Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Al Galoppo

Utenti
  • Content count

    2,199
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

776 Eccellente

1 Follower

About Al Galoppo

  • Rank
    Titolare

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

1,778 profile views
  1. Siamo al delirio. Marotta sarà profondamente rivalutato nel tempo. Prendere decisioni non è come fare scouting, e Paratici rimane uno scout, non un manager.
  2. Ancora non hanno fatto niente. Prima di celebrare la più vantaggiosa cessione (se le cifre sono vere) della nostra storia, aspettiamo l'ufficialità.
  3. Un affare d'oro considerando il suo rendimento inadeguato. Poi, le partite hanno messo in luce la sua pochezza ma c'è da considerare anche che chi lo sta vendendo lo monitora quotidianamente ed evidentemente ritiene che i problemi del ragazzo non siano risolvibili. Del resto il suo rendimento non ha denunciato poca concentrazione o ingenuità ma una quasi irrealistica penuria di fondamentali.
  4. Adani è la dimostrazione incarnata di come non basti aver giocato a calcio per capirne di calcio. Basta sentire le cose che dice per rendersi conto che di questo sport non capisce un H. E' il classico leone da tastiera trasposto in tv, che esprime teorie vuote di sostanza e che puntualmente non trovano mai riscontro nella realtà ma le espone con una dialettica convincente. CItando il film Loro sulla comunicazione: "non è importante se una cosa sia vera o meno ma che io ti abbia convinto a crederci". Adani è solo questo. Un venditore della Mondial Casa.
  5. In realtà, senza nulla togliere alla libertà d'opinione, è proprio uno di quei concetti che NON è un punto di vista. Se fai un gol più dell'avversario, hai giocato meglio dell'avversario.E' sintassi. Lo scopo del gioco è fare un gol più dell'avversario, non fare una migliore circolazione della palla.
  6. Tu semplicemente percepisci lo sport calcio per quello che è. Sembra paradossale ma ci sono diverse persone a cui sfugge il senso di questo sport che è totalmente antitetico al concetto di "bel giuoco", concetto tra l'altro aleatorio e del tutto inconsistente (prova a chiedere a una persona cosa intende per bel gioco e come attuarlo e al 100% non saprà spiegartelo e si contraddirà in meno di 2 righe).
  7. Adani è l'errore continuato e perseverante dell'ignoranza che si arroga una posizione di conoscenza inconsistente. E' l'analfabeta funzionale che vuole parlare di vaccini e viene umiliato ripetutamente da Burioni. Nè più, nè meno.
  8. E' evidente la responsabilità di Cancelo nelle sconfitte ma anche Allegri ha le sue colpe ad averlo schierato. Se hai un giocatore che ti rendi conto essere potenzialmente nocivo, non lo schieri, se n'è accorto troppo tardi. Non avremo mai la controprova, magari avremmo perso comunque, ad ogni modo il lavoro dell'allenatore si vede nei risultati e nella valorizzazione degli asset, non sulla singola scelta perchè tutti, anche i più bravi, sbagliano.
  9. Il suo idolo è Balotelli. Non serve aggiungere altro.
  10. Sarri ha la pressione di dover vincere per forza il campionato. Per molti questa è una cosa scontata e quest'anno ne avremo la prova se è davvero così, se davvero chiunque riesce a vincere il campionato guidando la Juventus.
  11. Purtroppo come tanti altri casi si sente odore di talento sprecato. Il suo idolo è Balotelli, c'è poco da fare. In un altro momento storico avrei detto "Vendere quanto prima". Ora che abbiamo ingaggiato uno come Sarri e dunque la nostra immagine è già compromessa, mi aspetto anche che acquistiamo Icardi e Naingolaan.
  12. Il calcio di Sarri è stato questo finora: - una squadra corta - un fraseggio continuato e insistito, un calcio a uno o due tocchi - una minuziosa attenzione degli elementi sui fondamentali di base circa le distanze: i giocatori del suo Napoli erano meno individualisti e portati a "parametrarsi" in campo manenendo distanze predeterminate e mai vaste gli uni dagli altri - un movimento "a specchio" sull'esterno offensivo che aggredisce lo spazio quando la palla è dalla parte opposta, dettando il taglio - non si tira da fuori area, è tassativo (trovare gol del Napoli da fuori area nel suo triennio è praticamente impossibile) - l'azione individuale è relegata a momenti estremamente episodici e "di forza maggiore", in mancanza di un movimento del compagno che detti un passaggio In difesa avranno spazio Bonucci e Chiellini come centrali e Rugani molto più presente. Terzini Sandro e Spinazzola/De Sciglio, considerando la cessione imminente di Cancelo ci sarà un ulteriore acquisto. A centrocampo è probabile che prosegua la forzatura di Allegri nel tenere Pjanic come regista. Poi un giocatore di maggiore quantità come Allan (Can o Bentancur) e una mezzala tecnica (Ramsey o, se arriva, Rabiot) In attacco Ronaldo insindacabilmente centravanti, Kean la sua riserva. Sugli esterni è un po' un rebus. Ovviamente Dybala non ha alcuna attinenza col suo calcio essendo proprio un calciatore con caratteristiche opposte (non gioca di prima ma cerca azione personale e tiri da fuori) Anche Douglas Costa è un giocatore difficilmente inquadrabile, essendosi finora messo in luce negli spazi, nelle progressioni, certo non in spazi stretti, distanze corte e scambi rapidi. Il giocatore "da Sarri" che abbiamo è Cuadrado. Bernardeschi è probabilmente la sua scommessa. Potrebbe arrivare Chiesa, giocatore assimilabile a un Callejon più giovane, dotato e promettente. Bisognerà capire cosa toglierà e porterà il mercato.
  13. Francesco Totti è stato un grande calciatore italiano. Ha deciso di rimanere nella Roma per la sua carriera senza ambire a una dimensione maggiore. E' una scelta. Finita la carriera, va valutato come ruolo d'azienda. La sua conferenza stampa non è commentabile nel merito, è semplicemente inaccettabile. Francesco Totti si è dimostrato per distacco il peggior profilo aziendale possibile, dubito avrà mai più un lavoro nel settore se non come opinionista in tv. Si è semplicemente confermato ciò che si sospettava: uno col suo cervello non può fare altro se non tirare calci a un pallone. Un nemico della Roma dalla conferenza in poi. De facto.
  14. ha senso considerarlo un'ipotesi se si vuole fare una campagna acquisti che lo metta nelle migliori condizioni. Jorginho non è un fenomeno ma un regista di buon livello. Pjanic non è un fenomeno ma un trequartista/mezzala di buon livello. Se a Sarri serve un metodista davanti alla difesa, ha senso, Pjanic è inferiore a Jorginho in quel ruolo e si è visto.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.