Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Dario il grande

Utenti
  • Content count

    2,572
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,315 Eccellente

5 Followers

About Dario il grande

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    trieste

Recent Profile Visitors

5,119 profile views
  1. Però quando stava alla Roma, giocando più avanti quasi dietro alle punte, verticalizzava spesso e segnava pure delle belle reti con tiri da fuori area. Pjanic è, e rimane una mezzala offensiva, costretta per esigenze tattiche a giocare da regista arretrato, ruolo non suo che appunto ricopre per esigenze di scuderia.
  2. Una squadra di calcio professionistico gioca come intende farla giocare il tecnico che ne è alla guida. Noto che alcuni sottolineano che Pjanic gioca sempre corto, verticalizza poco o nulla; d'accordo, ma fa quello che il tecnico a guida della squadra pretende sia fatto. La mentalità e il sistema di gioco li pensa il tecnico, il quale inserisce le pedine a sua disposizione come meglio crede seguendo la propria filosofia calcistica. Allegri predilige il possesso palla ad oltranza mantenendo basso il ritmo e per farlo esige che i suoi giocatori, a partire dal regista arretrato, giochino a tocchi brevi, sino a giungere ai margini dell'area avversaria ove servire le punte preferibilmente con dei cross e quasi mai con delle verticalizzazioni, con le quali si potrebbe correre il rischio di essere presi in rapidi contropiede (ripartenze) e con l'assetto della squadra troppo sbilanciato in avanti. Nemmeno a Pirlo veniva concesso di giocare sul lungo, eccetto rare situazioni e tutt'oggi il tecnico si incavola spesso con Bonucci quando cerca il lancio in profondità, cosa che tra l'altro Pjanic saprebbe fare decisamente meglio e che, ripeto, non fa per ordini di scuderia.
  3. Kean è un giovane molto interessante, ma deve imparare ancora molto pure a livello di tecnica individuale e di movimenti; speriamo rimanga consapevole che l'umiltà è la strada principale da percorrere per giungere a grandi traguardi.
  4. Temo che Pogba sia già di proprietà del Real; guardiamo altrove, in giro ci sono parecchi giovani di valore garantito e pensiamo innanzi tutto a puntellare la difesa, specie i due centrali. Il Real vuole Pjanic? Bene ci dia Isco!
  5. Ci andrei molto cauto prima di cedere Pjanic, giocatore intelligente, dai piedi buoni e serio professionista, visto che ha accettato senza alcuna polemica di giocare in un ruolo non suo (e non è il solo), dato che di fatto è una mezzala a carattere offensivo e non di certo un centromediano metodista da porre in regia arretrandolo davanti alla linea di difesa, costretto tra l'altro a giocare sempre corto, visto che alla Juve, le verticalizzazioni comprensive delle rapide ripartenze, sono state abolite da parecchi anni e comunque il suo l'ha sempre fatto; più bene che male.
  6. Dario il grande

    La VoStra formazione per Inter-Juventus

    4-4-2 Szczesny De Sciglio, Bonucci, Rugani, A. Sandro Cuadrado, Emre Can, Pjanic, Matuidi Bernardeschi, Ronaldo
  7. Temo che Pogba sia già del Real Madrid
  8. Lo scambio Dybala Icardi è pura invenzione giornalistica, posta in atto per aumentare la tiratura dei vari cartacei sportivi. Se Dybala lascerà la Juve (lo dubito fortemente), sarà per andare a giocare all'estero; idem per Icardi se lascerà i prescritti (non lo dubito).
  9. Dario il grande

    Chi vorreste come prossimo allenatore della Juventus?

    Credimi, la preparazione atletica va pianificata, valutando le caratteristiche fisiche di ogni singolo giocatore, pure diversificando i carichi di lavoro da distribuire ai singoli e i tempi previsti per l'entrata in piena forma e di scadimento e recupero, tra l'altro dipende pure dalla quantità di impegni che la squadra deve sostenere nell'arco della stagione; una squadra come la Juve sempre impegnata su più fronti deve sostenere una preparazione atletica più intensa e particolareggiata. Tutte le squadre professionistiche, grandi o meno che siano, programmano la loro preparazione atletica.
  10. Sino a che rimane questo allenatore, è del tutto inutile fare grossi investimenti su attaccanti di gran classe, cioè predisposti a giocare un calcio da palati fini e non quello meccanico basato esclusivamente sul tatticismo esasperato.
  11. Gran bel giocatorino questo Joao Felix: tecnico, rapidissimo, calcia bene con entrambi i piedi e soprattutto vede la porta e i tempi di inserimento; forse sarà lui l'erede predestinato di CR7; a parte la giovane età, l'unico vero dubbio lo collego al fatto che se arrivasse alla Juve, difficilmente verrebbe collocato a giocare un calcio basato fondamentalmente sulla tecnica e la velocità. In Italia vige il rigore tattico, non la fine estetica e la dinamicità intesa quale manovra a tutto campo, tutto questo riguarda esclusivamente quella mezza dozzina di squadre che inevitabilmente ci sono superiori a livello Europeo.
  12. La squadra deve cambiare disposizione tecnico tattica, baricentro sempre alto (specie in chiave Europea) rispetto a quanto messo in mostra nelle ultime stagioni e lavorare per impostare al meglio le ripartenze (fase molto trascurata con la gestione attuale) e praticare una maggiore rapidità di manovra; solamente in questo modo si riuscirà a cavare il massimo da gente tecnica, quale Dybala, Douglas Costa, Bernardeschi e ci mettiamo pure Cuadrado; tra l'altro sono dell'avviso che questa possa essere la soluzione più adatta e pure gradita allo stesso Ronaldo.
  13. Se non si riesce a prendere De Ligt, ritengo sia molto valida la pista Manolas, ma pure Gimenez sarebbe da prendere in seria considerazione. Piatek lo prenderei se non altro per fare uno sgarbo all'altra sponda del letamaio Milanese.
  14. La difesa a tre è l'unica scelta da proporre con Bonucci, il quale per dare il meglio di se, dato che è piuttosto lento e macchinoso nei movimenti, necessita di stare in mezzo a due centrali rapidi e validi di testa. Con la difesa a quattro, Bonucci, diventa spesso controproducente. Cancelo può fare anche il centrocampista interno, ma il suo problema è la mancanza di continuità (una la gioca molto bene, un altra così così e poi altre maluccio). Mandzukic non può essere la scelta prioritaria quale prima punta, serve altro; Kean deve crescere ancora parecchio, specie sul piano tecnico, prima di diventare totalmente affidabile.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.