Vai al contenuto

Benvenuti su VecchiaSignora.com

Benvenuti su VecchiaSignora.com, il forum sulla Juventus più grande della rete. Per poter partecipare attivamente alla vita del forum è necessario registrarsi

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'higuain'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport
    • Juventus forum
    • Calciomercato Juventus & Angolo del Guru
    • Biglietti Juventus, Allianz Stadium e J-Museum
    • Scommesse sportive
    • Calciopoli & questione ultrà
    • Ju-Vision
    • Ju&Me
    • Video Juventus, PuntoJ: la zona erogena del tifoso juventino
    • Altri Sport
    • Archivio discussioni Vecchiasignora.com
  • Divertimento
    • Fantacalcio 2018-2019
    • Il diario bianconero
    • Off topic
    • Mercatino & Collezionismo
  • Supporto
    • Assistenza tecnica
    • Cestino

Calendari

  • VS Community
  • Partite Juventus
  • Il romanzo bianconero

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    End


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    End


Gruppo


Twitter


Facebook


MSN


Yahoo


Skype


Sito web


Provenienza


Interessi

Trovato 155 risultati

  1. jurgen kohler

    Gli attaccanti della Juventus dal 2010 ad oggi

    Ogni giorno leggo interminabili chiacchiere sui nostri attaccanti, su dualismi insensati, su chi demonizza Dybala, chi non sopporta Mandzukic. Per fortuna ci siamo tolti dalle scatole gli haters di Higuain, ma il problema non si risolve, perché ogni volta questi soggetti cambiano obbiettivo, non si placano mai. Sono in questo meraviglioso forum da tanti anni e ho letto le stesse critiche fatte a campioni come Nedved, Camoranesi, Del Piero, Buffon, Trezeguet, Pirlo, Pogba, Chiellini, ecc. Sempre le solite discussioni sterili basate su un unico fatto: negare fermamente la realtà, lo storico del giocatore. Sono sempre stato dell'opinione che i fatti vengano prima delle parole e dei giudizi. Le critiche spesso sono portate da simpatie o antipatie personali, pregiudizi, non conoscenza della materia (in questo caso il calcio, lo sport popolare seguito da tutti ma compreso da pochi), da superficialità, invidia e quant'altro. Quindi dal mio punto di vista i giudizi sono tutti ben accetti se argomentati, però vanno modulati su fatti realmente accaduti, non possono ignorare la realtà. E la realtà è documentata dai numeri e dalle statistiche. Tralascio l'obiezione stupida che viene fatta in questi casi: "allora basta seguire il televideo". Obiezione che non merita mai una replica, perché i numeri sono generati dai fatti e se volutamente si ignorano (o si nascondono maldestramente) i fatti, i giudizi non sono mai da considerare. Il problema di molti è che hanno l'assurda pretesa di parlare e giudicare ignorando un fattore fondamentale che tutti dovremmo avere quando apriamo bocca o digitiamo su una tastiera: il DUBBIO. Dovremmo essere consapevoli che non possiamo conoscere tutto e sapere tutto e di conseguenza ogni cosa che diciamo o scriviamo dovrebbe ammettere la possibilità che sia una sciocchezza. Grandi sono gli uomini che ammettono i propri errori, quanto piccoli sono quelli che si ostinano ad aver ragione nonostante vengano smentiti dai fatti. Quindi a che serve codesto topic? A generare un po' di dubbi. Vediamo se avrà terreno fertile... Chi sono gli attaccanti con più presenze dal 2010 ad oggi? In grassetto i giocatori attualmente in rosa 163 Dybala 150 Mandzukic 105 Higuain 102 Quagliarella 96 Tevez 96 Vucinic 93 Morata 92 Llorente 92 Matri 83 Giovinco 25 Ronaldo 24 Zaza Chi sono gli attaccanti con più gol realizzati dal 2010 ad oggi? 75 Dybala 55 Higuain 50 Tevez 43 Mandzukic 31 Matri 30 Quagliarella 27 Llorente 27 Morata 26 Vucinic 16 Giovinco 15 Ronaldo 8 Zaza Chi ha la miglior media minuti-gol dal 2010 ad oggi? (un gol ogni tot minuti) 119 Zaza 136 Ronaldo 152 Higuain 152 Quagliarella 153 Dybala 154 Tevez 173 Morata 175 Matri 216 Llorente 230 Vucinic 248 Giovinco 265 Mandzukic Cosa si può dedurre da queste classifiche sugli attaccanti che hanno vestito la nostra maglia dal 2010 ad oggi? Dalla prima classifica possiamo dedurre che i principali attaccanti della Juventus, quelli che più hanno contribuito ai successi e ai trofei, sono Dybala, Mandzukic, Higuain, Quagliarella, Tevez e Vucinic. Chi non riconosce l'importanza di questi giocatori ai fini delle vittorie della squadra è meglio che si faccia venire qualche dubbio, perché stiamo parlando degli attaccanti che hanno trasformato una società allo sbando portandola a poco a poco nell'elite del calcio mondiale. Sottovalutare l'importanza di Quagliarella, Matri e Vucinic nel primo periodo è altrettanto grave che sottovalutare l'importanza di Tevez, Morata e Llorente nell'aver ridato una dimensione europea alla Juventus o sottovalutare l'importanza di Dybala, Mandzukic e Higuain nel combattere alla pari con tutti i club in qualsiasi partita. Dalla seconda classifica deduciamo che Dybala, Higuain e Tevez sono i principali goleador dell'era moderna della Juventus. Solo 20 attaccanti in tutta la storia della Juventus hanno raggiunto quota 50 gol e loro tre sono tra questi. Dalla terza classifica deduciamo che gli attaccanti potenzialmente più pericolosi sono stati Zaza, Ronaldo, Higuain, Quagliarella, Dybala e Tevez. Tutti abbondantemente al di sotto della media di un gol ogni due partite. Già immagino le sciocche risate di chi ironizzerà sul primo posto in classifica di Simone Zaza. Ma i fatti stanno lì a deridere chi scrive sciocche considerazioni su di lui! È innegabile che l'unica stagione giocata da Zaza alla Juventus sia stata una stagione estremamente positiva: il gol scudetto contro il Napoli, il gol contro il Siviglia a 8 minuti dal suo debutto in CL, la doppietta nel derby in coppa italia. Ovvio che chi subentra ha un qualche vantaggio nella media gol rispetto a chi gioca tutta la partita (e vale anche per Quagliarella), ma questo è solo l'ennesima dimostrazione della sensatezza del discorso di Allegri quando dice che chi subentra dalla panchina deve saper incidere sul risultato. Oltre a Zaza, si può notare la performance di Ronaldo (secondo alcuni segnare in Spagna era molto più semplice che in Italia), mentre Higuain e Dybala sono sullo stesso livelllo di incidenza. Ma è mai possibile che si possa criticare un calciatore come Dybala? È primo nelle presenze dal 2010 ad oggi! È primo nei gol fatti, unico giocatore che possa aspirare in tempi sensati a quota 100, quota toccata nella Juventus solamente da 13 calciatori: Del Piero, Boniperti, Bettega, Trezeguet, Sivori, Borel, Anastasi, Hansen, Baggio, Munerati, Charles, Platini, Gabetto. Ha una media gol inferiore di ben 30 minuti al gol ogni due partite... Così come non ha senso criticare Higuain per le due stagioni alla Juventus, o Mandzukic, Tevez e tutti gli altri. PS. Ho volontariamente escluso dalle classifiche il più grande di tutti, non mi sembra giusto delle 19 stagioni passate alla Juventus, fare una statistica solo delle ultime due. Fonte: juworld.net
  2. Mentre la stampa continua a parlare di Gonzalo Higuain come obiettivo principale dei Blues, permettendo a Sarri di ritrovare il suo bomber dei tempi felici al San Paolo. Due i problemi. Uno, ovviamente, è che Higuain è del Milan e un suo eventuale trasferimento necessiterebbe dell assenso sia dei rossoneri che della Juventus. L altro - e qui fonti vicine al Chelsea parlano chiaro - l’ingaggio del Pipita (nove milioni netti: sarebbe il quarto in Premier) e i costi di un’ipotetico trasferimento (sia a titolo definitivo che in prestito di sei mesi) sono eccessivi per i Blues. Già, perché Abramovic sarà pure un plurimiliardario ma il Financial Fair Play vale anche per il Chelsea. Il club ha fatto la Champions una sola volta negli ultimi tre anni, ha appena speso 64 milioni per Christian Pulisic (statunitense del Borussia Dortmund, lasciato in Bundesliga Fino a Fine stagione) e sta cercando di rinnovare con Eden Hazard, corteggiassimo dal Real Madrid. Senza contare che è prassi del club non offrire contratti pluriennali agli Over 30 0 (vedi il mancato arrivo Dzeko un anno fa). Sarri in polemica con il club, dunque, una specie di Conte, atto secondo? No. Primo perché Sarri è ben voluto dall' intero spogliatoio nonché dai piani alti della società. Secondo perché è alla prima stagione a Stamford Bridge, le possibilità (e i limiti) del club gli sono stati spiegati chiaramente. Lui non minaccia e non agisce tramite la stampa. Semplicemente, aspetta. Sperando di non essere deluso. Il corriere dello Sport 71 gol in campionato in tre stagioni, più altri 20 seminati nelle varie coppe non bastarono. Terzo posto (a -24 dalla Juve), quinto (sempre a -24) e secondo (a -9), nell’estate del loro scontento, quella dello “strappo” tra Higuain e il Napoli. La città insorse contro il traditore, Giuda si era venduto per meno, dissero. Core ‘ngrato 2.0, il Pipita finì nel presepe dei rivali di sempre per 100 milioni, cifra invero iperbolica. Ma è nel destino di questo argentino silenzioso non essere mai un capopopolo, mai un Massimo Decimo Meridio che urla «Al mio via scatenate l’inferno»; il Pipita - anche in campo - prende forma per sottrazione, lavora sull’essenziale - movimento, tiro, gol - gli capita raramente di riempire di sé le partite, quando è in tiro le sequestra. 24 gol il primo anno con la Juve, 16 il secondo, due scudetti per inerzia, rimandata la gloria della Champions, il suo tabù, il terreno viscido in cui è sempre scivolato: mai veramente decisivo, non con il Real, non con il Napoli, non con la Juve. Pipit-one, da leggere con o senza trattino. PRINCIPE DEL GOL. Ma quello di Napoli e Juventus - almeno - è stato un attaccante terrifficante e implacabile, media di 22,2 gol l’anno, nessuno meglio di lui in serie A; mica come questo Gonzalo Camomillo con la maglia rossonera solo sei volte a segno in 15 partite, in astinenza per due lunghissimi mesi, pizzicato dalle freccette al veleno di Leonardo. La scintilla a San Siro non si è mai accesa veramente. Molta brace sotto la cenere, in attesa della fiammata che ce lo consegni finalmente come uno dei centravanti più forti della sua epoca. Lo è? Lo fu? Lo sarà? A Madrid e Torino l’ombra di CR7 era troppo ingombrante, lasciò Napoli per vincere qualcosa, se ne va da Milano perché si sente sopportato, perché 36 milioni di riscatto il Milan non li sborserà mai e perché non vede futuro. A trentuno anni appena compiuti, zavorrato da oltre trecento gol sparsi in sedici anni di carriera, il campione che ha una conoscenza del calcio - per come si nuove in campo, per come “sente” l’azione - che altri suoi colleghi sognano, il centravanti che riassume l’arte antica del gol con la modernità. Fonte: Il Corriere dello Sport
  3. Stasera il Milan saprà se avrà Higuain contro il Parma, ovvero se gli verrà tolta la seconda giornata di squalifica davanti alla Corte Federale d’Appello, oggi il Pipita volerà a Roma. Ma il grande punto interrogativo, però, riguarda il suo futuro. E' tutt'altro che scontato che a fine stagione, il Diavolo eserciti il diritto per il riscatto del suo cartellino. Addirittura, in questo momento sono superiori le probabilità che lascia scadere i termini mento sono decisamente superiori le probabilità che lascia scadere i termini, riconsegnando il giocatore alla Juventus. Non ci sarebbe nulla di tecnico in questa decisione: si tratterebbe innanzi tutto di una valutazione economica, in ragione in del costo che finirebbe nel prossimo bilancio in caso di acquisto a titolo definitivo. Per comprendere la situazione, meglio affidarsi ai numeri. In base agli accordi presi con la Juventus, dopo i 18 milioni per il prestito in questa stagione, il Milan dovrebbe versarne altri 36 per rilevare pure il cartellino. Già, ma l’argentino, al momento della firma non ha voluto allungare la scadenza del contratto che aveva con la società bianconera. Quindi, in caso di riscatto, il suo vincolo con il Diavolo lo si esaurirebbe nel 2021. Significa che l'ammortamento annuale, ovvero la cifra di acquisto divisa per gli anni di contratto, ammonterebbe a 18 milioni, in aggiunta ai quali ci sarebbe pure l’ingaggio lordo, ovvero altri 19 milioni. Insomma, il costo a bilancio sarebbe addirittura di 37 milioni. Per avere re un’idea di quanto sia alta la cifra, è sufficiente paragonarla con il costo che invece avrà sul bilancio 2019-20 l'acquisto Paquetà. Nel suo caso, infatti, i 35 milioni per il cartellino vanno divisi per 5, ossia gli anni del contratto firmato dal brasiliano, quindi l’ammortamento è di "soli" 7. Che salgono a 10 con i 3 previsti per l’ingaggio lordo. La differenza è di 27 milioni di euro... Fonte: Il Corriere dello Sport
  4. Splendido video di JHTV Productions, che ci racconta il primo goal di tantissimi campioni che hanno indossato la casacca bianconera, assolutamente da non perdere!
  5. La nuova top­-ten è sempre più in bianconero: alle spalle del portoghese resiste il solo Higuain (il re spodestato) che con la buonuscita ha ottenuto uno stipendio da 9,5 milioni netti dal Milan. Seguono le altre star juventine: Dybala con 7 milioni, poi Pjanic che ha appena firmato il rinnovo a 6,5 insieme a Douglas Costa e Gigio Donnarumma (altro intruso milanista) con 6 milioni. Invece Bonucci per tornare a Torino si è quasi dimezzato lo stipendio: era a 10 con i bonus, è sceso a 5,5. Bisogna tornare indietro davvero di tanti anni per trovare spese così ingenti. Ma allora l’Inter di Moratti dovette vendere Ibrahimovic mentre il Milan di Berlusconi rinunciò a Kakà e via via a tutte le altre stelle. Era il tramonto del calcio dei mecenati. Stavolta la Juve si è concessa il lusso del penta Pallone d’Oro a ragion veduta. In questa corsa all’oro anche i tecnici hanno la loro parte (al netto percepiscono 35,9 milioni di euro, 71,8 a livello fiscale per le società). Così il più pagato (ovvio) è Max Allegri (7,5), seguito come un’ombra da Ancelotti (6,5), non tanto più dietro Spalletti (4,5). La nostra indagine mette nel conto le spese dei club anche per gli allenatori, fattore determinante per la concorrenza. Proprio De Laurentiis, infatti, ha razionalizzato le uscite per i calciatori, preferendo investire di più, in percentuale, sul successore di Sarri. È significativo che le spese per i cartellini dei calciatori vadano di pari passo con il record per i loro ingaggi. Se la Juve tocca quota 219, le milanesi sono in aumento: Milan a 140 e Inter a 116. Ma anche la Roma arriva a 100 e il Napoli a 94. Il trend verso l’alto è generalizzato. Attenzione alle trattative in corso per alcuni dei top player del campionato. La Juventus è al lavoro con Alex Sandro, Cuadrado e Rugani. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  6. Prima che il Milan inviti formalmente la Juve al tavolo di trattativa per Higuain, andrà trovato l’accordo tra i rossoneri e l’attaccante. Che gradisce la destinazione milanese e non l’ha mai nascosto né smentito, ma ovviamente non intende rimetterci in modo massiccio dal punto di vista economico. I suoi 7,5 milioni netti di stipendio a stagione sono lontani dalla proposta che alcuni emissari del Milan hanno fatto pervenire all’entourage del giocatore: la differenza è nell’ordine dei 3 milioni all’anno, troppo grande per indurre Gonzalo a un «sì» in questa fase. Higuain ha ancora 3 anni di contratto con la Juve, se anche il Milan dovesse offrirgli un quadriennale i conti non tornerebbero. Per pareggiare l’esborso a livello d’ingaggio, pur spalmato in un periodo più lungo, l’offerta dovrebbe salire almeno di 1 milione a stagione. Ci si lavorerà, contando sulla volontà del Pipita di rimanere in Italia. Sistemata la questione stipendio, cosa tutt’altro che banale, il Milan dovrebbe poi andare all’assalto con la Juve, forte a quel punto dell’accordo col giocatore. Se è vero che il monte ingaggi non può superare il 60% dei ricavi (Uefa dixit) e se è altrettanto inoppugnabile che il bilancio rossonero beneficerebbe di un taglio di costi del personale, ci sono paletti da considerare anche dal punto di vista del cartellino. La Uefa non impedisce ai club con cui instaura il Settlement Agreement (potrebbe toccare presto al Milan) la possibilità di fare acquisti, ma può concordare delle regole per il rientro nel Fair play finanziario. Fonte: La Gazzetta dello Sport Leonardo ha parlato di Higuain con Marotta nella giornata di domenica. Il futuro dt del Milan sa che l’argentino è in vendita e che la Juve chiede 60 milioni per lasciarlo partire. I bianconeri stanno trattando con il Chelsea, ma i Blues in questo momento non sembrano caldissimi, sia perché hanno tre attaccanti in rosa (Morata, Giroud e Batshuayi), sia perché il direttore Marina Granovskaja non ama particolarmente spendere determinate cifre per giocatori over 30. Sarri lo vorrebbe, ma allo stesso Higuain non dispiacerebbe rimanere in Italia e il Milan è l’unico club che ora potrebbe accoglierlo. Certo, economicamente parlando la trattativa non è semplice: innanzitutto per la richiesta della Juventus che deve monetizzare dopo il colpo Cristiano Ronaldo per poi provare altri acquisti. I bianconeri stanno trattando la cessione di Rugani e valutano quella di Pjanic: se queste due uscite dovessero concretizzarsi, Leonardo potrebbe anche proporre un prestito oneroso con obbligo di riscatto, rimandando così l’investimento maggiore all’anno prossimo. Ma senza altre cessioni, la Juve vorrà una vendita a titolo definitivo e a quel punto il Milan dovrà aver prima incassato denaro da determinati addii. E poi bisognerà capire se il desiderio di Higuain di rimanere in Italia si sposerà con l’ingaggio che il Milan gli offrirà: a Torino guadagna 7.5 milioni, quale sarà il tetto che Elliott darà a Leonardo? 5 o più milioni? Fonte: Tuttosport
  7. Sarri vuole tornare a lavorare con Higuain e il Chelsea avrebbe sondato il terreno per uno scambio che prevede il ritorno di Morata alla Juventus. L'avventura di Gonzalo Higuain alla Juventus potrebbe volgere al termine dopo sole due stagioni, seppure ricche di vittorie. Il Pipita infatti secondo 'La Gazzetta dello Sport' non è inserito nella lista degli incedibili, anzi. I bianconeri starebbero valutando con grande attenzione la proposta arrivata, ancora ufficiosamente, dal Chelsea che prevederebbe il trasferimento di Higuain a Londra in cambio del ritorno di Morata alla Juventus. D'altronde è risaputo come lo spagnolo, sposato con un'italiana e che proprio a Torino ha vissuto la stagione migliore della sua carriera, abbia nostalgia della nostra Serie A mentre Sarri avrebbe chiesto Higuain come primo regalo da nuovo tecnico del Chelsea. La sensazione insomma è che l'affare possa davvero soddisfare tutte le parti in causa, ecco perchè la fumata bianca sembra solo questione di tempo. Quello necessario alla rottura del Chelsea con Conte e alla nomina di Sarri, appunto. Morata dal canto suo, come detto, aspetta una chiamata per dire il suo sì alla Vecchia Signora anche perchè il Milan, fortemente interessato all'attaccante spagnolo da più di un anno, al momento ha altri problemi e comunque nel caso sembrerebbe puntare con più decisione su Immobile. Goal.com
  8. Ritorna il graditissimo topic dello Striscione degli utenti di Vecchiasignora.com in vista della sfida di domenica prossima 22 aprile, Juventus-Napoli. Sbizzarritevi... ma sempre seguendo le regole e lo stile del nostro forum! I messaggi non conformi al regolamento di VecchiaSignora saranno cancellati e verranno presi provvedimenti contro gli autori, quindi evitate insulti, slogan maleauguranti, a carattere razzista o politico e bypass delle parole non consentite. Cercate inoltre di proporre solo striscioni "originali", quelli con evidenti similitudini ad idee passate non saranno presi in considerazione per la finale. Avete tempo sino alla mezzanotte di venerdì 20 aprile. NOTA DELLO STAFF: Tutti i partecipanti sono invitati ad evitare l'uso del grassetto, del maiuscolo e/o evitare anche il modificare la grandezza o il carattere del testo.
  9. Higuain al ventiduesimo gol stagionale e con l’esultanza ormai dichiarata: quella con la mano alla fronte, il saluto marziale. Comandante Pipita. Gonzalo è in una forma che non puoi raccontare ma vedere sì. «Te gusta parlare eh...?», esce sorridendo e prendendo amichevolmente in giro Pjanic mentre parla in mixed zone. E Pjanic ha appena parlato di lui. Descrivendolo per tutto ciò che sta facendo: gol, assist e anche quell’avvitamento spaziale che ormai è diventato un marchio di fabbrica del centravanti che si mette spalle alla porta agevolando la squadra a salire. «Pipa – dice Pjanic – è importante anche nell’impostazione del gioco, non tanti attaccanti riescono a giocare così, tecnicamente ci sa fare ed è bravo per aprire il gioco, per dare soluzioni, gli assist li fa, “sente” il calcio. Contro l’Atalanta, per Higuain, è gioia pura: le ha segnato 8 gol in 10 partite di Serie A. E se questa è la punta dell’iceberg, il non visibile è un’applicazione maniacale per tutto ciò che è cura del proprio lavoro e dello stato di forma. Fra poco Gonzalo Higuain diventerà papà: si vede che gioca col sorriso addosso e quel movimento utile ad aprire il raggio offensivo per i compagni che arrivano è ormai diventato un «must». L’assist fatto a Dybala a Wembley è movimento in rapidità che colpisce chi non capisce; ieri sera, contro l’Atalanta, non ha messo in piedi lo stesso tipo di lavoro ma la stessa sveltezza di esecuzione sì.A Londra assist e gol, ieri pure: la crescita nazionale e internazionale pare arrivata. «Qualunque rivale di Champions – ha detto Higuain nei giorni scorsi –, sarà difficile da affrontare, ma lo saremo anche noi per le nostre avversarie. Questa squadra ha cuore, per questo non ci arrendiamo mai». Pipita ha passato anche panchine e critiche, ha sbagliato rigori, s’è rotto una mano e «sfregiato» una caviglia, gode a vedersi degno della Juventus («Sono felice di restituire alla Juve molto di quello che mi dà»). Alla centunesima gara interna dell’Era Allegri, Pipita segna il gol numero 110 in A. È attore e spettatore. È centravanti e regista. E ha spinto il Napoli a meno quattro. «La storia la scrive chi vuole sempre di più» ha scritto due giorni fa su Instagram. Comanda Pipita. La Gazzetta dello Sport
  10. Dybala-Higuain (31 gol in Serie A), la coppia tutta argentina della Juventus, rappresenta oggi in Europa uno dei pezzi forti del calcio di questa stagione. Altre grandi coppie stanno conquistando il continente, Salah-Firmino del Liverpool (37 gol), Kane-Son del Tottenham (36), Aguero-Sterling del Manchester City (36) in Premier League, Lewandowski-Wagner del Bayern Monaco (30) in Bundesliga. In Italia solo la Lazio ha una coppia con più gol (33), ma in quel caso si passa dalle 24 reti di Immobile alle 9 di Milinkovic-Savic: Ciro fa coppia da solo. Da tre partite, Higuain e Dybala stanno decidendo le sorti della Juventus. Tra le quali, quella contro la Lazio: 1-0 al 93' di Dybala col sedere per terra. E’ stato il gol più lungo dell’anno, visto che il suo effetto maligno si è protratto fino al San Paolo dove ha prodotto (o almeno ha contribuito a produrre) la sconfitta del Napoli contro la Roma, appena tre ore dopo. Per costituzione fisica e caratteristiche tecniche, viene facile paragonare Dybala-Higuain a una memorabile coppia-gol della Juventus, Sivori-Charles. La tecnica di Omar al servizio dello spettacolo e di quel gigante gallese che di testa batteva tutti. Sivori creava, Charles segnava. Nel ’57- 58 (10º scudetto bianconero) segnarono 50 gol, nel ’59-60 (11º scudetto) arrivarono a 51, nessun’altra coppia bianconera è salita così in alto e difficilmente ci riuscirà anche quella di oggi. A 49 erano arrivati qualche anno prima Hansen e Boniperti, in due diversi campionati, nel ’49-50 (8º scudetto della Juve) e nel ’51-52 (9º scudetto). Del Piero e Trezeguet hanno fatto la storia più recente. Come Sivori e Charles, come Dybala e Higuain, un trequartista-seconda punta piccolo (diciamo un non gigante) e un centravanti dal fisico imponente. Hanno segnato 41 gol nel 2007-08 (Juve al 3º posto) e appena uno in meno nel 2001-02 (scudetto bianconero), quando il francese chiuse la stagione con 34 gol realizzati in tutte le competizioni. Dybala e Higuain si sono ritrovati nel momento decisivo della stagione per stabilire la differenza fra la Juve e le altre. Fonte: Il Corriere dello Sport
  11. Finalmente un tango europeo in HD. L’uno-due spietato della coppia argentina può essere la scossa. Adesso la Juve fa paura a tutti... Gonzalo Higuain è a bordo campo e fa l’ultimo scatto della serata per abbracciare i compagni. Ci sono notti in cui basta un lampo per riportare la Juve dalla versione slow in alta definizione. Bastano i 4’ da marziani della coppia in HD, perché i campioni fanno la differenza quando serve. Higuain ha pagato il riposo forzato per la caviglia maltrattata da Sirigu nel derby: due settimane senza partite e allenamenti con i compagni tolgono brillantezza e anche un filo di lucidità. Non ha corso granché e non ha avuto molti palloni da sfruttare, però ha trovato la porta sull’assist di testa di Khedira e poco dopo ha aperto il campo a Dybala per il 2­1. Gol e assist in una serata senza paillettes, anche questo significa essere un campione. Gli rimproverano spesso di non essere decisivo in Champions e lui risponde con quel pragmatismo che tanto piace al suo allenatore. Lo fa nella serata più importante, quella che proietta la Juve tra le migliori otto d’Europa, e che le permette di continuare a correre verso la finale di Kiev. Il Pipita a Wembley ha eguagliato il record di reti in una singola stagione (5) e ha raggiunto Vialli a 53 centri con la Juve. Dybala a Wembley è tornato tra le divinità europee 330 giorni dopo la doppietta al Barça. Mai serate banali, sempre occasioni molto speciali. Anche questo significa essere un giocatore fuori dal comune. «Sono certo che si ripeterà dopo la Lazio», aveva detto Beppe Marotta nel pre partita . La profezia è diventata reale quando Paulo ha raccolto l’invito di Higuain, si è portato avanti il pallone e con il suo piede preferito si è preso gioco di Lloris. Lo spot della serata è l’immagine dei due a braccia alzate: quando la Juve è in modalità HD, può oscurare qualsiasi avversaria. Fonte: La Gazzetta dello Sport Il corriere della Sera
  12. Noi in testa, voi N'Koulou - pantarei Anche i vostri scudetti sono in bianconero - Anastasi65 Vi cancellerei pure dallo zodiaco - pantarei Complimenti ai vincitori e a tutti i partecipanti Qui per vedere il sondaggio con i voti espressi:
  13. I due gol segnati in questa Champions League sono stati pesanti, quelle reti infilate contro l’Olympiacos e a Lisbona contro lo Sporting hanno di fatto regalato più morale, certezze e chance a questa Juventus arrivata seconda nel Gruppo D dietro al Barcellona. Pochi ma buoni insomma, e in fondo è il Bignami di Champions del nuovo sistema-Higuain, nel senso «che sono pronto anche a segnare meno gol degli anni scorsi ma più pesanti» ha detto il Pipita dopo lo sblocco in campionato contro il Chievo il 27 gennaio scorso. Il primo sigillo, quello ai greci, Higuain lo mise dentro alla seconda giornata di Champions—quindi dopo la legnata del Camp Nou, 0-3 — e soprattutto alzandosi dalla sua seconda panchina di fila: gara che non si sblocca e la frantuma lui (assieme a Mandzukic) nove minuti dopo aver messo piede in campo. Resurrezione. Il secondo gol, al do Dragao, permise alla Juventus di mantenere lo Sporting a «meno-3» in classifica con lo scontro diretto a favore e a due giornate dalla fine del Girone. Reti toste, ciò che la Juve adesso gli chiede in un Ottavo elettrico, Kane davanti e la necessità di mostrare al popolo-Juve, al Tottenham e allo stesso rampantissimo Uragano che l’età ha un peso, l’esperienza conta e la Juve (possibilmente) di più. Il momento di Pipita fa pensare a un magic-moment: ha appena tagliato il traguardo dei 50 gol in maglia juventina in una stagione e un po’. Botti. Rispetto a Kane, Higuain ha una media un po' più bassa in Champions (0,27 a 1). È proprio e pure per questo che Pipita deve darsi un vestito europeo, «spaccare» la Champions: una edizione fa, Golzalo trascinò la Juve a Cardiff piazzando una doppietta squassante al Monaco. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  14. Al tramonto della partita del Bentegodi, il Chievo era ben disposto nel concedere spazi alla Juve. Così Gonzalo Higuain ne ha approfittato per uscire dal cono d’ombra in cui si era infilato e tornare alla luce: il gol di testa ha interrotto un digiuno lungo come pochi altri in carriera. L’esultanza mancava in campionato da 706 minuti, dalla notte in cui aveva ammutolito il San Paolo. In mezzo,solo un altro colpo in Coppa Italia contro il Genoa e così, nel complesso, nelle ultime cinque gare era rimasto misteriosamente all’asciutto. E non è che in questo periodo il Pipita sia stato con le braccia conserte: la punta argentina ha corso, lottato e dato l’idea di essere utile alla causa a prescindere dal guizzo sotto porta. Eppure Gonzalo si nutre di gol e quella mancanza aveva provocato una certa apprensione pure a lui. Per questo il gol al Chievo è comunque importante e pazienza se sia arrivato quando la squadra di Maran aveva già abbandonato la nave. Prima, il Pipita era sembrato nervoso e poco incisivo: in 11 contro 11 aveva sofferto maledettamente la marcatura ermetica di Dainelli e, a parte un tiro nel primo tempo, tutti i tentativi di sgomitare vicino alla porta di Sorrentino avevano fallito. Neanche in 10 la situazione era migliorata, poi ecco quel cross tagliato di Douglas Costa. «È nelsangue di un attaccante fare gol, ma sono sempre sta to tranquillo – ha detto –. Forse nelle ultime partite facevo un lavoro diverso allontanandomi più dalla porta, ma mi adatto a quello che mi chiedono». Numeri e moduli fin qua avevano evidenziato questa nuova vita di Higuain, più altruista e meno egoista. O meglio, meno stoccatore. Come se la presenza alle sue spalle di due scudieri (e non tre) lo portasse a incidere meno sotto porta. Ieri subito dopo il gol è finito in panchina e non è stata una crudeltà secondo Allegri: «L’ho tolto solo perché era già ammonito e non mi sono neanche accorto se non mi ha dato la mano», ha ammesso. Fonte: La Gazzetta dello Sport
  15. La vigilia di Napoli-Juventus è strana, Beppe. Gioca Mandzukic, anzi no...Mandzukic si infortuna; gioca Dybala falso nove, anzi no...gioca Higuain. Il contesto è particolare, è un contesto da Juve in difficoltà, che perde diversi uomini ma ne recupera uno a soli 4 giorni da un'operazione chirurgica. Un contesto da Juve (punto). A San Paolo c'è il Napoli di Sarri, che per cercare la fuga che potrebbe mettere a distanza di sicurezza la Vecchia Signora ha a disposizione il suo solito 11. Solito, appunto. Forse anche troppo. Perchè Allegri modella la sua squadra per neutralizzare i punti di forza degli uomini guidati dall'ex tecnico dell'Empoli, limitando (o addirittura azzerando, ove possibile) i rischi pur non precludendosi la possibilità di approfittare delle debolezze strutturali dell'avversario. Non inganni la presenza di Matuidi: nonostante la coesistenza del francese con Pjanic e Khedira, la Juventus ha operato un 442 che vedeva l'utilizzo dell'ex PSG nella posizione di esterno sinistro. Un tratto distintivo della partita dei bianconeri è stata l'ossessiva ricerca del fraseggio basso, talvolta anche quando le condizioni non lo permettevano: l'utilizzo del giropalla basso, nonostante i rischi, era il mezzo che, fondandosi sulla fiducia dei mezzi tecnici dei calciatori, permetteva di sfruttare la peculiarità che ha il Napoli nell'andare a pressare alto i portatori di palla. Nel tentativo di recuperare la sfera in posizione avanzata, gli uomini di Sarri si riversano in avanti lasciando ampi spazi alle proprie spalle. L'idea è quella di tagliare fuori le linee di pressing avversario attraverso una circolazione puntuale e precisa in modo da poter aggredire gli spazi alle spalle dei centrocampisti. Questa soluzione ha giovato allo stesso tempo della scelta di Sarri di mandare Callejon in pressione su Chiellini: il tentativo di mettere sotto pressione il difensore tecnicamente meno dotato ha però portato, nel gioco delle pedine, Asamoah ad essere sempre libero di ricevere. Per cui a parte un paio di situazioni in cui Callejon andando in uscita alta è riuscito a chiudere la luce del passaggio, Chiellini è spesso riuscito a servire il ghanese, che è in virtù di questa sua libertà è stato trovato agevolmente anche dagli altri compagni. Due delle tre nitide occasioni (gol compreso) prodotte dalla Juventus sono nate proprio da situazioni di questo tipo. https://vimeo.com/245536149 https://vimeo.com/245536654 Forzando l'uscita palla a terra dalla difesa, la Juve produce una palla gol colossale vanificata dal riflesso di Reina La fase di non possesso della Juventus si è modellata sulla base delle peculiarità del gioco Sarriano, che vede una costruzione targata "catena sinistra" e perfezionata dalla ricerca del fraseggio al limite dell'area per liberare l'inserimento di un attaccante o dalla ricerca dell'ormai famigerato taglio di Callejon sul secondo palo. Il lavoro di Dybala (costantemente a schermare Jorginho) e Higuain (in pressione su uno dei due centrali) hanno sporcato e rallentato la prima impostazione napoletana, costringendo la squadra di Sarri a dover iniziare la manovra dai piedi di Koulibaly e, soprattutto, Albiol che si è rivelato particolarmente impreciso. Per ciò che riguarda la componente più architettonica, la Juventus ha operato una fase di non possesso assai particolare: i quattro centrocampisti disposti in linea non occupano tutto il campo ma sono tra loro molto stretti a fare densità in zona centrale, impedendo a Mertens di ricevere palla tra le linee e di poter quindi scatenare la sua rapidità. Questo escamotage ha come diretta conseguenza l'aver "invitato" il Napoli ad avere sbocchi sulle fasce, dove però i bianconeri hanno già preparato adeguate contromisure. Come si diceva, la catena mancina è la vera "mente" del gioco dei partenopei, motivo per il quale la Juventus aumenta la concentrazione di uomini quando la palla transita in quella zona di campo, e lo fa mandando Khedira al raddoppio sul terzino e lasciando Insigne in consegna a De Sciglio. Ne deriva che, quando costruiscono da sinistra, gli azzurri difficilmente riescono a sfondare, per cui si trovano costretti a dover andare sulla fascia opposta, molto più spartana e meno adatta alla costruzione della manovra. https://vimeo.com/245536967 Nelle transizioni da lato forte a lato debole, il Napoli è talvolta riuscito a premiare la sovrapposizione di Mario Rui: in queste circostanze la Juventus, conscia di una superiorità fisica disarmante rispetto agli avversari, ha preferito tenere De Sciglio in controllo su Insigne (impedendo al terzino avversario di poter imbucare il folletto napoletano dentro l'area) e portare Rui al cross, in virtù del quale Chiellini e Benatia hanno avuto vita facile. https://vimeo.com/245537177 Riguardo la pericolosità dell'ala spagnola, infine, Asamoah è stato sempre attento ad assorbirne i movimenti neutralizzando di fatto uno dei due modi che ha l'avversario di arrivare in porta. Dopo il gol di Higuain, il forcing napoletano è perdurato per tutta la partita e la Juventus si è dedicata principalmente all'accuratezza della fase difensiva. Facendo leva sull'attitudine del Napoli a saper inscenare un solo spartito e sulle difficoltà degli uomini di Sarri di variare modo di giocare in base alle difficoltà proposte dalla partita, i bianconeri, con una partita sporca, corrotta e demoniaca, riescono a portare a casa tre punti che hanno sapore di sei. Ed il Napoli, adesso, è ad una sola lunghezza. Th3 Joker C.G.
  16. http://www.dailymotion.com/video/x6azy48 Il numero 9 della Juve ti ha fatto "il numero 5"
×

Informazione Importante

Utilizziamo i cookie per migliorare questo sito web. Puoi regolare le tue impostazioni cookie o proseguire per confermare il tuo consenso.