Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

capitangazzella

Utenti
  • Content count

    3,744
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

capitangazzella last won the day on March 14 2014

capitangazzella had the most liked content!

Community Reputation

2,329 Guru

7 Followers

About capitangazzella

  • Rank
    Titolare
  • Birthday 09/02/1976

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

7,122 profile views
  1. capitangazzella

    Una Juve più italiana

    Se gli altri fossero stati più competitivi sicuramente non avremmo vinto per 9 anni ma ci sono state Juventus molto competitive in questo (quasi) decennio. Parlare di male originario mi sembra eccessivo. Al di là di questo, non vorrei che si scatenasse il solito dibattito, l'ultima Juve non aveva il coltello fra i denti perché quelle erano le caratteristiche, anche a causa dell'età, dei giocatori e non perché stranieri o italiani a mio avviso. Per me avere il coltello fra i denti non significa rilasciare dichiarazioni su twitter o facebook. Ma quando l'avversario sta per tirare non girarsi spaventato di essere colpito. E ogni riferimento all'italianissimo Bonucci non è casuale. Il francese Matuidi il coltello fra i denti lo aveva, purtroppo aveva anche 2 ferri da stiro al posto delle scarpe.
  2. Under e Schick hanno un'età al di sotto di quella media dei giocatori che noi vorremmo vendere e, soprattutto, stipendi meno onerosi. Però la Roma non vince un * da 20 anni. Non si può avere tutto.
  3. capitangazzella

    Una Juve più italiana

    Male originario da che punto di vista? In prospettiva futura il problema è che l'età media è alta. Riguardo al presente e con l'ottica del campionato italiano, vinciamo da 9 anni e abbiamo ottime possibilità di ripeterci quest'anno: il problema è la scarsa affidabilità fisica di numerosi elementi. In ottica europea, nel biennio di Capello avevamo l'ossatura dell'Italia campione del mondo e in Europa ci hanno preso a calci sui denti.
  4. Lette solo le prime pagine. In pratica vuole un portiere con le caratteristiche del portiere classico (forte a parare) e in più abile con i piedi; difensori centrali in grado di coprire spazi ampi in fase difensiva e di costruire in fase offensiva; difensori esterni che se sono più bravi a spingere si aggiungono agli attaccanti, se più bravi a difendere possono scalare a fare il terzo centrale, se fanno bene ogni cosa possono dar man forte anche a centrocampo; i centrocampisti centrali li vuole forti tecnicamente ma anche fisicamente mobili; gli esterni di centrocampo forti 1 contro 1; gli attaccanti devono essere giocatori di talento che attacchino la profondità. Ok...... Penso che anche Liverani del Lecce l'anno scorso avrebbe voluto questi giocatori.... Si scherza, su.... forza Andreino, facci sognare
  5. In realtà quello era il calcio italiano di quegli anni. Anche le altre squadre italiane che avevano vinto in Europa negli anni '60 giocavano di rimessa e soprattutto in trasferta. Pensa alla partita con il Bordeaux nella semifinale del 1985. In casa travolgenti e in trasferta li a difendere come se non ci fosse un domani. Forse dipese anche dalla chiusura delle frontiere che in qualche modo ci isolò in un periodo in cui le influenze fra una internazionali erano molto meno significative di oggi (meno partite in tv, più difficoltà a viaggiare, ecc. ecc.). Magari incisero anche i risultati della nazionale italiana nel 1982. Questa cosa cambiò con il Milan di Sacchi. E si adattò anche la Juve con Lippi che fu il primo, a quei livelli, ad adottare il tridente offensivo in Italia. E' vero che poi con Capello ci fu un ritorno al passato. Tuttavia credo che le mancate vittorie internazionali di oggi dipendano soprattutto da una qualità inferiore agli avversari. Ma apriremmo un dibattito e andremmo OT. Per quanto riguarda la coppa del 1985 è chiaro che non la si festeggi, però se il tema è giudicare i risultati di quella squadra dobbiamo inevitabilmente tenerla in considerazione visto che la Juve fece un cammino travolgente in quella competizione.
  6. Credo si possa dire che dominammo il mondo in quegli anni. 1 coppa delle coppe, 1 coppa campioni, 1 supercoppa europea, 1 coppa intercontinentale. Era un'epoca in cui le squadre inglesi dominavano la coppa campioni e le sudamericane la coppa intercontinentale, le squadre dell'est erano fortissime, e anche le squadre di campionati oggi minori erano avversari ostici e, spesso, vincenti. Come il Dundee United o l'Anderlecht. Purtroppo quel ciclo oggi appare meno "vincente" o "felice" in quanto il trionfo più prestigioso fu macchiato dalla tragedia. Strachan era un giocatore eccezionale. Fortissimo.
  7. capitangazzella

    Cash out betfair

    Grazie!!
  8. Che dire senza essere sboccati? goderentibus!!!!
  9. Se veramente Paratici ha offerto 50 milioni per Morata significa che ci fa la cresta Non so se è meno credibile che la Juve li ha offerti o che l'Atletico li abbia rifiutati
  10. E' veramente un incosciente. Sono anni che diffonde l'odio e il sospetto nel mondo del calcio. Adesso il virus. Nessuno che abbia mai il coraggio di dirgli (intendo fra gli addetti) quello che è sotto gli occhi di tutti. Sempre a giustificarlo come un presidente "vulcanico", magari "sopra le righe". No, è un cafone, invidioso, rancoroso e piagnone che pensa sempre e solo ai fatti suoi senza alcun rispetto per le altre società, la sportività e, spesso, i suoi stessi collaboratori o dipendenti.
  11. Purtroppo ho trovato solo un'immagine e non una gif animata con il movimento delle braccia alla fuza inda.
  12. Non ho seguito tutta la conversazione. Quindi non entro nel merito. Però questa di Vialli che divenne un culturista alla Juve è una leggenda. Ricordo un articolo della gazzetta dello sport durante i mondiali del '90 in cui Vialli stava giocando male. Lo definivano un palestrato del calcio. Oltre questo, ecco un'immagine di Vialli alla Samp. Non è proprio mingherlino: Ti invito a verificare le differenza fra Shevchenko all'arrivo in Italia e qualche anno dopo al Milan.
  13. Mi dispiace molto per il ragazzo. Insomma, in bocca al lupo.
  14. Ancora... peccato che sei tu che provi a spacciare per certezze (e ci imposti tutti i tuoi ragionamenti) cose che poi ammetti non hanno alcun fondamento...pazienza. Vabè, ciao.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.