Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

ufobianconero

Amministratori
  • Numero contenuti

    1.244
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    19

L'ultima giornata che ufobianconero ha vinto risale al 23 Marzo 2017

ufobianconero ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

6.704 Guru

Su ufobianconero

  • Titolo utente
    Snowboarder
  • Compleanno 17/10/1979

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Civitavecchia

Contatti

  • MSN
    askaniaeden@hotmail.com
  • Sito web
    http://www.facebook.com/francesco.ceccotti

Visite recenti

94.169 visite nel profilo
  1. Il centrocampista tedesco, intervistato in esclusiva da 'Tuttosport', è già stato completamente conquistato dall'ambiente bianconero. "E' un club famiglia. Non è un insieme di campioni. Le individualità contano molto meno del gruppo. Qui c'è Cristiano Ronaldo, il più grande del mondo, ma nello spogliatoio è uguale agli altri e si comporta in modo naturale. Tutti sono allo stesso livello, non ci sono privilegi, si lavora, poi si fanno battute, si organizzano scherzi anche con lo staff. Entri in campo per allenarti sempre con il giusto umore". Emre Can è rimasto particolarmente colpito anche dal ritmo degli allenamenti, decisamente più sostenuto rispetto a quelli a cui era abituato. "Sono durissimi, pazzeschi. Me lo avevano detto e l'ho toccato con mano. Pensavo che in Germania, oppure a Liverpool con Klopp si fosse raggiunto il top, ma se poi confronti quei metodi di lavoro con quelli della Juventus, capisci che qui è molto diverso. Penso che il mio corpo abbia faticato ad abituarsi all'inizio. Sentivo le gambe pesanti, poi ho parlato con Chiellini e lui mi ha spiegato: “Emre, i primi mesi saranno durissimi per te, poi però si vola”. E devo ammettere che è vero". Anche il centrocampista tedesco ammette che il vero sogno della Juventus è la Champions League anche se l'Atletico Madrid merita il massimo rispetto. "Preoccupati? Queste sono le partite che qualsiasi calciatore vuole giocare, quindi siamo esaltati semmai. Credo che alla Juventus non manchi nulla. Ma la Champions è una competizione complessa e difficile da programmare. L'Atletico è una delle avversarie più dure che potessero capitarci, la peggiore dell'urna due. Per il modo in cui giocano, fisico e spigoloso, ti rendono la vita difficile. Barcellona e Real Madrid sono fortissime e stanno arrivando al top proprio ora. Il Liverpool è la finalista dell'anno scorso e occhio al Bayern che sta entrando in forma. Poi c'è il City, il PSG e noi. E' la Champions più interessante degli ultimi anni". Emre Can racconta qualche segreto dello spogliatoi bianconero e a sorpresa fa il nome di Mandzukic come compagno più simpatico. "Mario ha il suo carattere ed è molto particolare . Ma il suo apporto è fondamentale: sa richiamare all'ordine con uno sguardo dei suoi, però è anche uno dei più spiritosi e simpatici. Scherza molto. Ha un grande senso dell'umorismo. Un umorismo tutto suo, però molto divertente. Anche a casa, i miei famigliari e gli amici mi chiedono sempre di Cristiano. Com'è Cristiano? Cosa fa Cristiano? E' un calciatore pazzesco . E poi c'è il suo atteggiamento fuori dal campo: bravo ragazzo, per nulla presuntuoso, ma anzi estremamente umile. Mi ha sorpreso questo aspetto caratteriale molto alla mano". Infine il tedesco parla della malattia che lo ha tenuto fuori circa un mese. "Ho imparato moltissimo. Sono stati momenti difficili e ora mi sento più forte e consapevole. Apprezzo di più i piccoli particolari e ho rimesso in ordine le priorità della mia vita. Devo ringraziare i medici della Juventus che sono stati fantastici e ovviamente la mia famiglia e gli amici che mi sono stati vicini. Adesso c'è un Emre Can più forte". Goal.com
  2. ufobianconero

    Ufficiale: Ramsey è bianconero

    Per la corona di fiori fuori la Continassa fai tu?
  3. Auguri e grazie a tutti voi!
  4. ufobianconero

    Ufficiale: per Audero nuovo accordo con la Sampdoria

    Torino, 30 gennaio 2019 - Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver modificato l’accordo con l’U.C. Sampdoria S.p.A. relativo al trasferimento temporaneo, fino al 30 giugno 2019, con diritto di opzione e contro-opzione, del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Emil Audero Mulyadi. Sulla base del nuovo accordo, la Sampdoria avrà l’obbligo (anziché l’opzione) di acquisire il calciatore a titolo definitivo qualora la stessa società raggiunga determinati obiettivi sportivi nel corso dell’esercizio 2018/2019. Il corrispettivo della cessione è fissato a € 20 milioni, pagabili nei successivi quattro esercizi. Juventus, a fronte dell’impegno assunto dalla Sampdoria, ha rinunciato al proprio diritto di contro-opzione previsto nel precedente accordo. JUVENTUS.COM
  5. ufobianconero

    Ufficiale: Benatia al Duhail Sports Club per 8 mln

    Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver perfezionato l’accordo con la società Al Duhail Sports Club per la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Medhi El Mouttaqui-Benatia per un corrispettivo di € 8 milioni, pagabile in due rate entro ottobre 2019, che potrà incrementarsi sino ad un massimo di € 2 milioni al verificarsi di determinate condizioni contrattuali. Tale operazione non genera effetti economici significativi per Juventus. JUVENTUS.COM
  6. " Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver risolto anticipatamente l’accordo con la società AC Milan S.p.A. relativo al trasferimento temporaneo del calciatore Gerardo Gonzalo Higuain e di aver contestualmente perfezionato l’accordo con la società inglese Chelsea Football Club Ltd per la cessione a titolo temporaneo del calciatore fino al 30 giugno 2019. Tali operazioni non generano effetti economici significativi nell’esercizio in corso. Il contratto prevede la facoltà per il Chelsea FC di estendere la durata del prestito fino al 30 giugno 2020, a fronte di un corrispettivo di € 18 milioni pagabili nell’esercizio 2019/2020, o di acquisire a titolo definitivo il calciatore a fronte di un corrispettivo di € 36 milioni pagabili in due esercizi." Juventus.com
  7. Dopo aver praticamente chiuso l'affare che porta a Ramsey, la Juventus ha scritto nella sua lista della spesa un altro campione come Jordi Alba. L'interesse della Juventus, a parte ovviamente per il valore indiscusso del giocatore, nasce soprattutto da una possibile occasione di calciomercato: il laterale spagnolo andrà in scadenza a giugno 2020 ed i contatti tra l'entourage del giocatore ed il Barcellona, al momento, non sono sfociati in un rinnovo. La Juventus cercherebbe l'agguato sulla preda nella prossima estate, quando resterà un solo anno di contratto al giocatore, che compirà 30 anni a marzo. Una situazione generale che farebbe quasi svanire, per forza di cose, la clausolare rescissoria da 150 milioni di euro presente sul suo cartellino. La concorrenza non manca, ovviamente. Le altre due squadre molto interessate sono il Manchester City e lo United: la prima con un Pep Guardiola voglioso di lavorare con un terzino dalle caratteristiche di Jordi Alba, la seconda con un club che già da un paio di anni cerca un terzino sinistro top. Ma tutto dipenderà dalla volontà di Jordi Alba, sul quale sono andati in pressing tutti i senatori del Barcellona, per convincerlo a restare. Leo Messi prima di tutti. Da quelle parti sanno bene che un laterale di quel genere non passa ogni anno. La Juventus resta vigile, come sempre, in attesa di una trattativa vera e propria e di qualche segnale dalla Spagna. goal.com
  8. Mandzukic vita da Juve guerriero: il gigante croato è nel cuore della tifoseria e il club pensa al prolungamento della Juventus fino al 2022 anche per evitare il ritorno di squadre cinesi che lo scoso anno arrivarono ad offrire biennali da 15 mil a stagione all'attaccante corriere dello Sport
  9. Ramsey e Pogba, verso una ‘Premier Juve’: il club bianconero, dopo il gallese, potrebbe riportare in Italia Paul Pogba per un centrocampo stellare Non solo Ramsey per rafforzare il centrocampo della Juventus in vista della prossima stagione. Come riportato nella prima pagina dell’esizione odierna di Tuttosport, oltre al gallese dell’Arsenal (in arrivo a parametro zero), il club bianconero non molla la presa per riportare in Italia Paul Pogba. In previsione, si va verso una rivoluzione a centrocampo per la Juve, pronta a mettere sul mercato Khedira e Pjanic per far spazio a Ramsey e Pogba. Per una ‘Premier Juve’ sempre più stellare. L’accordo con Aaron Ramsey è già stato trovato. I bianconeri verseranno 9 milioni di commissioni nelle casse del procuratore e 6,5 milioni più bonus nelle tasche del giocatore. Bisognerà trovare un’intesa con il Manchester United per Paul Pogba e non sarà un’impresa semplice. Paul è tornato a giocare ai suoi livelli e i Red Devils potrebbero chiedere più di 80 milioni di euro. La Juve potrebbe reinvestire il denaro incassato dall’eventuale cessione di Pjanic per riportare a Torino il Polpo. Due dunque gli obiettivi della Juventus di Max Allegri per la prossima stagione: il gallese Ramsey e il francese Paul Pogba. (Calcionews)
  10. «Primo desiderio calcistico del 2019? Speriamo un anno pari o migliore di quello che abbiamo appena vissuto. Il primo pensiero è rivolto alla Champions che è diventato un nostro obiettivo primario. Cristiano Ronaldo h portato consapevolezza e sicurezza nei nostri mezzi. Però già partivamo da una base molto alta. Abbiamo grandi giocatori e ora abbiamo anche il migliore al mondo». Parola di Fabio Paratici che a Dubai ha parlato del mercato juventino ai microfoni di Sky Sport 24. «Come si migliora questa squadra? Difficile dirlo visto che partiamo da un livello molto alto. Però cerchiamo sempre soluzioni in accordo con Allegri. Siamo sempre aperti alle soluzioni che provengono dal mercato - ha proseguito Paratici -. Ramsey è un ottimo giocatore che gioca in una grande squadra. Sicuramente è un giocatore in scadenza e noi stiamo attenti alle situazioni di mercato, monitoriamo anche la sua situazione. Se giocherà da noi da luglio? Per ora è dell'Arsenal e sul mercato non ci siamo solo noi». «Duello con Marotta sul mercato? Noi pensiamo alla Juve. Io conosco il direttore e lui conosce bene me e questa è già una bella sfida. Se Allegri resterà alla Juve? Io sono certo di sì, è il miglior allenatore possibile per la Juventus e viceversa. Kean non andrà al Bologna visto che cercheremo di mantenere la nostra rosa. Mbappé? Un'ipotesi molto fantasiosa. Sono nomi altisonanti di proprietà di grandi club», ha concluso Paratici. Corriere dello Sport
  11. Il secondo giallo ci stava ma è palese che sia stato suggerito dal Var, é li che va tutto a donne di facili costumi e manda Allegri in bestia perché non é da regolamento e per fare un esempio recente con Nzonzi non fu fatto
  12. Tacchinardi, per lei è il match dei ricordi. "Riconoscenza infinita, sono le squadre della mia vita. Per me rappresentano tutto". Da che parte starà? "Sono leggermente più affezionato alla Juve, forse perché i miei figli sono tifosi bianconeri, ma sarebbe ingeneroso schierarmi. Vorrei un bel pareggio, accontenterebbe l'una e l'altra". Dea con assenze pesanti, Juve lanciatissima. "Sfida comunque molto, molto bella. Per chi ama il calcio, saranno 90' da vedere e rivedere. Direi da studiare. Sono partite da lontano, certi livelli non si raggiungono dall'oggi al domani. Attualmente, al netto di tutto, questa sfida rappresenta il top del nostro calcio". I punti in comune. "Parecchi. Con le dovute proporzioni, sono avanti anni luce rispetto alle altre. Poche parole, quanta sostanza. L'Atalanta è una Juve più piccola, ovviamente per questioni economiche. Ormai stabilmente da Europa League. La famiglia Percassi ha rivoltato il club come un calzino. E guardate Zingonia: strutture incredibili, da restare scioccati". In Serie A i bianconeri corrono da soli. "Ma il Napoli non molla, un bene anche per la stessa Juve. Un avversario così forte impedisce di staccare la spina, la tiene viva". Atalanta-Juventus si giocherà anche in panchina. "Quando arrivai a Torino, Gasperini guidava la Primavera. Parliamo del 1994, da quanti anni sta allenando... Un fenomeno in campo, persona speciale nel quotidiano. Non ci sono altri modi per descriverlo. I calciatori devono ringraziarlo per ciò che insegna. Allegri, invece, è un gestore clamoroso. Legge la gara alla perfezione, ora manca solo la Champions League". Alcuni giovani, lasciando Zingonia, faticano. "Per il salto in una grande la qualità può fare la differenza, ma prima c'è la mentalità. Juve, Inter e Milan sono top club, certe maglie pesano parecchio. Fondamentale saper reggere la pressione, non tutti ne sono in grado". A Bergamo chi può farcela? "Mancini, cresce partita dopo partita, ma vado oltre. In Primavera mister Brambilla ha a disposizione ottimi calciatori, Colpani e Kulusevksi in primis. Spero che la prima squadra riesca a prendere un buon margine nel ritorno in ottica Europa, vorrei vedere in campo questi ragazzi con regolarità". Tacchinardi tecnico nerazzurro o bianconero nella cantera: possibile? "L'anno scorso ci fu la possibilità di tornare a Zingonia, come in estate alla Juve. Poi, per vari motivi, non si chiuse. È importante trasmettere ai giovani un qualcosa che vada oltre il gesto tecnico. Mi riferisco ai valori di queste società e a ciò che le contraddistingue dalle altre. Per me sarebbe un onore, spero accada presto". Gazzetta.it
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.