain, ancora oggi titolari della squadra nettamente più forte d'italia. Ma io penso anche a giocatori più normali, ma sempre di discreto livello, come Acerbi (che oggi al Milan sarebbe titolare inamovibile, altro che Musacchio), Taarabt (pur sempre un titolare del Benfica e della nazionale), Deulofeu e persino Gabriel che forse poteva restare a fare da secondo, senza dare 3,5 milioni netti a stagione al pensionato Reina, André Silva... Ora, non parlo di Ronaldo e Messi, ci siamo. Ma quando vedo giocare Calhanoglu, Kessie, Calabria, Rodriguez, Musacchio, Biglia & co, mi chiedo dove siano andati a finire tutti questi soldi se la squadra si è progressivamente indebolita di anno in anno, anziché rinforzarsi. Gli unici acquisti azzeccati pare siano stati, sul medio periodo, Romagnoli, Bonaventura, Suso e forse Piatek (se si riprende). Davvero troppo poco.
  9. Situazione disastrosa su tutti i livelli. L'ultimo Milan degno di questo nome, quello di Allegri, lo abbiamo visto nel 2011, ormai siamo prossimi al 2020. Quello era il Milan che veniva da uno scudetto, l'ultimo, quello che ha fermato il filotto interista che all'epoca pareva essere irripetibile. Il Milan tricolore era già al suo tramonto, ma poteva vantare giocatori di esperienza ad altissimi livelli, insieme a diversi giocatori di buon livello che non faticherebbero a trovare la titolarità in questo Milan. Van Bommel, Gattuso, Inzaghi, Seedorf, Ibrahimović, Nesta, Papastathopoulos, Flamini, Oddo, Jankulovski, Zambrotta, Abate, Pirlo, Borriello, Ambrosini, Bonera, Boateng, Emanuelson, Abbiati, Thiago Silva, Legrottaglie, Robinho, Ronaldinho, Cassano... Da allora sono cambiati una miriade di allenatori, quasi tutti giovani mandati al macello e mai un allenatore di livello internazionale, molti dei quali beniamini dei tifosi. A voler essere maligni, si potrebbe pensare che siano stati scelti più per contenere la furia dei tifosi che altro, finendo per fare da parafulmine. Sono cambiate persino proprietà, presidenti, dirigenze, direttori, praticamente tutto quanto più e più volte. Intanto lo stadio ad oggi è ancora un'idea, solamente un'idea. E se ne parla da eoni, ormai. Le giovanili sono un disastro. La primavera è riuscita nelle difficile impresa di retrocedere arrivando penultima davanti solamente all'Udinese. Il valore della rosa è ai minimi storici assoluti. Nessuno dei giovani acquistati anche molto onerosamente ha mostrato un qualche segno di crescita, nessuno. Pensare di poter finanziare il prossimo mercato solo con le cessioni sembra davvero impensabile, dato che difficilmente saranno monetizzabili in maniera consistente. Si prevede insomma creazione di altro debito, la cosa non è positiva. In tutti questi anni sono riusciti a strappare alla concorrenza solo un paio di giocatori di livello, anche se scartati dalla prima della classe, come Bonucci ed Higuin. Rispettivamente, dopo un anno il primo e sei mesi il secondo sono letteralmente fuggiti, tornando in ginocchio da dove erano venuti dalla disperazione. L'unico giovane di livello lanciato dal settore giovanile è indubbiamente Donnarumma, il quale comunque ha strappato un rinnovo faraonico senza ancora aver dimostrato la continuità necessaria da meritare tale investimento. La dirigenza è composta per una larga parte da gente che nel proprio ruolo ha pochissima esperienza, ha vinto poco o spesso nulla, e le sedie continuano a scottare. Ne sanno qualcosa Mirabelli, Fassone, Leonardo e Gattuso, giusto per rimanere negli ultimi 12 mesi. Ultima beffa, l'esclusione dalla CL sul campo miracolosamente sfiorata, e quella in sede Uefa dall'Europa League a causa di problemi col FFP. Un Milan senza guida, senza Europa, senza classe, senza prospettive, senza impianti. Deprimente. Finché non faranno il salto di qualità mentale tale da ingaggiare allenatori e dirigenti esperti ai massimi livelli, piazzando quei 2-3 o al massimo 4 colpi all'anno ma di assoluto livello, rischiano seriamente di non risalire facilmente la china.
  10. God is an astronaut

    Juventus - Bayer Leverkusen 3-0, le pagelle e il migliore in campo!!!

    Szczesny 6 Cuadrado 7 Bonucci 7 De Ligt 7 Alex Sandro 7 Khedira 6 Pjanic 7 Matuidi 6 Bernardeschi 6 Higuain 7 Ronaldo 6 Bentancur 6 Ramsey s.v Dybala s.v
  11. God is an astronaut

    Il Barcellona chiede già De Ligt

    C'è la clausola. Se lo vogliono il prezzo è quello, 150 milioni tondi tondi. Se non lo vogliono anche meglio
  12. God is an astronaut

    Pjanic, forse il migliore al mondo nel suo ruolo

    I migliori si vedono ai livelli più alti. Sicuramente in Serie A Pjanic è un fattore determinante, ma per essere tra i migliori dovrebbe fare molto di più quando i ritmi ed il pressing si alzano...
  13. God is an astronaut

    Cuadrado il nuovo Zambrotta

    Zambrotta è uno dei terzini più forti che abbia mai visto. Non era un razzo nello scatto come Cuadrado, ma praticamente in ogni altro fondamentale importante per un terzino gli era superiore, ed anche di parecchio. Bravo nel mettere i cross, valido tecnicamente, eccellente in fase difensiva, forte nei contrasti, perfettamente ambidestro e calciava pure bene in porta. Cuadrado ha un'accelerazione clamorosa ed una potenza nel calciare il pallone che lo rendono in fase offensiva difficilmente prevedibile e contenibile. Sotto la gestione Allegri ha fatto passi da gigante in termini di disciplina tattica, ma è a fatica catalogabile come terzino. Ad oggi il paragone proprio non regge, con tutto il rispetto per Juan.
  14. Alexander Nubel, portiere dello Schalke 04. Sembra davvero un bel prospetto, ha solo 23 anni e il contratto dovrebbe scadere a fine stagione. Ce lo vedo bene come operazione low-cost per sostituire in un colpo solo Perin e Buffon. Potrebbe anche essere un'idea furba quella di mettere alle spalle di Szczesny un giovane in grado di insidiare il ruolo da titolare. Bisognerebbe capire, chiaramente, se fosse disposto a venire a fare da secondo. Thomas Meunier, terzino destro del Psg. Classica operazione alla paratici, scadenza giugno 2020. Un terzino ci serve come il pane, si è ampiamente capito dopo poche giornate. Meunier non è un fenomeno ma è comunque un nazionale di 28 anni con qualità ed una buona esperienza a certi livelli. Fosse per me, col ritorno di Pellegrini a fine stagione e l'acquisto di Meunier magari a gennaio a cifre contenute, potremmo anche salutare definitivamente De Sciglio, che oltre a non essere un granché è davvero troppo fragile fisicamente. Non vedrei male un quartetto - Meunier, Sandro, Danilo, Pellegrini - Joel Matip, difensore del Liverpool. Chiellini a fine stagione sarà tutto da valutare. Sulla carta rimane il nostro difensore più forte, ma a quest'età un'infortunio di questa entità può anche dire fine ad una carriera, vedasi Marchisio. Se l'infortunio di Chiellini dovesse pregiudicare la sua carriera, come soluzione tampone Matip potrebbe essere un colpo molto intelligente secondo me. Non si parla di un fenomeno, non è Van Dijk, ma ha comunque dimostrato di essere un difensore degno di giocare ai massimi livelli, non è poco. Ha 28 anni, è nel pieno della maturità, il suo contratto scade a giugno 2020, il che lo rende perfetto come innesto di peso senza stravolgere le strategie di mercato. Samuel Umtiti, difensore del Barcellona. Discorso simile a quello fatto per Joel Matip, scadenza del contratto a parte. Umtiti è un difensore mancino che potrebbe rivelarsi un'alternativa perfetta a sinistra, cosa che a noi manca e parecchio. Il Barcellona, almeno a quanto sostengono i giornali, pare interessato ad Emre Can a gennaio. Chiederei in cambio proprio il difensore francese, anche a costo di versare un conguaglio, mandando in prestito Demiral o vendendo definitivamente Rugani. Difficile, ma un tentativo lo farei. Traoré, centrocampista del Sassuolo. Dovrebbe essere sotto il nostro controllo, non dovrebbe costare una follia. Ce lo vedo bene come sesto centrocampista, come il Padoin o il Giaccherini della situazione. Giocatore umile che abbina quantità e discreta qualità, penso si accontenterebbe di uno stipendio contenuto e di un ruolo da riserva. Avendo comunque solo 19 anni potrebbe anche venir fuori un giocatore interessante, lo seguirei con attenzione quest'anno. Potrebbe costituire la linea di centrocampisti giovani insieme a Bentancur e... Sandro Tonali, centrocampista del Brescia. <<E grazie al ca**o>> si potrebbe dire. Talento cristallino, testa piantata a terra, 19 anni, italiano, di proprietà di una società che punta alla salvezza senza ambizioni particolari. Per quanto mi riguarda è il classico colpo che va fatto a prescindere, probabile futuro perno del centrocampo della nazionale. Non cercherei però di portarlo a tutti i costi in Juventus immediatamente, ci potrebbe stare anche lasciarlo a Brescia ancora un anno in caso di salvezza.. L'importante è impedire che un potenziale campione della nazionale finisca tra le grinfie di una milanese, di una romana o del Napoli. Christian Eriksen, centrocampista del Tottenham. <<E grazie al ca**o II, il ritorno>>. Resta il fatto che un giocatore di quel calibro, libero di accordarsi con chi vuole da svincolato tra due mesi resta un'occasione ghiottissima. Ci starà pensando mezzo mondo al danese, ma è doveroso come minimo provare ad inserirsi nella trattativa. Ruben Neves, centrocampista del Wolverhampton. Portoghese di 22 anni, centrocampista secondo me perfetto per giocare davanti alla difesa nel centrocampo tipico sarriano. Essendo un giocatore della Premier potrebbe costare davvero moltissimi soldi, ma è un giocatore che ha qualità tali da meritare di essere comunque seguito con grande attenzione. Soprattutto se a fine anno si dovesse decidere di monetizzare con Pjanic, voce che ciclicamente da un paio di anni torna a farsi sentire, potrebbe essere lui il degno sostituito come playmaker centrale. Havertz, centrocampista del Bayern Leverkusen. Ormai noto a tutti, centrocampista che combina altezza, fisico, tecnica, fantasia e capacità balistiche impressionanti per un ventenne. Credo sarà uno dei centrocampisti più ambiti della prossima estate, dovesse continuare così. Da seguire assolutamente. Dusan Vlahovic, attaccante della Fiorentina. Deve ancora dimostrare tutto, ma il ragazzo sembra avere qualità di primo piano e questa potrebbe essere la stagione della sua esplosione, complice la totale assenza di punte di ruolo nella formazione viola. 19 anni, serbo, fisico statuario e piede educato. Per ora sta trovando poco spazio, ma lo monitorerei. Nell'ambiente primavera si vedeva lontano miglia che era una categoria sopra tutti gli altri... Arkadiusz Milik, attaccante del Napoli. Per me giocatore sottovalutato, non dai numeri realizzativi straordinari, ma con qualità parecchio interessanti. Sarri lo consce sicuramente bene e c'è da dire che non gli diede troppa fiducia, cosa che potrebbe già stroncare l'idea sul nascere. Eppure io, con la carenza di punte di livello che c'è in giro per l'Europa, un pensierino sul polacco lo farei eccome. In estate compirà 26 anni, ed avrà un solo anno di contratto avanti a sé. Difficile convincere De Laurentiis, ma dovesse riuscire a prendere un grande nome al suo posto, come provato già questa estate con Icardi, chissà... Leroy Sané, attaccante del Manchester City. Guardiola, seppur a cifre molto alte, lo aveva già messo in vendita questa estate. Sicuramente la rottura del crociato non lo aiuterà a scalare le gerarchie di squadra. 23 anni, perfetto come sostituto di Dybala nel 4-3-3 sarriano. Fisico tutt'altro che minuto, ama partire da sinistra accentrandosi, proprio come Ronaldo. Anche per questo lo vedrei benissimo come suo potenziale erede. Sapendo però giocare anche sulla trequarti e sulla fascia destra, lo vedrei benissimo anche come alternativa di Costa, dandoci quella qualità e quella prospettiva che Bernardeschi e Cuadrado stentano a darci. Non dovesse rinnovare, e difficilmente lo farà col crociato rotto e con Guardiola che lo aveva pubblicamente messo sul mercato, in estate avrà davanti a sé un solo anno di contratto. Dovesse dimostrare di essere in fase di ripresa prima della fine dell'anno, e se non ri ricredesse Guardiola sul suo conto, io penserei seriamente a lui come pezzo da 90 per la prossima estate.
  15. God is an astronaut

    Juventus - Spal 2-0, commenti post partita

    Primo tempo in controllo, ma senza creare granché. La magia di Pjanic ha sbloccato tutto. Secondo tempo dominio totale ed incontrastato. Berisha li salva da una goleada. Nel complesso ottima partita.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.