Jump to content

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Search the Community

Showing results for tags 'chiellini'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2019-2020
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendars

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Found 17 results

  1. Il difensore e capitano della Juventus Giorgio Chiellini ha parlato intervistato dai microfoni di JTV. “Ho ricominciato ad allenarmi, per ora faccio tanta palestra. Da quando ho tolto le stampelle è cambiato tutto, almeno ora posso fare una vita normale senza fastidi e senza impedimenti. Questo infortunio lo sto vivendo come una sfida per poi dimostrare che si può dare ancora tanto e godermi gli ultimi momenti di questa carriera. Devo ammettere che gli ultimi anni me li sto proprio godendo. Un po’ la maturità, un po’ i traguardi, le 500 partite con la Juve, la fascia da capitano della Juve, le 100 partite da capitano della Nazionale. Sono momenti storici”. PAPA’ – “Cambiano i ritmi? Per forza. Durante il giorno forse sono più occupato, gli orari e i tempi sono un po’ più lunghi tra fisioterapia e palestra, ma sono sempre a casa. Non viaggio più: questo è il cambiamento più grande. Non dormo fuori… faccio il papà. Una delle prima cose che ho detto a mia figlia, che si è preoccupata tantissimo quando ha saputo che mi ero fatto male, è stata proprio questa: “Babbo starà più tempo con te”. Sicuramente c’è meno tensione. Tutte donne? Sì, Nina di 4 anni, Olivia di 4 mesi e Carolina che regge tutta la famiglia. Non decido niente? Ma va bene così. Mi godo le mie donne senza ambire a decidere niente. Entro nelle macro-decisioni, nelle micro-decisioni no. Però riesco a vedere le partite, la TV la controllo ancora per ora. Le bimbe? La grande me la godo tanto. Soprattutto ora cerco di accompagnarla e andarla a riprendere all’asilo sempre visto che ho l’occasione. Sono un babbo presente: dal fare la doccia alla storia prima di andare a letto con due coccole sdraiato per terra. La tecnologia? L’iPad e queste cose le ha, però almeno due storielle, a volte tre perché ne aggiungo sempre una, sì. A lei in realtà basta che io mi metta lì con lei, il resto è una scusa. Comunque non me le invento le storie, le leggo”. GIOVANE – “Ero più vivace, Poi siamo due gemelli, quindi con Claudio eravamo abbastanza vivaci. Ci davano un pallone e potevamo spaccare tutta la casa. Però alla fine Claudio andava a letto presto e si alzava presto, io invece volevo andare a letto tardi. Eravamo gemelli, ma diversi nella quotidianità. Anche come carattere, io sono più calmo, lui più irascibile. Io più introverso, lui più estroverso. La doppia anima? Sempre avuta. Negli ultimi anni il lato aggressivo che avevo in campo l’ho un po’ domato, guadagnandone in lucidità. Ne ha guadagnato il mio gioco. Soprattutto più giovane, combattevo la tensione con l’agonismo, avevo quasi bisogno di crearmi dei nemici in campo. Così da piccolo? Sì, il carattere è sempre stato questo. Crescendo l’ho domato. Ricordo i pomeriggi davanti casa, tutto il pomeriggio a giocare lì. Nei weekend cercava d’esserci anche il babbo. Poi alle 7 urla per giocare a cena. Facevi anche gol? Tutto. Tutti contro tutti. Pure alle elementari con i più grandi e mi facevo rispettare. Anche sei anni contro dieci, non avevo paura di nessuno nemmeno lì. E le figurine? Vagonate di doppioni, quasi album interi. Ricordo che a Natale per regalo volevo sempre l’album con la paccata di figurine”. BASKET – “Ero piccolo rispetto alla finale di Milano, era un altro Livorno. Da adolescente le mie domeniche perfette erano 14:30 stadio e poi alle 18 la partita di basket. Stadio e palazzetto sono adiacenti, 300 metri di distanza. Mamma mi accompagnava alle 2, andavo allo stadio, poi palazzetto e il ritrovo era alle 19.45 al palazzetto”. TORINO – “Perché si trovano tutti bene? Città a misura d’uomo. C’è tutto ma è contenuto, gli spostamenti sono tranquilli e non esasperati. Già Firenze, che è splendida, è anche più caotica. Torino è piccola: fai nord-sud in 30 minuti se non è orario di punta. Ti permette di passeggiare in centro tranquillamente. Ovviamente sabato e domenica c’è qualche limitazione in più, perché c’è la partita. Però riesci a ritagliarti bene gli spazi con la famiglia e per non essere concentrato solo sul calcio”. JUVENTUS – “Non ho giocato in tanti club e sono fortunato, perché poi ora è la quindicesima stagione qui ed è vero che non è facile starci ed è pure merito tuo. Ma bisogna avere la fortuna di trovare un ambiente che ti permette di stare 15 anni in un posto e crescere anno dopo anno in una società ambiziosa e sempre al vertice. Se sei al meglio non cerchi altro. Alle vittorie non ci si abitua mai ed è sempre un bel ricordo che ti dà energia per trovare nuovi stimoli per tornare a vincere. La società è in continua evoluzione, per chi come me è qui da tanto tempo è un piacere vedere tutta la struttura della Juventus che anno dopo anno va avanti in continuo miglioramento” LAUREA – “La matematica mi è sempre piaciuta. Sono uno di numeri e non di estro. Sono uno a cui piace ascoltare, sono un ottimo osservatore e cerco di capire velocemente. Questa cosa è la stessa sia in campo che fuori. Più difficile la laurea o marcare Ibra o Cavani? Non è stato facile marcare Ibra, anche Cristiano quand’è stato, o Cavani e così via. Lo studio però non è semplice. Perché alla tensione delle partite sei abituato, all’esame hai una doppia responsabilità. Prima di tutto passarlo, poi per la figura che sei devi stare un po’ più attento. Io sono sempre andato con un mese in più di preparazione. Mi preparavo, poi passavo un altro mese a ripassare per essere assolutamente sicuro. Non avrei mai accettato di fare figure barbine dove passi per un capello. Sono sempre andato sicuro di passare bene, poi potevo prendere 21, 25 o 30… se ne poteva parlare. Ma non sono andato mai per provare. Anche perché ti giochi anche la credibilità dentro l’ateneo. All’inizio ci sarà stato sicuramente un po’ di scetticismo ed è normale sia così, però piano piano sono riuscito a superare questo perché ogni volta che andavo ero preparato e affrontavo ogni esame con la massima serietà. Ho avuto un insegnante che mi ha seguito, tipo tutor, messo a disposizione dell’università. Mi aiutava a capire il programma di studio: magari avevo due mesi e potevo dare un esame con meno carico, magari per altri ci voleva più preparazione. Alcuni hanno bisogno di più tempo, altri non sono semplici e serve qualche lezione in più e io ho preso delle lezioni esterne”. GOL DI DESTRO – “Come mai segno di destro? Coordinazione, senso del gol. Cose che non studi, che vivi sul campo. Negli ultimi anni la maggior parte del gol sono arrivati infatti su seconde palle, da attaccante puro. Un po’ per le energie, che con l’età hai meno, gol di testa puliti ne ho fatti meno rispetto a quando ero più giovane. Avevo più esuberanza fisica, più energie, riuscivo ad attaccare di più. Alla fine se non ti muovi e non hai una certa forza i gol non li fai.. Il destro? Affinato. Gli ultimi gol li ho fatti quasi tutti di destro. E’ lavoro, ma più che lavoro è pensiero. Non ho avuto tempo ed energie per allenarmi a fine allenamento perché devo gestire le energie. Allenarmi, giocare, star bene. Durante l’allenamento se però devi fare 20 passaggi cerchi di farli bene. Perché un conto è fare le cose concentrato sul farle bene, un altro farle tanto per fare”. SEGNI PARTICOLARI – “Il turbante non me lo toglierò mai. Quello è perché metto la testa anche quando non dovrei, non riesco a togliermelo.Per fortuna non mi rompo il naso da una decina d’anni, e questo è positivo. King Kong? L’esultanza arrivata con gli amici storici di Livorno. Volevo qualcosa che mi caratterizzasse. Adriano faceva Hulk e non si poteva copiare. Alla fine ho deciso di fare King Kong che mi rappresenta”. PRESENTE – “Vorrei vincere la stella di scudetti, poi possibilmente la Champions e l’Europeo. Se capitasse anche solo una di queste tre cose sarei molto contento. Se non capiterà sarò contento lo stesso. Credo che l’importante sia dare il massimo, in questo modo uno non avrà rimpianti. Poi chiaro, potessi rigiocherei tante partite, ma fa parte della vita, non solo del calcio. Da quel punto di vista non ho rimpianti, sono contento di quello che sto facendo. Ho ancora un paio di anni per vivermi delle sfide. Questo infortunio lo sto vivendo come una sfida per poi dimostrare che si può dare ancora tanto e godermi gli ultimi momenti di questa carriera. Devo ammettere che gli ultimi anni me li sto proprio godendo. Un po’ la maturità, un po’ i traguardi, le 500 partite con la Juve, la fascia da capitano della Juve, le 100 partite da capitano della Nazionale. Sono momenti storici. Alla fine le partite ogni 100 con la Juve sono sempre speciali. Peccato che alla 600 non ci arriviamo sicuro, non ce la posso fare… ma sono state belle e speciali. Quando me lo dissero prima di Juve-Atletico sapevo che lo sarebbe stata.” GOL SALVATO – “Non ha eguali. Mi tornano in mente un paio di interventi in Juve-Monaco, uno contro il Tottenham, il City. Quegli interventi che pensi: ‘Ma come cavolo ha fatto?’ per un difensore non hanno uguali. Mai una gioia? No, ci sono. Solo che sei sempre in tensione, perché se fai nove cose bellissime e magari perdi l’attaccante all’ultimo secondo la tua partita è insufficiente. Se un attaccante fa due gol e ne sbaglia uno clamoroso ha comunque fatto due gol, noi anche se fai due salvataggi clamorosi, devi comunque portare la prestazione fino alla fine.” Fonte: juvenews
  2. Giorgio Chiellini e Andrea Barzagli splendido esempio di dedizione alla causa bianconera protagonisti dal primo all'ottavo capitolo di questa incredibile impresa RAGAZZI, VOI SIETE LEGGENDA!!!
  3. Giorgio Chiellini ha festeggiato le 500 presenze con la Juve. Il capitano bianconero è stato intervistato da JTv durante la cerimonia - avvenuta ieri - che ha celebrato questo straordinario successo e ha visto scrivere il suo nome tra quello dei più grandi in casa Juve. La sua divisa è stata appesa al JMuseum, lui ha reagito così: "E' stata una serata speciale e un traguardo importante, poterlo festeggiare con una vittoria del genere per continuare la nostra avventura in Champions è stata la ciliegina sulla torta. Sono passate due settimane, ora abbiamo metabolizzato e credo ci sia ancora più carica per i due mesi che mancano, perché vogliamo fare qualcosa di speciale e vivere quelle emozioni che ci ha regalato la mia 500esima partita e la vittoria con l'Atletico.AJAX - Lo Stadium ha creato un'atmosfera magica, che non si viveva da tanto a Torino, ed è stata per noi una spinta eccezionale. Si percepiva già da inizio partita una serata diversa rispetto anche a tutte le precedenti e importanti che abbiamo vissuto nell'ultimo periodo. Vogliamo continuare e contro l'Ajax ci sarà modo di ritornare, ma adesso è importante concentrarsi sul campionato e chiudere il prima possibile. LA PARTITA PIU' BELLA - Sono tante 500 e ho vissuto tante gioie e tanti dolori, ho gioito, ho pianto, c'è stato un po' di tutto. Le emozioni mi rimarranno sempre dentro ed è stato per me un onore condividerle con tanti campioni che hanno fatto la storia e che vedo qui al museo. Speriamo che la più bella debba venire. TRAGUARDO - Vivo alla giornata, senza pormi limiti, credo sia la cosa più bella". Fonte: Il Bianconero.com
  4. Giorgio Chiellini, capitano della Juventus, ha parlato al sito ufficiale del club dopo l'ultima partita della ICC: "Abbiamo fatto 15 giorni intensi, con tanti viaggi in stadi belli e diversi. Abbiamo fatto delle belle partite, messo minuti nelle gambe e fatto capire ai nuovi la mentalità che serve per giocare alla Juventus. Adesso avremo un paio di giorni liberi e poi ci troveremo con gli altri da mercoledì per iniziare a preparare davvero la stagione. Però credo che il bilancio sia positivo. La doppietta di Asensio? Potevamo finirla anche 1-0 a dir la verità, in un quarto d'ora abbiamo preso 3 gol, con il Real gli errori li paghi e mentalmente non abbiamo tenuto sempre. I viaggi, la stanchezza e le 4 partite in 10 giorni hanno influito. Devo fare i complimenti a tutti i ragazzi che erano qua, hanno fatto una tournée fantastica ed è merito loro se è andata così. I nuovi? Si stanno integrando bene, sicuramente meglio gli italiani perchè la lingua e la cultura aiutano. Cancelo ha ottime qualità, si sta integrando bene: deve capire alcune cose, ma ci sarà davvero utile, ha un passo interessante. Andrà disciplinato, ma ha qualità superiori alla media. Cristiano Ronaldo? L'entusiasmo positivo è ben accetto, ne avevamo bisogno, è una scossa di energia che ci frà alzare il nostro livello. Non dobbiamo però pensare di aver già vinto lo scudetto o di vincere la Champions". Fonte: Il Bianconero.com
  5. Dopo l'addio di Gianluigi Buffon, tutti gli indizi - diretti e indiretti - portavano a pensare che Giorgio Chiellini sarebbe stato il nuovo capitano della Juventus. Il club bianconero ha di fatto ufficializzato la scelta, la didascalia del post su Instagram non lascia dubbi: "Captain Chiello" e la foto del difensore, 13 stagioni e 472 partite alla Juve. premiumsporthd.it
  6. Senatori a vita, Giorgio Chiellini e Andrea Barzagli rappresentano la continuità: dopo l’addio del capitano Buffon, la Juve vuole tenersi stretto il suo successore e anche l’altro leader storico della difesa bianconera. Per questo nonostante siano entrambi abbondantemente sopra ai 30, per tutti e due è pronto il rinnovo di contratto. Re Giorgio ha chiuso la tredicesima stagione in bianco e nero facendo il motivatore. Dopo una stagione straordinaria, probabilmente la migliore per prestazioni e carisma, si è riciclato sostenitore dei compagni a bordo campo nelle ultime partite, per cercare di esorcizzare l’infortunio che lo aveva fermato contro il Napoli e lo ha costretto a saltare la finale di Coppa Italia e le ultime gare di campionato (tra cui la delicatissima sfida con l’Inter). Prima però Chiellini aveva giocato 38 gare ad altissimo livello, segno che l’età che avanza non è necessariamente un limite. Presto, molto presto (ormai è solo questione di giorni) si legherà alla Signora per altri due anni, che vivrà con l’eredità di Gigi al braccio. Giorgio è arrivato a Torino ventenne e resterà con la stessa maglia addosso almeno fino a 36 anni. Poi lo aspetta una scrivania alla Continassa, nuova sede bianconera, la collocazione perfetta per uno che ha una laurea in Economia. Chiello e Barza sono ciò che resta della BBBC bianconera, che aveva già perso Leonardo Bonucci l’estate scorsa ed è appena rimasta orfana di Buffon. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  7. Vincere è difficile, ripetersi lo è di più. Farlo per sette volte di fila, come voi, è leggendario! Grazie Gigi! Grazie Giorgio! Grazie Claudio! Grazie Andrea! Grazie Stephan! Un grazie speciale a voi 5, magnifici protagonisti di 7 anni di imprese straordinarie!
  8. Cuadrado col gruppo. E’ la seconda volta in questa settimana che Juan si allena con la squadra e se anche oggi pomeriggio la sua serenità fisica sarà confermata, ecco che Allegri lo coinvolgerà nella lista dei convocati. Dalla convocazione al giocare, però, ci sarà tutta una serie di valutazioni: l’assenza da tempo dall’agonismo (ultima partita giocata Juve-Roma del 23 dicembre 2017), l’affrettare i tempi che potrebbero riportare a una ricaduta dopo l’operazione perla pubalgia. Il dato di fatto, però, è che il colombiano torna a disposizione: che sia per il Milan o il Real, beh, questo lo deciderà Allegri. Chiellini, ormai a posto dopo il problema muscolare (risentimento ai flessori della coscia destra) avvertito contro la Spal e che gli ha fatto lasciare la nazionale: il tecnico deciderà se avvalersi subito di Giorgio contro il Milan (idea da non sottovalutare e anzi in crescita nelle ultime ore) o se preservarlo da eventuali ricadute in vista di Juve-Real Madrid quando al centro della difesa mancherà già Benatia. Alex Sandro continua il suo lavoro specifico per «sognare» la convocazione in Champions, eccoci a Federico Bernardeschi: continua il suo lavoro - personalizzato - sul campo per testare la stabilità del ginocchio sinistro dopo terapie e palestra e simulando situazioni di gioco: le risposte per ora tendono all’ottimismo ma servirà attendere e lavorare ancora per allontanare l’operazione al legamento crociato. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  9. Un Napoli straordinario e un Tottenham di spessore. Questi gli avversari principali della Juventus in questa fase della stagione, con i Partenopei davanti ai Bianconeri in Serie A, e gli Spurs prossimo ostacolo in UEFA Champions League. Giorgio Chiellini analizza il momento della Juventus, dopo la vittoria in Coppa Italia contro l'Atalanta. "La vittoria contro l'Atalanta è importante - spiega Chiellini a Sky Sport -, è una grande realtà del calcio italiano ed europeo. Bisogna essere contenti della prestazione. Dopo la sconfitta con la Sampdoria in campionato, abbiamo ritrovato voglia di sacrificarsi, di difendere, e non a caso sono arrivati questi risultati, con un solo gol subito in 14 partite. Come dice sempre il mister Allegri, il 99% delle volte vince la miglior difesa". Miglior difesa che servirà fino in fondo nella lotta Scudetto contro il Napoli: "La sfida del San Paolo è stata una partita importante, noi abbiamo bisogno delle grandi sfide per tirare fuori quel qualcosa in più. Il Napoli? Sta facendo qualcosa di straordinario, e anche noi. Sarà una bella lotta fino alla fine, lo Scudetto si deciderà alla fine. Siamo squadre diverse, con filosofie di gioco diverse. Il gioco esalta le loro caratteristiche, e viceversa. Non c’è un meglio o peggio. Entrambe riusciamo a fare al meglio con ciò che abbiamo a disposizione. Gli scontri diretti quest’anno valgono di più". Immancabile un commento sull'altro grande obiettivo stagionale, la Champions League. "E' più complicato rispetto all’anno scorso - chiude Chiellini -, perché ci sono tutte le squadre più forti. Tante partite degli ottavi eravamo abituati a vederle più avanti. Noi vogliamo concentrarsi su queste sfide per alzare l’asticella. L’ambiente Juve ha voglia di Champions. Il Tottenham? Sono giovani, tecnici, veloci ma con spessore". Il mio contratto? A breve rinnoveremo, non ci saranno sorprese. UEFA.com
×

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.