Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'marchisio'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • World Cup Russia 2018
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2017-2018
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 44 risultati

  1. La situazione di Gonzalo Higuain va catalogata fra le notizie di secondo piano. Perché immaginare il Pipita assieme a CR7, Paulo Dybala, Mario Mandzukic e compagnia di ali pronte a volare sulla fascia pare più un esercizio di fantasia che non una seria prospettiva. Quella, semmai, conduce a Londra, a Stamford Bridge, a quel Chelsea che in attesa di separarsi da Antonio Conte (affare non semplice) tiene Sarri in standby. Higuain della Juve non è ancora un ex, ma la sua partenza - al netto dell’operazione Pallone d’Oro - non è mai sembrata davvero in dubbio. Pipita al Chelsea, in caso di fumata bianca, sarà il frutto di una trattativa da 60 milioni per evitare minusvalenze nel bilancio bianconero, e con lo stesso Rugani a rischio di cessione: il pacchetto da 100 milioni non è una certezza, però neppure si può escludere. In entrata, invece, non è detto che ci saranno altri cambiamenti consistenti. Sfoltire la rosa - Ronaldo o non Ronaldo - resta una necessità (dopo Mandragora all’Udinese si attende l’accelerata decisiva per la cessione di Sturaro, in pole c’è il Newcastle), prima di dar vita ad ulteriori modifiche nella rosa di Allegri. Niente da fare per Golovin, ormai diretto al Chelsea (che intanto tratta la cessione del brasiliano Willian al Barcellona) subito dopo la fine del Mondiale. A centrocampo la Juve non molla la pista che conduce al giovane Rabiot. Ecco, immaginare l’uscita di Sturaro e Claudio Marchisio con l’innesto dell’ex Tolosa è un’idea tutt’altro che irrealizzabile. Fonte: Tuttosport
  2. Entro fine mese, si chiarirà quale sarà la destinazione che prenderà la carriera di Claudio Marchisio: ancora Juve o addio? Sono giorni di riflessione e attesa, questi, per il centrocampista bianconero, non bisognerà attendere ancora molto, in ogni caso, per conoscere la verità su uno degli interrogativi più grandi dell’estate juventina. In bilico c’è uno dei giocatori più amati dai tifosi, uno dei simboli della storia recente dei campioni d’Italia, uno dei cinque che hanno vinto tutti e sette gli scudetti consecutivi. L’ultima stagione è stata sì positiva sul fronte dei risultati, non dal punto di vista delle soddisfazioni personali. Il campo è rimasto spesso lontano (20 presenze in tutto per 1.055 minuti complessivi) ma Claudio, con grande professionalità, ha anteposto a tutto il bene della squadra. Adesso è venuto il momento dei bilanci e del confronto con la società per capire e capirsi, per fare il punto su progetti e prospettive. Marchisio vi arriverà con due certezze nel cuore. La prima: vuole chiudere la carriera nella squadra di una vita, forte del contratto che scadrà nel 2020. La seconda: non intende vestire altre maglie in Italia oltre a quella bianconera, che indossa ormai da 25 anni, da quando, nel 1993, entrò nel vivaio. Elemento, questo, che sgombra il campo da ipotesi fantasiose di mercato. Il nodo riguarda le intenzioni del club, che sta portando avanti un rinnovamento anche generazionale della rosa. La discussione servirà proprio a capire se ci potrà essere ancora spazio, e in quale misura, per Claudio nella Juve che sta nascendo. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  3. Juventus-Verona non sarà soltanto la festa scudetto. Al tempo stesso sarà anche il giorno dei congedi, che si annunciano parecchio numerosi. Gigi Buffon ha già certificato il suo. Saluti alla maglia bianconera, un arrivederci per il futuro e tanta voglia di ricominciare altrove per ritrovarsi, eventualmente, un domani. Con il portiere ha già preso cappello anche Kwadwo Asamoah. Il ghanese era in scadenza di contratto, a lui aveva pensato anche il Napoli. Poi è però arrivata l’Inter, che gli ha offerto un contratto triennale. Scadenza di contratto anche per Lichtsteiner. Il terzino svizzero era arrivato dalla Lazio nel 2011 per 10 milioni di euro, scelto perché corrispondeva alla caratteristiche richieste da Antonio Conte, nuovo allenatore bianconero. Ovvero: determinazione, cattiveria, agonismo. Qualità messe in campo a volte con eccessi evitabili - e tanti cartellini altrettanto evitabili -, ma che sono servite a costruire i sette scudetti consecutivi: i primi tre con Conte, gli altri quattro con Allegri. Sembrava destinato a un trasferimento in Bundesliga, al Dortmund. Ma sarebbe arrivato un brusco stop alla trattativa da Lucien Favre, svizzero come il terzino e allenatore in pectore del Borussia. La Germania sarà invece la destinazione finale di Benedikt Höwedes dopo appena una stagione, caratterizzata dagli infortuni e da 3 sole presenze in campionato, sia pure con un gol, quello alla Sampdoria. Il difensore tornerà allo Schalke 04, da dove è arrivato in prestito. Dalle certezze alle possibilità, a cominciare da Claudio Marchisio, un altro dei sette scudetti consecutivi, come Buffon, Lichtsteiner, Giorgio Chiellini e Barzagli. La sua annata è stata segnata dalle panchine e dalla rabbia contenuta per essere stato poco utilizzato, espressa più dai familiari sui social che da lui medesimo. Anche perché Marchisio vuole dire Juventus, dove è entrato quando aveva appena 7 anni. Per lui un congedo a fine stagione sarebbe più doloroso che per chiunque altro, ma è un’ipotesi che è stata presa in considerazione. Un’idea che accarezza pure Sami Khedira: il nazionale tedesco, quest’anno decisivo anche con 9 reti, è descritto come attratto dalla Premier League, mentre resta sempre indecifrabile quale sia il pensiero di Mario Mandzukic. Alla sua porta avevano bussato club cinesi, gentilmente respinti, e la Juventus vuole capire quanto sia grande il desiderio di restare. Se ne parlerà a festa finita. Fonte: Tuttosport
  4. Vincere è difficile, ripetersi lo è di più. Farlo per sette volte di fila, come voi, è leggendario! Grazie Gigi! Grazie Giorgio! Grazie Claudio! Grazie Andrea! Grazie Stephan! Un grazie speciale a voi 5, magnifici protagonisti di 7 anni di imprese straordinarie!
  5. Claudio Marchisio ha 32 anni, la stessa età che aveva Andrea Pirlo quando arrivò alla Juve dal Milan. Ma starebbe pensando di fare quello che «il Maestro» fece a 36: emigrare a New York, in Mls. Almeno questo è quanto ha in qualche modo detto il «Principino» mettendo un like — che su Twitter è un cuoricino — a un video postato proprio dai New York City Fc. Il primo commento ricevuto dal post ha forse consigliato a Marchisio di togliere la sua web-approvazione, aggiungendo sospetti ai sospetti: «Wow, guardate a chi piace il vostro tweet. Claudio Marchisio! Potrebbe essere un segnale di un’altra stella in arrivo dopo Pirlo». A meno che Marchisio non abbia perso per un attimo il controllo del suo pollice, smanettando sullo smartphone, l’indizio si somma alle voci che da un paio di mesi dicono di un suo sogno americano. E alla voce, questa dal vivo, di sua moglie Roberta Sinopoli che, in occasione dell’ultimo derby al Grande Torino, in mezzo a un nutrito gruppo di tifosi, rispose così a chi le chiedeva dove avrebbe giocato suo marito l’anno prossimo: «Magari negli States». E allora è davvero probabile che l’intolleranza di Claudio di vedersi scavalcato a centrocampo anche da Bentancur e Sturaro, potrebbe davvero spingerlo negli States, visto che in Italia non può immaginarsi con una maglia diversa da quella bianconera. Lo strappo definitivo potrebbe arrivare martedì 3 aprile, giorno di Juve-Real, quando Allegri dovrà battezzare la controfigura dello squalificato Pjanic. «I sostituti di Mire sono Bentancur e Marchisio», aveva detto dieci giorni fa Allegri, che non ha mai schierato il numero 8 tra i titolari in Champions: le uniche 7 apparizioni dal primo minuto tra campionato (4) e Coppa Italia (3). Da un sogno (americano), quella di rivedere Pogba a Torino. Secondo il Mirror il «Polpo» potrebbe essere oggetto di un «blitz da 200 milioni» di Real, Psg addirittura Juve, in uno scambio con lo United che potrebbe coinvolgere uno tra i vari Varane, Kroos, Marquinhos, Verratti e Alex Sandro. Il problema è lo stipendio da 15 milioni, che nei giorni scorsi aveva rivelato il desiderio di giocare con Neymar. Dove? A Parigi o, più probabilmente, a Madrid. Fonte: Il Corriere di Torino
  6. Un'assenza pesante quella di Miralem Pjanic, che salterà la prima gara col Real: è squalificato come Medhi Benatia, ma più difficile da rimpiazzare perché il bosniaco non ha un doppione nella rosa bianconera. Da regista ha trovato quella continuità che spesso gli era mancata nei anni giallorossi. Per l’andata dei quarti il tecnico dovrà varare una Juventus bis, come l’abbiamo vista poche volte in questa stagione. Considerando come andò a finire nella finale di Cardiff, quando la Juventus patì da matti l’inferiorità numerica in mezzo, difficilmente Allegrisi presenterà con due soli uomini in mediana. Più probabile il 4-3-3, a patto che il vice Miralem dia garanzie. «I sostituti di Pjanic sono Bentancur e Marchisio — ha detto Allegri qualche giorno fa — e tutti e due quando sono stati chiamati in causa hanno fatto bene». L’uruguaiano garantisce precisione e sa metterci anche il fisico, il Principino ha un gran senso della posizione. Il Marchisio pre infortunio sarebbe stato perfetto in cabina di regia, ma quest’anno ha giocato una sola volta da play, con l’Udinese. Qualche volta in più è toccato a Bentancur, titolare con Barcellona e Olympiacos in Champions. L’uruguaiano non è mai partito dall’inizio nel 2018 (ultima apparizione a Verona il 30 dicembre) ma ha caratteristiche che piacciono all’allenatore: aggredisce, riconquista e costruisce. Da non escludere il colpo a sorpresa, come accadde nella semifinale col Real del 2014-15, quando schierò Sturaro mezzala: Allegri potrebbe optare per un 4-4-2 con Sturaro o Alex Sandro a sinistra, Douglas Costa a destra e Khedira e Matuidi in mezzo. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  7. In attesa dei colpi a centrocampo, l’ad Beppe Marotta blinda a parole Claudio Marchisio: «Lo vedremo in maglia Juve anche l’anno prossimo. Non ci sono segnali da parte sua e da parte nostra di cambiamento». Emre Can sarebbe un importante tassello per la Juventus e si sta lavorando ad offrire un contratto di tutto rispetto al giocatore che potrebbe firmare un contratto quinquennale o un quadriennale con opzione di rinnovo per un anno e un salario da 5 milioni più bonus, somma che lo farebbe diventare il centrocampista più pagato della Juve. E quindi mentre la Juve sogna, a Liverpool si chiedono come finirà la storia di Can con la maglia dei Reds. Il giocatore è un titolare inamovibile della formazione di Klopp e nelle scorse settimane si era addirittura guadagnato la fascia di capitano. Ma nelle ultime ore il tecnico dei Reds ha parlato in conferenza stampa proprio sul futuro del giocatore. L’allenatore tedesco, incalzato dai giornalisti locali, ha provato a smorzare la situazione con una battuta: «Nel mio ufficio ad avvisarmi che va alla Juve non ci è ancora venuto». Ma l’allenatore dei Reds ha poi dovuto spiegare come stanno veramente le cose: «Tutto può succedere. Sinceramente al momento di sicuro non c’è nulla, ma appena succederà qualcosa vi faremo sapere». La Juventus intanto non vuole forzare la mano sul calciatore e sta cercando di rispettare anche i suoi impegni, non solo con il Liverpool ma anche con la nazionale tedesca. Fonte: Tuttosport
  8. TORINO - I tifosi della Juventus lo amano: fosse per loro, Claudio Marchisio finirebbe la carriera in bianconero senza se e senza ma. Per questo, le voci di un possibile addio a fine stagione, hanno spaventato i suoi fan. Come scritto ieri, il giocatore ha la maglia juventina tatuata sulla pelle ma a fine stagione dovrà riflettere sul suo futuro. Tra infortuni e panchine, quest'anno non sta andando come sperava. La concorrenza è agguerrita e, con il probabile arrivo di Emre Can, la prossima stagione potrebbe riservare ancora meno spazio. Così è spuntata l'ipotesi Mls, seguendo le orme di Pirlo e di Giovinco. AI tifosi però l'idea di vederlo lontano da Vinovo proprio non piace e, proprio a Vinovo, hanno affisso uno striscione che non ha bisogno di spiegazioni: "Marchisio non si tocca, resta con noi". tuttosport.com
  9. Fonte: GdS Fonte: CorSport Fonte: Tuttosport Fonte: La Stampa Fonte: CorSera Fonte: La Repubblica Fonte: Il Giornale Fonte: Libero
  10. Vincere è difficile, ripetersi lo è di più. Farlo per sei volte di fila, come voi, è leggendario! Grazie Gigi! Grazie Giorgio! Grazie Claudio! Grazie Andrea! Grazie Leonardo! Grazie Stephan! Un grazie speciale a voi 6, magnifici protagonisti di 6 anni di imprese straordinarie
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.