Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Dario il grande

Utenti
  • Content count

    5,220
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,876 Guru

5 Followers

About Dario il grande

  • Rank
    Capitano

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    trieste

Recent Profile Visitors

5,912 profile views
  1. Dario il grande

    La VoStra formazione per Sassuolo-Juventus

    4-4-2 Szczesny Danilo, Bonucci, De Ligt, A. Sandro Bernardeschi, Pjanic, Rabiot, Matuidi Dybala, Ronaldo.
  2. Pascola, ma almeno corre e rincorre gli avversari, cosa che oramai i suoi compagni, eccetto Matuidi e Bentancur, non fanno proprio e i risultati delle ultime gare lo stanno ampiamente a dimostrare.
  3. Dal momento che si insisterà con la difesa a quattro, servono due terzini di valore, uno a destra e uno a sinistra, in grado di rilevare sia Danilo che Alex Sandro. Cuadrado è un esterno di centrocampo, a mio avviso impiegabile su entrambe le fasce, quindi tatticamente prezioso. Via quei giocatori che per varie ragioni non servono o comunque hanno rendimenti instabili (Khedira, Ramsey, D.Costa, De Sciglio); acquisire almeno una giovane mezzala di sicuro talento e un ulteriore centrocampista da utilizzare quale affidabile Jolly utile per qualsiasi evenienza.
  4. Ok Boga per l'attacco, ma pure Locatelli per il centrocampo, ove può fare sia il centrale che l'interno, non difetta di agonismo e tecnicamente è valido, partirebbe come una affidabile riserva; farei un pensierino pure per Barrow, ottimo giovane attaccante, tecnico e velocissimo. Bisogna iniziare a ringiovanire, quindi si inizi a farlo.
  5. Partita molto importante e da vincere in modo da arrivare senza patemi all'incontro con la Lazio. Bernardeschi deve giocare perchè è uno dei pochi a garantire corsa e recuperi in appoggio ai centrocampisti, dei quali attualmente solo Bentancur e Matuidi sono in grado di garantire le stesse cose.
  6. A questo punto piuttosto che buttare soldi per prime punte piuttosto improbabili, mi terrei Higuain sino a fine contratto e prenderei immediatamente Boga e se possibile pure Barrow; due giovani talenti molto interessanti e di importanti caratteristiche sia tecniche che fisiche.
  7. Certo, difatti ho precisato che a Sarri devono essere dati quei elementi che ritiene fondamentali per sviluppare la sua filosofia, al Napoli era determinante uno come Hamsik in grado di fare bene la mezzala offensiva e all'occorrenza pure il trequartista; era fondamentale Insigne da seconda punta, sia a fare precisi assist che a fare gol importanti; erano fondamentali li inserimenti a destra di Calejon; mentre Higuain che tecnicamente è diversi piani sopra a Milik e Zapata, si inseriva a piacimento negli spazi sfruttando le immediate ripartenze e le pronte verticalizzazioni da parte dei compagni, oppure da palloni giocati all'indietro dalla linea di fondo campo sempre alla ricerca dell'inserimento di uno o due centrocampisti piazzati al limite dell'area di rigore. Questo lo poteva fare appunto con Higuain da prima punta, ma giocatore da palla a terra e da scambi in velocità e non come avveniva nella Juve le stagioni scorse e purtroppo ancora avviene dal momento che i giocatori sono praticamente gli stessi. Poi lo ha fatto con Mertens, altro giocatore tecnico e agile, bravo ad inserirsi in velocità negli spazi liberi, tutte cose che ne Milik, ne Zapata sono in grado di fare, perchè di impostazione tecnica e fisica del tutto diversa sia da Higuain che da Mertens.
  8. Ne Milik ne Zapata servono alla Juve, specie se finalmente Sarri avrà a disposizione quei elementi fondamentali a sviluppare il suo pensiero calcistico, basato sulla rapidità ed il dinamismo. Se parte Higuain serviranno due punte, almeno una delle quali esperta e l'altra giovane, entrambe veloci, rapide nei movimenti e di buona levatura tecnica; i due prototipi potrebbero essere Mertens e Boga, entrambi in grado di essere collocati nelle stesse posizioni preferenziali ove agiscono Ronaldo e Dybala.
  9. Dario il grande

    Sarri, conferma quasi certa. E questa volta il mercato dipenderà da lui

    Mi sembra cosa logica, quanto ovvia quella di pianificare la campagna acquisti/cessioni seguendo i dettami preferenziali del tecnico posto alla guida della squadra; succede da sempre pure nelle categorie inferiori, figuriamoci se non dovesse capitare a questi livelli di professionismo assoluto.
  10. Il tutto dipende da come il tecnico intende far giocare la squadra, cioè in maniera molto tecnica, ossia palla bassa e triangolazioni molto veloci a cercare sempre la verticalizzazione; oppure se intenderà mantenere un assetto solido quasi simile a quello degli ultimi anni, ma inserendo al centro dell'attacco uno bravo nel gioco aereo. Per la prima opzione giocatori quali Zapata, Milik e simili, sono da scartare a priori; mentre per la seconda andrebbero bene. Mi auspico fortemente sia la prima, la quale credo rispecchi al meglio la filosofia calcistica dell'attuale tecnico.
  11. Le due punte titolari sono Ronaldo e Dybala, quindi via Higuain e prendere due attaccanti con caratteristiche simili ai due titolari, uno giovane e l'altro più vecchio ed esperto: Boga e Mertens; per come intende giocare Sarri, alla Juve non serve la prima punta classica d'area di rigore, ma gente veloce e rapida ad inserirsi nei varchi liberi.
  12. Dario il grande

    La forma precaria di alcuni giocatori

    La preparazione atletica di una squadra viene pianificata in riferimento ai vari fronti che si vanno ad affrontare nel corso di una stagione agonistica, tenendo ben presenti le caratteristiche fisiche dei singoli, i loro tempi di acquisizione per entrare al massimo della forma, la durata dell'apice e lo scadimento; ovviamente una squadra come la Juve impegnata a provare a vincere sempre e composta in ampia parte da elementi fisicamente solidi e massicci, richiederà una programmazione diversa e sicuramente più pesante rispetto ad altri. La programmazione prevede di avere dei momenti di calo e dei momenti di crescita, la quale dovrebbe avvenire tra Aprile, Maggio e Giugno. Tre mesi di assenza dal campionato sicuramente hanno contribuito a sconvolgere i tempi e rifare la preparazione comporta delle problematiche che ora appaiono ben evidenti.
  13. Lo ripeto e lo ripeterò altre mille volte: per dominare e vincere in Europa, è tassativamente necessario cambiare mentalità, comprendere che sono tutti scontri diretti e non un campionato da gestire tabella alla mano. Le compagini che giocano in Champions League sono tutte di elevato livello e a differenza nostra, da sempre hanno capito che ogni partita bisogna giocarsela con grande entusiasmo agonistico, offrendo il miglior contenuto tecnico possibile; rispettando di certo i particolari tattici ma non fino al punto che essi diventino prioritari al gioco, talmente rigorosi da annullare qualsiasi fantasia, sino al punto di produrre ansia e tensioni deleterie nei singoli, tutti con il timore di sbagliare la giocata e il rispetto delle consegne; tutto questo spiega le nostre tradizionali difficoltà in campo Europeo.
  14. Concordo, pure a me sembra valido.
  15. Punte di riserva Boga e Barrow. Centrocampisti di riserva: Locatelli e Pellegrini. Via Khedira, Higuain, D. Costa e Ramsey.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.