Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Sergione

Utenti
  • Content count

    359
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Sergione last won the day on August 6 2012

Sergione had the most liked content!

Community Reputation

722 Eccellente

3 Followers

About Sergione

  • Rank
    Esordiente

Informazioni

  • Squadra
    Juventus
  • Sesso
    Uomo

Recent Profile Visitors

6,707 profile views
  1. Stiamo stati passivi, pensavamo di vincere la partita camminando. Eravamo distanti tra i reparti, gara mentalmente blanda. Abbiamo sbagliato l'approccio e l'intensità a livello mentale e fisico, non possiamo essere quelli di stasera. L'avversario ha fatto il minimo per vincere. I passi falsi di Inter e Lazio? Allora siamo scarsi nella mentalità, voglio pensare di no. Ho visto dei movimenti difensivi fatti in ritardo, come se fossimo rallentati". La scelta era dovuta al fatto che ultimamente davano la sensazione di stare bene tutti e tre. Non penso che ci sia una responsabilità dei singoli, le colpe sono del collettivo. Emozioni? Alla fine prevale la partita e uno cerca di concentrarsi su quella. Per me Napoli rappresenta una tappa importante della mia vita, tornarci è sempre emozionante". L'assenza di Chiellini è ancora oggi un problema per l'intera rosa bianconera, orfana del suo leader. "Chiellini potrebbe risolverci dei problemi dal punto di vista della mentalità, ci innalzerebbe il livello di aggressività: lo stesso goal che abbiamo preso contro la Roma in Coppa Italia è sintomo di passività. In queste cose dobbiamo sicuramente crescere. Quando ho visto la situazione in campo ho provato a mettere Douglas Costa che è un esterno puro dando un po' d'ampiezza". La sconfitta del 'San Paolo' è la più 'dolce' per Sarri da quando siede sulla panchina bianconera. Sconfitta simile a quella con la Lazio? Lì avevamo avuto scarsa energia mentale, anche oggi siamo stati scarichi emotivamente e poi a catena escono fuori i problemi tecnici. Mi dà più fastidio perdere a Napoli? No, perché voglio bene a questi ragazzi, ad alcuni sarò legato per sempre, quindi forse se proprio devo perdere, preferisco farlo con loro, se li aiuta a togliersi alcuni problemi. Certo, preferivo iniziassero da settimana prossima. Mancano 18 partite, con 14 vittorie si vince lo Scudetto, dobbiamo pensare a noi e non guardare i risultati delle altre, altrimenti significa che non siamo pronti". Goal.com
  2. Carlo Ancelotti vuole rinforzare il suo Everton per dare l'assalto all'Europa League scalando la classifica in Premier League. L'ex tecnico del Napoli ha individuato nel centrocampo il reparto da rinforzare ed ha già un obiettivo; si tratta di Emre Can, centrocampista in uscita dalla Juve perché ai margini del progetto Sarri. Stando a quanto afferma il Mirror, i Toffees sono pronti a mettere sul piatto ben 35 milioni di euro per convincere la Vecchia Signora. TuttoJuve
  3. Da Parma a Parma. Adrien Rabiot ha saputo aspettare, ha lavorato su sé stesso, pazientato, e si è giocato al meglio le sue carte quando chiamato in causa. La calma, d'altronde, è la virtù dei forti: «In sei mesi sono cambiate tante cose - ha spiegato ai microfoni di Sky -, ora voglio continuare così. Ho dovuto ritrovare la condizione migliore, fisicamente non è stato facile, ma ora posso dire che va meglio e mi sento bene». Anche grazie a Matuidi, amico prezioso: «Sono molto legato a Blaise, abbiamo giocato cinque anni insieme e mi ha dato tanti consigli, aiutandomi molto. Devo dire che la squadra in generale è comunque composta da bravi ragazzi sempre pronti ad aiutarti». La crescita e il miglioramento passano, ovviamente, dal campo, anche cambiando zona: «Mi trovo meglio a sinistra perché sono mancino, ma mi piace anche giocare a destra perché in certe situazioni posso ritrovarmi sul mio piede quando rientro. Tecnicamente con il pallone, poi, è la stessa cosa: bisogna sempre creare un collegamento tra attacco e difesa». Adrien punta anche a seguire la tradizione dei francesi in maglia bianconera: «Mi sarebbe piaciuto molto allenarmi con grandi campioni come Zidane o Deschamps, la Juve ha una piccola parte della sua storia che parla francese ed è molto bello e spero di essere all'altezza. Mi trovo bene anche a Torino». La concorrenza non fa paura: «Più le altre squadre diventano forti, più il campionato si evolve e questo ti porta a migliorare sempre ed essere costante. Per noi è positivo affrontare rivali forti in campionato quest'anno». Juventus.com
  4. Informazioni per il settore ospiti Gara Campionato Napoli vs Juventus del 26 Gennaio 2020 ore 20.45 Prezzo Tagliando € 66,00 + 1,00 diritti di prevendita Modalità di vendita: Circuito TicketOne Inizio Vendite: Venerdì 17.01.2020 ore 15.00 Chiusura Vendite: Sabato 25.01.2020 ore 19.00 Capienza Settore: posti 2.482 denominato “Settore Ospiti Superiore” Ingresso: Gate 26. Per l’acquisto del biglietto e per l’ingresso allo stadio sarà necessario esibire un valido documento di riconoscimento e la tessera di fidelizzazione della Juventus. La vendita è vietata ai residenti nella Regione Piemonte, anche se fidelizzati. Da normativa vigente, il giorno della gara non saranno in vendita i tagliandi del Settore Ospiti Regalato e senza polemiche
  5. L'attaccante della Juventus Gonzalo Higuain ha parlato a Rai Sport al termine della partita di Coppa Italia contro l'Udinese: "Era una partita importante per noi, per proseguire il nostro percorso. Siamo stati bravi a non concedere possibilità ai nostri avversari. La società ci tiene alla Coppa Italia, è normale che la Juventus giochi sempre per vincere ogni partita. L'intesa con Dybala? E' sempre un piacere giocare assieme a un campione così, il nostro obiettivo è dare il meglio per la Juve. Un ritorno di Pogba in futuro? L'arrivo di giocatori di grande livello è sempre un piacere" Calciomercato.com
  6. L'avventura di Ernesto Valverde sulla panchina del Barcellona è arrivata al capolinea. Il club blaugrana ha esonerato l'allenatore dopo il ko subito in Supercoppa Spagnola, in semifinale, contro l'Atletico Madrid. La decisione è stata presa dopo il consiglio d'amministrazione dove il presidente Bartomeu, insieme agli altri dirigenti, ha scelto di sollevare dall’incarico l'ex Athletic Bilbao. In mattinata c'era stato anche un faccia a faccia tra il numero uno della società e l’ormai ex mister che, poco prima, aveva guidato gli allenamenti davanti agli occhi di una leggenda passata a far visita: Andres Iniesta. La sconfitta subita in Arabia Saudita, con una clamorosa rimonta subita nel finale di partita, è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La posizione di Valverde, infatti, era in bilico già da parecchie settimane, nonostante i giocatori si siano esposti in sua difesa in varie occasioni. Messi e Suarez, ad esempio, avevano mostrato ancora vicinanza al mister dopo aver perso contro i Colchoneros, ma le loro parole di sostegno non sono bastate a salvare la sua posizione. L'ultimo esonero del Barça risaliva al 2003, quando fu allontanato van Gaal. L'ufficialità è arrivata nella tarda serata di lunedì 13 gennaio, con un ringraziamento per il lavoro svolto. Quique Setién il nuovo allenatore Il club blaugrana ha scelto il successore di Valverde. Sarà Quique Setién: l'ex allenatore del Betis firma un contratto di due anni e mezzo. Il suo profilo si adatta alla filosofia del Barcellona: "tiki taka", molto possesso di palla. Ex centrocampista, da giocatore ha militato tra gli altri nell'Atletico Madrid e Levante. Da allenatore del Betis ha affrontato il Milan di Gattuso in Europa League, battendolo a San Siro per 2 a 1 e pareggiando in Spagna 1-1. Nel Betis ha valorizzato Sanabria e Lo Celso e ha anche allenato Pau Lopez, attuale portiere della Roma. Setién sarà presentato martedì 14 gennaio alle 14.30. Sky Sport
  7. Settimana impegnativa, quella alle porte, per la Juve, che rientrata in nottata da Roma ha subito ricominciato a lavorare: fra soli due giorni sarà il momento del debutto in Coppa Italia (mercoledì, ore 20.45, contro l’Udinese all’Allianz Stadium). Ecco perché il gruppo si è ritrovato nella tarda mattinata di oggi: per chi è stato maggiormente impegnato ieri seduta di scarico, mentre il resto della squadra è scesa in campo, dedicandosi a lavoro tecnico e partita. Domani l’appuntamento è fissato al pomeriggio. AGGIORAMENTO: MATTIA DE SCIGLIO Questa mattina, presso il J|Medical, Mattia De Sciglio è stato sottoposto ad esami strumentali che hanno escluso la presenza di lesioni muscolari ma hanno evidenziato l’elongazione del muscolo grande adduttore della coscia sinistra. Le sue condizioni saranno monitorate giorno per giorno. Juventus.com
  8. La Juventus sarebbe tra i club interessati all'acquisto di Rodrigo De Paul, centrocampista offensivo classe 1994 dell'Udinese e della nazionale argentina: secondo quanto riportato da "La Gazzetta dello Sport", il giocatore, oltre che dai bianconeri, sarebbe seguito anche da Napoli, Inter, Siviglia e Tottenham. L'Udinese, dal canto suo, valuta De Paul 35 milioni di euro, ma prenderà in esame offerte per la cessione del suo cartellino solo a partire da fine stagione. Tuttojuve
  9. Il Leicester vola in Premier League. Seconda in classifica e 'prima delle normali'. Per questo prova ad accelerare sul mercato per regalare i rinforzi giusti a Brendan Rodgers. Obiettivo in cima alla lista è Merih Demiral della Juventus: offerta presentata, ora si attende l'apertura dei bianconeri alla cessione. Limitato nel minutaggio in questa prima parte di stagione da De Ligt e Bonucci e in attesa del ritorno di capitan Chiellini, il difensore e la Juventus valutano il futuro. Nelle ultime settimane si è conquistato a suon di prestazioni il posto da titolare, per questo motivo la Juventus non apre alla cessione. Ma le offerte continuano ad arrivare, infatti oltre al Leicester sul difensore turco ci sono tanti club d'Europa, con il Borussia Dortmund in prima fila. GDM
  10. Sei punti in tre partite e fiducia ritrovata nei propri mezzi: con Carlo Ancelotti l'Everton sembra aver svoltato dopo un avvio di stagione da dimenticare, culminato con l'esonero di Marco Silva. Il tecnico italiano ha rimesso a posto i pezzi regalando tranquillità ad un ambiente che aveva perso parecchia autostima e come 'ricompensa' si aspetta, magari, qualche nuovo innesto dal mercato di gennaio.Questi i nomi accostati ai 'Toffees': James Rodriguez, Steven Nzonzi e soprattutto Adrien Rabiot, che alla Juventus non ha ancora convinto rimanendo lontano dai livelli ammirati al PSG. Ancelotti non ha chiuso all'ipotesi di vedere il francese in Inghilterra: "Non ci ho pensato, nei prossimi giorni lo faremo. Prima voglio valutare i giocatori che alleno già. E' normale, di tempo ce n'è poco perché dobbiamo giocare tante partite ma un'idea ce l'ho e ogni giorno che passa mi permette di conoscere meglio tutti. Se poi c'è una possibilità per migliorare la squadra... So che volete che parli di mercato ma preferisco dedicarmi al derby, una partita fantastica e una grande opportunità". Per Rabiot dodici presenze stagionali in bianconero e tante critiche per un rendimento non all'altezza dell'investimento fatto in estate da Fabio Paratici per portarlo alla corte di Maurizio Sarri. Goal
  11. AUMENTO DI CAPITALE CONCLUSO SOTTOSCRITTE INTEGRALMENTE LE AZIONI ORDINARIE OFFERTE IN OPZIONE Torino, 2 gennaio 2020 - Facendo seguito al comunicato stampa diffuso in data 23 dicembre 2019, Juventus Football Club S.p.A. (“Juventus”) rende noto che, a seguito della vendita nel corso della prima seduta di Borsa del 23 dicembre 2019 di tutti i rimanenti n. 24.825.450 diritti di opzione non esercitati durante il periodo di offerta in opzione (i “Diritti Non Esercitati”), sono state sottoscritte n. 7.944.144 azioni ordinarie di nuova emissione Juventus (le “Azioni”) rinvenienti dall’esercizio integrale dei Diritti Non Esercitati. Tenuto conto anche delle n. 314.541.184 Azioni già sottoscritte nel periodo di offerta in opzione, risultano pertanto complessivamente sottoscritte n. 322.485.328 Azioni, pari al 100% delle Azioni offerte nel contesto dell’aumento di capitale, per un controvalore complessivo pari a Euro 299.911.355,04. Juventus provvederà, nei termini di legge, a depositare l’attestazione di cui all’articolo 2444 del codice civile presso il Registro delle Imprese di Torino. Juventus.com
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.