Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Van buren

Utenti
  • Content count

    645
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

248 Buona

1 Follower

About Van buren

  • Rank
    Primavera

Informazioni

  • Squadra
    Juventus

Recent Profile Visitors

10,733 profile views
  1. La penso come te. Una domanda, che ne pensi di kaio jorge?
  2. L'unico modo per essere accettabile sarebbe una formula in cui le prime 2 o 3 della regular season hanno il posto in champions.
  3. Sei una filastrocca di luoghi comuni farciti di populismo e demagogia. Dici di essere un infermiere, quindi lavoriamo nello stesso ambiente. In Italia si stanno facendo anche 50-60 mila tamponi al giorno. Se la Juve facesse un test due-tre volte a settimane ad ogni componente dello staff, ne farebbe 100 forse 200 alla settimana, una media giornaliera di 15, forse 30 al giorno. Moltiplicato per le 20 squadre, forse 600 tamponi al giorno per tutta la serie a. Contando che se li pagheranno, perché la vedo dura che li pagherebbe il sistema sanitario nazionale, sarebbe forse così terribile che l'azienda calcio che produce il 7% del PIL italiano, faccia di media 300 (max 600) tamponi al giorno? Ma poi una domanda da medico, perché vorresti fare il tampone ogni 3 giorni? Che vantaggio, a meno di aver avuto un contatto certo o dei sintomi, ti darebbe farti spennellare naso e faringe ogni 3 giorni? Davvero pensi che ti sarebbe utile?
  4. I 3 del colonia (2 giocatori e un fisioterapista) saranno decisivi. Se la Germania riprende a giocare, mostra a tutti che non basta una positività (o due o tre) per bloccare tutto. Se si ferma, ci fermiamo tutti. A questo punto una considerazione medica, il tampone (che valuta la mera presenza di RNA virale) senza una valutazione seriologica (che attesta se la malattia è recente o passata) rischia di mostrare tanti pazienti positivi che in realtà la malattia l'hanno superata (e che verosimilmente non sono più neanche contagiosi)
  5. Faccio addirittura un passo più in là. Paradossale da dire ma giocare a giugno, luglio sarà più sicuro (meno pericoloso?) che in autunno. Adesso con il lockdown, con la stagione calda, senza l'interferenza (per lo meno diagnostica) dell'influenza stagionale è forse il momento migliore. Incredibile a dirsi ma è così.
  6. Non voglia tirarti dentro in discorsi su farmaci. Ti dico che non possiamo contare per curare centinaia di migliaia di pazienti su un farmaco da 150 euro a fiala. Dobbiamo capire che col virus ci si convive, qcuno si ammalerà, qcuno morirà. È l'unica soluzione. Prima il virus faceva chiudere l'ospedale, poi il piano, poi il reparto, ora neanche il dottore che ha visitato il malato va in quarantena. Se negli ospedali si è fatto questo passo, lo devono fare tutti
  7. O il farmaco già esiste e si scopre che si può applicare al coronavirus altrimenti i tempi sono gli stessi del vaccino, se non peggio.
  8. Dove, visto che il vaccino non ci sarà, basterà un positivo per rifermarsi. Una cosa deve essere chiara, se un positivo basta a fermarsi, tanto vale chiudere tutto. Ma tutto il calcio, ANNI.
  9. Ti rispondo in privato, non vorrei problemi. Non è il mio campo ma gli infettivologi parlano di un'attività antivirale dell'eparina simile al remdesivir. Oltre alla attività anticoagulante che non guasta in quei pazienti che muoiono spesso per problemi cardiovascolari. Plaquenil ed eparina in mancanza dei ben più costosi antivirali, sono un discreto approccio nella fase iniziale. Poi servono a poco

  10. A me manca tanto. Mi manca parlarne coi miei. Cogli amici nello spogliatoio dopo la partitella. Gli sfottó. Le fantasie per un giocatore in arrivo. E potrei andare avanti A me quello che non mancherebbe se scomparisse, sono TANTI MA TANTI giornalisti. Mi fanno quasi tenerezza, ormai notizie non ne portano più, solo commenti personali o sensazionalismi.
  11. Credo si riferisca ad un'immunità di gregge che contrasti l'epidemia, non la solita immunità di gregge che protegge l'intera popolazione anche dai casi sporadici. In ogni caso, è un discorso malthusiano che per un medico è inaccettabile.
  12. Una considerazione su come ragionano i medici anglosassoni (e verosimilmente i loro amministratori). Non entro su cose tecniche, ma qsta epidemia era fin dall'inizio incontenibile. L'alto valore di contagiosità e una popolazione totalmente non immune erano una miscela esplosiva. Economicamente parlando, si potrebbe dire che tanto più rapidamente si arriva al valore dell'immunità di gregge (in realtà è più alto del 60%) meglio è. SOLO ECONOMICAMENTE, sia chiaro. Il prolungamento dell'epidemia non favorisce l'economia cui farebbe più comodo una malattia che fa i suoi effetti letali rapidamente piuttosto che una epidemia prolungata che produce qche vita salvata in più ma un paese fermo più a lungo. La mia paura è che in qche paese abbiano fatto qsto calcolo, sulla pelle di tanti padri e nonni.
  13. permettimi di dire una cosa. Sono numeri così inverosimili che potremmo definirli al 99,99999% falsi. Dovremmo credere a tassi di degenza tedeschi dello 0,015%... o la francia 0,006%???? Sono i numeri di una onicomicosi. O è un'altra malattia o ci dicono scemenze.
  14. Niente contro di te ma voglio fare una considerazione Quando con l'Inter sarri gioca PER 10 MINUTI con dybala trequartista, la Juve subisce qche occasione e si parla di mancanza di equilibrio e che i tre non possono giocare insieme. Ieri con Berna in campo, subisce varie occasioni, Berna non scherma bennacer per niente, ma di mancanza di equilibrio non si parla per niente. Pur di trovare qche lato positivo nelle prestazioni totalmente anonime di Berna si è creato il mito di Berna equilibratore (rispetto a giocatori molto più decisivi di lui). A questo punto meglio bentancur che di legna ne fa ben di più.
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.