Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sergione

Utenti
  • Numero contenuti

    128
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni con più "mi piace"

    1

L'ultima giornata che Sergione ha vinto risale al 6 Agosto 2012

Sergione ha ottenuto più mi piace in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

483 Buona

2 follower

Su Sergione

  • Titolo utente
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Visite recenti

5.394 visite nel profilo
  1. È tornato, un mese dopo l'operazione al menisco del ginocchio destro, ma è come se non si fosse mai fermato. A Gedda Joao Cancelo è stato il solito inesauribile stantuffo, ha sfiorato il gol, servito assist, percorso la fascia senza sosta e, soprattutto, ha centrato il suo primo trofeo in bianconero: «abbiamo l'ambizione di ottenerne altri e lavoriamo ogni giorno per questo», sottolinea il portoghese ai microfoni di Sky Sport, ripercorrendo anche l'ultimo mese che lo ha visto lontano dal campo: «È stato un momento un po' difficile perché sentivo dolore quando giocavo ed era dura, fisicamente e psicologicamente. Poi sentivo di migliorare giorno dopo giorno e per quanto sia stata dura, sapevo cosa fare per tornare il prima possibile». IL RAPPORTO CON CR7 Quando si è costretti a stare fermi, diventa fondamentale l'appoggio dei compagni e Cancelo si è immediatamente integrato nello spogliatoio: «Mi trovo molto bene qui, è un gruppo spettacolare, composto da grandi campioni e grandi persone. Il rapporto con Ronaldo? Siamo amici, è un grande campione, il migliore del mondo. Ovviamente aumenta il livello della squadra, fa la differenza ed è per questo che la Juventus l'ha preso». CHE COPPIA CON ALEX! Il fatto di parlare la stessa lingua aiuta e Joao ha grande affinità anche con Alex Sandro, con cui compone una delle migliori coppie di terzini del pianeta. E quando si dice che parlano la stessa lingua e il riferimento non è solo al portoghese, ma al modo in cui dialogano in campo con pallone e compagni: «Alex è un grande giocatore, tra i migliori al mondo terzini sinistri del mondo. L'avevo già visto giocare quand'era al Porto e io ero nel Benfica e l'ho sempre ammirato. Sono onorato di giocare nella sua stessa squadra». CRESCERE ANCORA Cancelo è sempre più una pedina fondamentale di questa Juve , ma non intende accontentarsi: «So di dover migliorare nella fase difensiva, sono un giocatore più portato all'attacco, ma sono qui per imparare, grazie ai miei compagni e al mister posso farlo dai migliori e giorno dopo giorno sto assimilando i movimenti e prendendo sempre più confidenza con la posizione». UNO SGUARDO ALL'ATLETICO Ora, dopo Coppa Italia e Supercoppa riparte il campionato e tra un mese torneranno le notti di Champions, con la doppia sfida contro l'Atletico Madrid, che Joao conosce molto bene: «Sembra più una squadra italiana che spagnola. È una formazione molto fisica, compatta, con giocatori di grande qualità, difensivamente sono molto forti e saranno due partite difficili». Juventus.com L'esterno bianconero in esclusiva a Sky Sport: "L'ultimo periodo è stato difficile, ma fortunatamente è passato. Ho lavorato tanto per tornare al più presto per aiutare i miei compagni. A Torino sto bene, sono alla Juve per vincere e la Supercoppa è il primo trofeo del 2019. CR7 è il migliore al mondo, ha alzato il livello della Juventus. In bianconero voglio migliorare grazie ai miei compagni e a un grande allenatore come Allegri" Joao Cancelo è rientrato giusto in tempo per giocare la finale di Supercoppa e festeggiare per la conquista del primo trofeo con la maglia della Juventus. Superato il brutto momento per l'infortunio al menisco, il portoghese è tornato per affrontare la fase decisiva della stagione, che è iniziata con la vittoria della sfida contro il Milan e proseguirà con la corsa scudetto e la fase finale della Champions League. "È stato un momento difficile, mi sentivo bene sia fisicamente che psicologicamente e miglioravo giorno dopo giorno – ha dichiarato Cancelo in esclusiva a Sky Sport - È stato un periodo duro, ma ho cercato di rimanere concentrato, lavorando tanto per guarire al più presto per dare una mano ai miei compagni. Sono qui a Torino da sei mesi e mi trovo molto bene. Il gruppo è spettacolare, con campioni e giocatori di spessore. Sono venuto qui per migliorare e imparare. Molti dei miei compagni sono anche tra i migliori in circolazione al momento. Ovviamente sono venuto qui anche per vincere e con la Supercoppa abbiamo ottenuto il primo trofeo del 2019". Cancelo è, ovviamente, portoghese come Ronaldo: "Io e Cristiano siamo amici. È un campione vero, il migliore al mondo. È un calciatore che ha aumentato il livello della Juventus, ci aiuta tanto in campo e fa davvero la differenza. Per questo la Juventus ha puntato su di lui". "Voglio imparare dai miei compagni e da Allegri" E il portoghese si è imposto subito alla grande, dimostrando di poter giocare sia a destra che a sinistra: "Cerco di fare al meglio quel che mi dice Allegri. So che devo migliorare la mia fase difensiva, come caratteristiche sono più offensivo. Sono qui per imparare sia dai miei compagni che da un grande allenatore come Allegri". Sul braccio sinistro, Cancelo, ha due tatuaggi che rappresentano una tigre e un guerriero: "Ammiro molto gli antichi guerrieri, il modo in cui combattevano per le loro famiglie. Ne ho anche uno di una tigre, che è il mio animale preferito: solitario ma anche irresistibile. Mi piacciono molto gli animali, guardo tanti documentari e m'identifico nella tigre" Sky Sport Joao Cancelo ha parlato ai microfoni di Alberto Mauro di Sky Sport. Ecco un'anticipazione delle sue parole riportate da TuttoJuve.com: "Ho cercato di recuperare il prima possibile per provare a dare una mano ai miei compagni. Cristiano Ronaldo è il più forte al mondo. Ha alzato il livello della Juventus e si vede in campo. Io sono un giocatore più offensivo che difensivo da quando sono arrivato alla Juve devo fare più attenzione nella fase difensiva è quello che mi chiede Allegri e cerco di farlo giorno dopo giorno. Di me non parlo, ma di Alex Sandro posso dire che è uno degli esterni più forti al mondo, uno dei primi tre. Lo conoscevo già quando era al Porto e io al Benfica ho cercato sempre di prendere esempio da lui e giocarci insieme è molto piacevole. Posso imparare molto da lui". Tuttojuve
  2. Il capitano bianconero ha raccontato le sue sensazioni sull'arrivo di CR7 alla Juventus: "All'inizio non ci volevo credere, poi ho chiamato Agnelli". L'arrivo di Cristiano Ronaldo era l'ultimo passo che la Juventus doveva compiere per puntare davvero alla Champions League. Parola di Giorgio Chiellini. Il capitano bianconero in un'intervista alla 'BBC' ha affermato che il fuoriclasse portoghese ha portato alla sua squadra quel qualcosa che prima mancava per puntare ai successi europei.Il 34enne difensore ha ricordato tutti gli incroci con Ronaldo negli ultimi due anni, a Cardiff nel 2017 in finale e ai quarti nella scorsa stagione, e tutte le volte in cui Ronaldo ha fatto male alla Juventus. Ora però tutto è cambiato: CR7 veste il bianconero e secondo Chiellini la sua attitudine e la personalità hanno permesso ai bianocneri di fare l'ultimo step verso la Champions League, il grande obiettivo dei campioni d'Italia in carica. "Tra Madrid, Torino e Cardiff, Cristiano ci ha fatto male tante volte. Prima la Champions per noi era un sogno, ora con lui è un obiettivo. Lui è il migliore al mondo, mancava lui per fare l'ultimo passo. La sua attitudine e la sua personalità hanno cambiato la squadra. Da lui sto provando a imparare la concentrazione con cui lavora". Anche a 34 anni e forse nel mezzo della miglior stagione della sua carriera, Chiellini lavora e impara da Cristiano. Nonostante l'incredulità iniziale, come svela lui stesso. "All'inizio non ci credevo, ma dopo qualche giorno di voci ho parlato con il presidente Agnelli ed ero sorpreso. Penso che per tanti non fosse qualcosa di normale". L'impossibile è diventato possibile e ora la Juventus non si nasconde. Chiellini mette i bianconeri nel lotto delle favoritissime, con le ultime tre regine d'Europa che si sono spartite le ultime 6 Champions League e il Manchester City di Guardiola. "Ora siamo una delle prime favorite con Barcellona, Real Madrid, Bayern e Manchester City. Ma anche PSG e Atletico possono dire la loro". Goal EDDA (ARABIA SAUDITA) – A poche ore dal fischio d’inizio della Supercoppa italiana, Giorgio Chiellini ha parlato ai microfoni della BBC. Il capitano bianconero, però, più che della sfida col Milan, ha parlato di Cristiano Ronaldo: “Ha infranto i miei sogni, spesso. Tante volte ci ha segnato contro, penso a Cardiff, a Madrid, a Torino”. LA CHAMPIONS – “Prima vedevamo la Champions League come un sogno – prosegue il difensore della Juventus -, con CR7 in squadra è diventata un obiettivo. Abbiamo in squadra il miglior giocatore del mondo e potrà fare la differenza con la sua personalità. Con lui possiamo fare quel passo in più che c’è sempre mancato, ma non siamo i favoriti. Siamo tra le 4-5 squadre che possono arrivare fino in fondo”. CR7 ESEMPIO – Per Giorgio Chiellini, il fenomeno portoghese è un esempio: “Non ero solo curioso di vederlo in campo, ma volevo conoscerlo anche dal punto di vista extracalcistico. Cerco di prendere spunto da lui, dal lavoro in palestra, dalla concentrazione. Voglio migliorarmi giorno dopo giorno e devo dire che mi ha aiutato molto”. L’acquisto fatto in estate è stata una sorpresa per il difensore: “All’inizio non credevo arrivasse sul serio, poi ne ho parlato col presidente e sono rimasto sorpreso”. SUPERCOPPA E FUTURO – “Vogliamo vincere il primo trofeo della stagione – ammette il capitano bianconero -, abbiamo giocato i primi mesi di questa stagione alla perfeziona, ma il periodo più difficile e importante arriverà in primavera”. E sul futuro: “Non so ancora per quanto tempo farò il calciatore. Mi sto preparando per la fine della carriera, ma vivo giorno per giorno e mi diverto. Sicuramente mi piacerebbe rimanere alla Juventus anche dopo aver lasciato il calcio giocato”. Tuttosport
  3. Spinazzola potrebbe lasciare la Juventus per approdare al Bologna. In quel caso la Juventus virerebbe su Emerson. La Juventus ha sondato con il Chelsea la pista che porta a Emerson Palmieri, che potrebbe sostituire Spinazzola in caso di partenza verso Bologna Goal
  4. o scudetto 2006 fa ancora discutere. La Juventus ha depositato ricorso al Collegio di Garanzia del Coni e ora è arrivata la bordata di Fabio Capello: "È stata una comica averlo assegnato all'Inter, una cosa nettamente ingiusta". A Radio Anch'io Sport l'allora allenatore bianconero spiega: "Non sono stati rispettati i tempi e le regole non è stata data la possibilità alla giustizia sportiva di operare correttamente. Guido Rossi (commissario straordinario della Figc) agì troppo frettolosamente". "HIGUAIN NON È PIÙ LUI" "A Higuain è rimasto dentro quel rigore sbagliato con la Juventus, da allora non è stato più lui. È un altro giocatore, ha perso intensità, restando più lontano dalla porta. Non so cosa gli è successo. Speriamo per il Milan che ritorni ad essere l'Higuain che tutti conosciamo. Fase calante della sua carriera? La qualità è sempre importante, fisicamente c'è un calo però l'intelligenza tattica e la capacità di essere presente nel posto giusto al momento giusto la si vede sempre, anzi si migliora". "RAZZISMO? I GIOCATORI DOVREBBERO SEDERSI IN CAMPO" "I giocatori dovrebbero sedersi in campo, e contro di loro non dovrebbero essere decise sanzioni. In questa maniera si aiuterebbe il pubblico sano, quelli che vogliono vedere giocare, e si spingerebbe quelli che fanno i buu a smettere e vergognarsi di quello che stanno facendo. L'Italia è l'unico posto dove ci sono gli ultras che comandano e i giocatori vanno a salutarli. Si dà troppa importanza a queste persone. Sono importanti l'85-90% delle persone che vengono allo stadio, non questi signori con striscioni, slogan e il potere ottenuto dalle società". "MANCINI BRAVO CON I NUOVI TALENTI" "Mancini ha fatto un buon lavoro mettendo alla prova i nuovi talenti italiani, hanno la capacità di giocare in Nazionale dove si possono prendere delle responsabilità. Ci vuole più coraggio per farli giocare i giovani e ora sembra che il coraggio sia arrivato". Sportmediaset
  5. L'ex centrocampista bianconero, ora allo Zenit San Pietroburgo, ha parlato a Sky Sport prima di tornare in Russia per la ripresa del campionato. Un pensiero sulla Supercoppa che vedrà la Juventus impegnata contro il Milan e al grande obiettivo stagionale dei bianconeri: la Champions League Ha giocato, vincendole e perdendole, diverse finali di Supercoppa Italiana con la maglia della Juventus e sa che in una partita secca le distanze tra le squadre che si affrontano possono annullarsi. Per Claudio Marchisio, centrocampista ora allo Zenit, prima di tornare in Russia alcune dichiarazioni sugli obiettivi a breve e lungo termine dei suoi ex compagni. " La Supercoppa è una partita secca - ha detto ai microfoni di Sky Sport - e questo fa la differenza. In passato abbiamo perso Supercoppe Italiane contro squadre che potevano avere meno chance di noi, e invece è andata male e abbiamo perso dei titoli (contro Napoli, Milan e Lazio, ndr). In partita secca le motivazioni sono importantissime e la concentrazione ancora di più perché si gioca tutto in 90 o più minuti". "Auguro alla Juve di vincere la Champions" Se la Supercoppa è un obiettivo a breve termine, il primo in termini di trofei della stagione della Juventus, il grande sogno si chiama Champions League. Un sogno che Marchisio ha sfiorato due volte e adesso si augura che i suoi ex compagni possano raggiungerlo: "Auguro alla Juve che sia l'anno buono, chiuderebbero un ciclo incredibile, soprattutto per chi è lì dall’inizio, dal primo scudetto. E poi anche per il lavoro che ci stanno mettendo tutti quanti, dalla società allo staff. Credo che se la meritino, ma sanno che anche se le possibilità sono sicuramente più alte rispetto ad altre stagioni, resta sempre difficile". Possibilità più alte, grazie alla presenza di Cristiano Ronaldo: "Mi sarebbe piaciuto giocare con lui? Sicuramente - conclude Marchisio - però ormai è il passato. Penso allo Zenit. Abbiamo obiettivi importanti, vogliamo vincere il campionato e tornare in Champions League. Vedremo come inizierà questo 2019" Sky Sport
  6. «Le vacanze sono state importanti per riposare un po' e stare con la famiglia, ma ora siamo già concentrati per vincere la prossima sfida». Rodrigo Bentancur è pronto a ripartire. Il centrocampista ha vissuto una prima parte di stagione straordinaria, crescendo di partita in partita. E non sono certo poche quelle che ha giocato: su 25 gare disputate dai bianconeri tra campionato e Champions League, l'uruguaiano è sceso in campo 19 volte, 14 delle quali da titolare. Il tutto arricchito da due reti, entrambe segnate in trasferta contro Udinese e Fiorentina: «Sono contento per i due gol, ma spero di segnarne altri -sottolinea Bentancur ai microfoni di JuventusTV - Devo ancora migliorare però: in fase di passaggio, ad esempio nel lanciare Cristiano, ma anche nell'occupare la posizione davanti alla difesa, il mister me lo ricorda spesso. I prossimi impegni? Ora ci concentriamo sul Bologna, ma subito dopo penseremo alla sfida con il Milan e alla Supercoppa, il nostro primo obiettivo». Juventus.com
  7. Wanda Nara ha scelto: Mauro Icardi lascerà l'Inter al termine della stagione. La moglie e agente di Maurito viene citata come fonte dalla tv argentina Tyc Sports che riporta la volontà di Wanda Nara di non rinnovare il contratto con i nerazzurri lasciando la società al termine della stagione. Real Madrid e Chelsea sono interessate al calciatore. I Blues lo prenderebbero anche a gennaio, quando però la sua clausola da 110 milioni di euro non può essere esercitata. JUVE - La Juventus, come confermato da Wanda Nara qualche settimana fa, era stata ad un passo dall'attaccante nerazzurro la scorsa estate. I bianconeri avevano offerto uno scambio con Gonzalo Higuain ma Icardi alla fine decise di non vestire bianconero. La clausola del calciatore, lo ricordiamo, è valida solo a luglio e non è attivabile da società di Serie A. Le trattative per il rinnovo, però, sarebbero clamorosamente saltate. Icardi può lasciare l'Inter e a questo punto può succedere davvero di tutto. La Juve guarda interessata. ilbianconero.com Altre novità sul futuro di Mauro Icardi raccontate da ESPN. TyC Sports ha spiegato che Wanda Nara avrebbe comunicato all'Inter la non volontà di rinnovare coi nerazzurri. Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, lo vorrebbe in bianconero (ma per l'Italia non sarebbe valida la clausola rescissoria del giocatore, ndr), il Chelsea sarebbe un candidato forte. Dall'altra parte c'è anche il Real Madrid, da tempo sulle tracce del giocatore. TMW
  8. Secondo la stampa spagnola l'attaccante sarebbe pronto nelle prossime ore a raggiungere Sarri a Londra. Con l'arrivo del Pipita Morata lascerà i Blues Higuain ha già detto sì al Chelsea e nelle prossime ore diventerà un nuovo giocatore dei Blues. E' questa la notizia bomba lanciata sul sito online di Marca. Secondo il quotidiano spagnolo, infatti, l'attaccante avrebbe deciso definitivamente di lasciare Milano per riabbracciare Maurizio Sarri, il suo ex tecnico ai tempi del Napoli. Proprio agli ordini di Sarri il Pipita disputò la sua miglior stagione con 37 gol all'attivo. La scelta di Abramovich è anche una precisa volontà di dare uno scossa alla squadra che martedì sera ha perso di misura la semifinale di andata in Coppa di Lega contro il Tottenham. L'arrivo di Higuain coinciderà con l'addio di Alvaro Morata che dunque terminerà la stagione lontano da Stamford Bridge. Il Chelsea sarebbe pronto a pagare la prossima estate i soldi che il Milan avrebbe dovuto dare alla Juventus per il riscatto dell'attaccante. Il 31enne bomber argentino sarebbe quindi pronto a firmare con la sua quinta squadra in Europa dopo Real Madrid, Napoli, Juve e Milan. CdS
  9. A sganciare la bomba è il Mundo Deportivo: a fine stagione il tecnico livornese lascerà Torino dopo 5 anni, con il club che punterà tutto su Zizou La stagione in corso può essere molto importante per la Juventus che dopo un faraonico calciomercato in estate va alla ricerca di quella vittoria in Champions League che i tifosi bianconeri aspettano ormai da 23 anni. Dalla Spagna però è arrivata una bomba di calciomercato che potrebbe scuotere l'ambiente di Torino e che riguarda il futuro di Massimiliano Allegri. A fine anno infatti le strade della Juventus e del tecnico livornese si potrebbero separare, indipendentemente dai risultati della squadra. Stando a quanto riportato dal Mundo Deportivo, la società avrebbe già individuato il successore: sarà Zinedine Zidane il nuovo tecnico bianconero a partire dal prossimo calciomercato estivo, decisione avallata ovviamente anche da Cristiano Ronaldo che con Zizou in panchina ha vinto ben 3 Champions League consecutive. In Spagna sono sicuri che il franco-algerino tornerà presto a Torino e che su di lui la Juventus cercherà di costruire il suo futuro. Fox Sports
  10. Secondo Sky Sport, il Bologna per rinforzare la sua rosa sarebbe interessato a tre giocatori della Juventus. Si tratta di Stefano Sturaro, Leonardo Spinazzola e Moise Kean. Sul centrocampista sanremese però ci sarebbe anche il Genoa Tuttojuve [...]Per il ruolo di centrocampista centrale, il preferito dei genoani rimane sempre Stefano Sturaro, di proprietà della Juventus ma in prestito allo Sporting Lisbona. Già seguito con attenzione dall'estate scorsa, la società rossoblù deve valutare le condizioni fisiche del classe '93, che in questa stagione non è mai sceso in campo[...] GDM
  11. Il regalo di Natale per la Juventus arriva da Barcellona: le buone notizie per il club bianconero riguardano l'affare de Ligt. Stando a quanto scrive oggi il 'Mundo Deportivo' in Spagna, si è registrata una frenata nella trattativa per il trasferimento di Matthijs de Ligt dall'Ajax al Barcellona, dal momento che il club blaugrana non intende partecipare ad aste con Juventus, Bayern Monaco e Paris Saint-Germain sull'ingaggio del difensore. La società catalana non intende offrire a De Ligt più di quanto è disposta a garantire a De Jong, ed è pronta a concedere la strada libera ai rivali. calciomercato.it
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.